Dubai: iPhone? No, grazie

Come in Francia, negli Emirati Arabi Uniti l'iPhone non può essere venduto in esclusiva da un operatore e l'Authority locale lo mette al bando

Roma – Non è tutto rose e fiori il mercato della telefonia mobile per l’ iPhone che, oltre ad essere un indiscusso oggetto del desiderio, in alcune realtà si trova a ricoprire il ruolo di indesiderato. Il costume di Apple di concederne l’esclusiva ad un solo operatore per Paese non piace a tutti. E, oltre alla Francia, questa pratica è sgradita anche agli Emirati Arabi Uniti.

Il portale Gulfnews spiega infatti che gli utenti degli Emirati non avranno la possibilità di acquistare – sul mercato “regolare” – un iPhone, poiché la TRA (l’Authority TLC, ndr) non consente alle compagnie telefoniche la commercializzazione in esclusiva del dispositivo e ha perciò stabilito che il melafonino non possa entrare nel mercato locale, bandendolo “indefinitamente”.

Il principio a cui la TRA fa appello, e che con questo provvedimento dichiara di voler difendere, è un regime di libero mercato basato sulla concorrenza. È il medesimo principio che viene tutelato dalla normativa francese, dove però l’iPhone è riuscito a sbarcare e dove sarà venduto in versione Orange-locked dal 29 novembre a 399 euro, e probabilmente (per aggirare i vincoli regolatori) anche in versione unlocked , ma all’indigesto prezzo (riferiscono i rumors) di 999 euro.

L’azienda di Cupertino dichiara di aver venduto finora oltre 1.400.000 iPhone, di cui 250mila sarebbero stati acquistati per essere sbloccati.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti