Due software IBM pompano Linux

Big Blue rilascia due software che migliorano Linux nel file system e nel multiprocessing, due punti chiave nella scalata all'enterprise


Armonk (USA) – Nell’ottica dello sforzo per rendere Linux la piattaforma ideale anche per il mercato enterprise, IBM ha appena rilasciato le versioni definitive di due componenti chiave: JFS 1.0 e NGPT 1.0.

JFS (Journaled File System) è un file system di nuova generazione che porta su Linux alcune caratteristiche avanzate, come la configurazione di grossi volumi di spazio disco ed il recupero, grazie alla funzionalità “journaled” che tiene traccia dei cambiamenti avvenuti ai file, dei dati su disco anche dopo eventuali crash del sistema.

Per Linux esistono diversi altri file system journaled: per una lista sufficientemente esaustiva si rimanda a questo articolo .

Linus Torvalds ha sempre sostenuto che non ha in progetto di scegliere un file system in particolare, ma di voler lasciare tale scelta agli utenti, soprattutto considerando che ogni file system può avere, anche a seconda del suo contesto d’utilizzo, determinati punti di forza o debolezza.

L’altro package rilasciato da Big Blue, NGPT (Next Generation POSIX Threading), mira invece ad incrementare le prestazioni del multithreading di Linux in presenza di sistemi a più processori. Il software, basato sul progetto Pht , rientra nello standard Posix.

Entrambi i software, JFS e NGPT, sono coperti dalla licenza GNU GPL.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma c'è di peggio...
    ...ovvero la vulnerabilità nel protocollo SSH.http://www.cisco.com/warp/public/707/SSH-multiple-pub.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma c'è di peggio...
      - Scritto da: Coca Cola
      ...ovvero la vulnerabilità nel protocollo
      SSH.
      http://www.cisco.com/warp/public/707/SSH-multQuesta e'grave.. ma prima di tutto non dipende propriamente da cisco.. e' l'ssh1 ke ha ste problematiche... E poi... queste sono exploitabili solo se riesci a sniffare.. mentre il web e' exploitabile comunque... certo non contro le societa' che valutano seriamente il prob. sicurezza.. perche non farebbero mai raggiungere l'http dall esterno... anzi.. non lo attiverebbero proprio) :)
Chiudi i commenti