E-Gratis? Parte la guerra ai blocca-banner

La inaugura un'azienda tedesca, che ai suoi visitatori dotati di software anti-spot chiede denaro


Web – Produrre un sito e i suoi contenuti in modo continuativo ha un costo, così come un costo lo hanno i server e la banda: per queste ragioni l’azienda tedesca MediaBEAM sostiene di avere il diritto di chiedere ai propri utenti di visualizzare tutti i banner che si trovano sulle pagine del sito.

MediaBEAM è così convinta delle sue ragioni da aver messo in piedi un software capace, a suo dire, di individuare i codicilli che consentono a certi utenti di impedire il caricamento dei banner pubblicitari sulle pagine del sito.

L’azienda sostiene che a tutti coloro che si presentano sulle sue pagine con software blocca-banner, il proprio programma propone due alternative prima di consentire l’accesso alle pagine: o vedere la pubblicità, disabilitando il proprio software anti-spot, oppure pagare.

Secondo il CEO dell’azienda, Frank Beckert, è necessario mandare un messaggio chiaro e forte agli utenti: “Le aziende internet sono in crisi. La soluzione è semplice”. Beckert afferma il diritto di MediaBEAM di impedire a chiunque non si adegui alle proprie condizioni l’accesso alle pagine del suo sito.

Il software sviluppato da MediaBEAM verrà commercializzato da questa settimana come “AdKEY” ma certo è presto per capire se potrà avere successo. Per due ragioni: la prima è che la percentuale degli utenti che utilizza questi sistemi di navigazione, quelli che impediscono il caricamento dei banner, è decisamente minoritaria; la seconda è che non tutti i siti potrebbero volersi porre con simili “diktat” nei confronti dei propri utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma se invece di crocefiggerli....
    Al tempo dei romani li avessero impalati come facevano gli arabi...La religione cattolica avrebbe avuto lo stesso carisma ???Vi immaginate nelle aule delle elementari attaccato al muro sopra alla lavagna in che posizione sarebbe l'immaginetta sacra ? (senza contare la faccia che farebbe).E la gente che ha le stimmati ??? Dove le avrebbe ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se invece di crocefiggerli....
      - Scritto da: Caine
      Al tempo dei romani li avessero impalatiLOL
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se invece di crocefiggerli....
      io penso che se ci fosse stata codesta usanza costi, jesus christ, sarebbe andato a nascere in un'altra regione del mondo...te che dici?!...ora, o che ne vedi parecchi di presidenti, attori seri(no porno), calciatori toh, occhenesoio...fotografati e messi in copertina a sedere su un cesso, o mentre si spalmano la crema antiemorroidi?......beh,.....EGLI E' UNA SUPERSTAR!!......E COMUNQUE, anche se fosse andata come hai confabulato te, ci sarebbero stati gli artisti a rendere meno volgare il misfatto....(....PERO'SO' SCIVOLATO DALLA SEDIA QUANDO L'HO LETTO!!!)
  • Anonimo scrive:
    Se si rompe....
    .... il vescovo che telefona all'assistenza e dice:"Instrumentum computatoris discum (o disco? chi sa le declinazioni di floppy disk?) rottum est"Risp: "Spengas et riavvias" !!!scusate... ma non riesco a togliermi dalla testa questi vescovi che iniziano a parlare in latino di compondenti informatici.... "discum durus.... stampantibus.... quanta memoria ha? "LXIV Megabaitibus"... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Se si rompe....
      Hai perfettamente ragione... come mai la chiesa (intesa come organizzazione di uomini che non ha nulla a che fare con Dio/Gesù/ecc) deve sempre distinguersi dal resto del mondo? In nome di Dio? Ma fatemi il piacere...
      • Anonimo scrive:
        Re: Se si rompe....
        oh, un po' di umorismo nella vita?mamma mia, rilassatevi!Capisco che uno legge PI appena arrivato in ufficio, con la carogna sulle spalle, i postumi delle canne della sera prima, la lite col vigile alle 9.10...Pero sto forum sta diventando il serbatoio degli inazzati d'Italia...Sempre posta sopra le righe...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se si rompe....
      SEI UN GRANDE!!!!!!!!! :-)))))))))))))))))))UN MITO!!!!!! :-))))))))))))))))
  • Anonimo scrive:
    sAtAn was here. this PC owned by sAtAn
    :-D
  • Anonimo scrive:
    alla buon'ora!!!!!
    E' un segno dei tempi.Speriamo che cambino anche le liturgie........
    • Anonimo scrive:
      Re: alla buon'ora!!!!!
      ...PER QUELLO NE DUBITO!!!NON VORREI OFFENDERE, MA CI VUOLE TEMPO E SANGUE A QUANTO SEMBRA, PERCHE' ANCHE IN VATICANO SI DECIDINO A FARSI UN OBBIETTIVO E MODERNO ESAME DI COSCIENZA SUL LORO operato,...e sopratutto sulla TECNICA...sulla quale scarseggiano...
      • Anonimo scrive:
        Re: alla buon'ora!!!!!
        Vi ricordo infatti che sito www.vatican.va e' attivo, se non erro, dal '95...
        • Anonimo scrive:
          Re: alla buon'ora!!!!!
          - Scritto da: zyxwo
          Vi ricordo infatti che sito www.vatican.va
          e' attivo, se non erro, dal '95.......e che Marconi, se non erro, aveva a che fare con Radio Vaticana.....
          • Anonimo scrive:
            Re: alla buon'ora!!!!!
            ragazzi, collegate il cervello prima di scrivere...Il vaticano e' cattivo, Microsoft e' cattivo, linux buono, sun anche, i nostri dati spiati...e basta!tutti i giorni le stesse cose...menomale che ognitanto qualche persona "che sà" vi riporta nella realtà! (anche se non mi sembra che serva molto...)
        • Anonimo scrive:
          Re: alla buon'ora!!!!!
          - Scritto da: zyxwo
          Vi ricordo infatti che sito www.vatican.va
          e' attivo, se non erro, dal '95...Storia dell'esperienza internet del Vaticano:- Giugno 95: vengono interpellati vari ISP per far conoscere internet al Vaticano. Sponsor sono Navarro e i suoi collaboratori. Viene interessata anche l'APSA (dove attualmente risiede il tutto). Per 6 mesi ho fatto tanta, ma proprio taaaaaaaanta informazione e consulenza.- Dicembre 95: il Vaticano decide di andare con ITnet per il servizio. Io vengo spostato a tempo pieno per seguire il progetto Vaticano. Il primo sito web è installato su macchine Alpha e il mail server dove scrivere ad una casella postale per il Santo Padre era una 486 linux installato dal sottoscritto 8^)- Fine 96, Inizio 97: Sua Emminenza il Cardinal Schotte ha il suo PC configurato con Internet. Indovinate chi fa il tutto? ;)E così via :)) Anzi, mo faccio uno squillo in Vaticano per fargli le mie congratulazioni per questa notizia che mi fa MOLTO piacere leggere :)Uno puo' essere o meno d'accordo con la religione, ma vi posso assicurare che ci sono persone estremamente intelligenti all'interno del Vaticano, e che trovano Internet un mezzo molto importante sia per il loro lavoro che per la comunicazione con il mondo. Un mezzo importante alla stessa stregua della televisione, del satellite e della radio.
          • Anonimo scrive:
            Re: alla buon'ora!!!!!
            Vorrei aggiungere che prima che Mclink desse connettività a Roma il primo e unico Provider internet di Roma (94/95) era il SICEI (Servizio Informatico Conferenza Episcopale Italiana) su Backbone CINECA (dove lavoravo)La chiesa è una di quelle organizzazioni che insieme asl CERT e al WC3 ha fatto nascere il WEB!!!Meditate gente meditate!
          • Anonimo scrive:
            Sì ma se poi...
            ...cadono in tentazione e visitano in po di siti pornazzi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sì ma se poi...
            - Scritto da: dubbioso
            ...cadono in tentazione e visitano in po di
            siti pornazzi?Al massimo poi si danno il perdono uno con l'altro no ?!?
          • Anonimo scrive:
            Re: alla buon'ora!!!!!
            - Scritto da: Houdini I
            Vorrei aggiungere che prima che Mclink desse
            connettività a Roma il primo e unico
            Provider internet di Roma (94/95) era il
            SICEI (Servizio Informatico Conferenza
            Episcopale Italiana) su Backbone CINECA
            (dove lavoravo)Mi spiace ma non concordo. MClink, Agorà Telematica e Mangazone hanno portato la prima connettività pubblica a Roma nel 1991. Si potevano spedire e ricevere solo email e newsgroups. Nel 92/93 Agorà Telematica, e immediatamente dopo MClink, ha cominciato a giocare con connettività always on tramite il provider IUnet, nato da l'esperienza universitaria, tra le tante persone, dell'Ing. Marino che nel 94 ha creato con nuovi collaboratori ITnet.
            La chiesa è una di quelle organizzazioni che
            insieme asl CERT e al WC3 ha fatto nascere
            il WEB!!!Oddio, fatto nascere non direi, pero' certamente ne è stata uno dei primi fruitori dopo le grandi corporation americane.
Chiudi i commenti