Chrome Web Store, anche un browser ha un market

Le prime immagini del marketplace dedicato a Chrome sono state mostrate agli sviluppatori nel corso della conferenza Google I/O. Si ispira allo store di Android e rinnova il supporto a Flash

Roma – Tra i vari annunci fatti da Google durante la consueta conferenza I/O dedicata agli sviluppatori, per i quali era stato rilasciato di recente il Native Client SDK , c’è il marketplace online esclusivamente dedicato a Chrome: definito dai googler come lo strumento ideale per facilitare la ricerca di Web app per il browser targato Mountain View .

Descritto da alcuni come l’App Store del Web, Chrome Web Store dovrebbe dare una svolta consistente all’esperienza Web vissuta finora con Chrome: non solo per quanto riguarda il procacciarsi delle applicazioni, ma anche per l’utilizzo di queste. Solitamente le web-app necessitano di svariate autorizzazioni da parte dell’utente nel corso del loro utilizzom ma con questa soluzione tale problema sarebbe eliminato alla radice: per questo motivo è stata individuata una mezza via definita come “un super-bookmark”, una autorizzazione di massa una tantum che permette di gestirne al meglio l’utilizzo durante la sessione di lavoro.

Tutto questo in attesa che i concetti di applicazione nativa e web-based si fondano, come auspicato da Sergey Brin, co-founder di Google, nel corso della conferenza.

Una delle precisazioni fatte durante il question time da Sundar Pichai, vice presidente di Google, era rivolta a chi chiedeva se Chrome Web Store , in quanto recipiente di applicazioni, sarebbe stato reso disponibile per altri browser. Dal momento che in linea teorica non ci sono impedimenti per far girare Web app anche su Firefox piuttosto che su Opera. Pichai si è però limitato a spiegare che “le Web-app sono scritte per il Web” e che “le applicazioni a pagamento non saranno accessibili senza passare dallo store”.

“Ci sarebbero dei contatti con altri produttori di browser – ha concluso Pichai – ma al momento del suo rilascio Chrome Web Store sarà disponibile solo su Chrome e, quando debutterà, Chrome OS”. Alcune caratteristiche saranno prese in prestito dal corrispettivo di Android, come la struttura dei pagamenti, mentre la divisione dei ricavi tra il fornitore del servizio e gli sviluppatori seguirà un rapporto 30/70, gli stessi parametri applicati da Apple al suo App Store. A differenza di Cupertino, tuttavia, le applicazioni basate su Flash saranno benvenute in Chrome Web Store .

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Forse si riferiva all'autostereoscopia..
    ...cioè il 3D senza occhiali.Perché altrimenti è il solito cetriolo che torna all'ortolano.Gia' nel '97 esistenvano diversi sistemi per il gioco in 3D con e senza casco VR.Sistemi costosi e lenti.D'altro canto un display autostereoscopico è tutto fuorché economico: deve centrare gli occhi degli spettatori e fare in modo che ognuno abbia le immagini a fuoco nell'occhio giusto.Baci & AbbracciGT
  • panda rossa scrive:
    cara ubisoft, ci giocherai solo tu!
    Invece di pensare a futilita' come il 3D, pensa a fare in modo di rendere fruibili i tuoi prodotti ai clienti che pagano!Un videogame deve poter essere installabile e giocabile su un cd non in rete (a meno di non voler giocare in multiplayer ovviamente), e soprattutto senza il disco perennemente inserito nel lettore.
    • angros scrive:
      Re: cara ubisoft, ci giocherai solo tu!
      - Scritto da: panda rossa
      Invece di pensare a futilita' come il 3D, pensa a
      fare in modo di rendere fruibili i tuoi prodotti
      ai clienti che
      pagano!O meglio, a tutti, perchè non si può limitare l'acXXXXX solo ai paganti (il drm servirebbe proprio a questo, e chiaramente che non funziona, nè in teoria, nè in pratica). Se si ostinano su questa strada, falliranno (sperando che possa almeno servire da lezione per gli altri).
      • DarkOne scrive:
        Re: cara ubisoft, ci giocherai solo tu!
        - Scritto da: angros
        O meglio, a tutti, perchè non si può limitare
        l'acXXXXX solo ai pagantiCioè, dovrebbero regalare i giochi? O non ho capito che vuoi dire?
        • TADsince1995 scrive:
          Re: cara ubisoft, ci giocherai solo tu!

          Cioè, dovrebbero regalare i giochi? O non ho
          capito che vuoi
          dire?No, voleva dire che per un gioco come Assassin's Creed 2, puramente singleplayer, dover avere sempre la connessione a disposizione per giocare è una follia allucinante, oltre che un ingiustizia per chi il gioco lo compra mentre il pirata che se lo cracca non ha questo problema.
        • angros scrive:
          Re: cara ubisoft, ci giocherai solo tu!
          Dovrebbero rinunciare completamente ad ogni forma di protezione hardware o software.Per farsi pagare, esistono numerose soluzioni: dalle donazioni, agli abbonamenti ai server multiplayer, al rilascio a pagamento di scenari extra.La vendita del gioco, in sè, è la soluzione più problematica.
          • krane scrive:
            Re: cara ubisoft, ci giocherai solo tu!
            - Scritto da: angros
            Dovrebbero rinunciare completamente ad ogni forma
            di protezione hardware o software.
            Per farsi pagare, esistono numerose soluzioni:
            dalle donazioni, agli abbonamenti ai server
            multiplayer, al rilascio a pagamento di scenari
            extra.
            La vendita del gioco, in sè, è la soluzione più
            problematica.Civ 4 praticamente non protetto sentito parlare di 6 milioni di copie vendute... A ritrovare la fonte...
  • Wolf01 scrive:
    Se continuano così...
    Se Ubisoft continua per la sua strada con i DRM penso che non giocheremo ai giochi Ubisoft, quindi è inutile che urlino al 3D ai quattro venti.
    • sds scrive:
      Re: Se continuano così...
      - Scritto da: Wolf01
      Se Ubisoft continua per la sua strada con i DRM
      penso che non giocheremo ai giochi Ubisoft,
      quindi è inutile che urlino al 3D ai quattro
      venti.ho pensato al stessa cosa.e ho anche pensato.. se non sanno nemmeno tenere su i server per l'autenticazione che il loro DRM necessita..che XXXXXta di 3D sarà?
  • antonio scrive:
    SE SAREMO ANCORA VIVI
    SE SAREMO ANCORA VIVI
  • Alessandro P. scrive:
    C'era già ai tempi del GeForce 3
    Ma Asus non lo fece già quando uscì il GeForce 3?Io ricordo che pagai la scheda ben 1.050.000 lire, all'epoca, e aveva gli occhiali 3D grazie ai quali vedevi oggetti uscire dallo schermo, precisamente come adesso.Cosa è cambiato?Nella confezione della scheda c'erano anche alcuni titoli originali e altri demo grazie ai quali potevi benefeciare di tale tecnologia, il tutto tramite semplicissimi occhiali che andavano solo attaccati alla presa USB per dar loro corrente.Io non capisco tutta questa grande novità del 3D.... a me pare che si stia andando indietro.
    • Anonimo scrive:
      Re: C'era già ai tempi del GeForce 3
      è tutto hype e marketing fondato sulla scia di Avatar(3d)... vedremo come andrà a finire, di sicuro ci saranno parecchi boccaloni che accorreranno e grideranno al miracolo del '3d'... :spersonalmente, non m'interessa, mi basta il 'normale' 3d che c'è ora nei videogames, l'ho sempre ritenuto sufficiente. Inoltre odio gli occhialini, ti fanno sentire stupido, e mi dà fastidio doverli mettere/togliere ogni volta... almeno si parlasse di schermi "glassless", allora forse un pensierino (ma molto piccolo) potrei anche farcelo. ;)
    • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
      Re: C'era già ai tempi del GeForce 3
      Idem per me, con la buona e vecchia asus geforce2 deluxe di 10 anni fa (e tutt'ora funzionante ;)) pagata profumatamente... ricordo che era quasi 1/3 di tutto il pc assemblato:http://www.ciao.it/Asus_V7700_Deluxe_GeForce2_GTS__432416
      • krane scrive:
        Re: C'era già ai tempi del GeForce 3
        - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
        Idem per me, con la buona e vecchia asus geforce2
        deluxe di 10 anni fa (e tutt'ora funzionante ;))
        pagata profumatamente... ricordo che era quasi
        1/3 di tutto il pc assemblato:
        http://www.ciao.it/Asus_V7700_Deluxe_GeForce2_GTS_C'erano gia' su Amiga da molto prima (amiga)(amiga)
    • non so scrive:
      Re: C'era già ai tempi del GeForce 3
      quella tecnologia è un porcellum :-)vaa bene, vedi un paio di cosette in 3d, poi ti viene il mal di testa, la nausea e in meno di 5 min torni al 2d.l'idea credo sia quella di spingersi oltre il proof of concept e creare qualcosa di giocabile in 3d su larga scala- Scritto da: Alessandro P.
      Ma Asus non lo fece già quando uscì il GeForce 3?

      Io ricordo che pagai la scheda ben 1.050.000
      lire, all'epoca, e aveva gli occhiali 3D grazie
      ai quali vedevi oggetti uscire dallo schermo,
      precisamente come
      adesso.

      Cosa è cambiato?

      Nella confezione della scheda c'erano anche
      alcuni titoli originali e altri demo grazie ai
      quali potevi benefeciare di tale tecnologia, il
      tutto tramite semplicissimi occhiali che andavano
      solo attaccati alla presa USB per dar loro
      corrente.

      Io non capisco tutta questa grande novità del
      3D.... a me pare che si stia andando
      indietro.
  • angros scrive:
    Tecnicamente è semplice
    Basta fare due rendering, spostando la telecamera virtuale, e inviando il segnale al driver per gli occhialini.Non è neanche difficile mettere un settaggio per decidere se usare la stereoscopia o no.È da vedere se a qualcuno interessa (visto che sono già stati tentati in passato i giochi in 3d, e non hanno avuto molto seguito). A me, di sicuro, non interessa, anche perchè ne sono tagliato fuori .-)
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Tecnicamente è semplice
      E anche perchè bisognerebbe acquistare un nuovo monitor o TV che costa il doppio delle TV attuali...
      • angros scrive:
        Re: Tecnicamente è semplice
        No, se il framerate è abbastanza alto, non ce n'è bisogno (teoricamente)Il problema è che ti servono gli occhiali attivi (quelli per la tv, costano oltre 100 euro il paio)
    • non so scrive:
      Re: Tecnicamente è semplice
      - Scritto da: angros
      A me, di sicuro, non interessa, anche perchè ne
      sono tagliato fuori
      .-)hai un occhio solo?
    • Andreabont scrive:
      Re: Tecnicamente è semplice
      Il problema non è se è tecnicamente semplice o meno, ma il costo dell'hardware che deve fare il lavoro DOPPIO!!! XD
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    Spero intenda 3d stereoscopico
    Senno l'articolo è del 1997!
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Spero intenda 3d stereoscopico
      Certo che si riferiva a quello :)http://www.youtube.com/watch?v=822kH5Fu8SM&hd=1Se non hai gli occhialini prova con gli occhi incrociati come faccio io!
Chiudi i commenti