Contrappunti/ Il PC dei bimbi poveri

di Massimo Mantellini - Milioni di bambini gireranno manovelle anche di notte per tener accesi i propri computer e la rete che dovrebbe collegarli di villaggio in villaggio? Qualcuno ne è sicuro


Roma – Grande eco ha avuto sulla stampa nei giorni scorsi la presentazione del laptop da 100 dollari che Nicholas Negroponte ha mostrato in anteprima, alla presenza del segretario dell’ONU Kofi Annan, durante l’incontro di Tunisi sulla Società dell’Informazione. Non poteva essere diversamente: il progetto un laptop per i paesi poveri, denominato “One laptop per child (OLPC)” (computer pensati per essere distribuiti ai bambini in età scolare, dotati di wifi, software open-source e perfino di una manovella per la carica manuale della batteria) è prima di tutto una operazione mediatica, confezionata anche ad uso e consumo dei mezzi di informazione. La convinzione, molto americana, della informatizzazione del pianeta come strada maestra per il riscatto dei popoli.

Se anche la scommessa di costruire un computer dai costi molto bassi dovesse riuscire (nonostante gli sforzi progettuali, i costi effettivi di produzione saranno strettamente legati al numero di macchine che verranno ordinate) l’iniziativa “un laptop per ogni bimbo” nasce – mi spiace dirlo – con ottime possibilità di dimostrarsi un fallimento. Dietro la volontà autentica della lotta al digital divide e per il riscatto delle popolazioni del sud del mondo attraverso le tecnologie, si nasconde una operazione che i commentatori più caustici hanno bollato come “Media Lab Vaporware”. Il piatto forte che il Media Lab del MIT ci serve ciclicamente, riscaldato a puntino, da almeno un decennio: chiacchere ed idee fulminanti con poche o nessuna applicazione pratica.

Quali sono i punti deboli (alcuni francamente debolissimi) del progetto di Negroponte? Sono moltissimi, chi volesse trovarne un elenco completo ed accurato lo può fare leggendo questo splendido post di Lee Felsenstein, il padre dei computer portatili, sul blog del Fonly Institute: provo ad elencarne alcuni.

Il problema fondamentale è un classico problema americano. Sembra che nessuno fra gli organizzatori del progetto si sia posto una domanda fondamentale: chi userà questi laptop? Che tipo di esigenze avranno i bambini ai quali verranno dati in mano? Che tipo di studenti saranno? Nessuno studio sociologico e sul campo è stato fatto precedere alla realizzazione delle macchinette verdi. La presunzione è che esse vadano bene per chiunque a qualsiasi latitudine: che ciò che è buono per il re debba esserlo anche per la regina. Una tipica annosa questione culturale americana: si esporta un modello e basta, senza farsi troppe domande.

Esistono poi irrisolte questioni pedagogiche che, per una volta, accomunano i bambini e gli adolescenti di tutto il pianeta, indipendentemente dal reddito e dalla latitudine. Non esiste alcuna certezza sulla utilità intriseca dell’avvicinare gli adolescenti ai computer per favorire il loro sviluppo psico-attitudinale. Le teorie di Seymour Papert che sono alla base di questa iniziativa (non a caso Papert, che è uno dei padri della intelligenza artificiale, lavora al MIT e fa parte del progetto) sono a tutt’oggi solo teorie, senza alcuna validazione scientifica e sono sempre più spesso oggetto di contestazione e dubbi da parte del mondo educativo, mano a mano che i computer si diffondono nelle scuole. Come scrive giustamente Felsenstein: “In genere i bambini non se ne vanno fuori a giocare con il loro laptop sotto il braccio” .

Di problemi tecnici legati all’hardware ed al software ce ne sono poi quanti ne volete. L’idea tecnologicamente evoluta della “internet cloud” che dovrebbe coprire le vaste pianure africane o altre aree non cablate dei paesi in via di sviluppo (per usare un eufemismo), risolvendo il collegamento del computer alla rete, è pura fantascienza. In nazioni senza infrastruttura di rete e spessissimo anche senza elettricità si pensa di distribuire laptop che galleggiano dentro una rete mesh nella quale ogni singolo device riceve e trasmette i pacchetti da e verso quelli limitrofi fino ad una ipotetica dorsale internet. L’ipotesi tecnologica si commenta da sola; una architettura del genere presume che ci siano brevi distanze fra moltissimi computer (in genere in Africa i villaggi distano dalle scuole decine di chilometri) e che questi siano sostanzialmente sempre accesi perché la rete sia attiva. Qualcuno dovrebbe domandare a Negroponte: “Chi girerà la manovella durante la notte ed il giorno per tenere Internet accesa?”

Esistono poi robuste motivazioni economiche che candidano anch’esse un simile progetto al fallimento: intanto i paesi interessati dovranno acquistare i laptop per distribuirli gratuitamente agli studenti (l’idea molto romantica che i bambini possano portare a casa la sera il “loro” portatile per fare i compiti e giocarci si scontra drammaticamente con la probabilissima e rapida trasformazione dell’apparecchietto in denaro contante da parte delle famiglie, con il conseguente sviluppo di un mercato parallelo) e se 100 dollari possono essere una spesa sostenibile in certi paesi del Sud America (il Brasile per esempio sembra interessato al progetto) certamente non lo sono per i paesi poveri dell’Africa subsahariana e per moltissimi altri abitanti del pianeta. In Etiopia per fare un esempio il reddito medio pro capite annuale è di circa 130 dollari. Quale ministero della istruzione potrà mai spenderne 100 in un laptop per un adolescente?

Il vaporware del Media Lab. La distanza fra una maniera di affrontare i problemi del pianeta con la mentalità piramidale tipica delle società occidentali per le quali 100 dollari sono una inezia e, di contro, la necessità ogni giorno più impellente di ridurre la povertà del mondo, anche attraverso strade alternative rispetto a quelle conosciute. Le previsioni nel caso in questione sono persino troppo facili: il progetto OLPC durerà qualche settimana, il tempo di scomparire dalle prime pagine dei giornali. Poi per i paesi poveri alla periferia del mondo sarà il caso di pensare a qualcosa d’altro, magari meno spettacolare e più concreto.

Massimo Mantellini
Manteblog

I precedenti editoriali di M.M. sono qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cambio o non cambio?
    Ciao a tutti.Venerdì scorso, 18 Novembre 2005 ero in giro da clienti, come il solito, quando, per una disattenzione, il mio PoweBook G4 15" 1,25 GHz per terra.Cuore bloccato, occhi a palla, sudorino freddo, sorrisino tirato del cliente che ha contribuito alla caduta del gioello, ecc.Per farla breve, sembra un danno all'HD e non alla carrozzeria a farlo tentennare.Parte, si blocca, riparte e non vede tutta la RAM, Kernel Panic, righina nera che compare/scompare all'accensione e cosi di seguito.Io con il portatile ci lavoro (non sono un professionista del computer ma un professionista con il computer) e quindi non ho tempo da perdere nelle attese della riparazione.Ritornando a casa, passo dal negozio di fiducia e mi compro il fratello gemello appena uscito.PowerBook G4 15" 1,67 Ghz, disco da 80GB, scheda video da 128MB ecc. ecc., insomma l'ultimo gioiellino.Non avevo intenzione di comprarlo naturalmente, ma, vista la "frittata", faccio due considerazioni personali che credo/spero siano d?utilità comune.Va come una scheggia.Schermo migliorato moltissimo.Non scalda come il vecchio anche a stressarlo; nell'altro la ventolina si faceva sentire spesso dopo l'agg. alla 10.4.3.Reinstallando le applicazioni e lavorandoci un pò si nota la differenza di velocità in tutto.Stress zero e la sottile sensazione che, nella sfortuna, mi sia capitato qualcosa di buono lo stesso.Cosa direte voi: di non essere rimasto a sbavare aspettando il "Macintel Portatiloso" a Febbraio, di non precipitarmi a comprarlo per poi scoprire che "Rosetta", emula, emula, ma non va, che scalda troppo, che si pianta, che il masterizzatore non funzia, che i software non ci sono e che i duemilionidicasinichesperinontipossanocapitare ti sono proprio capitati mentre lavoravi.Forse questo prolungamento forzato in casa PPC mi farà vedere le cose con più distacco e, forse, con meno arrabbiature conseguenti all'avere seguito una strada, quella Intel, troppo nuova e radicale perchè sia asfaltata bene fin da subito.Nel caso rimanessi a piedi con il Macintel Portatiloso, Jobs verrebbe lui di persona ad aggiustarmelo? Mi presterebbe il suo?Mi fido di Jobs, delle sue visioni e delle sue scelte, ma, anche lui deve venderci qualcosa alla fine.Buona notte a tutti e, vista l'ora, vado a letto così domani finisco di installare per essere pronto domani alla battaglia.---FabioWindows Error - Mouse non trovato: CLICK OK per continuare.
  • Anonimo scrive:
    quando non si capisce l'inglese
    come questo tizio qui http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1205062&tid=1204474&p=1&r=PI#1205062si diventa esperti nel cut per non riportare tutto il testodel link che viene postatoah già era in inglese
    • Anonimo scrive:
      Re: quando non si capisce l'inglese
      - Scritto da: Anonimo
      come questo tizio qui
      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1205


      si diventa esperti nel cut per non riportare
      tutto il testo
      del link che viene postato


      ah già era in inglesebasta e avanza IMHO, specialmente il secondo dato.se cè discrepanze abissali fra i primi test e quelli che vengono dopo che ammetto di non aver letto, ancora peggio... vuol dire che è l'ennessima riprova che se su apple.com si leggono SOLO risultati schiaccianti su applicativi scientifici compilati APPOSITAMENTE per G5 ed in giro si legge dati opposti, rientra nella storia di mac VS pc da sempre...il motivo per cui non ho letto dopo è perchè ho imparato a non dare più credito a quello che si legge sulle REALI performance dei mac e di osx, tanto ogni sito riporta notizie diverse.PS.: Inglese o non inglese, da sempre i risultati in neretto sono quelli migliori.
      • Anonimo scrive:
        Re: quando non si capisce l'inglese
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        come questo tizio qui


        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1205





        si diventa esperti nel cut per non riportare

        tutto il testo

        del link che viene postato





        ah già era in inglese

        basta e avanza IMHO, specialmente il secondo dato.
        se cè discrepanze abissali fra i primi test e
        quelli che vengono dopo che ammetto di non aver
        letto, ancora peggio... infatti forse era bene a non fermarsi banalmente ai tempi di shutdown e di boot o alle prestazioni di itunes attraverso rosetta dato che l'applicativo non è ancora fat binaryvuol dire che è
        l'ennessima riprova che se su apple.com si
        leggono SOLO risultati schiaccianti su
        applicativi scientifici compilati APPOSITAMENTE
        per G5deduzione impropria e sballata...come se ne leggono tante su PIi vari test sui G5 o su P4 o su AMD sono fatti con le ottimizzazioni per far rendere al meglio la cpu...stava anche scritto nel report sui test del G5 quanfo è uscito...bastava leggere ed in giro si legge dati opposti, rientra
        nella storia di mac VS pc da sempre...
        il motivo per cui non ho letto dopo è perchè ho
        imparato a non dare più credito a quello che si
        legge sulle REALI performance dei mac e di osx,
        tanto ogni sito riporta notizie diverse.
        e forse per una volta era meglio leggere prima fino in fondo....si sarebbe evitato un post alla trollallerotrollalla
        PS.: Inglese o non inglese, da sempre i risultati
        in neretto sono quelli migliori.Per una BETA lungi dall'essere finalizzata.....Since Mac OS X x86 is still at a relatively early stage of development, the performance and the power consumption results reported here should be treated with caution. Final versions are generally considerably faster and less resource-hungry than beta versions.All of which makes the current test results for Mac OS X x86 more remarkable. Clearly, essential components of the power-saving functions in the Pentium M processor (in our testbed Toshiba Portégé M300) are already supported. There can be no other explanation for the fact that the power consumption of Mac OS X x86 is on a par with Windows XP running on the same notebook computer. Mac OS X is even a little faster than Windows XP at starting up, while the two operating systems shut down at about the same speed. As far as resource hunger is concerned, Apple's OS is a little less demanding: after loading, Mac OS X x86 leaves 324MB of RAM out of 512MB free, while XP releases only 290MB.se già ha il neretto o è li vicino...ciao ciao XPPS: invece di concentrarti sul neretto...leggi le analisi sui numeri...sono più interessanti
    • Anonimo scrive:
      Re: quando non si capisce l'inglese

      come questo tizio qui
      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1205


      si diventa esperti nel cut per non riportare
      tutto il testo
      del link che viene postato


      ah già era in ingleseCiao, sono il tizio che non conosce l'inglese...lasciamo perdere itunes che a parità di HW, encoda su XP nella metà del tempo... e lasciamo perdere anche il consumo della CPU.andiamo a leggere dopo... ah, in inglese!![...]ConclusionMac OS X looks in amazingly good early form on the x86 platform. As far as power consumption and OS performance are concerned, it can already keep up with Windows XP. Application performance clearly lags behind, though, and still needs to improve.[...]non credo ci sia da commentare, specialmente l'ultima frase.[...]Mac OS X offers many advantages over Windows. The installation routine uses a graphical interface from the start, and any user interventions that are required are more intuitive than with Windows.[...]forse sarà più carino a vedersi ma non vedo come una cornice bianca possa essere migliore di una gui in modalità testo che prima dell'installazione ti fa 3 domande in croce.Senza contare il giro che devi fare per partizionare o selezionare il disco di install con l'Aid del setup di osx.Win XP, invio invio invio... fineoltre questo cè il tool per partizionare che è cento volte più immediato e veloce.[...]This could change soon: from the middle of next year, a Mac OS X x86 platform will be available, which will offer more performance to the Windows world.[...]prima o dopo l'invenzione del teletrasporto ?bah.Peter.
      • Anonimo scrive:
        Re: quando non si capisce l'inglese
        - Scritto da: Anonimo
        Mac OS X offers many advantages over Windows. The
        installation routine uses a graphical interface
        from the start, and any user interventions that
        are required are more intuitive than with
        Windows.
        [...]

        forse sarà più carino a vedersi ma non vedo come
        una cornice bianca possa essere migliore di una
        gui in modalità testo che prima
        dell'installazione ti fa 3 domande in croce.
        Senza contare il giro che devi fare per
        partizionare o selezionare il disco di install
        con l'Aid del setup di osx.????Giro? QUALE giro????C'è la rappresentazione grafica del disco e un menu a tendina con il numero di partizioni che vuoi fare. La dimensione la scegli numericamente o trascinando i vari "confini" con il mouse.Ce l'hai in testa, il "giro" ;)

        Win XP, invio invio invio... fine
        oltre questo cè il tool per partizionare che è
        cento volte più immediato e veloce.Si, anche la marmotta incarta la cioccolata cento volte più velocemente..... :|Possibile che su PI ci siano rimasti solo astroturfer di Microsoft?!?!?!?!
      • Anonimo scrive:
        Re: quando non si capisce l'inglese
        - Scritto da: Anonimo


        come questo tizio qui


        http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1205





        si diventa esperti nel cut per non riportare

        tutto il testo

        del link che viene postato





        ah già era in inglese

        Ciao, sono il tizio che non conosce l'inglese...lo sappiamo già-....

        lasciamo perdere itunes che a parità di HW,
        encoda su XP nella metà del tempo... e lasciamo
        perdere anche il consumo della CPU.
        lasciamo perdere che itunes ha il codice in PPC e gira grazie a rosetta....per cui lasciamo perdere il tuo commento eh.per fortuna che sai l'ingelse:iTunes on Mac OS X x86's slower speed in this test is actually due to the Rosetta emulation environment, under which this PowerPC application (among others) runs.
        andiamo a leggere dopo... ah, in inglese!!
        andiamo andiamo
        [...]
        Conclusion

        Mac OS X looks in amazingly good early form on
        the x86 platform. As far as power consumption and
        OS performance are concerned, it can already keep
        up with Windows XP. Application performance
        clearly lags behind, though, and still needs to
        improve.
        [...]

        non credo ci sia da commentare, specialmente
        l'ultima frase.
        ciccio sveglia è una beta non ancora oottimizzata e completa...e già avvicina in prestazioni XP che non è uscito giorni fa
        [...]
        Mac OS X offers many advantages over Windows. The
        installation routine uses a graphical interface
        from the start, and any user interventions that
        are required are more intuitive than with
        Windows.
        [...]

        forse sarà più carino a vedersi ma non vedo come
        una cornice bianca possa essere migliore di una
        gui in modalità testo che prima
        dell'installazione ti fa 3 domande in croce.se non lo capisci tu non è detto che non sia utile a tutti...ne hai già installato uno prima di dar fiato alle trombe?dalla tua uscita sembrerebbe di no.
        Senza contare il giro che devi fare per
        partizionare o selezionare il disco di install
        con l'Aid del setup di osx.
        giro?2 clic....trollone se non sai le cose non scriverci sopra.
        Win XP, invio invio invio... fine
        oltre questo cè il tool per partizionare che è
        cento volte più immediato e veloce.
        si certo immediato e veloce eh...ma va la trollone.
        [...]
        This could change soon: from the middle of next
        year, a Mac OS X x86 platform will be available,
        which will offer more performance to the Windows
        world.
        [...]

        prima o dopo l'invenzione del teletrasporto ?
        se non ci arrivi a capire le cose arrangiati trollino.
        bah.

        Peter.bah peter torna a giocare con heidi che l'informatica non fa per te
      • Anonimo scrive:
        Re: quando non si capisce l'inglese
        - Scritto da: Anonimo

        forse sarà più carino a vedersi ma non vedo come
        una cornice bianca possa essere migliore di una
        gui in modalità testo che prima
        dell'installazione ti fa 3 domande in croce.
        Senza contare il giro che devi fare per
        partizionare o selezionare il disco di install
        con l'Aid del setup di osx.

        Win XP, invio invio invio... fine
        oltre questo cè il tool per partizionare che è
        cento volte più immediato e veloce.
        questo è quanto può permetterti questo strumento che trovi tra le utility dell'OS così come nel CD/DVD di boot.http://www.kenstone.net/fcp_homepage/partitioning_osx.htmlhttp://www.kenstone.net/fcp_homepage/partitioning_tiger.htmlo ti limiti a 2 clic o puoi fare di più e di meglio.giusto per renderti edotto e staccarti qualche secondo dal mondo del invio invio invio e del ctrl alt del
  • Anonimo scrive:
    Ci spieghi il perché?
    Ho sentito altri interventi in passato su questo fascino che Palladium eserciterebbe su Apple. Per quanto riguarda la musica, non ritengo che Apple sia la diretta interessata alla protezione della musica. Molti suoi programmi, per esempio (storicamente molto più di adesso, ma anche adesso), non necessitano di registrazione. Sviluppare FairPlay (e stare dietro ai vary crack) è un dispendio di risorse. Credo che siano i discografici a imporre a Apple un sistema anti-copia della loro musica che, a ben guardare, è loro anche per la maggior parte degli utili. Per Apple, iTunes Music Store è parte di una strategia di marketing ormai chiara a tutti: aumentare il market share nel settore personal computer attraverso iPod. E dunque, se Apple potesse, la darebbe via gratis. La musica intendo...Quindi, tornando a noi, qualcuno mi spiega perché Apple sarebbe interessata a Palladium?
  • samo.matteo scrive:
    dwg su mac
    Vorrei comprare anch'io un mac, non ne posso più di win!Sapete se mac usa e supporta programmi come autocad, matlab o sap??grazie!
    • LaNberto scrive:
      Re: dwg su mac
      - Scritto da: samo.matteo
      Vorrei comprare anch'io un mac, non ne posso più
      di win!Sapete se mac usa e supporta programmi
      come autocad, matlab o sap??grazie!Autocad non ha avuto successo sul Mac, ma ci sono altri programmi anche più validi che leggono i suoi files.Matlab esiste e gira beneSap non saprei
    • Anonimo scrive:
      Re: dwg su mac
      - Scritto da: samo.matteo
      Vorrei comprare anch'io un mac, non ne posso più
      di win!Sapete se mac usa e supporta programmi
      come autocad, matlab o sap??grazie!No, però si possono usare sui futuri mac con installato sopra winzzoz. Così finalmente anche gli utenti mac avranno a che fare con virus, spyware, ecc, ecc. Oltre al piacere del Mac Os avranno pure la palla al piede di winzzoz, visto che non avranno più scusanti per non poter usare certi programmi. Del resto se non si vuole perdere un cliente winaro bisogna adattarsi! Così invece che gestire un system solo ne dovranno per forza gestire due! Fantastico! (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      • pikappa scrive:
        Re: dwg su mac
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: samo.matteo

        Vorrei comprare anch'io un mac, non ne posso più

        di win!Sapete se mac usa e supporta programmi

        come autocad, matlab o sap??grazie!

        No, però si possono usare sui futuri mac con
        installato sopra winzzoz. Così finalmente anche
        gli utenti mac avranno a che fare con virus,
        spyware, ecc, ecc. Oltre al piacere del Mac Os
        avranno pure la palla al piede di winzzoz, visto
        che non avranno più scusanti per non poter usare
        certi programmi. Del resto se non si vuole
        perdere un cliente winaro bisogna adattarsi! Così
        invece che gestire un system solo ne dovranno per
        forza gestire due! Fantastico!
        (rotfl) (rotfl) (rotfl)Naaah, basta wine :-D (anzi darwine)
        • Anonimo scrive:
          Re: dwg su mac

          Naaah, basta wine :-D (anzi darwine)Ah sì, fai girare tutto con wine, come no!
          • Anonimo scrive:
            Re: dwg su mac
            - Scritto da: Anonimo

            Naaah, basta wine :-D (anzi darwine)

            Ah sì, fai girare tutto con wine, come no!No quel che serve, se conti che i simpatici mactel faranno la stessa cosa con il software ppc, non vedo perchè non si possa far girare codice per windows con wine
      • Anonimo scrive:
        Re: dwg su mac
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: samo.matteo

        Vorrei comprare anch'io un mac, non ne posso più

        di win!Sapete se mac usa e supporta programmi

        come autocad, matlab o sap??grazie!

        No, ma cheddoci!!!.DWG è aperto da Vectorworks (oltre che da altri programmi) ed è 1000 volte meglio di autocadMatLAB è praticamente nato su MacL'unico che non saprei è SAP
  • Anonimo scrive:
    Già visti 2 OS su 1 macchina
    Leggendo la notizia ho avuto un flashback; sono un vecchio utente Amiga, ed avevo a suo tempo comprato un Amiga 2000 per poter fare in sostanza quello che prevede il brevetto Apple. L'Amiga 2000 aveva una scheda madre particolare: oltre ai suoi slot di espansione ospitava anche slot ISA, gli equivalenti dell'epoca degli odierni PCI. Uno slot Zorro (così si chiamavano) era allineato con uno ISA, e permetteva di montare una scheda con doppio connettore che ospitava un 8088, memoria, bios e l'equivalente di una scheda grafica CGA. Era perfino possibile installare una scheda ISA controller per HD, installare un HD e fare partizioni sia DOS sia AmigaOS (il metodo mgliore all'epoca per avere AmigaOS su HD, i controller Commodore costavano una tombola perché SCSI e non IDE). Ma la cosa impressionante (per l'epoca) era poter lanciare MS-DOS sulla scheda di espansione e vederlo girare in una finestra Amiga; ed esisteva perfino una limitata area di memoria comune ai due sistemi "gemelli siamesi", attraverso la quale fare un travaso di dati da un sistema all'altro. Tutto vero e tutto funzionante. La scheda ebbe due evoluzioni, con i processori 286 e 386sx; non si andò oltre per i famosi guai Commodore.Pensate che questa "proof of concept" potrebbe mettere in crisi la richiesta di brevetto di Apple?
    • Anonimo scrive:
      Re: Già visti 2 OS su 1 macchina
      - Scritto da: Anonimo
      Leggendo la notizia ho avuto un flashback; sono
      un vecchio utente Amiga, ed avevo a suo tempo
      comprato un Amiga 2000 per poter fare in sostanza
      quello che prevede il brevetto Apple. L'Amiga
      2000 aveva una scheda madre particolare: oltre ai
      suoi slot di espansione ospitava anche slot ISA,
      gli equivalenti dell'epoca degli odierni PCI. Uno
      slot Zorro (così si chiamavano) era allineato con
      uno ISA, e permetteva di montare una scheda con
      doppio connettore che ospitava un 8088, memoria,
      bios e l'equivalente di una scheda grafica CGA.
      Era perfino possibile installare una scheda ISA
      controller per HD, installare un HD e fare
      partizioni sia DOS sia AmigaOS (il metodo mgliore
      all'epoca per avere AmigaOS su HD, i controller
      Commodore costavano una tombola perché SCSI e non
      IDE). Ma la cosa impressionante (per l'epoca) era
      poter lanciare MS-DOS sulla scheda di espansione
      e vederlo girare in una finestra Amiga; ed
      esisteva perfino una limitata area di memoria
      comune ai due sistemi "gemelli siamesi",
      attraverso la quale fare un travaso di dati da un
      sistema all'altro. Tutto vero e tutto
      funzionante.
      La scheda ebbe due evoluzioni, con i processori
      286 e 386sx; non si andò oltre per i famosi guai
      Commodore.
      Pensate che questa "proof of concept" potrebbe
      mettere in crisi la richiesta di brevetto di
      Apple?Anche Apple in passato ha avuto computer con una scheda mac e una PC e i due sistemi giravano contemporaneamente, in questo caso e' diverso, i due sistemi usano lo stesso processore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Già visti 2 OS su 1 macchina

        Anche Apple in passato ha avuto computer con una
        scheda mac e una PC e i due sistemi giravano
        contemporaneamente, in questo caso e' diverso, i
        due sistemi usano lo stesso processore.Sì, me li ricordo, ma non sono serviti a molto a livello commerciale. Vediamo stavolta cosa succede. E' comunque chiaro che stanno spingendo al massimo il concetto di macchina "cavallo di troia" già iniziato con il mac-mini. E credo che il giochino può anche funzionare, sempre che alla Microsoft non rendano Vista non installabile sui mac. Ammesso che sia possibile sia tecnicamente, ma soprattutto legalmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Già visti 2 OS su 1 macchina
      Ancora prima dell'Amiga, la Commodore aveva il C-128, che poteva funzionare sia in modalità C64, sia in modalità C-128, sia un CP/M, perchè aveva una CPU Z80 on board, che serviva solo al CP/M.
    • Anonimo scrive:
      Re: Già visti 2 OS su 1 macchina
      - Scritto da: AnonimoBeh con Qemu....il mio linux ha in finestra win 3.11 in un'altraWin NT 4.0in un'altra win95anche win 98 e XPfunzionano ma ......non sono dei missili come i primi tre :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Già visti 2 OS su 1 macchina
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo




        Beh con Qemu....
        Qemu appunto è un software di emulazione. Al limite dovresti paragonare questa novità apple con un software di virtualizzazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Già visti 2 OS su 1 macchina
        Non si parlava di emulazione software, si parlava di supporto hardware e virtualizzazione. Pure sulla mia PSP ci gira un Super Nintendo, eh...in software tutto è possibile, se ti accontenti delle prestazioni.
  • Anonimo scrive:
    Fiico! Ma dov'è la fregatura?
    "Non è difficile tuttavia notare come Apple sia al momento l'unica azienda autorizzata ad installare Mac OS X sulle proprie macchine (anche materialmente finché le release ufficiali di Mac OS X x86 non verranno sprotette): potenzialmente, quindi, non solo potrebbe essere l'unica azienda a poter creare un multi-boot con tutti i maggiori sistemi operativi in circolazione (Windows, Linux e Mac OS X in primis), ma anche l'unica a poterne caricare due contemporaneamente."Se poi penso a come Steve renderà "fighetta" la transizione in tempo reale da un system all'altro ...Ma a valutare Windows e Mac Os X, dovrebbe bastare solo la presenza di quest'ultimo a spazzare via il Bill Gates dalla faccia della terra. Anzi, a comparare Windows e Mac Os, il Bill Gates dovrebbe essere un ricordo ormai lontano, ma il mercato continua a dar ragione a Gates. Come mai?Tutte queste cose che sta studiando Apple, sono molto allettanti, ma non cambia il problema di fondo: il Macintosh gira su hardware proprietario. Certo, il macaco ribatterà che le periferiche e buona parte della componentistica interna è la stessa dei Pc, ma tutte queste cose sono collegate alla scheda madre (o scheda logica nel mondo mac), che è disegnata da Apple ed è proprietà di Apple. La sola presenza di questo componente ti obbliga in caso di necessità, a caricarti il computer in macchina e andare (il più delle volte a farti fottere) dall'unico centro di assistenza presente nella tua città. Senza contare che, negoziante furbo a parte, anche l'assistenza ufficiale di Apple non è delle più a buon mercato (e parlo ovviamente di interventi fuori garanzia). Quindi alla fine dell'opera mi ritroverei ad usare il windows del monopolista Bill Gates sull'hardware proprietario (che solo apparentemente è mio) del piccolo monopolista Steve Jobs. Alla fine ho il peggio dei due mondi!L'unica soddisfazione che ho ad usare windows è il fatto di poter fare quel caxxaccio che voglio con l'hardware! Il pc è MIO, me lo gestisco IO, e con un minimo di competenza me lo posso aggiustare IO se ho bisogno. Nessuno mi chiederà mai 500 o 800 euri per sostituire una scheda madre! Soprattutto poi per avere una scheda madre "vecchia", perchè mica ti fanno un upgrde per quei soldi lì!Steeve Steeeeeve! Se vuoi vendere Mac Os X a vagonate lasciacelo installare sui NOSTRI pc. Ah, ma tu sei quello che fa i soldi con l'hardware. Eh, ma non ho mica colpa io!Poi se passo a mac c'è un altro problema. E' vero che Mac Os è fatto bene ... ma di far parte di questa cag*ta qua proprio non ne ho voglia!http://the.taoofmac.com/cache/http://www.cliche-source.net/mccaffry/1172801_jobs_christ.jpgIl culto del CEO non mi piace proprio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
      già questa chicca la dice lunga sulla serietà delle osservazioni porposte: "il Macintosh gira su hardware proprietario"buahahha
      • Anonimo scrive:
        Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?

        "il Macintosh gira su hardware proprietario"

        buahahhaUna svista. Il "Mac Os", non il Macintosh. Era comunque chiaro che si parlava del system.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
          - Scritto da: Anonimo

          "il Macintosh gira su hardware proprietario"



          buahahha

          Una svista. Il "Mac Os", non il Macintosh. Era
          comunque chiaro che si parlava del system.come erano comunque chiare altre panzane che ha scritto...e quella era il non plus ultra.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?

            come erano comunque chiare altre panzane che ha
            scritto...e quella era il non plus ultra.Dimostra che erano panzane.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
            - Scritto da: Anonimo

            come erano comunque chiare altre panzane che ha

            scritto...e quella era il non plus ultra.
            Dimostra che erano panzane.rileggi e le capirai da solo....non ho tempo da perdere a spiegare ovvietà
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?

            rileggi e le capirai da solo....non ho tempo da
            perdere a spiegare ovvietàNon è il tempo che ti manca, ma la possibilità di dimostrare le tue tesi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
            - Scritto da: Anonimo

            rileggi e le capirai da solo....non ho tempo da

            perdere a spiegare ovvietà
            Non è il tempo che ti manca, ma la possibilità di
            dimostrare le tue tesi.ecco bravo ora fai il discorso di chi dimostra cosa...e comincia a dimostrare le tue...così perdi 2 ore a capire le cose superficiali ed imprecise che hai scritto....e non pretendere che altri perdano ulteriore tempo a correggere le tue sbavature da troll anti-apple-buon lavoro trolletto...e dimostrami di non esserlo, se ce la fai....non ce la fa non ce la fa!
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            rileggi e le capirai da solo....non ho tempo
            da


            perdere a spiegare ovvietà

            Non è il tempo che ti manca, ma la possibilità
            di

            dimostrare le tue tesi.

            ecco bravo ora fai il discorso di chi dimostra
            cosa...e comincia a dimostrare le tue...così
            perdi 2 ore a capire le cose superficiali ed
            imprecise che hai scritto....e non pretendere che
            altri perdano ulteriore tempo a correggere le tue
            sbavature da troll anti-apple-

            buon lavoro trolletto...e dimostrami di non
            esserlo, se ce la fai....non ce la fa non ce la
            fa!Mi sa che state litigando fra macachi, io non ho più scritto niente da un pezzo. E comunque non ho da spiegare nessuna tesi. Il Mac è un sistema pelesemente proprietario, lo capisce anche un bambino. Se non ti spaventa dare "anima" e "corpo" ad una sola azienda fai pure.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo



            rileggi e le capirai da solo....non ho tempo

            da



            perdere a spiegare ovvietà


            Non è il tempo che ti manca, ma la possibilità

            di


            dimostrare le tue tesi.



            ecco bravo ora fai il discorso di chi dimostra

            cosa...e comincia a dimostrare le tue...così

            perdi 2 ore a capire le cose superficiali ed

            imprecise che hai scritto....e non pretendere
            che

            altri perdano ulteriore tempo a correggere le
            tue

            sbavature da troll anti-apple-



            buon lavoro trolletto...e dimostrami di non

            esserlo, se ce la fai....non ce la fa non ce la

            fa!

            Mi sa che state litigando fra macachi, io non ho
            più scritto niente da un pezzo. E comunque non ho
            da spiegare nessuna tesi. Il Mac è un sistema
            pelesemente proprietario, lo capisce anche un
            bambino. Se non ti spaventa dare "anima" e
            "corpo" ad una sola azienda fai pure.ne hai già scritte di belle al primo giro...risparmiaci oltre.solo un personaggio da PI insiste con qualcosa di palesemente irreale...un po come i tuoi esposti stile trollPI.frasi fatte e superficiali come queste:" Se non ti spaventa dare "anima" e
            "corpo" ad una sola azienda fai pure." contano solo per gente come te e per chi campa e con luoghi comuni e con l'ignoranza di non capire come funziona l'economia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
      "Gira su hardware proprietario". Tutto quello che c'è dentro un Mac è assolutamente standard. La RAM è una normalissima PC2600/3200 a seconda dei modelli. Gli HD sono normalissimi Sata, il lettore DVD è un normalissimo Sony o Pioneer. La scheda video è una normalissima ATI o NVidia, l'unica differenza è che il firmware è fatto dalla Apple, ma è comunque possibile flashare una VGA per PC e farla diventare per Mac, via software.Il Mac NON E' un assemblato, è un computer DI MARCA, quindi il paragone va fatto con HP o Dell, al limite.L'unica cosa che è proprietaria è la piastra madre. Ma l'errore di fondo di paragonare il Mac agli ASSEMBLATI. Il discorso "se si rompe che faccio", è uguale agli altri computer di marca. Se si rompe la piastra madre di un HP, sei sicuro che gli metti dentro una qualsiasi Asus o Abit ? Magari la piastra potrebbe anche andare, ma spesso per stupidate di misure diverse ti tocca cambiare pure il cabinet, perchè magari HP si è fatta una versione sua di una piastra di commercio, con una forma fatta apposta per il suo cabinet.Nel caso, sempre più comune oggi, di computer portatili, il discorso neanche comincia. TUTTO è proprietario anche in ambito PC Windows. Se si rompe qualcosa di un portatile, l'unica cosa che ti puoi sostituire da solo è l'hard disk, esattamente come in un Mac portatile.l'IMac, infine, che è il computer più chiuso, è un all-in-one, e va paragonato agli ALTRI all in one sul mercato. Se ti si rompe la piastra di un Sony VAIO all-in-one con monitor integrato, sei nella stessa identica situazione che te lo ripara solo la casa madre.E' sbagliato dire che il problema di Apple è che è "proprietario", non è perchè è Apple, è perchè tutti i computer di marca sono meno flessibili degli assemblati. E gli all-in-one hanno TUTTI il problema delle riparazioni più complicate, non perchè sono Apple!
      • Anonimo scrive:
        Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
        quoto.bravo che hai voluto investire del tempo a spiegare queste cose che seppur semplici, non tutti vedono o vogliono vedere. io sono ormai stufo ci cimentarmi a ripetere sempre le stesse cose...per cui lascio ad altri l'onere di esprimerle in modo comprensibile come hai fatto tu.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
        - Scritto da: Anonimo
        "Gira su hardware proprietario".

        Tutto quello che c'è dentro un Mac è
        assolutamente standard. La RAM è una normalissima
        PC2600/3200 a seconda dei modelli. Gli HD sono
        normalissimi Sata, il lettore DVD è un
        normalissimo Sony o Pioneer. La scheda video è
        una normalissima ATI o NVidia, l'unica differenza
        è che il firmware è fatto dalla Apple, ma è
        comunque possibile flashare una VGA per PC e
        farla diventare per Mac, via software.
        Il Mac NON E' un assemblato, è un computer DI
        MARCA, quindi il paragone va fatto con HP o Dell,
        al limite.

        L'unica cosa che è proprietaria è la piastra
        madre. Particolare non irrilevante, considerato che tutto quello che hai elencato va attaccato qua. Se consideri poi che è anche il componente che fa girare Mac Os ...
        Ma l'errore di fondo di paragonare il Mac agli
        ASSEMBLATI. Il discorso "se si rompe che faccio",
        è uguale agli altri computer di marca. Se si
        rompe la piastra madre di un HP, sei sicuro che
        gli metti dentro una qualsiasi Asus o Abit ?
        Magari la piastra potrebbe anche andare, ma
        spesso per stupidate di misure diverse ti tocca
        cambiare pure il cabinet, perchè magari HP si è
        fatta una versione sua di una piastra di
        commercio, con una forma fatta apposta per il suo
        cabinet.Vedi ... se HP fa la "str*nza" e mi spara cifre assurde convinta che comunque solo lei può sistemarmi il computer, allora sì ... cambio anche il cabinet, ne trovo di tutti i tipi e prezzi. Anche per le schede madri ho solo l'imbarazzo della scelta. Se ti succede su mac che fai? Se vuoi continuare ad usare Mac Os (da cui dipendi) hai solo una soluzione. Butti tutto e ti compri un Mac nuovo di zecca. Il problema è che non tutti si possono permettere di essere così splendidi. Oppure puoi fare come quel tipo qua, ma salvi la macchina e rinunci a Mac Os comunque.http://www.tevac.com/article.php/20010813005601430
        Nel caso, sempre più comune oggi, di computer
        portatili, il discorso neanche comincia. TUTTO è
        proprietario anche in ambito PC Windows. Se si
        rompe qualcosa di un portatile, l'unica cosa che
        ti puoi sostituire da solo è l'hard disk,
        esattamente come in un Mac portatile.Il discorso non fa una grinza. Infatti penso che il portatile sia ancora un acquisto rischioso. Troppo legati alla casa madre, troppo delicati. Personalmente il miglior portatile è quello che viene via con tre anni di garanzia inclusi in un prezzo conveniente. E comunque anche qua ci sarebbe da dire sulla qualità dei portatili Apple e sull'assistenza prestata al cliente. Se esco di garanzia e scopro che la macchina che mi hai venduto è nata male, ho tutto il diritto di incaxxarmi se poi mi spari cifre irragionevoli per sistemarla, con il rischio poi di ritrovarmi nella stessa situazione pochi mesi dopo. http://lowermemoryslot.editkid.com/index.php?view=yesE' una cosa che di solito si chiama "tirare una fregatura". Questo ovviamente potrebbe farlo anche Sony o PincoPallino, ma ancora non mi risulta sia successo. Mentre sui portatili mac sono anni che si sente di partite di macchine difettose.
        l'IMac, infine, che è il computer più chiuso, è
        un all-in-one, e va paragonato agli ALTRI all in
        one sul mercato. Se ti si rompe la piastra di un
        Sony VAIO all-in-one con monitor integrato, sei
        nella stessa identica situazione che te lo ripara
        solo la casa madre.Hai ragione. Mi sono sempre tenuto lontano dagli all-in-one (di qualsiasi marca) per questo motivo.
        E' sbagliato dire che il problema di Apple è che
        è "proprietario", non è perchè è Apple, è perchè
        tutti i computer di marca sono meno flessibili
        degli assemblati. E gli all-in-one hanno TUTTI il
        problema delle riparazioni più complicate, non
        perchè sono Apple!Sono d'accordo solo per gli all-in-one e i portatili. Per i desktop di marca come già detto, a mali estremi, estremi rimedi. Se la casa madre mi obbliga a cambiare il case per via di prezzi insensati, lo faccio e recupero tutto il resto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?

          Se la casa madre mi obbliga a cambiare il case per
          via di prezzi insensati, lo faccio e recupero tutto il
          resto.peccato che quando è scaduto il periodo di garanzia, ti accorgi che:La piastra madre che monta la stessa cpu e le stesse ram che vuoi recuperare non la fanno più, perchè nel frattempo via/intel hanno già fatto 4-5 chipset nuoviChe le nuove cpu che si troveranno quel giorno, richiederanno una piastra con nuove ram ( sopratutto sul P4 ).Inoltre, quando è scaduto il periodo di garanzia, ti accorgi che il tuo HD è pieno, è uscito un masterizzatore che supporta qualche nuovo standard, la sata ti sembra ora lenta e vuoi la sata-2, la firewire è uscita l'800 e la vuoi pure quella.E non parliamo neanche di schede video. Nel tempo che ti finisce la garanzia, sono usciti come minimo 3 chipset nuovi, o comunque quella che avresti voluto comprare l'anno prima, scopri che ora te la puoi permettere, ma in ogni caso i nuovi giochi la mettono *comunque* in crisi.In breve, a meno che non ci vuoi fare un lavoro aggiuntivo, tipo serverino linux, schiavo di rete, compilatore ed encodatore in sottofondo, il "recupero" di un PC al di fuori della garanzia, in realtà è più un'illusione che una realtà.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?

            peccato che quando è scaduto il periodo di
            garanzia, ti accorgi che:

            La piastra madre che monta la stessa cpu e le
            stesse ram che vuoi recuperare non la fanno più,
            perchè nel frattempo via/intel hanno già fatto
            4-5 chipset nuoviBalle, trovi ancora delle motherboard per i pentium III e te le danno a prezzi ridicoli (mica 500 euri)!Se poi la tua macchina è molto vecchia vai sull'usato che ti stanchi dalla roba che trovi. Tutto ovviamente a prezzi più simbolici che altro, visto che il pc viene trattato come un computer e non come una mercedes!
            Che le nuove cpu che si troveranno quel giorno,
            richiederanno una piastra con nuove ram (
            sopratutto sul P4 ).Se voglio proprio montare gli utimi processori disponibili mi indirizzerò su un Sempron sulla motherboard più economica. Spenderò attorno ai 150 - 200 euri con la memoria (mica 500 euri) ma faccio sempre un piccolo upgrade.
            Inoltre, quando è scaduto il periodo di garanzia,
            ti accorgi che il tuo HD è pieno, è uscito un
            masterizzatore che supporta qualche nuovo
            standard, la sata ti sembra ora lenta e vuoi la
            sata-2, la firewire è uscita l'800 e la vuoi pure
            quella.Questo lascialo decidere a me.
            E non parliamo neanche di schede video. Nel tempo
            che ti finisce la garanzia, sono usciti come
            minimo 3 chipset nuovi, o comunque quella che
            avresti voluto comprare l'anno prima, scopri che
            ora te la puoi permettere, ma in ogni caso i
            nuovi giochi la mettono *comunque* in crisi.Questo lascialo decidere a me. Magari il pc lo usa mia nonna per navigare e per giocare uso la Xbox.
            In breve, a meno che non ci vuoi fare un lavoro
            aggiuntivo, tipo serverino linux, schiavo di
            rete, compilatore ed encodatore in sottofondo, il
            "recupero" di un PC al di fuori della garanzia,
            in realtà è più un'illusione che una realtà.La realtà è che a livello di hardware abbiamo molte più opzioni noi qua con i pc che voi lì con i mac. Ti si spacca un mac dopo un anno fuori garanzia? O paghi dai 500 agli 800 euri, oppure lo butti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
            - Scritto da: Anonimo

            peccato che quando è scaduto il periodo di

            garanzia, ti accorgi che:



            La piastra madre che monta la stessa cpu e le

            stesse ram che vuoi recuperare non la fanno più,

            perchè nel frattempo via/intel hanno già fatto

            4-5 chipset nuovi

            Balle, trovi ancora delle motherboard per i
            pentium III e te le danno a prezzi ridicoli (mica
            500 euri)!
            Se poi la tua macchina è molto vecchia vai
            sull'usato che ti stanchi dalla roba che trovi.
            Tutto ovviamente a prezzi più simbolici che
            altro, visto che il pc viene trattato come un
            computer e non come una mercedes!
            azzo tu si che sei un genio...mescolare roba di 5 anni fa con roba di 5 giorni fa....a cacciavitaro ma falla finita...la gente col computer ci lavora e ci passa il tempo libero..non ha tempo di passare le giornate col cacciavite in mano

            Che le nuove cpu che si troveranno quel giorno,

            richiederanno una piastra con nuove ram (

            sopratutto sul P4 ).

            Se voglio proprio montare gli utimi processori
            disponibili mi indirizzerò su un Sempron sulla
            motherboard più economica. Spenderò attorno ai
            150 - 200 euri con la memoria (mica 500 euri) ma
            faccio sempre un piccolo upgrade.
            eh beh un signor pc eh....hai risparmiato anche sul buon senso e l'intelligenza per postare?

            Inoltre, quando è scaduto il periodo di
            garanzia,

            ti accorgi che il tuo HD è pieno, è uscito un

            masterizzatore che supporta qualche nuovo

            standard, la sata ti sembra ora lenta e vuoi la

            sata-2, la firewire è uscita l'800 e la vuoi
            pure

            quella.

            Questo lascialo decidere a me.
            e quindi ha ragione lui

            E non parliamo neanche di schede video. Nel
            tempo

            che ti finisce la garanzia, sono usciti come

            minimo 3 chipset nuovi, o comunque quella che

            avresti voluto comprare l'anno prima, scopri che

            ora te la puoi permettere, ma in ogni caso i

            nuovi giochi la mettono *comunque* in crisi.

            Questo lascialo decidere a me. Magari il pc lo
            usa mia nonna per navigare e per giocare uso la
            Xbox.
            e quindi ha ragione lui

            In breve, a meno che non ci vuoi fare un lavoro

            aggiuntivo, tipo serverino linux, schiavo di

            rete, compilatore ed encodatore in sottofondo,
            il

            "recupero" di un PC al di fuori della garanzia,

            in realtà è più un'illusione che una realtà.

            La realtà è che a livello di hardware abbiamo
            molte più opzioni noi qua con i pc che voi lì con
            i mac. Ti si spacca un mac dopo un anno fuori
            garanzia? O paghi dai 500 agli 800 euri, oppure
            lo butti.invece di avere problemi cerebrali di localizzazione...renditi conto che vivi di luoghi comuni e di cacciaviti....trollone ma scrivi meno panzane va
        • Anonimo scrive:
          Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          "Gira su hardware proprietario".



          Tutto quello che c'è dentro un Mac è

          assolutamente standard. La RAM è una
          normalissima

          PC2600/3200 a seconda dei modelli. Gli HD sono

          normalissimi Sata, il lettore DVD è un

          normalissimo Sony o Pioneer. La scheda video è

          una normalissima ATI o NVidia, l'unica
          differenza

          è che il firmware è fatto dalla Apple, ma è

          comunque possibile flashare una VGA per PC e

          farla diventare per Mac, via software.

          Il Mac NON E' un assemblato, è un computer DI

          MARCA, quindi il paragone va fatto con HP o
          Dell,

          al limite.



          L'unica cosa che è proprietaria è la piastra

          madre.

          Particolare non irrilevante, considerato che
          tutto quello che hai elencato va attaccato qua.
          Se consideri poi che è anche il componente che fa
          girare Mac Os ...
          tutta roba che se anche comprata al negozio all'angolo funge senza problemia me risulta che anche dell e co hanno mobo personalizzate....eppure non ti scandalizzi per questo

          Ma l'errore di fondo di paragonare il Mac agli

          ASSEMBLATI. Il discorso "se si rompe che
          faccio",

          è uguale agli altri computer di marca. Se si

          rompe la piastra madre di un HP, sei sicuro che

          gli metti dentro una qualsiasi Asus o Abit ?

          Magari la piastra potrebbe anche andare, ma

          spesso per stupidate di misure diverse ti tocca

          cambiare pure il cabinet, perchè magari HP si è

          fatta una versione sua di una piastra di

          commercio, con una forma fatta apposta per il
          suo

          cabinet.

          Vedi ... se HP fa la "str*nza" e mi spara cifre
          assurde convinta che comunque solo lei può
          sistemarmi il computer, allora sì ... cambio
          anche il cabinet, ne trovo di tutti i tipi e
          prezzi. Anche per le schede madri ho solo
          l'imbarazzo della scelta. Se ti succede su mac
          che fai? Se vuoi continuare ad usare Mac Os (da
          cui dipendi) hai solo una soluzione. Butti tutto
          e ti compri un Mac nuovo di zecca. Il problema è
          che non tutti si possono permettere di essere
          così splendidi. Oppure puoi fare come quel tipo
          qua, ma salvi la macchina e rinunci a Mac Os
          comunque.
          ciccio sveglia che apple ha cambiato piattaforma...e dato che osx x86 gira anche su amd...i tuoi luoghi comuni spariranno come d'incanto dal 2006
          http://www.tevac.com/article.php/20010813005601430


          Nel caso, sempre più comune oggi, di computer

          portatili, il discorso neanche comincia. TUTTO è

          proprietario anche in ambito PC Windows. Se si

          rompe qualcosa di un portatile, l'unica cosa che

          ti puoi sostituire da solo è l'hard disk,

          esattamente come in un Mac portatile.

          Il discorso non fa una grinza. Infatti penso che
          il portatile sia ancora un acquisto rischioso.
          Troppo legati alla casa madre, troppo delicati.
          Personalmente il miglior portatile è quello che
          viene via con tre anni di garanzia inclusi in un
          prezzo conveniente. E comunque anche qua ci
          sarebbe da dire sulla qualità dei portatili Apple
          e sull'assistenza prestata al cliente. Se esco di
          garanzia e scopro che la macchina che mi hai
          venduto è nata male, ho tutto il diritto di
          incaxxarmi se poi mi spari cifre irragionevoli
          per sistemarla, con il rischio poi di ritrovarmi
          nella stessa situazione pochi mesi dopo.

          http://lowermemoryslot.editkid.com/index.php?view=
          che bel discorsetto senza ne capo ne cosa...se ti serve un portatile non hai altre soluzioni che prendere un portatile...che tu ti incazzi o meno ü irrilevante...come tante altre cose che hai scritto tra l'altro
          E' una cosa che di solito si chiama "tirare una
          fregatura". Questo ovviamente potrebbe farlo
          anche Sony o PincoPallino, ma ancora non mi
          risulta sia successo. Mentre sui portatili mac
          sono anni che si sente di partite di macchine
          difettose.
          a te risultano poche cose per pontificarci sopra

          l'IMac, infine, che è il computer più chiuso, è

          un all-in-one, e va paragonato agli ALTRI all in

          one sul mercato. Se ti si rompe la piastra di un

          Sony VAIO all-in-one con monitor integrato, sei

          nella stessa identica situazione che te lo
          ripara

          solo la casa madre.

          Hai ragione. Mi sono sempre tenuto lontano dagli
          all-in-one (di qualsiasi marca) per questo
          motivo.
          dalle stupidate invece non ti tieni lontano invece eh...

          E' sbagliato dire che il problema di Apple è che

          è "proprietario", non è perchè è Apple, è perchè

          tutti i computer di marca sono meno flessibili

          degli assemblati. E gli all-in-one hanno TUTTI
          il

          problema delle riparazioni più complicate, non

          perchè sono Apple!

          Sono d'accordo solo per gli all-in-one e i
          portatili. Per i desktop di marca come già detto,
          a mali estremi, estremi rimedi. Se la casa madre
          mi obbliga a cambiare il case per via di prezzi
          insensati, lo faccio e recupero tutto il resto.bof solito bla bla del cacciavitato che non è rappresentativo di nulla e nessunonotte troll
    • Anonimo scrive:
      Re: Fiico! Ma dov'è la fregatura?
      - Scritto da: Anonimo
      "Non è difficile tuttavia notare come Apple sia
      al momento l'unica azienda autorizzata ad
      installare Mac OS X sulle proprie macchine (anche
      materialmente finché le release ufficiali di Mac
      OS X x86 non verranno sprotette): potenzialmente,
      quindi, non solo potrebbe essere l'unica azienda
      a poter creare un multi-boot con tutti i maggiori
      sistemi operativi in circolazione (Windows, Linux
      e Mac OS X in primis), ma anche l'unica a poterne
      caricare due contemporaneamente."

      Se poi penso a come Steve renderà "fighetta" la
      transizione in tempo reale da un system all'altro
      ...
      Ma a valutare Windows e Mac Os X, dovrebbe
      bastare solo la presenza di quest'ultimo a
      spazzare via il Bill Gates dalla faccia della
      terra. Anzi, a comparare Windows e Mac Os, il
      Bill Gates dovrebbe essere un ricordo ormai
      lontano, ma il mercato continua a dar ragione a
      Gates. Come mai?
      Tutte queste cose che sta studiando Apple, sono
      molto allettanti, ma non cambia il problema di
      fondo: il Macintosh gira su hardware
      proprietario. Certo, il macaco ribatterà che le
      periferiche e buona parte della componentistica
      interna è la stessa dei Pc, ma tutte queste cose
      sono collegate alla scheda madre (o scheda logica
      nel mondo mac), che è disegnata da Apple ed è
      proprietà di Apple. La sola presenza di questo
      componente ti obbliga in caso di necessità, a
      caricarti il computer in macchina e andare (il
      più delle volte a farti fottere) dall'unico
      centro di assistenza presente nella tua città.
      Senza contare che, negoziante furbo a parte,
      anche l'assistenza ufficiale di Apple non è delle
      più a buon mercato (e parlo ovviamente di
      interventi fuori garanzia). Quindi alla fine
      dell'opera mi ritroverei ad usare il windows del
      monopolista Bill Gates sull'hardware proprietario
      (che solo apparentemente è mio) del piccolo
      monopolista Steve Jobs. Alla fine ho il peggio
      dei due mondi!
      L'unica soddisfazione che ho ad usare windows è
      il fatto di poter fare quel caxxaccio che voglio
      con l'hardware! Il pc è MIO, me lo gestisco IO, e
      con un minimo di competenza me lo posso
      aggiustare IO se ho bisogno. Nessuno mi chiederà
      mai 500 o 800 euri per sostituire una scheda
      madre! Soprattutto poi per avere una scheda madre
      "vecchia", perchè mica ti fanno un upgrde per
      quei soldi lì!
      Steeve Steeeeeve! Se vuoi vendere Mac Os X a
      vagonate lasciacelo installare sui NOSTRI pc. Ah,
      ma tu sei quello che fa i soldi con l'hardware.
      Eh, ma non ho mica colpa io!

      Poi se passo a mac c'è un altro problema. E' vero
      che Mac Os è fatto bene ... ma di far parte di
      questa cag*ta qua proprio non ne ho voglia!

      http://the.taoofmac.com/cache/http://www.cliche-so

      Il culto del CEO non mi piace proprio!Solito pistolotto letto ormai 1 milione di volte. Ancora però non capisco perchè quelli come te si devono preoccupare tanto dei macachi. Tu rimani picciotto e i macachi potranno o no fare il c....o che gli pare?
  • danieleNA scrive:
    se facessero degli sconti
    (sostanziosi), io mi comprerei un Apple attuale.Penso che prima di non poterlo più usare, per mancanza di programmi o simili, passerà comunque un po' di tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: se facessero degli sconti
      Secondo me non ci saranno sconti ufficiali, ma l'iniziativa sarà lasciata al singolo negoziante/catena proprio come è adesso.Così MW venderà i vecchi Mac allo stesso prezzo dei nuovi per un bel po'... :-)Bell'articolo comunque!--Ameba Spugnosa
      • Anonimo scrive:
        Re: se facessero degli sconti
        - Scritto da: Anonimo
        Secondo me non ci saranno sconti ufficiali, ma
        l'iniziativa sarà lasciata al singolo
        negoziante/catena proprio come è adesso.

        Così MW venderà i vecchi Mac allo stesso prezzo
        dei nuovi per un bel po'... :-)

        Bell'articolo comunque!

        --
        Ameba SpugnosaPrendiamoli su eBay!
  • Anonimo scrive:
    Cacca
    La ragione principale del passaggio a intel è Palladium. È necessario per non perdere il mercato della musica e dei film, visto che a breve sarà tutto palladizzato. La questione prestazioni è una balla. Il problema principale non è il processore, ma il MacOS, che è molto più lento di windos e ancor più di Linux. Insomma, perché mai dovrei comprare un PC sovrapprezzato e lento, quando posso comprare il compatibile ad 1/3 del prezzo e farci girare windos e Linux ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Cacca
      - Scritto da: Anonimo
      La ragione principale del passaggio a intel è
      Palladium. È necessario per non perdere il
      mercato della musica e dei film, visto che a
      breve sarà tutto palladizzato. La questione
      prestazioni è una balla. Il problema principale
      non è il processore, ma il MacOS, che è molto più
      lento di windos e ancor più di Linux. Insomma,
      perché mai dovrei comprare un PC sovrapprezzato e
      lento, quando posso comprare il compatibile ad
      1/3 del prezzo e farci girare windos e Linux ?MacOS non è poi così lento. Certo ad un'analisi approfondita più che le prestazioni gli resta solo la produttività e semplicità d'uso per l'utente.I due grossi punti a sfavore sono nel campo giochi dove ne ha pochi (anche se buoni) e nel settore server dove ha grossi problemi di multithreading e prestazioni ridicole nelle applicazioni dove Linux è enormemente più veloce, ossia come server MySQL/Apache.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cacca
      - Scritto da: Anonimo
      La ragione principale del passaggio a intel è
      Palladium. È necessario per non perdere il
      mercato della musica e dei film, visto che a
      breve sarà tutto palladizzato. La questione
      prestazioni è una balla. Il problema principale
      non è il processore, ma il MacOS, che è molto più
      lento di windos e ancor più di Linux.Ecco che esce la trollata...ma se hanno fatto un test con win e X x86 sullo stesso portatile e pur essendo una beta X x86 era + rapido e reattivo di XP....ma va la dai Insomma,
      perché mai dovrei comprare un PC sovrapprezzato e
      lento, quando posso comprare il compatibile ad
      1/3 del prezzo e farci girare windos e Linux ?quando la finirai di scrivere le solite balle?come mai c'è tanta gente che compra Dell che costa di più di un assemblato giggiertruzzo e lo usa con XP che è + lento di linux?come mai?non credi che hai la testa un po troppo zeppa di luoghi comuni?
      • Anonimo scrive:
        Re: Cacca
        eh...anche tu di luoghi comuni ne hai tanti....Vogliamo vedere quanti servizi girano su un sistema e quanti sull'altro....D.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cacca
          Palladium su mac verrà utilizzato solo per impedire l'installazione di mac os x su hardware non-apple.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cacca
            - Scritto da: Anonimo
            Palladium su mac verrà utilizzato solo per
            impedire l'installazione di mac os x su hardware
            non-apple.Te lo ha detto Steve Jobs direttamente?
    • Anonimo scrive:
      Re: Cacca
      comprati pure un bandone di latta con windows dentro che te lo meriti...Dio Mio che ignorante...
  • pikappa scrive:
    e io mi tengo il G4
    In barba a chi dice che è meglio aspettare, da tre settimane sono un felice possessore di un ibook g4 ed è una macchina semplicemente stupenda (con uno stupendo sistema operativo in cima....anzi 2 visto che ci installerò anche linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: e io mi tengo il G4
      - Scritto da: pikappa
      In barba a chi dice che è meglio aspettareLa macchina che ti serve nel momento che ti serve?A me consegnano oggi o domani un G5 dual-core :)
    • awerellwv scrive:
      Re: e io mi tengo il G4
      - Scritto da: pikappa
      In barba a chi dice che è meglio aspettare, da
      tre settimane sono un felice possessore di un
      ibook g4 ed è una macchina semplicemente stupenda
      (con uno stupendo sistema operativo in
      cima....anzi 2 visto che ci installerò anche
      linux)come ho appena fatto io; da 2 settimane ne sono anche io un felice possessore, e ne sono soddisfatissimo; io ho optato per la versione 12" per via del peso conenuto e del basso costo. anche se con linux bisogna ravanare molto nelle impostazioni per avere la station usabile
      • pikappa scrive:
        Re: e io mi tengo il G4
        - Scritto da: awerellwv

        - Scritto da: pikappa

        In barba a chi dice che è meglio aspettare, da

        tre settimane sono un felice possessore di un

        ibook g4 ed è una macchina semplicemente
        stupenda

        (con uno stupendo sistema operativo in

        cima....anzi 2 visto che ci installerò anche

        linux)

        come ho appena fatto io; da 2 settimane ne sono
        anche io un felice possessore, e ne sono
        soddisfatissimo; io ho optato per la versione 12"
        per via del peso conenuto e del basso costo. Anch'io :-D

        anche se con linux bisogna ravanare molto nelle
        impostazioni per avere la station usabile Beh anche per installarlo non è semplicissimo, soprattutto per me che ho optato per installarlo su hd esterno
      • Ivi scrive:
        Re: e io mi tengo il G4
        - Scritto da: awerellwv
        anche se con linux bisogna ravanare molto nelle
        impostazioni per avere la station usabile Dipende da cosa pensi di installare, se non hai preferenze sulle distro da installare posso consigliarti Yellow Dog, è una scheggia e sul mio PowerBook va a sassata. Link: http://www.yellowdoglinux.com/Anche se OsX rimane davvero un pianeta avanti :) Ivan
        • Anonimo scrive:
          Re: e io mi tengo il G4
          - Scritto da: Ivi
          Anche se OsX rimane davvero un pianeta avanti :) Infatti questa davvero non la capisco. Secondo me, la fissa di installare Linux su Mac ce l'hanno quelli che il Mac lo devono ancora prendere e non hanno mai visto cosa c'è dentro OSX.Non vedo cosa possa servire Linux su Mac, visto che tanto devi trovare i binari per PPC, oppure devi ricompilare. A questo punto, fai prima a trovare una versione del programma che ti serve fatta direttamente per OSX+Fink o + X11, se magari non ci fosse proprio una versione nativa OSX.Tutto il resto, dallo sviluppo applicazioni, alla gestione di un server web, alla programmazione php/python+mysql, alla gestione della shell, OSX lo fa tale e quale a qualsiasi altro systema Unix.Se anche vuoi fare lo sviluppatore Linux, nessuno ti vieta di installare KDE o Gnome su OSX, e programmare con quelli.
          • Ivi scrive:
            Re: e io mi tengo il G4
            Infatti io mi tengo ben stretto OsX, ho provato YDL per pura curiosità e devo dire che si installa facilmente e si usa una bellezza: ma la differenza tra i due sistemi è lampante, per facilità e potenza OsX riesce ancora a strabiliarmi nonostante usi un Mac Os dal system 9. Per quanto riguarda la questione Intel non ci sono problemi, Apple ha fatto l' unica mossa possibile in quanto IBM ha fatto chiaramente capire che lo sviluppo dei G5 per Apple non rientra nei loro piani; certo mi dispiace ma l' importante è che Apple continui a produrre computer e programmi come sa fare e per il resto amen...Ivan
  • Anonimo scrive:
    Battaglia con l'Aopen minipc?
    Che dite, sarà scontro con il minipc Aopen di cui si parla qui?http://punto-informatico.it/p.asp?i=56044&r=PICiao!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
      Non scherziamo, l'Aopen è l'ennesimo clone copiato da qualcosa della Apple. Se Apple dovesse avere fatto l'accordo con Intel per andare in concorrenza con Aopen ( no dico, Aopen ), vuol dire che è davvero ridotta male.Quando ci saranno le cpu Intel, la Apple sarà semplicemente più competitiva con tutti, Dell, Toshiba, Acer, Siemens, etc.Oggi, è "solamente" migliore di tutti come OS, Design e Innovazione hardware/software. Domani, con Intel, sarà anche competitiva come rapporto prestazioni/prezzo, soprattutto sui portatili.
      • MeDevil scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
        - Scritto da: Anonimo
        Non scherziamo, l'Aopen è l'ennesimo clone
        copiato da qualcosa della Apple.

        Se Apple dovesse avere fatto l'accordo con Intel
        per andare in concorrenza con Aopen ( no dico,
        Aopen ), vuol dire che è davvero ridotta male.quoto.

        Quando ci saranno le cpu Intel, la Apple sarà
        semplicemente più competitiva con tutti, Dell,
        Toshiba, Acer, Siemens, etc.Beh... lo è già.

        Oggi, è "solamente" migliore di tutti come OS,non è che sia davvero poi questo "grandissimo" so... anche lui ha parecchie cose da rivedere (e parlo di robe interne come lo stack tcp/ip e simili).
        Design e Innovazione hardware/software. Domani,
        con Intel, sarà anche competitiva come rapporto
        prestazioni/prezzo, soprattutto sui portatili.lo è già... non cambierà nulla domani, visto che cmq apple conta di far girare il 'suo' so solamente sulle 'sue' macchine, come fa oggi... (non so se ho ben chiarito il concetto...)Saluti, MeDevil
        • Anonimo scrive:
          Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
          - Scritto da: MeDevil
          non è che sia davvero poi questo "grandissimo"
          so... anche lui ha parecchie cose da rivedere (e
          parlo di robe interne come lo stack tcp/ip e
          simili).il fatto che non sia perfetto ( il software è sempre perfettibile ), non cambia la sostanza, rimane migliore dei concorrenti. Ovviamente per uso generico, escludendo le nicchie specializzate tipo qnx, os9, etc.
          lo è già... non cambierà nulla domani, visto che
          cmq apple conta di far girare il 'suo' so
          solamente sulle 'sue' macchine
          come fa oggi...
          (non so se ho ben chiarito il concetto...)Oggi non lo è. NON sui portatili sicuramente. Per il fatto di essere ancora legata al G4, i Powerbook hanno un rapporto prezzo/prestazioni molto scadente. Non c'entra nulla il fatto che la concorrenza non sarà in grado di far girare OSX, rimane il fatto che con le CPU Intel, finalmente Apple sarà al pari degli altri ANCHE come rapporto prezzo/prestazioni
      • Anonimo scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?

        Non scherziamo, l'Aopen è l'ennesimo clone
        copiato da qualcosa della Apple. http://www.mini-itx.com/projects/teddybear/default.asp?page=3I mini-pc mini itx o micro atx esistono da mo, da prima del cube che viene prima del macmini.E a proposito di cloni, anche essi discendono dal concept di home computer degli anni '70, più piccolo, silenzioso e stiloso del concept dei personal computer (IBM o Lisa di quegli anni).Tutti i mini sono cloni dell'Atari e del Commodore!
      • nelchael81 scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
        Aopen ha disegnato il case che viene utilizzato dal mac mini !!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
          - Scritto da: nelchael81
          Aopen ha disegnato il case che viene utilizzato
          dal mac mini !!!!eccerto
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            http://www.mini-itx.com/projects/teddybear/default.asp?page=3
      • Anonimo scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?

        Domani,
        con Intel, sarà anche competitiva come rapporto
        prestazioni/prezzo, soprattutto sui portatili.Fantastico leggere queste cose da quelli che fino a 6 mesi fa scrivevano INTEL=MERD@, INTEL fa cag@re, INTEL ha prestazioni ridicole, ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
        Veramente i miniPC li facevano anche 8-10 anni fa, da noi in Italia per esempio ce n'era uno di Computer Union, in UK c'era il "Brick" e immagino ci siano anche altri esempi, la base saranno stati comunque dei barebone taiwanesi, stavolta non è il PC che ha copiato Apple, i miniPC sono nati prima del minimac.Mentre invece, crescendo di dimensione rispetto ai mini, i desktop "slim" li ho visti per primi fatti dalla Sun, delle SparcStation (posso sbagliarmi, ma quei case erano soprannominati "pizza box"), neppure i NeXT erano così snelli. SGI invece univa stile e praticità con dei minitower, non ha inventato o lanciato case radicalmente nuovi.Avendo spazio però preferirei il case del Vax 11/750, ci starebbe comodo tutto dentro, non mi farei il nervoso quando ci devo mettere le mani e potrei usare solo dissipatori passivi senza rischio di surriscaldamento, al più basterebbe per il ricambio d'aria una sola ventola a bassa velocità soffiante e con fitro antipolvere, minimo rumore, e stop alla polvere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
          - Scritto da: Anonimo
          Veramente i miniPC li facevano anche 8-10 anni
          fa, da noi in Italia per esempio ce n'era uno di
          Computer Union, in UK c'era il "Brick" e immagino
          ci siano anche altri esempi, la base saranno
          stati comunque dei barebone taiwanesi, stavolta
          non è il PC che ha copiato Apple, i miniPC sono
          nati prima del minimac.[...]Detto ciò, comunque, non ho problemi ad ammettere che come al solito il minimac sarà più user-friendly dei miniPC.
    • Anonimo scrive:
      La guerra dei cloni...
      http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1201465&tid=1201465&p=1&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
      Non nvedo motivo di scontro... se vuoi usare MacOS ti compri un Mac, altrimenti di compri quello che vuoi comprese le imitazioni del Mac mini
      • Anonimo scrive:
        Re: Battaglia con l'Aopen minipc?

        Fantastico leggere queste cose da quelli che fino a 6
        mesi fa scrivevano INTEL=MERD@, INTEL fa
        cag@re, INTEL ha prestazioni ridicole, ...ROTFL, fantastico vedere come, per spingere la tesi che gli utenti Mac "sono tutti fanatici", si usa l'esempio di uno che magari 6 mesi fa ha scritto una cosa sbagliata, e automagicamente diventa il pensiero comune di tutti gli utenti Mac.Sono 20 MILIONI al mondo gli utenti Mac, ci sarà una bella quantità di scemi, non fosse altro per le leggi statistiche ? Se conoscessi realmente l'utenza Mac, sapresti che si, sono soddisfatti dei loro computer, ma soprattutto chi ha un portatile, si è sente in questo momento un po' penalizzato per colpa di una CPU obsoleta ( il G4 )
        • Anonimo scrive:
          Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
          - Scritto da: Anonimo

          Fantastico leggere queste cose da quelli che
          fino a 6
          mesi fa scrivevano INTEL=MERD@, INTEL
          fa
          cag@re, INTEL ha prestazioni ridicole, ...

          ROTFL, fantastico vedere come, per spingere la
          tesi che gli utenti Mac "sono tutti fanatici", si
          usa l'esempio di uno che magari 6 mesi fa ha
          scritto una cosa sbagliata, e automagicamente
          diventa il pensiero comune di tutti gli utenti
          Mac.

          Sono 20 MILIONI al mondo gli utenti Mac, ci sarà
          una bella quantità di scemi, non fosse altro per
          le leggi statistiche ?

          Se conoscessi realmente l'utenza Mac, sapresti
          che si, sono soddisfatti dei loro computer, ma
          soprattutto chi ha un portatile, si è sente in
          questo momento un po' penalizzato per colpa di
          una CPU obsoleta ( il G4 )Balle! La realtà è che vi fate andare bene qualsiasi cosa decida "il capo".http://www.tribuneindia.com/2005/20050608/biz2.jpgAvete spalato mer*a per anni su intel, non prendiamoci in giro! Anche quando le prestazioni erano nettamente migliori sui pentum avete continuato a fare i goduti coi G4 raccontando storielle alle quali credevate soltanto voi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Fantastico leggere queste cose da quelli che

            fino a 6
            mesi fa scrivevano INTEL=MERD@, INTEL

            fa
            cag@re, INTEL ha prestazioni ridicole, ...



            ROTFL, fantastico vedere come, per spingere la

            tesi che gli utenti Mac "sono tutti fanatici",
            si

            usa l'esempio di uno che magari 6 mesi fa ha

            scritto una cosa sbagliata, e automagicamente

            diventa il pensiero comune di tutti gli utenti

            Mac.



            Sono 20 MILIONI al mondo gli utenti Mac, ci sarà

            una bella quantità di scemi, non fosse altro per

            le leggi statistiche ?



            Se conoscessi realmente l'utenza Mac, sapresti

            che si, sono soddisfatti dei loro computer, ma

            soprattutto chi ha un portatile, si è sente in

            questo momento un po' penalizzato per colpa di

            una CPU obsoleta ( il G4 )

            Balle! La realtà è che vi fate andare bene
            qualsiasi cosa decida "il capo".

            http://www.tribuneindia.com/2005/20050608/biz2.jpg

            Avete spalato mer*a per anni su intel, non
            prendiamoci in giro! Anche quando le prestazioni
            erano nettamente migliori sui pentum avete
            continuato a fare i goduti coi G4 raccontando
            storielle alle quali credevate soltanto voi!Ma finiscila di fare il trappattoni del bar dietro all'angolo.Quando il G4 era meglio dei pentium era giusto dirlo così come è giusto dire che ora un G4 non è vecchio...dippiu! Infatti il mercato portatili è quello che tira e se non puoi fornire portatili con cpu nuove e performanti che fai? cambi fornitore e in questo caso piattaforma. dove sta il problema?Ok allora ci crediamo solo noi ai risultati che permettono di ottenere dual G5 e quad G5....tanto che te frega, no?e per quanto mi riguarda oggi la scelta intel è sicuramente peggiore di quella di amd....ma tra 1,2, 3 o più anni chi può dirlo? immagino abbiano scelto intel con cognizione di causa....aspetto che a quelli che vomitano sentenze su PI come fai tu forse può anche far difetto.ma come si sa...son tutti scemi a parte te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            Guarda che le prestazioni "nettamente migliori" sui Pentium ci sono solo ORA. Il G4 è stato superiore al P4 per un bel po', poi è uscito il G5, che va benissimo, ma purtroppo scalda e consuma troppo e non si può mettere in un portatile, e il G4 ovviamente è stato lasciato indietro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            - Scritto da: Anonimo
            Guarda che le prestazioni "nettamente migliori"
            sui Pentium ci sono solo ORA.

            Il G4 è stato superiore al P4 per un bel po', poi
            è uscito il G5, che va benissimo, ma purtroppo
            scalda e consuma troppo e non si può mettere in
            un portatile, e il G4 ovviamente è stato lasciato
            indietro.Un'altra vittima dell'RDF di Steve jobs!http://www.theinquirer.net/images/articles/rdf2.jpg
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            Invece di postare una jpg ( guarda che il reality distortion field è una roba che risale agli anni 80 ), perchè non provi ad contestare il fatto ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            - Scritto da: Anonimo
            Invece di postare una jpg ( guarda che il reality
            distortion field è una roba che risale agli anni
            80 ), perchè non provi ad contestare il fatto ?Perché mi fai perdere già troppo tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            ROFTL, l'espertone da google :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Battaglia con l'Aopen minipc?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Invece di postare una jpg ( guarda che il
            reality

            distortion field è una roba che risale agli anni

            80 ), perchè non provi ad contestare il fatto ?

            Perché mi fai perdere già troppo tempo.che è lo stesso che fai perdere tu a noi
  • Anonimo scrive:
    Rosetta
    "Rosetta".... mai sentito, che é?
    • MeDevil scrive:
      Re: Rosetta
      - Scritto da: Anonimo
      "Rosetta".... mai sentito, che é?l'ho letto da qualche parte ma non ricordo bene... cmq dovrebbe essere una specie di "traduttore" di istruzioni per far si che le attuali applicazioni ppc possano girare anche su mac-intel. Cmq, se cerchi sul web dovresti trovare più info a riguardo...Saluti, MeDevil
    • Anonimo scrive:
      Re: Rosetta
      - Scritto da: Anonimo
      "Rosetta".... mai sentito, che é?Rosetta è un traduttore dinamico di codice che permetterà di far grare il software scritto per MacOSX-PPC sui futuri Mac-Intel. Ovviamente con tutti i limiti del caso, ovvero un (seppur piccolo) rallentamento dovuto a quella che alla fine è comunque un'emulazione, e una perdita di tutte quelle che sono le ottimizzazioni di codice (Altivec è come se non esistesse)ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Rosetta
      - Scritto da: Anonimo
      Ovviamente, per motivi di prestazioni, è una
      soluzione solo transitoria, perchè in futuro i
      programmi per OSX saranno distribuiti nel formato
      "Fat Binaries", dove lo stesso eseguibile include
      sia il codice per PPC che quello per Intel. Il
      sistema operativo, a seconda della versione,
      lancia il codice giusto.Che favoletta: in futuro la maggior parte dei SW saranno per Intel, e in cuBo a chi ha il PPC...
      Per le software house, in teoria, non è molto
      complicato portare i software, soprattutto se già
      usavano XCode per compilare ( e la Apple è anni
      che sta dicendo a tutti i programmatori Mac di
      passare a XCode al più presto ).Certo, come no. E chi glielo fa fare di continuare a compilare (con binari larghi quasi il doppio) per PPC?
      • Anonimo scrive:
        Re: Rosetta
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        Ovviamente, per motivi di prestazioni, è una

        soluzione solo transitoria, perchè in futuro i

        programmi per OSX saranno distribuiti nel
        formato

        "Fat Binaries", dove lo stesso eseguibile
        include

        sia il codice per PPC che quello per Intel. Il

        sistema operativo, a seconda della versione,

        lancia il codice giusto.

        Che favoletta: in futuro la maggior parte dei SW
        saranno per Intel, e in cuBo a chi ha il PPC...
        FAT BINARY....come è stato per anni col passaggio a PPC

        Per le software house, in teoria, non è molto

        complicato portare i software, soprattutto se
        già

        usavano XCode per compilare ( e la Apple è anni

        che sta dicendo a tutti i programmatori Mac di

        passare a XCode al più presto ).

        Certo, come no. E chi glielo fa fare di
        continuare a compilare (con binari larghi quasi
        il doppio) per PPC?2 clic non credo siano la fine del mondo....eppoi c'è già chi sviluppa in fat binary per cui...
        • Anonimo scrive:
          Re: Rosetta

          2 clic non credo siano la fine del mondo....eppoi
          c'è già chi sviluppa in fat binary per cui...certo, binari pesanti il doppio, dove sta il problema?le altivec non utilizzabili su tutto il sw in circolazione e non più possibili da utilizzare per ottimizzare i nuovi sw, dopo averle strombazzate per anni, ma al contrario un layer di emulazione sopra la struttura superscalare delle simd e mimd x86 tanto derise, dove sta il problema?
          • Anonimo scrive:
            Re: Rosetta
            - Scritto da: Anonimo

            2 clic non credo siano la fine del
            mondo....eppoi

            c'è già chi sviluppa in fat binary per cui...
            certo, binari pesanti il doppio, dove sta il
            problema?ma il doppio dove?
            le altivec non utilizzabili su tutto il sw in
            circolazione e non più possibili da utilizzare
            per ottimizzare i nuovi sw, dopo averle
            strombazzate per anni, ma al contrario un layer
            di emulazione sopra la struttura superscalare
            delle simd e mimd x86 tanto derise, dove sta il
            problema?sta dove non arrivi a vedere che non v'è problema...fat binary per un po e poi elimini anche quelle come è già stato fatto in passato senza porre problemi.ma tu li devi per forza vedere ovunque...proponiti come futuro dipendente apple e spiega loro che hanno fatto tutto sbagliato da 20 anni a questa parte....e che tu sei in grado di risolvere tutto...che sei la luce in questo mondo oscuro.mah
          • Anonimo scrive:
            Re: Rosetta
            Certo.- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            2 clic non credo siano la fine del

            mondo....eppoi


            c'è già chi sviluppa in fat binary per cui...

            certo, binari pesanti il doppio, dove sta il

            problema?

            ma il doppio dove?



            le altivec non utilizzabili su tutto il sw in

            circolazione e non più possibili da utilizzare

            per ottimizzare i nuovi sw, dopo averle

            strombazzate per anni, ma al contrario un layer

            di emulazione sopra la struttura superscalare

            delle simd e mimd x86 tanto derise, dove sta il

            problema?

            sta dove non arrivi a vedere che non v'è
            problema...fat binary per un po e poi elimini
            anche quelle come è già stato fatto in passato
            senza porre problemi.

            ma tu li devi per forza vedere
            ovunque...proponiti come futuro dipendente apple
            e spiega loro che hanno fatto tutto sbagliato da
            20 anni a questa parte....e che tu sei in grado
            di risolvere tutto...che sei la luce in questo
            mondo oscuro.

            mah
          • Anonimo scrive:
            Re: Rosetta
            e dillo subito che sei un trollazzo- Scritto da: Anonimo
            Certo.

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo



            2 clic non credo siano la fine del


            mondo....eppoi



            c'è già chi sviluppa in fat binary per
            cui...


            certo, binari pesanti il doppio, dove sta il


            problema?



            ma il doppio dove?






            le altivec non utilizzabili su tutto il sw in


            circolazione e non più possibili da utilizzare


            per ottimizzare i nuovi sw, dopo averle


            strombazzate per anni, ma al contrario un
            layer


            di emulazione sopra la struttura superscalare


            delle simd e mimd x86 tanto derise, dove sta
            il


            problema?



            sta dove non arrivi a vedere che non v'è

            problema...fat binary per un po e poi elimini

            anche quelle come è già stato fatto in passato

            senza porre problemi.



            ma tu li devi per forza vedere

            ovunque...proponiti come futuro dipendente apple

            e spiega loro che hanno fatto tutto sbagliato da

            20 anni a questa parte....e che tu sei in grado

            di risolvere tutto...che sei la luce in questo

            mondo oscuro.



            mah

          • Anonimo scrive:
            Re: Rosetta
            Chi?- Scritto da: Anonimo
            e dillo subito che sei un trollazzo

            - Scritto da: Anonimo

            Certo.



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo




            2 clic non credo siano la fine del



            mondo....eppoi




            c'è già chi sviluppa in fat binary per

            cui...



            certo, binari pesanti il doppio, dove sta il



            problema?





            ma il doppio dove?









            le altivec non utilizzabili su tutto il sw
            in



            circolazione e non più possibili da
            utilizzare



            per ottimizzare i nuovi sw, dopo averle



            strombazzate per anni, ma al contrario un

            layer



            di emulazione sopra la struttura
            superscalare



            delle simd e mimd x86 tanto derise, dove sta

            il



            problema?





            sta dove non arrivi a vedere che non v'è


            problema...fat binary per un po e poi elimini


            anche quelle come è già stato fatto in passato


            senza porre problemi.





            ma tu li devi per forza vedere


            ovunque...proponiti come futuro dipendente
            apple


            e spiega loro che hanno fatto tutto sbagliato
            da


            20 anni a questa parte....e che tu sei in
            grado


            di risolvere tutto...che sei la luce in questo


            mondo oscuro.





            mah


          • Anonimo scrive:
            Re: Rosetta
            cvd
      • Anonimo scrive:
        Re: Rosetta
        - Scritto da: Anonimo
        Certo, come no. E chi glielo fa fare di
        continuare a compilare (con binari larghi quasi
        il doppio) per PPC?E secondo te come hanno fatto fino ad oggi, che avevano già i Fat Binaries per supportare nello stesso eseguibile PPC e 68000 ? Non è mica la prima volta che gli sviluppatori Apple si trovano di fronte ad un campio totale di CPU...Tra l'altro, i Fat Binaries precedenti erano anche più complessi, perchè non solo c'era da gestire 68000 vs PPC, ma c'era anche il fatto che ad un certo punto c'era anche il passaggio ad OSX, e quindi tutto il discorso Carbon, cioè lo stesso eseguibile che gira sia in OS9 che in OSX.Certo, è ovvio che alla lunga, i programmi PPC spariranno, ma uno sviluppatore è pazzo se dovesse uscire *domani* con un esegubile solo Intel, a chi lo vende il programma, visto che gli utenti attuali sono TUTTI PPC ???
    • Anonimo scrive:
      5 --
      A scia Rosetta era una anzianotta simpaticissima che andava ai viaggi delle ACLI di Genova e al ritorno e nei viaggi successivi ne faceva dei resoconti esilaranti.
Chiudi i commenti