Cina: liberato Lin Hai

L'imprenditore che era divenuto simbolo della libera impresa cinese nel mondo dell'alta tecnologia viene finalmente scarcerato. Lui spera di tornare a lavorare il prima possibile


Pechino – Del suo caso si erano ampiamente occupati alcuni magazine specializzati europei e americani, tra questi anche Punto Informatico, mentre la “grande stampa” non era mai entrata in profondità nella vicenda di Lin Hai, imprenditore dell’hi-tech cinese arrestato nel marzo del 1998.

Hai, che dirigeva un’azienda di produzione software, fu riconosciuto colpevole di aver attentato all’unità del paese e aver incitato alla rivolta per aver inviato circa 30mila indirizzi email di utenti cinesi alla redazione di un giornale cinese dissidente all’estero. I capi di imputazione sono tra i più gravi per il regime cinese ma la sua liberazione, con grande anticipo sul previsto, fa pensare ad una “mossa diplomatica” necessaria alla nomenklatura di Pechino per agevolare i rapporti con la ricca industria hi-tech occidentale.

Ora “il sovversivo” Lin Hai, per il quale dopo l’arresto i dipendenti della sua azienda manifestarono a lungo prima di essere dispersi dalla polizia, ha intenzione di tornare al lavoro, possibilmente su internet: “questo è il ramo business più importante al momento”. D’altro canto tra le occupazioni di Lin Hai prima dell’arresto c’era proprio la realizzazione di siti web.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti