Da Roma l'assalto al divide scolastico

Un progetto Comune-Telecom dovrebbe portare nuove risorse informatiche a docenti e alunni dell'intera capitale. Nonché risparmi sostanziali per le amministrazioni scolastiche. PI ne parla con Consorzio Gioventù Digitale


Roma – Spendere meno, ottenere di più. Il concetto è semplice e su queste basi si intende offrire connettività veloce a migliaia di studenti romani. Parte infatti, con il nuovo anno, un piano di sperimentazione in 50 scuole studiato per ridurre la spesa telefonica, rendere più veloce la navigazione Internet e migliorare la comunicazione amministrativa.

A firmare l’intesa con il Comune di Roma è il Consorzio Gioventù Digitale e Telecom Italia . Il Consorzio (a maggioranza pubblica) da alcuni anni è il braccio esecutivo dell’amministrazione capitolina nel campo della sperimentazione dell’It e si sta occupando del wi-fi nella scuole e nei parchi , oltre a lavorare su altri progetti che riguardano anziani e categorie svantaggiate .
L’ultimo progetto mira ad offrire a tutte le scuole “la stessa opportunità di sviluppo tecnologico e di accesso all’innovazione didattica”, esigenza che nasce dal digital divide che emerge persino tra un plesso scolastico e l’altro. A sperimentazione conclusa, questa l’idea, tutte le scuole capitoline potranno sfruttare le stesse risorse.

Si prevede anche una razionalizzazione della spesa telefonica (a carico del Comune) attraverso l’installazione di centraline di ultima generazione che dovrebbero permettere un miglior utilizzo delle linee ed il monitoraggio dei consumi. Il risparmio stimato dovrebbe aggirarsi intorno al 35 % rispetto alle spese sostenute attualmente.

Per capire con più chiarezza di cosa si tratta, Punto Informatico ha intervistato Marta Michilli , direttore generale del Consorzio.

Punto Informatico: La sperimentazione che partirà nei primi mesi del 2006 ha come scopo l’elaborazione di un piano per l’ottimizzazione della spesa telefonica e l’adozione di Internet veloce in 50 scuole. Qual è la situazione attuale?
Marta Michilli: Il Comune di Roma fornisce connessioni telefoniche alle scuole di sua competenza: almeno una o più linee telefoniche tradizionali usate per le normali funzioni amministrative e didattiche, e una o più linee telefoniche ISDN per il trasferimento di dati amministrativi (su questo tipo di collegamento viaggiano, ad esempio, gli orari di entrata e di uscita dei bidelli); Ogni scuola stipula il proprio contratto che ha caratteristiche peculiari creando così un mosaico variegato con numerose dicotomie, complicato da gestire.

PI: Poi è arrivata la Telecom che ha presentato un progetto al Comune…
MM: La proposta prevede la sperimentazione e l’adozione di tecnologie integrative che permettano un’ottimizzazione dell’attuale spesa telefonica a carico delle scuole ed il loro collegamento alla rete Internet a larga banda.

PI: In altre parole? Cosa succederà nelle scuole?
MM: Si prevede che ogni istituto scolastico venga dotato di: un centralino intelligente (con relativi apparecchi) che permette di definire ed implementare una governance di uso del servizio specifica per la singola scuola (il centralino consente la programmazione ed il controllo delle telefonate, oltre che una eventuale differenziazione della fatturazione); un’interfaccia GSM per attacco ISDN Accesso Base (BRI) o per attacco Linea Urbana Analogica RTG (scheda che permette di ottimizzare il costo delle telefonate da fisso a mobile);

PI: E per il collegamento alla Rete?
MM: Una connessione Full Internet ADSL con traffico illimitato e router a noleggio (connessione che permette di collegare alla rete Internet diversi PC in modo parallelo, oltre che stabilire connessioni audio/video e di teledidattica e prevedere possibili soluzioni wireless). Il tutto dovrebbe essere gestito attraverso un sito web dedicato, in hosting presso Telecom Italia e completamente integrato con il portale del Comune di Roma, che oltre a prevedere una semplicità di gestione, permette l’integrazione con piattaforme con messaggistica SMS. Soluzioni che consentirebbero, per esempio, di seguire le lezioni anche in caso di ricovero in ospedale degli studenti lungodegenti.

PI: Il compito del Consorzio, oltre al coordinamento, quale sarà?
MM: Dovremo svolgere un sopralluogo iniziale presso le scuole volto a verificare le effettive consistenze in termini di risorse trasmissive a disposizione della scuola (linee RTG, ISDN, ADSL etc.). Si pensi che molte scuole hanno ancora il vecchio doppino telefonico…

PI: Avrete sicuramente fatto delle stime dei vantaggi concreti che il piano porterà
MM: La sperimentazione proposta prevede, oltre all’introduzione di un sistema di tecnologie di trasmissione avanzate, l’introduzione di una tariffa flat per il costo delle telefonate urbane ed interurbane sulla fascia oraria 8.00-14.00. I vantaggi attesi dalla sperimentazione sono importanti nel breve, ma soprattutto nel medio periodo dei 3 anni, una volta che saranno ammortizzati i costi per il noleggio del sistema intelligente per il controllo e pianificazione delle telefonate.

PI:…in altre parole le scuole romane saranno al passo con quelle europee…
MM:…all’avanguardia per disponibilità di infrastruttura tecnologica, oggi necessaria per una scuola che formi i ragazzi alle sfide della società del 21° secolo. E non trascuriamo il risparmio presunto, che sarà del 35% annuo sui costi del traffico telefonico a carico delle scuole (riduzione più importante attesa sui costi da fisso a mobile, oggi responsabili del 70% dei costi di traffico).

Intervista a cura di Alessandro Biancardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • EverythingYouKn scrive:
    Quale sito russo?
    Quale sito russo? Ciao e molte grazie!!!
    • Angelone scrive:
      Re: Quale sito russo?
      Non vorrei deluderti ma temo sia un sito di pirati...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale sito russo?
      - Scritto da: EverythingYouKn
      Quale sito russo?
      Ciao e molte grazie!!!Forse questi? http://punto-informatico.it/p.asp?i=50073&r=PISe sono questi (cosa molto probabile) sappi che sono tutti illegali. Anche se c'è gente che compra ugualmente.
      • SardinianBoy scrive:
        Re: Quale sito russo?
        Ciauzz belli...il sito russo si chiama LegaLsounds ovvero --
        http://www.legalsounds.com/di cui si scarica un piccolo software per i brani scaricati da scaricare ...ecc... Ciao ciao !- Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: EverythingYouKn

        Quale sito russo?

        Ciao e molte grazie!!!

        Forse questi?
        http://punto-informatico.it/p.asp?i=50073&r=PI

        Se sono questi (cosa molto probabile) sappi che
        sono tutti illegali. Anche se c'è gente che
        compra ugualmente.
  • Anonimo scrive:
    cvd
    ...Come Volevasi Dimostrare...
  • Anonimo scrive:
    aMule oggi..
    Scarica poco...Dove sono finiti i bei tempi dei 200 kbps?
    • Anonimo scrive:
      Re: aMule oggi..
      - Scritto da: Anonimo
      Scarica poco...
      Dove sono finiti i bei tempi dei 200 kbps?bit o byte? comunque a me funziona discretamente, ma uso il cvs
  • Anonimo scrive:
    Down Hill battle
    http://www.downhillbattle.org/
    • Anonimo scrive:
      spiega meglio!
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.downhillbattle.org/stavo per rispondere conhttp://www.bird-man.com/images/attachments/_12_14_2004-spam.JPGma poi sono andato a vedere il sito e ti ringrazio per l'info...cmq un po' di presentazione potevi farla invece di schiaffare il link senza niente, no?sembrava opera di un bot...
      • Anonimo scrive:
        Re: spiega meglio!

        cmq un po' di presentazione potevi farla invece
        di schiaffare il link senza niente, no?Hai ragione... è che andavo di fretta.Comunque dovrai convenire che l'iniziativa downhill battle è MOLTO interessante.
        sembrava opera di un bot...Si, un bot anti **AA (RIAA, MPAA, ecc)
  • Anonimo scrive:
    Dreamworks e stata venduta
    a Dreamworks di Spielberg e stata venduta perche l utlimo film"The island "e stato un flop clamoroso, scaricate tutto free,poi quando per colpa vostra non sara piu rimasto uno studio televisivoa fare film ..che farete? li fate voi i film ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dreamworks e stata venduta
      - Scritto da: Anonimo
      a Dreamworks di Spielberg e stata venduta perche
      l utlimo film
      "The island "e stato un flop clamoroso, scaricate
      tutto free,
      poi quando per colpa vostra non sara piu rimasto
      uno studio televisivo
      a fare film ..che farete? li fate voi i film ?una azienda che fallisce per il flop di un solo film non si puo' definire tale. non penso che la dreamworks sia fallita perche' qualche emuliano si sia scaricato the island (che tra l'altro a me non piace ma sono gusti) da p2p...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dreamworks e stata venduta
      - Scritto da: Anonimo
      a Dreamworks di Spielberg e stata venduta perche
      l utlimo film
      "The island "e stato un flop clamoroso, scaricate
      tutto free,
      poi quando per colpa vostra non sara piu rimasto
      uno studio televisivo
      a fare film ..che farete? li fate voi i film ?Hei, lo sai che quello che hai scritto puoi vincere il premio per la "cazzata più grossa dell'anno 2005"!!!!!!I miei più sentiti complimenti....
      • Anonimo scrive:
        Re: Dreamworks e stata venduta
        e come mai il signore degli anelli non ha fatto un flop nonstante fosse disponibile sui canali p2p persino prima della uscita nelle sale?? c'è qualcosa che non va...forse i film brutti continuano a fare flop e quelli belli e validi continuano a riempire i cinema....??? ma a sembra sempre uguale...
    • yenaplyskyn scrive:
      o mio dio...
      meno male che non hai avuto il coraggio di firmarti...con una sparata del genere ti sei giocato ogni possibilità di dimostrare di essere una persona intelligente! Auguri (ma non per il Natale).YenA:'( :'( :'( :'( :'( :'( :'( :'(==================================Modificato dall'autore il 21/12/2005 16.13.18
  • controcorrente scrive:
    fantascienza
    Immaginate che il P2P si diffonda sempre di più...Immaginate quindi che le majors guadagnino sempre meno......E che anche gli autori saranno pagati sempre meno dalle major...Il risultato sarà la fine della musica? SI.Più esattamente, sarà la fine della musica delle major.Si scoprirà un'altra musica, QUELLA VERA,quella creata per essere suonata DAL VIVOVerranno valorizzati i musicisti CHE COMPONGONO, CHE SUONANO che IMPROVVISANO, senza troppa attenzione al look, all'audience, alla pubblicità....Ma questa è un'altra musica. Pochi la sanno apprezzare.
    • Anonimo scrive:
      Re: fantascienza
      Confermo in pieno quello che affermi... probabilmente tutto questo avverrà entro pochi decenni. Rimarranno solo pochi "big" musicali... cioè artisti che comunque continueranno ad avere grossi margini di guadagno, la maggior parte invece dovranno darsi da fare per promuovere la loro musica in giro per il mondo, dato che il p2p nelle sue varie forme non si potrà mai fermare.Credo che il p2p sia ormai un processo inarrestabile e rivoluzionerà completamente (forse lo stà già facendo) nel bene o nel male il mondo della musica.Siti come http://music.download.com/, ne sono un esempio plateale, la musica è gratuita (oltre a essere molta e di tutti i generi), di qualità e scaricarla è perfettamente legale (dato che non viola il diritto d'autore) visto che sono gli artisti stessi a metterla a disposizione.
      • Anonimo scrive:
        Re: fantascienza
        Torneranno in auge i "mecenati".Acquisti un paio di Nike e ti verrà dato un codice d'attivazione che ti permetterà di scaricare un MP3 di Jovanotti.
      • Anonimo scrive:
        Re: fantascienza

        Siti come http://music.download.com/, ne sono un
        esempio plateale, la musica è gratuita (oltre a
        essere molta e di tutti i generi), di qualità e
        scaricarla è perfettamente legale (dato che non
        viola il diritto d'autore) visto che sono gli
        artisti stessi a metterla a disposizione.La musica è di qualità ma in certi casi è addirittura meglio di quella che trovi in vendita a prezzi salati.Spizzicando un pò qua e la ti riempi il lettore mp3 e ti fai delle signore compilation legali e senza DRM a rompere le palle. C'è un enorme cambiamento in atto e le regole del vecchio mercato sono destinate a cedere il passo, piaccia o meno a chi finora su questo mercato ci ha lucrato abbondantemente o a chi semplicemente ci ha tirato fuori lo stipendio come dipendente.E la musica è solo uno dei tanti settori dell'intrattenimento che verranno coinvolti.http://www.download.com/Alien-Arena-2006/3004-7453_4-10449846.html?tag=tab_scr
  • Anonimo scrive:
    DRM Sony
    E intanto chi acquista musica legale, si ritrova con un rootkit installato abusivamente ! Se questo e' il modo per promuovere la musica legale ...
    • Anonimo scrive:
      Re: DRM Sony
      - Scritto da: Anonimo
      E intanto chi acquista musica legale, si ritrova
      con un rootkit installato abusivamente !

      Se questo e' il modo per promuovere la musica
      legale ...lol :D
  • Anonimo scrive:
    P2P SICURO: ANts, MUTE, FreeNet !!!!!!!!
    P2P SICURO: ANts, MUTE, FreeNet !!!!!!!!http://www.p2psicuro.it/ants/index.htm http://www.p2psicuro.it/mute/index.htm http://www.p2psicuro.it/freenet/index.htm
  • Anonimo scrive:
    non hanno ancora capito un ca....
    Internet non deve essere paragonato ad un CD se scarico musica, ma è un'lternativa alla radio, i provider devono pagare alla SIAE i diritti per trasmettere e non io che sono abbonato all'ADSL.Internet è un mezzo di diffusione come la radio punto e basta !!!!
    • Xendorf scrive:
      Re: non hanno ancora capito un ca....
      - Scritto da: Anonimo
      Internet non deve essere paragonato ad un CD se
      scarico musica, ma è un'lternativa alla radio, i
      provider devono pagare alla SIAE i diritti per
      trasmettere e non io che sono abbonato all'ADSL.E fù così che i Provider inserirono filtri per consentire agli utenti di navigare solo sul sito del provider stesso al coro di "Tu navighi e io pago? allora navighi solo dove dico io"
  • Anonimo scrive:
    limiti etici
    questo natale per mancanza di idee, e perche' per la prima volta mi e' capitato di dover fare un regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui lavoro, mi sono orientato su musica e film. Abito a Milano e quindi sono andato prima in FNAC, poi a Messaggerie ed infine a Ricordi.Tutte e tre offrono: DVD (di film storici, d'autore e anche recentissimi) a 7,90/9,90/12,90COFANETTI DVD con le serie piu' disparate a 5/7 euro per singolo dvdCD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0 euroCOFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cdI 3 store fanno offerte su titoli per buona parte diversi, quindi la disponibilita' di prodotti in offerta e' veramente smisurata, calcolavo oltre 400 titoli per i film e probabilmente 10 volte di + per la musica. Ho acquistato tutti i regali che dovevo fare e parecchia roba anche per me anche perche' non ho mai tempo di fare shopping.La domanda che pero' alla fine mi pongo e' la seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi spiego, posso capire lo scaricarsi di un film per il quale si chiedono 25/30 euro. Ma se la cifra richiesta e' equa non e' immorale scaricare? E se le cifre che riporto non sono eque quali lo sono?Forse che vorremmo pagare un film 20... centesimi?? Sinceramente non vorrei finire col dare ragione alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?
    • Anonimo scrive:
      Re: limiti etici
      - Scritto da: Anonimo
      questo natale per mancanza di idee, e perche' per
      la prima volta mi e' capitato di dover fare un
      regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui
      lavoro, mi sono orientato su musica e film.

      Abito a Milano e quindi sono andato prima in
      FNAC, poi a Messaggerie ed infine a Ricordi.

      Tutte e tre offrono:
      DVD (di film storici, d'autore e anche
      recentissimi) a 7,90/9,90/12,90
      COFANETTI DVD con le serie piu' disparate a 5/7
      euro per singolo dvd
      CD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0 euro
      COFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cd

      I 3 store fanno offerte su titoli per buona parte
      diversi, quindi la disponibilita' di prodotti in
      offerta e' veramente smisurata, calcolavo oltre
      400 titoli per i film e probabilmente 10 volte di
      + per la musica.

      Ho acquistato tutti i regali che dovevo fare e
      parecchia roba anche per me anche perche' non ho
      mai tempo di fare shopping.

      La domanda che pero' alla fine mi pongo e' la
      seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi spiego,
      posso capire lo scaricarsi di un film per il
      quale si chiedono 25/30 euro.

      Ma se la cifra richiesta e' equa non e' immorale
      scaricare?

      E se le cifre che riporto non sono eque quali lo
      sono?

      Forse che vorremmo pagare un film 20...
      centesimi??

      Sinceramente non vorrei finire col dare ragione
      alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?
      Amico, tu hai parecchia confusione in testa... continua a fare shopping va là....
      • Anonimo scrive:
        Re: limiti etici
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        questo natale per mancanza di idee, e perche'
        per

        la prima volta mi e' capitato di dover fare un

        regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui

        lavoro, mi sono orientato su musica e film.



        Abito a Milano e quindi sono andato prima in

        FNAC, poi a Messaggerie ed infine a Ricordi.



        Tutte e tre offrono:

        DVD (di film storici, d'autore e anche

        recentissimi) a 7,90/9,90/12,90

        COFANETTI DVD con le serie piu' disparate a 5/7

        euro per singolo dvd

        CD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0 euro

        COFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cd



        I 3 store fanno offerte su titoli per buona
        parte

        diversi, quindi la disponibilita' di prodotti in

        offerta e' veramente smisurata, calcolavo oltre

        400 titoli per i film e probabilmente 10 volte
        di

        + per la musica.



        Ho acquistato tutti i regali che dovevo fare e

        parecchia roba anche per me anche perche' non ho

        mai tempo di fare shopping.



        La domanda che pero' alla fine mi pongo e' la

        seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi spiego,

        posso capire lo scaricarsi di un film per il

        quale si chiedono 25/30 euro.



        Ma se la cifra richiesta e' equa non e' immorale

        scaricare?



        E se le cifre che riporto non sono eque quali lo

        sono?



        Forse che vorremmo pagare un film 20...

        centesimi??



        Sinceramente non vorrei finire col dare ragione

        alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?




        Amico, tu hai parecchia confusione in testa...
        continua a fare shopping va là....La tua risposta non mi ha aiutato per niente a fare chiarezza. grazie lo stesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: limiti etici
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          questo natale per mancanza di idee, e perche'

          per


          la prima volta mi e' capitato di dover fare un


          regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui


          lavoro, mi sono orientato su musica e film.





          Abito a Milano e quindi sono andato prima in


          FNAC, poi a Messaggerie ed infine a Ricordi.





          Tutte e tre offrono:


          DVD (di film storici, d'autore e anche


          recentissimi) a 7,90/9,90/12,90


          COFANETTI DVD con le serie piu' disparate a
          5/7


          euro per singolo dvd


          CD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0 euro


          COFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cd





          I 3 store fanno offerte su titoli per buona

          parte


          diversi, quindi la disponibilita' di prodotti
          in


          offerta e' veramente smisurata, calcolavo
          oltre


          400 titoli per i film e probabilmente 10 volte

          di


          + per la musica.





          Ho acquistato tutti i regali che dovevo fare e


          parecchia roba anche per me anche perche' non
          ho


          mai tempo di fare shopping.





          La domanda che pero' alla fine mi pongo e' la


          seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi spiego,


          posso capire lo scaricarsi di un film per il


          quale si chiedono 25/30 euro.





          Ma se la cifra richiesta e' equa non e'
          immorale


          scaricare?





          E se le cifre che riporto non sono eque quali
          lo


          sono?





          Forse che vorremmo pagare un film 20...


          centesimi??





          Sinceramente non vorrei finire col dare
          ragione


          alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?








          Amico, tu hai parecchia confusione in testa...

          continua a fare shopping va là....

          La tua risposta non mi ha aiutato per niente a
          fare chiarezza. grazie lo stesso.a quei prezzi trovi solo roba "vecchia"...diciamo che il prezzo equo (secondo me) sarebbe 10 euro per i cd novità e 12/15 euro per i dvd novità
          • Anonimo scrive:
            Re: limiti etici
            CI PROVO:Quando fai un regalo cmq non fai una gran bella figura a donare prodotti in offerta speciale... (almeno secondo me)Considera anche che per i DVD (ma anche cd e giochi per la play) ci sono siti esteri dai quali acquistare mooolto a meno rispetto ai tre ladroni da te visitati.Fare acquisti da FNAC, Messaggerie e Ricordi è da "fessi"Personalemnte io acquisto ancora materiale originale per il gusto feticista di avere un prodotto di "alta qualità"... Viene però spontaneo chiedersi quali prodotti audiovisivi valga ancora la pena comperare in nome della qualità...Quindi credo che la nuova etica in questo genere di cose non possa essere facilmente generalizzabile...(tu hai trovato etico comperare da FNAC, io lo trovo da fessi) ma deve essere legato dal rapporto affettivo che ha il consumatore verso quel film o verso quell'artista..La discrimannate potrebbe risisdere nella confezione, negli extra e natiralemnte nell'onestà del prezzo (ma i prezi onesti non possono prevedere i 20euri per un supporto!!!)Oddio...Forse mi sono perso...cmq ti dico...Prova a fare un salto su www.play.com.... e incomincia a renderti conto cosa significa prezzi bassi, grande assortimento e spedizioni gratuite....Altro che ... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: limiti etici
            - Scritto da: Anonimo
            CI PROVO:

            Quando fai un regalo cmq non fai una gran bella
            figura a donare prodotti in offerta speciale...
            (almeno secondo me)puo' essere ma e' soggettivo. comunque se devi fare un pensiero a 15 colleghi puo' essere na scelta obbligata.

            Considera anche che per i DVD (ma anche cd e
            giochi per la play) ci sono siti esteri dai quali
            acquistare mooolto a meno rispetto ai tre ladroni
            da te visitati. Fare acquisti da FNAC, Messaggerie e Ricordi è da "fessi"puo' essere, mi annoto i siti esteri (che la prossima volta visitero') ma non e' questo il punto.

            Personalemnte io acquisto ancora materiale
            originale per il gusto feticista di avere un
            prodotto di "alta qualità"... Viene però
            spontaneo chiedersi quali prodotti audiovisivi
            valga ancora la pena comperare in nome della
            qualità...

            Quindi credo che la nuova etica in questo genere
            di cose non possa essere facilmente
            generalizzabile...
            (tu hai trovato etico comperare da FNAC, io lo
            trovo da fessi) ma deve essere legato dal
            rapporto affettivo che ha il consumatore verso
            quel film o verso quell'artista..

            La discrimannate potrebbe risisdere nella
            confezione, negli extra e natiralemnte
            nell'onestà del prezzo (ma i prezi onesti non
            possono prevedere i 20euri per un supporto!!!)

            Oddio...Forse mi sono perso...cmq ti dico...Prova
            a fare un salto su www.play.com.... e incomincia
            a renderti conto cosa significa prezzi bassi,
            grande assortimento e spedizioni
            gratuite....Altro che ... :D
            grazie comunque per la segnalazione. pero' ho fatto un giro sul sito e li la roba che ho comprato e' molto + cara rispetto a quanto l'ho pagata in offerta dai ladroni. il 50 per cento in +. sara' colpa del cambio con la sterlina...
          • Anonimo scrive:
            Re: limiti etici
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            questo natale per mancanza di idee, e
            perche'


            per



            la prima volta mi e' capitato di dover fare
            un



            regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui



            lavoro, mi sono orientato su musica e film.







            Abito a Milano e quindi sono andato prima in



            FNAC, poi a Messaggerie ed infine a Ricordi.







            Tutte e tre offrono:



            DVD (di film storici, d'autore e anche



            recentissimi) a 7,90/9,90/12,90



            COFANETTI DVD con le serie piu' disparate a

            5/7



            euro per singolo dvd



            CD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0 euro



            COFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cd







            I 3 store fanno offerte su titoli per buona


            parte



            diversi, quindi la disponibilita' di
            prodotti

            in



            offerta e' veramente smisurata, calcolavo

            oltre



            400 titoli per i film e probabilmente 10
            volte


            di



            + per la musica.







            Ho acquistato tutti i regali che dovevo
            fare e



            parecchia roba anche per me anche perche'
            non

            ho



            mai tempo di fare shopping.







            La domanda che pero' alla fine mi pongo e'
            la



            seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi
            spiego,



            posso capire lo scaricarsi di un film per
            il



            quale si chiedono 25/30 euro.







            Ma se la cifra richiesta e' equa non e'

            immorale



            scaricare?







            E se le cifre che riporto non sono eque
            quali

            lo



            sono?







            Forse che vorremmo pagare un film 20...



            centesimi??







            Sinceramente non vorrei finire col dare

            ragione



            alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?












            Amico, tu hai parecchia confusione in testa...


            continua a fare shopping va là....



            La tua risposta non mi ha aiutato per niente a

            fare chiarezza. grazie lo stesso.

            a quei prezzi trovi solo roba "vecchia"...scusa ma non e' vero. a 9.90 ho comprato solamente film dell'ultimo anno e mezzo o cinema d'autore. Ovvio che non tutto e' in offerta. ma la scelta e' ampia

            diciamo che il prezzo equo (secondo me) sarebbe
            10 euro per i cd novità e 12/15 euro per i dvd
            novitàil mio limite e' + basso ancora, ma a questo punto torno al titolo del post... e' etico rubare (scaricare) un film disponibile ad un prezzo equo su supporti originali?
          • Anonimo scrive:
            Re: limiti etici
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: Anonimo




            questo natale per mancanza di idee, e

            perche'



            per




            la prima volta mi e' capitato di dover
            fare

            un




            regalo ad ogni persona dell'ufficio in cui




            lavoro, mi sono orientato su musica e
            film.









            Abito a Milano e quindi sono andato prima
            in




            FNAC, poi a Messaggerie ed infine a
            Ricordi.









            Tutte e tre offrono:




            DVD (di film storici, d'autore e anche




            recentissimi) a 7,90/9,90/12,90




            COFANETTI DVD con le serie piu' disparate
            a


            5/7




            euro per singolo dvd




            CD di tutti i generi fra i 5,9 e i 9,0
            euro




            COFANETTI CD a 2/3/4 euro per singolo cd









            I 3 store fanno offerte su titoli per
            buona



            parte




            diversi, quindi la disponibilita' di

            prodotti


            in




            offerta e' veramente smisurata, calcolavo


            oltre




            400 titoli per i film e probabilmente 10

            volte



            di




            + per la musica.









            Ho acquistato tutti i regali che dovevo

            fare e




            parecchia roba anche per me anche perche'

            non


            ho




            mai tempo di fare shopping.









            La domanda che pero' alla fine mi pongo e'

            la




            seguente: QUALE E' IL VERO LIMITE? mi

            spiego,




            posso capire lo scaricarsi di un film per

            il




            quale si chiedono 25/30 euro.









            Ma se la cifra richiesta e' equa non e'


            immorale




            scaricare?









            E se le cifre che riporto non sono eque

            quali


            lo




            sono?









            Forse che vorremmo pagare un film 20...




            centesimi??









            Sinceramente non vorrei finire col dare


            ragione




            alle Major... qualcuno puo' spiegarmi?
















            Amico, tu hai parecchia confusione in
            testa...



            continua a fare shopping va là....





            La tua risposta non mi ha aiutato per niente a


            fare chiarezza. grazie lo stesso.



            a quei prezzi trovi solo roba "vecchia"...

            scusa ma non e' vero.

            a 9.90 ho comprato solamente film dell'ultimo
            anno e mezzo o cinema d'autore. Ovvio che non
            tutto e' in offerta. ma la scelta e' ampia
            nel mondo del mercato di oggi film di un anno e mezzo fa sono cosiderati vecchi!



            diciamo che il prezzo equo (secondo me) sarebbe

            10 euro per i cd novità e 12/15 euro per i dvd

            novità

            il mio limite e' + basso ancora, ma a questo
            punto torno al titolo del post... e' etico rubare
            (scaricare) un film disponibile ad un prezzo equo
            su supporti originali?
            1° studia il significato di rubare e vedrai che non coincide per nulla con scaricare2° con i prezzi attuali pagare un cd appena uscito 25? è una vera ladrata considerando soprattutto che è un supporto ormai vecchio come tecnologia3° prova a rubare un cd in un negozio e vedi quanto di danno (una multa di un paio di decine di euro e basta nel 99,99% dei casi) poi prova a scaricare e a farti beccare e ne riparlliamo...
    • Anonimo scrive:
      Re: limiti etici
      Mah qui ogni persona ha la sua visione della cosa, personalmente da 5 a 10 euro per un DVD è una soglia sufficientemente bassa per non farmi neppure prendere in considerazione il fatto di perdere tutto quel tempo per mettermi a cercare, scaricare e masterizzare. Sicuramente per molti altri il tempo ha un valore diverso oppure le risorse sono più scarse (pensiamo a ragazzini che vanno ancora a scuola o a studenti che tirano la cinghia all'università).In ogni caso il vincolo irremovibile, siano 10 o 60, è che possa sempre e comunque farne delle copie ad uso personale senza v*ccate tipo DRM e compagnia bella.Io di CD a casa ne ho più di 200, tutti originali e le ragione che mi hanno fatto smettere di comprarli sono: un appiattimento dell'offerta e le politiche ignobili delle major.Per quanto riguarda l'offerta, per il blues una volta bisognava cercare etichette indipendenti o album di importazione diretta che costavano cari come il fuoco, oggi producono anche quello tipo catena di montaggio ed è tutto uguale. Meglio cercare qualche gruppetto Jazz/Blues/Fusion (anche Italiano) che si autoproduce, ci sono delle vere chicche.Per quanto riguarda le politiche delle major beh non credo ci sia più molto da dire quando una lobby riesce a deformare il patto sociale al punto in cui violazione dei diritti d'autore è materia di diritto penale anche quando non c'é lucro (inteso come soldi per i pulciosi che vogliono cavillare con termini tipo profitto personale e quant'altro).
    • yenaplyskyn scrive:
      Re: limiti etici
      Ti dovresti ritenere molto fortunato ad avere una simile scelta e a quei prezzi.Premetto che non abito a 100Km da un luogo abitato ma in una città, tuttavia dalle mie parti si trovano solo pochi orribili titoli a 9,90? mentre tutto il resto viaggia dai 14,90? ai 24,90? per non parlare poi di film vecchi che vengono venduti in dvd come fossero pezzi da collezione con prezzi superiori a 24,90?.I cd musicali viaggiano sempre e solo a 20?, pochissime raccolte di autori sconosciuti e rimasterizzazioni di vecchissimi album stanno attorno alla soglia dei 10?.Ti lascio trarre le tue conclusioni....Se però vuoi le mie ti dico questo:i prezzi non superiori ai 10?, per film in dvd, li trovo equi e non mi sogno minimamente di scaricarliper la musica direi che il prezzo dovrebbe essere ulteriormente inferiore o al limite alla parima il vero problema è la qualità dei contenuti, infatti non trovo nulla che valga veramente la pena, anzi la pena la fanno i vari film e i vari brani musicali che ci stanno propinando ultimamente e ti posso assicurare che non mi fregano con i loro battage pubblicitari che vorrebbero farmi vedere lucciole per lanterne.Artisti musicali creati al computer o a tavolino, film dai contenuti demoralizzanti spacciati per il vincitore del prossimo Oscar ecc. ecc.Inoltre odio nel modo più solenne che mi si venga ad impedire o limitare l'uso legale di ciò che ho acquistato, con soldi BUONI, sulle mie apparecchiature tramite DRM e Co..Infine posso solamente dirti che ritengo il diritto d'autore, così come oggi è formulato, un furto nei confronti degli autori veri, una truffa nei confronti dello stato, insomma un'arma scorretta da usare come e quando e quanto più conviene. Il diritto d'autore andrebbe ridimensionato, particolarmente in termini di tempo e di acquisizione della proprietà.Ciao.YenA
  • ntrac scrive:
    In nome della legge! quale legge?
    Ci vorrebbe qualche genio per trovare una soluzione riguardo all'adeguamento delle leggi alla velocità di mutazione delle realtà in campo informatico. Se si prendessero le leggi di un cantone svizzero e le si applicassero in un villaggio del Burundi, tutti sarebbero dietro le sbarre. Son tutti delinquenti oppure è la legge che è inadeguata? Trent'anni fa, eravamo ai tempi delle cassette al chromo e non c'era problema per registrare l'HiFi delle trasmissioni stereo alla radio. Adesso con il digitale, la qualità cambia, ma la legge è rimasta al palo.
    • Anonimo scrive:
      Re: In nome della legge! quale legge?
      - Scritto da: ntrac
      Ci vorrebbe qualche genio per trovare una
      soluzione riguardo all'adeguamento delle leggi
      alla velocità di mutazione delle realtà in campo
      informatico. Se si prendessero le leggi di un
      cantone svizzero e le si applicassero in un
      villaggio del Burundi, tutti sarebbero dietro le
      sbarre. Son tutti delinquenti oppure è la legge
      che è inadeguata? Trent'anni fa, eravamo ai tempi
      delle cassette al chromo e non c'era problema per
      registrare l'HiFi delle trasmissioni stereo alla
      radio. Adesso con il digitale, la qualità
      cambia, ma la legge è rimasta al palo.No caro. La legge è cambiata. E non a favore dei cittadini.Hanno fatto la commissione apposta per capire le nuove tecnologie, facendo attenzione ad ascoltare solo alcuni soggetti e tenendo fuori deliberatamente gli altri, e quello che ne è uscito è un volumone sui DRM dettato da chi a gran voce diceva che sono assolutamente indispensabili. Hanno già cominciato una censura a monte su qualcosa che riguarda pochi, i siti di scommesse. E così si obbligano gli ISP a mettere i filtri. Poi una volta che i filtri ci saranno li si potrà gestire... La legge sta al passo eccome. Ma non a favore della gente.
      • ntrac scrive:
        Re: In nome della legge! quale legge?
        - Scritto da: Anonimo

        -

        No caro. La legge è cambiata. E non a favore dei
        cittadini.
        Hanno fatto la commissione apposta per capire le
        nuove tecnologie, facendo attenzione ad ascoltare
        solo alcuni soggetti e tenendo fuori
        deliberatamente gli altri, e quello che ne è
        uscito è un volumone sui DRM dettato da chi a
        gran voce diceva che sono assolutamente
        indispensabili. Hanno già cominciato una censura
        a monte su qualcosa che riguarda pochi, i siti di
        scommesse. E così si obbligano gli ISP a mettere
        i filtri. Poi una volta che i filtri ci saranno
        li si potrà gestire...
        La legge sta al passo eccome. Ma non a favore
        della gente.Sono andato su Wiki a scaricare un testo in pdf riguardo alla posizione del governo Italiano, adesso lo leggo! grazie per l'info. :p :p==================================Modificato dall'autore il 21/12/2005 10.06.45
        • ntrac scrive:
          Re: In nome della legge! quale legge?
          Ho dato un'occhiata alla DRM dal punto di vista del goveno Italiano! Hanno cercato più che altro a mettersi "à la page" solo per combattere la "pirateria", non hanno cambiato nulla della "vecchia" mentalità della difesa dei diritti d'autore, quando l'originale era fatto a mano. I Brasiliani stanno provando una strada nuova, con la tassazione dei CD e DVD vergini da spalmare poi su i vari artisti secondo i share di download, ciò potrebbe essere un primo passo. Comunque, ritengo che bisogna ripensare il concetto di proprietà stesso, perché gli artisti, adottando la tecnologia digitale, hanno in qualche modo aderito ad un cambiamento sostanziale da valutare adeguatamente. Hanno in qualche modo ipotecato un diritto di proprietà per usufruire di una tecnologia che è cresciuta anche grazie alla comunicazione libera. Non possono fare finta di nulla, potevano rimanere all'analogico, tanto se sono bravi continueranno a vendere.
  • avvelenato scrive:
    Omnia sunt communia
    8) 8) 8) 8) alla grande p2pari 8) 8) 8) 8) .
    • Sandino scrive:
      5 --
      non lo ricordavo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 11.52-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Appena fatto l'upgrade
    ...adesso uppo a 512 kbps, il mulo ne guadagna il doppio. :)Devono crepare. :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale
    - Scritto da: Anonimo
    e tuo cuggino una volta è andato in discoteca e
    si è risvegliato sotto un ponte senza un rene
    (rotfl)Mio Cuggino Mio CugginoMio cugino mi ha detto che una volta e' morto.Mio cugino una volta ha visto un cane sulla spiaggia ma che non era un cane, era un topo!Mio cugino ha un amico che una volta ha conosciuto una ragazza in discoteca e ci ha fatto l'amore, poi, la mattina quando e' andato al bagno, ha trovato scritto sullo specchio "Benvenuto nell'AIDS"!!
    • Anonimo scrive:
      Re: MIO CUGGINO
      Mi ha detto mio cuggino che una volta si e` schiantato con la moto, mio cuggino mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino che poi si e` tolto il casco e si e` aperta la testa, mio cuggino mio cuggino.Mio cuggino si e` tolto il casco, mio cuggino si e` aperta la testa.Mi ha detto mio cuggino che una volta ha trovato in spiaggia un cane e invece era un topo, mio cuggino mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino chc una volta e` stato co'una che poi gli ha scritto sullo specchio benvenuto nell'aids, mio cuggino mio cuggino: - -poverino, mio cuggino benvenuto nell'aids - mio cuggino topo cane, mio cuggino benvenuto nell'aids.Mio cuggino mio cuggino, mio cuggino e` rispettato, amico di tutti. Mio cuggino ha fatto questo e quello, mio cuggino mi protegge quando vengono a picchiammi perche` chiamo mio cuggino. Anzi: io chiamo a mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino che una volta ha visto una senza reggipetto - stghidin, sttghidin, stish stidun; aaah -, mio cuggino mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino che una volta in discoteca ha conosciuto una tipa che pero` poi non si ricorda piu' niente e alla fine si e` svegliato in un fosso tutto hagnato che gli mancava un rene, mio cuggino mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino che sa un colpo segreto che se te lo da` dopo tre giorni muori, mio cuggino mio cuggino.Mi ha detto mio cuggino che da bambino una volta e` morto.Mio cuggino mio cuggino, mio cuggino e' ricercato, amico di tutti. Mio cuggino ha fatto questo e quello. Mio cuggino mi protegge quando vengono a picchiammi perche` chiamo mio cuggino Anzi, sapete cosa vi dico: io chiamo a mio cuggino.Mio cuggino mio cuggino, mio cuggino e` preoccupante e parla coi rutti: ciao, come va. Mio cuggino ha fatto questo e quello, l'autoscontro e il calcinculo, mio cuggino 'o malamente: ma e` un prodotto della mente. Anzi: ha prodotto della menta ma non era autorizzato, per cui l'hanno imprigionato. Ue`.Si' d'accordo free Mandela, free Valpreda e tutti gli altri, ma free anche mio cuggino. Anzi: free anche a mio cuggino...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale

    e tuo cuggino una volta è andato in discoteca e
    si è risvegliato sotto un ponte senza un rene
    (rotfl)AHAHAHHAHAHAHHAHAHHAHA :D .
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale

    Cioè che tipo di materiale *LEGALE* scambi?Software open source, cortometraggi fatti in casa per cineamatori, foto varie per fotoamatori tanto per fare qualche esempio. Ma anche di musica free, di gruppi sconosciuti, ce n'è un bel po'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale
      - Scritto da: Anonimo


      Cioè che tipo di materiale *LEGALE* scambi?

      Software open source, cortometraggi fatti in casa
      per cineamatori, foto varie per fotoamatori tanto
      per fare qualche esempio. Ma anche di musica
      free, di gruppi sconosciuti, ce n'è un bel po'.E c'è bisogno del P2P per scambiare programmi open source? cortometraggi fatti in casi, foto,...mmm ho capito porno amatoriale! Ma vai a dormire zozzone!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale
        - Scritto da: Anonimo
        E c'è bisogno del P2P per scambiare programmi
        open source? cortometraggi fatti in casi,
        foto,...mmm ho capito porno amatoriale! Ma vai a
        dormire zozzone!ROTFL a curvatura 6 :D :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale

        E c'è bisogno del P2P per scambiare programmi
        open source? cortometraggi fatti in casi,
        foto,...mmm ho capito porno amatoriale! Ma vai a
        dormire zozzone!(nolove) :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :p :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale

        E c'è bisogno del P2P per scambiare programmi
        open source? cortometraggi fatti in casi,
        foto,...mmm ho capito porno amatoriale! Ma vai a
        dormire zozzone!Finisco il nuovo film e vado :D
  • Anonimo scrive:
    I had a dream...
    Chi vive di musica fa la fame, e chi ingrassa è dietro alle scrivanie.Le "nuove tendenze" sono in gran parte "looparoli" maestri del copia e incolla di file audio di musica suonata veramente.Un brano è già "vecchio" e non si ascolta più quando è dell'anno scorso. Riemergono periodicamente i revival dei "favolosi anni XX" (dove XX è stato = 60, 70, poi 80 e adesso arrivano i 90) ovvero solo del decennio precedente.Siamo preda delle operazoini di marketing che coordinano le uscitre dei titoli su tv, radio, recensioni, ospitate varie, ecc...Nulla di mediato è più credibile......un po' provocatoriamente, ma non troppo, auspico la scomparsa (diciamo il forte ridimensionamento) della musica registrata in favore della musica suonata dal vivo. Chi vale campa di musica, chi non vale ascolta.non partite con i flame... ma pensate che forse un pizzico di ragione c'è...
        • Anonimo scrive:
          Re: I had a dream...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo


          Ma che cavolo dici idiota! Si vede che non

          capisci nulla di musica. Torna a dormire va...

          Gente come te dovrebbe essere messa in condizioni
          di non nuocere ed aprire bocca per mostrare il
          vuoto della sua piccola mente.Invece gente come te che scrive idiozie tanto per consumare la tastiera? Si vede che non capisci nulla di musica, rileggiti le ca**ate che hai scritto!
    • Anonimo scrive:
      Re: I had a dream...
      Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio. Giovani, non copiate la musica. Comprate musica originale, facendo cosi i prezzi scenderanno e voi sarete in pace con voi stessi.
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio.
        E le major sono i suoi profeti :D
      • Giambo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio. Del dio-denaro ? Beh, una banconota da 100 Euro e' ben piu' tangibile che Javeh, Wotan, Brahman o del Flying Spaghetti Monster :)
        Giovani, non copiate la musica. Comprate musica
        originale, facendo cosi i prezzi scenderanno e
        voi sarete in pace con voi stessi.La legge della domanda e dell'offerta: Questa sconosciuta.
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio.
        Giovani, non copiate la musica. Comprate
        musica originale, facendo cosi i prezzi
        scenderanno e voi sarete in pace con voi stessi.Perche' dovrebbero abbassare i prezzi ? Tanto ci sono i 'catto che comprano e forniscono pubblicita' gratuita.
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio.

        Giovani, non copiate la musica. Comprate musica
        originale, facendo cosi i prezzi scenderanno e
        voi sarete in pace con voi stessi.
        http://video.google.com/videoplay?docid=2751451655138632955&q=mosconi @^ .
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio.

        Giovani, non copiate la musica. Comprate musica
        originale, facendo cosi i prezzi scenderanno e
        voi sarete in pace con voi stessi.
        Si bravo prima della grande diffusione del p2p i cd costavano sempre e solo 20? indipendentemente dal tipo di cd. Ora invece hanno paura e le varie Hit Mania dance ecc.. (album ke durano 2 mesi e poi si buttano) cominciano a costare 10? e ad avere 4 cd... Se tu conoscessi un po' di economia non parleresti così a vanvera, il mercato della musica non è in concorrenza perfetta bensì in oligopolio... ossia pochi venditori e tanti compratori. Pochi venditori significa cartello dei prezzi. se tutti vendono allo stesso prezzo tutti ci guadagnano di più... SVEGLIA!!! (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        Io l'unica legge in cui credo è quella di Dio.
        sia fatta la volontà di Dio. Ah, come dici? Dio si chiama Sony Music? Ahhh.. scusa adesso gli recito subito una preghiera collegandomi su iTunes e comprando un MP3 compresso!
    • Anonimo scrive:
      Re: I had a dream...

      Chi vive di musica fa la fame, e chi ingrassa è
      dietro alle scrivanie.
      Le "nuove tendenze" sono in gran parte
      "looparoli" maestri del copia e incolla di file
      audio di musica suonata veramente.La roba che ascolti tu magari :D
      Un brano è già "vecchio" e non si ascolta più
      quando è dell'anno scorso. Non si ascolta più già dopo 3 volte!
      Riemergono periodicamente i revival dei "favolosi
      anni XX" (dove XX è stato = 60, 70, poi 80 e
      adesso arrivano i 90) ovvero solo del decennio
      precedente.P.S. non vedo la novità
    • Anonimo scrive:
      Re: I had a dream...
      come I had ??? nel senso che tu ebbi un songo?forse era I have a dream :D 8) and I am an american ![siamo tutti larussa dentro]
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...

        come I had ??? nel senso che tu ebbi un songo?
        forse era I have a dream
        :D 8)
        and I am an american ![siamo tutti larussa dentro]No, non poteva usare la frase originale per problemi di copyright :D
      • Anonimo scrive:
        Re: I had a dream...
        - Scritto da: Anonimo
        come I had ??? nel senso che tu ebbi un songo?
        forse era I have a dream
        :D 8)
        and I am an american ![siamo tutti larussa dentro]Non lo sai che il perfect inglese vale sia come il passato prossimo che il passato remoto italiani?Quindi: "ho sognato", oltre che "sognai". Per lui il sogno é giá terminato.
  • Anonimo scrive:
    Il p2p? L'illegalità cresce senza sosta
    E' iniutile perderci in inutili giri di parole. il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi illegali e scambiare materiale protetto dai diritti d'autore. Spero arrivi prima o poi una sentenza esemplare che ponga fine a questo fenomeno. Sono stanco di comprare cd e dvd con prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      Ma davvero pensi che eliminando la pirateria si abbasserebbero i prezzi? Davvero sei così ingenuo?Guarda che, non so se l'hai notato, ma la pirateria ha motivo d'essere proprio per i prezzi (da sempre) alti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      Sono stanco di comprare cd e dvd con
      prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del
      p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.Lo sono anche io(e infatti di cd non ne compro più: uso itunes o compro in offerta; per i dvd compro solo offerte),ma non si può dare la colpa al p2p: mi ricordo benissimo come sono cresciuti i prezzi dei cd quando con internet non si scaricava nulla,mentre i prezzi dei dvd sono addirittura calati rispetto ai primi tempi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      Io vado a lavorare per ben altro ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
        - Scritto da: Anonimo
        Io vado a lavorare per ben altro ...Si lavora e si fatica per il pane e per la fi ....... :$ .
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      E' iniutile perderci in inutili giri di parole.
      il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi
      illegali e scambiare materiale protetto dai
      diritti d'autore.Questo non puo' significare che il diritto d'autore va eliminato.
      Spero arrivi prima o poi una
      sentenza esemplare che ponga fine a questo
      fenomeno.Io invece spero che arrivi una punizione esemplare che ponga fine al fenomeno del diritto d'autore e dei suoi stupidi sostenitori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      E' iniutile perderci in inutili giri di parole.
      il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi
      illegali e scambiare materiale protetto dai
      diritti d'autore. Spero arrivi prima o poi una
      sentenza esemplare che ponga fine a questo
      fenomeno. Sono stanco di comprare cd e dvd con
      prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del
      p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.O sei un troll o rosichi perchè non hai l'ADSL.... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      E' iniutile perderci in inutili giri di parole.
      il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi
      illegali e scambiare materiale protetto dai
      diritti d'autore. Spero arrivi prima o poi una
      sentenza esemplare che ponga fine a questo
      fenomeno. Sono stanco di comprare cd e dvd con
      prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del
      p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.se pensi che senza il fenomeno del p2p i prezzi di CD e DVD possano calare tu sei completamente fesso...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      E' iniutile perderci in inutili giri di parole.
      il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi
      illegali e scambiare materiale protetto dai
      diritti d'autore. Spero arrivi prima o poi una
      sentenza esemplare che ponga fine a questo
      fenomeno. Sono stanco di comprare cd e dvd con
      prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del
      p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.Se metti in moto il mulo avrai tutta la musica e i film che vuoi aggratiseCiao (troll)
    • yenaplyskyn scrive:
      ma dove vivi tu?
      Daccordo che ogn'uno di noi ha il diritto di esprimere le proprie opinioni.Però simili sparate sono propriamente fuori luogo e/o volutamente provocatorie.Non entro nel merito di quello che penso di te e delle tue sparate ma vorrei farti notare che la relatà è proprio l'inverso di quello che pensi, se veramente lo pensi.Le major usano solo pretesti, se non esistesse il p2p inventerebbero altri argomenti per....tenere lievitati i prezzi.Secondo me invece il p2p sta facendo addirittura da calmiere in questa situazione, pensa che prezzi avremmo sui bancali se nessuno contrastasse il loro strapotere, altro che pirateria.Immagina solamente cosa accadrà in Cina quando le major, dopo aver venduto dvd a 2? per un certo periodo, riuscissero a far sparire la pirateria locale....Tu sicuramente penserai che i dvd costeranno di meno dei 2? di oggi......ma forse dimentichi gli zeri che, si sà,non contano niente.Pace all'anima tua.YenA==================================Modificato dall'autore il 21/12/2005 15.37.13
    • Anonimo scrive:
      Re: Il p2p? L'illegalità cresce senza so
      - Scritto da: Anonimo
      E' iniutile perderci in inutili giri di parole.
      il 98% dell'uso del p2p è fatto per scopi
      illegali e scambiare materiale protetto dai
      diritti d'autore. Spero arrivi prima o poi una
      sentenza esemplare che ponga fine a questo
      fenomeno. Sono stanco di comprare cd e dvd con
      prezzo maggiorato a causa degli scrocconi del
      p2p. Andate a lavorare se volete musica e film.La pirateria è sempre stata una scusa eccellente per alzare i prezzi e limitare la libertà dei consumatori ai fini di rafforzare l'oligopolio, e tu te la bevi, ci caschi in pieno come un somaro. Ti faccio due esempi pratici: quando Xbox è stato lanciato i giochi erano incopiabili... e costavano più di qualsiasi videogame passato *e futuro* raggiungendo cifre iperboliche di 75-80 euro. Solo - la concorrenza - fa scendere i prezzi e la pirateria è l'unico modo rimasto in un mercato drogato dai cartelli, di far venire a patti le multinazionali dell'intrattenimento. L'altro esempio è il decoder proprietario di Sky, con il cavallo di troia della pirateria hanno immesso sul mercato un dispositivo proprietario che rende impossibile il passaggio ad altri bouquet, taglia fuori i produttori di altri decoder e introduce un sistema per controllare l'operato dei propri clienti (vedi ad esempio la possibilità, col modello dotato di hd, che alcuni programmi non siano registrabili), insomma siamo stati colpiti tre volte con una sola scusa. In futuro l'attacco sarà ancora più massiccio, con i DRM metteranno in scacco la copia privata, l'uso del medesimo bene su più dispositivi, l'utilizzo a tempo indeterminato, tutte prerogative che ci appartenevano all'epoca dei supporti fisici. O lottiamo adesso per imporre a queste sanguisughe insaziabili regole più eque o ne verremo divorati.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale
    Perche', il p2p e' illegale ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricordiamoci, esiste un p2p legale
      - Scritto da: Anonimo
      Perche', il p2p e' illegale ?No ma il messaggio che spalmano le major è quello.
  • Anonimo scrive:
    W amule
    FALLISCANO RIAA - SIAE - BSA - BSE e affini con tutti i loro grassatori avvocati.
    • Anonimo scrive:
      Re: W amule
      Come dimo a Roma MAGARA!!! pablo
    • Anonimo scrive:
      Re: W amule
      STRAQUOTONE
    • Anonimo scrive:
      Re: W amule
      - Scritto da: Anonimo
      FALLISCANO RIAA - SIAE - BSA - BSE e affini con
      tutti i loro grassatori avvocati.Si ma se tu la loro 'roba' la vuoi a tutti i costi anche rischiando le sanzioni decise da loro stessi... col cavolo che il tuo sogno si realizzerà.
      • Anonimo scrive:
        Re: W amule
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        FALLISCANO RIAA - SIAE - BSA - BSE e affini con

        tutti i loro grassatori avvocati.

        Si ma se tu la loro 'roba' la vuoi a tutti i
        costi anche rischiando le sanzioni decise da loro
        stessi... col cavolo che il tuo sogno si
        realizzerà. dici che non riuscirò a costruire una palla immensa di cioccolato bianco e farla girare attorno a giove?peccato
Chiudi i commenti