Cina, i motori censurano autonomamente

Scelgono cosa filtrare, non si basano su liste nere stilate da Pechino. I colossi del search scelgono l'autocensura

Roma – Le aziende occidentali che operano in Cina dibattono di codici di comportamento e di diritti umani. Ma all’atteggiamento corrisponde una reale intenzione di tutelare i propri utenti? Il Search Monitor Project traccia un panorama delle pratiche censorie operate dai motori di ricerca: ne emerge un quadro frastagliato, in cui l’adeguamento delle aziende ai criteri dettati dalle autorità di Pechino è disomogeneo.

A condurre l’indagine, sottoponendo a cinque mesi di test i più popolari motori di ricerca internazionali quali Google, Yahoo e MSN Search e il gatekeeper locale Baidu, è Nart Villeneuve , ricercatore dell’Università di Toronto attivo in Open Net Initiaive e CitizenLab . I motori di ricerca garantiscono agli utenti la possibilità di solcare il web, offrono ai cittadini della rete cinesi la possibilità di accedere ad una grande mole di informazione ma – ammette Villeneuve – quel che di più succoso e interessante è ospitato in rete rimane imbrigliato nei filtri imposti dallo stato.

Se la macchina censoria e propagandistica di Pechino funziona da anni a pieno regime, se gli addetti del Ufficio del Partito per l’Informazione e la Pubblica Opinione battono a tappeto il web per aggiornare le autorità dell’umore della rete, è vero però che non esistono disposizioni ufficiali e liste nere che orientino il comportamento dei motori di ricerca. Lo dimostra la frammentarietà e la disomogeneità con cui i colossi del search agiscono sulle ricerche dei cittadini della Repubblica Popolare: se i motori declinati nelle versioni locali sono compatti nel rimuovere dai risultati i riferimenti al movimento del Falun Gong, Google impedisce ai netizen cinesi l’accesso a BBC, Yahoo lo concede, Microsoft diffida da Wikipedia mentre Baidu impedisce l’accesso ad entrambi.

Il 33 per cento del web è inaccessibile ai cittadini cinesi attraverso un motore di ricerca: che la chiave di ricerca sia specifica e mirata come “Falun Gong”, che sia invece generica come “democrazia”, sui 393 siti presi come punto di riferimento, 130 si sono dissolti nei risultati con almeno uno dei motori presi in esame. Se il motore che setaccia la rete in maniera più decisa è Baidu, che censura il 26,4 per cento dei siti monitorati, Google è il più permissivo: lascia filtrare quasi l’85 per cento dei risultati, ne rende inaccessibile il 15,2 per cento. Le posizioni intermedie spettano a Microsoft e Yahoo: bloccano rispettivamente il 15,7 per cento e il 20,8 per cento dei siti scelti da Villeneuve.

Quanto mi censuri?

Se la precedenza è data ai contenuti ipercontrollati dallo stato che risiedono su server cinesi o che sono contraddistinti dal dominio .cn , a fermarsi nel setaccio dei motori di ricerca sono soprattutto le vetrine web di attivisti e organizzazioni che si battono per i diritti umani, sono i siti di notizie che potrebbero garantire ai cittadini cinesi la possibilità di esercitare il proprio diritto ad informarsi e a prendere parte in maniera responsabile alla società civile. Nei risultati dei motori di ricerca non compare inoltre la pornografia che potrebbe corrompere la morale dei cittadini della Repubblica Popolare.

Oltre alla possibilità garantita agli utenti di accedere ai contenuti, Villeneuve ha preso in considerazione la trasparenza con cui operano i motori: se Google avverte i netizen dei filtri, Microsoft e Yahoo, a dispetto dei buoni propositi, non rendono esplicita la selezione dei risultati.

Se i colossi del search giustificano il proprio atteggiamento dichiarando di attenersi alle leggi locali, il report evidenzia che non esiste uniformità nel comportamento delle aziende, svincolate da liste nere sulle quali operare: sembrano adottare questa politica e sembrano rifugiarsi nell’ autocensura per evitare di attirare l’attenzione delle autorità. “Una cosa è il governo che blocca certi siti – ha commentato Arvind Ganesan di Human Rights Watch – Una cosa completamente differente sono le aziende che prendono autonomamente decisioni riguardo ai contenuti da bloccare”. Chiosa ottimista Ganesan: “C’è più spazio per le aziende per sviluppare delle linee guida e minimizzare la loro azione censoria”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Maxy scrive:
    Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
    In Italia esiste ABACO, un mini pc come eeeBox e con lettore DVD e 250GB di harddisk al prezzo di soli 299 .Il sito e' http://www.spaziominimo.it/ e ve lo spediscono pure a casa!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 09.16-----------------------------------------------------------
    • iRoby scrive:
      Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
      Grazie!Proprio bello, mi sa che me lo prendo!
      • Ranzo Paperoj scrive:
        Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
        - Scritto da: iRoby
        Grazie!

        Proprio bello, mi sa che me lo prendo!Ecco, bravi, comprate i computer Clementoni, rovinate il mercato IT, gettate sul lastrico quel santo benefattore di Bill che tanto ha fatto per l'umanità, bravi, continuate così! ...Ma tanto, che vi parlo a fare? :@
        • BLah scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          Ma stai zitto che non fai ridere? Sei un buffone, nemmeno riesci a fare il personaggio da forum... schiappa.Semmai il nostro mercato IT lo aiutiamo comprando roba italiana.
        • iRoby scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          Benefattore chi? :-D
        • trillo scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          C'hai rotto il caxxo con 'ste trollate!Se devi perdere tempo su internet guardati un sito pornoinvece di rompere l'anima qua.
          • Gnappo scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            - Scritto da: trillo
            C'hai rotto il caxxo con 'ste trollate!
            Se devi perdere tempo su internet guardati un
            sito
            porno
            invece di rompere l'anima qua.Ma non hai capito a chi sta facendo il verso? :-P
    • pentolino scrive:
      Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
      sembra bello! lo hai provato? ha le porte s-video/composita (non mi sarebbero necessari al 100% ma senza dubbio utili)?Dimenticavo: a rumore come è messo?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 11.39-----------------------------------------------------------
      • iRoby scrive:
        Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
        Gli ho mandato una mail se mi rispondono in tempi brevi posto cosa mi dicono.L'Atom montato su case di quelle dimensioni non dovrebbe avere bisogno di ventola di raffreddamento.Ma potrebbe averne una piccola di derivazione laptop.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          In un commento uno che pareva essere dell'azienda che produce l'Abaco diceva che il rumore è molto basso e che stanno approntando le misurazioni. Mi pare di capire che una ventola ce l'abbia ma anche che è molto silenziosa.
        • pentolino scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          - Scritto da: iRoby
          Gli ho mandato una mail se mi rispondono in tempi
          brevi posto cosa mi
          dicono.
          L'Atom montato su case di quelle dimensioni non
          dovrebbe avere bisogno di ventola di
          raffreddamento.
          Ma potrebbe averne una piccola di derivazione
          laptop.sì anch' io gli ho scritto, vediamo un po' che dicono.Quanto al rumore se sta in zona Wii per me può andare, non pretendo che sia silenzioso in assoluto ma almeno che non dia fastidio mentre lo uso per guardare filmati (questo ovviamente vale solo se ha le uscite video)
          • iRoby scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            Io voglio sostituire il mio serverino che già consuma poco ma è ancora troppo ingombrante su un minitower.Se questo consuma massimo 30W il costo d'acquisto di ammortizza in pochi anni sul risparmio nella bolletta.
          • pentolino scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            per quell' uso direi che ci siamo in pieno
          • gnubit scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            Specie se poi ti vuoi divertire a fare esperimenti di clustering senza spennarti di hardware e bollette.Non ricordo dove ma tempo fa avevo visto un tizio che si era fatto un cluster di epia.
          • Ryoga Hibiki scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            - Scritto da: pentolino
            - Scritto da: iRoby

            Gli ho mandato una mail se mi rispondono in
            tempi

            brevi posto cosa mi

            dicono.

            L'Atom montato su case di quelle dimensioni non

            dovrebbe avere bisogno di ventola di

            raffreddamento.

            Ma potrebbe averne una piccola di derivazione

            laptop.
            sì anch' io gli ho scritto, vediamo un po' che
            dicono.
            Quanto al rumore se sta in zona Wii per me può
            andare, non pretendo che sia silenzioso in
            assoluto ma almeno che non dia fastidio mentre lo
            uso per guardare filmati (questo ovviamente vale
            solo se ha le uscite
            video)A quanto ho visto, non ha uscite video se non la VGA (che comunque e' compatibile con la maggior parte dei televisori LCD o plasma). La cosa interessante e' che il codec audio ALC662 gestisce 6 canali (5.1) quindi dovrebbe essere buono come media center.http://www.realtek.com.tw/products/productsView.aspx?Langid=1&PNid=24&PFid=37&Level=5&Conn=4&ProdID=144
          • pentolino scrive:
            Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
            ho chiesto, con il raiser PCI (non PCI-E) opzionale si può collegare una vecchia scheda grafica per avere l' uscita video, anche se temo che le prestazioni ne possano risentire (le PCI non le fanno da una vita... anche il mio PC del 2002 aveva l' AGP!)
        • Ryoga Hibiki scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          - Scritto da: iRoby
          Gli ho mandato una mail se mi rispondono in tempi
          brevi posto cosa mi
          dicono.
          L'Atom montato su case di quelle dimensioni non
          dovrebbe avere bisogno di ventola di
          raffreddamento.
          Ma potrebbe averne una piccola di derivazione
          laptop.Dovrebbe avere una ventola standard (non di derivazione notebook) come si intuisce dalla motherboard indicata nel sito:http://www.intel.com/products/motherboard/D945GCLF/
    • gerry scrive:
      Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
      Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 09.16
      --------------------------------------------------Che bello il thin client :)
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
      Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 09.16
      --------------------------------------------------Si ma non è un subnotebook, su ebay per 299 euro acquisti un core 2 duo E8600 con hd da 500 Gb, comprese le spese di spedizione
      • Maxy scrive:
        Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
        ???Abaco e' un pc low-cost compatto.Quello che proponi tu sono pc assemblati economici, ma non compatti.
      • DarkSchneider scrive:
        Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Si ma non è un subnotebook, su ebay per 299 euro
        acquisti un core 2 duo E8600 con hd da 500 Gb,
        comprese le spese di
        spedizioneEh?!?! Dove hai trovato simili prezzi? Non ci credo! :o (Detto senza offesa, solo la mia espressione sbalordita)Manda qualche link che a quel prezzo faccio uno stock!O è tutto iper cinese no garanzia?
        • attonito scrive:
          Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
          hardware economico ESISTE.per averlo e' suffucente:1. non essere un tipico utonto rincoglio*ito che vuole sempre l'ultima novita' tecnologica costosissima e sovradimensionata per le sue necessita'.2. trovare un rivenditore/assemblatore onesto.
    • gnubit scrive:
      Re: Esiste "Abaco" e' italiano e costa meno!
      Bello e molto curato anche sotto l'aspetto estetico. mooolto interessante.
  • pentolino scrive:
    415 euro? scusate, ho preso un abbaglio
    Boh, qua siamo quasi a livello di mac mini (che ha un core duo, mica un atom)... non mi convince tanto.Anche come dimensioni mi sembra che siamo lì, sull' estetica non so, ma credo che il mini sia meglio...Cui prodest?EDIT: ho preso un bel granchio, 415 è il prezzo del notebook; non pochissimo ma in linea con l'eecpc 900. Ecco cosa succede a commentare prima del caffè-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 11.35-----------------------------------------------------------
  • lellykelly scrive:
    come si chiamerà?
    Eee Crash??
  • Ranzo Paperoj scrive:
    Ma non ci gira Vista!
    Tipico PC da retrogradi, ma tanto che vi parlo a fare, se volete restare nel Medioevo, fate pure, tenetevi pure certi accrocchi con XP, anzi, installateci pure U Bantu, così il coefficiente di sfiga aumenta e potete partecipare a "Geek of the Year"! :@ Però non venite poi qui a sparlare di SO che non conoscete, anzi, state proprio alla larga da Vista, che non ne siete degni, altrimenti vi banno!!!E ora torno al mio fido Core 4 Quacchio da 10GHz e con 64GB di RAM, su cui Vista gira quasi veloce come XP, ma molto più bello, stabile, sicuro, aggiornato, cool e 2.0, tiè! (win)(win)(win)
    • rockroll scrive:
      Re: Ma non ci gira Vista!
      ?!?!?!?!?!?!?La prossima volta dicci prima se ci fai o ci sei...
      • Ryoga Hibiki scrive:
        Re: Ma non ci gira Vista!
        - Scritto da: rockroll
        ?!?!?!?!?!?!?

        La prossima volta dicci prima se ci fai o ci
        sei...Mi sa che e' Renji Abarai in incognito...
    • Xilitolo scrive:
      Re: Ma non ci gira Vista!
      - Scritto da: Ranzo Paperoj
      E ora torno al mio fido Core 4 Quacchio da 10GHz
      e con 64GB di RAM, su cui Vista gira quasi veloce
      come XP, ma molto più bello, stabile, sicuro,
      aggiornato, cool e 2.0, tiè!
      (win)(win)(win)LOL
    • Funz scrive:
      Re: Ma non ci gira Vista!
      - Scritto da: Ranzo PaperojIl mercato si sta spostando verso PC più piccoli, economici, che consumano poca energia, che fanno tutto quello che un PC deve fare (eccetto i giochi con grafica pompata, ma per quelli oramai la fanno da padrone le console).E MS che fa? Tira fuori una versione pachidermica di Windows, automaticamente tagliata fuori da questo nuovo segmento di mercato. Veramente intelligenti, come spararsi nelle pa**e da soli (rotfl)E ci sono quelli che si esaltano per 'sta minc*iata (rotfl)(rotfl)
      • iRoby scrive:
        Re: Ma non ci gira Vista!
        Biggy Ballmer, è lui l'artefice di questa cavolata.Ha la stessa lungimiranza di quella che ebbe la dirigenza della Commodore ai tempi di Amiga e di come l'abbiano distrutta inesorabilmente.Ora che prende il comando uno così la Micro$oft fallirà:[yt]tGvHNNOLnCk[/yt]
    • proskilled scrive:
      Re: Ma non ci gira Vista!
      ahahahahahahagrande! (stai attento quando fai l'ironico che poi la gente crede che sei serio...)
    • gnubit scrive:
      Re: Ma non ci gira Vista!
      Bugiaaaa, anche se li hai 10GB non li vedi con Vista 32bit.Installa Linux a 64bit, vedrai che il tuo quad bazillium migliora le prestazioni.
  • Infatti scrive:
    Chiedo delucidazioni.
    Cito:"Come si è detto, le principali differenze con l'Eee Box sono date dall'inclusione di un drive DVD e da dimensioni decisamente meno compatte: mentre l'Eee PC misura 21,6 x 17,8 x 2,5 centimetri, il Wind mini notebook misura 30 x 26 x 6,5 cm."Non ho capito...non si sta parlando delle differenze con l'eee box?Cosa c'entrano le misure dei due portatili?Spiegatemi perchè mi sembra che la frase non abbia senso.
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: Chiedo delucidazioni.
      Sistemato, grazie ;-)- Scritto da: Infatti
      Cito:

      "Come si è detto, le principali differenze con
      l'Eee Box sono date dall'inclusione di un
      drive DVD e da dimensioni decisamente meno
      compatte: mentre l'Eee PC misura 21,6 x
      17,8 x 2,5 centimetri, il Wind mini
      notebook misura 30 x 26 x 6,5
      cm."

      Non ho capito...non si sta parlando delle
      differenze con l'eee
      box?
      Cosa c'entrano le misure dei due portatili?

      Spiegatemi perchè mi sembra che la frase non
      abbia
      senso.
Chiudi i commenti