Colao nuovo CEO di Vodafone

Da Omnitel al vertice di Vodafone, al posto di Arun Sarin

Roma – Vodafone ha confermato le indiscrezioni e annunciato che alla fine di luglio l’attuale CEO Arun Sarin si dimetterà a favore dell’italiano Vittorio Colao, oggi suo vice.

l'attuale CEO Sarin era divenuto CEO nel luglio del 2003 e viene applaudito dagli investitori e dall’azienda per i risultati raggiunti, che comprendono più del raddoppio della base utenti nel Mondo.

Nelle dichiarazioni alla stampa Sarin ha sottolinato di sentirsi orgoglioso e di lasciare volentieri il timone a Colao: “Dopo aver lavorato con lui così tanti anni so che ha l’esperienza e la visione per portare Vodafone verso nuovi traguardi”.

Colao, 46 anni, è uno dei più noti manager italiani, già CEO di RCS MediaGroup a Milano nonché CEO regionale per Vodafone responsabile di Europa meridionale, Medioriente e Africa. Colao, come noto, è stato CEO e COO di Omnitel prima che l’azienda italiana venisse acquisita da Vodafone.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anonimo scrive:
    ma stiamo impazzendo??
    ma che cribbio io compro un pc e ci faccioq quello che mi pare se ce il chip non lo compro.Non sono l' unico a pensarla così e anzi che fallire le società non metteranno quel chip...(almeno non nel breve)quindi state pure tranquilli...
  • zippo scrive:
    non vorrei dire una ca##ata...
    ma Bushnell non è più ceo dell'atari dal 1982...
    • Gustaffson scrive:
      Re: non vorrei dire una ca##ata...
      - Scritto da: zippo
      ma Bushnell non è più ceo dell'atari dal 1982...Penso che abbia le mani in pasta ovunque con partecipazioni di ogni genere (atari, ea, sega, nintendo..)
  • Pirla scrive:
    Io ho smesso di comprare software da 10
    anni, e andro avanti cosi fino alla fine ;) internet ha sempre + banda larga, ho detto tutto. :D
  • ba1782 scrive:
    Spero falliscano
    Mi dispiace per tutti gli onesti lavoratori della Atari, ma spero falliscano... Oltre a presentare prodotti di qualità scadente a prezzi allucinanti fanno anche proposte del genere?Ma andassero a lavurà seriamente...
  • Bic Indolor scrive:
    Atari? una majorette!
    nel senso che questo qui crede di essere una major, e quindi pensa da major, ma è troppo piccolo e quindi è una majorette.Ma davvero, come le major, crede che ogni copia illegale corrisponda a una legale non venduta?Ma davvero crede che indiani e cinesi, capitani d'industria arricchiti a parte, abbiano di che pagare i prezzi dei suoi videogiochi?Ma davvero crede che indiani e cinesi che lavorano dalle 16 ore al giorno in su abbiano tempo di giocare con i computer (che producono)? Si... forse chi non potrà fare a meno dei videogiochi ne comprerà uno, forse due in più all'anno... finanze permettendo. Ma gli altri ne faranno a meno. Stop.
    • canis solaris scrive:
      Re: Atari? una majorette!
      non è che ci credono, lo sanno benissimo che è una bufala, ma fanno lobby e ripetendo all'infintio questo mantra influenzano opinione pubblica e i decisori (ok, quelli anche con "altri modi"), tanto quasi nessuno li controbatte. Inoltre far passare, soprattutto alivello giuridico, il fatto che il consumatore non è proprietario al 100% del bene da lui acquistato (!!) spalanca (a loro e a chi vende queste tecnologie beote) enormi possibilità di profitto..e scatta il business!
      • Anonymous scrive:
        Re: Atari? una majorette!
        nessuno controbatte fino a un certo punto nè. che il tpm sia solo una parola di questo buzzurrone qua che parla, è dovuto al fatto che qualcuno ha controbattuto, fortunatamente, e direi che personalmente continuerò a farlo(e primo step, cercare la mail del buzzurro e riempire la sua sezione spam della mia opinione :D
  • Garbet P. scrive:
    Software commerciali con protezioni
    Da un pò di tempo in azienda stavamo valutando un CAD elettronico per deciderne l'acquisto. Eravamo molto indecisi, perchè è fatto da una ditta relativamente piccola ed è protetto da copia con un file di licenza vincolato al mac address della scheda di rete. Quindi il dubbio era che, se un domani la ditta produttrice dovesse scomparire, e il PC sul quale era attivata la licenza dovesse rompersi, non potremo più riutilizzare i lavori realizzati con quel CAD.Ma ora abbiamo trovato il crack (key generator), e la paura è passata: pertanto acquisteremo questo prodotto.Chissà se i produttori di software tengono presenti anche questi pensieri dei loro clienti.
    • MeX scrive:
      Re: Software commerciali con protezioni
      e magari prima di comprarlo "provate" per un po' di tempo la versione crakkata... o magari comprate una licenza lo installate su altre 9 macchine... aspettando le prime commesse corpose per comprare gli altri 9...
      • MAC FASULLO scrive:
        Re: Software commerciali con protezioni
        O meglio ancora basta appuntarsi il mac della scheda di rete e settarlo nel pc che servira0 da rimpiazzo a quello rotto :D
    • 0verture scrive:
      Re: Software commerciali con protezioni
      Non c'era bisogno del keygen: ti bastava schiaffare dentro una schede di rete in più e configurare il programma su quella (alla peggio disattivando totalmente quella integrata)
  • Phabio76 scrive:
    Preferiamo ricordarlo così...
    il vecchio Nolan, quando aveva Wozniak come dipendente...Posso essere in disaccordo ma non ci riesco proprio ad insultarlo.
    • Burp scrive:
      Re: Preferiamo ricordarlo così...
      - Scritto da: Phabio76
      il vecchio Nolan, quando aveva Wozniak come
      dipendente...
      Posso essere in disaccordo ma non ci riesco
      proprio ad insultarlo.Io vi riesco benissimo, mi basta ricordare che e' stato uno dei primi ad usare lo spam telefonico (per cercare di promuovere PONG, se ben ricordo).
  • yenaplyskyn scrive:
    TPM...
    acronimo di Te Poi Morì..che compro qualcosa che mi impedisce di essere padrone di quel che compero.TPM in ogni computer di nuova o recente generazione?Evabbè! Niente nuovo computer.Giochi blindati che mi obbligano a dotarmi di pc con Fritz? Niente giochi, mi faccio le pippe, tanto diventerei cieco comunque... ;-)Ma esistono solo i giochi e i film per giustificare l'impropriazione indebita di una macchina di mia proprietà?Non è che il pc si usa anche per altri scopi? E allora perché dovrei sopportare la presenza di qualcosa che controlla le mie mosse e decide per me, anche se non utilizzo nulla di ciò che vorrebbero controllare?Ma forse questo beota non si è accorto che l'industria ha dovuto frenare l'inserimento del TPM (almeno a parole) visto il calo di vendite conseguenti al tam tam fra utenti di internet e non?
    • nope scrive:
      Re: TPM...
      - Scritto da: yenaplyskyn
      l'industria ha dovuto frenare l'inserimento del
      TPM (almeno a parole) visto il calo di vendite
      conseguenti al tam tam fra utenti di internet e
      non?Eh guarda, è andata proprio così...
  • rockroll scrive:
    Le illusioni di NolanBush....
    Costui sentenziò spavaldamente: "i giochi sono una cosa diversa, perché sono integrati al codice. Il TPM, infatti, fermerà del tutto la pirateria di settore." Concetto fumoso: i giochi sono essenzialmente software, e come tale soggetti a craccabilità e non soggetti a "copia analogica". Ci metta pure il TPM, ammesso che la cosa abbia senso e fattibilità; vuol dire che il TPM, se efficace e finchè riuscirà ad esserlo, limiterà drasticamente la diffusione, come storia insegna. Contento lui... "Non appena la base installata dell'hardware TPM diventerà abbastanza ampia, inizieremo a vedere profitti arrivare dall'Asia e dall'India, dove prima erano inattesi". Altra illusione: non appena succederà, se e quando succederà, cominceremo a vedere l'invasione a tappeto di produzione dall'Asia e dall'India, dove prima si limitavano a copiare... Tenga presente il Nolan che, specialmente ai prezzi di cartello praticati, l'unica speranza di diffusione dei suoi giochini è proprio nell'elevata percentuale di pirateria di cui "godono".
    • MeX scrive:
      Re: Le illusioni di NolanBush....
      diffusione != guadagno
      • shezan74 scrive:
        Re: Le illusioni di NolanBush....
        - Scritto da: MeX
        diffusione != guadagnoTry before buy...io lo applico. Ad ogni gioco che vale corrisponde un acquisto (salvo quelli recensiti da amici o visti di persona).Ho una sessantina di giochi, alcuni praticamente consumati dall'uso (COD4 per esempio...)
        • a n o n i m o scrive:
          Re: Le illusioni di NolanBush....
          - Scritto da: shezan74
          - Scritto da: MeX

          diffusione != guadagno

          Try before buy...
          io lo applico. Ad ogni gioco che vale corrisponde
          un acquisto (salvo quelli recensiti da amici o
          visti di
          persona).
          Ho una sessantina di giochi, alcuni praticamente
          consumati dall'uso (COD4 per
          esempio...)tu==0,000000001% utenti totali.
          • Anonymous scrive:
            Re: Le illusioni di NolanBush....
            non vorrei farti notare questa sottigliezza, ma tutti siamo lo 0.00000001% degli utenti. in totale saremo il 100% ma nessuno, da solo, è una percentuale. il suo modo di fare comunque non è affatto così poco diffuso come dici te, il suo è il mio esatto stesso moto di fare. a mè piacerebbe avere una bella lista di titoli con "questo doveva guadagnare tot e invece non ha guadagnato una ceppa" e vedere nei fatti quali sono...dove la razionalità è al comando, produzioni poco costose, target studiato, e il gioco esce con un significato, per soddisfare una fascia di utenza. dove la blindatura è al comando, produzioni fatte per dei target stereotipati, che costano un indecenza, senza un grammo di qualità. non a caso....i giochi che mi sono piaciuti non avevano sistema di protezione(e se parlo di dark crusade non parlo certo di produzione indie). non tanto perchè non avevano soldi di implementarlo, ma perchè metterlo o meno avrebbe cambiato una ceppa. quello che mi chiedo alla fine è se ci credono alla cazzata = se proteggo guadagno, o lo fanno solo per proteggere lo status quo del mercato, o se addirittura accusano la pirateria solo per convincere i loro azionisti a mantenere la fiducia....
  • iostesso scrive:
    non lo posso piratare = non lo compro
    Facciano quello che vogliono, tanto se non lo posso piratare il giochino non lo compro comunque. Non sono "videodipendente".
    • bifk scrive:
      Re: non lo posso piratare = non lo compro
      MA E' UN POVERACCIO,CHE SPARA PALATE DI MERDA....UN COGLIONE!......POVERO FACCIAMO CREDERE.....!!!!LA PS2,PER ESEMPIO A VENDUTO 110MILIONI DI PEZZI SOLO PERCHE' MODIFICABILE,SENNO' COL C....O!!! LA VENDEVANO COSIPOVERACCIO......BARBETTA!!
    • Gauss scrive:
      Re: non lo posso piratare = non lo compro
      Perchè se era piratabile lo compravi?Ma per favore
      • iostesso scrive:
        Re: non lo posso piratare = non lo compro
        Vediamo se così capisci:è piratabile = non lo compro =
        guadagno loro = 0non è piratabile = non lo compro =
        guadagno loro = 0In entrambi i casi il loro guadagno è zero.Capito ora?
      • nyko scrive:
        Re: non lo posso piratare = non lo compro
        si, ma notiamo un piccolo particolarecaso a)posso piratare i giochi ( con crack con modchip o altro)caso b) piattaforma e giochi sono inviolabilinel caso a) compro la consolle + qualche gioco ( non si trovano tutti)+ accessori vari ( pad volante tappetino ect)nel caso b) non compro nulla o compro qualcosa di diverso.meglio il caso a) o il caso b)? e se tu fossi sony o nintendo, cosa preferiresti dlele due cose ( dato per assodato che in caso di mancata piratizzabilità gli acquisti calano comunque?)
        • Xenon scrive:
          Re: non lo posso piratare = non lo compro
          E comunuqe ricordatevi che quello che non è piratabile non è neppure backuppabile. Un bel giorno il supporto del gioco, che avrai comprato minimo a 50-60 euro (visto che, se non è copiabile, la casa produttrice fa il prezzo che vuole) si romperà e tu, da bravo giocatore che non ha una copia di sicurezza, andrai a ricomprarlo allo stesso prezzo...Spero che queste cose non si avverino mai, oppure il mercato del videogaming, che già oggi non sta proprio "bene", subirà una bella mazzata. Personalmente non comprerei mai qualcosa di cui non posso avere una copia di sicurezza (immagino che molti non lo farebbero).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: non lo posso piratare = non lo compro
            contenuto non disponibile
          • Izio scrive:
            Re: non lo posso piratare = non lo compro
            - Scritto da: unaDuraLezione

            (...)
            di fatto (l'ho scritto e lo riscrivo) si tratta
            di noleggio a tempo
            indeterminato.
            A me può anche andare bene, ma ovviamente il
            prezzo deve essere proporzionale alle mie
            possibilità di
            fruizione.
            più di 15 euro a queste condizioni non sono
            disposto a sborsarne (si tenga conto che non
            posso neppure rivenderlo nè
            scambiarlo).

            Costeranno di più? no problem... posso
            approfondire i tanti giochi che ho
            già.
            posso giocare a qualche titolo free (scaricate
            stepmania che è una favola)... o passo
            completamente ai giochi per console che per ora
            non necessitano di alcun tipo di attivaizone
            (eccetto quelli legati al digital
            delivery)Mannaggia a me, a parole facevo anch'io così. Stufo delle intrusioni nella mia privacy, incazzato nero a notizie come quella di Valve che blocca gli account della gente che ha COMPRATO Orange Box in versione Thai per spendere meno, avevo giurato di non comprare più un gioco attivato che fosse uno.Ogni tanto vado su Play e butto un occhio rapido ai giochi in offerta e/o a basso prezzo, e se vedo giudizi alti in recensione li compro senza farmi troppi problemi. Portal era della Valve, l'ho scoperto troppo tardi e ci avrò smenato tempo e soldi, ma l'ho rimandato indietro. Tiè! Mass Effect l'avevo preordinato ed ho cancellato il preordine dopo aver letto della policy di attivazione.Poi però ero a spasso al Mediaworld quando l'ultima scatola disponibile di Bioshock mi ha fatto gli occhi languidi con tanto di scontrino 30 euro in bella vista. Ho tentato di resistere, sapendo che si trattava di un noleggio, come sottolinei tu, ma alla fine ho ceduto pensando che un noleggio che mi fa giocare 50 ore a 30 euro è comunque un affare.Non mi piace per niente l'andazzo: ormai gioco sì gioco no vanno attivati, e mi dico che alla fine potrei anche fare a meno di giocare. Però ora come ora mi piace troppo, e ad oggi preferisco 10 volte il PC alle console, anche per via del costo quasi dimezzato dei giochi. Di giochi che ho ripescato a distanza di anni me ne vengono in mente pochini. System Shock II, Spellforce, Max Payne II, Diablo, Total Annihilation e qualche altro. Gli altri in effetti li finisco e li metto via. Mi scoccia non poterli prestare al nipote o all'occasionale amico, ma me ne faccio una ragione, almeno per quelli che sembrano meritare, tipo Bioshock.Sigh, però hai ragione ad incazzarti, e mi tocca ammettere che se i produttori la fanno franca con il DRM è anche colpa mia.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: non lo posso piratare = non lo compro
            contenuto non disponibile
  • Sgabbio scrive:
    ma muori di fame, infame!
    Sinceramente, invece di abbassare i prezzi, fare giochi che non siano super buggossi ma soprattutto, che siano ottimizzati, fa schifo vero ?Invece gioisce se blindano tutto, forse non sa che ultimamente i giochi che hanno protezioni super invasive vegono bellamente snobbate.Ma muori di fare infamone, una delle cause per cui ho smesso di giocare ai videogiochi è per questa politica.(ma poi chi glie lo dice che per sgamare una chiave per una cifratura, basta raffredare la ram e sgamare la chiave ???)
    • 0verture scrive:
      Re: ma muori di fame, infame!
      Basta ricordargli che fine hanno fatto le cartucce di ET per VCS per rispedirlo a cuccia...
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: ma muori di fame, infame!
        contenuto non disponibile
        • 0verture scrive:
          Re: ma muori di fame, infame!
          L'ipotesi più gettonata, ma è probabile che le abbiamo trasformate in bitume e c'abbiano asfaltato qualche route...
      • Get Real scrive:
        Re: ma muori di fame, infame!
        Davvero? Vorrei proprio vedere. Facci vedere come vai da Nolan Bushnell a raccontargli l'aneddoto. Vediamo come ti ride dietro dall'alto del suo patrimonio.Ma non credo che ci andrai, avrai paura delle sue nerborute guardie del corpo, pronte a torcerti braccia e gambe, a gonfiarti di sberle e a fare polpette della tua faccia.Per non parlare del suo team di avvocati che ti citerà per tentata aggressione e ti porterà via beni e casa, e ti scaraventerà per le strade a nutrirti di spazzatura.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: ma muori di fame, infame!
          contenuto non disponibile
          • Becero scrive:
            Re: ma muori di fame, infame!
            - Scritto da: unaDuraLezione
            ma lol, come l'hai presa male!Dev'essere il figlio illegittimo di Bushnell e si aspetta che il vecchio lo riconosca e lo nomini nel testamento. :-D
          • Bushnell scrive:
            Re: ma muori di fame, infame!
            - Scritto da: Becero
            - Scritto da: unaDuraLezione

            ma lol, come l'hai presa male!

            Dev'essere il figlio illegittimo di Bushnell e si
            aspetta che il vecchio lo riconosca e lo nomini
            nel testamento.
            :-DQuella zcclna m'aveva detto che prendeva la pillola!!! :@ :p
        • krane scrive:
          Re: ma muori di fame, infame!
          - Scritto da: Get Real
          Davvero? Vorrei proprio vedere. Facci vedere come
          vai da Nolan Bushnell a raccontargli l'aneddoto.
          Vediamo come ti ride dietro dall'alto del suo
          patrimonio.
          Ma non credo che ci andrai, avrai paura delle sue
          nerborute guardie del corpo, pronte a torcerti
          braccia e gambe, a gonfiarti di sberle e a fare
          polpette della tua faccia.
          Per non parlare del suo team di avvocati che ti
          citerà per tentata aggressione e ti porterà via
          beni e casa, e ti scaraventerà per le strade a
          nutrirti di spazzatura.Esistono le lettere raccomandate personali cartacee.
          • Get Real scrive:
            Re: ma muori di fame, infame!
            - Scritto da: krane

            Esistono le lettere raccomandate personali
            cartacee.Va bè, vorrà dire che mangerai quelle...
      • AtariLover scrive:
        Re: ma muori di fame, infame!
        - Scritto da: 0verture
        Basta ricordargli che fine hanno fatto le
        cartucce di ET per VCS per rispedirlo a
        cuccia...Ha venduto tutto poco prima alla Warner e ha fatto i milioni... (atari)
    • Anonymous scrive:
      Re: ma muori di fame, infame!
      - Scritto da: Sgabbio
      Sinceramente, invece di abbassare i prezzi, fare
      giochi che non siano super buggossi ma
      soprattutto, che siano ottimizzati, fa schifo
      vero
      ?

      Invece gioisce se blindano tutto, forse non sa
      che ultimamente i giochi che hanno protezioni
      super invasive vegono bellamente
      snobbate.
      Il reverse engineering degli engine impiegati negli ultimi prodotti incalza. E' l'unico modo e non è illegale. Han voluto la bicicletta? Adesso pedalano e stavolta sì che moriranno di fame sul serio e senza potersi lamentare.
Chiudi i commenti