Download/ Cinquina col FontManager

Togliere di mezzo i font di troppo, disegnando frattali e gestendo il desktop. E porre in sicurezza le password, tutte!









a cura di Punto Informatico Download

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • emidio101 scrive:
    sempre considerati pirati!
    Ma porca l'oca io che compro un dvd/CD e lo regalo o lo scambio a qualcun'altro perchè devo essere considerato un pirata e chi lo prende un criminale!!!Se loro non vendono i cd nessuno li copia o li scambia!!!Sta storia diventa sempre più invadente rispetto alle libertà personali e sembra che vogliono farci credere che ci macchiamo di un crimine che non esiste!!!A natale perchè non ispezionano babbo natale
  • Anonimo scrive:
    pirateria indistruttibile
    ma voi credete a questo Notizia?la pirateria è indistruttibile lo è sempre stato....tutto qui!!!! ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: La cosa geniale
    Stefanografia ?????Cos'è ?...forse la calligrafia di Stefano ?
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre peggio. invito agli artisti
    Nel frattempo giorgio faletti si presta a quella pubblicita del ministero contro quella che loro chiamano pirateria....è una presa in giro, una buffonata.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Paradosso
    The gez ti consiglio vivamente di andare dal giudice di pace della tua citta e trascinare il venditore....
  • Anonimo scrive:
    un bel fingerprinting col dito medio
  • Anonimo scrive:
    Ammettendo che..
    Ste cavolate funzionassero,la cosa è altamente inprobabile alla fine mi sembra una protezione tipo le drm...resta il fatto della possibilità per i film di essere rippati in vari modi es. screener...e se non erro esistono ancora le radio e alcune digitali...e da li cosa ascolto roba col fingerprint??Bah sti testoni prendono un sacco di soldi per niente!
  • Anonimo scrive:
    FATE I DISCHI QUADRATI
    Proposta indecente: fate i dischi quadrati, così non entrano nel lettore, ohhhhhhhh!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Il solito buco in acqua!
    Se lo compressiamo dici...Si', dai, compressiamolo.Io compressoloTu compressoliecc..
  • Anonimo scrive:
    PROPONGO
    Propongo di fingerprintare i brani musicali in modo che ascoltandoli a rovescio si senta una voce demoniaca che sussurra: "Questo brano è stato rubato a Piero Peluuuuuuuuuuuuuuu!!!!!"
  • Anonimo scrive:
    delusioni continue
    Devo dire che sono nauseato da tutte ste S******te che diconocmq in fondo le case produttrici di questi software fantasiosi fanno bene a marciarci sopra... che gli vendano qualsiasi tipo di programma irrealizzabile e non funzionale la cosa che mi fa piu' riflettere e che se andremo avanti cosi il progresso digitale del modo si fermera solo per noi mentre chi avra' i soldi e si potra' permettere software costosissimi godra' delle novita e noi rimarremo fermi al 2003 quando tutti scaricavano tutti compravano e tutti eravamo felici..cerchiamo di pensarci bene alle elezioni magari li qualcosa si puo risolvere..e se non si riuscira' nemmeno li disdiciamo le linee veloci!! unica arma rimastaci per farci sentire
  • Anonimo scrive:
    P2P Ringrazia
    Senza essere a favore o contro lo scambio di opere protrette,qualche considerazione :ammesso che il fingerprint possa resistere alla compressione cosa tutt'altro che semplice ,ecco risolto il problema dei file spazzatura immessi nelle reti P2P , finalmente ognuno sapra' esattamente cosa sta' scaricando ... E se i file spazzarura avessero lo stesso fingerprint ?Allora come tracciano il file vero ?I provider potranno filtrare i file ... forse , lo faranno se obbligati per legge , pero' dovranno aggiornarsi in hardware , nel frattempo chissa cosa succedera' , qualche sistema per alterare il finger print verra' ideato ed il sistema annullato ,risultato : se non si bloccano i file è un'ottima cosa per chi scambia , se invece i file verrano "filtrati" non lo saranno per molto , ed il tutto pagato da chi vorrebbe bloccare la pirateria !!!! caspita !
  • Anonimo scrive:
    Il solito buco in acqua!
    Allora loro parlano del file sorgente,facciamo un esempio di un mp3.Se lo compressiamo e lo condividiamo ok non si può e lo rintracciano,ma se viene campionato?E se guardo un dvd con la stessa protezione e lo catturo con il software necessario?Ma...per me non fermeranno nulla mi dispiace per i geniacci che ci stanno lavorando dietro!!!;)
  • MadiC scrive:
    Re: In archivio
    - Scritto da: Anonimo

    consentirebbe secondo Philips di
    individuare un determinato
    file anche se
    viene compresso o modificato via software da
    chi
    volesse tentare di far perdere le
    sue tracce

    nono loro sono furbi...ci crediamo tutti
    vero?purtroppo (almeno teoricamente) si puo' fare. :(provate a cercare notizie sul watermark di immagini... penso che il sistema si basi sugli stessi principi.k tristezz! :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Paradosso
    - Scritto da: The_GEZ
    Ciao Anonimo !


    Hai provato a restituire il gioco in
    quanto

    difettoso e farti tornare i 50 euro?

    Si ma siccome a quanto pare il dirtto di
    recesso non si applica al software
    (bastardi^2) me lo hanno cambiato con un
    altro (dopo avere dovuto litigare per via
    dell' attivazione) che però avendo la
    stezza protezione bastarda fa lo staesso
    difetto.

    MAI PIU' SOFTWARE ORIGINALE CASCASSE IL
    MONDO !!!!se una cosa non funziona non c'e' diritto di recesso che tenga. ti devono ridare i soldi se no gli fai causa e pagano pure le spese legali
  • LockOne scrive:
    Hanno ragione quelli che...
    hanno ragione quelli che dicono che non dovremmo commentare questa notizia come merita.dovremmo lasciargli credere che, cavolo, e' vero, hanno trovato il sistema, noi piratacci siam fregati.e dovremmo lasciargli spendere tanti soldi dietro quella czzt. ma tanti tanti, eh.ba', io torno al mio download. cive.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una domanda semplice
    Anche perchè le licenze dei file multimediali dovrebbero (stando al diritto d'autore) relative all'individuo e non alla macchina (come invece accade per i software).Ovvero se io compro un file multimediale di qualsiasi tipo dovrei poterlo riprodurre su qualsiasi dispositivo abilitato a farlo senza problemi. Questo perchè in teoria si da per scontato che il file non sia riproducibile e quindi non lo si possa ascoltare su più di un lettore simultaneamente.
  • The_GEZ scrive:
    Re: Magari fosse vero!
    Ciao Anonimo !
    - se trovo giusto pagare per il lavoro di
    altri sono un Berlusca-boy

    Non si insegna più l'educazione
    civica a scuola ?A giudicare da quello che scrivi .... NO !E scommetto che il tuo insegnate di educazione civica ti ha anche spiegato che è giusto e civile brevettare il software.
  • midori scrive:
    Re: La cosa geniale

    ma putroppo (per loro) gli
    algoritmi conosciuti non sono "resistenti"
    alle compressioni come l'mp3: la sfida sta
    nel trovare un rumore che è in grado
    di mantenere tale contenuto informativo.Ammesso che esistano, che succede se io prima di distribuire il file ne metto altri 5 o 6, tutti falsi?1. il sistema va a pu**ane (non si legge piu' nessun fingerprint)2. li si leggono tutti, ma non sai qual e' quello vero3. Gia' applicando il secondo si sente/vede un distrubo fastidioso.Il caso 3 mi pare improbabile...cmq, saro' mentalmente limitato, ma mi chiedo se sia possibile inserire un cosiddetto "rumore" che dopo sia possibile possibile leggere ma non "sovrascrivere" con qualcos'altro...ciauz midori
  • The_GEZ scrive:
    Re: Ancora robaccia
    Ciao Anonimo !
    La tecnica che vorrebbero usare è
    simile alla stefanografia, per cui puoi
    ricodificare il file quante volte vuoi tu,
    ma non tolgieresti mai questa firma
    perché viene interpretata dal
    compressore mp3 come musica (comunque non
    indistinguibile dal resto) e dal tuo
    orecchio come qualcosa di non udibile.Se non rientra nelle frequenze udibili ... è probabile che l' algoritmo MP3 (e se non lo fa l' mp3 ... si cambia codec !:D ) lo elimini di "botta" dato che rienterebbe nei famosi dati "inutili" di un file audio ...
  • The_GEZ scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    Ciao Anonimo !
    io aggiungo che ho avuto una tv philips,si
    rompeva regolarmente 1 volta all'anno,che
    schifezza.Poi abbiamo preso un mivar,non
    sarà una tv superfighissima comeSottoscrivo in pieno quanto detto sui mivar, non saranno fighi ma sono dei cavalli da soma.Io ne ho due e per romperne uno ho dovuto farlo cadere da una sedia (!!!!) :DAh ! Io ho anche la "fortuna" di abitare vicino alla sede della mivar, ho partato li in TV "caduto" e me lo hanno aggiustato in due ore !!!
  • The_GEZ scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    Ciao Locke !
    Lui al momento ha letto i vostri messaggi e
    stà piangendo nel suo ufficio. Per
    favore, fategli le vostre scuse
    perchè se no stanotte avrà gli
    incubi :(Triste, ma vero. :'(Pero ... "Non ci avete lasciato cambiare niente ... ma almeno non potrete considerarmi vostro complice !"
  • The_GEZ scrive:
    Re: W Philips
    Ciao Anonimo !
    Posso comprarmela la Mercedes classe C sport
    Coupe'?
    O è da boicottare?Mah ....Io neppure nei sogni più pornografici potrei mai permettermi l'auto in questione ....Come la devo considerare la cosa boicottaggio resistente o semplice povertà ?(mi piacerebbe che fosse la prima ...):'(
  • The_GEZ scrive:
    Re: In archivio
    Ciao midori !
    D'altra parte un saco di roba viene
    distribuita in file Zip... :)Già ....Il bello è quanto questo efficientissimo sistema peserà sul prezzo dei già economicissimi CD audio ?
  • The_GEZ scrive:
    Re: Il Paradosso
    Ciao HostFat !
    Il sistema di protezione è solo della
    Vivendi.ECHISSENEFREGA !!!!!IO SO SOLO CHE QUANDO COMPERO UN SOFTWARE QUESTO DEVE ASSOLUTAMENTE ED OBBILGATORIAMENTE FUNZIONARE AL 1000000000000% SENZA SE, MA, PERCHE' E PERCOME !!!!!!!!!!!!!!!!!!!(come se io vado a cmperare un auto e quello mi dice ... "sa ogni tanto non frena, ma che vuole non posiiamo mia fare una macchina che freni tutte le volte che si permem il pedale ...")
    Cmq dopo gli ultimi aggiornamenti automatici
    di Steam il gioco non richiede + il DVD per
    giocare.Alftra bastradta che gli venisse un bruciaculo filminate in questo preciso istante, "per usare il gioco è necessaria la attivazione via internet", io (da pirla) penso "vabbe' mi sta sulle balle ma il gioco mi piace ..." e poi scopo che la "ATTIVAZIONE VIA INTERNET" pervede lo scricamento di 30 (TRENTA !!!!!!) megabytes di robaccia !!!!Io non sono coperto dalla ADSL cosa faccio ????!!!!E se anche fossi disposto a dtre al telefono una mezza gionata (a patto che il drive legga il DVD) se mi si fotte l' HD cosa faccio ... butto anche il gioco ?
    Può essere quindi, che a te basti
    installare Steam, inserire il codice e
    scaricarti HL^2 direttamente da Internet ;)
    ( se vuoi salvarti il tutto su DVD puoi
    anche usare la comoda funzionalità
    dedicata al backup )mi sa che non hai capito una mazza della situazione e se per te questo attegiiatemto e accettabile ... non hai capito una mazza ancora di piu !!!!
  • The_GEZ scrive:
    Re: Il Paradosso
    Ciao Anonimo !
    Hai provato a restituire il gioco in quanto
    difettoso e farti tornare i 50 euro?Si ma siccome a quanto pare il dirtto di recesso non si applica al software (bastardi^2) me lo hanno cambiato con un altro (dopo avere dovuto litigare per via dell' attivazione) che però avendo la stezza protezione bastarda fa lo staesso difetto.MAI PIU' SOFTWARE ORIGINALE CASCASSE IL MONDO !!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: W Philips
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    noi dobbiamo dare l'esempio... ecco una

    lista di aziende multinazionali da

    combattere...Ma crescete, va...
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo
    Tu non sai nemmeno di cosa stai parlandoSto dicendo che il conto che hai fatto non ha nulla a che vedere con la "probabilita'" e che in un terabyte ci stanno per definizione 2 alla 134217728 possibili combinazioni di valori a 64 bit!che ti piaccia oppure no!e siccome tu puoi scegliere invece SOLO tra 2 alla 64 possibili valori la probabilita' (in astratto) e' ne piu' e ne meno che 134217728/64 ovvero 2097152 cioe' piu' di duemilioni (non una su due milioni) hai semplicemente invertito il rapporto! Pollo!
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    io aggiungo che ho avuto una tv philips,si rompeva regolarmente 1 volta all'anno,che schifezza.Poi abbiamo preso un mivar,non sarà una tv superfighissima come può piacere a molta gente(a me invece non frega nulla),ma va che è una meravglia,non si rompe mai,a prova di bomba.Scsi3
  • Anonimo scrive:
    Re: La cosa geniale
    - Scritto da: TPK
    Eh, sicuramente gli ingegneri Philips
    avranno preso 30 e lode in tutti e due!
    ;)All'università CEPU?:D
  • TPK scrive:
    Re: La cosa geniale
    - Scritto da: Anonimo
    per la cronaca , 28 a teoria dei segnali e
    30 a trasmissione numericaEh, sicuramente gli ingegneri Philips avranno preso 30 e lode in tutti e due! ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: ULTIME
    - Scritto da: Ics-pi
    Io non ci vado da 2 anni, fai tu...hai ragione, il cinema è una fossa di serpenti dove si intrecciano interessi criminali e di pluripregiudicati, il cinema è il regno del copyrightabbasso il cinema, W linux e l'open source (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari fosse vero!
    - Scritto da: Anonimo
    Oddio che equazione triste:
    - se trovo giusto pagare per il lavoro di
    altri sono un Berlusca-boy

    Non si insegna più l'educazione
    civica a scuola ?Preferiscono insegnare le tre I
  • Anonimo scrive:
    Re: ULTIME
    adesso hanno veramente rotto le scatole. Io penso che bisogna essere proprio dei grandissimi stolti per andare contro gli utenti, che poi sono coloro che consumano e non disdegnano di andare al cinema o di compare un disco se l'opera proposta vale.
  • Anonimo scrive:
    chi ha avuto ha avuto...
    quello che c'è già in rete gira, per il futuro si vedrà!
  • Anonimo scrive:
    Re: non comprare e' un dovere!
    - Scritto da: Anonimo
    Bravi utenti! continuate ancora a comprare
    cd, dvd, andare al
    cinema, che poi la mpaa e la riaa utilizzano
    i soldi che gli date per farvi un cul*
    cosi', ogni volta che scaricate una
    canzoncina.
    rotfl.no al cinema, no alla televisione, no alla radio, no ai libri coperti da copyright, no alla pubblicità, no al web con copyright, no, no, a ancora no ai soldi, alla proprietà capitalistica, al nano, al cespuglio, alla finanza spietata, alle speculazioni, no alle banche, agli istituti di credito, alle concessioni ai privati, ai redditi alti... no, no e no...si a linux e ll'open source !!!(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Il Paradosso
    - Scritto da: The_GEZ
    Bè a te è ancora andata bene !
    Io ho buttato nel cesso 50euro
    (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!)
    comprando halfLife 2 solo per scoprire che
    grazie al meraviglioso sistema anti
    pirateria che salverà il modo ... il
    mio lettore DVD non risconosce il disco.
    ********Hai provato a restituire il gioco in quanto difettoso e farti tornare i 50 euro?
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    Tu non sai nemmeno di cosa stai parlando
  • Ics-pi scrive:
    Re: ULTIME
    Io non ci vado da 2 anni, fai tu...
  • Anonimo scrive:
    ULTIME
    chiuso lokitorrent dalla mpaa o come cappero si chiama. sulla homepage www.lokitorrent.com minacciano di perseguire tutti quelli che hanno scaricato partendo da lì, poichè hanno acquisito i log...innanzitutto avranno un bel daffare, con rogatorie e processi, secondo riincomincia il boicottaggio da parte mia. E pensare che stasera io e una decina di amici avevamo deciso di andare al cinema...toh, che peccato..
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Visto che di sicuro non sai eseguire il

    calcolo ti dico solo che la
    probabilita' di

    trovare una determinata sequenza di 64
    bit

    all'interno di un insieme di 1TB e'

    inferiore a 1 / 2milioni.

    Sarebbe vero se tu prendessi l'inizio della
    sequenza di 64 bit alla fine della
    precedente ovvero se fossero pezzi
    consecutivi di 64 bit (ovvero parole da 64
    bit) peccato pero' che una nuova sequenza
    (diversa) riparta dal secondo bit della
    precedente ovvero dati 65 bit:

    010110100010010011101100110011001101111100000
    sono (credo 65 bit) la "sequenza 1" comincia
    con 0 e finisce con 1, mentre la sequenza 2
    (altri 64 bit) comincia con 1 e finisce con
    0! e cosi' via ...

    La seconda sequenza non comincia dove
    finisce la prima! (ovvero al bit 63 se si
    parte da 0) bensi' al bit 1 e finisce al bit
    64!
    Ad ogni nuova sequenza devi ricominciare dal
    bit successivo! non dai prossimi 64 caro
    mio!

    E siccome la matematica non e' una opinione
    ottieni:
    2 alla 64 = 18446744073709551616 (tutte le
    possibili sequenze a 64 bit)
    1208925819614629174706176 = sequenze da 64
    bit contenute in un terabite.
    il che porta a oltre 1525 sequenze
    identiche! su un terabyte
    A risentirci caro! e studia... che cosi' la
    prossima volta forse passi l'esame! ;)Non solo' questo e' vero se hai avuto cura di scrivere tutte le 2097152 parole da 64 bit che stanno in un terabite diverse una dall'altra! altrimenti le sequenze ugali saranno ancora di piu'! :-P
  • HostFat scrive:
    Re: Il Paradosso
    Il sistema di protezione è solo della Vivendi.Cmq dopo gli ultimi aggiornamenti automatici di Steam il gioco non richiede + il DVD per giocare.Può essere quindi, che a te basti installare Steam, inserire il codice e scaricarti HL^2 direttamente da Internet ;)( se vuoi salvarti il tutto su DVD puoi anche usare la comoda funzionalità dedicata al backup )
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo
    Visto che di sicuro non sai eseguire il
    calcolo ti dico solo che la probabilita' di
    trovare una determinata sequenza di 64 bit
    all'interno di un insieme di 1TB e'
    inferiore a 1 / 2milioni.Sarebbe vero se tu prendessi l'inizio della sequenza di 64 bit alla fine della precedente ovvero se fossero pezzi consecutivi di 64 bit (ovvero parole da 64 bit) peccato pero' che una nuova sequenza (diversa) riparta dal secondo bit della precedente ovvero dati 65 bit:01011010001001001110110011001100110111110000011110010101010000110sono (credo 65 bit) la "sequenza 1" comincia con 0 e finisce con 1, mentre la sequenza 2 (altri 64 bit) comincia con 1 e finisce con 0! e cosi' via ...La seconda sequenza non comincia dove finisce la prima! (ovvero al bit 63 se si parte da 0) bensi' al bit 1 e finisce al bit 64!Ad ogni nuova sequenza devi ricominciare dal bit successivo! non dai prossimi 64 caro mio!E siccome la matematica non e' una opinione ottieni: 2 alla 64 = 18446744073709551616 (tutte le possibili sequenze a 64 bit) 1208925819614629174706176 = sequenze da 64 bit contenute in un terabite.il che porta a oltre 1525 sequenze identiche! su un terabyte A risentirci caro! e studia... che cosi' la prossima volta forse passi l'esame! ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: La cosa geniale
    - Scritto da: Anonimo
    Putroppo si vede che non avete mai sentito
    parlare di stefanografia e di teoria dei
    segnali.

    In teoria il sistema che userebbero è
    quello di inserire una specie di rumore di
    fondo che solo apparentemente è
    casuale e che rappresenta questo presunto
    fingerprint.
    Tutto ciò lo si può già
    fare adesso; ma putroppo (per loro) gli
    algoritmi conosciuti non sono "resistenti"
    alle compressioni come l'mp3: la sfida sta
    nel trovare un rumore che è in grado
    di mantenere tale contenuto informativo.purtroppo metti in ballo un discorso che è più assurdo di quello della philips.supponendo l'inserimento di questo rumore di fingerprinting, tale rumore sarebbe rilevabile solo "ascoltando" il brano e non basandosi sul suo hash !e ripeto , se io compro legalmente uno di questi brani col rumore di fondo , lo comprimo in mp3 e lo condivido , l'hash è totalmente diverso e quindi irriconoscibile.per la cronaca , 28 a teoria dei segnali e 30 a trasmissione numerica
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    Visto che di sicuro non sai eseguire il calcolo ti dico solo che la probabilita' di trovare una determinata sequenza di 64 bit all'interno di un insieme di 1TB e' inferiore a 1 / 2milioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    HAUHAUAHUAHUAHUAHAUHAUHA



    hai scoperto che qualsiasi informazione

    gestita da un chip è uno stream
    di

    bit...

    molto interessante... e quindi ???



    appunto, è di interpretazione nel

    contesto che si parla...

    sai cos' è un header di un file
    ???

    hai mai visto dei programmini che
    convertono

    i files da un formato all' altro ???

    forse usi windows e pensi che il
    formato dei

    files di deduca solo dall' estensione
    del

    nome... oops...

    hai mai provato a cambiare manualmente

    estensione dei files e aprirli con
    programmi

    diversi ???



    header a parte, esistono diverse
    tecniche

    per analizzare i flussi di bit interni
    in un

    file, a partire da qualsiasi posizione.

    Ovviamente lo stream si analizza in
    precise

    e varie sequenze di lunghezze diverse.

    date queste sequenze, la
    probabilità

    che una sequenza di bit risultante dalla

    codifica di un fotogramma di un video,
    per

    esempio, sia uguale alla sequenza di bit

    risultante dalla codifica di una parte
    di un

    programma della stessa lunghezza, o di

    qualsiasi altro oggetto, è
    talmente

    bassa da essere trascurabile.
    Ovviamente le

    sequenze hanno una lunghezza minima
    legata

    al tipo di oggetto che si vuole
    analizzare,

    che è sempre piuttosto elevata (

    nell' ordine di decine di bytes ).


    hauahuaha!
    povero piccolo! sei tu che non sai quel che
    dici!
    In un terabite di dati puoi trovare quasi
    sicuramente diversi brani di baglioni anche
    se non ci sono mai stati!
    che tu ci creda o meno posso identificare su
    un HD pezzi ben piu' lunghi di qualche
    "decina di bytes" assolutamente identici
    (per una equivalente lunghezza) ad un cd di
    baglioni!Forza prova. Scoprirai che il calcolo delle probabilita' genera rapidamente numeri che non hanno pieta' della gente che non sa di che parla.
  • Anonimo scrive:
    quanto chiasso per poco
    alla fine della fiera questa tecnologia serve solo a marchiare i file multimediali in modo che siano riconoscibilivedo due applicazioni possibili :a) con un'apposito player apri il file in questione , il quale comunica ad un server remoto la stringa univoca e chiede se l'utente ha in permessi per eseguirlo e detenerlosistema carino , ma una volta praticato un'hack la comunicazione con il server viene bloccata, senza contare l'uso dei vari tipi di firewall. ha però il vantaggio di trarre giovamento dalla diffusione sui circuiti p2p dei file, anzichè spendere soldi in banda pe ri server---b) programmi appositi si collegano ai server p2p , cercano i contenuti tracciati con questo sistema e li abbinano agli ip da cui vengono condivisiidea cattivella, ed aggirabile recodificando il file(o criptandolo, )non credo che finirà sui cd (persino la sony dopo tante magre figure ha rinunciato a proteggere i cd) ma servirà come drm da affiancare a quelo apple, quello macromedia e quello microsoft
  • Anonimo scrive:
    Re: La comunità Open Source reagisce
    come dire...sesso droga e rock'n roll liberalizzati per tutti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari fosse vero!
    Oddio che equazione triste:- se trovo giusto pagare per il lavoro di altri sono un Berlusca-boyNon si insegna più l'educazione civica a scuola ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ancora robaccia
    typo: steganografia
  • midori scrive:
    Re: In archivio
    - Scritto da: HostFat
    Lo butti in un archivio ed è fatta? :|Infatti, avevo avuto la stessa idea :) :)D'altra parte un saco di roba viene distribuita in file Zip... :)Cmq mi chiedo che efficacia possano avere 'sti fingerprint.. voglio dire, ok non si puo' togliere? Ma che succede se io con un rogramma tarocco ne aggiungo altri 10, tutti falsi?!Probabilmente che l'originale va a farsi friggere...ciauz midori
  • Anonimo scrive:
    Re: Ancora robaccia
    E tre...La tecnica che vorrebbero usare è simile alla stefanografia, per cui puoi ricodificare il file quante volte vuoi tu, ma non tolgieresti mai questa firma perché viene interpretata dal compressore mp3 come musica (comunque non indistinguibile dal resto) e dal tuo orecchio come qualcosa di non udibile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si' al fingerprinting!

    Purtroppo però ci sono persone
    così sceme che non saranno capaci di
    fare 2+2 (CD Protetti + Stereo Vecchio =
    Guai), che si rivolgeranno al negozio di
    musica che gli consiglierà un bel
    stereo nuovo made in philips che sicuramente
    sarà l'unico a leggere la traccia
    tarocca.Non ci scherzerei troppo... ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: La cosa geniale
    Putroppo si vede che non avete mai sentito parlare di stefanografia e di teoria dei segnali.In teoria il sistema che userebbero è quello di inserire una specie di rumore di fondo che solo apparentemente è casuale e che rappresenta questo presunto fingerprint.Tutto ciò lo si può già fare adesso; ma putroppo (per loro) gli algoritmi conosciuti non sono "resistenti" alle compressioni come l'mp3: la sfida sta nel trovare un rumore che è in grado di mantenere tale contenuto informativo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari fosse vero!

    Ci pensa già Berlusco a cambiarle per
    i suoi scopi, il tuo amico di fiducia.mio amico? ma sei scem0??
  • Anonimo scrive:
    il fingerprinting !?
    Ma dai tanto tra un pò avrà una nuova tecnlogia "failureprinting!" ! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: DAD

    codec a -
    codec bInfatti. Nel caso il codec a sia leggibile solo da un determinato software con corollario di licenze attivazioni seriali fingerprint watermark etc, per eludere tutto quanto, pensate che siccome noi umani non abbiamo ingressi digitali :D l'hardware su cui riprodurre il file (per definizione) deve essere pilotato da un driver software (o anche in un firmware ma per aggiornarlo senza cambiare linee produttive viene sempre reso flashabile = modificabile a piacere, vedi bios modded ;) )... imho per bypassare ogni cosa al livello più basso, basta quindi implementare una scheda video (e/o una audio) virtuale su cui ovviamente le directx o chi per loro a un certo punto renderizzano senza protezioni di sorta tutti i codec criptati/protetti di questi mondo... basta copiare in un file i buffer che invece dovrebbero andare "a schermo" (o al dac)! un po' come fanno le daemon tools coi cd ma in scrittura invece che in lettura
  • Anonimo scrive:
    Re: Magari fosse vero!
    - Scritto da: Anonimo
    Sono sempre stato contrario a proibire il
    p2p perche' si presta
    ad usi potenzialmente illegali.
    Un sistema come questo potrebbe finalmente
    separare
    l'uso legale dall'uso illegale...

    PS. Se la vostra idea e' continuare a
    scambiarvi materiale
    pirata, allora la strada e' cambiare le
    leggi.......Ci pensa già Berlusco a cambiarle per i suoi scopi, il tuo amico di fiducia.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si' al fingerprinting!
    E' tutta una mossa di Philips per farci tornare ad utilizzare le DCC !Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Re: W Philips
    Posso comprarmela la Mercedes classe C sport Coupe'?O è da boicottare?- Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    noi dobbiamo dare l'esempio... ecco una

    lista di aziende multinazionali da

    combattere



    coca cola
    Ormai la compro raramente: meno di un
    bicchiere al mese


    bmw
    Figuriamoci


    ibm
    Non so, al momento non e' previsto...


    microsoft
    Per carita': mai dato un centesimo a questi.
    Ho un win98 piratato e vado avanti con
    quello!


    nike
    Non esiste!


    mediaset
    Qui e' dura... Mediaset non vende
    direttamente... pubblicizza.
    Io comunque non mi faccio certo
    influenzare...


    fiat
    Sicuramente non comprero' un'auto nuova.
    Ho una fiat, ma e' usata. Anche la prossima
    sara' una macchina usata ma se ne riparla
    tra un lustro.


    philips
    Dopo questa furbata, depennati! Pure per i
    frullatori.


    macromedia
    Dovrei comprare il flash?


    adobe
    Uso solo acrobat reader, quello gratuito.
    I PDF li genero con OpenOffice.


    red hat
    Con tutte le distro gratis che ci sono...


    google
    No, io a google non ci rinuncio: per me e'
    vitale.
    Sostenere google e' l'unico modo per
    impedire a MSN di farci vedere solo quello
    che vuole zio Bill.


    parmalat
    Io bevo solo il latte della centrale.
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    mi sa che non hai studiato elaborazione delle immagini digitali e trattamento dei dati multimediali... pattern, correlazioni.. altro che bit.. hai toppato.ma tanto crackkeranno anche questoed intanto boycott Philips!
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo

    HAUHAUAHUAHUAHUAHAUHAUHA

    hai scoperto che qualsiasi informazione
    gestita da un chip è uno stream di
    bit...
    molto interessante... e quindi ???

    appunto, è di interpretazione nel
    contesto che si parla...
    sai cos' è un header di un file ???
    hai mai visto dei programmini che convertono
    i files da un formato all' altro ???
    forse usi windows e pensi che il formato dei
    files di deduca solo dall' estensione del
    nome... oops...
    hai mai provato a cambiare manualmente
    estensione dei files e aprirli con programmi
    diversi ???

    header a parte, esistono diverse tecniche
    per analizzare i flussi di bit interni in un
    file, a partire da qualsiasi posizione.
    Ovviamente lo stream si analizza in precise
    e varie sequenze di lunghezze diverse.
    date queste sequenze, la probabilità
    che una sequenza di bit risultante dalla
    codifica di un fotogramma di un video, per
    esempio, sia uguale alla sequenza di bit
    risultante dalla codifica di una parte di un
    programma della stessa lunghezza, o di
    qualsiasi altro oggetto, è talmente
    bassa da essere trascurabile. Ovviamente le
    sequenze hanno una lunghezza minima legata
    al tipo di oggetto che si vuole analizzare,
    che è sempre piuttosto elevata (
    nell' ordine di decine di bytes ).
    hauahuaha!povero piccolo! sei tu che non sai quel che dici!In un terabite di dati puoi trovare quasi sicuramente diversi brani di baglioni anche se non ci sono mai stati!che tu ci creda o meno posso identificare su un HD pezzi ben piu' lunghi di qualche "decina di bytes" assolutamente identici (per una equivalente lunghezza) ad un cd di baglioni!
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    - Scritto da: Anonimo
    Scusate un modo per togliere la
    possibilità di capire che files si
    sta condividendo a patto naturalmente di non
    scaricarlo è la crittografia, che
    bloccherebbe tutto ciò di cui stanno
    dicendo ovvero analisi e blocco a priori di
    files protetti. Una watermark crittografato
    non è riconoscibile (a patto di usare
    algoritmi a chiavi pubblice e private).
    Per scaricare e capire se un files è
    protetto da un diritto d'autore non penso
    serva un watermark (un watermark
    permeterebbe un'analisi del files senza
    chiedere l'intervento umano o cmq un
    algoritmo di riconoscimento di opere).


    CiaoIl watermark non serve a una beata fava se non sai a priori di quale tipo di "file" stai parlando :D
  • Anonimo scrive:
    Magari fosse vero!
    Sono sempre stato contrario a proibire il p2p perche' si prestaad usi potenzialmente illegali. Un sistema come questo potrebbe finalmente separarel'uso legale dall'uso illegale...PS. Se la vostra idea e' continuare a scambiarvi materialepirata, allora la strada e' cambiare le leggi.......
  • The_GEZ scrive:
    Re: Io da grande...
    Ciao TPK !
    Mi invento un algoritmo che sulla carta e'
    fantastico (ma ovviamente inutilizzabile nel
    mondo reale), vado dalle major e glielo
    vendo come soluzione al demone della
    pirateria (ovviamente guardandomi bene dal
    trattare l'argomento dell'inapplicabilita').
    Quando si vede che non funziona, apporto
    delle modifiche e glielo rivendo.Bè ... dove è la novità ?E' esattamente quello che hanno fatto fino ad ora ....
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse non ho capito bene

    1) dipende da cosa hai usato per ripparlo!
    2) nessuno ti vieta di strippare via i bit
    incriminatiNon e` detto che sia una sequenza di bit.Ad esempio io posso sovrapporre al segnale audio un altro segnale a livello piu` basso modulato con un codice che identifica la sorgente. Ed hai ottenuto un sistema che resiste anche sulla copia analogica, fral'altro. Il problema e` che non credo che possano facilmente utilizzare questatecnica per i CD stampati in serie.
  • The_GEZ scrive:
    Re: Il Paradosso
    Ciao Anonimo !
    Mi hanno regalato un DVD con sistemi
    anti-pirateria talmente efficenti che per
    poterlo vedere ho dovuto ripparlo e copiarlo
    su un altro DVD!!!
    Bravi, andate avanti così,
    complimentoni alla Philips!Bè a te è ancora andata bene !Io ho buttato nel cesso 50euro (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!) comprando halfLife 2 solo per scoprire che grazie al meraviglioso sistema anti pirateria che salverà il modo ... il mio lettore DVD non risconosce il disco.********Nota : al posto di ******* inserite tutte le peggiori ingurie sui componenti del team "valve", "Sierra" e sulle attività professionali delle loro madri, io non le scrivo per non essere spostato.
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse non ho capito bene
    - Scritto da: Anonimo
    Mi curioserebbe di sapere, matematicamente
    parlando, se con un algoritmo lossy come
    l'mpg3 sia possibile mantenere la stringa
    intatta e poi riuscire ad estrarla.
    Io sono scettico.Beh!in teoria basta che la stringa contenga dati molto "dissimili" e con "niente in comune" con il resto dei dati..In questo caso il compressore MP3 la cosidera come molto "dissimile" e non la comprime perche' non ne avrebbe vantaggio in termini di occupazione.Un effetto simile lo puo in teoria ottenere mettendo una striga cifrata in mezzo ai dati da "comprimere".(Sospetto sia questo che vogliono fare) tuttavia c'e' un piccolo problemino...una stringa del genere e' facilmente "identificabile" e siccome non serve ad un picchio (ai fini della riproduzione) e' semplice levarsela dalle scatole senza colpo ferire! :DSi tratta della ennesima "furbata" da ingeniere...La cosa funziona cosi':1) il mega CEO (probabilmente di origini culturali "markettare") ha la luminosa (secondo lui) idea di un nuovo "business model" e decide che bisogna andare in quella direzione e' "strategico"! ;-)2) il mega CEO si fa preparare dalla sua squadra (dove il piu' competente, tecnicamente parlando, sa appena ragliare)tutte le "figure di mercato", le proiezioni, le slides ecc.. I mega CEO coltivano da sempre la convinzione che le "questioni tecniche non sono un problema" si trova sempre qualcuno che le risolve!Quindi nella loro squadra tengono solo "uomini di business" (i tecnici non sono ne necessari ne affidabili).3) qualcuno della squadra va' dall'ingeniere e gli dice che deve risolvere (spigandoglielo in genere male e con un linguaggio ambiguo) il problema tecnico (una cretinata per uno come te!) che ostacola il business model e il piano "strategico" del mega CEO.L'ingeniere (o il tecnico) obbozza qualche obiezione... maIl "nostro" uomo gli fa capire che ci sono molti soldi (anche per lui in ballo) e dire di no significa che i "prossimi progetti" andranno ad altri (che fanno meno obiezioni)...Il tecnico ci pensa su e dice :VA bene ci provo.Chiunque in genere preferisce prendere x soldini per un progetto impossibile piuttosto che non prendere nulla...4) il mega CEO (finito il prototipo) lancia un "comunicato stampa" annunciando una "nuova" tecnologia che "bla. bla..."5) Il risultato e' l'articolo che (come quello che c'e' qui) ... il giornalista e' abituato a queste cose e le scrive senza farsi troppe domande... in fin dei conti la "megamultigalactic inc." e' una gande company e se dice cosi'... avra' i suoi motivi..... :DFine della storia!
  • Anonimo scrive:
    Re: W Philips
    - Scritto da: Anonimo
    noi dobbiamo dare l'esempio... ecco una
    lista di aziende multinazionali da
    combattere

    coca colaOrmai la compro raramente: meno di un bicchiere al mese
    bmwFiguriamoci
    ibmNon so, al momento non e' previsto...
    microsoftPer carita': mai dato un centesimo a questi.Ho un win98 piratato e vado avanti con quello!
    nikeNon esiste!
    mediasetQui e' dura... Mediaset non vende direttamente... pubblicizza.Io comunque non mi faccio certo influenzare...
    fiatSicuramente non comprero' un'auto nuova.Ho una fiat, ma e' usata. Anche la prossima sara' una macchina usata ma se ne riparla tra un lustro.
    philipsDopo questa furbata, depennati! Pure per i frullatori.
    macromediaDovrei comprare il flash?
    adobeUso solo acrobat reader, quello gratuito.I PDF li genero con OpenOffice.
    red hatCon tutte le distro gratis che ci sono...
    googleNo, io a google non ci rinuncio: per me e' vitale.Sostenere google e' l'unico modo per impedire a MSN di farci vedere solo quello che vuole zio Bill.
    parmalatIo bevo solo il latte della centrale.
  • Anonimo scrive:
    Re: La cosa geniale
    - Scritto da: Anonimo
    è che se io mi compro un cd audio ,
    lo rippo in mp3 e diffondo questi mp3 su
    internet , l'hash corrispondente al mio mp3
    sarà certamente diverso da quello
    relativo a uno qualsiasi dei brani protetti
    dalle major con questo rivoluzionario
    sistema.Si, infatti, e' quello che mi chiedevo pure io...Se sono io che rippo il file, e creo l'mp3, o l'avi, o quello che e' per metterlo in rete, usando le mie utilities, dove cavolo sta il fingerprint?E poi quella bella frase che dice che saranno in grado di individuare il fingerprint anche all'interno di files compressi, mi fa proprio scompisciare...
    E' la solita panzana che fa intascare soldi
    a palate ai progettisti e che non conclude
    nullaFacessero pure...Il risultato sara' una perdita di qualita' anche se infinitesima e non apprezzabile, sara' qualche poveraccio che il disco se lo e' comprato e non potra' usufruirne, e in rete continuera' a girare roba lo stesso alla faccia loro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse non ho capito bene
    Mi curioserebbe di sapere, matematicamente parlando, se con un algoritmo lossy come l'mpg3 sia possibile mantenere la stringa intatta e poi riuscire ad estrarla.Io sono scettico.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se invece di perdere tempo...
    - Scritto da: Anonimo
    Gli INGEGNERI sono troppo
    intelligenti per arrivare ad una cosa del
    genere!!!!!!!No. Un Ingegnere non ti dirà mai che la soluzione è abbassare i prezzi, altrimenti lui diventa inutile. Se un'azienda usasse come politica sempre e comunque l'abbassamento di prezzi, che se ne fa degli ingegnieri ??
  • Anonimo scrive:
    Re: Fare e disfare
    - Scritto da: JackMauro
    infatti ho trovato veramente strano che
    proprio philips facesse una cosa del
    genere...come strano ? Ma è OVVIO!Se la Philips fà un lettore che ignora le protezioni, se le protezioni ESISTONO, questa caratteristica è vendibile, se le protezioni non ci sono, perchè uno dovrebbe preferirlo a qualche altra marca, visto che comunque sono tutti uguali ( 90% dei lettori DVD venduti al mondo è fatto comunque in Cina ) ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Si' al fingerprinting!
    - Scritto da: Anonimo
    mmm... mi sa che torno alle audiocassette :)tanto sono Philips pure quelle.Ora che ci penso: è geniale la cosa...serve proprio per quello! Il rifiuto della tecnologia... :) :)
  • Anonimo scrive:
    La cosa geniale
    è che se io mi compro un cd audio , lo rippo in mp3 e diffondo questi mp3 su internet , l'hash corrispondente al mio mp3 sarà certamente diverso da quello relativo a uno qualsiasi dei brani protetti dalle major con questo rivoluzionario sistema.In parole povere , in questo modo "proteggono" solo la roba rilasciata da loro stessi.E' la solita panzana che fa intascare soldi a palate ai progettisti e che non conclude nulla
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    Scusate un modo per togliere la possibilità di capire che files si sta condividendo a patto naturalmente di non scaricarlo è la crittografia, che bloccherebbe tutto ciò di cui stanno dicendo ovvero analisi e blocco a priori di files protetti. Una watermark crittografato non è riconoscibile (a patto di usare algoritmi a chiavi pubblice e private).Per scaricare e capire se un files è protetto da un diritto d'autore non penso serva un watermark (un watermark permeterebbe un'analisi del files senza chiedere l'intervento umano o cmq un algoritmo di riconoscimento di opere).Ciao
  • Anonimo scrive:
    non comprare e' un dovere!
    Bravi utenti! continuate ancora a comprare cd, dvd, andare alcinema, che poi la mpaa e la riaa utilizzano i soldi che gli date per farvi un cul* cosi', ogni volta che scaricate una canzoncina. rotfl.
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    Analizzare dei flussi crittografati travite algoritmi basati sullo scambio di chiavi bloccherebbe un'analisi di tali file a priori (da parte dei provider). L'unica analisi possibile sarebbe sul file scaricato. Insomma dovrebbero a priori scaricare il + possibile da reti p2p per capire che files ci sono.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    si la lossy è l' unico caso ma è una trasformazione in senso lato, ovvero in realtà è una "mutilazione", visto che perdi informazione. In questo contesto non avrebbe senso perchè il fine è rendere riconoscibile un file eventualmente già compresso; l' esigenza è una trasformazione che mantenga esattamente inalterato il contenuto informativo ma renda univocamente identificabile e quindi tracciabile il file; chiaramente si può aggiungere ma non sottrarre informazione quindi. A livello matematico e poi informatico trasformazioni non reversibili ( facilmente ) per adesso implicano l' uso del calcolo polinomiale e della crittografia, quindi l' uso delle chiavi da gestire separatamente. A quel punto però anche vendendo solo agli utenti legittimi il prodotto con la chiave... il primo che mette in condivisione prodotto e chiave fa tornare tutto al punto di partenza.Anzi, non serve più neppure la chiave visto che il legittimo utente può decodificare il file, togliere la protezione e condividerlo pulito.Insomma l' utente finale se può usare il file lo può anche condividere, non ci sono alternative a meno di disaccoppiare totalmente gli strumenti di fruizione ( lettori ) dagli strumenti di condivisione ( reti ).A questo punto qualsiasi mezzo di manipolazione del file non serve, mentre può servire l' analisi e il tracciamento.
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    io ho avuto lo yamaha 8 8 24, e non andava certo una bomba, anzi..certi cd si altri no, peccato che tutti quelli che avevo comprato erano "no"
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta zipparlo o rararlo con passwor
    - Scritto da: mambros

    - Scritto da: Anonimo


    3° La soluzione sarebbe semplice:
    marchiare

    dal produttore ogni pc con un codice
    come

    fece intel con i PIII ma sappiamo tutti

    com'è finita...

    com'è finita che nn la so sta cosa?È finita che, a furor di popolo, Intel dovette rimangiarsi quell'abominio tecnologia e rendere di nuovo "anonimi" i microprocessori, senza rendere pubblico il loro codice seriale che poi sarebbe stato associato all'utente finale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si' al fingerprinting!
    mmm... mi sa che torno alle audiocassette :)
  • Anonimo scrive:
    Re: DAD


    codec a -
    codec b
    ormai ero preso dall'idea delle macchine
    super blindate ala palladium che manco ti
    fanno fare una cosa simile :)bastano linux, mplayer e mencoder
  • Anonimo scrive:
    Re: W Philips
    - Scritto da: Anonimo


    secondo me noi delle comunità open
    source non dobbiamo comprare più
    niente da queste multinazionali
    [cut]

    viva linux e l'open source (linux)Che c'entra l'open source con il p2p?Vai a trollare altrove! :@
  • Anonimo scrive:
    Re: W Philips
    - Scritto da: Anonimo
    .....grandi......

    + semplice di cosi'......

    NON COMPRERO' MAI PIU' NULLA DELLA
    PHILIPS!!!!!

    EVVAI.....secondo me noi delle comunità open source non dobbiamo comprare più niente da queste multinazionalinoi dobbiamo dare l'esempio... ecco una lista di aziende multinazionali da combatterecoca colabmwibmmicrosoftnikemediasetfiatphilipsmacromediaadobered hatgoogleparmalat...e tante altredobbiamo resistere alla tentazione di comprare (che brutta parola), dobbiamo resistere alla tentazione del maleviva linux e l'open source (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: trasformazioni reversibili
    HAUHAUAHUAHUAHUAHAUHAUHAhai scoperto che qualsiasi informazione gestita da un chip è uno stream di bit...molto interessante... e quindi ???appunto, è di interpretazione nel contesto che si parla...sai cos' è un header di un file ???hai mai visto dei programmini che convertono i files da un formato all' altro ???forse usi windows e pensi che il formato dei files di deduca solo dall' estensione del nome... oops...hai mai provato a cambiare manualmente estensione dei files e aprirli con programmi diversi ???header a parte, esistono diverse tecniche per analizzare i flussi di bit interni in un file, a partire da qualsiasi posizione.Ovviamente lo stream si analizza in precise e varie sequenze di lunghezze diverse. date queste sequenze, la probabilità che una sequenza di bit risultante dalla codifica di un fotogramma di un video, per esempio, sia uguale alla sequenza di bit risultante dalla codifica di una parte di un programma della stessa lunghezza, o di qualsiasi altro oggetto, è talmente bassa da essere trascurabile. Ovviamente le sequenze hanno una lunghezza minima legata al tipo di oggetto che si vuole analizzare, che è sempre piuttosto elevata ( nell' ordine di decine di bytes ).
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Anonimo

    Ho sempre comprato Philips ritenendola
    una

    buona marca qualità prezzo, da
    oggi

    mi rivolgo ad altri...

    Da ricordare che è in prima fila fra
    le multinazionali che spingono i brevetti
    del software in Europa.
    Non a caso il rappresentante olandese al
    Consiglio dei Ministri UE sta tirando dritto
    come un treno nonostante il parere contrario
    del suo stesso parlamento.
    E questo basterebbe da solo per il boicottaggio...Per cui, sommando tutto, diciamo: NO PHILIPS
  • Anonimo scrive:
    Re: Io da grande...
    Scusate ma secondo voi come sta succedendo col satellitare? All'inizio il SECA..... Dopo aver venduto gli abbonamenti dovevano anche vendere i goldbox e allora ci fu la carta pirata..... Allora poi decisero di fare ancora più soldi dato che gli utenti non potevano fare a meno del satellitare e fu la volta del seca 2. Dopo un bel numero di abbonamenti uscirono per miracolo i codici. Ma hanno deciso solo per un periodo di tempo fino alle partite di calcio.... Fino a quando tutti sarebbero andati a comprare il loro abbonamento con accluso decoder e aver distribuito i decoder a chi lo aveva già l'abbonamento, sono usciti sempre per miracolo altri codici...Il tutto per fare soldi soldi e solamente soldi.... E il miracolo l'ha fatto certo il "cielo"... religiosamente parlando naturalmente
  • mambros scrive:
    Re: Basta zipparlo o rararlo con passwor
    - Scritto da: Anonimo
    3° La soluzione sarebbe semplice: marchiare
    dal produttore ogni pc con un codice come
    fece intel con i PIII ma sappiamo tutti
    com'è finita...com'è finita che nn la so sta cosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Dark-Angel

    - Scritto da: Anonimo

    ah si? Mi suona un pò difficile,

    sinceramente, associare queste parole
    "buona

    marca" con "Philips"... tempo fa comprai

    delle casse per il pc...restituite,
    audio

    gracchiante e orrendo. Poi presi delle

    cuffie, restituite perchè
    facevano

    veramente schifo...continuo?

    i monitor vanno benissimo
    io non compro monitor (o TV) se non sono
    philips
    ora dovrò vedere dove andare....
    questa mossa non dovevano farlaProva con i Samsung. Sia io che una decina di amici ci siamo trovati benissimo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sabotiamolo!
    - Scritto da: Anonimo
    Basta firmare le foto della nonna col
    fingerprint di Matrix e immetterle in rete.Macche' macche'.. per sabotarli basta lasciarli fare... vedrai le vendite saranno un vero "successo" :Dvoglio vederli spiegare a chi compra che gli vendono questo bel "vantaggio".
  • Anonimo scrive:
    W Philips
    .....grandi......+ semplice di cosi'......NON COMPRERO' MAI PIU' NULLA DELLA PHILIPS!!!!!EVVAI.....
  • Anonimo scrive:
    Sabotiamolo!
    Basta firmare le foto della nonna col fingerprint di Matrix e immetterle in rete.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una domanda semplice
    - Scritto da: Anonimo
    in verita MS fornisce un tool di media
    sharing con XP, che consente di condividere
    sulal lan casalinga i file protetti.Uahuahua! cooomooodooo! huaahua hua! me lo immagino gia' la casalinga di voghera davanti al winzozz media center che usa il "tool" per condividere! huauah ua per favore basta! rischio il "coccolone" se continuate cosi' siete troppo forti!Avete gia' pensato di andare a Zelig? :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi ricordo...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ...che parecchi anni fa quando cercavo
    info

    sul primo mastero da comprare ero
    parecchio

    attirato da quel philips nero con il

    frontalino dorato ma poi sentii che

    già a quel tempo alla philips
    ebbero

    l'idea di dire che tale mastero poneva
    una

    sorta di firma univoca su ogni cd in
    modo da

    fronteggiare la pirateria (ovviamente i

    gruppi mafiosi che si mantenevano sulla

    pirateria, utilizzavano i loro
    masteri...

    mah)...

    Tutto falso, ma in compenso tra tutti i
    casini che ti combinava i cd non riuscivi
    nemmeno a masterizzarli, figurati se li
    usavano i MAFIOSI!!!
    Meno male che non l'hai comprato
    perchè era un'autentica CHIAVICA!!!!
    :|:|



    Ad ogni modo il mio primo mastero fu un

    mitico Waitec e del philips me ne
    dimenticai

    fino a pochi minuti fa... che dire.. ci

    stanno riprovando e chissà

    perchè so già come

    andrà a finire.. vabbè

    contenti loro...

    Ehh, visti i precedenti NON C'E' DA
    PREOCCUPARSI!!!!!
    :D:D:Deheheh! infatti spulciando sul sito della philips si deduce che il "team di ingenieri" si rifa' allo stesso lavoro e non cabiano molto neppure i componenti (di tale team).... eheheh! corsi e ricorsi :-P
  • mambros scrive:
    Re: Una domanda semplice
    se funziona come per il sistema operativo sicuramente.di questi devi una licenza per ogni singolo pc.ma sono discorsi che possono fare solo alle aziende perchè mi giocherei 1 miliardo a trovare qualcuno che lo fa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una domanda semplice
    in verita MS fornisce un tool di media sharing con XP, che consente di condividere sulal lan casalinga i file protetti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse non ho capito bene
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    ma il sistema si baserebbe
    sull'inserimento

    di una stringa univoca in ogni file.

    Benissimo: di certo funziona per i file

    distribuiti dai juke box on-line, ma (ad

    esempio) per gli mp3 che popolano il
    p2p il

    99% di essi proviene da cd audio
    rippati e

    compressi. Ora come fanno ad infilare la

    stringa in quei file, che sono
    già in

    circolazione?

    Semplicemente non possono.

    Se io faccio un rip da un CD od un DVD
    stampato,
    al massimo possono risalire al lotto di
    produzione.Col cavolo!1) dipende da cosa hai usato per ripparlo!2) nessuno ti vieta di strippare via i bit incriminati3) molte "trasformazioni" non sono affatto "reversibili" esiste una quantita' di funzioni e algoritmi "one way" (ad esempio molti usati nelle tecniche di hashing) che non sono per costruzione matematica "reversibili" :-P
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma se invece di perdere tempo...
    - Scritto da: Anonimo
    e soldi con queste baggianate idiote, i
    soldi li risparmiassero e diminuissero
    finalmente e come si deve i prezzi NO
    EHHHHH?? Gli INGEGNERI sono troppo
    intelligenti per arrivare ad una cosa del
    genere!!!!!!!Gli ingenieri (povere besrie!) fanno quello che gli dicono il problema e di chi gli dice cosa fare ... li sono i veri intelligentoni! (e non credo siano ingenieri) :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Una domanda semplice
    - Scritto da: Anonimo
    A casa ormai ho tre computer e svariati
    dispositivi che possono leggere file
    multimediali. :s

    Se voglio comprare legalmente una canzone
    devo acquistare un copia per ogni
    apparecchio? :|Si! (loro ne sarebbero felici!) pensi che qualche major o la siae sosterrebbero il contrario? :D
  • Anonimo scrive:
    Re: UN_TEAM_DI_INGEGNERI
    evviva il mulo!! sempre gloria al muloooo :p
  • Anonimo scrive:
    Re: Ancora robaccia
    sono d'accordo alla grande, sono più i soldi spesi in queste ca**atte che non quelli derivati da diminuzione di prezzo.poi ci possono mettere quello che vogliono nei file audio, tanto è tutto inutile.io ascolto, io registro, io rifaccio l'mp3 ......mah!!ciaodiabolik
  • Anonimo scrive:
    trasformazioni reversibili
    team di ingegneri ???mah...qualsiasi stringa possa essere inserita in un file, dal file stesso può essere estratta...si tratta cmq di una trasformazione sempre reversibile, a meno di usare crittografia con chiavi che però sarebbe ingestibile attualmente ( come si distribuiscono le chiavi ai legittimi acquirenti ?? e i lettori di casa ?? )impossibile evitare che l' algoritmo trapeli o venga scoperto nel giro di pochi mesi, quindi in qualsiasi modo la nascondano verrà trovata...geniale come protezione...al contrario sarebbe efficace sviluppare tecniche ad hoc mutuandole dal riconoscimento di immagini per i video e delle melodie per gli audio, tecniche già in avanzato sviluppo.Se un file contiene certi fotogrammi video in certe posizioni/sequenze, con ottima approssimazione si identifica, e lo stesso vale per un file audio.ovvio richiede potenza di calcolo ed è una tecnica complessa da affinare ma è l' unica strada che ha senso, perchè sarebbe riconoscimento puro e non trasformazione reversibile dei file.
    • Anonimo scrive:
      Re: trasformazioni reversibili
      - Scritto da: Anonimo

      team di ingegneri ???
      mah...
      qualsiasi stringa possa essere inserita in
      un file, dal file stesso può essere
      estratta...
      si tratta cmq di una trasformazione sempre
      reversibile, a meno di usare crittografia
      con chiavi che però sarebbe
      ingestibile attualmente ( come si
      distribuiscono le chiavi ai legittimi
      acquirenti ?? e i lettori di casa ?? )
      impossibile evitare che l' algoritmo trapeli
      o venga scoperto nel giro di pochi mesi,
      quindi in qualsiasi modo la nascondano
      verrà trovata...
      geniale come protezione...

      al contrario sarebbe efficace sviluppare
      tecniche ad hoc mutuandole dal
      riconoscimento di immagini per i video e
      delle melodie per gli audio, tecniche
      già in avanzato sviluppo.
      Se un file contiene certi fotogrammi video
      in certe posizioni/sequenze, con ottima
      approssimazione si identifica, e lo stesso
      vale per un file audio.
      ovvio richiede potenza di calcolo ed
      è una tecnica complessa da affinare
      ma è l' unica strada che ha senso,
      perchè sarebbe riconoscimento puro e
      non trasformazione reversibile dei file.Che cretinata galattica!Ti sfugge per caso che una sequenza di bit e' totalmente "anonima" ?"0100001000001111101111110001100" puo' essere qualunque cosa!e nella memoria di un computer trovi sicuramente migliaia di sequenze UGUALI.Il fatto che tali sequenze siano una immagine o un brano o una sequenza di istruzioni dipende solo dal "contesto" ovvero dall'uso o interpretazione che dai a tali stringhe di bit!In un pezzo di baglioni ci sono sicuramente sequenze di bit che possono essere interpretate come istruzioni per un processore x o y o x86 o come il naso della gioconda..Cio' che fa la differenza e' che tu "usi" quei bit tramite una applicazione che li interpreta come encoding digitale di un pezzo musicale!Se tu usi gli stessi bit come "programma" o come immagine puoi sicuramente ottenere risultati tutti diversi!I bit non hanno significato o identita' a priori e' solo il contesto in cui li usi che gliene puo' dare uno! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: trasformazioni reversibili
      - Scritto da: Anonimo
      qualsiasi stringa possa essere inserita in
      un file, dal file stesso può essere
      estratta...
      si tratta cmq di una trasformazione sempre
      reversibile,Dipende da come viene implementata la trasformazione. Se fosse lossy, ad esempio, non potresti ricostruire il file originale.
    • Anonimo scrive:
      Re: trasformazioni reversibili
      Ehm, giusto per informarvi che i sistemi che probabilmente intendono usare cadono sotto il nome di steganografia e non di crittografia.L'idea è di mettere un fingerprint che per il nostro orecchio è solo rumore di fondo.
  • Anonimo scrive:
    hauahuahuah che imbecilli
  • Anonimo scrive:
    Re: La comunità Open Source reagisce
    - Scritto da: Anonimo
    Dobbiamo rimanere uniti e resistere alla
    multinazionale capitalistica e senza
    scripoli, quale la philips.

    Arriverà il giorno in cui Linux e il
    mondo Open Source schiacceranno il commercio
    spietato e il danaro dalla faccia della
    terra.
    Il sapere deve essere libero come il sesso,
    come l'aria, come la democrazia...

    Sicuramente philips fra una settimana si
    chiederà come mai non riesce
    più a vendere nulla... e allora noi
    avremo vinto.

    W il p2p !!!
    ....................(linux)Il solito troll pagato dalla microsoft!Ebbaasta! hai stufato! :D
  • Anonimo scrive:
    zombie!
    Nossuna preoccupazione!Sono molto soddisfatto del moltiplicarsi di queste bellissime iniziative!Vi spiego perche'in primis piu' sono e meno probabilita' ci sono che trovino o si accordino su uno standard decente!Inoltre di sicuro lo vorranno brevettare e cosi' gli altri costruttori dovrebbero pagare la royalty (indovinate se sono disposti a farlo?) e favorire nei fatti il loro concorrente (ad es. hitachi o toshiba dovrebbero arricchire Philips... seee :-P)In secundis questa e' guerra al consumer (il loro cliente) e da che il mercato e' mercato questo ha inevitabilmente portato alla rovina economica di ben altri eserciti.Il "consumer" vuole tecnologia che migliori la sua interazione col mezzo e che gli porti un beneficio in termini di costi e fruibilita', non ha certo interesse nel contrario (fruibilita' limitata, costi delle royalty) ecc. convincere il "consumer" a comprare qualcosa di peggio di cio' che ha a disposizione anziche' qualcosa di meglio e' tanto probabile quanto trovare la pietra filosofale!Morale questi sono poveri zombies, ormai in procinto di essere spazzati via dalla storia! ;-)Continuino pure cosi' non faranno altro che accelerare la propria fine! :D
  • Anonimo scrive:
    La comunità Open Source reagisce
    Dobbiamo rimanere uniti e resistere alla multinazionale capitalistica e senza scripoli, quale la philips.Arriverà il giorno in cui Linux e il mondo Open Source schiacceranno il commercio spietato e il danaro dalla faccia della terra.Il sapere deve essere libero come il sesso, come l'aria, come la democrazia...Sicuramente philips fra una settimana si chiederà come mai non riesce più a vendere nulla... e allora noi avremo vinto.W il p2p !!!....................(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Si' al fingerprinting!


    Nel frattempo il Consumatore ha avuto il suo bel daffare con queste nuove opere difficili da duplicare o anche solo da ascoltare su impianti vecchi e diventa piu' sensibile alla questione del perche' cazzo deve spendere soldi, e tanti, per essere alla fine trattato come un criminale.

    Purtroppo però ci sono persone così sceme che non saranno capaci di fare 2+2 (CD Protetti + Stereo Vecchio = Guai), che si rivolgeranno al negozio di musica che gli consiglierà un bel stereo nuovo made in philips che sicuramente sarà l'unico a leggere la traccia tarocca.
  • Anonimo scrive:
    DRM-dirittid'autore-RIAA-SIAE-Micro$oft
    .................stanno proprio sKassando le sKatole..................
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta zipparlo o rararlo con passwor
    E su quali basi dovrebbe fare da boa di segnalazione ?1° Possibilità il primo tentativo di share "macchia" il file con una firma aggiungendo quale dato tipo Indirizzo IP/Data/Ora però come è possibile aggiungere qualcosa dentro un file senza danneggiarlo ?2° Perchè questo avvenga dentro un pc dovrebbe essere installato un programma capace di individuale lo share di un file e di marchiarlo per tempo (perchè se parte una copia prima del marchio agli occhi del hash uno risulterà originale e l'altro no), la domanda è facile: chi installerà questo programma ?3° La soluzione sarebbe semplice: marchiare dal produttore ogni pc con un codice come fece intel con i PIII ma sappiamo tutti com'è finita...
  • Anonimo scrive:
    Re: Basta zipparlo o rararlo con passwor
    - Scritto da: Anonimo

    ...e scrivere la password nei commenti di
    eXeem.Non serve ad impedire lo share, ma ad individure la fonte che ha diffuso il file.
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi ricordo...
    - Scritto da: Anonimo
    ...che parecchi anni fa quando cercavo info
    sul primo mastero da comprare ero parecchio
    attirato da quel philips nero con il
    frontalino dorato ma poi sentii che
    già a quel tempo alla philips ebbero
    l'idea di dire che tale mastero poneva una
    sorta di firma univoca su ogni cd in modo da
    fronteggiare la pirateria (ovviamente i
    gruppi mafiosi che si mantenevano sulla
    pirateria, utilizzavano i loro masteri...
    mah)...Tutto falso, ma in compenso tra tutti i casini che ti combinava i cd non riuscivi nemmeno a masterizzarli, figurati se li usavano i MAFIOSI!!!Meno male che non l'hai comprato perchè era un'autentica CHIAVICA!!!!:|:|
    Ad ogni modo il mio primo mastero fu un
    mitico Waitec e del philips me ne dimenticai
    fino a pochi minuti fa... che dire.. ci
    stanno riprovando e chissà
    perchè so già come
    andrà a finire.. vabbè
    contenti loro...Ehh, visti i precedenti NON C'E' DA PREOCCUPARSI!!!!!:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Anonimo
    IO COMPRO SOLO I MADE IN
    JAPAN   !!!
    ALTRO CHE PHILIPS, E' SOLO APPARENZA E COSTI
    ABBATTUTI PROGGETTANDO IN CHINA, COMPRANDO
    MATERIE PRIME IN CHINA, ASSEMBLANDO TUTTO
    INCLUSO CHIP IN CHINA !!!!!
    ESATTAMENTE COME THOMSON, ALCATEL, SAGEM ECCInfatti esiste un vcr della Philips che è un clone del Funai, cambia solo il frontale, ma per il resto è uguale: cambia solo il prezzo, ovviamente il Philips costa molto di più ma ciò non è giustificato dalla marca!!!:@
  • Solvalou scrive:
    Si' al fingerprinting!
    Spero proprio che venga avviato questo programma di fingerprinting.Cosi', tra costi enormi (tracciare ogni singolo brano significa che ogni copia deve avere il suo codice) che verranno ovviamente scaricati sul prezzo di acquisto cominceranno ad uscire sul mercato queste opere iperprotette. Dopo un paio di mesi i pirati capiranno com'e' fatto il codice di fingerprinting o come aggirarlo (basta analizzare le differenze di contenuto tra cinque o sei) oppure se ne fregheranno e immetteranno in rete una copia rubata nell'appartamento di qualcuno. Basta che una copia sola giri per la rete e il materiale in questione e' craccato.Fine dell'esperimento.Nel frattempo il Consumatore ha avuto il suo bel daffare con queste nuove opere difficili da duplicare o anche solo da ascoltare su impianti vecchi e diventa piu' sensibile alla questione del perche' cazzo deve spendere soldi, e tanti, per essere alla fine trattato come un criminale.
  • Anonimo scrive:
    Re: UN_TEAM_DI_INGEGNERI
    Piano non offendiamo , gli ingegneri italiani sono abbastanza bravi , basta che abbiano studiato da soli xkè se no non sanno neanche cosa sia il fingerprint !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: UN_TEAM_DI_INGEGNERI
    - Scritto da: Anonimo
    beh non penso siano ingegneri italiani ;)Gli ingegneri (eletronici e affiniinparticolare) hanno un curioso rapporto inversamente proporzionale tra ciò che capiscono 1-del loro campo strettamente professionale e 2- quel che capiscono di tutto il resto che nel mondo sta tra il cielo e la terra.I nostri capiscono abbastanza poco di 1 e di 2All'estero li preparano un po' di più.. magari fan più bella figura sul punto 1 ma capiscono ancor più una beneamata mazza del 2.. il che li rende abbastanza inoffensivi comunque... :DCredo che continuerò a dormire sonni tranquilli, intanto continuerò a mandare Shareazaa a manetta durante la notte.... ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: ancora????
    - Scritto da: Anonimo
    ma possibile che continuano con sta
    farsa?voglio proprio vedere se dovesse
    funzionare come la prenderebbero i provider
    a banda larga,i produttori di masterizzatori
    e supporti(tra cui anche philips)Be' la Philips ti distoglie dall'uso di masterizzatori e recorder già da sola, quando compri un suo prodotto!!!!! :|:|:s:s
    ,i produttori di capienti hard disk
    ecc...ecc...
  • JackMauro scrive:
    Re: Fare e disfare
    infatti ho trovato veramente strano che proprio philips facesse una cosa del genere...Me lo aspetterei, al massimo, da sony..--Jackhttp://jack.logicalsystems.it/homepage
  • Locke scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Ho sempre comprato Philips ritenendola
    una

    buona marca qualità prezzo, da
    oggi

    mi rivolgo ad altri...


    Mi associo.Salve, sono il cuggino del signor Philips.Lui al momento ha letto i vostri messaggi e stà piangendo nel suo ufficio. Per favore, fategli le vostre scuse perchè se no stanotte avrà gli incubi :(
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    Mi asscocio, il mio primo masterizzatore è stato un philips, masterizzava un CD ogni 5 gli altri 4 mi diceva che non era in grado di scriverli (e con altri masterizzatori poi li scrivevo a meraviglia).E prima di quello stesso schifo con un sacco di altri prodotti- Scritto da: Anonimo
    ah si? Mi suona un pò difficile,
    sinceramente, associare queste parole "buona
    marca" con "Philips"... tempo fa comprai
    delle casse per il pc...restituite, audio
    gracchiante e orrendo. Poi presi delle
    cuffie, restituite perchè facevano
    veramente schifo...continuo?
    • Anonimo scrive:
      Re: ah si? e io vi boicotto!
      mi associo al boicottaggio philips non sarà più nelle fatture della nostra azienda!
    • Anonimo scrive:
      Re: ah si? e io vi boicotto!
      - Scritto da: Anonimo
      Mi asscocio, il mio primo masterizzatore
      è stato un philips, masterizzava un
      CD ogni 5 gli altri 4 mi diceva che non era
      in grado di scriverli (e con altri
      masterizzatori poi li scrivevo a
      meraviglia).
      E prima di quello stesso schifo con un sacco
      di altri prodotti
      Io invece anni fa ho dato via un master cd Traxdata 2x2x6 per comprare uno schifo di Philips 4x4x16 che coi cd mi dava sempre "power calibration error" e che per fortuna ho trovato da dar via (mi dispiace per il "pollo")!!!!! Ho rimpianto il Trax per un bel po', poi per fortuna ho trovato uno Yamaha 8x8x24 che era una bomba!!!!!!A quanto pare la Philips non ha migliorato con i master DVD che vengono periodicamente svenduti (a chi non sa la verità) e che non vanno bene con nessun supporto!!!!! ALLA LARGA!!!!!:|:s
    • Anonimo scrive:
      Re: ah si? e io vi boicotto!
      - Scritto da: Anonimo
      Mi asscocio, il mio primo masterizzatore
      è stato un philips, masterizzava un
      CD ogni 5 gli altri 4 mi diceva che non era
      in grado di scriverli (e con altri
      masterizzatori poi li scrivevo a
      meraviglia).Si vede che non usavi CD-R Philips :D
  • Anonimo scrive:
    Tanto tempo fa...
    A quanto pare il p2p è il male del secolo e va quindi estirpato con ogni mezzo. Supponiamo che riescano, e che il mondo del file sharing chiuda. Secondo voi le vendite di cd originali aumenteranno? Secondo me no, perchè io ricordo un tempo quando il p2p non si sapeva neanche cosa fosse, e per avere l'ultimo cd lo chiedevi ad un tuo amico che conosceva uno che conosceva un altro che a sua volta... e ti riversavi il cd su cassetta, o su un altro cd. Comunque il cd originale non lo compravi...
  • Dark-Angel scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Anonimo
    ah si? Mi suona un pò difficile,
    sinceramente, associare queste parole "buona
    marca" con "Philips"... tempo fa comprai
    delle casse per il pc...restituite, audio
    gracchiante e orrendo. Poi presi delle
    cuffie, restituite perchè facevano
    veramente schifo...continuo?i monitor vanno benissimoio non compro monitor (o TV) se non sono philipsora dovrò vedere dove andare....questa mossa non dovevano farla
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    ah si? Mi suona un pò difficile, sinceramente, associare queste parole "buona marca" con "Philips"... tempo fa comprai delle casse per il pc...restituite, audio gracchiante e orrendo. Poi presi delle cuffie, restituite perchè facevano veramente schifo...continuo?
  • Anonimo scrive:
    Fare e disfare
    Uhm?Il mio nuovo lettore dvd Philips DVP630, oltre a leggere i divx, Xivd, con sottotitoli .sub, .srt, etc, file MPEG a pezzi, MP3, CD/CDR/CDRW/DVD+-*/R(W) etc. etc. ha una comoda sequenza di tasti da telecomando per farlo diventare region free e, ops che sbadati, si sono dimenticati la circuiteria che aggiunge il Macrovision al segnale analogico in uscita (sai, nel caso volessi registrare un DVD su una videocassetta.. :-) ).Com'é, da una parte tutti a fare sistemi di tracciatura e dall'altra apparati che li ignorano?... :-)Tra l'altro la stessa Philips non ha vietato di utilizzare il marchio CD Digital Audio ai CD con la protezione da copia?;)... :-)Come dicono dalle mie parti: Fa' e disfa', l'è tutt un lauraa' (Fare e disfare, è un modo per avere sempre lavoro).
  • Presid. Scrocco scrive:
    Re: Basta zipparlo o rararlo con password...
    Sssshhhhh.....non dirlo al "team di ingegneri" che ci sta lavorando sopra!!!:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Già prima...
    ...non compravo Philips viste le porcherie che produce, e con tutta la roba che ho restituito ai negozi sarei stupido a comprarne ancora, ora mi è definitivamente caduta sui cog..oni
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    Anch'io mi associo , non compriamo piu niente philips, dai cd a qualsiasi altra cosa che vende , cosi ci pensa due volte a fare ste piazzate ,inutili tra l'altro , e da 20 anni che vedo sistemi di protezione saltare, bene , adesso saprò cosa NON comprare per il pc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ottima mossa di marketing
    - Scritto da: Anonimo
    Ci sarà senz'altro qualche
    investitore che ci crederà.Eh già un pollo da spennare lo si trova sempre!!! (Donascimento docet!!!!!):D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Ma se invece di perdere tempo...
    e soldi con queste baggianate idiote, i soldi li risparmiassero e diminuissero finalmente e come si deve i prezzi NO EHHHHH?? Gli INGEGNERI sono troppo intelligenti per arrivare ad una cosa del genere!!!!!!!
  • aenigma scrive:
    Re: intanto lokitorrent...
    Il mondo non é "dei furbi" ma di chi ha i soldi....
  • Anonimo scrive:
    Una domanda semplice
    A casa ormai ho tre computer e svariati dispositivi che possono leggere file multimediali. :sSe voglio comprare legalmente una canzone devo acquistare un copia per ogni apparecchio? :|
  • Anonimo scrive:
    Re: UN_TEAM_DI_INGEGNERI
    beh non penso siano ingegneri italiani ;)
  • aenigma scrive:
    Re: Ottima mossa di marketing
    Verissimo,Serve solo a questo questa mossa, a spennare qualche investitore in piu, tanto a ste cose ci credono...
  • Anonimo scrive:
    Il Paradosso
    Mi hanno regalato un DVD con sistemi anti-pirateria talmente efficenti che per poterlo vedere ho dovuto ripparlo e copiarlo su un altro DVD!!!Bravi, andate avanti così, complimentoni alla Philips!
  • Anonimo scrive:
    ancora????
    ma possibile che continuano con sta farsa?voglio proprio vedere se dovesse funzionare come la prenderebbero i provider a banda larga,i produttori di masterizzatori e supporti(tra cui anche philips),i produttori di capienti hard disk ecc...ecc...
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre peggio. invito agli artisti
    grande !- Scritto da: Anonimo
    Ragazzi, parlo a voi Artisti, non a chi
    pensa "sarò ricco e famoso!!!"

    già esiste il copyleft e il creative
    commons

    già esiste il marchietto
    no-copycontrol

    ora mi raccomando de-echelonizzate i vostri
    contenuti, accertatelo, non solo non mettete
    questi dispositivi, ma diffondete la
    consocenza del "come accertarsi che i
    contenuti non abbiano fingerprinting /
    watermarking"; perchè parte della
    scelta personale è dare la conoscenza
    ad altri per fare la propria scelta.

    chi ti nasconde informazione e cultura, non
    ti vuol far scegliere, vuole guidarti dove
    gli pare.
  • Anonimo scrive:
    Re: ah si? e io vi boicotto!
    - Scritto da: Anonimo
    Ho sempre comprato Philips ritenendola una
    buona marca qualità prezzo, da oggi
    mi rivolgo ad altri...


    :)Mi associo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io da grande...
    - Scritto da: TPK
    voglio fare l'ideatore di questi sistemi
    antipirateria!

    Mi invento un algoritmo che sulla carta e'
    fantastico (ma ovviamente inutilizzabile nel
    mondo reale), vado dalle major e glielo
    vendo come soluzione al demone della
    pirateria (ovviamente guardandomi bene dal
    trattare l'argomento dell'inapplicabilita').
    Quando si vede che non funziona, apporto
    delle modifiche e glielo rivendo.

    Tanto questi qui tanto ci cascano ogni
    volta...e loro ti pagheranno a progetto e poi a ottenimento di un certo obiettivo.morirai di fame.questo no che non glielo insegni: come fare i soldi :)
  • Anonimo scrive:
    sempre peggio. invito agli artisti
    Ragazzi, parlo a voi Artisti, non a chi pensa "sarò ricco e famoso!!!" già esiste il copyleft e il creative commonsgià esiste il marchietto no-copycontrolora mi raccomando de-echelonizzate i vostri contenuti, accertatelo, non solo non mettete questi dispositivi, ma diffondete la consocenza del "come accertarsi che i contenuti non abbiano fingerprinting / watermarking"; perchè parte della scelta personale è dare la conoscenza ad altri per fare la propria scelta.chi ti nasconde informazione e cultura, non ti vuol far scegliere, vuole guidarti dove gli pare.
  • Anonimo scrive:
    traditori
    cercate notizie passate su philips ...
  • Anonimo scrive:
    Re: bla bla bla bla bla
    - Scritto da: Anonimo

    L'azienda presenta i suoi primi sistemi
    di fingerprinting che
    saranno in grado -
    sostiene - di fermare a monte la

    condivisione non autorizzata di file.
    Una sfida aperta al file
    sharing

    Uh che paura! Ci stiamo tutti cagando in
    mano!
    Non so voi, ma io inizio ad annoiarmi,
    questi tizi non hanno fantasia, sempre la
    solita solfa...bah! Vado a scaricare qualche
    filmetto qua e là...E vai di mulooooooooooooo !!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Non capisco...
    ... come fa P.I. a non riderne.Non capisco anche come si faccia a non capire che non puoi bloccare un concetto, ovvero che:finche' e' leggibile, e' copiabile, qualsiasi schifezza ci metti dentro, in un modo o in un altro.
  • Anonimo scrive:
    Re: intanto lokitorrent...
    - Scritto da: Anonimo

    il mondo e' dei furbi ;)

    You can download but you can't hide?"The only way not to get caught is to stop"="forse se gli facciamo paura si fermano, qualcuno ci casca sempre. Speriamo."
  • Anonimo scrive:
    Re: intanto lokitorrent...
    - Scritto da: Anonimo
    ....ha chiuso definitivamente. Chi se ne frega dei forum, che poi si rivendono i log alla RIAA, tanto oramai c'e' eXeem! La decentralizzazione è inarrestabile!
  • riddler scrive:
    Re: Io da grande...
    Dopo Cirio e Parmalat non ci vuole un genio per capire come vanno certe cose al giorno d'oggi
  • Anonimo scrive:
    Basta zipparlo o rararlo con password...
    ...e scrivere la password nei commenti di eXeem.
  • Anonimo scrive:
    ah si? e io vi boicotto!
    Ho sempre comprato Philips ritenendola una buona marca qualità prezzo, da oggi mi rivolgo ad altri...:)
    • Anonimo scrive:
      Re: ah si? e io vi boicotto!
    • Anonimo scrive:
      Re: ah si? e io vi boicotto!

      Ho sempre comprato Philips ritenendola una
      buona marca qualità prezzo, da oggi
      mi rivolgo ad altri...Da ricordare che è in prima fila fra le multinazionali che spingono i brevetti del software in Europa.Non a caso il rappresentante olandese al Consiglio dei Ministri UE sta tirando dritto come un treno nonostante il parere contrario del suo stesso parlamento.Boicottiamo!!!Recentemente:Masterizzatore con firmware bacatissimo.Cuffia audio costruita con materiali la cui puzza mi ha dato il voltastomaco per settimane.Cuffia audio a radiofrequenza con fruscio mostruoso e continua perdita del segnale.Poi mi sono fermato... :D
  • Anonimo scrive:
    ancora sanguisughe?
    ma vogliono farci credere che funzia?...... basta convertirlo in analogicoper la qualita, MP3 e quello che gira in rete, non cambia moltoper non parlare di kriptographiahihhihi :)PS: spendano puro i loro (io non ce li metto) $oldi...falliranno prima
  • Anonimo scrive:
    Re: shhh! facciamogliela credere
    si cosi buttano via un po' di $$$ ... e falliscono prima :)
  • Anonimo scrive:
    shhh! facciamogliela credere
    facciamogli pensare che è un ottimo sistema :D
  • Anonimo scrive:
    Re: intanto lokitorrent...
    - Scritto da: Anonimo
    www.lokitorrent.com .Notevole l'avvertimento in stile mafioso. Si vede che questi "signori" della MPAA devono avere un'origine poco nobile :)
  • Anonimo scrive:
    Re: In archivio

    consentirebbe secondo Philips di individuare un determinato
    file anche se viene compresso o modificato via software da chi
    volesse tentare di far perdere le sue traccenono loro sono furbi...ci crediamo tutti vero?
  • Anonimo scrive:
    bla bla bla bla bla

    L'azienda presenta i suoi primi sistemi di fingerprinting che
    saranno in grado - sostiene - di fermare a monte la
    condivisione non autorizzata di file. Una sfida aperta al file
    sharingUh che paura! Ci stiamo tutti cagando in mano!Non so voi, ma io inizio ad annoiarmi, questi tizi non hanno fantasia, sempre la solita solfa...bah! Vado a scaricare qualche filmetto qua e là...
  • Anonimo scrive:
    lol
    mi sa di altro bidone alle major... non credo che alla philips non hanno mai sentito parlare di file criptati ...
  • Anonimo scrive:
    Forse non ho capito bene
    ma il sistema si baserebbe sull'inserimento di una stringa univoca in ogni file. Benissimo: di certo funziona per i file distribuiti dai juke box on-line, ma (ad esempio) per gli mp3 che popolano il p2p il 99% di essi proviene da cd audio rippati e compressi. Ora come fanno ad infilare la stringa in quei file, che sono già in circolazione?Sarebbe più logico operare un filtering degli hash dei file "incriminati" creandone un database (lavoraccio immane e lungo, ma se fatto bene potrebbe andare) ma sarebbero da capo con i sistemi che non usano l'hashing (oramai non molti in verità) e con tutti i sistemi serverless dei software open, che non possono essere controllati. Senza contare poi i sistemi open-nap e similia che a dispetto della critica sopravvivono ancora (sebbene in declino) con i vari server gestiti da singoli utenti, nemmeno quelli controllabili con filtri.Un sistema di questo tipo può andar bene per software tipo kazaa (oramai alla frutta).
    • Anonimo scrive:
      Re: Forse non ho capito bene
      - Scritto da: Anonimo
      ma il sistema si baserebbe sull'inserimento
      di una stringa univoca in ogni file.
      Benissimo: di certo funziona per i file
      distribuiti dai juke box on-line, ma (ad
      esempio) per gli mp3 che popolano il p2p il
      99% di essi proviene da cd audio rippati e
      compressi. Ora come fanno ad infilare la
      stringa in quei file, che sono già in
      circolazione?Semplicemente non possono.Se io faccio un rip da un CD od un DVD stampato,al massimo possono risalire al lotto di produzione.Pero` puo` funzionare da deterrente per chi vuolemettere in giro i file ottenuti da un jukebox legaleo cose simili.Rispetto ad usare sistemi DRM questo ha il vantaggiodi non bloccare il diritto per il legittimo proprietariodi farsi le copie che vuole, ma se questi inizia a darele copie a destra ed a sinistra ovviamente rischia di piu`.Il fingerprinting ha il difetto pero` che come deterrentenon funziona con la distribuzione vecchio stile, in cuifra amici ci si scambia i CD o le cassette, perche`tra amici ci si fida ed inoltre diventa molto piu` difficiletracciare le connessioni personali.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io da grande...
    mmm... un genio della finanza... tu si che hai capito come funzionano le cose...
  • Anonimo scrive:
    Re: DAD

    no, basta molto meno, senza le perdite di
    qualità dovute alla conversione
    analogico-
    digitale:

    codec a -
    codec bte ghe resun!ormai ero preso dall'idea delle macchinesuper blindate ala palladium che manco tifanno fare una cosa simile :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: DAD
    - Scritto da: Anonimo
    a mali estremi:
    digitale-
    analogico-
    digitale
    e fine della questioneno, basta molto meno, senza le perdite di qualità dovute alla conversione analogico-
    digitale:codec a -
    codec b
  • Anonimo scrive:
    Mi ricordo...
    ...che parecchi anni fa quando cercavo info sul primo mastero da comprare ero parecchio attirato da quel philips nero con il frontalino dorato ma poi sentii che già a quel tempo alla philips ebbero l'idea di dire che tale mastero poneva una sorta di firma univoca su ogni cd in modo da fronteggiare la pirateria (ovviamente i gruppi mafiosi che si mantenevano sulla pirateria, utilizzavano i loro masteri... mah)...Ad ogni modo il mio primo mastero fu un mitico Waitec e del philips me ne dimenticai fino a pochi minuti fa... che dire.. ci stanno riprovando e chissà perchè so già come andrà a finire.. vabbè contenti loro...
  • Anonimo scrive:
    Ancora robaccia
    Continuano ad aggiugere filtri, software, spyware ed altro ai contenuti dei cd, tanto da rendere illegibili i cd proodotti da loro;come già accaduto in passato e con conseguente perdita economica.Comprano questi strumenti dal primo co****ne, che vengono regolarmente aggirati, e questi gravano sui prezzi di vendita al pubblico.Invence, di fare tutte queste inutili scoperte dell'acqua calda, si fossero concentrati alla praticabilità dei prezzi, col cavolo che mi faccio la copia pirata.Esempio: i prezzi dei telefonini sono giù, e mediamente, si cambia questo apparecchio ogni 15 mesi (ponendo che questo abbia prezzo medio di 90?).Se 1 CD costasse 10? (ultimi album) e/o 5? (vecchi album), e ne volessi acquistare 1al mese, avrei una spesa annua da 60 a 120?. Quasi il costo di un telefonino.Questa loro guerra è persa in partenza, anche se riuscissero a negare l'accesso a qualsiasi file coperto da diritto d'autore, hanno già sputato sul piatto dove mangiavano, cioè la loro clientela.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io da grande...
    Si può fare di meglio: si crea un'azienda chiamata SecureVattelaPesca; si propone agli investitori digiuni di informatica un "Sistema di sicurezza che tutte le case discografiche vorranno"; si prendono i soldi degli investitori e si fanno passare per gli utili dell'azienda; si tiene in piedi la società, diciamo, per 3 anni. Dopodichè, si chiude tutto e ci si tiene i soldi.
  • Anonimo scrive:
    Ottima mossa di marketing
    Ci sarà senz'altro qualche investitore che ci crederà.
  • TPK scrive:
    Re: intanto lokitorrent...
    Chissa' come mai questi siti chiudono proprio dopo aver raccolto fondi dagli utenti...Da notare che qualche giorno fa stavano per vendere il sito...http://p2pnet.net/story/3681
  • Anonimo scrive:
    a me mi fanno solo ridere
    d'altra parte devono pure far finta di meritarsi lo stipendio questi ingenieri...turk 182
  • Anonimo scrive:
    UN_TEAM_DI_INGEGNERI
    Ok... per questa volta siamo tranquilli... vai di mulo...
  • Anonimo scrive:
    intanto lokitorrent...
    ....ha chiuso definitivamente.peccato perche' il detentore del sito stava raccogliendo una somma di denaro considerevole dalle offerte degli scariconi, per affrontare le spese legali contro la mpaa per tenere su' il sito il piu' possibile.........poi, da un giorno all' altro http://www.lokitorrent.com.il mondo e' dei furbi ;-)
  • TPK scrive:
    Io da grande...
    voglio fare l'ideatore di questi sistemi antipirateria!Mi invento un algoritmo che sulla carta e' fantastico (ma ovviamente inutilizzabile nel mondo reale), vado dalle major e glielo vendo come soluzione al demone della pirateria (ovviamente guardandomi bene dal trattare l'argomento dell'inapplicabilita').Quando si vede che non funziona, apporto delle modifiche e glielo rivendo.Tanto questi qui tanto ci cascano ogni volta...
  • Anonimo scrive:
    DAD
    a mali estremi:digitale-
    analogico-
    digitalee fine della questione
  • HostFat scrive:
    In archivio
    Lo butti in un archivio ed è fatta? :|
Chiudi i commenti