Cortocircuito per il listone antispam

Attivo negli USA serve ad evitare il telemarketing su numeri di utenti che hanno chiesto di essere risparmiati. Ma qualcuno ha chiamato 300mila numeri iscritti...


Washington (USA) – Era il timore più grande dei proponenti del sistema contro lo spam telefonico ed è una delle argomentazioni più importanti per coloro che si sono opposti alla sua realizzazione: il listone antispam messo in piedi negli USA è stato “manomesso” e i numeri che contiene sono stati utilizzati proprio per spam telefonico.

Il registro nazionale statunitense Do not call prevede che qualunque privato possa inserire il proprio numero di telefono e, dopo tre mesi dall’inserimento, possa perseguire qualunque società del telemarketing che lo contatti via telefono. Si è appreso nelle scorse ore che una società senza scrupoli ha utilizzato 300mila numeri iscritti nel database e li ha chiamati per proporre offerte commerciali .

Secondo le autorità governative che hanno denunciato la società Braglia Marketing Group di Las Vegas, l’azienda avrebbe raccolto i numeri per conto di investitori fondiari e li avrebbe utilizzati per tentare di vendere proprietà immobiliari ad Atlantic City. Va detto che la sanzione prevista per chi viola il database è di 11mila dollari per ciascuna chiamata illegale .

L’attenzione verso questo genere di abuso è evidentemente altissima, considerato che dalla nascita del registro ad oggi, circa dieci mesi, sono quasi 63 milioni i numeri di telefono inseriti nel database dagli utenti americani. Non è la prima volta che il registry viene violato per questi scopi ma fa scalpore che ora siano centinaia di migliaia di utenti a reclamare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: uno mi inchioda davanti...
    - Scritto da: Anonimo
    ...io grido ma porca p******... la macchina
    accosta e apre la portiera del passeggero
    :D:D:DBella questa!!, ben pensata, degna di zelig.Battute a parte questo puo' essere un problema vero in quanto l'auto puo' riconoscere le parole ma non capire il contensto.Forse per dialogare con l'auto occorrera' prima premere e tenere premuto un pulsate.
  • joefalchetto scrive:
    WIndows XP SP2 in italiano
    Poichè sul sito di Windows update non risulta ancora uscito il SP2 in italiano per winXp mentre è possibile scaricarlo da "http://download.microsoft.com/download/5/9/0/59071318-c4b1-481d-8fd6-e4be9218e4cd/WindowsXP-KB835935-SP2-ITA.exe" sarei curioso di sapere se questa è una versione finale o beta.GrazieMaurizio
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se stai parlando al cellulare?

    oppure, molto più semplicemente, ci
    sarà un tastino voice-on voice-offTanto per tornare al discorso di ieri, superamento a destra e profilo "tonti".La gente mi sembra già abbastanza disattenta così con il viva voce o con i suoi grilli per la testa, parlare con la machina non aiuta di certo.Stamattina sulla mi-laghi: codone di 10km per curiosi (incidentino insignificante dell'altra parte).Ciliegina sulla torta: tizio davanti, in terza corsia fisso come al solito con Gazzetta dello Sport che pretendeva di continuare a leggere anche quando ormai si riniziava ad andare... :@ :@
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se stai parlando al cellulare?
    - Scritto da: avvelenato
    - Scritto da: Anonimo

    Con il fatto che oggi tra possibili

    passeggeri e cellulari in

    vivavoce/auricolari le parole dette in
    auto

    sono già molte, credo che i
    rischi di

    "misunderstanding" siano troppo alte
    per una

    tecnologia di questo tipo, dove il
    valore

    aggiunto talvolta è troppo basso

    osservazione numero 1)
    penso che questo servizio verrà per
    adesso dato in esclusiva a possessori di
    macchine di un certo livello.
    Dubito che essi usino un auricolare non
    originale per poter parlare in auto col
    telefonino da 50euro.
    Più probabilmente avranno un dock per
    il telefonino, o ancora meglio, un vivavoce
    bluetooth incorporato in auto. In quel caso,
    il sistema computerizzato dell'auto
    saprà quando si sta chiamando,
    saprà quando ci sono passeggeri
    (tramite sensori sotto i sedili),
    saprà tutto, e saprà quando
    sarà il caso di disabilitarsi.

    osservazione numero 2)
    penso che questo sistema verrà
    dapprima sperimentato per servizi non
    critici, come ad esempio i sistemi di guida
    satellitari. Solo più in avanti, con
    il progredire della precisione, si
    potrà pensare di utilizzare questi
    sistemi per pilotare anche
    funzionalità più vitali
    dell'auto, come freccie, fari, ecc; fermo
    restando che imho i sistemi attuali per
    queste funzionalità mi sembrano
    adeguati e non necessitano imho di
    rivisitazione (a differenza del sistema di
    input per i gps).


    tutto questo ovviamente e solamente imho ;)oppure, molto più semplicemente, ci sarà un tastino voice-on voice-off
  • avvelenato scrive:
    Re: Ma se stai parlando al cellulare?
    - Scritto da: Anonimo
    Con il fatto che oggi tra possibili
    passeggeri e cellulari in
    vivavoce/auricolari le parole dette in auto
    sono già molte, credo che i rischi di
    "misunderstanding" siano troppo alte per una
    tecnologia di questo tipo, dove il valore
    aggiunto talvolta è troppo bassoosservazione numero 1)penso che questo servizio verrà per adesso dato in esclusiva a possessori di macchine di un certo livello.Dubito che essi usino un auricolare non originale per poter parlare in auto col telefonino da 50euro.Più probabilmente avranno un dock per il telefonino, o ancora meglio, un vivavoce bluetooth incorporato in auto. In quel caso, il sistema computerizzato dell'auto saprà quando si sta chiamando, saprà quando ci sono passeggeri (tramite sensori sotto i sedili), saprà tutto, e saprà quando sarà il caso di disabilitarsi.osservazione numero 2)penso che questo sistema verrà dapprima sperimentato per servizi non critici, come ad esempio i sistemi di guida satellitari. Solo più in avanti, con il progredire della precisione, si potrà pensare di utilizzare questi sistemi per pilotare anche funzionalità più vitali dell'auto, come freccie, fari, ecc; fermo restando che imho i sistemi attuali per queste funzionalità mi sembrano adeguati e non necessitano imho di rivisitazione (a differenza del sistema di input per i gps).tutto questo ovviamente e solamente imho ;)
  • Anonimo scrive:
    Ma se stai parlando al cellulare?
    Con il fatto che oggi tra possibili passeggeri e cellulari in vivavoce/auricolari le parole dette in auto sono già molte, credo che i rischi di "misunderstanding" siano troppo alte per una tecnologia di questo tipo, dove il valore aggiunto talvolta è troppo basso
  • Anonimo scrive:
    Re: uno mi inchioda davanti...
  • Anonimo scrive:
    Pirla, l'auto ti ascolta.
    battuta scema, lo so, ma la tentazione era troppo forte.
  • Anonimo scrive:
    uno mi inchioda davanti...
    ...io grido ma porca p******... la macchina accosta e apre la portiera del passeggero :D:D:D
Chiudi i commenti