Cray corre verso il petaFLOPS

Lo storico produttore americano di supercomputer realizzerà un mostro di calcolo capace, entro la metà del prossimo anno, di raggiungere una capacità di elaborazione vicina al petaFLOPS

Seattle (USA) – Si potrebbe dare per scontato che sarà IBM a varcare per prima il traguardo del petaFLOPS, ma in corsa per questo primato c’è anche una delle sue più vecchie rivali, Cray , che entro la fine dell’anno fornirà all’ Università del Tennessee uno dei più potenti supercomputer al mondo.

Supercomputer, Cray corre verso il petaFLOPS Parte di un progetto finanziato da National Science Foundation ( NFS ), il sistemone di Cray servirà per compiere ricerche sui cambiamenti climatici, la prevenzione dei disastri naturali, la complessità del cervello umano, la geofisica e altre materie scientifiche.

Il supercomputer sarà composto da sistemi XT4 di Cray basati su processori Opteron quad-core di AMD . Inizialmente fornirà velocità di calcolo di alcune centinaia di teraFLOPS, ma verso la metà del 2009 è previsto un aggiornamento che ne porterà la potenza complessiva vicino al petaFLOPS.

Va detto che quelle a cui si riferisce Cray sono velocità di elaborazione di picco, e dunque soltanto teoriche: generalmente la potenza massima sostenuta realmente raggiungibile dai sistemi XT4 è circa il 20% inferiore a quella di picco . Anche così, una tale performance sarebbe oggi insuperata: attualmente il supercomputer più potente al mondo è infatti il Blue Gene/L di IBM , accreditato di 478 terafLOPS massimi e 596 teorici.

Big Blue è tuttavia già pronta a varcare l’era petaFLOPS con Blue Gene/P , un supercomputer capace di operare in modo continuato a 1 petaFLOPS e di raggiungere velocità di picco tre volte maggiori. Ad oggi, tuttavia, questo bolide non è ancora mai stato assemblato nella configurazione di massima potenza: ciò spiega perché il predecessore, Blue Gene/L, conservi la testa della classifica stilata da TOP500.Org .

In questa stessa classifica il supercomputer più veloce di Cray è, attualmente, il Red Storm installato presso i Sandia National Laboratories , capace di raggiungere una performance massima di 102 teraFLOPS (127 di picco). Questo sistema è composto da oltre 26mila processori Opteron dual-core, ed alla sua realizzazione ha partecipato anche AMD.

Risollevatasi dalla profonda crisi finanziaria che l’aveva colpita tra il 2005 e il 2006, nell’ultimo anno e mezzo Cray è riuscita ad ottenere alcune importanti commesse , tra le quali quella del Governo britannico per HECToR e quella di DARPA (insieme a IBM) per il progetto HPCS. Verso la fine dello scorso anno l’azienda ha poi presentato un supercomputer di nuova generazione, l’ XT5 , che adotta per la prima volta un’architettura di calcolo ibrida, formata sia da processori vettoriali che da processori scalari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Prinz Eugen scrive:
    Islam intollerante?
    Sembra proprio di sì. Il Papa non ha emesso fatwe neppure per la Madonna che piange sperma o per l'Ultima Cena Gay, avessero dipinto in opere del genere Maometto al posto della Madonna o degli Apostoli, scoppiava il finimondo.Con quei retrogradi tocca stare attenti a come si parla, si urtano per un nonnulla.E questa censura in quello che passa per essere uno degli stati a maggioranza islamica più moderati e tolleranti è l'ennesima dimostrazione.
  • Alessandrox scrive:
    E le interferenze?
    Ma PWLINE non generava fastidiose interferenze radio? Infatti e' anche per questo che in occidente e' stato abbandonato ma la? Come hanno risolto?
  • www scrive:
    boicottata in italia ed europa
    Questa tecnologia è stata evidentemente boicottata... in italia l'enel l'aveva testata a grosseto mi pare... cmq gli utenti erano estremamente soddisfatti nessun problema riscontrato, costo bassissimo, ma non è stata commercializzata... la cosa puzza...
  • Dario D'Elia scrive:
    spigolature dell'autore
    premetto che in geografia sono veramente imbarazzante ;-)però vorrei sottolineare che Malesia e Indonesia condividono un'isola piuttosto grande. I confini delle due nazioni, poi, sono vicinissimi. non capisco il problema della moneta... la fonte riporta esattamente 5RM, ovvero 5 Ringgit.boh, a prestociaoood.
    • Ricky scrive:
      Re: spigolature dell'autore
      Vai tranquillo, ultimamente sparare su chi posta e' uno sport che fa tendenza :)Per quanto riguarda l'articolo posso solo dire che certi esempi dovrebbero far riflettere chi SPECULA dalle nostre parti fornendo servizi di bassa qualita' a prezzi sicuramente non consoni.Non tralascerei nemmeno un discorso di competizione:i paesi emergenti creano e sfuttano strutture come NOI NON SAPPIAMO/VOGLIAMO FARE e quindi ci superano...dovremmo pensarci bene e cercare di imparare per aggiornare il nostro modo di interpretare e vedere.In breve tempo LORO ci sorpassano e ci schiacciano se continuiamo a fare i pirla...
    • Lorenzo Z scrive:
      Re: spigolature dell'autore
      - Scritto da: Dario D'Elia
      premetto che in geografia sono veramente
      imbarazzante
      ;-)

      però vorrei sottolineare che Malesia e Indonesia
      condividono un'isola piuttosto grande. I confini
      delle due nazioni, poi, sono
      vicinissimi.

      non capisco il problema della moneta... la fonte
      riporta esattamente 5RM, ovvero 5
      Ringgit.

      boh, a presto

      ciaooo

      d.ok che in geografia vali poco, ma non credo che nel tuo prossimo articolo sull'ADSL in Corsica scriverai che fa parte dell'italia o che la sua moneta e' la lira italiana no ?Solo xche' sono paesi a te distanti non ti esime dal dover riportare con dovizia e cura dei particolari la notizia.Saluti da Singapore (dove vivo e lavoro)
  • Big Traveler scrive:
    Singapore?
    Singapore sta nello stato di Singapore, e nulla ha a che fare con la Malesia dal punto di vista geopolitico. Esattamente come Citta' del Vaticano e Italia.Con la differenza che Singapore non condivide nemmeno la valuta con la Malesia.Torna a scuola a studiare pure tu.
    • Kul scrive:
      Re: Singapore?

      Con la differenza che Singapore non condivide
      nemmeno la valuta con la
      Malesia.Emhh la Malesia non esiste eh :)
      • GiGi scrive:
        Re: Singapore?
        - Scritto da: Kul

        Con la differenza che Singapore non condivide

        nemmeno la valuta con la

        Malesia.

        Emhh la Malesia non esiste eh :)come no? e Sandokan di dov'era allora? la tigre della malesia... mi cade un mito :(:P
      • Giocatore110 scrive:
        Re: Singapore?
        Pur facendo parte dell'Indonesia, la Malasia è una regione geografica ben definita e riconoscibile.
        • citrullo scrive:
          Re: Singapore?
          - Scritto da: Giocatore110
          Pur facendo parte dell'Indonesia, la Malasia è
          una regione geografica ben definita e
          riconoscibile.Scusa ma non ci siamo. Indonesia e Malaysia sono paesi differenti. Pure la lingua parlata è diversa anche se qualche similitudine c'è.La Malaysia è una penisola mentre l'Indonesia è formata da tante isole. Le due principali Java e Sumatra e poi una miriade di isolotti (Pulau Seribu) e parti di altre isole.Correggo dicendo che il Borneo è in parte (poco) della Malaysia e in parte dell'Indonesia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 aprile 2008 15.39-----------------------------------------------------------
  • horax scrive:
    Indonesia e' un paese, non una regione
    la Velchip ha la sua sede in Singapore (Malasya) ed e li' che la moneta locale e' il RINGITT. Temo che l'autore abbia confuso un po' i termini o le località, oltre che la moneta locale.In Indonesia (la cui capitale e' JAKARTA) la moneta locale si chiama Rupia Indonesiana (IDR) e le comunicazioni via ADSL o qualsiasi altro sistema veloce sono praticamente inesistenti, o quanto meno carissime. Al meno in Bali (che appartiene a Indonesia, con capitale in Denpasar).Cordiali salutihorax
    • Kul scrive:
      Re: Indonesia e' un paese, non una regione

      la Velchip ha la sua sede in Singapore (Malasya)Singapore non è in Malaysia ;)
      • horax scrive:
        Re: Indonesia e' un paese, non una regione
        e' vero, non e' MalaysiaMa io sono un comune mortale e posso sbagliare, e l'autore del articolo non lo e' (rotfl)
Chiudi i commenti