Corea del Nord, ripensamento sul 3G turistico

Dura pochissimo l'apertura del network asiatico a beneficio dei soli residenti all'estero. Il governo di Pyongyang blocca le connessioni in mobilità per i turisti, che dovranno limitarsi alle chiamate internazionali

Roma – A meno di un mese dalla clamorosa apertura della rete 3G nordcoreana a beneficio dei soli residenti all’estero, il governo di Pyongyang è tornato sul sentiero dell’isolamento nelle telecomunicazioni nazionali. Ai vari turisti nel paese asiatico non sarà più garantito l’accesso alla rete mobile gestita dall’unico provider Koryolink .

Frutto di una joint venture tra le poste locali e l’egiziana Orascom, la rete 3G risulterà nuovamente inaccessibile per tutti i cittadini in visita in Corea del Nord. Ai turisti sarà così garantita la sola possibilità di acquistare una scheda SIM per effettuare chiamate internazionali .

Mistero sulle motivazioni alla base del ripensamento del governo locale, probabilmente infastidito dall’improvvisa condivisione di informazioni e foto attraverso le principali piattaforme social .

Le salate tariffe previste da Koryolink – confermato l’equivalente di 150 euro per 2GB di traffico dati – non avevano affatto scoraggiato quei turisti ansiosi di condividere con il mondo un’esperienza di viaggio certamente unica. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti