Dell manda in pensione il floppy

Dell è il primo grande produttore di PC ad aver deciso di eliminare il floppy da alcune sue linee di computer consumer. L'azienda spera di rimpiazzare i vecchi dischetti con alternative al passo con i tempi, come le memorie flash


Roma – È da tempo che si parla di PC più compatti, economici, con meno possibilità di espansione e privi delle porte di connessione più antiquate. Li si è chiamati EasyPC, Simplified PC, Small PC, Web PC. Il succo della storia non cambia: scatolette sotto il milione di lire che in un sol botto avrebbero dovuto far pulizia di tutti i rottami tecnologici che i PC tradizionali ancora si portano dietro integrando, nel minor spazio possibile, tutto il necessario per l’utente medio.

Fino ad oggi, tuttavia, gli OEM non sembrano aver percorso questa strada con molto coraggio; gli unici grossi cambiamenti, per l’utente, hanno per lo più riguardato l’estetica dei case: rossi, verdi, gialli, aerodinamici, a piramide e con sportellino scorrevole.

Per spronare i produttori ad abbandonare le vecchie tecnologie e preparare l’entrata del PC nei salotti è intervenuta persino Intel : in un documento risalente ad un paio d’anni fa il chipmaker pronosticava, a partire dalla seconda metà del 2002, la rapida diffusione dei cosiddetti PC “legacy-free”, privi cioè di tutte le vecchie eredità del passato come floppy, porta seriale, PS/2 e parallela.

Un primo passo verso questa nuova fase dell’evoluzione del PC è ora stato intrapreso dal maggiore produttore di computer al mondo, Dell, che ha annunciato l’eliminazione del floppy drive dalla configurazione harwdare di default della propria linea di PC consumer hi-end Dimension 8250.

“Noi vogliamo spingere i nostri clienti verso delle alternative e farli scegliere”, ha dichiarato Shannon Baxley, manager di Dell.

Come sostituti dei floppy Dell propone ai propri clienti i cosiddetti “thumb drive”, dispositivi che utilizzano memorie flash e si connettono alla porta USB del PC: un thumb drive da 64 MB costa circa 30$.

Sebbene al momento Dell abbia pianificato l’eliminazione del floppy sono dalla sua linea di PC di fascia alta, l’azienda si è detta favorevole ad estendere quanto prima questa scelta all’intera sua gamma di PC consumer.

Apple fu pioniera, cinque anni or sono, nel mandare in pensione il floppy disk dalla propria linea di computer consumer iMac.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Se l'italia vuole innovarsi ....
    ... perche' allora invitiamo Bill al Senato e perche' non cerchiamo di spingere le tecnologie Linux anche nella Pubblica Amministrazione e nelle scuole come in Germania, Francia ed altri paesi europei moderni (altro che la "vecchia europa" come l'ha definita Rumsfeld).http://www.linuxdesktop.itLinux sul Desktop
  • Anonimo scrive:
    Parole, parole, parole!
    Sono solo parole, parole che non vogliono dire assolutamente niente.Questo governo è capace solo di retorica: parlare e promettere.Proprio in questi giorni Telit, l'unico produttore di cellulari in Italia, è appena stata ceduta a una società israeliana. Forse Stanca non lo sa nemmeno... certo, Telit non è la Fiat, ma l'Italia ha appena perso l'unico produttore di cellulari che aveva, e nessuno si è mosso per salvarlo o ha battuto la notizia.Ma cosa vuole innovare, Stanca? Le sue innovazioni sono insegnare a usare l'email alla pubblica amministrazione! Peccato però che le università non abbiano una lira per fare ricerca, peccato che i bravi scienziati siano continuamente costretti a emigrare all'estero. Tutto questo avrà gravissime conseguenze sul futuro dell'Italia, che sta diventando sempre più un paese di serie B in Europa. Speriamo che le scarpe italiane non passino mai di moda, perché in caso contrario non capisco proprio cosa potremmo esportare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Parole, parole, parole!
      Secondo me, il concetto di innovazione che ha Stanca è un po' povero.
      • Anonimo scrive:
        Re: Parole, parole, parole!

        Secondo me, il concetto di innovazione che
        ha Stanca è un po' povero.Povero è dir poco.Per lui innovazione vuol dire insegnare alla gente a usare il PC o incentivare le piccole e medie imprese affinché si informatizzino. Negli altri paesi innovazione scientifica invece significa ricerca ad alto livello. Poi i frutti si vedono, pian piano.Benissimo, ma questo non cambierà la situazione dell'Italia. Potrà dare un temporaneo impulso alle piccole imprese di consulenza che lavorano nel campo dell'informatica, ma non farà certo dell'Italia un paese che produce scienza e tecnologia. Non avremo mai una IBM, una Sony o una Nokia, tanto per parlarci chiaro. La nostra innovazione si ridurrà alla piccola impresa di abbigliamento che si farà fare un sito web da qualche euro con le solite foto squallide, perché questo è il concetto di innovazione di Stanca. Insomma, le scoperte scientifiche si faranno sempre negli altri paesi, le grandi aziende che producono prodotti di alta tecnologia continueranno a essere negli altri paesi, e via dicendo.
  • Anonimo scrive:
    Registro delle Imprese OnLine
    Forse il Ministro Stanca non sa che il Registro delle Imprese OnLine è stato varato dal governo di Centrosinistra. Da quando ci sono loro non si fa altro che rinviare di anno in anno la partenza di tale importante innovazione!Nessuno dice che uno dei migliori progetti di Egovernment (Il Fisco Telematico) è stato varato ormai 4/5 anni fa da un governo di Centro Sinistra che ha fatto tutto molto silenziosamente e senza concedere rinvii.Insomma questo ....sono bravi solo a fare propaganda!Paolo
  • Anonimo scrive:
    Ha ragione LUI !!!
    Siamo condannati a restare ignoranti come ZOLLE !!!!!
  • gpiero63 scrive:
    Ma di che c..o parla costui
    Questi hanno distrutto la ricerca in Italia, hanno invecchiato la scuola, ora c'accusano pure di non essere aggiornati...Ci stanno rimpizzando di pillolette sull'informatica, IT, Picci (pc) .. ci prendono per culo.Io ci vivo d'informatica ... ma (scusate) cazzo (sorry) ho cominciato a 18 anni.... non sono mica deficente per questo.Vale lo stesso per la matematica, l'inglese, il francese ... Ho due figli piccoli ... voglio che imparino a ragionare, ad essere critici, a fare da soli. Voglio che sappiano leggere il mondo e che lo vedano attraverso la sottile lente dell'ironia.Per questo e' di base una cultura umanistica e la MIA educazione.Devono imparare l'italiano, il gusto della lettura.Devono imparare a divertirsi apprendendo e a scoprire il mondo.Questo voglio dalla scuola ....L'informatica, Le lingue, La Matematica, cazzi e controcazzi (ancora sorry) tutto sarà a tempo debito .. e di tempo ne hanno e saranno in grado anche da soli. Per il resto ... attenzione... ci addossano scelte e progetti che sono loro e di chi l'ha votati.Pensassero a non cannoneggiare sulla scuola pubblica e sulla nostra deja sputtanata università/CNR. Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma di che c..o parla costui
      - Scritto da: gpiero63
      Pensassero a non cannoneggiare sulla scuola
      pubblica e sulla nostra deja sputtanata
      università/CNR.

      CiaoPer quello che vale il CNR dove l'80 % cento se ne va in stipendi a gente che non ricerca un bel niente, per me possono pure chiuderla.Da: Stufo marcio
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma di che c..o parla costui

        Per quello che vale il CNR dove l'80 % cento
        se ne va in stipendi a gente che non ricerca
        un bel niente, per me possono pure
        chiuderla.Sottoscrivo
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma di che c..o parla costui
          Sono D'accordo,il CNR e i vari enti come INFN e similari, sono solo un pozzo senza fondo, dove i soldi vengono buttati, perchè la gente che ci lavora, non fà un corno dalla mattina alla sera e sono pieni di privilegi (vedi quota, pagata dallo stato, per pensione privata integrativa).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo
            Sono D'accordo,
            il CNR e i vari enti come INFN e similari,
            sono solo un pozzo senza fondo, dove i soldi
            vengono buttati, perchè la gente che ci
            lavora, non fà un corno dalla mattina alla
            sera e sono pieni di privilegi (vedi quota,
            pagata dallo stato, per pensione privata
            integrativa).Vedo che la propaganda del padrone ha attecchito in parecchie menti deboli.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Sono D'accordo,

            il CNR e i vari enti come INFN e similari,

            sono solo un pozzo senza fondo, dove i
            soldi

            vengono buttati, perchè la gente che ci

            lavora, non fà un corno dalla mattina alla

            sera e sono pieni di privilegi (vedi
            quota,

            pagata dallo stato, per pensione privata

            integrativa).

            Vedo che la propaganda del padrone ha
            attecchito in parecchie menti deboli.Sì, secondo te per andare contro "la propaganda del padrone" bisognerebbe mantenere gente che non fa un ca@@o dalla mattina alla sera con i soldi di gente che invece lavora nel vero senso della parola? Guarda che "lo stato" non è un'ente astratto, lo stato siamo noi, semmai il governo è quel gruppo di persone che si occupa (bene o male) di amministrare lo stato, e non mi sembra giusto che qualcuno lavora e si fa il cu@o per mantenere gente che non ha voglia di fare niente.I modelli di paesi "senza padroni" nel mondo si è visto che fine hanno fatto ;)Premesso che sia che io sia un dipendente sia che sia un lavoratore autonomo "padroni" non ne ho e non ne devo avere, semmai se sono un dipendente ho un datore di lavoro che non deve sfruttarmi e che deve rispettare i miei diritti, però anch'io devo rispettare ciò che mi viene corrisposto col mio giusto lavoro.Guarda che in uno stato libero e democratico ogni cittadino ha diritto al lavoro e di conseguenza alla giusta retribuzione, non è che ha diritto a una retribuzione e poi il lavoro... è un optional! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Sono D'accordo,


            il CNR e i vari enti come INFN e
            similari,


            sono solo un pozzo senza fondo, dove i

            soldi


            vengono buttati, perchè la gente che ci


            lavora, non fà un corno dalla mattina
            alla


            sera e sono pieni di privilegi (vedi

            quota,


            pagata dallo stato, per pensione
            privata


            integrativa).



            Vedo che la propaganda del padrone ha

            attecchito in parecchie menti deboli.

            Sì, secondo te per andare contro "la
            propaganda del padrone" bisognerebbe
            mantenere gente che non fa un ca@@o dalla
            mattina alla sera con i soldi di gente che
            invece lavora nel vero senso della parola? No, ma semplicemente non e' cosi'.Al massimo puoi dire che non sai una ceppa di quello che fanno i ricercatori, ma di certo loro si fanno il culo e vengono pure pagati in modo ridicolo. Questo anche grazie ai "signori" da cui provengono questi 3-4 commenti che ho duramente criticato.Gente cosi' crede che "lavorare" sia solo martellare un pezzo di ferro o macinare chilometri per vendere aspirapolveri: fossimo tutti cosi' entro 20 anni ci troveremmo nel terzo mondo.
            Premesso che sia che io sia un dipendente
            sia che sia un lavoratore autonomo "padroni"Per "padrone" mi riferivo ad un solo uomo, padrone di tutte le TV e parecchio altro.Si e' decisa la morte della ricerca in questo paese e per oliare il procedimento si e' iniziata una campagna diffamatoria nei confronti dei pochi ricercatori che non sono ancora emigrati.Poi ci si stupisce se Giacconi per vincere il Nobel deve andare a guadagnarsi la pagnotta negli USA. Li' saranno rincoglioniti, ma almeno hanno imparato come si fa a governare il mondo: con la tecnologia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui

            No, ma semplicemente non e' cosi'.
            Al massimo puoi dire che non sai una ceppa
            di quello che fanno i ricercatori, ma di
            certo loro si fanno il culo e vengono pure
            pagati in modo ridicolo. Questo anche grazie
            ai "signori" da cui provengono questi 3-4
            commenti che ho duramente criticato.
            Gente cosi' crede che "lavorare" sia solo
            martellare un pezzo di ferro o macinare
            chilometri per vendere aspirapolveri:
            fossimo tutti cosi' entro 20 anni ci
            troveremmo nel terzo mondo.Beh, caro mio, siamo un paese di 57 milioni di persone (1/10 degli States), e secondo te abbiamo ricercatori che si fanno il culo eccetera eccetera. Bene: dove sono i risultati?Non si vedono. Quindi è lecito pensare che o al CNR non fanno un cazzo o così com'è strutturata la baracca non funziona.E allora la si cambi. Forse si sbaglierà, bene. E allora la si ricambierà. Prima o poi il modello corretto lo sì troverà.Ma lasciarla lì com'è ora, quella no che non è innovazione.
            Per "padrone" mi riferivo ad un solo uomo,
            padrone di tutte le TV e parecchio altro.Ciccio, fai come me, butta via la TV e Silvio non è più un problema.
            Si e' decisa la morte della ricerca in
            questo paese e per oliare il procedimento si
            e' iniziata una campagna diffamatoria nei
            confronti dei pochi ricercatori che non sono
            ancora emigrati.
            Poi ci si stupisce se Giacconi per vincere
            il Nobel deve andare a guadagnarsi la
            pagnotta negli USA. Li' saranno
            rincoglioniti, ma almeno hanno imparato come
            si fa a governare il mondo: con la
            tecnologia.Giacconi se ne andò decenni fa. Governava il Berlusca anche a quel tempo????
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo

            No, ma semplicemente non e' cosi'.

            Al massimo puoi dire che non sai una ceppa

            di quello che fanno i ricercatori, ma di

            certo loro si fanno il culo e vengono pure

            pagati in modo ridicolo. Questo anche
            grazie

            ai "signori" da cui provengono questi 3-4

            commenti che ho duramente criticato.

            Gente cosi' crede che "lavorare" sia solo

            martellare un pezzo di ferro o macinare

            chilometri per vendere aspirapolveri:

            fossimo tutti cosi' entro 20 anni ci

            troveremmo nel terzo mondo.

            Beh, caro mio, siamo un paese di 57 milioni
            di persone (1/10 degli States), e secondo te
            abbiamo ricercatori che si fanno il culo
            eccetera eccetera. Bene: dove sono i
            risultati?Gia' il fatto che te lo chiedi significa che non sai niente.I ricercatori italiani sono tra i piu' produttivi al mondo: vai a leggerti qualche statistica.
            Non si vedono. Quindi è lecito pensare che o
            al CNR non fanno un cazzo o così com'è
            strutturata la baracca non funziona.Se non sei in grado di riconoscere i risultati e' ovvio che non li vedi.

            Per "padrone" mi riferivo ad un solo uomo,

            padrone di tutte le TV e parecchio altro.

            Ciccio, fai come me, butta via la TV e
            Silvio non è più un problema. L'ho fatto da tempo, ma i lobotomizzati che mi stanno attorno non si possono spegnere altrettanto facilmente.

            Si e' decisa la morte della ricerca in

            questo paese e per oliare il procedimento
            si

            e' iniziata una campagna diffamatoria nei

            confronti dei pochi ricercatori che non
            sono

            ancora emigrati.

            Poi ci si stupisce se Giacconi per vincere

            il Nobel deve andare a guadagnarsi la

            pagnotta negli USA. Li' saranno

            rincoglioniti, ma almeno hanno imparato
            come

            si fa a governare il mondo: con la

            tecnologia.

            Giacconi se ne andò decenni fa. Governava il
            Berlusca anche a quel tempo????No, ma c'era lo stesso chi, come te, pensava che il suo lavoro non portasse a nulla e l'avrebbe preferito in fabbrica ad avvitare bulloni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui


            Beh, caro mio, siamo un paese di 57
            milioni

            di persone (1/10 degli States), e secondo
            te

            abbiamo ricercatori che si fanno il culo

            eccetera eccetera. Bene: dove sono i

            risultati?

            Gia' il fatto che te lo chiedi significa che
            non sai niente.
            I ricercatori italiani sono tra i piu'
            produttivi al mondo: vai a leggerti qualche
            statistica.Ah scusami, la mia cultura scientifica si limita a "Le Scienze". E di nomi italiani, su ricerche che contano ne ho sempre visti pochini.Tu che sai, puoi indicarmi un link per queste statistiche?

            Ciccio, fai come me, butta via la TV e

            Silvio non è più un problema.

            L'ho fatto da tempo, ma i lobotomizzati che
            mi stanno attorno non si possono spegnere
            altrettanto facilmente.Ciccio, quella si chiama libertà. Loro possono fare quello che vogliono se non ledono la tua. E tu non puoi imporre che gli altri cestinino il tubo catodico o che la pensino come te.Ti da fastidio?

            Giacconi se ne andò decenni fa. Governava
            il

            Berlusca anche a quel tempo????

            No, ma c'era lo stesso chi, come te, pensava
            che il suo lavoro non portasse a nulla e
            l'avrebbe preferito in fabbrica ad avvitare
            bulloni.Noooo, io non la penso così. Credo che tutta la ricerca vada finanziata a lungo termine, e soprattutto quella fondamentale. La storia ci insegna che le ricadute tecnologiche e scientifiche maggiori, provengono da lì.Piuttosto che mi spaventa è tutta la burocrazia e l'apparato parastatale che circonda i ricercatori.A quello darei un calcio nel culo. I ricercatori devono poter fare ricerca in un contesto molto flessibile, cioè l'esatto opposto di un ente italiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo


            Beh, caro mio, siamo un paese di 57

            milioni


            di persone (1/10 degli States), e
            secondo

            te


            abbiamo ricercatori che si fanno il
            culo


            eccetera eccetera. Bene: dove sono i


            risultati?



            Gia' il fatto che te lo chiedi significa
            che

            non sai niente.

            I ricercatori italiani sono tra i piu'

            produttivi al mondo: vai a leggerti
            qualche

            statistica.

            Ah scusami, la mia cultura scientifica si
            limita a "Le Scienze". E di nomi italiani,
            su ricerche che contano ne ho sempre visti
            pochini.

            Tu che sai, puoi indicarmi un link per
            queste statistiche?Se leggi Le Scienze basta che tu vada indietro di qualche mese. Poco fa si parlava proprio della produttivita' dei nostri ricercatori.


            Giacconi se ne andò decenni fa.
            Governava

            il


            Berlusca anche a quel tempo????



            No, ma c'era lo stesso chi, come te,
            pensava

            che il suo lavoro non portasse a nulla e

            l'avrebbe preferito in fabbrica ad
            avvitare

            bulloni.

            Noooo, io non la penso così. Credo che tutta
            la ricerca vada finanziata a lungo termine,
            e soprattutto quella fondamentale. La storia
            ci insegna che le ricadute tecnologiche e
            scientifiche maggiori, provengono da lì.Ah gia' meglio :)
            Piuttosto che mi spaventa è tutta la
            burocrazia e l'apparato parastatale che
            circonda i ricercatori.La burocrazia e' decisamente poca rispetto agli altri settori parastatali. Forse e' per questo che si sta cercando di aggiungerne una camionata proprio in questi giorni: i politici di questo vergognoso governo non sopportano che qualcosa sfugga al loro controllo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma di che c..o parla costui

        Per quello che vale il CNR dove l'80 % cento
        se ne va in stipendi a gente che non ricerca
        un bel niente, per me possono pure
        chiuderla.d'accordissimo!!!Una bella epurazione generale...via i parassiti!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma di che c..o parla costui
          - Scritto da: Anonimo

          Per quello che vale il CNR dove l'80 %
          cento

          se ne va in stipendi a gente che non
          ricerca

          un bel niente, per me possono pure

          chiuderla.

          d'accordissimo!!!

          Una bella epurazione generale...via i
          parassiti!!!Questo vuol dire anche:il 90% degli impiegati pubbliciil 100% dell' "esercito" italianoil 95% del parlamento e senato....Sai la disoccupazione....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Per quello che vale il CNR dove l'80 %

            cento


            se ne va in stipendi a gente che non

            ricerca


            un bel niente, per me possono pure


            chiuderla.



            d'accordissimo!!!



            Una bella epurazione generale...via i

            parassiti!!!

            Questo vuol dire anche:

            il 90% degli impiegati pubblici
            il 100% dell' "esercito" italiano
            il 95% del parlamento e senato....Aggiungiamo pure 95% degli imprenditori e 100% dei manager (quelli si', veri privilegiati e fancazzisti).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Per quello che vale il CNR dove
            l'80 %


            cento



            se ne va in stipendi a gente che non


            ricerca



            un bel niente, per me possono pure



            chiuderla.





            d'accordissimo!!!





            Una bella epurazione generale...via i


            parassiti!!!



            Questo vuol dire anche:



            il 90% degli impiegati pubblici

            il 100% dell' "esercito" italiano

            il 95% del parlamento e senato....

            Aggiungiamo pure 95% degli imprenditori e
            100% dei manager (quelli si', veri
            privilegiati e fancazzisti).Sì, peccato che se non fosse per buona parte di quegli imprenditori probabilmente in Italia in questo momento tu lo stesso Interent in cui stai navigando lo conosceresti per "sentito dire", o pensi che lo sviluppo industriale di questo paese sia da accreditare ad aziende come Fiat o all'apparato statale?L'unico privilegio di un imprenditore in Italia è quello di dare il 70 per cento del proprio guadagno allo stato per mantere gente che non fa un ca@@o dalla mattina alla sera, e questo "privilegio di pagare" purtroppo appartiene anche a tutti quei lavoratori dipendenti che lavorano duro per vedersi la busta paga ridotta all'osso dalle trattenute che devono versare sempre per lo stesso motivo.Forse sono d'accordo con te per parte dei manager che sono privilegiati e fancazzisti, ma per una buona parte di quelli statali e parastatali però, dove conta la raccomandazione più che la capacità, nel privato (non "il privato" sovvenzionato dallo stato però ;)) se sei un manager e non ti dai da fare, e non ottieni risultati, dall'oggi al domani sei fuori dalle pa@@e, capito? ;) ....menti deboli vero? ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo




            Per quello che vale il CNR dove

            l'80 %



            cento




            se ne va in stipendi a gente che
            non



            ricerca




            un bel niente, per me possono
            pure




            chiuderla.







            d'accordissimo!!!







            Una bella epurazione generale...via
            i



            parassiti!!!





            Questo vuol dire anche:





            il 90% degli impiegati pubblici


            il 100% dell' "esercito" italiano


            il 95% del parlamento e senato....



            Aggiungiamo pure 95% degli imprenditori e

            100% dei manager (quelli si', veri

            privilegiati e fancazzisti).


            Sì, peccato che se non fosse per buona parte
            di quegli imprenditori probabilmente in
            Italia in questo momento tu lo stesso
            Interent in cui stai navigando lo
            conosceresti per "sentito dire", o pensi che
            lo sviluppo industriale di questo paese sia
            da accreditare ad aziende come Fiat o
            all'apparato statale?E senza ricerca cosa produrrebbero questi grandi imprenditori ? Pietre ?Con le pietre non si fanno i computer.
            se sei un manager e non
            ti dai da fare, e non ottieni risultati,
            dall'oggi al domani sei fuori dalle pa@@e,
            capito? ;) Certo, come no.Pensa a Paolo Fresco ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma di che c..o parla costui
            - Scritto da: Anonimo

            E senza ricerca cosa produrrebbero questi
            grandi imprenditori ? Pietre ?
            Con le pietre non si fanno i computer.
            .......................
            Certo, come no.
            Pensa a Paolo Fresco ...
            A parte il fatto che sono anch'io d'accordo col fatto che in Italia è letteralmente uno schifo l'impegno del governo per quanto riguarda la ricerca, impieghiamo meno della metà di quanto impiega l'ultimo (in tal senso) degli stati europei e oltre tutto quel poco lo spendiamo male, di questo però do la colpa al governo attuale come ai suoi predecessori, nessuno escluso. Io ho votato questo governo ma non sto facendo i salti di gioia per quello che sta facendo, su molte cose però lo considero non il migliore, semplicemente "il meno peggio" ;) Per quanto riguarda gli imprenditori sono una categoria che, come tutte le altre, sono composte da buoni e da cattivi, di persone oneste e persone meno oneste, ripeto, come tutti gli altri, però ti faccio presente che, proprio per le motivazioni che stai e sto tirando in ballo, con tutte le carenze che abbiamo siamo uno dei sette paesi più industrializzati, e sai come si ottiene questo? Facendoti il cu@o a lavorare e mettendoci del tuo, perchè ti assicuro che un imprenditore italiano per lo stato è solo una vacca da mungere e la maggior parte delle energie deve impiegarle per mantenere l'apparato statale. I computer non si fanno con i sassi, è vero, ma se aspetti che lo stato italiano ti dia una mano con incentivi o promuovendo la ricerca, se ti siedi e aspetti questo e non ti togli la paglia dal cu@o, fai in tempo a morire di fame, e, ripeto, questo riguarda tutti gli schieramenti politici, lascia perdere che poi gli uni o gli altri prendano un treno che gli fa comodo (e di cui quando magari governavano loro non gli è mai fregato niente ;)) per dare contro agli avversari. Sul discorso di Paolo Fresco, beh, scusa l'ignoranza ma non so chi sia, ti posso dire però che il "raccomandatismo" è un cancro che fa parte di tutto il sistema lavorativo italiano (perchè se ne è andato recentemente il professor Ignazio Marino? ;)), nel privato, parlo sopratutto di piccole e medie imprese, dove non c'è spazio per realtà del tipo "quando gli affari vanno bene incassano i proprietari dell'impresa e quando vanno male ci pensa (o ci pensava ;)) lo stato", gli affari "devono" sempre andare bene altrimenti la barca va a fondo ;), comunque nel privato esiste sì il "raccomandatismo", però se non se non altro, per questi motivi, che si voglia o non si voglia si deve sempre miscelare con una certa dose di meritocrazia, e più le realtà lavorative sono piccole e più questa cosa è marcata. Parlando di manager, come ti ripeto non so chi sia il signore di cui sopra, però torniamo al fatto che per dieci manager inefficienti nel privato che mi puoi portare ad esempio ce ne sarebbero mille nell'apparato statale, però, una grossa differenza è che se nel privato chi sbaglia rischia di comunque "avere un nome ben preciso", nel pubblico chi sbaglia rimane quasi sempre nell'anonimato, magari adducendo motivazioni che ha sbagliato per colpa di chi, lo stesso chi ha sbagliato per colpa di un'altro chi e così via, poi, come al solito, finisce tutto a tarallucci e vino! ;) Sai, questa è un po come la storia di quando devi dei soldi allo stato che comunque li vuole per quanto dice lui e come dice lui, anche se sei in difficoltà e anche nel caso che in realtà tu non glieli debba e sia un suo errore, se però è lui che te li deve a te, allora se vuole ti dice di aspettare perchè lui è in difficoltà e poi "magari" te li da come e quando vuole lui, alla faccia della democrazia, ma siamo in Italia..... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma di che c..o parla costui
      - Scritto da: gpiero63
      Per il resto ... attenzione... ci addossano
      scelte e progetti che sono loro e di chi
      l'ha votati.Complimenti per la tua conoscenza dei concetti della democrazia...Quindi in due parole nella tua visione ogni governo con meno del 100% dei voti alle elezioni dovrebbe evitare di fare qualsiasi progetto o scelta?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma di che c..o parla costui

        Complimenti per la tua conoscenza dei
        concetti della democrazia...
        Quindi in due parole nella tua visione ogni
        governo con meno del 100% dei voti alle
        elezioni dovrebbe evitare di fare qualsiasi
        progetto o scelta?No, semplicemente non riconosce quell'arroganza e si rivolge a chi e` ancora sano. La minoranza, a quanto pare...Ricordati che il 90% dei voti delle galline che stabiliscono che l'universo sia il pollaio, non fa del pollaio l'universo.Menti deboli, menti deboli...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma di che c..o parla costui
          - Scritto da: Anonimo

          Complimenti per la tua conoscenza dei

          concetti della democrazia...

          Quindi in due parole nella tua visione
          ogni

          governo con meno del 100% dei voti alle

          elezioni dovrebbe evitare di fare
          qualsiasi

          progetto o scelta?

          No, semplicemente non riconosce
          quell'arroganza e si rivolge a chi e` ancora
          sano. La minoranza, a quanto pare...

          Ricordati che il 90% dei voti delle galline
          che stabiliscono che l'universo sia il
          pollaio, non fa del pollaio l'universo.

          Menti deboli, menti deboli...Certo "menti deboli", è un po come il punto di vista dei pazzi che se anche la maggior parte dell'umanità vede la realtà in maniera differente da come la vedono loro dicono che i pazzi sono gli altri, giusto? ;)Hai ragione menti deboli, hai ragione.... ;)PS: per tutti, precisazione, con questo non sto dando dei pazzi a chi non ha votato per la maggioranza, tutt'altro, penso che sia giusto che ogniuno abbia la sua opinione, ci mancherebbe altro, io l'ho votata e ho carissimi amici che hanno votato per lo schieramento opposto, io rispetto e stimo loro e lo stesso fanno loro con me, se ne discute in modo civile e "costruttivo", però non condivido le idee di coloro che si sentono come "unici portatori della verità" ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma di che c..o parla costui
      - Scritto da: gpiero63
      La Matematica,
      cazzi e controcazzi (ancora sorry) tutto
      sarà a tempo debito .. Veramente la Matematica (quella vera, non le 4 operazioni) e la Logica andrebbero insegnate fin dalle elementari perche' sono il linguaggio fondamentale per poter capire in modo non superficiale il mondo che ci circonda. Senza si e' menomati quanto un fisico che non sa ne' leggere ne' scrivere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma di che c..o parla costui

        Veramente la Matematica (quella vera, non le
        4 operazioni) e la Logica andrebbero
        insegnate fin dalle elementarima se fanno gli integrali all'universita...(integrali e roba da 14 anni al massimo)
        perche' sono
        il linguaggio fondamentale per poter capire
        in modo non superficiale il mondo che ci
        circonda. Senza si e' menomati quanto un
        fisico che non sa ne' leggere ne' scrivere.vuoi mettere una lezione di educazione sessuale ?????nella scuola solo i cefali e gli unicellulari hanno un po di buoni voti...anche gli spazzola sedere...e cosi...
  • Anonimo scrive:
    Agenzie bancarie, no email?
    Ho cercato sul sito Internet della mia banca l'indirizzo email della filiale dove ho il conto, per mandare una email e chiedere dei chiarimenti specifici alla mia agenzia. Non l'ho trovato (magari c'e', ma non lo pubblicano). In compenso ho trovato gli indirizzi email della sede centrale che non mi interessano e num. tel. e num. fax della mia agenzia che già conoscevo.Lascio a voi trarre le conclusioni sul livello di innovazione esistente in Italia.
    • matteooooo scrive:
      Re: Agenzie bancarie, no email?
      - Scritto da: Anonimo
      Ho cercato sul sito Internet della mia banca
      l'indirizzo email della filiale dove ho il
      conto, per mandare una email e chiedere dei
      chiarimenti specifici alla mia agenzia. Non
      l'ho trovato (magari c'e', ma non lo
      pubblicano). In compenso ho trovato gli
      indirizzi email della sede centrale che non
      mi interessano e num. tel. e num. fax della
      mia agenzia che già conoscevo.
      hai idea cosa costi una persona per agenzia li solo per rispondere alla milioni di cazzate che scrive la gente?Roba del tipo(visto in coda Cariplo)vorrei informazioni sul conto arancio....se hai una vero necessità basta telefonare... se non ti sei fatto dare il numero hai sbagliato...
      • Anonimo scrive:
        Re: Agenzie bancarie, no email?

        hai idea cosa costi una persona per agenzia
        li solo per rispondere alla milioni di
        cazzate che scrive la gente?e rispondere al telefono ????? ma rispondere al telefono e piu faticoso e uno deve guadagnarsi lo stipendio col sangue no ?????
        Roba del tipo(visto in coda Cariplo)
        vorrei informazioni sul conto arancio....considerando che sui volantini ci sono solo immagini e niente info mi sembra ovvio...
        se hai una vera necessità basta
        telefonare... se non ti sei fatto dare il
        numero hai sbagliato...con quello che stano costando le banche si permettono persino di decidere cosa e superfluo ?????
    • Anonimo scrive:
      Re: Agenzie bancarie, no email?
      Io, quando ho problemi in banca, parlo solo col direttore.O di persona o al tel.
      • matteooooo scrive:
        Re: Agenzie bancarie, no email?
        - Scritto da: Anonimo
        Io, quando ho problemi in banca, parlo solo
        col direttore.
        O di persona o al tel.E' sicuramente il miglior modo per farsi dare retta!
        • Anonimo scrive:
          Re: Agenzie bancarie, no email?


          E' sicuramente il miglior modo per farsi
          dare retta!
          ...soprattutto quando pronunci la frase: "...lei ha perfettamente ragione, direttore, capisco.... bene... mi fa avere i fogli per chiudere il conto per favore ?" :))
  • Anonimo scrive:
    Il pesce puzza sempre dalla testa
    E questo governo riuscirebbe a fare puzzare anche un modem:Illegalità, Incompetenza, InfamiaDal dire al fare c'è di mezzo Burlesconi: solo promesse e interessi personali.Nulla +
    • Anonimo scrive:
      Re: Il pesce puzza sempre dalla testa
      - Scritto da: Anonimo
      E questo governo riuscirebbe a fare puzzare
      anche un modem:

      Illegalità, Incompetenza, Infamia

      Dal dire al fare c'è di mezzo Burlesconi:
      solo promesse e interessi personali.

      Nulla +
      Concordo, non è bello da dire ma è proprio così.Anche se secondo me, più che berlusca è colpa della massa di "dirigenti" italiani che parlano tanto ma sono di fatto coerenti con lo stereotipo: By
      • Anonimo scrive:
        Re: Il pesce puzza sempre dalla testa
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E questo governo riuscirebbe a fare
        puzzare

        anche un modem:



        Illegalità, Incompetenza, Infamia



        Dal dire al fare c'è di mezzo Burlesconi:

        solo promesse e interessi personali.



        Nulla +


        Concordo, non è bello da dire ma è proprio
        così.

        Anche se secondo me, più che berlusca è
        colpa della massa di "dirigenti" italiani
        che parlano tanto ma sono di fatto coerenti
        con lo stereotipo:

        ByAcc in programma di P.I. mi ha troncato lo stereotipo che era:Italia = mafia, pasta, colosseo
        • Anonimo scrive:
          Re: Il pesce puzza sempre dalla testa
          Ma pensate a come lavorano i vostri compagni!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il pesce puzza sempre dalla testa
            - Scritto da: Anonimo
            Ma pensate a come lavorano i vostri compagni!Mi dai del comunista? Ma sai almeno cosa vuol dire?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il pesce puzza sempre dalla testa
            comunque Italia era pizza mafia mandolino
          • Anonimo scrive:
            Re: Il pesce puzza sempre dalla testa

            comunque Italia era pizza mafia mandolinoMentre nel Secondo tragico Fantozzi, il tedesco del campeggio diceva:"Italiano piccolo, baffo nero, mangia spaghetti, suona mandolino dice cosa poi fa altra.";))))
  • Anonimo scrive:
    Sono i Bidoni che fermano le PMI
    Sono i Bidoni che fermano le PMI dall'innovazione non la paura del nuovo
  • Anonimo scrive:
    Il governo delle tre "I"
    Vi ricordate? Il governo delle tre "I", internet, impresa ed inglese.Scusate, rido col vomito, vado in bagno ad asciugarmi le labbra.
  • Anonimo scrive:
    Non mettiamo il carro davanti ai buoi
    Prima costruiamo l'infrastruttura. Le reti, la banda dove sono?E' inutile creare un efficiente e-goverment se poi manca la banda per poter sfruttare i servizi offerti.Non ha senso pagare lo scatto alla risposta più la connessione con modem analogico tutte le volte che occorre collegarsi ad un servizio Web e magari attendere minuti e minuti prima di poter accedere ai dati. nnoviamo pure, ma prima cominciamo ad offrire banda a prezzi accessibili a tutti, altrimenti rischiamo di avere un bel e costoso servizio che pochi useranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mettiamo il carro davanti ai buoi

      Prima costruiamo l'infrastruttura. Le reti,
      la banda dove sono?

      E' inutile creare un efficiente e-goverment
      se poi manca la banda per poter sfruttare i
      servizi offerti.Questo e' vero, pero' non e' tutto da buttarequello che ha detto."siamo condannati all'innovazione se vogliamo continuare ad essere un paese progredito, economicamente avanzato". Sono convinto che aumentare la qualita' deiservizi sia importantissimo per rimanere a gallaanche rivendendoli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non mettiamo il carro davanti ai buoi
        Direi che è sacrosanto.Per quanto mi riguarda l'unica mancanza di questo governo è quella di concedere troppo alla Sig.ra Telecom, in termini di accesso alla banda larga. Per il resto mi pare che la gestione delle infrastrutture tecnologiche non sia mai stata più spronata.ciocco
Chiudi i commenti