Clarence ulula: non sono morto

Il portale DADA, dato per defunto nelle scorse settimane, si rilancia rappando e sostenendo che la satira sarà il suo credo, la sua musa, la sua fonte. Con servizi di supporto per i blogger


Roma – La crisi finanziaria di Clarence.com di cui hanno parlato tanti nelle scorse settimane era sembrata ai più molto grave: c’era stato un ridimensionamento della redazione e perdite per 500mila euro a fronte di un fatturato di 700mila. Eppure Clarence non è morto e questo si affannano a far sapere, in queste ore, gli uomini di DADA , il gruppo fiorentino che controlla il portale.

Chi si fosse recato oggi sulla sua home page avrebbe notato un singolare “Clarence Rap”, un breve testo secondo cui, nonostante i recenti scompigli, dicono: “Saremo gli stessi, con le stesse fissazioni: quella di non ascoltare la voce dei padroni”.

La filosofia di Clarence è destinata, dicono ora i suoi rifondatori, ad essere imbevuta di satira più che in passato. Gianluca Neri, fondatore del portale di cui è ora consulente, ha dichiarato che “quel che ci riesce meglio è fare ridere, fare satira. Ed è su questi aspetti che ci concentreremo”. Via le notizie, dentro gli approfondimenti e i commenti degli “autori italiani più brillanti”.

“Il rinnovamento di Clarence – si legge in una nota diffusa ieri – rientra nel quadro della strategia che il Gruppo DADA sta perseguendo per consolidare la propria brand awareness nei confronti del consumatore (si ricorda l?operazione, recentemente lanciata, superEva cerca superEva), procedendo nella trasformazione da network di portali a vero e proprio Operatore di Servizi On-line”.

Spazio ai servizi, dunque, con il potenziamento al supporto per i blogger, un servizio per la realizzazione e manutenzione di blog che, assicura Neri, “sarà rinnovato nei prossimi giorni”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Alla salute del digital divide!!!
    Io abito in Romagna, zona nella quale e' in fase di attuazione, da parte della Regione, il cablaggio in fibra ottica utilizzando le condotte dell' acquedotto emiliano-romagnolo. Sono rimasto deluso quando ho scoperto che entro il 2004/2005 saranno sì collegati in fibra ottica TUTTI I COMUNI.... ma SOLO LE SEDI dei Comuni, appunto, unitamente agli Enti significativi (Università, Sanità, Scuole, Biblioteche e cosi' via). Ogni riferimento all' accesso a internet per i privati, di cui parlavano con fierezza i responsabili un paio d' anni fa (ai tempi della presentazione del progetto), è andato progressivamente scomparendo dai testi delle ultime dichiarazioni... E il Provider che dovrà gestire operativamente (o che avrebbe dovuto gestire, non so) la connessione a internet (parlo di Acantho, società a suo tempo costituita con questo scopo) ha tolto dal proprio sito l' offerta di connettività per le famiglie, lasciando solo quella per le... partite iva.Pertanto avremo gli uffici della Pubblica Amministrazione collegati fra loro (e a internet) in fibra ottica (da 100 mega su su fino al giga) e i privati, per il disbrigo delle loro pratiche, in fila agli sportelli, esattamente come prima, (oppure a fare il collo lungo nel tentativo di collegarsi agli Ultra-Portali con i soliti modemini di prima... tranne quelli (fra i privati) già per conto proprio attrezzati con l' ADSL).Nulla di nuovo sotto il sole?
  • Anonimo scrive:
    Se poi non ci sono i fondi...
    Vorrei sapere a cosa servono queste iniziative, spero non siano solo per creare nuove poltroncine e cariche da scrivere sul biglietto da visita. Berlusconi parla molto di infrastrutture, voglio vedere da qui a quando finisce il suo governo quanti nuovi distretti saranno raggiunti dall'adsl!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se poi non ci sono i fondi...
      - Scritto da: Anonimo
      Vorrei sapere a cosa servono queste
      iniziative, spero non siano solo per creare
      nuove poltroncine e cariche da scrivere sul
      biglietto da visita. Berlusconi parla molto
      di infrastrutture, voglio vedere da qui a
      quando finisce il suo governo quanti nuovi
      distretti saranno raggiunti dall'adsl!I fondi ci sono solo che vanno a determinate società che fanno i progetti ma non li realizzano,propietà di qualche politico locale o parente.Se li prende qualcun'altro la sua azienda non vivrà a sufficienza per finirlo.Provare per credere, ed io ho provato.L'importante è parlare e far parlare la gente di progetti....
  • Anonimo scrive:
    demagogia allo stato puro
    io abito in zona pedemontana ad altissima densità di popolazione e ancora non mi danno adsl.........!! se la danno ad una malga mi incazzo.gia che l'italia gira in un senso , sappiamo tutti che è pura demagogia ........ (presa per il sedere..)
  • Fred scrive:
    ops mi sfugge qualcosa
    resta il fatto che se dalla montagna mi posso connettere solo in analogico (qundo va bene) mi spiega un po' il ministro stanca cosa cavolo mene faccio dell' e-governement?
    • Anonimo scrive:
      Re: ops mi sfugge qualcosa
      Non me ne parlare è tanto di quel tempo che lotto contro i mulini a vento... :(La mia regione Valle d'Aosta ha appena inaugurato un progetto sulla carta interessante per quello che riguarda lo sviluppo della banda larga nei luoghi disagiati, ma parlando con il responsabile del servizio informativo regionale ho avuto tanto l'impressione che sia solo un progetto fine a se stesso :(Se vuoi saperne di più www.vinces.itSperiamo bene :)Ciao
      • Fred scrive:
        Re: ops mi sfugge qualcosa
        Qui da me invece e' quasi un anno che stanno sperimentando a rovereto, trento e bolzano la banda larga su rete elettrica, peccato che da dopo lapresentazione non se ne e' saputo piu' nulla
    • Anonimo scrive:
      Re: ops mi sfugge qualcosa
      - Scritto da: Fred
      resta il fatto che se dalla montagna mi
      posso connettere solo in analogico (qundo va
      bene) mi spiega un po' il ministro stanca
      cosa cavolo mene faccio dell' e-governement?L'e-governement è una Pubblica Amministrazione orientata all'utente, cittadino ed impresa, fornitrice di moderni servizi, creatrice di valore "pubblico", con cui sia facile operare. Non c'è bisogno di avere la banda larga per accedere a un sito della Pubblica Amminstrazione. Questo dell'articolo è solo un progetto per far comunicare meglio le comunità locali. Sinceramente non capisco i messaggi polemici a riguardo. Lamentiamoci se POI finisce tutto nel nulla non PRIMA quando ancora deve partire, non fasciamoci la testa prima di farci male dicendo che è tutto uno schifo e in Italia non funziona niente e da me non portano la fibra ottica, dove andremo a finire ecc... ecc...
      • Anonimo scrive:
        Re: ops mi sfugge qualcosa
        - Scritto da: Anonimo

        L'e-governement è una Pubblica
        Amministrazione orientata all'utente,... (omissis)
        Non c'è bisogno di avere la banda larga per
        accedere a un sito della Pubblica
        Amminstrazione. ...
        Sinceramente non capisco i messaggi polemici
        a riguardo. Sono pienamente d' accordo con te (non ho scritto io il post principale)... forse sono [OT], ma lo dico ugualmente: uso la rete per lavoro per molte ore al giorno, ho 2 linee telefoniche (devo pur telefonare...) e, come purtroppo sembra, non avro' ADSL per motivi tecnici (ponte radio o simili); ergo, bollette sostanziose. Per questo mi piacerebbe che parte degli investimenti fosse indirizzato non solo a "incentivare la diffusione della banda larga", ma anche ad "allungare la banda" di chi ce l' ha solo corta, o magari di accorciargli un po' le bollette...
      • Anonimo scrive:
        Re: ops mi sfugge qualcosa
        Beh fino a quando la pubblica amministrazioni metterà nei suoi ftp documenti creati con software proprietario di dimensioni ciclopiche per 10 righe di testo oppure file powerpoint con 10 slides della dimensione di 4Mb io dico che la banda larga serve!!!Ieri volevo scaricare due studi sull' abolizione del "digital divide" dal sito della mia regione, ma quando ho visto che il totale dei due documenti powerpoint era di 5,4 Mb ho lasciato perdere... Bell' inizio per uno studio sul "digital divide" , tanta bella politica e poche soluzioni per un' italietta che se ne lava le mani dell'alfabetizzazione informatica e della democrazia digitale :Ciao!
        • Anonimo scrive:
          Re: ops mi sfugge qualcosa
          Si, devo dire che non hai tutti i torti... Diciamo allora che in attesa del meglio, che sembra purtroppo di la' da venire, non sarebbe da disprezzare una banda lunga pagata come una banda larga... se gli incentivi ci aiutassero. :-)Ciao!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: ops mi sfugge qualcosa
            esatto... mi basterebbe per il momento una flat decente proposta ad un prezzo decente!Ciao!
Chiudi i commenti