Cuba legalizza i computer

Il nuovo presidente cubano, Raul Castro, ha firmato il provvedimento

Roma – Computer, lettori DVD ma anche grandi televisori. I beni elettronici di consumo fin qui vietati dal regime di Fidel Castro potranno ora trovare posto sugli scaffali. Questa la svolta voluta dal neopresidente cubano Raul Castro , succeduto a Fidel (insieme qui nella foto), che ha firmato nelle scorse ore un provvedimento di legalizzazione.

Cuba libera DVD e computer La ragione ufficiale citata dai papaveri di L’Avana è la maggiore disponibilità di energia elettrica nel paese, che permette di aprire le porte all’elettronica nelle case.

In particolare, Castro ha acconsentito a permettere la vendita di lettori DVD, computer, televisori da 19 e 24 pollici, forni a microonde, motori elettrici da bicicletta e gli altri dispositivi fino ad oggi ufficialmente vietati alla libera distribuzione, sebbene spesso rimediati sul mercato nero.

Difficile dire, evidentemente, se questo provvedimento sia il primo di una serie di attese misure che potrebbero aprire il mercato cubano, ma da oggi per le famiglie recuperare almeno qualcosa sul fronte dell’alfabetizzazione informatica diventa più facile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • GLP scrive:
    Ciao papà...
    Mio padre si è suicidato, anni fa, perchè non poteva più sopportare il dolore fisico causato dall'avere la distrofia muscolare, nè quello mentale di non poter più lavorare e poter così mantenere la famiglia... :'(Ciao papà... Ti voglio sempre ancora tanto bene... (love)
  • Nexso scrive:
    Perché Dio non ci ha ancora sterminato?
    Come posso credere che tali soldi (intendo TUTTI) verranno veramente devoluti alla ricerca? Credo di più nel progetto Folding@Home che ad altro. Mi dispiace. Non avrei mai creduto che potessero esistere "persone" che freghino denaro a chi ne ha bisogno.Se esistesse davvero un dio, con tutto lo schifo che c'è, perché non ci ha ancora sterminato?
    • Savio scrive:
      Re: Perché Dio non ci ha ancora sterminato?
      Forse perché ci ama nonostante i nostri difetti? :P Sinceramente spendere 1 per una giusta causa (o fasulla che sia) non mi rovina la vita... A volte ne butto via di più per tante cose "futili"... Quando fanno queste iniziative umanitarie, comunque, vengono fornite tutte le informazioni che servono per conoscere che fine hanno fatto i nostri soldi! :P
    • ... scrive:
      Re: Perché Dio non ci ha ancora sterminato?
      Nelle organizzazioni benefiche serie, UILDM, AIL, Lega del Filo d'Oro, etc., puoi benissimo verificare in dettaglio i loro bilanci: "fa male" constatare che spesso una delle maggiori voci di spesa è relativa alle spese promozionali e pubblicitarie.In pratica, vengono spesi tanti, tantissimi soldi, per far conoscere e ricordare a tutti, TUTTI noi, che certi problemi esistono e continuano ad esistere.E, purtroppo, questa è ancora una spesa necessaria, senza la quale le donazioni avrebbero un importo ben minore di quelle che sono attualmente.Quindi, quando doni qualcosa a queste organizzazioni, che ripeto sono SERIE, pensa che saranno comunque devoluti alla giusta causa...
Chiudi i commenti