Cina nuovo colosso del software

I dati diffusi dal Governo pechinese non sembrano lasciare adito a dubbi: il dragone asiatico sta iniziando a sputare bit a ritmi impressionanti


Roma – Potenza economica globale, sviluppo in accelerazione rapida, straordinario impulso verso le nuove tecnologie e ora produzione di software: le molte vie della crescita della Cina si vanno riempiendo di bit, quelli che i sempre più numerosi e specializzati programmatori stanno inserendo nei propri software. La Cina, affermano le fonti ufficiali di Stato, sta diventando uno dei principali produttori di software.

Ad affermarlo è il ministero dell’Industria cinese che ha pubblicato i dati relativi al 2004, secondo i quali negli ultimi cinque anni la produzione di software è andata salendo del 40 per cento all’anno, generando un fatturato che nel 2004 ha raggiunto gli 8 miliardi di dollari. Stime ufficiali, che integrano anche le attività di system integration, parlano di un mercato del software cinese da 28 miliardi di dollari nel suo complesso.

Uno degli sviluppi del software maggiormente promettenti per l’economia cinese è rappresentato dalla realizzazione di servizi fruibili attraverso cellulare, destinati ad un target di 430 milioni di utenti cinesi di telefonia mobile (stima riferita a fine 2005).

Tra le ragioni di questa accelerazione sul software gli esperti individuano il massiccio programma di privatizzazione di interi comparti industriali. Questo – spiega Ermanno Delia della Orienterprise – porta alla necessità di soluzioni software che supportino la produzione, la gestione dei processi e il decision making. E si aprono evidentemente importanti prospettive anche per l’industria del software occidentale interessata a piazzare i propri investimenti all’ombra della Grande Muraglia.

“Nell’ambito di uno dei più grandi processi di privatizzazione della storia del capitalismo – spiega Delia – la Cina apre alla partecipazione straniera i gioielli di Stato sinora protetti come simbolo della economia socialista; capitali stranieri per circa 190 miliardi di dollari parteciperanno al più grande collocamento in borsa dell’industria statale cinese: Acciaio, Chimica, Energia i settori interessati al momento, per poi passare ai servizi”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La verità
    è che i sistemi di transazione sono pieni di buchi! Si potrebbe benissimo effettuare acquisti con numeri falsi e farsi recapitare la merce a un numero civico di una casa pericolante e nessuno si accorgerebbe della truffa, a parte il titolare della carta, un bel po di giorni dopo l'accaduto. Io sono (ero) un titolare di m********d, dopo il fattaccio di cronaca e aver visto come funzionano certe transazioni in internet con carta v**a, ho portato la cartina di plastica ai loro emittenti e l'ho fatta sforbiciare per benino. Che goduria :DForse si decideranno di aggiornare finalmente i loro fasulli sistemi di sicurezza, inserendo quel benedetto chip nella carta. Ma ho paura che abbiano atteso gia troppo tempo e sia una tecnologia gia obsoleta e replicabile.
  • Anonimo scrive:
    Chi ha progettato il software
    Chi ha progettato il software deve assumersi le proprie responsabilità.Non si può addossare la colpa sull'utente,accusandolo di un comportamento scorretto,quando ha progettato un software con un evidenti difetti.Probabilmente sta sulle difensive e contrattacca per salvarsi il posto,invece di farsi un bel mea culpa,e mettersi a lavorare seriamente,e non a ciarlare,e questo lo dico da titolare di cartasi.:D
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima di giudicare, leggete qui
    Quello che insinui su Bisol non sta né in cielo, né in terra, l'url è un'interfaccia pubblica del sistema, non fornisce in sé alcun meccanismo valido di sicurezza.Il fatto è che evidentemente chi ha messo assieme alla meno peggio quel sito, una protezione decente non ha neanche provato a predisporla.Bisol ha semplicemente provato a inserire indirizzi in un'interfaccia aperta al pubblico, NON HA, per fare un esempio, provato ad accedere ugualmente a un file di cui, dopo questi primi tentativi gli fosse stato negato l'accesso.Lui ha chiesto una pagina e questa gli è stata inviata senza alcun valido e sicuro controllo, perché chi gestisce quel sito o è un cialtrone pigro o è un cialtrone incompetente.
  • Anonimo scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    :@ Ciao Daniele,Sono pienamente solidale con te, pensa che io mi trovo sotto processo penale dal lontano 1999,perchè i "signori" della cartasi hanno pensato benedi denunciarmi per frode informatica solo perchèalcuni dei miei clienti dopo pochi giorni di attività(vendevo software on-line tramite download) hannodetto di non avere mai ordinato il software sul mio sito,ripeto 6 anni che vado avanti, le indagini che sonostate fatte non hanno rilevato gli indirizzi IP o altridati che permettessero di risalire agli acquirenti,in compenso il mio nome è stato sbandierato ai quattro venti su giornali nazionali ed in televisionecome se fossi un deliquente, ho perso la casa iconti in banca e i prestiti che avevo mi sono statichiusi senza preavviso alcuno, dopo 6 anni ho ancorai conti correnti sotto sequestro (tutti i miei soldi)giudiziario in quanto non c'è ancora stata la sentenza di primo grado. Pensa che i signori non si sono degnati neanche ditelefonare o richiedere spiegazioni degli addebiti secondo loro "anomali" tramite raccomandata, sono stato denunciato senza avere la possibilità di concedere il chargeback.STAI MOLTO ATTENTO AI SIGNORI DELLA CARTASIHANNO LA DENUNCIA FACILE ANCHE IN ASSENZADI PROVE.NON MI MERAVIGLIEREI SE NEI PROSSIMI GIORNITI VENGANO AD ARRESTARE PER TENATATA FRODE O TRUFFA .....Un amico.
  • Anonimo scrive:
    BASTA!
    Bon, sta storia ha rotto il *****!Ognuno ha detto la sua.Fine
  • Anonimo scrive:
    Ecco perche' non chiudono il buco...
    Quando hanno cercato di eliminare il bug all'inizio del sorgente hanno trovato:# You are not supposed to read this... # if you are doing it, then# GOOD LUCK YOU FOOL!!! # BWAHAHAHAHAHAHAHAH.....ed hanno deciso di lasciare le cose come stanno :D :D(tratto da soft-land.org) ;)
  • Anonimo scrive:
    Gli specchi...
    ...del giardino del re sono sempre più lucidi e verticali. Tanto il re è cieco. il re si affaccia e dice:"Odo un rumore di ventose di CartaSì che si arrampica sui miei specchi".Intanto il vicino, affacciatosi dal suo giardino, grida: "Vi siete fatti ciullare i miei dati bancari, pirl@ !"
  • Anonimo scrive:
    Ricapitolando la posizione di CartaSi ..
    Dunque ricapitoliamo la situazione di CartaSi:dichiarano candidamente che mettono in linea delle versioni "in manutezione", con possibili problemi di sicurezza, (ma qui in realà si tratta di un errore da programmatore da "Hello World"), se poi un loro CLIENTE si accorge di un bug loro lo MONITORIZZANO, pensano ad avviare azioni penali e se capita gli danno pure del truffatore a mezzo stampa.Qui tocca stare molto attenti a scegliere i propri FORNITORI di servizi ...
  • Anonimo scrive:
    ma non sono indagati?
    ma dopo questa falla di sicurezza e questa dimostrazione di incapacità e di irresponsabilità, non paga nessuno a CartaSi?Qualcuno dovrebbe finire in galera per avere messo a rischio la sicurezza dei loro clienti, e non parlo dell'utente che ha scoperto la straordinaria caz***ata di gestione dei dati riservati
  • winono scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    Che strano, aprendo la pagina con questo articolo mi sarei aspettato una risposta del tipo "Servizi Interbancari intende ringraziare il signor Bisol per aver scoperto un problema di sicurezza del sito. Vi abbiamo posto immediatamente rimedio ed intendiamo assicurare tutti i nostri Clienti che abbiamo preso provvedimenti per minimizzare il verificarsi di ulteriori problemi di sicurezza in futuro."E invece...Bah.
    • Anonimo scrive:
      Re: Daniele Bisol: la mia versione

      abbiamo preso provvedimenti per minimizzare il
      verificarsi di ulteriori problemi di sicurezza in
      futuro."

      E invece...Sara' mica uno di quei software che nessuno sa piu' come mantenere poiche' basta aggiungere una variabile per scatenare un tornado di rogne chissa' dove nel sistema?E chi si prende la responsabilita' di spostare i mattoncini in edifici cosi' pericolanti?Speriamo proprio di no :| :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Daniele Bisol: la mia versione
        - Scritto da: Anonimo
        Sara' mica uno di quei software che nessuno sa
        piu' come mantenere poiche' basta aggiungere una
        variabile per scatenare un tornado di rogne
        chissa' dove nel sistema?Tipo... Linux? Firefox? (newbie)
    • Ectophilla alba scrive:
      Re: Daniele Bisol: la mia versione
      - Scritto da: winono

      Che strano, aprendo la pagina con questo articolo
      mi sarei aspettato una risposta del tipo "Servizi
      Interbancari intende ringraziare il signor Bisol
      per aver scoperto un problema di sicurezza del
      sito. Vi abbiamo posto immediatamente rimedio ed
      intendiamo assicurare tutti i nostri Clienti che
      abbiamo preso provvedimenti per minimizzare il
      verificarsi di ulteriori problemi di sicurezza in
      futuro."

      E invece...Se scopri che gli altri sono incompetenti è perché sei un truffatore o un hackerE' sempre colpa degli altri...
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima di giudicare, leggete qui
    - Scritto da: Anonimo
    Mi sembra che i vostri commenti si limitino alla
    faccenda tecnica, senza tenere minimamente
    presente quella legata al legale e alla privacy.Ma queste cose le dici ai tuoi clienti?
    quando le aziende che emettono carte di credito
    scoprono accessi come quelli del sig. Bisol, sono
    OBBLIGATE a non intervenire subito, perchè
    devono, PER LEGGE, tenere sotto controllo la
    faccenda per verificare quali comportamenti
    questa persona vuole mettere in atto. E quando vengo a fare la carta presso di te, queste cose me le dirai? O lo verrò a sapere da un articolo su Repubblica?
    Oltre a questo, non è assolutamente vero che
    quella del sig. Bisol non è un atto illegale: se
    voi lasciate le chiavi in macchina, questo non
    autorizza uno a rubarvela. Solito paragone, che non regge. Cambiare una url non è come sfruttare una vulnerabilita'.E una applicazione di home banking con una simile vulnerabilita' non ha scuse: io lavoro in una web agency, dove non curiamo nessuna transazione online di denaro o simili, ma i siti in fase di testing non li mettiamo MAI online, abbiamo dei server appositi.Se faccio una cosa del genere il giorno dopo sto a spasso.
    Che poi CartaSi abbia dato delle risposte non del
    tutto soddisfacenti, sono d'accordo con voi: ma
    non credo che questo sia sufficiente a bollarli
    da incompetenti.E che dovevano fare, perchè gli si potesse dare degli incompetenti? Mettere le password in chiaro in una directory "password" su una document root browsable?
    Poi, se proprio non vi piace, perchè non vi
    limitate a cambiare carta di credito? Provate
    Banca Intesa...poi ne riparliamo.Solito discorso italiota, se non vi piace andate altrove...
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima di giudicare, leggete qui
    - Scritto da: Anonimo
    Mi sembra che i vostri commenti si limitino alla
    faccenda tecnica, senza tenere minimamente
    presente quella legata al legale e alla privacy.Ah certo non ce ne frega un cazzo della privacy tanto i dati non erano delle nostre carte
    Troppo facile bollare un'azienda di incompetenza
    quando non si sanno tutte le cose, mi spiego:

    quando le aziende che emettono carte di credito
    scoprono accessi come quelli del sig. Bisol, sono
    OBBLIGATE a non intervenire subitoNon credo sia per questo motivo che hanno CREATO la cosa, però.
    Oltre a questo, non è assolutamente vero che
    quella del sig. Bisol non è un atto illegale: se
    voi lasciate le chiavi in macchina, questo non
    autorizza uno a rubarvela. Qui è la stessa cosa:
    se un sistema ha un falla temporanea, questo non
    giustifica i suoi accessi.Non puoi sapere che c'è una falla solo "guardando", devi provare per sapere se c'è. Comunque il crimine avviene se utilizzi quei dati, chi ha già commesso un crimine invece è CartaSì che ha il dovere per la legge sulla privacy di custodire al meglio i dati personali.
    E una azienda non può
    certo comunicare al mondo che sta rimettendo a
    posto i suoi sistemi di sicurezza e che quindi
    potrebbero esserci delle falle nel sito:Non c'è nessun motivo per cui sistemando i sistemi di sicurezza dovrebbero uscire delle falle, soprattutto una cosa come quella trovata. Se si devono sistemare i sistemi si tira tutto off-line, e comunque la "falla" in questione non può in alcun modo essere provocata da una manutenzione dei sistemi di sicurezza, a meno che un tecnico scriteriato non l'abbia creata per accedere più rapidamente ai dati.
    Che poi CartaSi abbia dato delle risposte non del
    tutto soddisfacenti, sono d'accordo con voi: ma
    non credo che questo sia sufficiente a bollarli
    da incompetenti.Ci sono risposte non soddisfacenti e ci sono risposte da stronzi e menefreghisti prima che incompetenti.
    Dico solo che la mia azienda, che è fatta da 40
    dipendenti, spende miliardi in sicurezza: posso
    solo immaginare quello che spende CartaSi...Se hanno anche speso per fare un "sistema di sicurezza" del genere sono proprio dei deficienti.
    Poi, se proprio non vi piace, perchè non vi
    limitate a cambiare carta di credito?Perchè intanto che adesso cambio carta per mesi qualcuno ha già potuto accedere ai miei dati, e questo non mi va giù come fosse niente.
  • Anonimo scrive:
    Ditemi che ho capito male!!
    bastava cambiare l'id dell'utente per poter accedere ai dati?Non e' possibile perche' qualsiasi pseudo programmatore smanettone alle prime armi avvia una sessione quando autentica un'utente e basandosi su quella ne determina i permessi.Figuriamoci una software house che lavora per un banca, noooo deve essere per forza spiegato male nell'articolo. :| :| :|
  • Anonimo scrive:
    Se per loro cambiare un id...
    e' un operazione complessa da "esperti" allora mi chiedo quali siano le reali capacita' dei loro tecnici :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    - Scritto da: Anonimo
    .ma chi diamine è
    il malato mentale che in un sito di CARTE DI
    CREDITO, la cosa più sensibile per le finenze
    private ci sia su Internet, usa quel metodo di
    query? e probabilmente nessuno ha provato ma
    sicuro che c'è qualche buffer overflow o SQL
    injection perchè se sei tanto pirla da lasciare
    l'ID in una GET sbattendotene della sessione,
    allora anche il resto farà pena..Ma secondo te le persone che lavorano su questi progetti all'interno di grandi aziende sono esperti informatici, gente in gamba, che utilizza con scrupolo gli strumenti migliori che ci sono a disposizione, o sono persone che si trovano li' perche' hanno ottenuto la patente europea tramite il CEPU, in sub-sub appalto, e costretti ad usare l'unico strumento che c'e' (e che corrisponde incidentalmente a quello che hanno imparato al CEPU)?Da quando in qua la sicurezza dei dati va a braccetto col sano principio del "basta che funzioni"?
    • Anonimo scrive:
      Re: Daniele Bisol: la mia versione
      - Scritto da: Anonimo
      Da quando in qua la sicurezza dei dati va a
      braccetto col sano principio del "basta che
      funzioni"?Da quando CartaSì perderà metà dei suoi clienti, probabilmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Daniele Bisol: la mia versione
      secondo me sono laureati informatici (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: Daniele Bisol: la mia versione
        Il problema... è che "fare pagine web" è considerato un lavoretto al pari di pulire le scale... chiami il 15enne (e sarebbero capaci di farlo anche quelli di cartaSi) e gli fai fare il sistemino... sti pezzidideficientichediolifulmini non hanno capito che la vita reale e la vita virtuale NON SONO DIVERSE oggigiorno. Se un ingegnere che fa una casa deve risponderne... oppure se ti fai una casa da solo devi farla dichiarare agibile dal suddetto ing., PERCHè allora sti cazzo di sistemi che dovrebbero difendere i nostri soldi (e che potenzialmente fanno MOLTO PIù danno di una casa che crolla, in termini economici indendiamoci...) non devono avere la stessa certificazione? Perchè l'ultimo degli sprovveduti può creare un sito di e-commerce? Perchè lo stato autorizza l'incompetenza? (e non solo in Italia). Chi l'ha fatto quel sito? Questo sarebbe da appurare! Sono persone qualificate? O è l'azienda (come sospetto) neoformata del cugGino del cognato del fratello dello zio dell'amico del megapresidente di CartaSI? E poi sti deficienti dicono che non li hanno messi nel get li hanno messi nel post? E i certificati dove stanno? Cioè tu mi fai accedere ad un sito di e-banking senza certificato? Solo perchè solo 1% della popolazione mondiale è in grado di fare un attacco man in the middle magari... bel modo di ragionare... siamo 6 miliardi ormai... la probabilità non è il loro forte mi sembra... e la sessione la fanno stateless? Così chiunque a metà strada può recuperare ID, password e altre amenità dalle cache internet? Bello... bello... se continua così il mondo internet vedrete come i servizi a pagamento decolleranno... vedrete!
      • Anonimo scrive:
        Re: Daniele Bisol: la mia versione
        E magari qualcuno ha pure vinto il capture the flag 2005 e mentre catturava la bandiera, gli trombavano il sito del posto in cui lavora hahahahah BUFFONI.
      • arnolDev scrive:
        Re: Daniele Bisol: la mia versione
        - Scritto da: Anonimo
        secondo me sono laureati informatici (rotfl)Mi piacerebbe sapere che titolo di studio possiede chi fa certe affermazioni.. Al di la di queste cose che forse non meritano neanche risposta, voglio esprimere tutta la mia solidarietà verso Daniele Bisol.Sono rimasto a dir poco sbalordito dal suo racconto, perche' essendo un laureando in informatica mi rendo conto della gravita' di questo baco. Penso che in questo caso non si possa parlare neanche di baco, in quanto e' palese che non si tratta di un errore del sistema, ma di un orrore di chi tale software l'ha progettato e implementato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Daniele Bisol: la mia versione

          perche' essendo un laureando in
          informatica mi rendo conto della gravita' di
          questo baco. Minchia! e ti serve la laurea per questo? :D
          Penso che in questo caso non si
          possa parlare neanche di baco, in quanto e'
          palese che non si tratta di un errore del
          sistema, ma di un orrore di chi tale software
          l'ha progettato e implementato. E' strano che tu dica di essere laureato in informatica e dimostri di non avere idea di come si produca software, sara' mica vero che le lauree triennali hanno affossato la professionalita' :|
          • arnolDev scrive:
            Re: Daniele Bisol: la mia versione
            - Scritto da: Anonimo

            perche' essendo un laureando in

            informatica mi rendo conto della gravita' di

            questo baco.

            Minchia! e ti serve la laurea per questo? :D


            Penso che in questo caso non si

            possa parlare neanche di baco, in quanto e'

            palese che non si tratta di un errore del

            sistema, ma di un orrore di chi tale software

            l'ha progettato e implementato.

            E' strano che tu dica di essere laureato in
            informatica e dimostri di non avere idea di come
            si produca software, sara' mica vero che le
            lauree triennali hanno affossato la
            professionalita' :|Ti do ragione sul fatto che per rendersi conto della gavita' di un baco simile, non occorre avere una laurea triennale. Secondo, quando dicevo che si trattava di un orrore è perche' mi rendo conto che il fatto che loro ricavino l'id dell'utente dalla query string per poi utilizzarlo per fare la query al DB, sia un errore gravissimo. Detto questo sei libero di pensarla come vuoi, pero' quando si esprime un parere sarebbe buona prassi giustificarlo con delle opinioni a riguardo.Per ultima cosa vorrei dirti che se continui a postare sul forum da utente "non registrato" non avrai piu' repliche dalla mia persona.
          • Anonimo scrive:
            Re: Daniele Bisol: la mia versione
            - Scritto da: arnolDev
            Per ultima cosa vorrei dirti che se continui a
            postare sul forum da utente "non registrato" non
            avrai piu' repliche dalla mia persona.Profilo di arnolDevProfilo non ancora compilatoMi chiamo:abito aLa mia professione èI miei hobby: GRANDE LAUREATO!PROOOOOOOOOOT!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Daniele Bisol: la mia versione
            - Scritto da: arnolDev
            Secondo, quando dicevo che si trattava di un
            orrore è perche' mi rendo conto che il fatto che
            loro ricavino l'id dell'utente dalla query string
            per poi utilizzarlo per fare la query al DB, sia
            un errore gravissimo. Ma che paroloni che sapete voi laureati!
          • arnolDev scrive:
            Re: Daniele Bisol: la mia versione
            Vorrei solo ricordare a chi mi da per laureato che nel mio primo post sull'argomento ho usato il seguente termine : "laureando".Ringraziando comunque tutti coloro che mi attribuiscono questo titolo, gli consiglio di andare a guardarsi il significato del termine da me usato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Daniele Bisol: la mia versione
            - Scritto da: arnolDev
            Vorrei solo ricordare a chi mi da per laureato
            che nel mio primo post sull'argomento ho usato il
            seguente termine : "laureando".non avevi smentito dopo la prima volta che era stato detto
      • Anonimo scrive:
        Re: Daniele Bisol: la mia versione

        secondo me sono laureati informatici (rotfl)I laureati informatici al massimo progettano il sistema e se viene richiesto anche la sicurezza, poi smanettoni e/o periti informatici trasformano il tutto in codice il piu' delle volte impossibile da mantenere.Un buco del genere puo' essere giustificato, a fatica, solo in caso di un'applicazione che deve girare in una intranet e mantenere semplici le cose e' un valore.
  • Anonimo scrive:
    Redazione sbaglio o
    ieri sera non c'era scritto "Riportandogli il tutto, Bisol, scopritore della falla, ha voluto solo sottolineare che" ?Denuncio-fobia? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Redazione sbaglio o
      C'è ancora infatti, sono le ultime righe
      • Anonimo scrive:
        Re: Redazione sbaglio o
        - Scritto da: Anonimo
        C'è ancora infatti, sono le ultime righeIo ho detto che NON c'era, mi sembra che fosse scritto solo:"La pagina in questione era in una popup, ovviamente senza la barra degli indirizzi. Quindi la "complessa operazione" di cui parlano per vedere l'Url è selezionare dal menu di Internet Explorer la voce "File
        Nuovo
        Finestra", (CTRL+N per i più... esperti)"Quindi riportata come una considerazione del redattore, invece adesso viene detto che è stato Bisol a farla.
        • Lamb scrive:
          Re: Redazione sbaglio o
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          C'è ancora infatti, sono le ultime righe

          Io ho detto che NON c'era, mi sembra che fosse
          scritto solo:

          "La pagina in questione era in una popup,
          ovviamente senza la barra degli indirizzi. Quindi
          la "complessa operazione" di cui parlano per
          vedere l'Url è selezionare dal menu di Internet
          Explorer la voce "File
          Nuovo
          Finestra",
          (CTRL+N per i più... esperti)"

          Quindi riportata come una considerazione del
          redattore, invece adesso viene detto che è stato
          Bisol a farla.Posso garantirti che c'era gia' :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    Intollerabile, intollerabile :(E ti hanno anche dato del truffatore....ma che razza di burocrati presuntuosi e incompetenti...Ci starebbe la denuncia per calunnia, ci hai pensato ?Mi viene voglia di cambiare carta di credito.Di sicuro cancellerò la mia registrazione sul quel sito.
  • Anonimo scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    non hanno spiegato se ti monitoravano in realtime o guardando i log di IIS una settimana dopo...
  • Anonimo scrive:
    Un ultima cosa...
    ma perchè non vi fate assumere tutti da Carta Si come consulenti alla sicurezza.. tutto sarebbe risolto !.Ufff !
    • Anonimo scrive:
      Re: Un ultima cosa...
      - Scritto da: Anonimo
      ma perchè non vi fate assumere tutti da Carta Si
      come consulenti alla sicurezza.. tutto sarebbe
      risolto !.Penso che sia la società a doversi preoccupare di queste cose, noi possiamo solo annullare la carta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un ultima cosa...
      - Scritto da: Anonimo
      ma perchè non vi fate assumere tutti da Carta Si
      come consulenti alla sicurezza.. tutto sarebbe
      risolto !.Ma perchè invece Carta Si non assume un esperto di sicurezza vero? Ovviamente dovresti pagarlo, sai...Ufff...
  • Anonimo scrive:
    Io non vorrei dire...
    ma... se il signore che si è accorto della falla di sicurezza e da Voi beatificato quasi come un martire di Carta Si...( ma chi cacchio lo ha obbligato a usufruire dei loro servizi...?) si fosse realmente preoccupato della sicurezza dei suoi dati e munito di senso civico anche per il suo prossimo avesse fatto presente la cosa ( quanto gli hanno dato i vari giornali per lo scoop alla faccia di un'azienda che nel bene e nel male comunque spende soldi per gestire un servizio che costa la ridicola cifra di 50.000 delle vecchie lire all'anno e che vi permette di sfigheggiare con la c.c. che fa tanto tendenza...) ai responsabili tutto sarebbe realmante, andata come dice lui, ma siccome l'italiano " medio " è furbetto ed i signori che scrivono su questo thread ne sono un esempio eccezzionale ( vedi sito da lame malpagati, il log del firewall..etc etc ), ha pensato bene di sfruttare la cosa a suo profitto e... non racconti balle dicendo che non è così, possono crederlo giusto i ragazzini che scrivono, non quelli con 30 anni di professione alla spalle, vero ragassuoli ??.Ande a lavurà... fancazzisti !.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vorrei dire...
      CartaSì non si cura della sicurezza ma alle pubbliche relazioni è sempre attenta eh
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vorrei dire...
      - Scritto da: Anonimo
      ma... se il signore che si è accorto della falla
      di sicurezza e da Voi beatificato quasi come un
      martire di Carta Si...( ma chi cacchio lo ha
      obbligato a usufruire dei loro servizi...?)Vai a farti fottere pirla
      ( quanto gli hanno dato i vari giornali per lo
      scoop alla faccia di un'azienda che nel bene e
      nel male comunque spende soldi per gestire un
      servizio che costa la ridicola cifra di 50.000
      delle vecchie lire all'anno e che vi permette di
      sfigheggiare con la c.c. che fa tanto
      tendenza...)E poi ciucciamo il cazzo 30? per gestire niente visto che i circuiti sono di altri e da aggiungere al 19% di tasso su ogni transazione + 1,03? per ogni estratto conto su carta se si vuole limitare un po' la possibilità che diano apertamente i dati della carta a chiunque.
      ai responsabili tutto sarebbe
      realmante, andata come dice lui, ma siccome
      l'italiano " medio " è furbetto ed i signori che
      scrivono su questo thread ne sono un esempio
      eccezzionale ( vedi sito da lame malpagati, il
      log del firewall..etc etc )Ma sei L.M.?
      , ha pensato bene di
      sfruttare la cosa a suo profitto e... non
      racconti balle dicendo che non è cosìE' CartaSì che lo dice ma tutti questi discorsi non c'entrano un cazzo con la gravità dell'avvenuto
      , possono crederlo giusto i ragazzini che scrivono, non
      quelli con 30 anni di professione alla spalle,
      vero ragassuoli ??.Che professione troia di strada?
      Ande a lavurà... fancazzisti !.No sei solo un troll
    • Anonimo scrive:
      Re: Io non vorrei dire...
      - Scritto da: Anonimo
      ma... se il signore che si è accorto della falla
      di sicurezza e da Voi beatificato quasi come un
      martire di Carta Si...( ma chi cacchio lo ha
      obbligato a usufruire dei loro servizi...?)Se scrivevi dei NOSTRI servizi eri più sincero...
      fosse realmente preoccupato della sicurezza dei
      suoi dati e munito di senso civico anche per il
      suo prossimo avesse fatto presente la cosaE perchè dovrebbe? E' forse un dipendente della banca? Di CartaSi?Se mi licenziano e non posso pagare il mutuo, la banca ha senso civico e mi dilaziona il pagamento, per caso?
      ma siccome
      l'italiano " medio " è furbetto ed i signori che
      scrivono su questo thread ne sono un esempio
      eccezzionale Non esiste che tu mi metti online un servizio di home banking in condizioni di sicurezza ridicola, se non lo sai fare NON LO FAI. Oppure ti fai un bel server di testing, e ogni tanto metti offline l'applicazione e aggiorni, preferisco di gran lunga aspettare cinque minuti piuttosto che mettere in mano il mio conto al primo smanettone che passa di lì.Proprio perchè ci sono in giro tanti "furbetti" tu che vuoi offrire un servizio lo devi fare a regola dell'arte.( vedi sito da lame malpagati, il
      log del firewall..etc etc )Ehh?!?
      ha pensato bene di
      sfruttare la cosa a suo profitto e... non
      racconti balle dicendo che non è così, possono
      crederlo giusto i ragazzini che scrivono, non
      quelli con 30 anni di professione alla spalle,
      vero ragassuoli ??.A me non frega nulla se lui ci guadagna o meno in soldi o celebrita'. Mi frega che la mia banca tiene i dati del mio conto a disposizione di chiunque sappia modificare una querystring.
      Ande a lavurà... fancazzisti !.Vorrei vedere se i soldi erano i tuoi che avresti detto... chi va a lavorare ci tieni ai suoi soldini, proprio perchè se li è guadagnati. E non gli va molto giù di rischiarli perchè la sua banca ha una manica di incapaciBasta con il political correct, è ora di dire che gli incapaci devono andare a casa.
  • Anonimo scrive:
    Sempre Io
    "cosa succede in Italia nel mondo IT"Società di ricerca personale che si sono messe a fare il time material, sembra autorizzate da apposita normativa, contratti a progetto, smanettoni che lavorano per due Euro al mese su cui ci lucrano in 20, zero formazione, nessun albo o certificazione per poter operare, ... e poi ti trovi pure a rischio con i dati della tua carta di credito. Dovevo avvisare? guardate avete fatto un "errorino", roba da poco, non preoccupatevi .. Eh no, cornuto e mazziato ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Daniele Bisol: la mia versione
    dichiarazioni di CartaSI di questo genere costituiscono insulti a chi invece meriterebbe di essere ringraziato, offese ai lettori di Punto Informatico, e prova di incapacità attraverso il tentativo di scaricare su una vittima le colpe e le omissioni di chi le ha perpetrate. - FabioD
  • Anonimo scrive:
    Carte Clonate
    E chissà perchè un giorno puff, ti clonano la carta....
  • Anonimo scrive:
    Deja-vu
    Ma non era successo lo stesso a Trenitalia?http://punto-informatico.it/p.asp?i=51493Forse si sarebbe meglio a prendere più sul serio la "fuga dei cervelli"... :-))
  • Anonimo scrive:
    ingrati...
    ... a essere gentili!Invece di essere riconoscenti a chi segnala falle di sicurezza, come si fa in ogni comunità informatica, ci si difende tacciandolo di truffa e disattenzione.
  • Anonimo scrive:
    Banalità
    E' ovvio e banale capire che le parole di CartaSi sono menzogne.E' ovvio e banale capire che queste menzogne sono l'unica cosa che avrebbero potuto dire.E' ovvio e banale capire che non avrebbero mai detto la verita'.E' ovvio e banale capire che le dichiarazioni ufficiali hanno valore pari a zero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Banalità
      Ma se hanno detto tutto? Hanno detto tutto minimizzando la cosa, ma hanno detto tutto tanto della sicurezza non gli frega una minchia a loro.
  • Anonimo scrive:
    Spesso la sfacciataggine...
    ...gioca brutti scherzi. A me sembra che i tecnici di CartaSì ne siano affetti. Ma come e' possibile pensare che l'utente normale non sia in grado di leggere un url in una finestra popup ? Almeno avessero avuto il buon senso di stare zitti battendosi il petto (mea culpa)e chiedendo perdono. E invece si sono gonfiati come pavoni attaccando l'utente e considerandolo addirittura un truffatore... poverino, ha solo modificato un URL.Daniele, questo e' il mio consiglio : mandali.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Spesso la sfacciataggine...
      - Scritto da: Anonimo
      Almeno avessero avuto il buon senso di stare
      zitti battendosi il petto (mea culpa)e chiedendo
      perdono.Ma che perdono vuoi avere per aver basato l'accesso ai dati su una url con un id dentro?
  • grassman scrive:
    La sicurezza dei cookie
    "Cambiare la URL di un sito non è certamente illegale e, se l'utente avesse fatto questo, non avrebbe potuto accedere a dati di terze persone. Il Signor Bisol ha invece compiuto operazioni (che non staremo a dettagliare) diverse e più complesse, accedendo ripetutamente (quattro volte in tutto) a dati non suoi: un comportamento tipico dei truffatori."Ok, il Bisol ha modificato il cockie. Questo per esclusione, dato che non si parla di cracking di password.Ma si può, dico!, affidare la sicurezza ad un biscottino?Può essere che gli ingegneri pluridecorati di Carta Si non abbiano pensato di inserire nel cookie un checksum o una chiave di signature?C'è una legge che vieta di modificare un cookie? Forse si, forse no. Ma sicuramente andrebbe vietato di basarci sopra la sicurezza. E' da pirla!La legge sulla privacy parla chiaro. Va punito anche chi non ha saputo applicare le misure minime previste.Altro che comportamento da truffatori, qui con questi conti onLine gestisti all'acqua di rose... conviene tornare ai soldi sotto il mattone.Altro che home banking...Qui dovrebbe intervenire la banca d'italia e verificare se la sicurezza delle banche e dei circuiti di credito siano sufficientemente sicuri.(Quando ho scritto questo post non avevo letto l'ultima riga dell'articolo: la risposta di Bisol. Se le cose stanno proprio così [ctrl+N] allora è 10e10 volte peggio.)==================================Modificato dall'autore il 24/06/2005 9.44.48
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza dei cookie
      l'hai letto tutto l'articolo? pare bastasse crtl-n
      • grassman scrive:
        Re: La sicurezza dei cookie
        - Scritto da: Anonimo
        l'hai letto tutto l'articolo? pare bastasse crtl-nHai ragione. Mi era sfuggita (probabilmente non mi avava caricato tutta la pagina).Se i cookie erano un male, questo sistema di protezione è sicuramente un atteggiamento in violazione delle misure minime di sicurezza contenute nel testo unico sulla privacy.E' come se non mettono i vetri in gioielleria e stanno li a vedere chi si prende i gingilli.Se fossi un cliente carta si, una volta accertate le avvermazioni di Bisol, penserei se cambiare istituto.
        • Anonimo scrive:
          Re: La sicurezza dei cookie
          - Scritto da: grassman
          Se fossi un cliente carta si, una volta accertate
          le avvermazioni di Bisol, penserei se cambiare
          istituto.Sono un loro cliente.Ma un clientino: ci tengo pochi soldi per mandare avanti i pagamenti online (tipo che se no l'hosting company mi butta giu` il sito...).Piu` che altro consiglierei di fare cosi`: come si fa a essere sicuri che gli altri istituti applichino delle misure di sicurezza? (no, non misure "migliori": misure e basta, perche` qui evidentemente non ce n'erano)
          • grassman scrive:
            Re: La sicurezza dei cookie

            Piu` che altro consiglierei di fare cosi`: come
            si fa a essere sicuri che gli altri istituti
            applichino delle misure di sicurezza? (no, non
            misure "migliori": misure e basta, perche` qui
            evidentemente non ce n'erano)carta di debito docet?
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza dei cookie
      Quando ho scritto questo post non avevo letto l'ultima riga dell'articolo: la risposta di Bisol. Se le cose stanno proprio così [ctrl+N] allora è 10e10 volte peggio.)MA come, fai sfoggio di sapienza infinita, dai del pirla a chi non fa ciò che tu faresti e poi....non sai di ctrl +n..che vergogna !:- Scritto da: grassman
      "Cambiare la URL di un sito non è certamente
      illegale e, se l'utente avesse fatto questo, non
      avrebbe potuto accedere a dati di terze persone.
      Il Signor Bisol ha invece compiuto operazioni
      (che non staremo a dettagliare) diverse e più
      complesse, accedendo ripetutamente (quattro volte
      in tutto) a dati non suoi: un comportamento
      tipico dei truffatori."

      Ok, il Bisol ha modificato il cockie.
      Questo per esclusione, dato che non si parla di
      cracking di password.

      Ma si può, dico!, affidare la sicurezza ad un
      biscottino?
      Può essere che gli ingegneri pluridecorati di
      Carta Si non abbiano pensato di inserire nel
      cookie un checksum o una chiave di signature?

      C'è una legge che vieta di modificare un cookie?
      Forse si, forse no. Ma sicuramente andrebbe
      vietato di basarci sopra la sicurezza. E' da
      pirla!

      La legge sulla privacy parla chiaro. Va punito
      anche chi non ha saputo applicare le misure
      minime previste.

      Altro che comportamento da truffatori, qui con
      questi conti onLine gestisti all'acqua di rose...
      conviene tornare ai soldi sotto il mattone.

      Altro che home banking...

      Qui dovrebbe intervenire la banca d'italia e
      verificare se la sicurezza delle banche e dei
      circuiti di credito siano sufficientemente
      sicuri.

      (Quando ho scritto questo post non avevo letto
      l'ultima riga dell'articolo: la risposta di
      Bisol. Se le cose stanno proprio così [ctrl+N]
      allora è 10e10 volte peggio.)


      ==================================
      Modificato dall'autore il 24/06/2005 9.44.48
  • Anonimo scrive:
    Manutenzione ???
    "... una serie di lavori di manutenzione sui portali e queste attività hanno spesso ripercussioni sui livelli di sicurezza ..."Salve, sono un responsabile di CartaSi, qualche volta facciamo MANUTENZIONE direttamente sul portale online e questo fa si che i numeri delle vostre carte di credito potrebbero essere visionati da altri.Ma secondo voi è al corrente di quello che sta dicendo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Manutenzione ???
      Boh, sarò io un caso particolare ma quando devo aggiornare o lavorare sul mio forum lo metto offline... e non si tratta certo di dati di carte di credito! al massimo scoprono che sono appasionato di Videogiochi e starwars.
  • ivanoez scrive:
    Link cartasi.it errato
    Nelle prime righe della notizia si riporta un link al sito della CartaSì.Il link verso il sito di CartaSì è errato.www.cartsi.it è uno di quei siti pre-registrati. Occhio alla trappola pubblicitaria! Non usate Explorer per fare i vostri esperimenti.Per fortuna chi ha linux può clikkare senza preoccuparsi di beccare uno spy!
    • Anonimo scrive:
      Re: Link cartasi.it errato
      Oddio, e` vero.Mah, niente spybots qui (firefox 1.0.4) ma dico: possibile che non abbiano pensato di registrarsi www.cartasi.it?
      • Anonimo scrive:
        Re: Link cartasi.it errato
        - Scritto da: Alex¸tg
        Oddio, e` vero.
        Mah, niente spybots qui (firefox 1.0.4) ma dico:
        possibile che non abbiano pensato di registrarsi
        www.cartasi.it?Vai a letto, vai :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Link cartasi.it errato
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Alex¸tg

          Oddio, e` vero.

          Mah, niente spybots qui (firefox 1.0.4) ma dico:

          possibile che non abbiano pensato di registrarsi

          www.cartasi.it?

          Vai a letto, vai :)Macche`, ho detto ora in quell'altro thread sui qbits che m'e` venuta fame... :p
          • Anonimo scrive:
            Re: Link cartasi.it errato
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1042911&tid=1042900&p=1&r=PI#1042911
          • Anonimo scrive:
            Re: Link cartasi.it errato
            No, aspetta un attimo: 2017 porta male.Devo postarne un altro ora...* click *
          • Anonimo scrive:
            Re: Link cartasi.it errato
            - Scritto da: Alex¸tg
            No, aspetta un attimo: 2017 porta male.
            Devo postarne un altro ora...Erano solo 27
          • Anonimo scrive:
            Re: Link cartasi.it errato
            vado a dormire :)
  • Anonimo scrive:
    Su Mozilla...
    Per gli aspiranti hacker Mozilliani, invece di aprire una nuova pagina che copia automaticamente il contenuto di quella corrente (del pop-up, in questo caso), è sufficiente premere il tasto destro del mouse e selezionare "View Page Info" dal menu contestuale per ottenere l'URL della pagina anche quando manca la barra degli indirizzi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Su Mozilla...
      Per gli aspiranti hacker IEani basta premere il tasto destro del mouse e selezionare "Proprietà" dal menu contestuale.- Scritto da: Anonimo
      Per gli aspiranti hacker Mozilliani, invece di
      aprire una nuova pagina che copia automaticamente
      il contenuto di quella corrente (del pop-up, in
      questo caso), è sufficiente premere il tasto
      destro del mouse e selezionare "View Page Info"
      dal menu contestuale per ottenere l'URL della
      pagina anche quando manca la barra degli
      indirizzi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Su Mozilla...
        wow a scuola di hacker!!come si fa il copia-incolla??
        • Anonimo scrive:
          Re: Su Mozilla...
          - Scritto da: Anonimo
          wow a scuola di hacker!!
          come si fa il copia-incolla??non te lo possiamo dire... quello è nel corso avanzato :D:D:D
          • Anonimo scrive:
            Re: Su Mozilla...
            SCIOCCONI...si fa....COPIA E INCOLLA...BA' !- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            wow a scuola di hacker!!

            come si fa il copia-incolla??

            non te lo possiamo dire... quello è nel corso
            avanzato :D:D:D
          • Anonimo scrive:
            Re: Su Mozilla...
            - Scritto da: Anonimo
            SCIOCCONI...si fa....COPIA E INCOLLA...BA' !Ci sono anche dei metodi speciali che usano gli accker con il solo utilizzo della tastiera :|
          • shezan74 scrive:
            Re: Su Mozilla...
            Se paghi con la carta di credito te lo diciamo anche nel corso utonto :D - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            wow a scuola di hacker!!

            come si fa il copia-incolla??

            non te lo possiamo dire... quello è nel corso
            avanzato :D:D:D
      • Anonimo scrive:
        Re: Su Mozilla...
        Per gli aspiranti hacker MAXTHONiani basta fare...niente!la url di un popup è visibile, è sufficiente massimizzarlo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Su Mozilla...
          - Scritto da: Anonimo
          Per gli aspiranti hacker MAXTHONiani basta fare...

          niente!

          la url di un popup è visibile, è sufficiente
          massimizzarlo.E si massimizza da sola? :(
  • Anonimo scrive:
    Disdetta!
    Sono stato cliente di CartaSì dal 2000 fino a maggio, il loro sito nell'aera utenti, non è mai stato cambiato o rinnovato, è una carta che può essere chiesta solo attraverso le banche, limite dicredito infimo e flessibilità 0, nessun cambio di modalità di rimborso saldo/rate a piacimento, inutilmente costosa ed inoltre cercano di fregarti con i programmi a punti che devi sottoscrivere a pagamento.. MHA!
  • Anonimo scrive:
    ecco cosa mi preoccupa...
    PI: Cosa possiamo dire ora ai clienti CartaSì per rassicurarli sul fatto che non c'è alcun problema sul sito in materia di trattamento dei dati personali o sicurezza dei sistemi?C: I dati personali dei nostri clienti sono trattati in assoluta conformità alla normativa vigente. cioè?sei "a norma", quindi con il cu.. le spalle coperte, per cui hai fatto il tuo dovere?e se la norma è indietro rispetto allo stato dell'arte? te ne puoi fregare perché nessuno ti può mandare in galera?.... mmm... pessima risposta....
    • Anonimo scrive:
      Re: ecco cosa mi preoccupa...
      - Scritto da: Anonimo
      e se la norma è indietro rispetto allo stato
      dell'arte? te ne puoi fregare perché nessuno ti
      può mandare in galera?

      .... mmm... pessima risposta....Perchè dire che i dati erano protetti perchè accessibili solo da una url analoga a una corrispondente a un pop-up è una cosa rassicurante?
  • Anonimo scrive:
    Cialtroni!
    Se questa è la sicurezza che i signori di CartaSì pensano di propinarci, si sbagliano di grosso.
  • Anonimo scrive:
    Esperienza personale
    Lavoro per CartaSì da parte di società di consulenza superfiga che ovviamente passa a società più piccole, che non hanno il nome ma le capacità, il lavoro in parte o in toto.Nulla a che fare col sito in questione.Ad un certo punto avevamo bisogno di un file di prova contenenti certi dati statistici e indovinate cosa ci siamo visti recapitare? Un file di strisciate dei loro clienti. Cioè, la tizia X che ha pagato N dal benzinaio, il tizio Y con la sua spesa al supermercato... un bel po di queste operazioni.Cosa da mettersi le mani nei capelli. Meno male che siamo stati onesti, abbiamo buttato il file e gli abbiamo richiesto quello corretto.Avrei potuto tenermi questa sera questa storia per me. Ma mi sono rotto di aziende che tengono solo alle apparenze e si nascondono dietro un fiume di parole vuote. Signori, sbagliare è umano. Rimboccatevi le mani e fate del vostro meglio senza prenderci per il sedere. L'onestà è più apprezzata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienza personale P.S.
      Fatto avvenuto qualche anno fa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Esperienza personale P.S.
        - Scritto da: Anonimo
        Fatto avvenuto qualche anno fa.Adesso si sono evoluti i dati li distribuiscono via internet
        • Anonimo scrive:
          Re: Esperienza personale P.S.
          occhio che ti stanno monitorando...da questo momento hai circa tre ore di tempo per scappare prima che tre ometti vestiti di nero vengano a prenderti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Esperienza personale P.S.
            Oddio, gli uomini in nero?Dov'e` il martinmystere?
          • Anonimo scrive:
            Re: Esperienza personale P.S.
            Non ci scherzate più di tanto su queste cose...- Scritto da: Alex¸tg
            Oddio, gli uomini in nero?
            Dov'e` il martinmystere?
          • Anonimo scrive:
            Re: Esperienza personale P.S.
            Figurati, tanto il post anonimo mica l'avevo scritto io... :P* si fabbrica un'arma a raggi con le ruote della bicicletta *Ecco, ora sono pronto!"Per la Pace nel Mondo ™ li combattero` con il Daitarn v. IIIb ™. Se non hanno paura di questa potenza [anche se purtroppo e` ancora una beta e a volte si pianta sull'attacco solare], si facciano avanti!"
          • Anonimo scrive:
            Re: Esperienza personale P.S.
            :@ CON IL POTERE DI GREYSKULL!!! :@
          • Anonimo scrive:
            Re: Esperienza personale P.S.
            - Scritto da: Anonimo
            da questo momento hai circa tre ore di tempo per
            scappare prima che tre ometti vestiti di nero
            vengano a prenderti...Per fortuna non si sono accorti che ero in letto
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienza personale
      Grande, hai avuto un bel coraggio a metterti controquesti "signori", vedrai che ti denunciano per diffamazione.... sai hanno la denuncia molto ma moltofacile sai loro hanno i soldi.....Un amico.
  • Anonimo scrive:
    la tecnologia di sicurezza di cartasi
    ......i frame:s
    • Anonimo scrive:
      Re: la tecnologia di sicurezza di cartas
      - Scritto da: Anonimo
      ......i frame
      :sNo ma che dici sono mica stupidi loro usano i pop-up :s
  • Anonimo scrive:
    I tecnici di CartaSìgh!!!!
    Ma cos'è? Uno scherzo?I signori di CartaSì avrebbero dovuto tacere, piuttosto che rilasciare interviste ridicole ai vari organi d'informazione.Spero almeno che abbiano fiondato il direttore IT e la società fornitrice del sistema.
    • Anonimo scrive:
      Re: I tecnici di CartaSìgh!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Spero almeno che abbiano fiondato il direttore IT
      e la società fornitrice del sistema.Da come parlano gli avranno dato un bonus per compensare lo stress delle accuse lanciate dai cattivoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: I tecnici di CartaSìgh!!!!
      Di per sè una falla di sicurezza di quel tipo è scandalosa, ma le fantasiose giustificazioni che hanno dato nell'intervista sono ben peggiori.Non c'è bisogno di essere esperti informatici per comprendere le divertenti castronerie che hanno detto.Lack
  • Anonimo scrive:
    Santo ciele
    CartaSì NÒ, con me hai chiuso, e dire che ho appena rinnovato... :
    • Anonimo scrive:
      Re: Santo ciele
      - Scritto da: Anonimo
      CartaSì NÒ, con me hai chiuso, e dire che ho
      appena rinnovato... :esagerato
      • Anonimo scrive:
        Re: Santo ciele
        - Scritto da: Anonimo

        CartaSì NÒ, con me hai chiuso, e dire che ho

        appena rinnovato... :

        esageratoLasciano accedere ai dati delle carte senza nessuna protezione e poi si difendono dicendo che non si poteva vedere l'url perchè era un pop-up, questo basta e avanza per telefonargli domani e far chiudere tutto anche se perdo un anno già pagato. Secondo me l'unica cosa che hanno fatto adesso è cambiare l'url.
    • piccolatigre scrive:
      Re: Santo ciele

      CartaSì NÒ, con me hai chiuso, e dire che ho
      appena rinnovato... :Come si suol dire, se Atene piange, Sparta non ride...Non credo che CartaSì sia gestita da bucanieri caraibici negati per l'informatica, e tutte le altre società da cherubini preparatissimi. E' toccato qualche giorno fa a MasterCard, qualche tempo prima ad American Express...
      • Anonimo scrive:
        Re: Santo ciele
        Le affermazioni di CartaSì battono chiunque, comunque credo che fino a quando non avrò in conto una decina di miliardi d'ora in poi userò solo bancomat (sperando bene) e prepagate.
  • Anonimo scrive:
    Ma chi ci crede ???
    Prima mettono su un sito fatto da lamer sottopagati e poi dicono che era tutto sotto controllo... ma valà... vorrei sapere proprio come sono riusciti a monitorare una situazione del genere... ma per piacere.A posteriori sono andati a vedersi i log del firewall, ecco perchè hanno visto che cosa ha fatto quel tizio. A chi la vogliono dare a bere ?e PI li intervista pure...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi ci crede ???
      - Scritto da: Anonimo
      Prima mettono su un sito fatto da lamer
      sottopagati e poi dicono che era tutto sotto
      controllo... ma valà... vorrei sapere proprio
      come sono riusciti a monitorare una situazione
      del genere... ma per piacere.

      A posteriori sono andati a vedersi i log del
      firewall, ecco perchè hanno visto che cosa ha
      fatto quel tizio. A chi la vogliono dare a bere ?

      e PI li intervista pure...Sinceramente trovo stupenda questa intervista e la chiosa finale del Davide....
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi ci crede ???


        fatto quel tizio. A chi la vogliono dare a bere
        ?



        e PI li intervista pure...

        Sinceramente trovo stupenda questa intervista e
        la chiosa finale del Davide....concordo, una delle migliori
Chiudi i commenti