E-paper, a Taiwan è riscrivibile

Un nuovo tipo di carta elettronica promette ecosostenibilità e un netto taglio dei costi grazie alla possibilità di riscriverla e riutilizzarla un buon numero di volte. Sentitamente, gli alberi già ringraziano

Roma – Sviluppato dai ricercatori dell’ Industrial Technology Research Institute di Tokyo, il nuovo tipo di epaper sembra avere tutte le caratteristiche per essere considerata la prima, vera “carta elettronica”, riutilizzabile ed economica al punto da promettere un netto passo in avanti nell’ecosostenibilità della carta stampata e nel rispetto della natura.

La società i2R spera di avviare la produzione industriale della nuova carta elettronica nel giro di un paio d’anni: composti da sottili cristalli liquidi “colesterici” (con una struttura chimica simile a quella delle molecole del colesterolo), i sottili fogli di epaper taiwanese possono essere riutilizzati 260 volte , si “stampano” e si “cancellano” facilmente con un procedimento termico, non richiedono elettricità né retroilluminazione.

La realizzazione di un foglio di epaper formato A4 costa 2 dollari, stima i2R, e l’intera filiera di produzione/scrittura/riscrittura è molto più vicina ai tradizionali metodi di “stampa” della carta di origine vegetale rispetto alle tecnologie di epaper sin qui commercializzate.

Con l’epaper taiwanese si potrebbe ridurre drasticamente l’abbattimento degli alberi, e i2R già presenta la tecnologia come sistema di stampa elettronica “ideale” per manifesti, badge, biglietti per i viaggi e quant’altro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Doom scrive:
    energia
    Mi sono sempre chiesto come mai l'energia cinetica si calcolasse come 1/2mv^2 mentre, alla velocità c, l'energia raddoppiasse in mc^2.centra forese col fatto che a quella velocità, compare l'antimateria che annichilisce con la materia?
    • Guglielmo scrive:
      Re: energia
      Devi satudiare di più.Stai confrontando due formule che parlano di cose diverse.Una parla di energia cinetica, l'altra del carattere energeticodella massa.
    • shevathas scrive:
      Re: energia
      - Scritto da: Doom
      Mi sono sempre chiesto come mai l'energia
      cinetica si calcolasse come 1/2mv^2 mentre, alla
      velocità c, l'energia raddoppiasse in
      mc^2.
      1/2 mv^2 è la formula dell'energia cinetica in fisica classica, quando v è molto minore di c, in pratica il rapporto v/c è molto piccolo da poterlo ritenere all'atto pratico pari a zero.Se la velocità v invece è confrontabile con c devi usare le formule relativistiche. le trovi suhttp://it.wikipedia.org/wiki/Energia_cinetica
  • Non Me scrive:
    Cosa é sucXXXXX...
    ... agli oggetti che sono passati attraverso l'anello di antimateria?
    • iome scrive:
      Re: Cosa é sucXXXXX...
      - Scritto da: Non Me
      ... agli oggetti che sono passati attraverso
      l'anello di
      antimateria?che sono arrivati dall'altra parte.
    • Tino Tini scrive:
      Re: Cosa é sucXXXXX...
      - Scritto da: Non Me
      ... agli oggetti che sono passati attraverso
      l'anello di
      antimateria?gli si saranno disintegrati qualche decina di atomi, niente di particolarmaente grave
  • Busone di Higgs scrive:
    E te pareva...
    Ma e' mai possibile che per qualsiasi notizia su PI anche di una che parla dell'antimateria, ci siano sempre scienziati genialoidi che hanno da ridire?Forse sono i cervelli scappati all'estero che leggono PI dall'universita' di Harvard. Ma non c'e' una cippa d'altro da fare ad Harvard?
    • Riccardo scrive:
      Re: E te pareva...
      No, non c'è bisogno di essere dei geni.Bastava leggere la fonte indicata da Maruccia stesso, dove c'è scritto che non è chiaro se si sarà in grado di sfruttare questa antimateria. Poi se si ha un pochino di conoscenza in più c'è la fonte originale con l'analisi del fenomento e ipotesi di sfruttamento. Basta leggere le conclusioni per scoprire che le quantità non sono interessanti e la realizzazione del progetto di raccolta non è possibile oggi.Dunque siamo passati da una fonte originale che chiarisce come non se ne possa far nulla oggi, ad un blog che parla di dubbie possibilità di utilizzo a PI che suggerisce che si potrebbe fare. Abbastanza per etichettarlo come articolo estivo, secondo me.
  • Enjoy with Us scrive:
    Scusate ma...
    ... questa antimateria da dove originerebbe?Dalle celebri fluttuazioni del nulla? Che tuttavia appunto si verificano dove lo spazio è particolarmente povero di materia?Si tratta di un'interazione fra vento solare e campo magnetico terrestre?La cosa ha la sua rilevanza perchè se è vero che ipotizzare una sorta di aspirapolvere per raccogliere gli antiprotoni ed utilizzarli appare alla luce delle attuali conoscenze quanto meno problematico, l'uso magari di potenti campi magnetici da applicare a satelliti in orbita per indurre la formazione di antiprotoni, potrebbe essere ben più pratica da seguire...
    • Guybrush scrive:
      Re: Scusate ma...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      ... questa antimateria da dove originerebbe?Ah boh?Sarei davvero sorpreso di trovarla nel vento solare.Probabilmente sono raggi cosmici.
      Dalle celebri fluttuazioni del nulla?Quelle generano coppie particella/antiparticella che si annichiliscono subito (anche 'sta cosa mi torna strana, ma l'effetto Casimir esiste).
      Che
      tuttavia appunto si verificano dove lo spazio è
      particolarmente povero di
      materia?No, ma per accorgertene devi esaminare un volume di spazio davvero grande... è più comodo cercare un ago in un pagliaio.[...]L'unico dato certo è che nella zona di spazio presa in esame si riceve luce con la "firma" (lunghezza d'onda) dell'annichilazione protone/antiprotone in quantità 1000 volte superiore al normale.Vale la pena indagare.GT
      • mikronimo scrive:
        Re: Scusate ma...
        In merito alla generazione particella/anti-particella: è dimostrata dalla radiazione dei buchi neri mentre prima si riteneva impossibile che una qualsiasi cosa potesse sfuggire; come ci ha "spiegato" Hawking è il risultato della separazione delle coppie virtuali, che avviene direttamente ed esattamente sull'orizzonte degli eventi, dove la parte "materia" viene espulsa all'esterno (sottraendo materia al buco nero, che ne provoca l'"evaporazione", in tempi lunghissimi) e la parte "antimateria" precipita nella singolarità (composta di materia) e si annichila con una particella di materia lì presente. Questo quanto ne ho capito.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 agosto 2011 18.31-----------------------------------------------------------
    • Riccardo scrive:
      Re: Scusate ma...
      Letto nulla in proposito, ma per quel poco che so le origini dell'antimateria che arriva nei dintorni della terra sono varie.C'è la parte solare (tralaltro l'attività solare di recente ha avuto un picco, ci sarebbe da confrontare con le date in cui sono stati presi questi dati), quella che origina dal centro della nostra galassia (dove c'è un bel po' di gas caldi e oggetti ad alta energia che possono emettere radiazione che può generare coppie materia-antimateria) e infine le sorgenti "estemporanee" ma intense, sia all'interno della galassia che all'esterno, anche se queste ultime sono molto più rare dovendo essere estremamente intense per arrivare fino alla terra.Dunque nessuna fluttuazione del vuoto, come già detto da Guybrush quelle sono le cosidette "coppie virtuali", cioè che si riassorbono in tempi troppo piccoli per poter essere rilevate (definizione imprecisa, ma evito di scendere troppo nel dettaglio)Sul discorso che fai alla fine non ho capito cosa intendi. Di sicuro questo aspirapolvere per protoni dovrà sfruttare campi magnetici, altri modi per costruire trappole per particelle cariche non ne riesco ad immaginare.
  • W.O.P.R. scrive:
    L'antimateria c'è ma manca una cosa
    I cristalli di dilitio servono per regolare la reazione materia-antimareria, ma si trova solo nulle miniere di estrazione Cardassiane.
    • attonito scrive:
      Re: L'antimateria c'è ma manca una cosa
      - Scritto da: W.O.P.R.
      I cristalli di dilitio servono per regolare la
      reazione materia-antimareria, ma si trova solo
      nulle miniere di estrazione Cardassiane.che monopolizzano il commercio di dilitio e ci tengno sotto scacco commerciale. No ai monopoli! aboliamo il copyright!
  • Riccardo scrive:
    Articolo estivo?
    Ma facciamo sul serio?Stiamo parlando di quantità irrisorie di antimateria, per lo più impossibili da separare dalla materia per procedere alla raccolta. Ben diverso quando viene creata in laboratorio, dove l'origine è sempre o quasi la creazione di coppie particella-antiparticella o comunque tramite pochi tipi di reazione, quindi facilmente separabili sulla base della carica.Faremo prima a diminuire i costi per produrla in quantità in lab, altro che scienziati con retini cosmici che girano per le fascie di Van Allen!
    • Guybrush scrive:
      Re: Articolo estivo?
      - Scritto da: Riccardo
      Ma facciamo sul serio?
      Stiamo parlando di quantità irrisorie di
      antimateria, per lo più impossibili da separare
      dalla materia per procedere alla raccolta. Ben
      diverso quando viene creata in laboratorio, dove
      l'origine è sempre o quasi la creazione di coppie
      particella-antiparticella o comunque tramite
      pochi tipi di reazione, quindi facilmente
      separabili sulla base della
      carica.
      Faremo prima a diminuire i costi per produrla in
      quantità in lab, altro che scienziati con retini
      cosmici che girano per le fascie di Van
      Allen!Non sono d'accordo.Anche se distribuita su un volume ampio stiamo parlando di parecchi milligrammi della preziosa sostanza.L'origine è da stabilire, ma se fosse presente nel vento solare potrebbe tornare parecchio utile.GT
      • Riketto scrive:
        Re: Articolo estivo?
        - Scritto da: attonito
        bisogna vedere se "conviene" di piu andarla a
        prendere o dover sopportare il fatto del fallout
        che di solito e' in territorio nemico, per cui di
        solito chissenefrega, no? Adesso solo perche le
        testate iraniane che nelle speranze di teheran
        spazzeranno via israele andranno ad inquinare col
        fallout anche i quei quattro straccioni di
        palestinesi...
        ecchessaramai....il problema del fall-out e' che e' imprevedibile (Castle Bravo docet) e che comunque ricade su un territorio che magari vorresti conquistare per te...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 agosto 2011 11.25-----------------------------------------------------------
      • B & B scrive:
        Re: Articolo estivo?
        1mg = 10^-3...il microgrammo è 10^-6 ;)
      • Guybrush scrive:
        Re: Articolo estivo?
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Guybrush
        Se wikipedia ha ragione, i conti li hai cannati
        di un fattore
        mille.
        riporto da wikipedia: "La reazione di 1 kg di
        antimateria, con 1 kg di materia produce
        1,8×10^17J"
        quindi 1mg=10^-6 e quindi 1mg di antimateria con
        1mg di materia dovrebbe produrre
        1,8*10^11J.Lo avevo detto "se ho fatto i conti bene"... ho di nuovo scambiato grammi con KG, uffa.E = mc^2c^2 = 90.000.000.000.000.000 = 0,9*10^17m = 0,2*10^-5sostituisco e ottengoE = 0,2*10^-5*0,9*10^17= 0,18*10^(17-5)=1,8*10^11
        bisogna vedere se "conviene" di piu andarla a
        prendere o dover sopportare il fatto del fallout
        che di solito e' in territorio nemico, per cui di
        solito chissenefrega, no?No, perché il vento non sempre è tuo amico e, anzi, se ne frega abbastanza pure dei confini di stato.Certo, se pensi agli stati uniti loro sono abbastanza al sicuro se sono loro a tirare i missili.Penso più a india (che nello spazio ci sa andare, almeno fino alla luna e ritorno), l'india in particolare.Potresti poi mettere un bel satellite in orbita opportuna, fargli raccogliere gli antiprotoni e i positroni fino ad averne 6,02*10^20 (1mg di antiidrogeno, sempre se ho fatto bene i conti) e poi farlo precipitare sulla terra.A 100 metri d'altezza il un dispositivo attivato dalla pressione atmosferica fa aprire la "trappola" che teneva l'antimateria in stasi.BUMSempre per sport, immagina che la tua trappola magnetica riesca a catturare 10000 antiprotoni al secondo. Per caricarsi impiegherebbe 6,02*10^16 secondi (6,02^10*23 è il numero di avogadro, l'idrogeno ha numero atomico 1 e per fare 1 grammo di idrogeno ci vogliono 6,02*10^23 atomi... a noi basta 1mg, poi mettici che se ne catturano 10^4 quindi si riduce a ^16 il fattore).In un anno ci sono 3,1536*10^7 secondi, per cui impiegherebbe circa 2*10^9 anni... che vuoi che sia aspettare un paio di miliardi di anni?Diciamo che la trappola deve migliorare la propria efficienza di parecchio, ma proprio tanto (10^8 almeno) e quindi catturare 1.000.000.000.000 antiprotoni al secondo... hai voglia a pedalare.GT
        • attonito scrive:
          Re: Articolo estivo?

          1.000.000.000.000 antiprotoni al secondo... hai
          voglia a pedalare.prima parli di "ben di dio" li a portata di mano, e poi dici che ci vogliono millemila anni per raccoglierlo. pur non essendo in contraddizione, le due affermazioni si elidono a vicenda, quanto meno fino a che non ci sara' un "aspirapolvere" adatto. Un po come dire: "su titano ci sono laghi di benzina", ma se spendo due autobotti di carburante per portanr a casa mezza, tanto vale non andarci.Tornando a bomba (e' il caso di dirlo) e' piu "conveninete"(*) restare sulle armi termonucleari attuali quanto meno hanno un rapporto costi/benefici migliori(*) rispetto ad ipotesi materia/antimateria* = nell'ottica del guerrafondaio di turno.
          • shevathas scrive:
            Re: Articolo estivo?

            Tornando a bomba (e' il caso di dirlo) e' piu
            "conveninete"(*) restare sulle armi termonucleari
            attuali quanto meno hanno un rapporto
            costi/benefici migliori(*) rispetto ad ipotesi
            materia/antimateria

            * = nell'ottica del guerrafondaio di turno.mica tanto. Possono servire se vuoi sterilizzare un paese ma automaticamente ti fotti la possibilità di sfruttarne le risorse.
          • attonito scrive:
            Re: Articolo estivo?
            - Scritto da: shevathas

            Tornando a bomba (e' il caso di dirlo) e' piu

            "conveninete"(*) restare sulle armi
            termonucleari

            attuali quanto meno hanno un rapporto

            costi/benefici migliori(*) rispetto ad
            ipotesi

            materia/antimateria



            * = nell'ottica del guerrafondaio di turno.

            mica tanto. Possono servire se vuoi sterilizzare
            un paese ma automaticamente ti fotti la
            possibilità di sfruttarne le
            risorse.si parlava puntualmente di israele che e' uno sputo di Stato di 21000Km quadrati e 7-8milioni di abitanti. Per confronto, e' piu grande la Toscana di israele (che pero ha la meta' degli abitanti).Agli iraniani interessa spazzarli via, mica sfruttarne le risorse.Il problema per teheran e' che israele e' a sua volta una potenza nucleare (non ufficialmente) e se anche il territorio fosse devastato (citta, basi militari, fabbriche, etc) ci sono ancora uno o due sottomarini con testate atomiche pronti per la rappresaglia, ma c'e' sempre il pericolo del "dittatore pazzo" che ordina l'attacco incurante della rappresaglia... aspettiamo 8-9 anni che teheran avra l'atomica e poi vediamo che succede.http://it.wikipedia.org/wiki/Israele#Armi_nucleari_israeliane
          • Guybrush scrive:
            Re: Articolo estivo?
            - Scritto da: attonito

            1.000.000.000.000 antiprotoni al secondo...
            hai

            voglia a pedalare.

            prima parli di "ben di dio" li a portata di mano,
            e poi dici che ci vogliono millemila anni per
            raccoglierlo.Si, ci vogliono 2 miliardi di anni (se ho fatto bene i conti) con la tecnologia attuale.
            pur non essendo in contraddizione,
            le due affermazioni si elidono a vicenda, quanto
            meno fino a che non ci sara' un "aspirapolvere"
            adatto.Esatto.Pero' non avrebbe senso costruire un aspirapolvere adatto, mentre adesso sappiamo che "al prezzo di un aspirapolvere" c'è nelle vicinanze della terra abbastanza antimateria quanta non se ne e' mai vista prima.
            Un po come dire: "su titano ci sono laghi di
            benzina", ma se spendo due autobotti di
            carburante per portanr a casa mezza, tanto vale
            non
            andarci.Metano e non conviene raccoglierli adesso.In compenso potresti portarti appresso l'ossigeno e giocare a fare il "drago"... immaginati un lago di metano colpito da una nuvoletta di ossigeno e anidride carbonica con una temperatura di quasi 200°C più alta.
            Tornando a bomba (e' il caso di dirlo) e' piu
            "conveninete"(*) restare sulle armi termonucleari
            attuali quanto meno hanno un rapporto
            costi/benefici migliori(*) rispetto ad ipotesi
            materia/antimateriaNi.Si, con la tecnologia attuale, a patto di non mettere più piede sul territorio bombardato e di sperare che i venti non trasportino troppa monnezza in casa.In futuro... la bomba sale in orbita travestita da satellite, passa un po' di tempo ad accumulare antimateria e poi "BUM".Catturare e mettere da parte gli antiprotoni è solo "questione di tempo" e di tigna, lo spazio lassu' non manca.GT
          • attonito scrive:
            Re: Articolo estivo?
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: attonito


            1.000.000.000.000 antiprotoni al
            secondo...

            hai


            voglia a pedalare.



            prima parli di "ben di dio" li a portata di
            mano,

            e poi dici che ci vogliono millemila anni
            per

            raccoglierlo.
            Si, ci vogliono 2 miliardi di anni (se ho fatto
            bene i conti) con la tecnologia
            attuale.


            pur non essendo in contraddizione,

            le due affermazioni si elidono a vicenda,
            quanto

            meno fino a che non ci sara' un
            "aspirapolvere"

            adatto.
            Esatto.
            Pero' non avrebbe senso costruire un
            aspirapolvere adatto, mentre adesso sappiamo che
            "al prezzo di un aspirapolvere" c'è nelle
            vicinanze della terra abbastanza antimateria
            quanta non se ne e' mai vista
            prima.



            Un po come dire: "su titano ci sono laghi di

            benzina", ma se spendo due autobotti di

            carburante per portanr a casa mezza, tanto
            vale

            non

            andarci.
            Metano e non conviene raccoglierli adesso.
            In compenso potresti portarti appresso l'ossigeno
            e giocare a fare il "drago"... immaginati un lago
            di metano colpito da una nuvoletta di ossigeno e
            anidride carbonica con una temperatura di quasi
            200°C più
            alta.




            Tornando a bomba (e' il caso di dirlo) e' piu

            "conveninete"(*) restare sulle armi
            termonucleari

            attuali quanto meno hanno un rapporto

            costi/benefici migliori(*) rispetto ad
            ipotesi

            materia/antimateria

            Ni.
            il futuro e la da venire..... "qui, ora, e per un bel po' ancora" e' come dico io, le speculazioni "ma domani forse" lasciano il tempo che trovano: siamo a livello di ipotesi, parecchio lontani da uno studio di fattibilita': un conto e' dire "la' c'e' X", un altro conto e' "andare a prenderlo".A. "So dove ci sono quintali di oro che aspettano solo di essere presi"B. "ah, dove?"A. "nei forzieri della banca di stato, il problema e' andare a prenderlo."
            Si, con la tecnologia attuale, a patto di non
            mettere più piede sul territorio bombardato e di
            sperare che i venti non trasportino troppa
            monnezza in casa.
            In futuro... la bomba sale in orbita travestita
            da satellite, passa un po' di tempo ad accumulare
            antimateria e poi "BUM".
            Catturare e mettere da parte gli antiprotoni è
            solo "questione di tempo" e di tigna, lo spazio
            lassu' non manca.

            GT
          • Guybrush scrive:
            Re: Articolo estivo?
            - Scritto da: attonito[...]
            il futuro e la da venire..... "qui, ora, e per un
            bel po' ancora" e' come dico io, le speculazioni
            "ma domani forse" lasciano il tempo che trovano:
            siamo a livello di ipotesi, parecchio lontani da
            uno studio di fattibilita': un conto e' dire "la'
            c'e' X", un altro conto e' "andare a
            prenderlo".Si, tutto corretto a parte il "come dico io".La presenza di antimateria (SE CONFERMATA) la' dove si pensava ci fosse il vuoto cosmico apre uno scenario in più.
            A. "So dove ci sono quintali di oro che aspettano
            solo di essere
            presi"
            B. "ah, dove?"
            A. "nei forzieri della banca di stato, il
            problema e' andare a
            prenderlo."E pensi che nessuno abbia mai tentato di sottrarre denari da quelle parti?http://it.wikipedia.org/wiki/Scandalo_della_Banca_RomanaCome notizia è un po' datata, ma se vuoi notizie "certe" dove cioé si sa con certezza chi è il colpevole devi andare parecchio più indietro nel tempo fino a prima delle idi di marzo del 44 aC.Al momento i sistemi per bloccare i furti alla banca nazionale sono abbastanza efficaci da scoraggiare ladri e rapinatori, ma se speri che questo impedisca alla gente di pensare a come fare per appropriarsi di quell'oro... be' nemmeno fort knox è al sicuro.Tornando all'antimateria: il problema di "trovarla" senza spendere milioni di dollari in corrente elettrica e' stato risolto, ora si tratta di risolvere l'altro problema ovvero raccoglierla.Sarei poi curioso di sapere da dove proviene l'antimateria che stuzzica la nostra magnetosfera.GT
    • nessuno scrive:
      Re: Articolo estivo?
      Si. Sará pure una quantitá irrisoria di energia. Ma se fosse rinnovabile ?
      • MeX scrive:
        Re: Articolo estivo?
        Nulla si crea o si distrugge, ma tutto si trasforma
        • nessuno scrive:
          Re: Articolo estivo?
          - Scritto da: MeX
          Nulla si crea o si distrugge, ma tutto si
          trasformaIl sole ci mette miliardi di anni per consumarsi. Se quelle particelle sono il prodotto delle scontro tra perticelle dell'atmosfera e particelle sparate col vento solare, oppure se vengono direttamente dal vento solare possono essere considerate energia rinnovabile.
          • MeX scrive:
            Re: Articolo estivo?
            energia "rinnovabile" sulla base della durata media della nostra vita.Ma chissà se altre specie dell'universo vedrebbero di buon occhio il saccheggio all'antimateria, magari come iniziamo a raccoglierla arrivano ad annichilirci :D
      • Riccardo scrive:
        Re: Articolo estivo?
        Resterebbe una quantità irrisoria.Si parla di svariati anni per rinnovare lo strato nelle stime fatte, se vogliamo fare i conti così allora anche il petrolio è rinnovabile, basta aspettare quei milioni di anni perchè i residui organici si trasformino.Ripeto, per quando saremo in grado di sfruttare questa risorsa saremo in grado di produrre antimateria in quantità ben maggiori e a minor costo. Leggevo che l'ipotesi attuale sia mandare un velivolo da tenere in quella zona (non so se sia abbastanza in alto da poterlo mettere in orbita) con un circuito di superconduttore per costruire una trappola magnetica. Semplicemente irrealizzabile.Tutt'altro discorso quando avremo acXXXXX alle riserve di antimateria sparse su pianeti o oggetti celesti con ben altri campi magnetici. Perchè è bene ricordare che raccogliere antimateria significa raccogliere energia, produrre antimateria significa semplicemente trasformare energia che già si ha in una forma ad utilizzo più efficiente e a maggior densità (ovviamente perdendone tantissima nel proXXXXX di produzione, dall'entropia non si scappa)
Chiudi i commenti