Copyright, se Hollywood abbraccia la Cina

Raggiunto un accordo tra uno dei più grandi portali video asiatici e alcune major del cinema. Ku6.com trasmetterà legalmente film e telefilm made in USA. Dimostrando il suo impegno nella lotta alla pirateria

Roma – Si è descritto come il primo portale video cinese che abbia acquisito legalmente i diritti relativi ai vari contenuti dei grandi studi di Hollywood . Hanno usato proprio queste parole gli alti vertici di Ku6 Media, ovvero la società che gestisce in terra asiatica una delle più grandi piattaforme per l’hosting di video.

Ku6 ha così annunciato il raggiungimento di un accordo con Sony Pictures Television e una seconda major del cinema statunitense rimasta avvolta nell’ombra. Il portalone asiatico sarà dunque in grado di far entrare nelle sue programmazioni online centinaia di film a stelle e strisce , oltre ad una serie di sitcom e serial TV made in USA .

Tutto in perfetta armonia con le leggi sul diritto d’autore. Ku6 aveva infatti già intrapreso un’aspra battaglia con alcuni dei suoi utenti, che non avevano esitato a caricare illegalmente film e telefilm, per le gioie dello streaming pirata. Appare ora chiaro come quest’accordo sterzi decisamente verso i lidi protetti dal copyright.

Ku6 Media – che attualmente detiene grazie a Ku6.com il 10 per cento dell’intero mercato del video online cinese – cercherà dunque di sfruttare il palinsesto hollywoodiano per attirare un numero maggiore di utenti. Dimostrando allo stesso tempo come Cina non sia per forza un sinonimo di pirateria.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ullala scrive:
    Orcacle
    Orcacle è il dbms più democratico del mondo infatti se lo installi su hardware poco performante lo ammazza puntualmente e naturalmente (in modo assolutamente democratico) "te se magna" pure gli n-core come se fossero dei vecchi 386...Orcacle.... 'mazza che appetito!
  • pippuz scrive:
    Oracle alla frutta?
    Ma come, secondo gli espertoni di PI, Oracle non era già alla frutta e viveva solo di patent trolling? Eppur guadagna...
  • Garak Priestman scrive:
    Peccato...
    Peccato che contestualmente siano stati annunciati 2000 licenziamenti solo a livello EAME...O forse è questo che ha spinto in su l'apprezzamento di Wall Street?Molto probabile...
Chiudi i commenti