Contro Italia.it gli operatori del turismo

L'associazione UnionTurismo si appella al Governo affinché le gravi omissioni e gli errori nelle informazioni fornite dal portale siano corretti al più presto. Nei prossimi giorni RItaliaCamp farà il punto sui problemi

Roma – Arriva dagli operatori turistici di UnionTurismo una nuova scomunica per Italia.it , il portale del turismo criticato in modo pressoché unanime da esperti, sviluppatori e blogger. Secondo l’associazione degli operatori della promozione e dell’accoglienza turistica, il portale contiene “macroscopici errori” che vanno corretti al più presto per evitare danni.

In occasione di un incontro in Val d’Aosta, i rappresentanti di UnionTurismo hanno fatto alcuni esempi, come quello dell’Abruzzo, regione a cui il portale Italia.it non attribuisce località marittime. Si tratta – hanno spiegato gli operatori – di uno tra i tanti “macroscopici errori rilevati sul portale, che contiene madornali omissioni nelle informazioni riguardanti il Molise, le Marche, la Liguria”.

Il portale secondo UnionTurismo offre “contenuti fuorvianti”. “L’Abruzzo senza coste, spiagge e mare – ha spiegato uno dei dirigenti dell’Associazione – è un’assurdità, visto che da Ortona, a San Salvo, a San Vito Chietino, a Roseto, a Silvi, a Giulianova, ad Alba Adriatica il mare è di qualità e apprezzato da milioni di turisti italiani e stranieri”.

La situazione di disagio per gli operatori è tale che UnionTurismo chiede al Governo “di porre rimedio urgente alle sviste grossolane che appannano l’immagine del nostro paese”. Secondo l’Associazione “è davvero disarmante che un sito costato circa 45 milioni di euro contenga gravissimi errori logistici, omissioni e sviste”.

Ma l’Associazione si appella anche a tutti gli operatori associati affinché segnalino “tempestivamente agli uffici centrali di Roma e alla sede organizzativa di Aosta gli errori riscontrati”. Tra questi, UnionTurismo avverte anche di prendere nota delle molte informazioni errate presenti sul portale e segnalate da Scandalo Italiano , il blog attivato da utenti ed esperti all’indomani della presentazione di Italia.it. L’idea di fondo è quella di dar così il via ad una “rapida e salutare correzione”.

Un primo dossier è stato già presentato dall’Associazione alla Commissione nazionale Cultura accoglienza e turismo, un dossier che ci si augura sarà presentato “al più presto sia al Governo che al Parlamento anche nell’ambito dei disciplinari e dei protocolli d’intesa volti a favorire il turismo scolastico nel sistema Italia”.

Sul fronte Italia.it, come noto, è ormai imminente il barcamp RItaliaCamp , a cui aderiscono decine e decine di esperti italiani e che costituirà l’occasione per fare il punto sul portale. Si terrà il 31 marzo all’Università Bicocca di Milano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    qui vi facciamo un C*LO cosi'!
    perche' le vostre lobby in europa non funzionano e non serve nemmeno echelon, noi abbiamo tronchetti provera, capace di spiare i peli del c*lo di bill gates senza che nemmeno un sordomuto possa non accorgersene. E se non basta tronchetti riesumiamo pure corona che ha foto di ballmer con un transessuale afgano chao chao bill
  • Anonimo scrive:
    baciamo le mani a vossia
    come da titolo.Tutta una buffonata.
  • Anonimo scrive:
    LINUX È COME UN MARATONETA
    Esce alla lunga e vince raccattanto sulla strada i cadaveri degli "sprinter" morti spompati.
    • Anonimo scrive:
      Re: LINUX È COME UN MARATONETA
      - Scritto da:
      Esce alla lunga e vince raccattanto sulla strada
      i cadaveri degli "sprinter" morti
      spompati.http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.aspse cresce a questa velocità la vittoria di Linux arriverà nel 2300.
      • Anonimo scrive:
        Re: LINUX È COME UN MARATONETA
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Esce alla lunga e vince raccattanto sulla strada

        i cadaveri degli "sprinter" morti

        spompati.

        http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.a

        se cresce a questa velocità la vittoria di Linux
        arriverà nel
        2300.Nel 2300 Microsoft sarà ricordata come i graffiti sui muri delle caverne.Già ora è preistoria tecnologica, che caxxo d'innovazione fa?
  • Anonimo scrive:
    DEBIAN IS THE BEST!
    Con Debian non c'è storia per nessuno.
    • Anonimo scrive:
      Re: DEBIAN IS THE BEST!
      - Scritto da:
      Con Debian non c'è storia per nessuno.Hahahhaahah, Debian!!!La distro col fetore dei sacri sandali di Barbapuzzone allegato.
  • Anonimo scrive:
    LA LUNGA ZAMPA DI LINUX
    si trova dietro questa operazione politica...un vero e proprio golpe tecnocratico.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA LUNGA ZAMPA DI LINUX
      - Scritto da:
      si trova dietro questa operazione politica...
      un vero e proprio golpe tecnocratico.
      Dio voglia sia vero!!! (linux)
      • 5ze247940 scrive:
        Re: LA LUNGA ZAMPA DI LINUX
        Magari fosse vero...W la tecnocrazia!!!Un mondo diverso non mi dispiacerebbe affatto...Damn, perche ho l'impressione che non sara mai possibile pacificamente arrivare a questo cambiamento?
        • UVISoldier scrive:
          Re: LA LUNGA ZAMPA DI LINUX
          - Scritto da: 5ze247940
          Magari fosse vero...
          W la tecnocrazia!!!
          Un mondo diverso non mi dispiacerebbe affatto...

          Damn, perche ho l'impressione che non sara mai
          possibile pacificamente arrivare a questo
          cambiamento?Speriamo che ti sbagli, sarebbe bello cominciare ad acquistare tutti i pc senza sistema operativo.
  • Anonimo scrive:
    Quest e Microsoft come i Napoletani...
    ...del gioco delle 3 carte che si accordano tra loro per spennare i polli.Penso che la Commissione EU non caschi proprio nel giochetto di questi imbroglioni.
  • Anonimo scrive:
    Tutti i nodi vengono al pettine
    La scadenza rimane sempre aprile.
  • Anonimo scrive:
    Ma i brevetti software sono illegali!
    Ma che diamine di "protocolli riferiti a tecnologie brevettate"?Io brevetto l'addizione e poi dico che è "innovativa" perché un Ufficio Brevetti mi ci ha fatto fare un brevetto su?E poi, che senso ha che un monopolista possa voler riconosciuti meriti ai suoi protocolli?Con il monopolio del sistema operativo sono in grado si imporre qualunque protocollo vogliano, tanto detengono il 90% del mercato, non si può che adeguarsi. Dove sta il merito?La vogliamo finire con gli immondi e immorali privilegi sui protocolli? Compresi quelli per la telefonia mobile? Fanno gli "standard" delle ditte che, magari pure con soldi pubblici, trovano un accordo su come i dispositivi dialogano, e si accaparrano dei DIRITTI ESCLUSIVI su tali protocolli per impedire ad altri l'ingresso nel mercato. M$ non vuole altro che blindare il suo monopolio, conquistato in modo fraudolento (come fanno negli USA ad aver smembrato l'AT&T,e non la M$? Fa i sistemi operativi e poi i programmi che ci girano sopra... stranamente meglio di quelli dei concorrenti, che poi falliscono o si ritirano dal mercato (chi ricorda paradox? dbase? stranamente winzoz funzionava meglio in rete con access... mah...)
    • rockroll scrive:
      Re: Ma i brevetti software sono illegali
      merito?
      La vogliamo finire con gli immondi e immorali
      privilegi sui protocolli? Compresi quelli per la
      telefonia mobile? Fanno gli "standard" delle
      ditte che, magari pure con soldi pubblici,
      trovano un accordo su come i dispositivi
      dialogano, e si accaparrano dei DIRITTI ESCLUSIVI
      su tali protocolli per impedire ad altri
      l'ingresso nel mercato. M$ non vuole altro che
      blindare il suo monopolio, conquistato in modo
      fraudolento (come fanno negli USA ad aver
      smembrato l'AT&T,e non la M$? Fa i sistemi
      operativi e poi i programmi che ci girano
      sopra... stranamente meglio di quelli dei
      concorrenti, che poi falliscono o si ritirano dal
      mercato (chi ricorda paradox? dbase? stranamente
      winzoz funzionava meglio in rete con access...
      mah...)E una polita schifosa a dir poco, più ci penso e più mi incazzo.Se tu brevetti l'addizione io ti frego utilizzando la sottrazione del negativo, ma su protocolli volutamente campati in aria tanto per diversificarsi non puoi fare nulla, non si tratta di innovazioni, di idee, prodotti di ingegno, assolutamente, ma solo di bastoni tra le ruote. Quanto al fallimento di aziende concorrente e ben più valide, porcheria su porcheria: sai quanta e quale barcata di soldi viene versata ad aziende scomode perchè si tolgano dai piedi? Te lo dico per esperienza personale: quando io ed una altro molto valido collega creammo un linguaggio per CN su Apple II Plus per conto di una piccola società di Torino con una anno di lavoro come consulenti esterni, dopo i primi successi del prodotto sul mercato, una primaria Azienda italiana che commercializzava software CN proprietario dello stesso tipo su macchine ben più grosse (indovina chi), fece un'offerta che "non poteva essere rifiutata" e si comprò a piè pari l'Azienda torinese, di cui non si seppe più nulla (il prodotto, rifatto su MAC, penso viva tuttora); il propietario di detta azienda, persona molto valida ed estroversa, dopo essersi con onestà assicurato del corretto inserimento dei suoi 5 dipendenti, decise di andarsi a godere i suoi soldi a S. Domingo, dove vive tutt'ora ricco e strafelice! (ogni tanto mi rinnova l'invito a raggiungerlo, e non so neanche io perchè non lo faccio.) .-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 marzo 2007 06.17-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti