Chrome, l'AdBlock fasullo che spaccia pubblicità

Scovato un add-on malevolo per il browser di Google, un adblocker che in realtà visualizzava pubblicità. La colpa è della corporation di Mountain View, dice il ricercatore che ha individuato il problema

Roma – Gli sviluppatori di un’ estensione malevola per Chrome hanno abusato del buon nome di AdBlock Plus per visualizzare pubblicità , distribuendo un vero e proprio adware a decine di migliaia di utenti del browser di Mountain View. Un incidente che, a dire di chi lo ha individuato, andrebbe addebitato prima di tutto a Google.

Lo sviluppatore fraudolento ha infatti sfruttato il sistema di upload automatico previsto da Google per le estensioni distribuite sul suo Store , dice il ricercatore noto come SwiftOnSecurity , abusando poi delle keyword – oltre che del nome riconoscibilissimo di AdBlock Plus – per comparire tra i primi risultati delle ricerche degli utenti.


Le “vittime” del falso Adblock sono oltre 37.000, tutte costrette a sorbirsi l’apertura di schede aggiuntive contenenti advertising. A esacerbare la virulenza dell’attacco, inoltre, c’è stato l’uso di un attacco semi- omografo con la sostituzione dei caratteri dell’alfabeto latino con quelli equivalenti in cirillico per camuffare l’ID diverso rispetto all’AdBlock Plus originale.

Non è la prima volta che gli utenti di Chrome devono fare i conti con estensioni fasulle progettate per visualizzare pubblicità, e nel caso specifico un giro veloce nella sezione delle recensioni avrebbe evidenziato la natura malevola dell’add-on.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Nikolas Tesla
    fu messo "al bando" perchè circa cento anni fa ebbe l'ardore di pensare di portare l'energia elettrica gratuitamente ovunque ... ma veramente gratuita. A boicottarlo furono prima di tutto le banche.Se le banche sono daccordo a finanziare il progetto la domanda sorge spontanea: chi paga ? chi ne usufruisce ? ... una mezza idea ce l'ho ...
    • Marco scrive:
      Re: Nikolas Tesla
      - Scritto da: prova123
      fu messo "al bando" perchè circa cento anni fa
      ebbe l'ardore di pensare di portare l'energia
      elettrica gratuitamente ovunque ... ma veramente
      gratuita.Fantastico! E come l'avrebbe portata? Dai, fammi sapere che vorrei comprarmi un'auto elettrica e mi farebbe comodo
      A boicottarlo furono prima di tutto le
      banche.Azz!
      Se le banche sono daccordo a finanziare il
      progetto la domanda sorge spontanea: chi paga ?
      chi ne usufruisce ? ... una mezza idea ce l'ho
      ...Condividi la tua mezza idea, io ci metto l'altra mezza e vediamo che mega-cazzata viene fuori
    • ... scrive:
      Re: Nikolas Tesla
      - Scritto da: prova123
      fu messo "al bando" perchè circa cento anni fa
      ebbe l'ardore di pensare di portare l'energia
      elettrica gratuitamente ovunque ... ma veramente
      gratuita.E ti pareva che non capomparisse Tesla. E le scie chimiche fra quanto verranno fuori
      Se le banche sono daccordo a finanziare il
      progetto la domanda sorge spontanea: chi paga ?
      chi ne usufruisce ? ... una mezza idea ce l'ho ...Soros o le lobby pedoplutogiudaiche? Giusto per non rompere lo schema
      • de3d0381cd9 scrive:
        Re: Nikolas Tesla

        Soros o le lobby pedoplutogiudaiche? Giusto per
        non rompere lo schemaLa mafia plutocratica globale esiste. Gli attacchi contro Soros e le lobby plutogiudaiche servono a far credere che sia tutto un'invenzione dei cospirazionisti.
    • danylo scrive:
      Re: Nikolas Tesla
      - Scritto da: prova123
      fu messo "al bando" perchè circa cento anni fa
      ebbe l'ardore di pensare di portare l'energia
      elettrica gratuitamente ovunque ... ma veramente
      gratuita. A boicottarlo furono prima di tutto le
      banche.Niente e' gratis.Il nuovo ospedale, la strada comunale, ecc. sono gratis solo se sei un evasore.
  • ... scrive:
    gratis NON esiste
    PRIMA LEGGE DEL GRATISquando ti offrono una cosa gratis (e chi te la offre non e' tua mamma o tuo papa') all'ora l'inculatura e' uguale almeno al doppio di quello che pensi di non aver speso.
    • panda rossa scrive:
      Re: gratis NON esiste
      - Scritto da: ...
      PRIMA LEGGE DEL GRATIS
      quando ti offrono una cosa gratis (e chi te la
      offre non e' tua mamma o tuo papa') all'ora
      l'inculatura e' uguale almeno al doppio di quello
      che pensi di non aver
      speso.Questo principio si applica all'utonto medio.Per chi ne sa, gratis significa solo gratis.
      • ... scrive:
        Re: gratis NON esiste
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ...

        PRIMA LEGGE DEL GRATIS

        quando ti offrono una cosa gratis (e chi te
        la

        offre non e' tua mamma o tuo papa') all'ora

        l'inculatura e' uguale almeno al doppio di
        quello

        che pensi di non aver

        speso.

        Questo principio si applica all'utonto medio.

        Per chi ne sa, gratis significa solo gratis.gratis per te significa che le risorse (soldi, tempo, ecc) ce li ha messi qualcun'altro. "gratis" non esiste, ripassati la seconda legge della termodinamica, cazzone!
        • gratis esiste scrive:
          Re: gratis NON esiste
          - Scritto da: ...
          gratis per te significa che le risorse (soldi,
          tempo, ecc) ce li ha messi qualcun'altro.Certo, perché crede di essere furbo e di rientrarci di quello che mi ha dato gratis per altre vie, spesso subdole e poco ovvie. Ma se tu sei ancora più furbo, ciò non avviene.Basti pensare a quei servizi di google, che sono "gratis" per l'utente finale che ne usufruisce, tanto google ci rientra abbondantemente con profilazione, pubblicità, etc. Ma basta che uno si accultura un attimo sul lato tecnico della faccenda, ed ecco fatto che non ti profilano più! Mentra continui ovviamente ad usufruire del servizio gratuito.O pensa anche a tutti quei wi-fi pubblici nei fast-food o altri locali. In teoria sarebbero riservati ai clienti-consumatori, ma non ci vuol molto a trovarsi un posto "poco in vista", tirar fuori uno snack dalla tasca in modo da dissimularsi "cliente che sta consumando", per poi usufruire bellamente del wi-fi alla faccia loro.
          • Marco scrive:
            Re: gratis NON esiste

            Basti pensare a quei servizi di google, che sono
            "gratis" per l'utente finale che ne usufruisce,
            tanto google ci rientra abbondantemente con
            profilazione, pubblicità, etc. Ma basta che uno
            si accultura un attimo sul lato tecnico della
            faccenda, ed ecco fatto che non ti profilano più!
            Mentra continui ovviamente ad usufruire del
            servizio
            gratuito.Sciocchezze: a parte che google ti profila comunque, ma estendiamo il concetto al fatto che si trovi una scappatoia, appena chi offre il servizio si accorge che non ne ricava più un vantaggio ti toglie il servizio. E' molto semplice. Casi ce ne sono stati molti, servizi gratuiti chiusi o messi a pagamento.

            O pensa anche a tutti quei wi-fi pubblici nei
            fast-food o altri locali. In teoria sarebbero
            riservati ai clienti-consumatori, ma non ci vuol
            molto a trovarsi un posto "poco in vista", tirar
            fuori uno snack dalla tasca in modo da
            dissimularsi "cliente che sta consumando", per
            poi usufruire bellamente del wi-fi alla faccia
            loro.Infatti quei locali ci guadagnano con i clienti, hai detto bene, se un domani si accorgono che da perfetti pezzenti la gente inizia a non consumare più da loro ed a mettersi come sfigati nascosti dietro l'angolo o addirittura a portarsi lo snack da casa (lo snack è gratis?), il servizio lo tolgono.Il gratis non esiste, chi ti offre qualcosa di gratuito ha un ritorno. La cosa più onesta da fare non è rinunciare o pagare per forza, ma domandarsi qua l'è lo scambio al quale ci si sta sottoponendo, se è equo e se conviene per poi accettarlo o meno.Poi, per come la vedo io, meglio pagare 2 euro per avere qualche giga in più senza preoccuparsi essere in una piazza o in un bar, senza autenticarmi ecc
          • panda rossa scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: Marco

            Basti pensare a quei servizi di google, che
            sono

            "gratis" per l'utente finale che ne
            usufruisce,

            tanto google ci rientra abbondantemente con

            profilazione, pubblicità, etc. Ma basta che
            uno

            si accultura un attimo sul lato tecnico della

            faccenda, ed ecco fatto che non ti profilano
            più!

            Mentra continui ovviamente ad usufruire del

            servizio

            gratuito.

            Sciocchezze: a parte che google ti profila
            comunque, Questo e' un forum di informatici.La tua ignoranza in materia sei pregato di andare ad ostentarla altrove.Google non puo' profilare chi sa come non farsi profilare.(e neanche gli frega di profilare costoro, a dirla tutta)
            ma estendiamo il concetto al fatto che
            si trovi una scappatoia, appena chi offre il
            servizio si accorge che non ne ricava più un
            vantaggio ti toglie il servizio.Amen.Per uno che chiude ce ne sono 10 che aprono.Io negli ultimi 10 anni ho visto solo aumento del wi-fi libero, mai diminuzioni.
            E' molto
            semplice. Casi ce ne sono stati molti, servizi
            gratuiti chiusi o messi a
            pagamento.E ce ne sono stati ancora di piu' che invece sono rimasti aperti.

            O pensa anche a tutti quei wi-fi pubblici nei

            fast-food o altri locali. In teoria sarebbero

            riservati ai clienti-consumatori, ma non ci
            vuol

            molto a trovarsi un posto "poco in vista",
            tirar

            fuori uno snack dalla tasca in modo da

            dissimularsi "cliente che sta consumando",
            per

            poi usufruire bellamente del wi-fi alla
            faccia

            loro.

            Infatti quei locali ci guadagnano con i clienti,
            hai detto bene, se un domani si accorgono che da
            perfetti pezzenti la gente inizia a non consumare
            più da loro ed a mettersi come sfigati nascosti
            dietro l'angolo o addirittura a portarsi lo snack
            da casa (lo snack è gratis?), il servizio lo
            tolgono.E noi non andiamo piu' li'.Non capisco il problema.
            Il gratis non esiste, chi ti offre qualcosa di
            gratuito ha un ritorno. La cosa più onesta da
            fare non è rinunciare o pagare per forza, ma
            domandarsi qua l'è lo scambio al quale ci si sta
            sottoponendo, se è equo e se conviene per poi
            accettarlo o
            meno.Lo scambio e': io ti do' il wi-fi gratis, dopodiche' se tu non sei capace di proteggere i tuoi dati, io me li prendo.E' un accordo onesto.Chi offre il servizio sa di avere in cambio tutti i dati dei babbani, e i pochi maghi sanno di poter avere il servizio gratis.
            Poi, per come la vedo io, meglio pagare 2 euro
            per avere qualche giga in più senza preoccuparsi
            essere in una piazza o in un bar, senza
            autenticarmi
            eccE chi ti impedisce di pagare?Paga!
          • Marco scrive:
            Re: gratis NON esiste


            Questo e' un forum di informatici.
            La tua ignoranza in materia sei pregato di andare
            ad ostentarla
            altrove.

            Google non puo' profilare chi sa come non farsi
            profilare.
            (e neanche gli frega di profilare costoro, a
            dirla
            tutta)
            Dunque spigami come si sfugge alla profilazione di google con accorgimenti tecnici, ad esempio da gmail. L'unico accorgimento tecnico che conosco io è non usare i suoi servizi o pagarli.
            Amen.
            Per uno che chiude ce ne sono 10 che aprono.
            Io negli ultimi 10 anni ho visto solo aumento del
            wi-fi libero, mai
            diminuzioni.Non lo metto in dubbio, io metto in dubbio che sia la collettività a doverli pagare visto che gratis non sono, quelli del kebab o del bar per me possono essere aperti e usati finché si vuole. Poi, visto che mi confermi che nascono tanti, perché mai ne hai bisogno di uno a spese dei contribuenti? Poche idee e ben confuse a quanto pare.

            E ce ne sono stati ancora di piu' che invece sono
            rimasti
            aperti.Fantastico! Allora usa quelli, risolto.

            E noi non andiamo piu' li'.
            Non capisco il problema.
            Il problema è che si parlava del gratis, gratis non sono, finito il ritorno finito il servizio. Voi confondente il gratis con lo scrocco, è un'altra cosa.
            Lo scambio e': io ti do' il wi-fi gratis,
            dopodiche' se tu non sei capace di proteggere i
            tuoi dati, io me li
            prendo.
            E' un accordo onesto.
            Chi offre il servizio sa di avere in cambio tutti
            i dati dei babbani, e i pochi maghi sanno di
            poter avere il servizio
            gratis.
            Questo è vero, quello che ti sfugge è che dentro ci sei anche tu.

            E chi ti impedisce di pagare?
            Paga!Sempre fatto quando necessario. Di solito mi è sufficiente il wifi dell'albergo quando sono all'estero, non ho bisogno di spippolare sul telefono quando sono in visita in una città e se spippolo è perché sono in mobilità (ad esempio consulto dati mezzi pubblici, fermate ecc).
          • panda rossa scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: Marco



            Questo e' un forum di informatici.

            La tua ignoranza in materia sei pregato di
            andare

            ad ostentarla

            altrove.



            Google non puo' profilare chi sa come non
            farsi

            profilare.

            (e neanche gli frega di profilare costoro, a

            dirla

            tutta)



            Dunque spigami come si sfugge alla profilazione
            di google con accorgimenti tecnici, ad esempio da
            gmail. L'unico accorgimento tecnico che conosco
            io è non usare i suoi servizi o
            pagarli.Spiegami in base a quale fede religiosa, il fatto di pagarli ti esula dalla profilazione.

            Amen.

            Per uno che chiude ce ne sono 10 che aprono.

            Io negli ultimi 10 anni ho visto solo
            aumento
            del

            wi-fi libero, mai

            diminuzioni.

            Non lo metto in dubbio, io metto in dubbio che
            sia la collettività a doverli pagare visto che
            gratis non sono, quelli del kebab o del bar per
            me possono essere aperti e usati finché si vuole.
            Poi, visto che mi confermi che nascono tanti,
            perché mai ne hai bisogno di uno a spese dei
            contribuenti? Poche idee e ben confuse a quanto
            pare.Perche' io oggi non ho la garanzia di potermi connettere AGGRATIS in mobilita'.Ci riesco spesso. Ma a volte no.Quindi una bella copertura che subentra ogni volta che non riesco ad agganciare il wi-fi del kebab o di quello del secondo piano che non ha messo la password all'AP, e' utile.

            E ce ne sono stati ancora di piu' che invece
            sono

            rimasti

            aperti.

            Fantastico! Allora usa quelli, risolto.Non e' risolto del tutto.



            E noi non andiamo piu' li'.

            Non capisco il problema.



            Il problema è che si parlava del gratis, gratis
            non sono, finito il ritorno finito il servizio.
            Voi confondente il gratis con lo scrocco, è
            un'altra
            cosa.Gratis e' tutto cio' che non si paga direttamente.Dei costi indiretti me ne frego alquanto.

            Lo scambio e': io ti do' il wi-fi gratis,

            dopodiche' se tu non sei capace di
            proteggere
            i

            tuoi dati, io me li

            prendo.

            E' un accordo onesto.

            Chi offre il servizio sa di avere in cambio
            tutti

            i dati dei babbani, e i pochi maghi sanno di

            poter avere il servizio

            gratis.



            Questo è vero, quello che ti sfugge è che dentro
            ci sei anche
            tu.Se ti piace crederlo, credici.

            E chi ti impedisce di pagare?

            Paga!

            Sempre fatto quando necessario. Di solito mi è
            sufficiente il wifi dell'albergo quando sono
            all'estero, non ho bisogno di spippolare sul
            telefono quando sono in visita in una città e se
            spippolo è perché sono in mobilità (ad esempio
            consulto dati mezzi pubblici, fermate
            ecc).E quindi di che ti lamenti?
          • ... scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: panda rossa
            Questo e' un forum di informatici.
            La tua ignoranza in materia sei pregato di andare
            ad ostentarla altrove.Quindi tu che ci stai a fare qui, mi ricordo qualcosa al legata a:io voto no (ad un referendum) e poi basta fare una ricerchina sui 5 cretinie ... toh c'è sempre panda che commenta
            Google non puo' profilare chi sa come non farsi
            profilare.
            (e neanche gli frega di profilare costoro, a
            dirla tutta)Buona solo la due, perché per il resto sono le tue solite chiacchere
            Per uno che chiude ce ne sono 10 che aprono.
            Io negli ultimi 10 anni ho visto solo aumento del
            wi-fi libero, mai diminuzioni.(rotfl) forse è meglio se esci dalla cantina ... libero di usare ma ben controllato
            E ce ne sono stati ancora di piu' che invece sono
            rimasti aperti.Per sempio?
            E noi non andiamo piu' li'.Infatti, come sempre tu non capisci. Quando non ce ne sarano più dove andrai? Ah, scusa, ritornerai nella tua cantinetta
            Lo scambio e': io ti do' il wi-fi gratis,
            dopodiche' se tu non sei capace di proteggere i
            tuoi dati, io me li prendo.Me li prendo cmq, perché in realtà tu supponi, in realtà non sei capace di nulla
            Chi offre il servizio sa di avere in cambio tutti
            i dati dei babbani, e i pochi maghi sanno di
            poter avere il servizio gratis.Verissimo, basta essere certi delle proprie convinzioni, poi se non sono reali non è un problema, basta negareP.S. tu non sei mago e tantomeno babbano, sei solo un povero babbuino sbattuto furoi dal branco
          • panda rossa scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa

            Questo e' un forum di informatici.

            La tua ignoranza in materia sei pregato di
            andare

            ad ostentarla altrove.
            Quindi tu che ci stai a fare qui, mi ricordo
            qualcosa al legata
            a:
            io voto no (ad un referendum) e poi basta fare
            una ricerchina sui 5 cretinie ... toh c'è sempre
            panda che
            commentaPanda commenta sempre e non si vergogna di farlo, a differenza dei coglioni che si vergognano di commentare e allora si nascondono dietro a tre puntini.

            Google non puo' profilare chi sa come non
            farsi

            profilare.

            (e neanche gli frega di profilare costoro, a

            dirla tutta)
            Buona solo la due, perché per il resto sono le
            tue solite
            chiacchere

            Per uno che chiude ce ne sono 10 che aprono.

            Io negli ultimi 10 anni ho visto solo
            aumento
            del

            wi-fi libero, mai diminuzioni.
            (rotfl) forse è meglio se esci dalla cantina ...
            libero di usare ma ben
            controllato

            E ce ne sono stati ancora di piu' che invece
            sono

            rimasti aperti.
            Per sempio?

            E noi non andiamo piu' li'.
            Infatti, come sempre tu non capisci. Quando non
            ce ne sarano più dove andrai? Ah, scusa,
            ritornerai nella tua
            cantinettaIlluditi pure che non ce ne saranno piu'.Io invece vedo che la copertura AGGRATIS si estende sempre di piu'.

            Lo scambio e': io ti do' il wi-fi gratis,

            dopodiche' se tu non sei capace di
            proteggere
            i

            tuoi dati, io me li prendo.
            Me li prendo cmq, perché in realtà tu supponi, in
            realtà non sei capace di
            nulla

            Chi offre il servizio sa di avere in cambio
            tutti

            i dati dei babbani, e i pochi maghi sanno di

            poter avere il servizio gratis.
            Verissimo, basta essere certi delle proprie
            convinzioni, poi se non sono reali non è un
            problema, basta
            negare

            P.S. tu non sei mago e tantomeno babbano, sei
            solo un povero babbuino sbattuto furoi dal
            brancoSe bastasse solo farti pensare a questo per guarire dal tuo complesso di inferiorita', pensalo pure.Sai quanto me ne puo' fregare a me.
          • gratis esiste scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: Marco
            Sciocchezze: a parte che google ti profila
            comunque, ma estendiamo il concetto al fatto che
            si trovi una scappatoia, appena chi offre il
            servizio si accorge che non ne ricava più un
            vantaggio ti toglie il servizio. E' molto
            semplice. Casi ce ne sono stati molti, servizi
            gratuiti chiusi o messi a pagamento.
            Infatti quei locali ci guadagnano con i clienti,
            hai detto bene, se un domani si accorgono che da
            perfetti pezzenti la gente inizia a non consumare
            più da loro ed a mettersi come sfigati nascosti
            dietro l'angolo o addirittura a portarsi lo snack
            da casa (lo snack è gratis?), il servizio lo
            tolgono.Tutto ciò accade solo quando è la maggioranza della clientela ad "approfittare" del gratis. Finché sono solo 4 gatti ad abusarne, tutto va avanti come prima. Tanto i ricavi della maggioranza che si fa profilare e che consuma ricoprono ampiamente le perdite derivanti dalla minoranza di quelli che tu chiami "sfigati", ma che io chiamerei "svegli".
            Il gratis non esiste, chi ti offre qualcosa di
            gratuito ha un ritorno.Ma va'?Il punto è che sui grandi numeri, non è neccessario che il ritorno venga fuori da ogni singolo cliente. Ne basta la maggioranza.
            La cosa più onesta da fare non è rinunciare
            o pagare per forza, ma domandarsi qua l'è
            lo scambio al quale ci si sta sottoponendo,
            se è equo e se conviene per poi accettarlo o meno.Giusto. E se la risposta a cui si giunge è che lo scambio non è equo, lo si equalizza con i dovuti accorgimenti.
          • Marco scrive:
            Re: gratis NON esiste


            Tutto ciò accade solo quando è la maggioranza
            della clientela ad "approfittare" del gratis.
            Finché sono solo 4 gatti ad abusarne, tutto va
            avanti come prima. Straquoto
            Tanto i ricavi della
            maggioranza che si fa profilare e che consuma
            ricoprono ampiamente le perdite derivanti dalla
            minoranza di quelli che tu chiami "sfigati", ma
            che io chiamerei
            "svegli".Si ma il punto, come si diceva, è che gratis non esiste. Lo hai appena detto: funziona il sistema perché tanti si fanno profilare (o consumano in quei locali ecc).Io non chiamo nessuno sveglio o sfigato, il punto è capire come funziona il giochino che ti danno senza farti pagare, il fatto che qualcuno riesca a sfruttarlo senza dare in cambio ciò che si aspetta l'offerente solitamente si chiama "scrocco" e funziona perché altri pagano. E' un modo di sopravvivere ma non di vivere per come la vedo io, bravo quanto vuoi ma non è una cosa per tutti.


            Il gratis non esiste, chi ti offre qualcosa di

            gratuito ha un ritorno.

            Ma va'?
            Il punto è che sui grandi numeri, non è
            neccessario che il ritorno venga fuori da ogni
            singolo cliente. Ne basta la
            maggioranza.
            si, hai ragione, ma è quello che si diceva ti ripeto: il gratis non esiste.

            Giusto. E se la risposta a cui si giunge è che lo
            scambio non è equo, lo si equalizza con i dovuti
            accorgimenti.certo
          • ... scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: gratis esiste
            Tutto ciò accade solo quando è la maggioranza
            della clientela ad "approfittare" del gratis.Non puoi porre limiti a chei si approfitta, quindi oggi 4 gatti domani ... tutti
            Finché sono solo 4 gatti ad abusarne, tutto va
            avanti come prima.Finché ...
            Il punto è che sui grandi numeri, non è
            neccessario che il ritorno venga fuori da ogni
            singolo cliente. Ne basta la maggioranza.Oggi, ma che prende è ingordo e vuole tutta la torta, non solo la maggioranza
            Giusto. E se la risposta a cui si giunge è che lo
            scambio non è equo, lo si equalizza con i dovuti
            accorgimenti.Se puoi altrimenti, come accade sempre subisci e muto, perché uno conta niente e la massa invece è pecorona
          • gratis esiste scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: ...
            Non puoi porre limiti a chi si approfitta,
            quindi oggi 4 gatti domani... tuttiCerto che puoi, basta renderlo tecnicamente disagevole o legalmente rischioso.A quel punto gli unici che rimarrano ad approfittarsene saranno i tech-savvy da una parte, e chi non ha nulla da perdere sul piano legale dall'altra. Cioè, le minoranze.
            Oggi, ma chi prende è ingordo e vuole tutta la
            torta, non solo la maggioranza.Tutta la torta è, per definizone, impossibile da prendere. Ci sarà sempre qualcuno che sfugge al controllo, fosse anche solo l'1%.Ma realisticamente e statisticamente parlando la percentuale di approfitatori sarà sempre ben più elevata di così.D'altronde, fiché i ricavi dei polli compensano ampiamente le perdite dei furbi, chi te lo fa fare di spendere tempo e risorse per accalappiare anche loro nella rete? Il gioco non vale la candela.
            Se puoi altrimenti, come accade sempre subisci e
            muto,Come accade spesso, non sempre. Potrà sembrare una precisazione irrilevante, ma è la verità.
          • Izio01 scrive:
            Re: gratis NON esiste
            - Scritto da: Marco

            Il gratis non esiste, chi ti offre qualcosa di
            gratuito ha un ritorno. La cosa più onesta da
            fare non è rinunciare o pagare per forza, ma
            domandarsi qua l'è lo scambio al quale ci si sta
            sottoponendo, se è equo e se conviene per poi
            accettarlo o meno.
            Poi, per come la vedo io, meglio pagare 2 euro
            per avere qualche giga in più senza preoccuparsi
            essere in una piazza o in un bar, senza
            autenticarmi eccSono pienamente d'accordo con te.La mentalità da furbi funziona nel breve periodo ma ti frega quando la applicano tutti.
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: gratis NON esiste
      - Scritto da: ...
      PRIMA LEGGE DEL GRATIS
      quando ti offrono una cosa gratis (e chi te la
      offre non e' tua mamma o tuo papa') all'ora
      l'inculatura e' uguale almeno al doppio di quello
      che pensi di non aver speso.A parte questo, l'idea non è neppure fattibile in quanto gli esseri umani sono tendenzialmente furbi e, come si sa, furbo = idiota.Ci aveva provato America On Line anni fa ed era stato un disastro; si ritrovarono con un enorme numero di abbonati, impossibili da gestire, ma soprattutto, i soliti furbi bloccavano tutto con download e upload pesantissimi, 24 ore su 24.
  • xte scrive:
    Oh, certo.
    Dunque spingiamo l'wifi per esser al meglio monitorabili, la fibra invece facciamola sviluppare sul serio solo con pesanti investimenti pubblici che questa è meno utile a fini commerciali...Stò aspettando la proposta di usare il "5G" (ad oggi esistente solo come nome commerciale) come sola forma di connessione "domestica" con schede di rete in vendita comprensive di radio e sim (e fw closed che si comporta come un OS a se, stile le schede-router PCIe della Draytek). Anzi usando le "sim virtuali" della Apple, controllate direttamente dal vendor della scheda.
  • Marco scrive:
    Come ti fregano i soldi
    Abbiamo appena ottenuto il roaming gratuito per chi è in vacanza, adesso perché mai ci dobbiamo accollare le spese di offrire wifi nelle piazze? Io lo vieterei il wifi nelle piazze, altro che gratuito, ma uno che va in piazza San Marco a Venezia o in piazza Plebiscio a napoli o tanta altra roba, ma deve stare a usare il telefono se è un turista? ma lo manderei a casa a calci, altro che wifi1Per gli utenti socialmente deboli basta e avanza la connessione nelle biblioteche, non serve andare nelle vie e nelle piazze con lo samrtphone da 700 euri e poi a chiedere la casa popolare con il modulo on-line accessibile grazie alla connessione gratis. Stiamo perdendo il senso della realtà
    • panda rossa scrive:
      Re: Come ti fregano i soldi
      - Scritto da: Marco
      Abbiamo appena ottenuto il roaming gratuito per
      chi è in vacanza, adesso perché mai ci dobbiamo
      accollare le spese di offrire wifi nelle piazze?
      Io lo vieterei il wifi nelle piazze, altro che
      gratuito, ma uno che va in piazza San Marco a
      Venezia o in piazza Plebiscio a napoli o tanta
      altra roba, ma deve stare a usare il telefono se
      è un turista? ma lo manderei a casa a calci,
      altro che
      wifi1Ma e' mica per i turisti!E' per chi ci abita che puo' usare l'internet AGGRATIS invece di pagare un contratto per utenza domestica.
      Per gli utenti socialmente deboli basta e avanza
      la connessione nelle biblioteche, non serve
      andare nelle vie e nelle piazze con lo samrtphone
      da 700 euri e poi a chiedere la casa popolare con
      il modulo on-line accessibile grazie alla
      connessione gratis.Lo smartphone da 700 euri e' a rate.
      Stiamo perdendo il senso della realtàIl senso della realta' e' che non ha senso pagare cio' che non costa.
      • Marco scrive:
        Re: Come ti fregano i soldi

        Ma e' mica per i turisti!
        E' per chi ci abita che puo' usare l'internet
        AGGRATIS invece di pagare un contratto per utenza
        domestica.
        Un contratto telefonco con 7/10gb è più che sufficiente, se ti serve di più è perché fai streaming e di certo non lo fai dalla piazza del paese.

        Lo smartphone da 700 euri e' a rate.
        anche l'affitto, inizino a pagare quello
        Il senso della realta' e' che non ha senso pagare
        cio' che non
        costa.Costa eccome: la banda, l'infrastruttura, l'assistenza ed il mantenimento, ed a pagare sarai anche tu per permettere a quattro persone di mettere le foto su facebook dalla piazza del tuo paese.
        • ma piantala scrive:
          Re: Come ti fregano i soldi
          - Scritto da: Marco
          Un contratto telefonco con 7/10gb è più che
          sufficiente, se ti serve di più è perché fai
          streaming e di certo non lo fai dalla piazza del
          paese.Sì, come no. Prova anche solo a guardarti qualche video HD/60fps da youtube, e vedi come quei 10gb finiscono in un attimo.Quella quantità andava forse bene 15 anni fa, ora ci vuole almeno 10 volte tanto allo stesso prezzo.
          • Marco scrive:
            Re: Come ti fregano i soldi
            - Scritto da: ma piantala
            - Scritto da: Marco

            Un contratto telefonco con 7/10gb è più che

            sufficiente, se ti serve di più è perché fai

            streaming e di certo non lo fai dalla piazza del

            paese.

            Sì, come no. Prova anche solo a guardarti qualche
            video HD/60fps da youtube, e vedi come quei 10gb
            finiscono in un
            attimo.
            Quella quantità andava forse bene 15 anni fa, ora
            ci vuole almeno 10 volte tanto allo stesso
            prezzo.Come ho scritto sopra nel mio post che hai letto male, i gb non potrebbero bastare per chi usa lo streaming. Ma come ho altrettanto detto, io non credo che il servizio della piazza serva a questo: primo non è comodo per chi lo usa (ti guardi i film o i video in piazza?), secondo la banda necessaria sarebbe elevata con ulteriore aggravio nella tasse dei cittadini.
          • panda rossa scrive:
            Re: Come ti fregano i soldi
            - Scritto da: Marco
            - Scritto da: ma piantala

            - Scritto da: Marco


            Un contratto telefonco con 7/10gb è più
            che


            sufficiente, se ti serve di più è
            perché
            fai


            streaming e di certo non lo fai dalla
            piazza
            del


            paese.



            Sì, come no. Prova anche solo a guardarti
            qualche

            video HD/60fps da youtube, e vedi come quei
            10gb

            finiscono in un

            attimo.

            Quella quantità andava forse bene 15 anni
            fa,
            ora

            ci vuole almeno 10 volte tanto allo stesso

            prezzo.

            Come ho scritto sopra nel mio post che hai letto
            male, i gb non potrebbero bastare per chi usa lo
            streaming. Ma come ho altrettanto detto, io non
            credo che il servizio della piazza serva a
            questo: primo non è comodo per chi lo usa (ti
            guardi i film o i video in piazza?), secondo la
            banda necessaria sarebbe elevata con ulteriore
            aggravio nella tasse dei
            cittadini.Se tu mi prometti tot gigabit al secondo, io l'unico modo che ho per verificare che tu stia rispettando il contratto e' quello di fare download a manetta!Quindi per me scaricare tutto il tempo diventa una necessita' di controllo.O tu credi che io mi diverta a scaricare film tutto il tempo e poi guardarli per verificare che non vi siano stati errori dovuti a problemi di rete?
          • Marco scrive:
            Re: Come ti fregano i soldi


            Se tu mi prometti tot gigabit al secondo, io
            l'unico modo che ho per verificare che tu stia
            rispettando il contratto e' quello di fare
            download a
            manetta!
            Ma chi? di che parli?
            Quindi per me scaricare tutto il tempo diventa
            una necessita' di
            controllo.

            O tu credi che io mi diverta a scaricare film
            tutto il tempo e poi guardarli per verificare che
            non vi siano stati errori dovuti a problemi di
            rete?Ripigliati
    • Izio01 scrive:
      Re: Come ti fregano i soldi
      - Scritto da: Marco
      Abbiamo appena ottenuto il roaming gratuito per
      chi è in vacanza, adesso perché mai ci dobbiamo
      accollare le spese di offrire wifi nelle piazze?
      Io lo vieterei il wifi nelle piazze, altro che
      gratuito, ma uno che va in piazza San Marco a
      Venezia o in piazza Plebiscio a napoli o tanta
      altra roba, ma deve stare a usare il telefono se
      è un turista? ma lo manderei a casa a calci,
      altro che wifi1
      Per gli utenti socialmente deboli basta e avanza
      la connessione nelle biblioteche, non serve
      andare nelle vie e nelle piazze con lo samrtphone
      da 700 euri e poi a chiedere la casa popolare con
      il modulo on-line accessibile grazie alla
      connessione gratis.

      Stiamo perdendo il senso della realtàQualcuno lo perde più della maggior parte della gente, direi:https://secolo-trentino.com/tecnologia/kienghe/Che tristezza.
  • v8star scrive:
    che boiata
    che investissero nelle aree bianche che viaggano ancora, se va bene, a 7mbps senza aspettare il 2074 openfiber.c@zzo frega di navigare nella bahnhof di berlino :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 ottobre 2017 17.14-----------------------------------------------------------
    • xte scrive:
      Re: che boiata
      Molto però dipende da paese a paese, in Francia c'è un divario digitale non diverso dall'Italia, ma a differenza dell'Italia riesci ad avere praticamente ovunque una copertura diciamo "adeguata" per la maggior parte dell'utenza del territorio (es. difficile che in un paesino sperduto di montagna la maggior parte degli abitanti vogliano fibra FTTH gigabit), ovvio che magari a qualcuno interesserebbe ma nel complesso si riesce a star bene. In Italia al contrario hai molte zone che sono senza alcun tipo di connessione salvo il 56K o il sat e qui la musica cambia.Io vorrei solo una cosa a tema: passare fibra aerea&sotto traccia insieme alla corrente elettrica (ovviamente, pubblica, di stato, che gli ISP poi facciano le offerte che vogliono). In quasi tutti i paesi civili lo spazio in condotte e cavi c'è, manca solo da fare muffole/armadi/cabine che è immensamente più rapido e meno costoso di scavare migliaia di Km. Inoltre spingerebbe verso reti a maglia parzialmente interconnessa piuttosto assomiglianti a delle "mesh", che non guasta affatto. Allora pagare questo con le mie tasse mi andrebbe bene, persino pagando una tassa in più.
  • panda rossa scrive:
    Un altro passo verso una rete AAA!
    Il futuro della rete sara' a tripla A.AlwaysOnAnonymousAggratis!Ci stiamo avvicinando!
    • mafia ISP UE scrive:
      Re: Un altro passo verso una rete AAA!
      Aggratis una beata fava (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • ... scrive:
      Re: Un altro passo verso una rete AAA!
      - Scritto da: panda rossa
      Il futuro della rete sara' a tripla A.

      AlwaysOnok
      Anonymousno. il semplice fatto di avere in tasta un cellulare acceso ti identifica unicovamente.
      Aggratis!sogni.cavi, antenne, corrente elettrica, manutenzione... chi casso li paga, i folletti di babbo natale? li affogheranno nelle tasse, che cazzo ti credi?

      Ci stiamo avvicinando!attento a non andarci a sbattere contro.
      • panda rossa scrive:
        Re: Un altro passo verso una rete AAA!
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: panda rossa

        Il futuro della rete sara' a tripla A.



        AlwaysOn

        ok


        Anonymous

        no. il semplice fatto di avere in tasta un
        cellulare acceso ti identifica unicovamente.Identifica il cellulare, mica me.E il cellulare lo posso cambiare a piacimento.

        Aggratis!

        sogni.
        cavi, antenne, corrente elettrica,
        manutenzione... chi casso li paga, i folletti di
        babbo natale? li affogheranno nelle tasse, che
        cazzo ti
        credi?Ma lo hai letto il titolo o sei qua per trollare?Dice: AGGRATIS!

        Ci stiamo avvicinando!
        attento a non andarci a sbattere contro.Tranquillo che non ci sbatto.
        • ... scrive:
          Re: Un altro passo verso una rete AAA!
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ...

          - Scritto da: panda rossa


          Il futuro della rete sara' a tripla A.





          AlwaysOn



          ok




          Anonymous



          no. il semplice fatto di avere in tasta un

          cellulare acceso ti identifica unicovamente.

          Identifica il cellulare, mica me.
          E il cellulare lo posso cambiare a piacimento.




          Aggratis!



          sogni.

          cavi, antenne, corrente elettrica,

          manutenzione... chi casso li paga, i
          folletti
          di

          babbo natale? li affogheranno nelle tasse,
          che

          cazzo ti

          credi?

          Ma lo hai letto il titolo o sei qua per trollare?
          Dice: AGGRATIS!certo che l'ho letto, soprattutto la parte "Gli enti pubblici possono presentare le loro richieste di adesione per finanziare la creazione di hotspot comunitari"e gli enti pubblici che "finanziano" gli hot spot, dove cazzo credi che vadano a prendere i soldi per "finanziare"? ANCHE dalle tue tasche, coglione.



          Ci stiamo avvicinando!

          attento a non andarci a sbattere contro.

          Tranquillo che non ci sbatto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ...


            - Scritto da: panda rossa



            Il futuro della rete sara' a tripla A.







            AlwaysOn





            ok






            Anonymous





            no. il semplice fatto di avere in tasta un


            cellulare acceso ti identifica
            unicovamente.



            Identifica il cellulare, mica me.

            E il cellulare lo posso cambiare a piacimento.







            Aggratis!





            sogni.


            cavi, antenne, corrente elettrica,


            manutenzione... chi casso li paga, i

            folletti

            di


            babbo natale? li affogheranno nelle tasse,

            che


            cazzo ti


            credi?



            Ma lo hai letto il titolo o sei qua per
            trollare?

            Dice: AGGRATIS!

            certo che l'ho letto, soprattutto la parte "Gli
            enti pubblici possono presentare le loro
            richieste di adesione per finanziare la creazione
            di hotspot
            comunitari"

            e gli enti pubblici che "finanziano" gli hot
            spot, dove cazzo credi che vadano a prendere i
            soldi per "finanziare"? ANCHE dalle tue tasche,
            coglione.Tasse che gia' pago, quindi che mi cambia?.
          • Marco scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!


            Tasse che gia' pago, quindi che mi cambia?O che te le alzano o che ti levano servizi, ad esempio aumentano buoni pasto per mensa o tagliano servizi di trasporto sempre scolastico o altre cose. Soprattutto adesso che i soldi agli enti pubblici sono sempre meno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: Marco



            Tasse che gia' pago, quindi che mi cambia?

            O che te le alzano o che ti levano servizi, ad
            esempio aumentano buoni pasto per mensa o
            tagliano servizi di trasporto sempre scolastico o
            altre cose. Soprattutto adesso che i soldi agli
            enti pubblici sono sempre
            meno.Se tagliano un servizio che magari non uso, per darmi gratis un servizio che invece uso, rischio solo di guadagnarci.Alla peggio finisco in pari.Ma avro' sempre il vantaggio di non avere piu' un unico provider e quindi maggiori possibilita' di accesso anonimo alla rete.
          • Marco scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!

            Se tagliano un servizio che magari non uso, per
            darmi gratis un servizio che invece uso, rischio
            solo di
            guadagnarci.
            Alla peggio finisco in pari.Questo è un altro discorso allora, abbiamo appurato che gratis non è.
            Ma avro' sempre il vantaggio di non avere piu' un
            unico provider e quindi maggiori possibilita' di
            accesso anonimo alla
            rete.Usa tor e vivi felice
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: Marco

            Se tagliano un servizio che magari non uso,
            per

            darmi gratis un servizio che invece uso,
            rischio

            solo di

            guadagnarci.

            Alla peggio finisco in pari.

            Questo è un altro discorso allora, abbiamo
            appurato che gratis non
            è.E' gratis per me.Tanto mi basta.

            Ma avro' sempre il vantaggio di non avere
            piu'
            un

            unico provider e quindi maggiori
            possibilita'
            di

            accesso anonimo alla

            rete.

            Usa tor e vivi feliceLo uso per quello che serve.Per quello che non serve non lo uso.
          • ... scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: panda rossa
            Se tagliano un servizio che magari non uso, per
            darmi gratis un servizio che invece uso, rischio
            solo di guadagnarci.O di non capirci una cippa come sempre. Se non usi è probabile che non lo usino anche tanti altri, quindi porta poco risparmio/guadagno, taglieranno su cose sicuramente comuni e indispensabili (sanità per esempio)
            Ma avro' sempre il vantaggio di non avere piu' un
            unico provider e quindi maggiori possibilita' di
            accesso anonimo alla rete.Ah, si certo anonimo (rotfl)(rotfl)(rotfl)Ma tu sei già anonimo,leggi banale e scontato tale da non essere preso in cosiderazione, in pratica una nullità
        • xte scrive:
          Re: Un altro passo verso una rete AAA!

          Identifica il cellulare, mica me.Analisi comportamentale? Fai una prova anche banale, solo dal battere casualmente tasti sulla tastiera scoprirai che sei univocamente identificato con una percentuale di successo *paurosa*. Questo senza contare camera, microfono, GPS, ...
          E il cellulare lo posso cambiare a piacimento.Trasferendo il tuo account "cloud" preferito, le mail ecc...Sul gratis: GMail è gratis e direi che sia un gran bel servizio, Google Maps è fantastico come navigatore&c. Sono gratis. Paghi altrimenti contribuendo coi tuoi dati non ad un progetto open che puoi scaricarti e farci (quasi) quel che vuoi bensì ad un'azienda.
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte

            Identifica il cellulare, mica me.
            Analisi comportamentale? Fai una prova anche
            banale, solo dal battere casualmente tasti sulla
            tastiera scoprirai che sei univocamente
            identificato con una percentuale di successo
            *paurosa*. Questo senza contare camera,
            microfono, GPS,
            ...Infatti ho cura di adottare un profilo comportamentale diverso a seconda dei siti sensibili che frequento.Posso usare solo la mano destra, solo la sinistra, o entrambe, e spiegami tu come incrociano il mio profilo del sito della banca con quello di youporn.

            E il cellulare lo posso cambiare a
            piacimento.
            Trasferendo il tuo account "cloud" preferito, le
            mail
            ecc...Esatto. Visto che il "cloud" e' il mio sever domestico.
            Sul gratis: GMail è gratis e direi che sia un
            gran bel servizio, Google Maps è fantastico come
            navigatore&c. Sono gratis. Paghi altrimenti
            contribuendo coi tuoi dati non ad un progetto
            open che puoi scaricarti e farci (quasi) quel che
            vuoi bensì ad
            un'azienda.Con quali dati?Secondo te io metto in rete dati reali?Oppure ti riferisci a quella cosa che in rete vedono solo quelli che non sanno configurarsi il client, da alcuni chiamata anche "pubblicita'"?
          • ... scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: panda rossa
            Infatti ho cura di adottare un profilo
            comportamentale diverso a seconda dei siti
            sensibili che frequento.
            (rotfl)(rotfl)(rotfl) l'unica cosa sensibile che frequenti è la tua pros...ta
            Posso usare solo la mano destra, solo la
            sinistra, o entrambe, e spiegami tu come
            incrociano il mio profilo del sito della banca
            con quello di youporn.Con il tuo cellulare che hai acquistato
            Esatto.
            Visto che il "cloud" e' il mio sever domestico.Quello non è un cloud, infatti l'hai giustamente virgolettato,, è una macchina polverosa che chiami server che è più bucata di un colapasta, ma visto che non contiene nulla di rilevante ...
            Con quali dati?
            Secondo te io metto in rete dati reali?E secondo te servono dati reali per identificarti?Panda, di banferoni ne è pieno il mondo e tu sei uno di quelli, ti ignorano perché sei insignificante, tanto quanto me.
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!

            Infatti ho cura di adottare un profilo
            comportamentale diverso a seconda dei
            siti sensibili che frequento.Cerca behavioral analysis, sono i tuoi gesti, il tempo che impieghi a far qualcosa, il modo in cui lo fai sono come la tua foto, poco importa che sotto ci sia scritto "mario rossi". L'analisi in questo campo ha fatto passi da gigante.
            Visto che il "cloud" e' il mio sever domestico.E secondo te Google non traccia il tuo server domestico? Ovvero secondo te Google non sa che la tua rubrica proviene da un Radicale hostato da $tizio?
            Con quali dati?
            Secondo te io metto in rete dati reali?Se telefoni a qualcuno i numeri che chiami direi che son reali a meno che tu e tutti i tuoi contatti non abbiate comprato un batch di numeri "usa-e-getta" e tu non abbia mai da chiamare un call center...In sintesi: *non hai modo* su un OS proprietario, per di più su un telefono, di non esser tracciato. Anch'io ho la mia rubrica, il calendario ecc su un server privato, ma quando questa arriva sul mio telefono Android la ha anche Google, la ha anche la mia compagnia telefonica, la han tutti i soggetti che da questi acquistano dati, la han tutti gli sviluppatori di app che accedono alla rubrica (es. MTalk per la telefonia VoIP, ma anche softphones non di un operatore specifico) ecc. Idem il calendario. Maps sa benissimo dove mi trovo, che abiliti o meno la cronologia, che disattivi o meno il GPS quando non lo uso. Ricordati che il telefono *non è tuo*, per contratto, è tuo solo il *diritto di usarlo* entro i limiti stabiliti dalla legge e dall'accordo di licenza. Purtroppo nella società moderna non ci sono più libertà e intelligentemente si "lascia fare" per poter tirare il guinzaglio quando si vuole.
          • leliu scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte

            Infatti ho cura di adottare un profilo

            comportamentale diverso a seconda dei

            siti sensibili che frequento.
            Cerca behavioral analysis, sono i tuoi gesti, il
            tempo che impieghi a far qualcosa, il modo in cui
            lo fai sono come la tua foto, poco importa che
            sotto ci sia scritto "mario rossi". L'analisi in
            questo campo ha fatto passi da
            gigante.esempi applicati all'informatica? stilometria?
            In sintesi: *non hai modo* su un OS proprietario,
            per di più su un telefono, di non esser
            tracciato. Anch'io ho la mia rubrica, il
            calendario ecc su un server privato, ma quando
            questa arriva sul mio telefono Android la ha
            anche Google, la ha anche la mia compagnia
            telefonica, la han tutti i soggetti che da questi
            acquistano dati, la han tutti gli sviluppatori di
            app che accedono alla rubrica (es. MTalk per la
            telefonia VoIP, ma anche softphones non di un
            operatore specifico) ecc. Idem il calendario.
            Maps sa benissimo dove mi trovo, che abiliti o
            meno la cronologia, che disattivi o meno il GPS
            quando non lo uso. Ricordati che il telefono *non
            è tuo*, per contratto, è tuo solo il *diritto di
            usarlo* entro i limiti stabiliti dalla legge e
            dall'accordo di licenza. Purtroppo nella società
            moderna non ci sono più libertà e
            intelligentemente si "lascia fare" per poter
            tirare il guinzaglio quando si
            vuole.E se si usa una cyanogenmod senza google apps? con firewall e software di gestione permessi (come il vecchio lbe)
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!

            esempi applicati all'informatica? stilometria?Metriche varie che portano all'identificazione univoca di un soggetto...
            E se si usa una cyanogenmod senza google apps? La radio è closed-source come un'altra caterva di firmware e il tuo operatore telefonico, tramite SIM, può ufficialmente accedere e controllare il telefono...Questo senza contare che AOSP (su cui si basano tutte le rom "libere") è si a codice aperto, ma il suo sviluppo *non* è comunitario né è nato da una comunità né si è evoluto per un lungo periodo di tempo in una communità, in altri termini non c'è nessuno fuori da Google che conosce abbastanza bene ogni aspetto di AOSP per esser sicuro non vi siano soprese ben sepolte nei milioni di righe di codice del caso.
          • ...... scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte
            Cerca behavioral analysis, sono i tuoi gesti, il
            tempo che impieghi a far qualcosa, il modo in cui
            lo fai sono come la tua foto, poco importa che
            sotto ci sia scritto "mario rossi". L'analisi in
            questo campo ha fatto passi da gigante.L'analisi comportamentale identifica appunto un comportamento, non un nominativo reale.Sì ok, sono in grado di separare il mio "modo di fare" in rete da quello degli altri con una buona accuratezza. Ma ancora non sanno chi sono realemente. Hanno solo scovato un determinato ente nella rete, che si comporta in un certo modo. Finita lì.
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            Lo sanno: hai un numero di telefono, una rubrica in svariate mani. È quasi come se ti fossi iscritto a Facebook sul piano dell'identificazione personale. Lo stesso vale per il PC (GeoIP, login su vari servizi incluso Agenzia delle Entrate ed enti pubblici vari dove difficilmente hai identità farlocche).Prendi qualche esempio: la proposta tempo fa di Yahoo di fare pubblicità mirata su tabelloni stradali/di stazioni ecc non in base alla videoanalisi locale (già diffusa un po' ovunque, assurta su PI recentemente in "Milano, totem spia alla Stazione Centrale?") ma aggiungendo la localizzazione via mobile, poco prima aveva brevettato la pubblicità basata su videoanalisi in campo aperto. Prendi i supermercati che offrono le "scannette" o altri sistemi in cui è il cliente a flashare i codici a barre di ciò che compra e poi paga solo in cassa: hai un controllo se "sbagli" qualcosa perché la videoanalisi interna (automatica eh!) ti becca nel 99.9999% dei casi. Poi pensa se siamo così avanti quanto ci vuole a incorporare qualche altra cosa...
          • ...... scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte
            Lo sanno: hai un numero di telefono, una rubrica
            in svariate mani. È quasi come se ti fossi
            iscritto a Facebook sul piano
            dell'identificazione personale.Si può benissimo andare di numeri usa e getta o intestare il numero ad altri. O anche utilizzare servizi anonimi per chiamare/messaggiare via internet.
            Lo stesso vale per il PC (GeoIP,La geo-ip è altamente imprecisa e rozza, intolre basta una qualsiasi vpn o proxy per aggirarla.
            login su vari servizi incluso
            Agenzia delle Entrate ed enti pubblici vari dove
            difficilmente hai identità farlocche).L'identità con cui accedi potrà anche essere vera, ma nulla vieta di accederci tramite vpn/tor. Giusto per confondere le acque.Infine voglio proprio vederla l'analisi comportamentale usata come prova valida in tribunale. Dove a volte nemmeno l'ip, cache dei browsers, cookies o altro sono ritenuti sufficienti.
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!

            Si può benissimo andare di numeri usa e
            getta o intestare il numero ad altri. Lo puoi fare per certe cose, ma praticamente non puoi con la maggior parte dei tuoi contatti a meno di non essere un alienato o un mafioso. Puoi avere il "telefono privato" per l'amante, per un'attività illecita, per giocare tra geek, ma non puoi farlo col carrozziere, l'idraulico, il datore di lavoro e/o i clienti, ecc ecc ecc
            O anche utilizzare servizi anonimi per
            chiamare/messaggiare via internet.Permettimi una chiosa: "servizio" e "anonimo" sono un ossimoro. Ad ogni modo io da anni con qualche amico cifro abitualmente le mail con GNUPG, semplicemente perché l'ho integrato nel mio workflow. Ma in pratica nel 99% non posso e non ci son sistemi "anonimi" diffusi usabili realmente su scala sociale
            La geo-ip è altamente imprecisa e rozza,
            intolre basta una qualsiasi vpn o proxy per aggirarla.Dal punto di vista del sito a cui ti colleghi, dal punto di vista del tuo browser closed-source non è detto (dipende dalle impostazioni di rete) e comunque non è fattibile per ogni attività, senza contare la fiducia che dai a vpn e proxy.La sostanza è che non puoi nasconderti ai "giganti" di oggi, la rete ha maglie larghe ma prima o poi sei preso e classificato, materiale umano parte di un complesso ingranaggio à-la-Matrix, il concetto di individuo non va più di moda...
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte
            In sintesi: *non hai modo* su un OS proprietario,
            per di più su un telefono, di non esser
            tracciato.Confermo.Ma che c'entra con quello che faccio io?
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            Immagino tu usi vari servizi on-line, incluso ad es. un internet banking, un qualche servizio pubblico (Agenzia delle Entrate, INPS, ...) ecc. Immagino tu non viva per ogni servizio dietro tor, immagino tu abbia un WiFi in casa con qualche smartphone Android o iOS &c ivi collegato...Tanto basta per "identificarti", poco importa se come "panda rossa" o "mario rossi", è diciamo un'etichetta non molto importante.
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte
            Immagino tu usi vari servizi on-line, incluso ad
            es. un internet banking, un qualche servizio
            pubblico (Agenzia delle Entrate, INPS, ...) ecc.
            Immagino tu non viva per ogni servizio dietro
            tor, immagino tu abbia un WiFi in casa con
            qualche smartphone Android o iOS &c ivi
            collegato...

            Tanto basta per "identificarti", poco importa se
            come "panda rossa" o "mario rossi", è diciamo
            un'etichetta non molto
            importante.Immagina pure.Perche' e' proprio come dici tu che funzionano le cose.E siccome sappiamo benissimo come funzionano le cose, sappiamo anche come non farle funzionare.Basta cambiare il pattern!Anzi, la profilazione aiuta pure a nascondere ulteriormente quello che non vuoi che si veda.Un pattern comune, da utilizzare per le cose di tutti i giorni, che serve a creare un bel profilo da utente medio uguale a mille altri.E poi, quando devi fare qualcosa che non vuoi che venga ricondotto a te, cambi il pattern.Automaticamente quella sessione non sei tu, non puoi essere tu, perche' tu corrispondi all'altro profilo.
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!

            Automaticamente quella sessione non sei tu,
            non puoi essere tu, perche' tu corrispondi
            all'altro profilo.10 anni fa era vero, oggi non più. Se anche passi ad una live, usi un altro computer e passi da un proxy se non oggi domani lascerai tracce. Piccole molliche di pane che andranno nel grande mare di dati di varia utilità collezionati un po' da tutti.Tieni presente che non parliamo di prove da portare in tribunale, la "certezza" non è molto importante, quel che conta è l'insieme.
          • panda rossa scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            - Scritto da: xte

            Automaticamente quella sessione non sei tu,

            non puoi essere tu, perche' tu corrispondi

            all'altro profilo.
            10 anni fa era vero, oggi non più. Se anche passi
            ad una live, usi un altro computer e passi da un
            proxy se non oggi domani lascerai tracce. Piccole
            molliche di pane che andranno nel grande mare di
            dati di varia utilità collezionati un po' da
            tutti.

            Tieni presente che non parliamo di prove da
            portare in tribunale, la "certezza" non è molto
            importante, quel che conta è
            l'insieme.Invece e' proprio di prove da tribunale che stiamo parlando.Di che cosa se no?Visto che la pubblicita' in rete non esiste per chi sa configurarsi il browser, e il profilo dell'utente che si e' informato sui prezzi dell'iphoneX e' completamente diverso da quello che invece ha scaricato documentazione tecnica dal sito di un lug.(anche se sono in effetti la stessa persona).
          • xte scrive:
            Re: Un altro passo verso una rete AAA!
            Hai presente il Cile post-Allende con le liste di "indesiderabili" fornite a Pinocet? Bene un esempio, fuori tribunale, è questo: poco importa che il profiling sia "certo", basta sapere dove classificarti e se per puro caso c'è uno 0,% sbagliato pazienza. Non dimenticare che stiamo andando verso l'autoritarismo, ovvero la dittatura un po' ovunque.Altro esempio è la rivendita di informazioni a terzi, la possibilità di "dirigerti" opportunamente con ad es. risultati personalizzati del tuo aggregatore di news favorito ecc. Non s'è notato molto ma osserva quanto impegno è stato dedicato a piattaforme alternative ai newsgroups ovvero piattaforme da StackExchange a Disqus passando per 4Chan e Reddit sino a Twitter dove gli utenti fan la stessa cosa dei ng ma senza essere in alcun modo "proprietari"dei contenuti, senza poterli avere in locale, replicati in giro per il mondo fuori dal controllo di una singola entità ecc. Hai notato come rss sia "passato di moda", perché con rss/atom puoi farti il tuo "aggregatore personale", magari integrato nella mail, con tutti i contenuti che vuoi, anche salvati localmente al di fuori dell'indice di qualche aggregatore. Hai notato come si cerca in ogni modo di cancellare la mail sostituendola con equivalente depotenziati, ridotti, limitati e scomodi ma con UI tanto colorate allo scopo di nuovo di accentrare ogni cosa in mano ad un solo fornitore di servizio, togliendo il controllo all'utente? Posso andare avanti a lungo.La sostanza è che avere in mano una conoscenza, pur imperfetta, della gran parte della popolazione del pianeta e controllare tlc&news significa di fatto poter "pilotare" il mondo come nessun partito politico può sperare di fare e senza bisogno di esser votati. Questo è il problema "dell'always-on" che tanti oggi propongono.
    • ZLoneW scrive:
      Re: Un altro passo verso una rete AAA!
      E' solo un ennesimo progetto di tecnocontrollo:https://www.ibs.it/internet-nemico-conversazione-con-jacob-libro-julian-assange/e/9788807172588Definire Internet "diritto umano" è una bestialità, quando la gente resta senza lavoro e/o muore di fame.
  • Domanda scrive:
    chiavette
    e dopo come fanno a vendere le chiavette?
Chiudi i commenti