Copyright, rimozione coatta da Usenet

Una corte di Haarlem ha obbligato il popolare servizio di indexing FTD a rimuovere ogni traccia della localizzazione di contenuti illeciti. Vittoria di BREIN, che potrebbe ottenere 15mila euro per ogni giorno d'inadempienza

Roma – Il martello della legge ha riecheggiato tra le mura di una corte di Haarlem. Il popolare servizio di indexing su Usenet FTD dovrà ora affrontare le conseguenze della recente decisione del giudice olandese, a decretare l’esito di uno dei più cruenti scontri con i rappresentanti locali dell’antipirateria. FTD sarebbe reo di aver facilitato, addirittura incentivato il caricamento illecito dei contenuti su Usenet .

Film, musica, show televisivi. Una delle community più popolari in terra olandese – circa 500mila gli utenti di FTD – altro non rappresenterebbe che un luogo di promozione del caricamento illecito, una piattaforma dove scoprire con facilità l’esatta localizzazione dei contenuti presenti tra i vasti meandri di Usenet . Proprio questa reperibilità dei file in violazione del copyright rappresenterebbe la principale colpa di FTD.

La community olandese era stata trascinata in aula dal noto gruppo antipirateria BREIN, che aveva puntato il dito proprio contro le attività di localizzazione permesse agli utenti. Un articolo pubblicato dalla testata online TorrentFreak aveva tuttavia sottolineato come almeno 15 uomini di BREIN si fossero infiltrati su Usenet per poi procedere con il caricamento camuffato di contenuti illeciti.

Il giudice di Haarlem ha parlato di 13 utenti di FTD – su 500mila – identificabili come uploader . La corte olandese l’ha infatti specificato: la community Usenet non viola di per sé le leggi locali sul diritto d’autore . Il servizio di indexing verrebbe perciò sfruttato anche per scopi totalmente leciti. Una visione diversa da quella illustrata al tempo da BREIN, che aveva dipinto FTD come un covo di criminali.

La difesa in aula di FTD aveva infatti cercato di ottenere una smentita scritta da parte di BREIN. Il gruppo antipirateria non dovrà però preoccuparsi: il giudice ha obbligato il servizio di indexing a rimuovere qualsiasi traccia dei contenuti illeciti, pena il pagamento di una salata multa. La community Usenet rischia ora di pagare circa 15mila euro per ogni giorno trascorso in violazione della legge olandese sul copyright .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lol scrive:
    si devono ingabbiare da soli
    visto come trattano i vari geohot e fail0verflow adesso si devono denunciare da soli e sequestrarsi gli HDD.
  • controlli a campione scrive:
    Ottimo
    No a Sony. 8)Sony ha toppato ancora. (rotfl)Sony è maldestra come pochi. :DIl futuro di Sony è nelle commedie demenziali. (rotfl)
Chiudi i commenti