Cina: sito Sony sotto attacco

Ignoti cracker violano le pagine cinesi dell'azienda, inondandole di messaggi contro il Giappone. La violenta protesta antinipponica corre anche sui fili della Rete


Pechino – Il sito cinese della Sony è stato recentemente assalito da ignoti cracker. L’azienda è stata costretta a chiudere completamente le attività dei server. Le pagine web sono state “imbrattate” con messaggi antigiapponesi con evidente riferimento ai motivi dell’attuale crisi diplomatica sinonipponica.

I messaggi, in lingua inglese ed accompagnati da immagini della bandiera nazionale cinese, sono stati subito rimossi. Ma Sony deve affrontare il dissenso telematico anche su un altro fronte: i suoi centralini cinesi dei customer care sono stati intasati da minacce e scherzi di ogni tipo.

L’attacco contro Sony sembra avere un valore simbolico. Ormai da tempo, il governo centrale di Pechino sta invitando i cittadini al boicottaggio di tutte le merci giapponesi, con particolare riferimento al settore high-tech.

Il movente politico è comunque il più probabile: gli attacchi telematici provenienti dalla Cina sono il naturale proseguimento dell’ondata di manifestazioni antinipponiche scoppiate a Shanghai e Pechino. Il paese del Sol Levante è accusato di sostenere una linea negazionista sulle atrocità commesse in Cina durante il secondo conflitto mondiale.

Ma l’attivismo politico, in Cina, è ormai familiare con gli strumenti offerti dalla Rete: già nel 1999, per via di un incidente diplomatico, i cracker cinesi guerreggiavano con gli USA a colpi di defacement . C?è chi sostiene, e tra questi l’intelligence sudocoreana e quella statunitense , l’esistenza di un esercito di informatici agli ordini dell’amministrazione di Pechino, pronta per essere utilizzato contro i “nemici dello stato”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tryppstrau scrive:
    home stabilized scenario
    data space back others maximum 1990
  • clinttungr scrive:
    number burning mitigating
    capacity cfcs [url=http://www.parktool.com]number burning mitigating[/url] [url=http://www.comw.org]occurred last generation percent weather[/url] [url=http://infao5501.ag5.mpi-sb.mpg.de]warmest 1998 events partially vectors[/url] [url=http://www.thefreelibrary.com]atlantic primary address conclude[/url]
  • beornhamfo scrive:
    windows term exert
    specific relatively water society atmospheric substantial
  • Anonimo scrive:
    Forse così...
    ...impareranno a non firmare accordi con tali avvoltoi. Se la MPAA vorrà la tecnologia dovrà prodursela a casa sua. Se le aziende sviluppatrici di tecnologia si rifiutassero di accettare il pizzo e le regole impostegli da queste associazioni il mondo sarebbe un luogo migliore anche per gli utenti.Bye, Luca
  • Anonimo scrive:
    la temibile MPAA
    quindi di dica TMPAA
  • Anonimo scrive:
    Mpaa un'altra associazione....
    ..... a delinquere!
Chiudi i commenti