Da smartphone a netbook

Qualsiasi cellulare di ultima generazione potrà trasformarsi in un portatile tuttofare

Se in mobilità si ha la necessità di inviare un’email piuttosto lunga o un documento importante, il touchscreen dello smartphone non rappresenta la migliore soluzione e si sente così l’esigenza di una tastiera estesa e di un monitor dalle dimensioni più generose.
Questa necessità è stata interpretata da alcuni produttori, come Motorola con Droid e Asus con soluzioni come Transformer e Padfone, che però vincolano il cliente all’utilizzo di uno smartphone in particolare e di una docking station con connettori e tecnologia proprietaria.

C’è chi ha pensato di eliminare questi vincoli e offrire una base-netbook a ogni utilizzatore, indipendentemente dallo smartphone acquistato. Il risultato è Casetop, pensato da Livi Design.

Casetop

Casetop si identifica come la possibilità di usare l’hardware di qualsiasi smartphone per “dare vita” a un netbook vero e proprio, con caratteristiche interessanti.

Infatti, una volta connesso, lo smartphone diventerà il cervello del netbook, che ne utilizzerà processore, memoria, motore grafico e touchscreen (come trackpad) per animarsi, garantendo così all’utilizzatore uno schermo da 11,1 pollici con risoluzione 720p e retroilluminazione LED, una tastiera estesa da 78 tasti, speaker stereo, un ingresso HDMI, un ingresso USB e un’uscita minijack, in uno spessore pari a meno di 2 cm.

E non è tutto: Casetop ospiterà una batteria da 56 Wh con capacità equivalente a quelle da 6 celle incluse nei notebook moderni, garantendo così un’autonomia dichiarata di oltre 30 ore. Allo stesso tempo, la connessione dello smartphone ne consentirà la ricarica, allungando così la durata del dispositivo mobile.

La compatibilità del Casetop è garantita con la maggior parte dei modelli sviluppati su piattaforma Android, con gli iPhone di diverse generazioni e con i nuovi BlackBerry basati su OS 10 . Sarà capace di lavorare anche con le console da gioco, come Xbox, Xbox 360, PS3, PS4, Wii, Wii U e a questo indirizzo è disponibile una lista dei dispositivi compatibili. Questa ampia compatibilità sarà garantita dagli ingressi HDMI, MHL o Micro USB con cui sarà possibile collegare lo smartphone a Casetop. Accanto a una connettività wired, ci sarà anche possibile stabilire una connessione Bluetooth fra Casetop e smartphone per utilizzare la sola tastiera estesa. Se lo si desidera, poi, su piattaforma Android sarà possibile anche usare un mouse Bluetooth per muoversi fra le schermate.

Casetop verrà costruito con materiale plastico facilmente degradabile e quindi rispettoso dell’ambiente.

Casetop al momento non è un prodotto finito. Si tratta infatti di un prototipo sbarcato su Kickstarter , che richiede un finanziamento di 300mila dollari per iniziare la produzione con successiva immissione su mercato. A fronte di questa cifra, l’azienda potrà iniziare a vendere Casetop a un prezzo di 250 dollari (circa 190 euro) a cui aggiungere le spese di spedizioni (pari a 20 dollari per l’Italia).

Al momento, il progetto si è fermato a poco più di 60mila dollari, a fronte dell’obiettivo finale da raggiungere entro i prossimi 24 giorni. Live Design si ritiene comunque soddisfatto e rilancia con altri obiettivi interessanti: a 350mila dollari si inizieranno ad accettare anche le donazioni nella moneta virtuale Bitcoin e a 500mila si metterà in produzione uno schermo con risoluzione Full HD. Infine, un ingresso di 3 milioni di dollari potrebbe portare all’inserimento di un touchscreen sul dispositivo.

(via OhGizmo! )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • qualcuno scrive:
    Complimenti per la marketta
    (rotfl)Grande. Sei riuscito a scrivere che i conti sono tornati in utile senza dover spiegare che sono in utile solo perché hanno venduto per un miliardo di dollari la sede di New York. Senza introiti straordinari sarebbero ancora in perdita.http://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=sony%20sell%20new%20yourk%20headquarter&source=web&cd=2&cad=rja&ved=0CDcQFjAB&url=http%3A%2F%2Fwww.ft.com%2Fcms%2Fs%2F0%2F11c73296-6155-11e2-957e-00144feab49a.html&ei=Kg6MUbHEOsLA0QXG_oGYBA&usg=AFQjCNFwTaPq997FSY88I4jeufHEyqUPjA&bvm=bv.46340616,d.d2k(rotfl)
    • Sgabbio scrive:
      Re: Complimenti per la marketta
      - Scritto da: qualcuno
      (rotfl)
      Grande. Sei riuscito a scrivere che i conti sono
      tornati in utile senza dover spiegare che sono in
      utile solo perché hanno venduto per un miliardo
      di dollari la sede di New York. Senza introiti
      straordinari sarebbero ancora in
      perdita.

      http://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=sony%20sell

      (rotfl)Non l'avevano detto che aveva venduto il quartier generale a new york ?
      • qualcuno scrive:
        Re: Complimenti per la marketta
        - Scritto da: Sgabbio
        - Scritto da: qualcuno

        (rotfl)

        Grande. Sei riuscito a scrivere che i conti sono

        tornati in utile senza dover spiegare che sono
        in

        utile solo perché hanno venduto per un miliardo

        di dollari la sede di New York. Senza introiti

        straordinari sarebbero ancora in

        perdita.




        http://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=sony%20sell



        (rotfl)

        Non l'avevano detto che aveva venduto il quartier
        generale a new york ?Certo che l'ha scritto. Ma senza spiegare piú di tanto. Prova a rileggere l'articolo. Il tono é molto ottimistico anche se la Sony é costretta a vendere le sedi per ripianare le perdite.
        • tucumcari scrive:
          Re: Complimenti per la marketta
          - Scritto da: qualcuno
          Prova a rileggere l'articolo. Il tono é molto
          ottimistico anche se la Sony é costretta a
          vendere le sedi per ripianare le
          perdite.Ma perchè ti meravigli il mondo è pieno di fior di economisti che spiegano che per ripianare il debito devi venderti il patrimonio (pubblico naturalmente loro la casa loro se la tengono ben stretta...)Non ti dicono ovviamente cosa fare una volta che ti sei venduto casa mobili e stai in mezzo a una strada...Quello che non ti dicono (inoltre) è che questa non si chiama economia ma ragioneria e che basta l'istituto tecnico commerciale per fare i ragionieri!Gli economisti (quelli veri) sono un altra cosa e sanno che l'economia (a differenza della ragioneria) non è fatta di qualche operazione contabile perchè è "leggermente" più complessa e entrano in gioco variabili sociali propensioni collettive strutture politiche strumenti di programmazione (appunto economica) ecc. ecc.Tutta roba che però ha delle "REGOLE" che è proprio ciò che loro non vorrebbero sentir dire.perchè le regole significano controlli e garanzie (ad esempio controllo sociale controllo democratico trasparenza) tutta roba che vorrebbero dimenticare gli piace il "far west"... o almeno gli piace il "far west" fino a un certo punto.... se il "far west" significa che si fa un duello (tutti e due con la pistola) cominciano a chiedere il sequestro della pistola (la tua naturalmente) cosa avevi capito?
  • legolas scrive:
    sony
    pare che pero' stanno imparando la lezione, vedi con i telefonini che sono costantemente in contatto con i vari team di sviluppatori autonomi, le vendite sono aumentate e i prodotti sono di buona qualità. vediamo che combina con la ps4...ps boicottare i prodotti sony : i display di molti device mobile di altre marche, apple compresa, sono di sony, i sensori montati sui cellulari e sulle fotocamere nikon e pentax sono sony, il bluray è un consorzio guidato da sony e da tanti altri costruttori.... se vuoi boicottare sony dovresti rinunciare a tanti apparecchi tecnologici! :ps2 irradio rimarchia roba cinese, seleco non so se ancora esiste. Mivar è ridotta male... un peccato per chi ha messo i televisori a colori in casa di tanti italiani....
    • Leguleio scrive:
      Re: sony
      - Scritto da: legolas
      ps2 irradio rimarchia roba cinese, seleco non so
      se ancora esiste. Mivar è ridotta male... un
      peccato per chi ha messo i televisori a colori in
      casa di tanti
      italiani....Veramente il commento che citava queste marche era mio. :-)Comunque ho chiarito sopra che era un commento scherzoso, e quindi nemmeno ho controllato se questi marchi esistessero ancora.Visto che pare che ne sai, che fine ha fatto il marchio Magnafon? è una mia curiosità, ho avuto per le mani per un breve periodo un televisore di quella marca (che mi dicono fosse una sottomarca), ma poi non l'ho più sentita nominare.
    • Leguleio scrive:
      Re: sony
      Un'altra delle ditte elencate cessa l'attività:http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_ottobre_15/mivar-addio-tv-made-italy-carlo-vichi-produrremo-mobili-207063b0-3578-11e3-9c0c-20e16e3a15ed.shtml
  • panda bianca scrive:
    per panda rossa
    Io lavoro per sony e ti posso assicurare che, oltre a raccontare una marea di cazzate (boicottaggio? MA QUANDO MAI! la sony non è solo la playstation!) mi da fastidio che in un periodo di crisi generale in cui IO che lavoro e faccio fatica ad arrivare a fine mese, leggere un commento come il tuo. la playstation non ti piace? hai avuto problemi con i prodotti sony? mi dispiace. cambia marca. arricchisci i coreani o i cinesi magari ma non frantumare le palle a chi crede e tocca con mano la bonta' dei prodotti.
  • panda rossa scrive:
    Non interrompere il boicottaggio.
    Il boicottaggio comincia a manifestare i suoi effetti.I distributori del rootkit infame hanno dovuto pagare amaramente il fio delle loro colpe. Sono finiti al tappeto e adesso barcollando accennano a rialzarsi di nuovo in piedi.Non bisogna interrompere il boicottaggio.Bisogna continuare a schifare i prodotti sony, preferendo la concorrenza, senza mancare di farlo notare a voce alta e disgustata ai commessi dei negozi che osano proporre un prodotto sony.Un mondo senza sony e' un mondo migliore.
    • Risposta al commento scrive:
      Re: Non interrompere il boicottaggio.
      - Scritto da: panda rossa
      Non bisogna interrompere il boicottaggio.Quale? Televisori nelle grandi catene mi pare continuino a venderne parecchi. Ne vendono di meno? Strano ma vero, da qualche anno a questa parte, tutti vendono meno di tutto.Senza contare la Playstation.Senza contare le società minori/a partecipazione Sony, da cui con tutta probabilità ti rifornisci tu stesso - dando per scontato che tu non viva in una caverna.
      Bisogna continuare a schifare i prodotti sony,
      preferendo la concorrenza, senza mancare di farlo
      notare a voce alta e disgustata ai commessi dei
      negozi che osano proporre un prodotto
      sony.Poveri commessi, già è una tortura stare tutta la giornata in piedi, senza bisogno che arrivi il cliente disfunzionale che sentenzia ma non compra.
      Un mondo senza sony e' un mondo migliore.Morta una Sony se ne fa un'altra. Deal with it.
  • Leguleio scrive:
    Ah, ecco...
    " e soprattutto alla forte svalutazione dello yen con conseguente crescita di competitività della moneta giapponese ".Ora capisco perché alcuni vorrebbero avere la possibilità di svalutare, come ai tempi della lira degli anni Settanta e inizio anni Ottanta. Potrebbero rilanciare la Irradio, la Mivar e la Seleco!
    • i controlli a campione scrive:
      Re: Ah, ecco...
      - Scritto da: Leguleio
      " e soprattutto alla forte svalutazione dello
      yen con conseguente crescita di competitività
      della moneta
      giapponese ".

      Ora capisco perché alcuni vorrebbero avere la
      possibilità di svalutare, come ai tempi della
      lira degli anni Settanta e inizio anni Ottanta.
      Potrebbero rilanciare la Irradio, la Mivar e la
      Seleco!La Mivar credo sia l'unica delle tre che esiste ancora. Se qualcuno ha visto un loro prodotto nei negozi negli ultimi 10 anni, faccia un fischio.
      • Leguleio scrive:
        Re: Ah, ecco...
        - Scritto da: i controlli a campione

        " <I
        e soprattutto alla forte svalutazione dello

        yen con conseguente crescita di competitività

        della moneta

        giapponese </I
        ".



        Ora capisco perché alcuni vorrebbero avere la

        possibilità di svalutare, come ai tempi della

        lira degli anni Settanta e inizio anni Ottanta.

        Potrebbero rilanciare la Irradio, la Mivar e la

        Seleco!

        La Mivar credo sia l'unica delle tre che esiste
        ancora.Colpa dell'Euro!Abbasso l'euro!Rivogliamo la lira!E la sovranità.E anche l'inflazione al 12 %, ché si stava benissimo allora!........(Prima che qualcuno me lo chieda: è una parodia di un certo tipo di commentatore :-)).
        • i controlli a campione scrive:
          Re: Ah, ecco...
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: i controlli a campione




          " <I
          e soprattutto alla forte
          svalutazione
          dello


          yen con conseguente crescita di
          competitività


          della moneta


          giapponese </I
          ".





          Ora capisco perché alcuni vorrebbero
          avere
          la


          possibilità di svalutare, come ai tempi
          della


          lira degli anni Settanta e inizio anni
          Ottanta.


          Potrebbero rilanciare la Irradio, la
          Mivar e
          la


          Seleco!



          La Mivar credo sia l'unica delle tre che
          esiste

          ancora.


          Colpa dell'Euro!
          Abbasso l'euro!
          Rivogliamo la lira!
          E la sovranità.
          E anche l'inflazione al 12 %, ché si stava
          benissimo
          allora!
          .
          .
          .
          .
          .
          .
          .
          .

          (Prima che qualcuno me lo chieda: è una parodia
          di un certo tipo di commentatore
          :-)).Purtroppo ho ben presente il "vittimismo" italiota.Evidentemente i discorsi vittimisti e il complottisti fanno sempre molta presa sull'italiota. Comunque questi discorsi li vedo spesso fatti dai grillini e soprattutto dai sostenitori del nano, soprattutto per quanto riguarda "la sovranità". Semplice constatazione, eh...
          • Leguleio scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: i controlli a campione
            Purtroppo ho ben presente il "vittimismo"
            italiota.

            Evidentemente i discorsi vittimisti e il
            complottisti fanno sempre molta presa
            sull'italiota. Direi non esclusivamente: fa molta presa sulle popolazioni a bassa scolarità (che ovviamente non si misura in anni passati dietro al banco, ma in quello che si è appreso effettivamente).Il fenomeno complottista esiste un po' ovunque, ma ad esempio nei Paesi del Nordeuropa è marginalissimo.
            Comunque questi discorsi li vedo
            spesso fatti dai grillini e soprattutto dai
            sostenitori del nano, soprattutto per quanto
            riguarda "la sovranità". Credo che oramai sia una tendenza trasversale a tutti gli schieramenti.In Italia ci sono sedicenti economisti che sostengono queste cose. Basta che trovino un'area politica di appartenenza, da cui farsi adottare, e buona parte di quel partito ripeterà a pappagallo le loro teorie.
          • tucumcari scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: Leguleio
            e buona parte di quel partito ripeterà a
            pappagallo le loro
            teorie.è vero pensa c'è una strana teoria che dice che il giappone ha un debito che è oltre il 200% del suo pil ...Ma naturalmente è una teoria...O no?(newbie)
          • i controlli a campione scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Leguleio


            e buona parte di quel partito ripeterà a

            pappagallo le loro

            teorie.
            è vero pensa c'è una strana teoria che dice che
            il giappone ha un debito che è oltre il 200% del
            suo pil
            ...
            Ma naturalmente è una teoria...
            O no?
            (newbie)Te l'ha detto tuo cuggino?http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_JapanProdotto interno lordo $5.964 trillionDebito pubblico $2.719 trillionConfrontare con l'Italiahttp://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_ItalyProdotto interno lordo $ 2,014 trillion Debito pubblico $2.223 trillion
          • tucumcari scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: i controlli a campione
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: Leguleio




            e buona parte di quel partito ripeterà a


            pappagallo le loro


            teorie.

            è vero pensa c'è una strana teoria che dice che

            il giappone ha un debito che è oltre il 200% del

            suo pil

            ...

            Ma naturalmente è una teoria...

            O no?

            (newbie)

            Te l'ha detto tuo cuggino?

            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_JapanNo guarda un po qui!http://en.wikipedia.org/wiki/Japan_public_debt"In 2011 Japan's public debt was about 230 percent of its annual gross domestic product,[1] the largest percentage of any nation in the world. In numbers, the public debt of Japan was $13.64 trillion, only second to the United States"Mio cuggino parla di questo:"In August 2011, Moody's rating cut Japan's long-term sovereign debt rating by one notch to Aa3 from Aa2 inline with the size of the country's deficit and borrowing level. The large budget deficits and government debt since the 2009 global recession and followed by earthquake and tsunami in March 2011 made the rating downgrade. In 2012 the Organization for Economic Cooperation and Development (OECD) Yearbook editorial (Gurría 2012) stated that Japan's debt "rose above 200% of GDP partly as a consequence of the tragic earthquake and the related reconstruction efforts."E anche di questo:"In order to address the Japanese budget gap and growing national debt, in June 2012 the Japanese diet passed a bill to double the national consumption tax to 10%.[3] The new bill increases the tax to 8% by April 2014 and 10% by October 2015.[4]"Il tuo invece non ho idea di che parla!
          • tucumcari scrive:
            Re: Ah, ecco...
            P.S.Nel caso comunque sempre nella pagina che tu citi c'è (guarda caso)..."$13.64 trillion / 229.77% of GDP (2011 est.)"E se vai a guardare come mai scopri che il numero che hai dato tu è il "valore nominale" che conta come il 2 di coppe con briscola a denari (e lo dice il fondo monetario internazionale (non mio cuggino) e anche moody (a quanto pare) e nessuno dei due è mio cuggino!
          • i controlli a campione scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: tucumcari
            P.S.
            Nel caso comunque sempre nella pagina che tu citi
            c'è (guarda
            caso)...
            "$13.64 trillion / 229.77% of GDP (2011 est.)"
            E se vai a guardare come mai scopri che il numero
            che hai dato tu è il "valore nominale" che conta
            come il 2 di coppe con briscola a denari (e lo
            dice il fondo monetario internazionale (non mio
            cuggino) e anche moody (a quanto pare) e nessuno
            dei due è mio
            cuggino!Hai ragione, chiedo venia, sono io che ho toppato alla grande. :'(
          • qualcuno scrive:
            Re: Ah, ecco...
            Non é il valore nominale, é la quantitá di debito detenuto da istituzioni straniere. Il debito giapponese é arrivato a questi livelli senza mandare il governo in bancarotta solo perché sono i giapponesi stessi a comprare i titoli di stato.
          • i controlli a campione scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: i controlli a campione

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: Leguleio






            e buona parte di quel partito ripeterà a



            pappagallo le loro



            teorie.


            è vero pensa c'è una strana teoria che dice
            che


            il giappone ha un debito che è oltre il 200%
            del


            suo pil


            ...


            Ma naturalmente è una teoria...


            O no?


            (newbie)



            Te l'ha detto tuo cuggino?



            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_Japan
            No guarda un po qui!
            http://en.wikipedia.org/wiki/Japan_public_debt

            "In 2011 Japan's public debt was about 230
            percent of its annual gross domestic product,[1]
            the largest percentage of any nation in the
            world. In numbers, the public debt of Japan was
            $13.64 trillion, only second to the United
            States"
            Mio cuggino parla di questo:
            "In August 2011, Moody's rating cut Japan's
            long-term sovereign debt rating by one notch to
            Aa3 from Aa2 inline with the size of the
            country's deficit and borrowing level. The large
            budget deficits and government debt since the
            2009 global recession and followed by earthquake
            and tsunami in March 2011 made the rating
            downgrade. In 2012 the Organization for Economic
            Cooperation and Development (OECD) Yearbook
            editorial (Gurría 2012) stated that Japan's debt
            "rose above 200% of GDP partly as a consequence
            of the tragic earthquake and the related
            reconstruction
            efforts."

            E anche di questo:
            "In order to address the Japanese budget gap and
            growing national debt, in June 2012 the Japanese
            diet passed a bill to double the national
            consumption tax to 10%.[3] The new bill increases
            the tax to 8% by April 2014 and 10% by October
            2015.[4]"

            Il tuo invece non ho idea di che parla!Oops, in effetti hai ragione tu. :$:'(
          • tucumcari scrive:
            Re: Ah, ecco...
            P.P.S.Se ti vuoi lustrare gli occhi scopri pure http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_public_debte vedi che l'italia non è certo la prima della lista...Ma ovviamente nessuno batte il giappone!
          • Trollone scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: tucumcari
            P.P.S.
            Se ti vuoi lustrare gli occhi scopri pure
            http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_
            e vedi che l'italia non è certo la prima della
            lista...
            Ma ovviamente nessuno batte il giappone!Una battuta che si fanno tra economisti è questa:D: Che differenza c'è tra il Giappone e la Grecia?R: Tre anni.
          • qualcuno scrive:
            Re: Ah, ecco...


            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_Japan

            Prodotto interno lordo $5.964 trillion
            Debito pubblico $2.719 trillion

            Confrontare con l'Italia
            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_Italy

            Prodotto interno lordo $ 2,014 trillion
            Debito pubblico $2.223 trillionSei un incapace o un disonesto che manipola i dati ?Quello non e il debito pubblico.http://en.wikipedia.org/wiki/External_debt
          • qualcuno scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: qualcuno



            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_Japan



            Prodotto interno lordo $5.964 trillion

            Debito pubblico $2.719 trillion



            Confrontare con l'Italia

            http://en.wikipedia.org/wiki/Economy_of_Italy



            Prodotto interno lordo $ 2,014 trillion

            Debito pubblico $2.223 trillion

            Sei un incapace o un disonesto che manipola i
            dati
            ?

            Quello non e il debito pubblico.
            http://en.wikipedia.org/wiki/External_debt :$ Ho visto che negli altri commenti ti sei corretto.
          • FDG scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: Leguleio
            Credo che oramai sia una tendenza trasversale a
            tutti gli schieramenti.
            In Italia ci sono sedicenti economisti che
            sostengono queste cose. Basta che trovino un'area
            politica di appartenenza, da cui farsi adottare,
            e buona parte di quel partito ripeterà a
            pappagallo le loro teorie.Però mi pare che la questione sia un attimo più complicata.Io, non essendo un economista, sono neutrale. Cerco di capire. Quando ne ho l'occasione cerco di farmi un'idea e nello stesso tempo se possibile di confutarla.C'è da dire che chi li critica, sostenendo che vanno appresso a "sedicenti economisti", o che sono ignoranti e boccaloni, raramente tirano fuori un argomento serio a sostegno delle proprie tesi, se non argomenti di impatto emotivo ("sarà il disastro!"), o di autorevolezza a priori ("perché lo dico io o il mio amico vero economista(TM)"), quando non banalmente fallaci. E a spesso si scade nell'attacco personale.Sarà un problema di scarsa capacità comunicativa, ma il risultato è che la loro esposizione spesso risulta debole o scarsamente divulgativa.p.s.: detto questo, sono d'accordo che la banalizzazione di certe problematiche è controproducente, in un senso o nell'altro. Ad esempio, ci si potrebbe permettere di usare il ritorno al pareggio di una qualsiasi azienda come prova delle proprie teorie. Ma sappiamo che un conto i numeri di un'azienda, che dipendono da diversi fattori, compreso il cambio, ma anche altri come la capacità di esprimere prodotti appetibili per il mercato, un'altro i conti di una nazione, dove comunque bisogna considerare il cambio al pari di altri fattori.p.s.2: incidentalmente, sono appena capitato su questo:http://ideas.repec.org/p/nbr/nberwo/6150.htmlDevo ancora leggerlo. L'abstract sembra interessante:"EMU would be an economic liability. A single currency would cause at most small trade and investment gains but would raise average cyclical unemployment and would probably raise inflation, perpetuate structural unemployment, and increase the risk of protectionism. EMU is nevertheless being pursued in order to create a political union. Fundamental disagreements among member states about economic policies, foreign and military policies, and the sharing of political power are likely to create future intra-European conflicts. A united Europe would be a formidable participant in the 21st century's global balance of power, with uncertain consequences for world stability and peace"L'autore:http://en.wikipedia.org/wiki/Martin_Feldstein-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 maggio 2013 11.44-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: Ah, ecco...
            - Scritto da: FDG

            Credo che oramai sia una tendenza
            trasversale
            a

            tutti gli schieramenti.

            In Italia ci sono sedicenti economisti che

            sostengono queste cose. Basta che trovino
            un'area

            politica di appartenenza, da cui farsi
            adottare,

            e buona parte di quel partito ripeterà a

            pappagallo le loro teorie.

            Però mi pare che la questione sia un attimo più
            complicata.

            Io, non essendo un economista, sono neutrale.
            Cerco di capire. Quando ne ho l'occasione cerco
            di farmi un'idea e nello stesso tempo se
            possibile di
            confutarla.

            C'è da dire che chi li critica, sostenendo che
            vanno appresso a "sedicenti economisti", o che
            sono ignoranti e boccaloni, raramente tirano
            fuori un argomento serio a sostegno delle proprie
            tesi, se non argomenti di impatto emotivo ("sarà
            il disastro!"), o di autorevolezza a priori
            ("perché lo dico io o il mio amico vero
            economista(TM)"), quando non banalmente fallaci.
            E a spesso si scade nell'attacco
            personale.Io tiro fuori l'argomento più pragmatico che ci sia: sono proposte inattuabili. Punto.In certi periodi della storia la grande maggioranza degli italiani avrebbe voluto uscire dall'Euro, e forse ancora adesso è così. Ma la cosa è semplicemente improponibile a livello comunitario, perché è pressoché automatico che si uscirebbe pure dall'UE (troppi trattati che andrebbero denunciati riguardano entrambe le cose). Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. :|Poi, eventualmente, se non partono insulti e minacce, cosa probabilissima, sono disposto a sentire proposte concrete su come uscire dall'Euro senza uscire anche dall'UE.
        • tucumcari scrive:
          Re: Ah, ecco...
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: i controlli a campione




          " <I
          e soprattutto alla forte
          svalutazione
          dello


          yen con conseguente crescita di
          competitività


          della moneta


          giapponese </I
          ".





          Ora capisco perché alcuni vorrebbero
          avere
          la


          possibilità di svalutare, come ai tempi
          della


          lira degli anni Settanta e inizio anni
          Ottanta.


          Potrebbero rilanciare la Irradio, la
          Mivar e
          la


          Seleco!



          La Mivar credo sia l'unica delle tre che
          esiste

          ancora.


          Colpa dell'Euro!
          Abbasso l'euro!
          Rivogliamo la lira!
          E la sovranità.
          E anche l'inflazione al 12 %, ché si stava
          benissimo
          allora!
          .
          .
          .
          .
          .
          .
          .
          .

          (Prima che qualcuno me lo chieda: è una parodia
          di un certo tipo di commentatore
          :-)).il commentatore si chiama per caso briareo?No giusto per saperlo perchè c'è un tale che faceva battaglie contro "un certo tipo di giganti"...Si c'era un contadino (poveraccio che vita!) che cercava di spiegargli che erano mulini a vento ma lui non ci credeva!(rotfl)(rotfl)Certo che stai messo proprio male pur di "scatenarti" se non trovi modo sei anche disposto a inventarti i "commentatori di un certo tipo"...(rotfl)(rotfl)In fondi il povero "Furio" era messo quasi meglio di te..[img]http://2.bp.blogspot.com/_CAUlobDjuXA/SNNVa3eBIsI/AAAAAAAAPdA/f9E4LLzcPmU/s400/bianco52.JPG[/img]
      • Protocollo Nove scrive:
        Re: Ah, ecco...
        Io ho comprato due televisori MIVAR negli ultimi anni.
        • i controlli a campione scrive:
          Re: Ah, ecco...
          - Scritto da: Protocollo Nove
          Io ho comprato due televisori MIVAR negli ultimi
          anni.Sono buoni? Mi farebbe piacere sapere che almeno sappiamo ancora fare qualcosa di decente in campo tecnologico (anche se onestamente non provo una gran simpatia per la Mivar).
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: Ah, ecco...
      - Scritto da: Leguleio
      " e soprattutto alla forte svalutazione dello
      yen con conseguente crescita di competitività
      della moneta
      giapponese ".

      Ora capisco perché alcuni vorrebbero avere la
      possibilità di svalutare, come ai tempi della
      lira degli anni Settanta e inizio anni Ottanta.
      Potrebbero rilanciare la Irradio, la Mivar e la
      Seleco!10.000 licenziamenti e numerose succursali chiuse (con relativo indotto perso, che però non viene contato)... davvero un successone!
      • Leguleio scrive:
        Re: Ah, ecco...
        - Scritto da: Skywalkersenior
        10.000 licenziamenti e numerose succursali chiuse
        (con relativo indotto perso, che però non viene
        contato)... davvero un
        successone!Scusa, ti riferisci alla Sony, o alle aziende che ho citato? Non capisco.
        • Skywalkersenior scrive:
          Re: Ah, ecco...
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: Skywalkersenior


          10.000 licenziamenti e numerose succursali
          chiuse

          (con relativo indotto perso, che però non
          viene

          contato)... davvero un

          successone!

          Scusa, ti riferisci alla Sony, o alle aziende che
          ho citato? Non
          capisco.A Sony. E' facile fare attivo tagliando il personale e io non festeggerei più di tanto in questi casi. Sto parlando di economia reale. I finanzieri "su carta", il fatto che 10000 persone debbano ricorrere ai servizi sociali, non fa né caldo né freddo, l'importante è che la ditta in questione scriva un valore in nero nel bilancio.
Chiudi i commenti