Cina, quando spammare è necessario

di Alberigo Massucci - Quanto sta avvenendo in Cina segnala come lo spam possa rivelarsi un grimaldello contro i totalitarismi e le oligarchie. Ecco perché, per una volta, c'è da augurarsi il trionfo dello spam


Roma – C’è un piccolo grosso problema che le autorità cinesi stanno cercando di risolvere perché rischia di deflagrare e superare i tanti e rigidi sistemi di controllo: lo spam.

La posta indesiderata che non piace al regime di Pechino non è tanto quella commerciale, che abbonda anche da quelle parti proprio come da noi, quanto invece quella politica. Leggendo tra le righe di una notizia data dall’agenzia di stampa cinese Xinhua , infatti, un numero sempre più elevato di email dal contenuto anti-governativo e democratico ha iniziato a circolare incontrollato sulla rete, raggiungendo le caselle di migliaia, forse milioni, di cinesi.

Le statistiche ufficiali fornite da Xinhua sostengono che ogni giorno nel corso del 2003 sono stati sparati nelle mailbox cinesi quasi 70 milioni di email spammatorie i cui contenuti vengono descritti come “pornografici”, “virus”, “commerciali” e, attenzione perché questo è il punto chiave, “reazionari”.

In un paese che ha fatto del controllo della rete la sua filosofia fin dal primo apparire di Internet, che ha deciso di consentire ai propri cittadini di accedere ad un network filtrato e monitorato dalle autorità con piattaforme di controllo dedicate, email spammatorie dal contenuto politico rappresentano, evidentemente, un elemento di destabilizzazione .

È probabile che un certo numero di dissidenti, anche dall’estero, veda nello spam un’arma di propaganda anti-regime di grande potenza. Fin qui, come noto, chiunque sia stato colto nel pubblicare online proprie critiche al governo pechinese è stato arrestato e sono ancora molti coloro che a causa di una presa di posizione su web sono dietro le sbarre . È evidente che, in una situazione del genere, sfruttare avanzate tecniche spammatorie capaci di rendere pressoché anonimi i mittenti possa diventare una missione sacra per i sostenitori della democrazia e delle libertà individuali.

La grande muraglia che il governo cinese intende erigere contro lo spam, stando ancora alla Xinhua, sarà costituita dai mattoni che riusciranno a mettere insieme i principali ministeri pechinesi, da quello della pubblica sicurezza a quello dell’informazione passando per quello dell’educazione. Come sempre, anche in questo caso le autorità di Pechino intendono agire con velocità e fermezza e hanno dunque ordinato ai gestori dei server email che veicolano la posta elettronica sulla rete cinese di prendere severe misure antispam entro la fine di giugno. Per quella data le autorità vogliono che il 90 per cento dei server possa essere considerato “antispam”.

La stretta contro le email non richieste, iniziata lo scorso settembre con la messa al bando di quelle provenienti da una quantità di server all’estero, sarà senz’altro più efficace che in altri paesi vista la diretta responsabilità dei provider cinesi per la circolazione sui propri network di contenuti illegali. Qualcuno ricorderà anche come nel marzo dell’anno scorso i gestori dei provider furono addirittura costretti ad un giuramento per esprimere il proprio impegno nel combattere le illegalità.

È amaro constatare che l’unica occasione in cui lo spam rischia davvero di essere battuto è proprio quando potrebbe assumere la valenza di un atto di coraggio anziché di viltà.

Alberigo Massucci

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • avvelenato scrive:
    era vecchia
    stranota da almeno un anno...
  • Anonimo scrive:
    nel 2004...
    nel 2004 non ha piu' senso dire "mettiamo i fiori nei nostri cannoni" quindi...mettiamo gli mp3 nei nostri cannoni !!:D
  • Anonimo scrive:
    Protesto!
    Se ci avessero messo una firewire anziché la solita USB 2.0 lo avrei certo preso! ^_^
  • Anonimo scrive:
    Non ci potevo credere
    Ho letto ieri questa notizia ma non ci volevo nè potevo credere del tutto, ora ne ho una conferma in più, come dire...Situazione di utilizzo tipica:"mmmhhh ma avrò messo il lettore mp3 o il caricatore? Spetta che controll..." RA-TA-TA-TA"... Caricatore sbagliato... ah, no, scusi, non volevo...":D
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ci potevo credere
      Eh eh, che vuoi che sia... C'è così tanta sovrappopolazione... Uno più. uno meno...:p ;) :p ;) :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    e che dire...
    della gnocca in bikini col kalashnikov in mano in home page! Secondo me questi faranno affari d'oro!!!;):D
  • Akiro scrive:
    non capisco perkè "di cattivo gusto"?

    Sa tanto di fake di cattivo gusto il singolarissimo prodotto
    venduto da una società britannicaPerkè di cattivo gusto? semmai di cattivo gusto sono le armi... se qualkuno vuole prendere per il qlo la guerra ben venga.Io la trovo quasi una bufala pacifista, come a dire insomma ke quando si è in guerra ad uccidere si spara senza pensare alle conseguenze.byez
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco perkè "di cattivo gusto"
      Sottile accostamento, troppo sottile perché venga recepito dai più. A mio avviso, il messaggio che esce da una bufala del genere rischia di essere preso sul serio e di associare ad un'idea ludica e "leggera" l'utilizzo di un Kalashnicov facendolo diventare quasi un gadget e inducendo la massa (notoriamente sprovvista del tuo/nostro spirito critico) a dimenticare l'utilizzo reale che se ne fa !!Da qui potrebbe scaturire la valutazione di "cattivo gusto".Saluti,Olivit
      • soulista scrive:
        Re: non capisco perkè "di cattivo gusto"
        - Scritto da: Anonimo
        Sottile accostamento, troppo sottile
        perché venga recepito dai più.
        A mio avviso, il messaggio che esce da una
        bufala del genere rischia di essere preso
        sul serio e di associare ad un'idea ludica e
        "leggera" l'utilizzo di un Kalashnicov
        facendolo diventare quasi un gadget e
        inducendo la massa (notoriamente sprovvista
        del tuo/nostro spirito critico) a
        dimenticare l'utilizzo reale che se ne fa !!
        Da qui potrebbe scaturire la valutazione di
        "cattivo gusto".Se la "massa" non ha uno "spirito critico" allora merita di autoeliminarsi dalla faccia della terra
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco perkè "di cattivo gusto"
          Che palle il termine "massa", come che della massa non ne facessimo parte anche "noi" che ce ne discostiamo sempre...:(
          • Anonimo scrive:
            Re: non capisco perkè "di cattivo gusto"
            Hai ragione ma, come recita l'esilarante paradosso sulla statistica, se io consumo 2 pasti al giorno e tu nessuno entrambi avremo consumato (in media) 1 pasto al giorno. Occhio quindi che le medie (masse) sono composte da estremi molto diversi tra loro e che l'italiano medio, in realtà, non esiste!Bye.
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco perkè "di cattivo gusto"?
      Ti ricordi i "bonsai kitten" e l'EROICA lotta di Licia Colo' per la chiusura del sito? E la folla plaudente ed inneggiante alla vittoria contro la crudelta' sugli animali?C'era qualcuno all'epoca, ancora dotato di attivita' cerebrale, che aveva capito che si trattava di una bufala, ma erano i meno... :(Qui mi sa che e' la stessa cosa.
  • Anonimo scrive:
    Differenza fra Ipod e gli altri
    vi chiedo una mano.....io non me ne intendo tanto, secondo voi quale differenza c'è tra l'Ipod della Apple e i lettori mp3 ad harddisk simili della Creative per esempio.Come si giustificano circa 150 di differenza di prezzo fra i due prodotti? Solo per il nome ed il proverbiale design Apple?Siccome sono indeciso su cosa comprare cercavo opinioni in merito.......certo dopo aver vist il lettore da kalashnikov, quasi quasi....grazie
    • avvelenato scrive:
      Re: Differenza fra Ipod e gli altri
      - Scritto da: Anonimo
      vi chiedo una mano.....io non me ne intendo
      tanto, secondo voi quale differenza
      c'è tra l'Ipod della Apple e i
      lettori mp3 ad harddisk simili della
      Creative per esempio.
      Come si giustificano circa 150 di differenza
      di prezzo fra i due prodotti? Solo per il
      nome ed il proverbiale design Apple?

      Siccome sono indeciso su cosa comprare
      cercavo opinioni in merito.......certo dopo
      aver vist il lettore da kalashnikov, quasi
      quasi....

      graziecredo alla fine di essermi rassegnato al fatto che l'ipod sia migliore:più pratico (itunes VS musicmatchjukebox per la gestione dei files)più ergonomico (prova la "ciambellina" dell'ipod e renditi conto di come sia semplice scorrere tra migliaia di files)supporto al formato AAC che è uno dei formati migliori esistenti (sicuramente meglio di mp3, e spesso meglio di OGG)e più piccolo.questo a scapito della batteria, che dura max 6ore, ma vendono kit esterni per aumentarne l'autonomia.. oppure con un po' di traffici in elettronica si riesce ad usare una pila al litio aggiuntiva o due ;) avvelenato che vuole l'ipod :'(
  • Anonimo scrive:
    Non male!
    Un player dentro un caricatore corto per AK! Simpatico! Non mi pare affatto una bufala... Semmai è un po' caro, se no chi sa... forse l'avrei comprato!;) ;) ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non male!
      - Scritto da: Anonimo
      Un player dentro un caricatore corto per AK!
      Simpatico! Non mi pare affatto una bufala...
      Semmai è un po' caro, se no chi sa...
      forse l'avrei comprato!
      ;) ;) ;)Eh... ma non lo puoi usare in Italia nell'AK47, e' considerata "modifica di parte dell'arma" ...senno' il pensierino ce l'avrei fatto pure io! :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Non male!
        - Scritto da: Anonimo
        Eh... ma non lo puoi usare in Italia
        nell'AK47, e' considerata "modifica di parte
        dell'arma" ...senno' il pensierino ce
        l'avrei fatto pure io! :DPerchè, tu hai un Ak47? Semiauto?
  • Anonimo scrive:
    Apocalipse Now.......
    I can't get no satisfaction.......................evvai !!!!
Chiudi i commenti