Eee PC, Asus cova due nuovi modelli

Asus sembra aver già pianificato il lancio, nei prossimi mesi, di due nuovi modelli di Eee PC della serie 900 che, pur conservando uno schermo da 8,9 pollici, dovrebbero adottare la stessa tastiera del modello 1000 da 10 pollici

Taipei – Spinta dal desiderio di sfruttare l’ondata di popolarità dell’Eee PC e, nel contempo, dall’esigenza di difendersi dalla crescente e sempre più agguerrita concorrenza, Asus ha già pronto il lancio due nuovi varianti del suo ormai celebre portatilino a basso costo.

I dettagli sono ancora scarsi, ma secondo il sito taiwanese DigiTimes le prossime due incarnazioni di Eee PC porteranno il numero di modello 904 e 905. Entrambi i sistemi utilizzeranno il processore Intel Atom e avranno uno schermo da 8,9 pollici, dunque identico a quello degli attuali Eee PC 900/901. A differenza di questi ultimi, però, i nuovi modelli dovrebbe adottare una tastiera più grande (probabilmente la stessa del 1000 ), e dunque più confortevole da usare.

Al momento non sono note le caratteristiche peculiari del 904 e del 905, ma in molti prevedono che i nuovi Eee PC includeranno un disco e una batteria più capienti.

Sempre stando alle indiscrezioni, i due nuovi modelli saranno lanciati allo stesso prezzo degli attuali 900 e 901: ciò consentirà al produttore taiwanese di ridurre il prezzo di questi ultimi, eventualmente portandolo a 199 dollari, per contrastare più efficacemente certi netbook della concorrenza, quali l’ Aspire One di Acer.

Sui nomi dei futuri Eee PC il blog francese Blogeee.net , lo stesso che lo scorso maggio aveva pubblicato in anteprima le foto dell’ Eee PC 901 , non sembra completamente d’accordo con le fonti taiwanesi: il sito d’oltralpe parla anch’esso di 904 ma non di 905, e tira invece in ballo un presunto 903. Di entrambi i sistemi Blogeee.net ha pubblicato una serie di foto, tra le quali quelle riportate in questa pagina.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • antgri scrive:
    Non è tutto come sembra...
    Penso che molto del "digital-divide" che attanaglia il nostro Paese, in particolare il sud Italia, sia colpa dello scarso grado di penetrazione i servizi Internet hanno tra i potenziali utenti. Sono sempr epiù convinto invece che servizi usabili e accessibili, possano di fatto ridurre il divario digitale che pone a distanza molti utenti dalla rete, quindi determina l'insuccesso di molto servizi on line.Frequentemente si dà la colpa ai pochi danari spesi per la IT oppure alla banda, ancora troppo poco diffusa e troppo stretta.Nonostante siano aspetti significativi del problema, tuttavia lo rappresentano solo in parte.Non si è mai pensato di rendere i servizi Web più Usabili e più Accessibili. Si è spesso tralasciato questo aspetto, investendo solo sulle funzionalità. In realtà si sono costruite vere e proprie "cattedrali nel deserto", senza prevedere in alcun modo vie di accesso a queste.Nonostante dal 2004 ci sia una Legge a regolare l'accessibilità, ancora oggi troppo spesso evasa, si riscontra una mancanza di cultura dell'usabilità e del'accessibilità, in particolare nelle aziende che operano nella IT e che realizzano questi progetti.Come ho avuto modo di dire su un post nel mio blog ( http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digital-divide-davvero-tutta-colpa-della-banda-larga/ ) non bisogna dare tutta la colpa alla carenza di infrastrutture.Sarebeb auspicabile iniziare a risolvere i problemi riguardandanti gli operatori nel panorama IT.A tal eproposito sto pruomovendo uan iniziativa ( http://onlinecommonsense.gruppi.ilcannocchiale.it/ ) volta a sensibilizzare operatori nel settore ed aziende sull'argomento.Antonio Grillowebsite: http://www.antoniogrillo.it
    • erpubblicit ario scrive:
      Re: Non è tutto come sembra...
      - Scritto da: antgri
      Penso che molto del "digital-divide" che
      attanaglia il nostro Paese, in particolare il sud
      Italia, sia colpa dello scarso grado di
      penetrazione i servizi Internet hanno tra i
      potenziali utenti. Sono sempr epiù convinto
      invece che servizi usabili e accessibili, possano
      di fatto ridurre il divario digitale che pone a
      distanza molti utenti dalla rete, quindi
      determina l'insuccesso di molto servizi on
      line.

      Frequentemente si dà la colpa ai pochi danari
      spesi per la IT oppure alla banda, ancora troppo
      poco diffusa e troppo
      stretta.

      Nonostante siano aspetti significativi del
      problema, tuttavia lo rappresentano solo in
      parte.

      Non si è mai pensato di rendere i servizi Web più
      Usabili e più Accessibili. Si è spesso
      tralasciato questo aspetto, investendo solo sulle
      funzionalità.


      In realtà si sono costruite vere e proprie
      "cattedrali nel deserto", senza prevedere in
      alcun modo vie di accesso a
      queste.

      Nonostante dal 2004 ci sia una Legge a regolare
      l'accessibilità, ancora oggi troppo spesso evasa,
      si riscontra una mancanza di cultura
      dell'usabilità e del'accessibilità, in
      particolare nelle aziende che operano nella IT e
      che realizzano questi
      progetti.

      Come ho avuto modo di dire su un post nel mio
      blog (
      http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digi

      Sarebeb auspicabile iniziare a risolvere i
      problemi riguardandanti gli operatori nel
      panorama
      IT.

      A tal eproposito sto pruomovendo uan iniziativa (
      http://onlinecommonsense.gruppi.ilcannocchiale.it/

      Antonio Grillo
      website: http://www.antoniogrillo.italtra pubblicita'?perche' non te ne vai tanto io il tuo blog non lo apro nemmeno se muoricerchiamo di spostare l'interesse e la frustrazione dei tecnici e dei responsabili sul nulla.bravo bravo
  • saludos scrive:
    io emigro
    SPAGNA O MESSICO?http://en.wikipedia.org/wiki/Carlos_Slim_Hel%C3%BAtelmex telnor leggete leggete e piangete sopratuttorendetevi conto in che paese burletta state vivendocontratti giornalieri mentre ci sono aziende americane ed europee che assumono gli europei con contratti da 4000 euro al mese.Siamo ridotti peggio del messico ormai
  • Spectator scrive:
    OT [VE LO MERITATE]
    Mi dispiace per la situazione, davvero..Pero' ve lo meritate.Ma che cosa pretendete che oggi rispettino i vostri diritti solo perche' vi lamentate? Ma non avete capito che oggi destra o sinistra sono tutta una razza?Non vi presentate con lo schioppo e il forcone? Vi meritate questo, anzi mi auguro che vi facciano pure peggio, che finiate ad elemosinare un tozzo di pane per la strada.come dice Frankie Hi energy nessuna rivoluzione cambio di di programma abbiamo famiglia e non deve essere coinvoltasignori vi e' rimasto da masticarvi solo il morso buon appetito.
  • centoos scrive:
    situazione italiana
    fin quando esisteranno i contratti/schiavitù (progetto)e le grandi aziende dell'IT italiane (io lavoravo in una) preferiranno assumere gente completamente incompetente per risparmiare non credo che la situazione cambierà, ma tralasciando l'informatica, provate a guardare tutto da un altro punto di vista, tutti a tutti i livelli tentano di mangiare (soldi) su qualunque cosa a partire dal fruttivendolo sotto casa alle grandi multinazionali per finire con le leggi che sono fatte ad hoc per tutelare chi ruba. Nell Italia meridionale sono arrivati a fare contratti a progetto con durata una settimana e ogni venerdì ti dicono se devi lavorare la settimana dopo.
    • franchino scrive:
      Re: situazione italiana
      Anche nell'Italia del nord. In buona parte dei call center funziona così. Al sud è rimasto attivo ancora il caporalato...Figuriamoci
    • Epoch scrive:
      Re: situazione italiana
      - Scritto da: centoos
      Nell Italia meridionale sono arrivati a fare
      contratti a progetto con durata una settimana e
      ogni venerdì ti dicono se devi lavorare la
      settimana
      dopo.Nell'italia Settentrionale sono arrivati a fare contratti Giornalieri.Questo a casa mia si chiama Baronaggio, solo che invece di pagarti a fine giornata e recuperarti in piazza devi:1- Andare all'agenzia interinale (che non è mai sotto casa) a firmare il contratto.2- Andare a lavorare.3- Aspettare il 15 del mese dopo 4- Tornare in Agenzia a prendere la busta.5- Andare nella banca che ti indicano a prendere lo stipendio...VIVA IL LAVORO INTERINALE!!!!
      • Epoch scrive:
        Re: situazione italiana
        Oppsss Caporalato volevo dire....I Baroni sono un altra storia.
        • uranux scrive:
          Re: situazione italiana
          E' chiaro ed evidente che la situazione dell'avanzamento tecnologico italiano e di conseguenza dello sviluppo telematico italiano risente di una serie di eventi, tra loro connessi e concorrenti, alla definizione ultima del verdetto che potete leggere sotto ... FA VERAMENTE SCHIFO !!!!!In Italia sono presenti malesseri sociali dovuti in prima battuta ad un mercato del lavoro terribilmente appannaggio di pochi. Si bada al semplice risparmio e non si cerca di dare alcuna sicurezza al lavoratore medio che purtroppo, ditela come volete, DEVE TIRARE A CAMPA'.A tal fine vengono accettati contratti da fame in ogni campo e trovarne uno che rispetti la dignità del lavoratore stesso è "nearly impossible".D'altro canto anche il datore di lavoro e' costretto ad un esborso in termini di tasse che ha del vergognoso e che è stato l'origine di molte chiusure di piccole-medie aziende anch'esse in ogni settore. Il risultato, in tal frangente, è stata la fuga all'estero del piccolo e medio imprenditori.Fatto questo quadro valutativo, a quale conclusione si vorrebbe giungere citando esclusivamente due percentuali ?Ma continuiamo ad esporre.La mancanza di lavoro scoraggia giustamente il singolo lavoratore: - se ieri il signor Mario Rossi andava ad acquistare un auto senza molti pensieri, oggi i pensieri se li fa eccome.Ecco che calano le vendite.- Se il signor Mario Rossi poteva in passato concedersi la gioia di un figlio, oggi senza alcuna rassicurazione di tipo economico il figlio preferisce non farlo.Ecco che calano le nascite e si arriva a crescita zero.Il numero di italiani giovani e abili al lavoro cala giorno dopo giorno e l'eta media della popolazione sale di molti anni rispetto a 30-40 anni fa. Ci si aspetterebbe più lavoro a causa dell'ondata di pensionati, ma la recessione instauratasi inverte la tendenza causando tagli di personale ovunque.Ma se cala l'occupazione, è ovvio che cali anche la spesa e se cala la spesa cala di nuovo la vendita. E' la famosa girandola senza uscita no ? La mancanza di occupazione fa calare le vendite, e la mancanza di vendite fa calare, ovviamente, l'occupazione.AHAHAHAAHAH :)Ma continuiamo ....Calando la domanda o richiesta calano anche gli investimenti. E i pochi che sopravvivono (perchè dietro hanno interessi statali) si permettono il lusso di decidere condizioni e tempistiche IN OGNI DANNATO FRONTE.La liberalizzazione è un pericolo per queste aziende.Guardate per esempio ALITALIA. Non la recupereranno MAI.Va avanti a prestiti e quindi a spese del cittadino.Duole dirlo per le migliaia di lavoratori ... ma andrebbe rifatta da 0.Lo sviluppo IT in italia risente delle medesime problematiche di base.LE STESSE.Fino a che non saranno risolte (in un modo o nell'altro) non ci saranno miglioramenti ..... E NON SOLO NELL'IT ... MA IN QUALSIASI CAMPO.Agenzie Interinali, Agenzie Immobiliari, terziario sfrenato, IL SERVIZIO SUL SERVIZIO.Guadagno a costo di produzione ZERO !!!Come mai si sono tanto diffusi ?Io mi vergogno come Italiano a vedere che lo stato non faccia nulla. FANNO SCHIFO, DESTRA O SINISTRA CHE SIA.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 17.49-----------------------------------------------------------
          • franchino scrive:
            Re: situazione italiana
            Bravo. Ti meriti un bel quotone. Il problema reale di tutto ciò che hai scritto sai qual'è ? Se lo leggesse un nostro politico...si metterebbe a ridere divertito pensando fra se e se : " E chissenefrega ??? Io prendo i miei 15-20 mila euro mensili...ahahahah ".
          • uranux scrive:
            Re: situazione italiana
            Franchino se te ne vai dall'Italia fammi sapere. Ti faccio compagnia.
  • aaaaa scrive:
    WI-MAX ED INTERNET
    GRATIS PER TUTTI!!!!!Ecco la soluzione!!!! 8)
  • renee scrive:
    licenziamenti
    e intanto ci licenziano...
  • Nathaniel Hornblower scrive:
    Il Bel Paese
    E' stato sempre un posto dove si mangia bene, dove si sta al sole, dove si contempla la natura e le opere d'arte, dove ci si rilassa al bar a giocare a briscola.Cosa vuole questa internet?
    • BLah scrive:
      Re: Il Bel Paese
      E' vero
    • Antipop scrive:
      Re: Il Bel Paese
      - Scritto da: Nathaniel Hornblower
      E' stato sempre un posto dove si mangia bene,
      dove si sta al sole, dove si contempla la natura
      e le opere d'arte, dove ci si rilassa al bar a
      giocare a
      briscola.
      Cosa vuole questa internet?Come disse, in una sua vignetta, l'immenso Altan:In Italia siamo sempre lì lì per fare la rivoluzione. Ma poi arriva sempre ora di pranzo...
  • Epoch scrive:
    IT e costi in genere...
    Non è solo il singolo Italiano che ha la colpa. E' tutto il sistema italiano che non funziona, anche per quanto riguarda quelle istituzioni che fanno della rapidità di scambio delle informazioni un punto di forza, se non un business.Un analisi al livello molto macroscopico:Visto che le banche di tutto il mondo sono collegate telematicamente ed è possibile in qualsiasi momento sapere la situazione di qualsiasi conto da ogni angolo del globo (o quasi).Mi devono spiegare i tempio di incasso degli assegni o di accredito dei bonifici...Se già a questo livello ci troviamo nelle condizioni di 20 anni fa andiamo proprio male, oppure i tempi sono virtuali e servono per far guadagnare chi già ci straguadagna con i mutui.Oppure mi sbaglio?
    • Polemik scrive:
      Re: IT e costi in genere...
      Non sbagli, vale l'ultima che hai detto.
    • anonimo scrive:
      Re: IT e costi in genere...
      - Scritto da: Epoch
      Mi devono spiegare i tempio di incasso degli
      assegni o di accredito dei
      bonifici...In tempi non informatizzati il tempo medio di tratta "su piazza" era minimo perché esisteva la stanza di scambio.Ovvero tutti i cassieri delle banche si riunivano presso la sede della banca d'italia e contrattavano direttamente la compensazione tra i titoli. Purtroppo se volevi incassare a Napoli un assegno emesso a Torino dall'Ambroveneto ci voleva una settimana e se erano transazioni internazionali non si poteva sapere quando ma funzionava.Il sistema attuale, anche se informatizzato, è metodologicamente tornato indietro, al medioevo.Quindi i tempi di valuta di un assegno emesso su un conto in africa non sono più biblici mentre i tempi di effettivo accredito di un assegno tra due sportelli diversi di una stessa banca, nella stessa città sono raddoppiati.Tu dirai ma che mi frega, tranne che in vacanza il 99% dei pagamenti e degli incassi sono sempre nell'ambito del comprensorio ma vuoi mettere con le mitiche transazioni internazionali di cui favoleggiano gli economisti?Bisogna favorire la globalizzazione mica i porci comodacci di te privato cittadino o del negozietto dove vai a fare la spesa. Che poi rappresentiate una parte importante o margine dell'economia si sa che è questione di opinioni, la matematica è una scienza e certa, la statistica non è una scienza certa e l'economia, soprattutto quella più benvoluta dai media è scienza quanto l'astrologia. Chi ringraziare? Quella che è sempre incinta, la madre degli imbecilli.
      Oppure mi sbaglio?ti sbagli, la tecnologia, gli accorgimenti e le contromisure non servono contro gli imbecilli, hanno sempre troppe risorse.Ed il sistema delle fazioni non fa altro che favorire gli imbecilli nella scalata al potere (la "base" in un partito, con il tempo, tende solo a mandare avanti i più stupidi o chi è già compromesso perché in questo modo avrenno sempre necessità degli altri ed i leader tendono a circordarsi di incapaci per paura che qualcuno capace possa fargli le scarpe.Ed oltre a questo c'è anche chi ci marcia sopra...
  • pippo scrive:
    Paese di vecchi di m....a
    La generazione che ha messo le radici su questo pianeta dagli anni 10 agli anni 70 ha ROVINATO questo pianeta e noi ne paghiamo il conto.Questo in tutti i settori.Il sistema delle pensioni non regge piu? A loro cosa importa, DEVONO avere gli aumenti e DEVONO avere cio che gli spetta. Intanto mica ci saranno quando i loro figli non avranno piu' nulla...Perche' non fanno gli esseri umani a tempo? A 70 anni ti levi da rompere le pelotas, perche' anche gli altri hanno qualche diritto...
    • si_come_no scrive:
      Re: Paese di vecchi di m....a
      Pensa che grazie alle fatiche di quei "vecchi di m." che tu ora puoi scrivere *zzate su internet senz aver mai fatto un *zzo in vita tua, invece di andare a raccogliere pomodori sottopagato ed in condizioi di semi-schiavitù, o anche peggio.
      • Epoch scrive:
        Re: Paese di vecchi di m....a
        - Scritto da: si_come_no
        Pensa che grazie alle fatiche di quei "vecchi di
        m." che tu ora puoi scrivere *zzate su internet
        senz aver mai fatto un *zzo in vita tua, invece
        di andare a raccogliere pomodori sottopagato ed
        in condizioi di semi-schiavitù, o anche
        peggio.Pensa anche che grazie ai figli di quelle persone, che hanno buttato alle ortiche il fior fiore delle ditte italiane i nostri nipoti puliranno i cessi in india.
      • vecchiacci di m scrive:
        Re: Paese di vecchi di m....a
        - Scritto da: si_come_no
        Pensa che grazie alle fatiche di quei "vecchi di
        m." che tu ora puoi scrivere *zzate su internet
        senz aver mai fatto un *zzo in vita tua, invece
        di andare a raccogliere pomodori sottopagato ed
        in condizioi di semi-schiavitù, o anche
        peggio.e tu pensa e che proprio a quei vecchi di m***a che le cose stanno andando cosi tanto la pensione c'e' l'hannopagate due foglie di lattuga ed un litro di latte con le monetine velo meritate.una generazione di vecchi egoisti che 30 anni fa erano ancora piu' egoisti.Avete rivenduto il paese allo straniero per due tozzi di pane?ora se ve li tolgono fanno bene.[yt]o24v5mb6MN8[/yt]
        • rotfl scrive:
          Re: Paese di vecchi di m....a
          - Scritto da: vecchiacci di m
          e tu pensa e che proprio a quei vecchi di m***a
          che le cose stanno andando cosi tanto la pensione
          c'e'
          l'hanno
          pagate due foglie di lattuga ed un litro di latte
          con le monetine velo
          meritate.
          una generazione di vecchi egoisti che 30 anni fa
          erano ancora piu'
          egoisti.La prossima volta scrivi in italiano, che non si capisce proprio che lingua tu stia parlando nel messaggio che hai appena scritto.
          • Guybrush scrive:
            Re: Paese di vecchi di m....a
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: vecchiacci di m[...]
            La prossima volta scrivi in italiano, che non si
            capisce proprio che lingua tu stia parlando nel
            messaggio che hai appena
            scritto.Ecco, il problema e' tutto qua.I vecchi di madre (anagrammata) che oggi piagnucolano per la pensione, tra gli altri regali che ci hanno fatto, ci hanno lasciato un'istruzione via via sempre piu' lacunosa e inutile.Probabilmente il signore qui sopra ha tanta rabbia dentro, vorrebbe sinceramente cambiare le cose, ma non sa come fare ed e' privo degli strumenti necessari anche solo per tentare di ricercare una soluzione.Saluti.
          • franchino scrive:
            Re: Paese di vecchi di m....a
            E quindi qualche insulto direzionato qua e la risolve le cose. Complimenti.
    • BLah scrive:
      Re: Paese di vecchi di m....a
      Dovranno pur morire prima o poi..
      • uranux scrive:
        Re: Paese di vecchi di m....a
        Morire o meno non sarebbe una soluzione.Non siamo in grado di scrollarceli di dosso ora che siamo noi stessi a decidere ... un domani c'e' ne saranno altri al posto loro. L'onda del rinnovamento, sia esso culturale o meno, deve venire da chi ha idee per proporlo, non da persone che hanno i capitali.Nei paesi furbi gli scenziati propongono, i capitalisti finanziano la realizzazione delle proposte. STOPQui e' il contrario.I capitalisti fanno gli scenziati e il risultato, con rispetto parlando, è una merda.
      • franchino scrive:
        Re: Paese di vecchi di m....a
        Anche tu..e mi auguro più prima che poi. Ci vuole il rispetto per una generazione a cui tu non sei nemmeno degno di pulire il culo. La colpa di questa situazione è della gente che votate. E ora, se ci riesci, dai una mano alla natura.
    • franchino scrive:
      Re: Paese di vecchi di m....a
      Ammazzati. Nessuno se ne accorgerebbe.
    • 987 scrive:
      Re: Paese di vecchi di m....a
      quoto: vecchi di merda
  • www scrive:
    il governo teme internet
    L'attuale governo non sarebbe mai stato eletto se internet fosse più diffuso fra gli italiani, perciò non stupitevi se internet/informatica sono in calo, l'attuale regime di poteri si basa su una informazione condizionata dai poteri forti, internet è il loro più grande nemico e di certo lo combatteranno con tutti i mezzi di cui dispongono
    • chojin scrive:
      Re: il governo teme internet
      - Scritto da: www
      L'attuale governo non sarebbe mai stato eletto se
      internet fosse più diffuso fra gli italiani,
      perciò non stupitevi se internet/informatica sono
      in calo, l'attuale regime di poteri si basa su
      una informazione condizionata dai poteri forti,
      internet è il loro più grande nemico e di certo
      lo combatteranno con tutti i mezzi di cui
      dispongonoQuesta è la nuova, ennesima, idiozia della propaganda di sinistra? Ma ci credi davvero?
      • M3talG3ar scrive:
        Re: il governo teme internet
        Ci credo, se solo l'italiano medio fosse più informato questo sarebbe un paese bellissimo. Non è questione di destra o sinistra, è questione di sapere la verità. Quando vai fuori dall'italia ti rendi conto di dove vivi, e ti garantisco che non è un bel posto, non a caso è un paese che cola a picco.
        • chojin scrive:
          Re: il governo teme internet
          - Scritto da: M3talG3ar
          Ci credo, se solo l'italiano medio fosse più
          informato questo sarebbe un paese bellissimo. Non
          è questione di destra o sinistra, è questione di
          sapere la verità.

          Quando vai fuori dall'italia ti rendi conto di
          dove vivi, e ti garantisco che non è un bel
          posto, non a caso è un paese che cola a
          picco.Come se all'estero fossero tutte rose e fiori... I paesi dell' UE stanno tutti messi malissimo ed addirittura l' UK inizia ad avere gravi problemi di economia grazie alla sinistra di Gordon Brown che ha fatto fuori Tony Blair perchè era troppo filo-Bush e quindi la sinistra lo ha sbattuto fuori tacciandolo di alto tradimento. La popolazione ora vede cosa fa la sinistra massimilista di Brown, identica a quella italiana e di altri paesi UE. La Spagna poi... la ricchezza costruita dalla destra di Aznar è finita, Zapatero si è mangiato di tutto ed ha sfondato il fondo del barile... ora la Spagna è in crisi nera...
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            ...la spagna in crisi nera? ma se stanno MOLTO meglio di noi...tutta l'europa sta meglio di noi, tu quello che dici non l'hai visto di persona, ma lo senti al tg o lo leggi in qualche giornale LEGGERMENTE di parte...come la storia che il prezzo della benzina in italia è nella media europea... ma come l'hanno calcolata la media? no perché io sono stato a dublino, parigi, barcellona e madridli il prezzo della benzina è 1,18 euro al litro, non 1,58...parliamo della vita?a barcellona una bottiglia d'acqua (quindi un bene LEGGERMENTE fondamentale per la vita) costa 13 centesimi, in italia? 1 euroma andiamo avanti...a barcellona il pane costa 70 centesimi al kg (in alcuni posti pure di meno, ci sono filoncini a 12 centesimi), in italia quanto? 2,4 euro in alcune zoneil latte? 2 euro al litrocerto, in spagna un cellulare costa più che in italia, molto di più, pensa in spagna non ci sono cellulari a 9,99 euro, che paese messo male cavolo....ah, ma lo sai che un cellulare non puoi mangiarlo? cosa ti sfugge del fatto che in italia siamo nella condizione in cui 10 kg di pane (fondamentale per vivere) costano DI PIU' di un cellulare? (24 euro contro 15)parliamo dell'energia...in italia Carlo Rubbia (sicuramente un comunista mangia bambini, perché è un fisico ed è un premio nobel...) aveva proposto l'adozione del solare termodinamico utilizzando una sua miglioria che fa risparmiare un bel po', l'unica cosa è che serviva una legge per abbassare le tasse sul solare termodinamico, altrimenti sconveniente, berlusconi per tutta risposta l'ha licenziato da presidente dell'enea e al suo posto ha messo un suo amichetto che ha idee meno scomodeCarlo Rubbia è andato in spagna a proporre a zapatero la stessa cosa, che IL GIORNO DOPO gli ha fatto la legge, ora in spagna stanno iniziando ad usare il solare termodinamico proposto da rubbiache paese di comunisti mangia bambini, addirittura risparmiano sull'energia...vediamo l'argomento pace...Zapatero ha promesso che se diventava presidente, IL GIORNO dopo ritirava le truppe dall'iraq...bene il giorno dopo l'ha fattoprodi ha promesso che ritirava le truppe, appena eletto ha rinforzato le truppe italiane in iraqbisogna pure andare avanti?ah si, nel resto del mondo se un politico è indagato finisce sotto processo, in italia se un politico è indagatao viene eletto (perché i giudici sono comunisti mangia bambini no?), poi si fa una legge per non poter mai più essere accusato di niente, poi promette a tutti gli imprenditori italiani che nessuno potrà più toccarli e potranno fare tutto nell'illegalità senza problemi...uhm...eh gia, l'italia è messa proprio come gli altri stati...chi parla a favore dell'italia è in malafede oppure ha problemi mentali seri, non può dire certe cose credendoci veramente...
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: il governo teme internet
            Basta essere nella media dell'elettorato di destra: un delinquente o un imbecille inconsapevole
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            no è quello il punto, non bisogna essere delinquenti...io conosco persone bravissime che hanno votato berlusconi, persone inteligenti, e sai perché l'hanno votato? ecco cosa mi hanno risposto: "io ho 40 anni e faccio l'imprenditore, in questo paese di merda non so più come sopravvivere, se berlusconi mi promette che posso continuare a fare l'imprenditore evitando qualche tassa qua e la ed evitando intercettazioni scomode, io lo voto, anche se è un coglione"la gente lo vota per disperazione, perché ormai sono tutti imprenditori in italia (eh ti credo, a lavorare come dipendente non puoi guadagnare niente per le tasse, la pressione fiscale è la più alta nel mondo in italia, più del 50% dello stipendio netto, ma si può!) e lui questo l'ha capito, infatti durante le campagne elettorali fa sempre promesse mirate agli imprenditori (niente intercettazioni, possibilità di dichiarare falso in bilancio, possibilità di evadere le tasse evitando multe e galera, ecc...)ditemi voi se è normale che in italia uno stipendio di 1330 euro corrisponda ad un lordo di 2860, mi domando perché nessuno si lamenta di queste cose, bohah gia, ma ci pensano i sindacati, ovvero gli enti più inutili e corrotti in italia, che andrebbero rasi al suolo completamente, sono solo soldi buttati pure quelli...no, è più importante che l'italia ha perso gli europei, quando è evidente che il calcio non è più uno sport ma un business enorme, che le partite sono decise a tavolino e che i calciatori sono solo attori di serie c pagati uno sproposito per apparire su giornali e insieme a veline
          • Sgabbio scrive:
            Re: il governo teme internet
            i sidacati , non devono essere distrutti, ma riformati.
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            no invecem, i sindacati non devono esisterenon proteggono i diritti dei lavoratori, ma proteggono solo il conto in banca dei segretaripoi oggi proteggere i diritti dei lavoratori significa proclamare scioperi ogni tanto così qualcuno può farsi 2-3 giorni di vacanza in piùi lavoratori vanno protetti ma seriamenteoggi se in italia non lavori NON POSSO LICENZIARTIquesto non è proteggere i diritti dei lavoratori, è proteggere i soliti furbetti
          • Spv scrive:
            Re: il governo teme internet
            Quoto a tuono!!!
          • rotfl scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: ...

            uhm...eh gia, l'italia è messa proprio come gli
            altri
            stati...

            chi parla a favore dell'italia è in malafede
            oppure ha problemi mentali seri, non può dire
            certe cose credendoci
            veramente...QUOTO. Che dire, evidentemente forse (e dico FORSE) quando la gente morira' davvero per le strade di fame qualcuno iniziera' a dubitare del fatto che non sia esattamente come la raccontano sui giornali e in TV...
          • rotfl scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: chojin
            - Scritto da: ...

            ...

            la spagna in crisi nera? ma se stanno MOLTO

            meglio di

            noi...

            http://news.kataweb.it/item/460395

            Spagna, per Zapatero è la fine del miracoloAh ok, tu conosci bene quale sia la situazione in Italia e all'estero, per via del fatto che credi a quello che leggi su alcuni giornali ITALIANI. Capito tutto. Ok, bene, non c'e' speranza, e non c'e' alcun motivo per parlare con gente come te.
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: chojin

            - Scritto da: ...


            ...


            la spagna in crisi nera? ma se stanno MOLTO


            meglio di


            noi...



            http://news.kataweb.it/item/460395



            Spagna, per Zapatero è la fine del miracolo

            Ah ok, tu conosci bene quale sia la situazione in
            Italia e all'estero, per via del fatto che credi
            a quello che leggi su alcuni giornali ITALIANI.
            Capito tutto. Ok, bene, non c'e' speranza, e non
            c'e' alcun motivo per parlare con gente come
            te.Ma quanto sei ridicolo! Leggili quelli spagnoli.. il tuo amato Zapatero ora parla di "Decelerazione" economica... ehh! Certo, certo, non è una crisi..ehh!http://www.expansion.com/edicion/exp/economia_y_politica/politica/es/desarrollo/1117403.htmlZapatero continúa sin hablar de crisis económica aunque reconoce una "desaceleración"Publicado el 28/04/2008, por Expansión.comEl presidente del Gobierno ha vuelto a insistir en que no ve que la economía española esté en un momento de crisis, aunque ha reconocido que atraviesa por una desaceleración económica. Zapatero considera que la economía española crece, pero menos, ya que venimos de una época de un fuerte crecimiento.En su intervención en el programa de Televisión Española 59 segundos, José Luís Rodríguez Zapatero ha señalado que la economía española seguirá creando empleo, pero que al tener un fuerte potencial se incorporan más gente con deseos de participar en ella. No obstante, el jefe del ejecutivo ha reconocido que el paro aumentará, pero siempre estará dentro de las menores tasas de toda la historia de la democracia y cree que el repunte actual está dentro de una situación razonable. Además, ha querido subrayar que el empleo industrial ha aumentado por encima del 2%, a pesar del incremento del desempleo en el sector de la construcción.
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: chojin

            - Scritto da: ...


            ...


            la spagna in crisi nera? ma se stanno MOLTO


            meglio di


            noi...



            http://news.kataweb.it/item/460395



            Spagna, per Zapatero è la fine del miracolo

            Ah ok, tu conosci bene quale sia la situazione in
            Italia e all'estero, per via del fatto che credi
            a quello che leggi su alcuni giornali ITALIANI.
            Capito tutto. Ok, bene, non c'e' speranza, e non
            c'e' alcun motivo per parlare con gente come
            te.http://canarias24horas.com/index.php/2008062351008/nacional/-zapatero-anuncia-medidas-frente-a-la-crisis-economica.htmlZapatero anuncia medidas frente a la crisis económicaImprimir E-Mail * * 1 * 2 * 3 * 4 * 5(0 votos)lunes, 23 de junio de 2008zpeconomica.jpgMadrid/ El presidente del Gobierno, José Luis Rodríguez Zapatero, aseguró hoy que la economía española superará las dificultades, a pesar de que "son serias y afectan directamente a los ciudadanos". En la presentación del Informe Económico del Presidente del Gobierno 2008, en la sede del Consejo Económico y Social (CES), Zapatero insistió en que "estamos en mejores condiciones que otras veces para superar esas dificultades y para salir fortalecidos de esta fase problemática".Subrayó Zapatero que el Ejecutivo no adoptará medidas de ningún tipo que contradigan leyes esenciales de mercado o pongan en entredicho la solvencia de España y el rigor de su política económica en los mercados internacionales.El presidente admitió hoy que el crecimiento económico de 2008 estará por debajo del 2 por ciento, "un crecimiento débil a corto plazo, pero no un estancamiento duradero". Zapatero destacó que ese crecimiento débil, con la inflación alta, "traerá dificultades".Por ello, advirtió de que "no podremos durante algún tiempo absorber todas las solicitudes de empleo formuladas por los trabajadores".El presidente del Gobierno situó el principio de la recuperación, con un crecimiento más vigoroso, a partir del segundo semestre de 2009.
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: chojin

            - Scritto da: ...


            ...


            la spagna in crisi nera? ma se stanno MOLTO


            meglio di


            noi...



            http://news.kataweb.it/item/460395



            Spagna, per Zapatero è la fine del miracolo

            Ah ok, tu conosci bene quale sia la situazione in
            Italia e all'estero, per via del fatto che credi
            a quello che leggi su alcuni giornali ITALIANI.
            Capito tutto. Ok, bene, non c'e' speranza, e non
            c'e' alcun motivo per parlare con gente come
            te.http://www.xornal.com/article.php?sid=20080624131830ZAPATERO Y LA CRISIS ECONÓMICA DE ESPAÑAEditorialMartes, 24 de junio de 2008VOTA Sin interés Poco interesante De interés Muy interesante De gran importanciaRESULTADOS DE 18 VOTOSSin interésPoco interesanteMuy interesanteImprimir EnviarTal vez consciente de que en la opinión pública se ha instalado la sensación de que el Gobierno no afronta con decisión e ideas originales la sacudida de la crisis económica, el presidente Rodríguez Zapatero presentó un nuevo paquete de 20 medidas que pretenden amortiguar el impacto de la fuerte desaceleración. Recorte en un 70% de la oferta pública de empleo y congelación de los salarios de los altos cargos de la Administración central son dos de las medidas de mayor impacto en la ciudadanía, aunque el impacto cuantitativo que pueden tener sea poco significativo. Más bien parece que el Gobierno trata de dar imagen de austeridad, después de que se hayan oído críticas solventes por el aumento de altos cargos que supuso la nueva estructura del gabinete y por la deducción lineal de 400 euros a todos los asalariados.Zapatero presentó las nuevas medidas al día siguiente de la clausura del congreso del PP, lo que no deja de ser llamativo. Porque lo lógico es que, superadas las turbulencias poselectorales, Mariano Rajoy y su flamante equipo directivo del PP empiecen ahora a ejercer una oposición firme por el flanco que ofrece la incesante lluvia de malos datos económicos.Los populares ya han aprovechado la torpeza del presidente al empecinarse en no usar el término crisis, para lo que ha recurrido a los más forzados circunloquios. Ayer, sin ir más lejos, rescató el tópico de una conocida estrella de la radio cuando dijo que estamos ante una situación "difícil y complicada".Es cierto que medidas de choque como algunas de las presentadas -créditos blandos para rehabilitar viviendas e instalaciones turísticas, nuevo plan renove de vehículos, financiación adicional para pymes, etcétera- pueden tener efectos positivos para reanimar la economía. Pero si España quiere salir fortalecida de una crisis que durará al menos un año más, debe incidir en aspectos estructurales para mejorar la competitividad. Y ahí el Gobierno tiene un amplio margen para actuar. Y el PP, un terreno propicio para ejercer la oposición sin demagogias ni catastrofismos.Si, como dijo el presidente, la economía española avanzará un pobre 2% este año, tenemos asegurado un crecimiento del paro y un deterioro de las cuentas públicas. Por eso, además de medidas de choque, hace falta que el Gobierno explique con claridad a los ciudadanos cuáles son los problemas reales y por dónde se van a intentar atajar.
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            eh ovvio, sta scritto su un giornale italiano...gli stessi che dicono che IN EUROPA la media è 1,55 euro a litro per la benzina, mentre OVUNQUE sono stato, la benzina costa 1,18 (a dublino in alcuni distributori costava addirittura 1,15), in slovenia addirittura costa meno, infatti li hanno un economia in crescita vertiginosa (e vengono da una guerra devastante)ma è su questo che puntano i politici italiani, sulla vostra ignoranza perchè "l'ha detto la tv, quindi è vero"vai torna a guardare maria de filippi, non usare la testa, potrebbe farti male...
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: il governo teme internet
            Inconsapevole, ignorante elettore di un delinquente.Non fare discorsi da bar: tutte le classifiche e gli indicatori danno l'Italia fanalino di coda in Europa ed in picchiata.E la colpa non è della magistratura, ma di una classe politica corrotta e nullafacente, di una classe imprenditrice incapace di investire in innovazione e capace di portare solo i soldi alle cayman, di un capitalismo in cui non esiste il concetto di concorrenza ma solo quello di cartello e di una informazione pilotata da quel delinquente che hai votato che impedisce ai cittadini di sapere la verità.A questo aggiungici che siamo un popolo di vecchi con la 5 elementare ed avrai il risultato.Dimenticavo: la mafia e i politici sono culo e camicia e questo basta a dimezzare di netto il PIL togliendo dal mercato tutta l'italia da Roma in giù.In tutto questo bel quadro edificante c'è l'italiano medio: evasore fiscale, incivile, incolto e preso solo a comprare telefonini.Il paese è in declino, chi può se ne va. Una volta i topi erano i primi ad abbandonare la nave; Adesso i topi rimangono a banchettare nella stiva, mentre i marinai salgono su altre navi dove riescono a tirare avanti.E Forza Italia!
          • rotfl scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: Sus Scrofa
            Inconsapevole, ignorante elettore di un
            delinquente.
            Non fare discorsi da bar: tutte le classifiche e
            gli indicatori danno l'Italia fanalino di coda in
            Europa ed in
            picchiata.Esattamente.
          • rotfl scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: chojin
            - Scritto da: M3talG3ar

            Ci credo, se solo l'italiano medio fosse più

            informato questo sarebbe un paese bellissimo.
            Non

            è questione di destra o sinistra, è questione di

            sapere la verità.



            Quando vai fuori dall'italia ti rendi conto di

            dove vivi, e ti garantisco che non è un bel

            posto, non a caso è un paese che cola a

            picco.

            Come se all'estero fossero tutte rose e fiori...
            I paesi dell' UE stanno tutti messi malissimo ed
            addirittura l' UK inizia ad avere gravi problemi
            di economia grazie alla sinistra di Gordon Brown
            che ha fatto fuori Tony Blair perchè era troppo
            filo-Bush e quindi la sinistra lo ha sbattuto
            fuori tacciandolo di alto tradimento. La
            popolazione ora vede cosa fa la sinistra
            massimilista di Brown, identica a quella italiana
            e di altri paesi UE.AHAHAHAHAHAHA... certo certo... tu credici... tutti messi come l'Italia, eh? Ma certo. Chissa' come mai gli UNICI che credono a questa bella barzelletta sono quelli che vivono in Italia...
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: rotfl
            Italy's Economy On The Ropes (Again)
            http://news.google.com/news/url?sa=t&ct=us/0-0&fp=

            Italian inflation hits new record high in June
            http://news.google.com/news/url?sa=t&ct=us/2-0&fp=

            Hai ancora qualcosa da dire, buffone?E che vorrebbe dire? Vuoi fare i complimenti a Prodi? Perchè il risultato attuale dell'Italia è grazie al governo Prodi. Il governo Berlusconi è in carica da un due mesi ... e tu vorresti dire che è colpa di Berlusconi? Ma siete proprio disperati voi elettori di sinistra,eh?
          • rotfl scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: chojin
            E che vorrebbe dire? Vuoi fare i complimenti a
            Prodi?

            Perchè il risultato attuale dell'Italia è grazie
            al governo Prodi.

            Il governo Berlusconi è in carica da un due mesi
            ... e tu vorresti dire che è colpa di Berlusconi?
            Ma siete proprio disperati voi elettori di
            sinistra,eh?"Elettori di sinistra"? (rotfl)... Guarda che non vivo neanche in Italia. E' che mi fa tristezza vedere gente come te che mentre tutto va a rotoli in Italia continua a dire "si' ma all'estero e' uguale" (nessuno nega che ci sia crisi, ma nel resto dei paesi civilizzati ed economicamente avanzati la crisi e' BEN LONTANA dall'essere al livello di quella italiana).
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: rotfl
            - Scritto da: chojin

            E che vorrebbe dire? Vuoi fare i complimenti a

            Prodi?



            Perchè il risultato attuale dell'Italia è grazie

            al governo Prodi.



            Il governo Berlusconi è in carica da un due mesi

            ... e tu vorresti dire che è colpa di
            Berlusconi?

            Ma siete proprio disperati voi elettori di

            sinistra,eh?

            "Elettori di sinistra"? (rotfl)... Guarda che non
            vivo neanche in Italia. E' che mi fa tristezza
            vedere gente come te che mentre tutto va a rotoli
            in Italia continua a dire "si' ma all'estero e'
            uguale" (nessuno nega che ci sia crisi, ma nel
            resto dei paesi civilizzati ed economicamente
            avanzati la crisi e' BEN LONTANA dall'essere al
            livello di quella
            italiana).Sì, certo. Ammesso e non concesso che tu viva all'estero poi... Se vivi in tale paradiso come mai hai tanto interesse per vedere Berlusconi in galera e la democrazia annullata ? Ehh!Le favolette che all'estero è tutto perfetto... ma per favore!La sinistra fa danni in tutto il mondo allo stesso modo.
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            ma come si fa ad essere così a favore di berlusconi?ma sei uno di quelli secondo cui i giudici sono comunisti mangia bambini?ma ti sembra normale che un primo ministro faccia una legge PER NON FARSI METTERE IN GALERA?a me ricorda ciò che fecero hitler e mussolini ai tempi, non so a te...però vabbe, la tua è la tipica mentalità da itaGliano "bianco o nero", ovvero da tifo da stadio, se uno non è di destra allora è un comunista mangia bambinimah, o sei un imprenditore, e nel qual caso porti acqua al tuo mulino, oppure hai grossi problemiquando non avremo più nemmeno il pane (perché costerà 5 euro al kg), forse qualcuno inizierà a cambiare idea, soprattutto quando scoprirà che i cellulari non si possono mangaire
          • chojin scrive:
            Re: il governo teme internet
            - Scritto da: ...
            ma come si fa ad essere così a favore di
            berlusconi?
            ma sei uno di quelli secondo cui i giudici sono
            comunisti mangia
            bambini?Sono peggio e lo dimostrano ogni giorno, scarcerando criminali veri e conclamati, assassini, ladri, stupratori, terroristi. Tanto che gli frega? Il loro unico interesse è arrestare l'odiate Berlusconi.
            ma ti sembra normale che un primo ministro faccia
            una legge PER NON FARSI METTERE IN
            GALERA?Visto che è un perseguitato politico e che la magistratura è una costola della sinistra, è più che normale, è assolutamente necessario.Oltretutto esiste in quasi tutte le altre democrazie occidentali la sospensione dei processi per le alte cariche.
            a me ricorda ciò che fecero hitler e mussolini ai
            tempi, non so a
            te...
            però vabbe, la tua è la tipica mentalità da
            itaGliano "bianco o nero", ovvero da tifo da
            stadio, se uno non è di destra allora è un
            comunista mangia
            bambiniE vai di idiozie. Chirac è stato indagato dalla magistratura in Francia.. solo ora dopo che il suo mandato è scaduto sta subendo il processo. Dove sta lo scandalo? O vuoi dire che il democristiano Chirac è come Hitler e Mussolini ora?
            mah, o sei un imprenditore, e nel qual caso porti
            acqua al tuo mulino, oppure hai grossi
            problemi
            quando non avremo più nemmeno il pane (perché
            costerà 5 euro al kg), forse qualcuno inizierà a
            cambiare idea, soprattutto quando scoprirà che i
            cellulari non si possono
            mangaireE vai di idiozie... Veramente patetico.
          • ... scrive:
            Re: il governo teme internet
            ah berlusconi è un perseguitato politico...ma se la spagna ne ha chiesto l'espatrio per poterlo processare, ha processi aperti addirittura in spagna!andiamo su, in america clinton ha rischiato la poltrona per un pompino, non dire cavolate sugli altri stati per favorein tutto il mondo civile se il capo dello stato commette reati viene incriminato e punito, nel 99% dei casi salta la galera ovviamente, MA NON SI FA ELEGGERE per evitare il processo, e soprattutto non trova tanti idioti che lo votano al grido "a morte i comunisti"andiamo su
    • Silvione scrive:
      Re: il governo teme internet
      - Scritto da: www
      L'attuale governo non sarebbe mai stato eletto se
      internet fosse più diffuso fra gli italiani,L'altro governo non avrebbe fatto nulla per impedire questo.E' difficile buttare via quello che abbiamo creduto per decenni, ma le cose stanno cosi': non ci sono piu' maggioranza e opposizione, o sinistra e destra contrapposte; esiste una classe dirigente di personaggi che fanno il proprio comodo in barba a qualunque legge o principio.E sono alleati, anche se li vedi tirarsi la roba in parlamento o fingere di scannarsi in TV. Sembrano nemici giurati, poi, quando spengono le telecamere, si ricompongono e vanno a cena insieme. E dopo qualche giorno esce le leggina che te lo mette in quel posto.A te, cittadino, non e' dato di sapere questo perche' scenderesti in piazza col forcone in tempo zero, cosi' si perpetra il balletto ridicolo dell'avvicendamento di fazioni che fingono di farsi la guerra, poi si firmano a vicenda le leggi comode.Sono riusciti a trasformare la politica in tifo calcistico, il miglior espediente per mantenere il popolo in costante lotta con se' stesso. L'italiano medio non pensa piu' a selezionare per prima cosa una classe politica di persone degne di farne parte, e fra queste votare chi si avvicina al proprio orientamento, che sarebbe la scelta piu' logica, ma a votare chi strilla piu' forte i canti da stadio del proprio schieramento, a qualunque costo, e quale che sia la fedina penale del soggetto.Per me fra questo e fare festa perche' la tua squadra ha giocato da cani e commesso falli impuniti a ripetizione, per poi vincere al 90esimo con un rigore inesistente dato dall'arbitro comprato non c'e' nessuna differenza.Se chiedi al tifoso medio una cosa del genere ti rispondera' che e' addirittura piu' bello vincere cosi'. Ecco, considera che quello e' anche un elettore.Churchill, che la sapeva lunga, un giorno se ne usci' con "The best argument against democracy is a five minute conversation with the average voter". Come dagli torto?
  • max italiano scrive:
    avanti tutta.......
    Per i record negativi siamo sempre i primi.....che bello.
  • erpargolo scrive:
    cultura
    come scritto in un altro post il problema principale dell'italiano medio è la cultura.L'università in italia è spaventosa, io stesso (che non sono lauerato ma sono degli anni 70) sto dando ripetizioni ad una ragazza che deve passare gli esami di informatica, mi rendo conto dell'abisso culturale (è più un buco nero in effetti) di questa ragazza, e lei mi conferma che quasi tutti nella sua università sono ai suoi livelli.Non sto parlando di ignoranza della materia informatica (che potrebbe anche starci) ma di cultura generale che spazia dalla matematica (la base di tutto il nostro pensiero razionale) alla lingua italiana e passa pure per la filosofia.Questo analfabetismo rientrante unito al continuo lavaggio del cervello dei media fa parte di un progetto globale (es.Gelli) che mira alla "produzione" di soggetti altamente pilotabili.Dove il potere vuole portare il mondo lo si sa, basta scaricarsi qualche documento video o cercare informazioni su internet (partite da zeitegeist per esempio).Tutto questo che c'entra con l'IT, direte voi? C'entra.L'informatica è il veicolo della nuova rivoluzione industriale (chiamiamola col suo nome: "rivoluzione dell'informazione"), questo canale fa molta paura ai potenti, stanno già reagendo, stanno già inserendo decreti legge per censurare/chiudere/denunciare/arrestare/manganellare nel pieno della 'legalità'.Io penso questo: l'Italia è il cardine europeo del nuovo fascismo, molti potenti (usa, uk) si appoggeranno a noi per i loro piani strategici, ecco perchè in italia tutto è fermo da ormai 7 anni.Ecco perchè l'IT non si riprenderà più.
    • cip e ciop scrive:
      Re: cultura

      Questa è l'immagine che l'italiani hanno della
      scuola, del sapere, del sistema scientifico e
      delle persone che vi lavorano, qualsiasi
      rivoluzione va cominciata dal mutare questo
      atteggiamento.
      Concludo citando una frase che ho sentito che mi
      ha molto rattristato, pronunciata rigorosamente
      in
      dialetto:
      "Mi ho fat i schei senza 'ver bisogno de 'ndar a
      scuoea"
      "Io ho fatto i soldi senza avere bisogno di
      andare a
      scuola"sono anche io veneto come te e comprendo il tuo , chiamiamolo così, disagio per quella frase. Una frase che è intrisa della peggiore furbizia , miopia e mafiosità italiana secondo me.Quello stesso attegiamento poi tipico di molte zone del veneto che tendono a denigrare, ridicolizzare quando non addirittura ad escludere chi semplicemente parla l'italiano corrrente e non il dialetto.Ho vissuto in parecchie zone d'italia e succedeva esattamente il contrario... giustamente considerate le persone colte e lievemente (ma benevolmente) canzonato il personaggio un po' "truzzo".Ma molte cose stanno cambiando, perchè il mondo sta cambiando. Molte aziende guidate da ignoranti stanno perdendo quote di mercato quando non addirittura chiudendo.Darwin credo abbia sempre ragione: è solo questione di tempo
    • Might scrive:
      Re: cultura
      La tua analisi è (purtroppo) molto accurata e veritiera.Specie nell'ultimo punto: a volte, estremizzando, ho come l'impressione che la cultura (in particolare quella scientifica) sia CONTROPRODUCENTE se si vogliono fare soldi nel nostro paese!
    • fallcies detector scrive:
      Re: cultura
      - Scritto da: erpargolo
      come scritto in un altro post il problema
      principale dell'italiano medio è la
      cultura.
      L'università in italia è spaventosa, io stesso
      (che non sono lauerato ma sono degli anni 70) sto
      dando ripetizioni ad una ragazza che deve passare
      gli esami di informatica, mi rendo conto
      dell'abisso culturale (è più un buco nero in
      effetti) di questa ragazza, e lei mi conferma che
      quasi tutti nella sua università sono ai suoi
      livelli.Fallacia, campione insufficientehttp://www.linux.it/~della/fallacies/generalizzazione-affrettata.html
  • uranux scrive:
    Niente di nuovo.
    Mi sembra di vedere una manica di incravattati che legge il libro dal titolo ITALIA.E ci è voluta una conferenza e non so quanti mesi di studi e analisi per capire tutto questo ?Davvero non si comprende come mai il popolo italia e' in ritardo sulle innovazioni e fa basso uso dei servizi di recente generazione ?Cioè mi si scusi ... ma pretendete che un popolo ormai incanutito come quello italiano, che per anni ha avuto crescita zero, che va sempre piu' verso l'aumento dell'età media, che non concede investimenti, che non scommette sui giovani ... dia un'immagine progressista ed evoluta ?Si pretende che i servizi siano competitivi e al passo con i tempi ? Ci si aspetta che vengano usati ?Stiamo vaneggiando.Basta guardare la foto della conferenza :) LOL Dietro il banco, a parlare di tecnologia ed evoluzione non c'e' un tizio sotto i 40. Anzi, ho paura che abbiano (tranne uno) almeno 30 anni per gamba.Invece di fare le pubblicità ingannevoli sui tanti servizi .. perchè le poste o le banche non cominciano a favorire l'uso delle nuove tecnologie distribuendole a partire dai giovani ? Gli anziani difficilmente si compreranno il computer per pagare le bollette via internet :) Che scoperta vero ?La vera scoperta sarebbe vedere la banca VUOTA. Ma in italia se in banca ci devi andare per forza (magari per aprire un conto) c'e' gente che ancora va li per fare la qualsiasi.Aspetta, la prossima volta vengo io in conferenza.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 10.06-----------------------------------------------------------
  • Nilok scrive:
    Governare l'Ignoranza
    Augh,è più facile sfruttare uno che la sa lunga o uno ignorante?Stupirsi di quanto NON venga fatto per incrementare la conoscenza degli individui è fare finta di non sapere "come va questo pianeta".Bisgona sostenere Governi che FANNO il BENE dei loro Cittadini:http://it.youtube.com/watch?v=kCkl46EOQ3oHo parlatoNilok
    • mafe lover scrive:
      Re: Governare l'Ignoranza
      - Scritto da: Nilok
      Augh,Ave,
      è più facile sfruttare uno che la sa lunga o uno
      ignorante?indovina un po'?
      Stupirsi di quanto NON venga fatto per
      incrementare la conoscenza degli individui è fare
      finta di non sapere "come va questo
      pianeta".C'è tanta gente cattiva là fuori?(newbie)
      Bisgona sostenere Governi che FANNO il BENE dei
      loro
      Cittadini:Uh che belle parole!
      http://it.youtube.com/watch?v=kCkl46EOQ3oMa il video propaganda? Che c'entra?
      Ho parlatoAvrei preferito un tuo silenzio.
      Nilokmafe lover
      • Tom Cross scrive:
        Re: Governare l'Ignoranza
        - Scritto da: mafe lover


        Ho parlato

        Avrei preferito un tuo silenzio.


        Nilok

        mafe loverQuoto
    • Tom Cross scrive:
      Re: Governare l'Ignoranza
      - Scritto da: Nilok
      Augh,

      è più facile sfruttare uno che la sa lunga o uno
      ignorante?Grande! :D
      Stupirsi di quanto NON venga fatto per
      incrementare la conoscenza degli individui è fare
      finta di non sapere "come va questo
      pianeta".Prego definire "incrementare la conoscenza degli individui"
      Bisgona sostenere Governi che FANNO il BENE dei
      loro
      Cittadini:

      http://it.youtube.com/watch?v=kCkl46EOQ3o

      Ho parlato

      NilokPer stordirmi preferisco questo[yt]Q0wZQbK938Y[/yt]
    • erpargolo scrive:
      Re: Governare l'Ignoranza
      - Scritto da: Nilok
      Bisgona sostenere Governi che FANNO il BENE dei
      loro
      Cittadini:

      http://it.youtube.com/watch?v=kCkl46EOQ3o
      Occhio, è facile cadere nel tranello.Quel video è lo spot di un'associazione riconducibile a scientology.Scientology non è proprio un'associazione senza fini di lucro per la liberazione da tutti i mali come vogliono far credere.Scientology è una setta religiosa (una "chiesa" come loro stessi scrivono) che si affianca in modo complementare a quelle classiche (cristiana/protestante/...).Il fine rimane sempre quello: avere il controllo e il potere.Del resto, chiediti come faccianno a mantenere un sito in 8 lingue diverse con tanto di contenuti multimediali tutti tradotti e adattati al paese di destinazione, con tanto di convegni/memorial/publbicità/stampe/libri/.....Scientology è un setta (tra l'altro di stampo massonico), la vita che ha vissuto ron hubbard è piena di lati oscuri, troppi per essere una cosa limpida e cristallina come vogliono farti credere.
      • ciko scrive:
        Re: Governare l'Ignoranza


        Occhio, è facile cadere nel tranello.
        Quel video è lo spot di un'associazione
        riconducibile a
        scientology.
        Scientology non è proprio un'associazione senza
        fini di lucro per la liberazione da tutti i mali
        come vogliono far
        credere.ma va? http://www.piforum.it/b.aspx?i=2326070&m=2328304#p2328304Nilok ne fa sicuramente parte ed e' per questo che la promuove...andrebbe bannato dal forum...
      • aria scrive:
        Re: Governare l'Ignoranza
        la chiesa cristiana in passato ha sterminato un enorme quantità di vite, pensa alle crociate.ora detiene soldi, potere, preti pedofili intoccabili (pena la scomunica), preti papponi (leggete i tg online, i mass media censurano), e via di seguito...che problema ti crea una nuova società religiosa che vuol arrivare al potere? ti da fastidio che venga tolto il potere dalla tua chiesa? finchè non fanno del male a nessuno, vivi e lascia vivere.per quanto riguarda l'articolo, l'Italia (politica, amministrativa, etc) andrebbe rasa al suolo e ricreata da zero. Purtroppo dobbiamo subire almeno un decennio (se non ventennio) di miseria e povertà, prima di poter vedere una nuova generazione politica che aiuti tutti, compreso il mondo dell'IT.
        • magomago scrive:
          Re: Governare l'Ignoranza
          - Scritto da: aria
          la chiesa cristiana in passato ha sterminato un
          enorme quantità di vite, pensa alle
          crociate.

          ora detiene soldi, potere, preti pedofili
          intoccabili (pena la scomunica), preti papponi
          (leggete i tg online, i mass media censurano), e
          via di
          seguito...

          che problema ti crea una nuova società religiosa
          che vuol arrivare al potere? ti da fastidio che
          venga tolto il potere dalla tua chiesa?


          finchè non fanno del male a nessuno, vivi e
          lascia
          vivere.
          prima vatti a leggere http://xenu.com-it.net/puoi se vuoi ne riparliamoper quanto riguarda ai danni fatti dalla chiesa cattolicatu intanto pensa alla tua.http://xenu.com-it.net/suicidi.htm
          • ... scrive:
            Re: Governare l'Ignoranza
            a prescidnere da tutto, io penso che basti un affermazione del fondatore di scientology per screditare tutto:"il miglior modo di fare soldi è fondare una religione"andiamo su, ma a chi volete darla a bere?le religioni servono solo ad avere il potere e ad agire incontrollati scatenando i propri istinti (violenza e perverzioni soprattutto) senza pauranon a caso il 99% delle sette religiose passano il tempo ad organizzare mega orgie e a gestire i fondi degli associati facendo investimenti, riciclando denaro, ecc...ma le varie ragazze ritrovate negli stati uniti scappate da qualche luogo di culto di scientology ce le siamo scordate? avevano tutte subito violenze sessuali sotto l'effetto di varie droghe...
    • laura scrive:
      Re: Governare l'Ignoranza
      - Scritto da: Nilok
      Augh,

      è più facile sfruttare uno che la sa lunga o uno
      ignorante?Senza dubbio uno ignorante, in particolare se ha studiato in uno degli istituti facenti capo, o connessi in qualche modo, a Scientology, definito a suo tempo "Culto dell'ingordigia e del potere" dal Time Magazine.http://www.cs.cmu.edu/~dst/Fishman/time-behar.htmlVolete sapere cosa succede alle famiglie "toccate" dal culto? Leggetevi questa storia.http://www.ecentral.com/members/skeller/E' molto lunga. Se necessario fatevela tradurre, ma leggetela perchè ne vale davvero la pena. Sono informazioni che non è facile trovare su altri siti.In particolare descrive i risultati dell'indottrinamento che ricevono i ragazzi, i quali arrivano anche a troncare ogni rapporto con gli stessi genitori, qualora questi ultimi siano critici nei confronti del culto (disconnessione), in una forma estrema di protezione dell'organizzazione, come sono plagiati a fare fin dall'inizio.Negli Stati Uniti stanno per inaugurare una scuola fondata da Will Smith (l'attore), amico stretto di Tom Cruise, noto scientologo. La scuola ha incluso nel proprio curriculum l'insegnamento di alcune tecniche tratte dai libri di Ron Hubbard e ha fra i propri insegnanti diversi membri del culto. Appena la notizia si è diffusa Will Smith ha immediatamente dichiarato di non essere uno scientologo, ma la scuola ha deciso di nascondere la polvere sotto il tappeto togliendo dal curriculum i riferimenti alle "materie" incriminate e i nomi dei membri iscritti a Scientology. Basta una ricerca ben fatta per trovare cose interessanti.Naturalmente scrivo questo non a te ma a beneficio di chi non conoscesse ancora il pericolo e fosse tentato dalla prospettiva di far studiare i propri figli in un istituto alternativo. Ce ne sono anche in Italia, purtroppo.
      • Nilok scrive:
        Re: Governare l'Ignoranza
        Augh,ovviamente la Calunnia e la Diffamazione è facile da fare stando nell'ombra.Inoltre il Forum che ti sta ospitando non è responsabile degli eventuali crimini che stai commettendo facendo affermazioni e riportando cose che, non avendole verificate personalmente e direttamente, potrebbero nuocerti a tua insaputa.Io, personlmente, prima di vomitare "accuse" contro chiunque, mi assicurerei che quello che sto dicendo o riportando sia vero, proprio per non incorrere in "reati involontari" ma che COMUNQUE la LEGGE Italiana PUNISCE in quanto "non prevede ignoranza".Questo non lo dico a te ma a beneficio di coloro che potrebbero essere INGANNATI dalla tua DISINFORMAZIONE.Infine, faccio presente che, NON E' sufficiente affermare che qualcuno "è colpevole" di qualcosa perchè REALMENTE lo sia.Tu potresti tranquillamente essere una terrorista... chi lo sà?Oppure potresti essere una mercenaria (ammesso che tu sia una "femmina") assoldata per screditare Scientology.O ancora, potresti semplicemente essere una persona che cerca un pochino di attenzione da parte degli altri...Continua pure a fare disinformazione a diffamare ed a calunniare....i danni che puoi causare sono veramente POCHI e presto comunque finiranno.Per coloro che sono più razionali e non credono ai PETTEGOLEZZI o alle "voci riportate", potete correttamente informarvi su:http://scientology.itHo parlatoNilok
        • lol scrive:
          Re: Re: Governare l'Ignoranza
          già e per avere un parere obbiettivo sulla mafia potete andare su www.mafia.itma mi facci il piacere!
  • Funz scrive:
    Italiani popolo di ignoranti
    Altro che mancanza di investimenti nell'ICT, bandalarga e bla bla bla. il problema di questo Paese è che è formato da una maggioranza di persone il cui livello culturale va dal semi-analfabeta in giù. Non dite che non è vero, basta accendere la TV o vedere chi viene mandato al governo...Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla scuola, per farla funzionare sul serio, sperando che tra una generazione si ritorni ad un livello decente.
    • TLH scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      Grande! Quoto. E' pieno di idioti che sanno solo fare polemica e protestare su tutto.
    • franchino scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      E' drammaticamente vero ciò che hai detto. Il problema principale è tuttavia riuscire a guardare al futuro. Nel prossimo lustro le cose sono destinate a degenerare ancor più. Siamo purtroppo nelle mani di un "partito" che non esiste così come non esistono dei programmi. E' forse arrivato il momento di abbandonare questo paese.
    • piesio scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      la puntata di ieri di lucignolo, che ho guardato per 10 minuti, è stata per quei 10 minuti imbarazzante. mi vergognerei solo di avere parenti che lo guardano.ed è solo un esempio...
      • franchino scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        Uno dei motivi di successo in campagna elettorale sono proprio queste trasmissioni per celebrolesi...Ciò la dice lunga sullo spessore dell'italiano...
      • AMEN scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        - Scritto da: piesio
        la puntata di ieri di lucignolo, che ho guardato
        per 10 minuti, è stata per quei 10 minuti
        imbarazzante. mi vergognerei solo di avere
        parenti che lo guardano.Ma almeno Lucignolo sai che è una merdaCi sono invece indecenze che cercano di farsi passare per informazionehttp://odiostudioaperto.blogspot.com/
    • chojin scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      - Scritto da: Funz
      Altro che mancanza di investimenti nell'ICT,
      bandalarga e bla bla bla. il problema di questo
      Paese è che è formato da una maggioranza di
      persone il cui livello culturale va dal
      semi-analfabeta in giù.

      Non dite che non è vero, basta accendere la TV o
      vedere chi viene mandato al
      governo...E vai di supponenza ed arroganza classica delle persone di sinistra. Come se gli elettori e gli esponenti di sinistra fossero dei tuttologhi...e non fossero ignoranti... ma per favore! Vogliamo parlare di DiPietro ? Tanto per citare un caso eclatante...
      Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla scuola,
      per farla funzionare sul serio, sperando che tra
      una generazione si ritorni ad un livello
      decente.Per te decente significa votare a sinistra sempre e comunque perchè "è cultura" (kultura magari..) ?
      • franchino scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        Ancora con sta sinistra sinistra... Mi viene il dubbio che il partito vi abbia imposto di girare solo a destra quando siete in giro...Solo a destra...altrimenti prendi qualche virus strano...Poveretti
      • Nifft scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: Funz

        Altro che mancanza di investimenti nell'ICT,

        bandalarga e bla bla bla. il problema di questo

        Paese è che è formato da una maggioranza di

        persone il cui livello culturale va dal

        semi-analfabeta in giù.



        Non dite che non è vero, basta accendere la TV o

        vedere chi viene mandato al

        governo...

        E vai di supponenza ed arroganza classica delle
        persone di sinistra. Come se gli elettori e gli
        esponenti di sinistra fossero dei tuttologhi...e
        non fossero ignoranti... ma per favore!

        Vogliamo parlare di DiPietro ? Tanto per citare
        un caso eclatante...




        Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla
        scuola,

        per farla funzionare sul serio, sperando che tra

        una generazione si ritorni ad un livello

        decente.

        Per te decente significa votare a sinistra sempre
        e comunque perchè "è cultura" (kultura magari..)
        ?Quando lo capiranno quelli di "destra" che criticare la destra non vuol dire osannare la sinistra? Evidentemente il concetto di critica non fa parte del loro DNA...Se la destra fa schifo, lo fa a prescindere da quello che fa la sinistra. Qui non vale il principio da tifo calcistico per cui una parte fa sempre schifo e l'altra è sempre magnifica.
        • franchino scrive:
          Re: Italiani popolo di ignoranti
          Tu hai perfettamente ragione. Il problema risiede nel diktact psicologico che arriva dall'"alto". Non possono avere il lusso di pensare... ( e purtroppo nemmeno noi ).
      • Sus Scrofa scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        Se analizzi i dati sui flussi elettorali ti rendi conto da te che berlusconi i voti li prende da tre categorie:-gli evasori fiscali-lavoratori a basso reddito e scolarità bassa-pensionati rincoglioniti da rete4con questo non voglio dire che a sinistra ci siano tutti genii. Ma che il tipico elettorato di destra sia ignorante è un dato sociologico costante in tutte le nazioni dal secondo dopoguerra.Poi gli imbecilli ci sono anche a sinistra, ma come si è visto alle scorse elezioni, tanti di quelli di sinistra non hanno votato, perchè almeno loro sanno quando un politico è impresentabile (altrimenti avrebbero continuato a votare Veltroni come pecoroni).Piccola nota su DiPietro: parlerà male, non saprà il congiuntivo, ma è l'unico politico in questo parlamento a denunciare i veri problemi dell'italia, mentre la destra si preoccupa di salvare berlusconi dai processi.
        • chojin scrive:
          Re: Italiani popolo di ignoranti
          - Scritto da: Sus Scrofa
          Se analizzi i dati sui flussi elettorali ti rendi
          conto da te che berlusconi i voti li prende da
          tre
          categorie:

          -gli evasori fiscali
          -lavoratori a basso reddito e scolarità bassa
          -pensionati rincoglioniti da rete4E vai di idiozie. Ma ci credi davvero a queste cavolate?Poi ora per gli elettori di sinistra i pensionati sarebbero "rincoglioniti" ? Ma và! E per fortuna che la sinistra sbandiera, a chiacchiere, "il rispetto" per anziani e pensionati... ehhh! "il rispetto" per chi ha un reddito basso e bassa istruzione... Oramai la sinistra ed i suoi elettori sono proprio diventati una setta... eh? Ma in fondo sono sempre state chiacchiere "rispetto delle minoranze" , "rispetto del proletariato" e tutte le stupidaggini che sono propagandate da oltre un secolo.
          con questo non voglio dire che a sinistra ci
          siano tutti genii. Ma che il tipico elettorato di
          destra sia ignorante è un dato sociologico
          costante in tutte le nazioni dal secondo
          dopoguerra.La cosa triste è che ci credi davvero a quello che dici.
          Poi gli imbecilli ci sono anche a sinistra, ma
          come si è visto alle scorse elezioni, tanti di
          quelli di sinistra non hanno votato, perchè
          almeno loro sanno quando un politico è
          impresentabile (altrimenti avrebbero continuato a
          votare Veltroni come
          pecoroni).Tanti di sinistra non hanno votato? Ma per favore! Se volete credere alle favole... La percentuale di elettori delle elezioni del 2008 è praticamente la stessa di quella del 2006. Il problema è che Veltroni ha fregato Bertinotti e compagnucci creando un mostro come DiPietro e di fatto regalandogli tutti i voti che erano della sinistra estremista classica.
          Piccola nota su DiPietro: parlerà male, non saprà
          il congiuntivo, ma è l'unico politico in questo
          parlamento a denunciare i veri problemi
          dell'italia, mentre la destra si preoccupa di
          salvare berlusconi dai
          processi.DiPietro non denuncia i problemi, lui è un problema per questo paese assieme a tutti quei magistrati cattocomunisti e comunisti faziosi, militanti ed ignoranti che non hanno alcun rispetto per la democrazia e si credono onnipotenti.
          • No name scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: chojin
            La cosa triste è che ci credi davvero a quello
            che
            dici.La cosa triste è che un uomo che ha infranto ripetutamente la legge non solo non viene punito, ma siede alla Presidenza del Consiglio. E che c'è ancora gente che, o per ingenuità, o per ignoranza, continua a votarlo.
          • chojin scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: No name
            - Scritto da: chojin


            La cosa triste è che ci credi davvero a quello

            che

            dici.

            La cosa triste è che un uomo che ha infranto
            ripetutamente la legge non solo non viene punito,
            ma siede alla Presidenza del Consiglio. E che c'è
            ancora gente che, o per ingenuità, o per
            ignoranza, continua a
            votarlo.Perchè piuttosto non ti chiedi come mai "la legge", questa legge, questa magistratura, guarda caso, non indaghi mai ed insabbi sistematicamente qualsiasi indagine riguardo a Coop/Unipol e giunte di sinistra? Ehh!E sempre questa magistratura libera ogni giorno mafiosi assassini, stupratori, ladri, borseggiatori, rapinatori di banche... l'unico interesse di questa magistratura è mettere in galera Berlusconi, tutto il resto non conta, e per farlo si inventano qualsiasi cosa. Questa magistratura è marcia fin nel midollo e non è diversa dalla "legge" di paesi come Cina, Sud Korea, Cuba, Iran...
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            Non ci sono solo i pensionati rincoglioniti da rete 4. Ci sono anche i bambocci rincoglioniti da lucignolo, evidentemente...Goditi l'Italia che ti meriti, elettore di un delinquente.
          • chojin scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: Sus Scrofa
            Non ci sono solo i pensionati rincoglioniti da
            rete 4. Ci sono anche i bambocci rincoglioniti da
            lucignolo,
            evidentemente...

            Goditi l'Italia che ti meriti, elettore di un
            delinquente.A voi elettori di sinistra manca il concetto basilare della democrazia. Non avete alcun rispetto per chi non la pensa come voi. Pretendete di imporre le vostre idee ad ogni costo e per questo la magistratura, la stampa, la sinistra tutta.. come sempre da 15 anni, ora sta di nuovo tentando di impedire a Berlusconi di governare e costringerlo alle dimissioni. I fanatici pseudo-religiosi di sinistra, questa sinistra figlia del '68 con nipoti e pronipoti si dimostra essere un pericolo ed una fonte di dittatura mondiale che impedisce la democrazia. Una vera e propria setta.
          • ... scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti

            A voi elettori di sinistra manca il concetto
            basilare della democrazia.Fare una legge che impedisce la condanna del presidente del consiglio è molto democratico invece...
            Non avete alcun rispetto per chi non la pensa
            come voi. Pretendete di imporre le vostre idee ad
            ogni costo e per questo la magistratura, la
            stampa, la sinistra tutta.. come sempre da 15
            anni, ora sta di nuovo tentando di impedire a
            Berlusconi di governare e costringerlo alle
            dimissioni.ah ovvio, i giudici sono comunisti (mangia bambini, è fondamentale per impaurire le madri e le vecchiette), e la stampa è in mano alla sinistra, così come tutti i media...scusa ma di chi è mediaset? e con quale altro ente italiano faceva accordi? la rai? e chi ha tutti i giornali in italia? si un nanetto pelatino...
            I fanatici pseudo-religiosi di sinistra, questa
            sinistra figlia del '68 con nipoti e pronipoti si
            dimostra essere un pericolo ed una fonte di
            dittatura mondiale che impedisce la democrazia.
            Una vera e propria
            setta.la sinistra una dittatura? tu hai grossi problemila sinistra pseudo-religiosa? hai ENORMI problemi...quella di ora non è sinistra, sono un branco di pecore che cercano di spartirsi quello che i tuoi amici di destra hanno lasciato, che è quasi niente, la sinistra vera (vedi spagna, in particolare barcellona, dove durante la rivoluzione contro la religione hanno demolito le chiese e volevano buttare giù pure la sagrada familia..) in italia non c'è mai stataperché l'italia è il paese dei furbi e basta...poi quando rimangono fregati tutti quanti, allora piangono...
          • franchino scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            Dai sfogo alla tua ignoranza :http://blog.libero.it/Tulipanoazzurro/view.php?nocache=1214921857&ssonc=903529404Sei un insulto alle capre.
          • LoL scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: chojin
            DiPietro non denuncia i problemi, lui è un
            problema per questo paese assieme a tutti quei
            magistrati cattocomunisti e comunisti faziosi,
            militanti ed ignoranti che non hanno alcun
            rispetto per la democrazia e si credono
            onnipotenti .Sono sconfortato...Non riesco ad aggiungere altro, scusate...
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            Infatti, quando leggi certe cose capisci quanto è potente la televisione nella formazione del consenso, specialmente quando è l'unica fonte di informazione che una persona ha nella vita.Gente come il tizio che hai quotato, ignorante e inconsapevole della realtà, è la responsabile del crollo verticale dell'italia, non solo in senso economico, ma proprio in senso morale etico e civile.
          • chojin scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: Sus Scrofa
            Infatti, quando leggi certe cose capisci quanto è
            potente la televisione nella formazione del
            consenso, specialmente quando è l'unica fonte di
            informazione che una persona ha nella
            vita.
            Gente come il tizio che hai quotato, ignorante e
            inconsapevole della realtà, è la responsabile del
            crollo verticale dell'italia, non solo in senso
            economico, ma proprio in senso morale etico e
            civile.Ma smettila di sentirti superiore a tutto e tutti !Impara a metterti in discussione ogni tanto, non può che farti bene, sia a te che agli altri fanatici elettori di sinistra che hanno il paraocchi e che ripetono a pappagallo le solite accuse ed i vari insulti che la sinistra fa a Berlusconi e gli elettori di centro destra da 15 anni !Credersi onnipotenti, con la verità in mano e che tutti gli altri sono ignoranti se la pensano diversamente, che tutti devono omologarsi al pensiero unico... è come i talebani.. ma non riuscite proprio a rendervene conto,eh?Siete pronti al suicidio per eliminare il nemico tanto odiato che tanto le vergini in paradiso vi aspettano,eh?
          • ... scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            scusa mi dici chi è che disse qualche anno fa "non penso ci siano così tanti coglioni che voteranno a sinistra" e l'ha detto prue quest'anno?il bello è che berlusconi ogni volta che porta delle prove, nel 99,9999999999999999999999999999999999999999% dei casi sono false, quando qualcuno invece porta dati reali, allora viene marchiato come comunista mangia bambinima tu sei uno di quelli che quando berlusconi dice "c'è stata una riduzione del 249%" si sente felice? eh gia, il 100% in meno è poco, il 249% in meno è tanto, è bravo berlusconiinfatti gli elettori di destra quando sentono queste cose sono contenti, infondo loro non vanno a scuola, ma imparano a fare gli imprenditori, dove ti insegnano nell'ordine:1) trovare le prostitute nel modo giusto2) sniffare bene cocaina3) far sparire i soldi nei modi più fantasiosi4) eleggere qualcuno che ti protegga5) far credere alle persone che si diventa milionari suonando il pianoforte nelle navi e investendo i soldi delle mance (detto dalla madre di berlusconi in un interivsta...)ah che bel paese...chissà perché ci prendono in giro in tutto il mondo, e l'unica cosa che sanno dirti quando dici che sei italiano è: "ah italia, droga, puttane, berlusconi, calcio, mafia"che bello...
          • Silvione scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: LoL
            Sono sconfortato...
            Non riesco ad aggiungere altro, scusate...Non ti rodere il fegato per cosi' poco. E' propaganda - frutto di un giudizio distorto o di trenta denari, questo non ci e' dato di saperlo - ma e' certo che gli dai il peso che merita smette di darti fastidio.Certo che non farebbe un soldo di danno se PI introducesse qualcosa di simile al karma, cosicche' chi spara scemenze come quelle di cui sopra, finirebbe per perdere di visibilita', sostanzialmente autocensurandosi.
          • chojin scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: Silvione
            - Scritto da: LoL


            Sono sconfortato...

            Non riesco ad aggiungere altro, scusate...

            Non ti rodere il fegato per cosi' poco. E'
            propaganda - frutto di un giudizio distorto o di
            trenta denari, questo non ci e' dato di saperlo -
            ma e' certo che gli dai il peso che merita smette
            di darti
            fastidio.

            Certo che non farebbe un soldo di danno se PI
            introducesse qualcosa di simile al karma,
            cosicche' chi spara scemenze come quelle di cui
            sopra, finirebbe per perdere di visibilita',
            sostanzialmente
            autocensurandosi.Eh, certo.. PI deve essere "un bravo giornale di sinistra".. quindi deve chiudere la bocca a chiunque non sia di sinistra.
          • ... scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            mah PI è tutto tranne che di sinistra, anzi...come fai un commento leggermente contro la religioen cristiana eliminano il post... (giusto perché siamo in uno stato libero...e soprattutto LAICO)se questo è essere di sinistra, beh sappi che la sinistra non sono solo le persone che vanno in giro vestite di rosso...
          • AMEN scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            - Scritto da: chojin
            creando un mostro come DiPietro E qui siamo al delirio....Solo perchè ha dato un nome al comportamento PROVATO del nostro attuale PdC? Ovvero un pappone?NON mi sembra offensivo, ma solo descrittivo
        • SonoIO scrive:
          Re: Italiani popolo di ignoranti
          - Scritto da: Sus Scrofa
          Se analizzi i dati sui flussi elettorali ti rendi
          conto da te che berlusconi i voti li prende da
          tre
          categorie:

          -gli evasori fiscali
          -lavoratori a basso reddito e scolarità bassa
          -pensionati rincoglioniti da rete4Perché racconti menzogne per alterare la realtà?Gli studi sociologici fatti dopo le elezioni dicono che i pensionati hanno votato prevalentemente a sinistra e non dicono nulla sugli evasori fiscali.Al massimo parlano di lavoratori autonomi (difficile evadere se sei dipendente) ma non puoi considerarli tutti evasori.Salto il resto per carità di patria.
      • nessuno scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti


        Non dite che non è vero, basta accendere la TV o

        vedere chi viene mandato al

        governo...

        E vai di supponenza ed arroganza classica delle
        persone di sinistra. Come se gli elettori e gli
        esponenti di sinistra fossero dei tuttologhi...e
        non fossero ignoranti... ma per favore!certo, tutti quelli che dicono cose che non ti stanno bene, sono di sinistra a prescindere. lo stesso vale nell'altro senso.
        Vogliamo parlare di DiPietro ? Tanto per citare
        un caso eclatante...Che c'entra? Parliamone pure se vuoi. Non era lui che piazzava le amichette in cambio di favori politici sulla tv pagata con le nostre (almeno mie) tasse.


        Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla
        scuola,

        per farla funzionare sul serio, sperando che tra

        una generazione si ritorni ad un livello

        decente.

        Per te decente significa votare a sinistra sempre
        e comunque perchè "è cultura" (kultura magari..)Piu educazione per te significa sinistra? Complimenti.E mentre continuiamo a discutere ancora di destra e sinistra la barca affonda...
      • Morgan scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        A prescindere dal fatto che é l'unica persona che oggi stia facendo un po' di vera opposizione in parlamento, Di Pietro non é affatto un ignorante.Sento spessissimo invece gente che questo sostiene, battendo sul tasto che non é nemmeno capace di coniugare i congiuntivi... mentre io personalmente non l'ho MAI sentito sbagliarne uno, fateci caso.Si, a volte ci mette troppa foga, urla, utilizza termini dialettali, balbetta... ma c'è una bella differenza.
        • AMEN scrive:
          Re: Italiani popolo di ignoranti
          - Scritto da: Morgan
          A prescindere dal fatto che é l'unica persona che
          oggi stia facendo un po' di vera opposizione in
          parlamento, Di Pietro non é affatto un
          ignorante.Forse non tutti lo sanno, ma fu un vero innovatore quando introdusse una informatizzazione di base nella Procura di Milano, dove tutto girava ancora su carta....
      • uranux scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: Funz

        Altro che mancanza di investimenti nell'ICT,

        bandalarga e bla bla bla. il problema di questo

        Paese è che è formato da una maggioranza di

        persone il cui livello culturale va dal

        semi-analfabeta in giù.



        Non dite che non è vero, basta accendere la TV o

        vedere chi viene mandato al

        governo...

        E vai di supponenza ed arroganza classica delle
        persone di sinistra. Come se gli elettori e gli
        esponenti di sinistra fossero dei tuttologhi...e
        non fossero ignoranti... ma per favore!

        Vogliamo parlare di DiPietro ? Tanto per citare
        un caso eclatante...
        Guarda, io non credo che dalla frase citata si possa evincere che si parlava espressamente degli esponenti di destra. Sinistra o destra, i risultati sono visibili, hanno pari responsabilità nello scenario attuale. O si puo' forse negare questo ? Chi puo' dire che la colpa è degli uni o degli altri ?Umilmente, per favore, cerchiamo di guardare A FONDO invece di guardare solo cio' che ci interessa e tappare le orecchie per urlare.


        Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla
        scuola,

        per farla funzionare sul serio, sperando che tra

        una generazione si ritorni ad un livello

        decente.

        Per te decente significa votare a sinistra sempre
        e comunque perchè "è cultura" (kultura magari..)
        ?Le provocazioni hanno spesso il punto debole di non avere un fine al ragionamento.Infatti non intravedendo alcuna motivazione per obiettare cio' che si e' detto della scuola, che è vero ed è ripetuto da ormai tutti i governi susseguitisi, giudico che questa tua ultima frase non sia molto d'aiuto.Onestamente preferisco una persona schierata, come te forse, ma con un pizzico di capacità in piu' di aprire la mente. Con ciò intendo dire che sparare a zero su destra o sinistra non porta a molto, ma solo alla vostra reciproca distruzione. Forse concorrere ad un obiettivo comune sarebbe piu' soddisfacente no ?... e in effetti ... sembra che lo facciano, ma per perseguire i loro interessi.Ah dimenticavo.Di pietro nella sua ignoranza, da ministro dell'infrastruttura ha bloccato i finanziamenti alle ferrovie l'anno scorso perche' da ANALISI DI BILANCIO DELLA STESSA era emerso che usavano i soldi del finanziamento alle infrastrutture per quadrare i bilanci stessi. A mio modo di vedere il SIG. Di Pietro cerca di fare il suo lavoro. Sbagliando ogni tanto come tutti per carità ...E ora per favore torniamo in topic.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 15.17-----------------------------------------------------------
      • trillo scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        sull'arroganza delle persone di sinistra posso anche essere d'accordo... Ma non dirmi che studio aperto (così come il tg4) è un telegiornale serio
    • Epoch scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      Belle parole...Ma dimentichi che viviamo in un Paese in cui quando a scuola fermi in una classe una persona perchè è scansafatiche (volevo usafre una parola più moderna ma evito) e ingorante, i genitori ti fanno causa!!!!A me avrebbero dato tante legnate e io fare lo stesso con mio figlio!Per questo motivo a livello di cultura anche i Rumeni ci battono!!Bravi Italiani!!
    • luminor scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      Il problema , se si può parlare di problema, è che questo paese è ormai invecchiato;vecchi sono anche i giovani che hanno mentalità da vecchi;non credo che riusciremo a tirarci fuori da una lenta e triste agonia, a meno di sconvolgimenti palingenetici.Bisognerebbe partire veramente dalle basi, come dici tu, e cominciare a diffondere una nuova mentalità, ad esempio, facendo in modo che nelle scuole vengano formati cittadini civili e persone che sappiano qualche cosa.Ma questo vorrebbe dire assumere personale valido, non tramite raccomandazione e questo indebolirebbe il sistema di destra e sinistra, pagarlo bene e questo vorrebbe dire sottrarre fondi distribuiti a pioggia per mantenere i clientes.Abbandonare alcune logiche , porto l'esempio dell'Alitalia ; ora si parla con scandalo dei 4000 licenziamenti, ma nessuno si chiede se sia giusto mantenere quelle persone se non sono necessarie ( e parlo rendendomi conto del dramma che viene da un licenziamento)Potrei portare altre decine di esempi, ma penso di avere reso l'idea.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2008 12.47-----------------------------------------------------------
      • Epoch scrive:
        Re: Italiani popolo di ignoranti
        - Scritto da: luminor

        Abbandonare alcune logiche , porto l'esempio
        dell'Alitalia ; ora si parla con scandalo dei
        4000 licenziamenti, ma nessuno si chiede se sia
        giusto mantenere quelle persone se non sono
        necessarie ( e parlo rendendomi conto del dramma
        che viene da un
        licenziamento)
        Peccato che quando a essere licenziato è un dirigente prende una buona uscita che ci paghi per un anno 30 impiegati, anche se ha fatto m.....ate.
        • luminor scrive:
          Re: Italiani popolo di ignoranti
          Hai estremamente ragione ;quello che dici tu fa parte delle altre decine di cose ch , per brevità , non ho potuto elencare.Ma il tutto , a mio modo di vedere, è testimone della quasi impossibilità di modificare la situazione in italia.Legare , ad esempio, lo stipendio di dirigenti ( pubblici e privati ) al raggiungimento dell' obiettivo porterebbe questi ultimi ad essere scelti non per logiche clientelari o politiche e ,a loro volta, questi si troverebbero costretti a circondarsi di persone valide ;premiare il merito spingerebbe le persone a dotarsi di un bagaglio culturale valido e a richiedere che lo stato fornisca strutture educative adeguate.Come vedi , se si comincia da qualsiasi punto, vine giù tutto il castello di carte che si chiama nazione italiana.
          • Epoch scrive:
            Re: Italiani popolo di ignoranti
            E Fosco l'aere il cielo e mutoe io sul tacito veron sedutoti guardo e lagrimo ITALIA MIA!
    • Paolo Frattini scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti

      il problema di questo
      Paese è che è formato da una maggioranza di
      persone il cui livello culturale va dal
      semi-analfabeta in giù.

      Non dite che non è vero, basta accendere la TV o
      vedere chi viene mandato al
      governo...Ni'. Come si spiega che: se da un lato gli italiani, nella maggior parte dei casi (56%), non navigano, dall'altra (9%) sono tra i primi a livello europeo per l'utilizzo della rete?Non e' che, per caso, gli italiani navigano poco proprio perche gli investimenti (e di conseguenza i servizi offerti) nellIT dalle imprese italiane sono a livelli da terzo mondo? Le "povere" imprese e le PMI che non investono nellIT perche "tanto non ce ritorno", non potrebbero farsi venire il dubbio?Sono d'accordo con te quando dici che la maggior parte degli italiani ha un livello da semi-analfabeta o giu' di li', il problema pero' non e' tanto nei "potenziali" naviganti analfabeti, quanto negli analfabeti imprenditori nostrani :(Obviously my two centsPFwww.divariodigitale.ithttp://blog.dottorpaolo.com
    • SonoIO scrive:
      Re: Italiani popolo di ignoranti
      - Scritto da: Funz
      Più che soldi all'ICT ci vanno soldi alla scuola,
      per farla funzionare sul serio, sperando che tra
      una generazione si ritorni ad un livello
      decente.Quoto, confrontate i dati con la media europea: gli insegnati italiani sono la metà e lavorano il doppio degli europei.E dei bidelli ne vogliamo parlare? Sono pochissimi bisogna subito assumerne degli altri... come si fa a studiare in scuole sporche?Anzi propongo di prepensionare immediatamente tutti gli insegnanti con più di 6 anni di anzianità a di assumere immediatamente giovani appena usciti dalle università, così:1) Si sconfigge la disoccupazione2) Si risolve il problema pensionistico.Ah, almeno il 20% delle nuove assunzioni deve essere di immigrati: è mai possibile che sono nelle fabbriche ma mai nei ministeria al calduccio o appunto nelle scuole?Sia mai che ci accusiono di razzismo.Ehhh.E` che non si vuole investire nella scuola, basterebbe moltiplicare per 100 la spesa per l'istruzione e tutto migliorerebbe, basta guardare cosa è successo negli ultimi anni.
  • mtt scrive:
    ICONA della notizia....
    ...geniale!!!!! (come sempre del resto)GRANDE LUCAS!!!!! (rotfl)
    • vai Syd scrive:
      Re: ICONA della notizia....
      - Scritto da: mtt
      ...geniale!!!!! (come sempre del resto)

      GRANDE LUCAS!!!!! (rotfl)peccato che copertine storiche come quella dei pink floyd ce ne sono sempre meno da cui creare immagini e citazioni... tremo al pensiero che tra 40 anni le immagini della memoria collettiva saranno il grandefratello o britney spears... auwn
  • z f k scrive:
    moneymoneymoney
    internet banking: la mia, di banca, per attivarmi i servizi online mi chiede di cambiare contratto/tipologia di cc, curiosamente piu' svantaggioso in tutto tranne l'avere i servizi online.Che poi non ricordo se ci sono limiti tipo numero di operazioni... e-commerce :Un amico, tempo fa, ha scritto una lamentazione di due pagine per aver perso tempo in coda al supermercato a causa di una donnetta che cercava nel portafogli le monetine giuste per pagare; si chiedeva perche' cavolo giriamo ancora con le monetine invece di usare carte di credito e bancomat (ciao Mattia ;) )In un quadro del genere, in cui la maggior parte delle persone snobba il POS, ci si meraviglia che l'e-commerce non decolli?(piccola nota: sara' mica che siamo rimasti scottati dall' affaire videotel, nel profondo?)(un'altra nota a parte va a quanti, in quest'epoca di tracciamento e profilazione, preferisce l'anonimato della moneta sonante) PA : spendere con criterio : nell'ambito del "Progetto Multiservice" (trovo solo una citazione qui http://www.cnipa.gov.it/site/_files/unicoPTR.pdf ), il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (poi splittato e mo' riunito di nuovo, con tutti i casini e i costi conseguenti) ha di fatto cambiato l'intero parco macchine con postazioni mswinxp pro (e fin qua, se volevano metterli in rete...) e msoffice pro ! Ogni singola postazione! Poi mi spiegate cosa ci fa l'impiegato medio con msaccess, che piu' che qualche letterina e qualche giochetto con msexcel ( NOTA: i "fogli elettronici" non esistono, nella mente degli impiegati c'e' solo "excel") non fanno. Pero' intanto mi spiegate perche' quelle letterine e quei "fogli excel" non potevano farli con staroffice o openoffice. la coperta corta: qua si invocano aumenti di percentuali del PIL spesi per l'IT nella PA da una parte e consistenti tagli della spesa dall'altra, per rientrare nei parametri europei. Insomma: decidetevi. Magari assumete qualche decina di consulenti a un miliardo di euro l'uno, per farvi dire cosa fare e poi ignorare le loro raccomandazioni perche' rovinerebbero certi "equilibri"...CYA
    • bash scrive:
      Re: moneymoneymoney
      - Scritto da: z f k
      (piccola nota: sara' mica che siamo rimasti
      scottati dall' affaire videotel, nel
      profondo?)Perche' tiri fuori una cosa morta e sepolta come il videotel, che, al di fuori di quei 4 (quattro) gatti che ci hanno mangiato, nessuno lo conosceva, e oggi nessuno lo ricorda?Sono stati troppo piccoli i numeri in gioco, per poter affermare che il videotel abbia inciso qualcosa.
      (un'altra nota a parte va a quanti, in
      quest'epoca di tracciamento e profilazione,
      preferisce l'anonimato della moneta
      sonante)Dipende da che cosa si acquista.Io con la carta di credito ci pagherei anche il caffe' se i bar la accettassero.Tuttavia per acquisti oltre i 10.000 euro la mia preferenza va per il contante (una delle poche cose buone dell'euro sono le banconote da 500!), ma di spese di quello spessore ne faro' una ogni tot anni, quindi posso tranquillamente affermare che per il 99.99% dei miei acquisti va benissimo il tracciamento e la profilazione.
      • Epoch scrive:
        Re: moneymoneymoney
        - Scritto da: bash

        Tuttavia per acquisti oltre i 10.000 euro la mia
        preferenza va per il contante (una delle poche
        cose buone dell'euro sono le banconote da 500!),
        ma di spese di quello spessore ne faro' una ogni
        tot anni, quindi posso tranquillamente affermare
        che per il 99.99% dei miei acquisti va benissimo
        il tracciamento e la
        profilazione.Domanda, ma quei pezzi di carta con l'importo, la data e la tua firma chiamati assegni non li conosci??Non voglio accusare nessuno, ma il contante ha il brutto vizio di essere "evadibile" ed è proprio sulle grosse cifre e non sui caffe che l'evasione conta.
        • bash scrive:
          Re: moneymoneymoney
          - Scritto da: Epoch
          - Scritto da: bash




          Tuttavia per acquisti oltre i 10.000 euro la mia

          preferenza va per il contante (una delle poche

          cose buone dell'euro sono le banconote da 500!),

          ma di spese di quello spessore ne faro' una ogni

          tot anni, quindi posso tranquillamente affermare

          che per il 99.99% dei miei acquisti va benissimo

          il tracciamento e la

          profilazione.

          Domanda, ma quei pezzi di carta con l'importo, la
          data e la tua firma chiamati assegni non li
          conosci??Pergamena, penna d'oca, inchiostro e calamaio.Roba vecchia!
          Non voglio accusare nessuno, ma il contante ha il
          brutto vizio di essere "evadibile" ed è proprio
          sulle grosse cifre e non sui caffe che l'evasione
          conta.L'evasione e' un problema di chi vende, non di chi acquista.Io, se acquisto, ritengo di avere il diritto di non far sapere che cosa acquisto e quanto lo pago, per determinate categorie di prodotti.Inoltre il contante permette di avere un certo margine di trattativa, che, quando le cifre in gioco sono grosse, diventa significativo.E quindi, quando l'1% di sconto diventa 100 euro...
  • spectator scrive:
    toh l'ha scoperto pure assinform!
    Rimane in questo senso gravissimo il problema dell'affidamento delle commesse alle società IT interne: da anni Assinform denuncia l'enorme quantità di spesa pubblica che viene sottratta al mercato della concorrenza e affidata a quello protetto delle società in-house, che sono espressione delle stesse amministrazioni e non operano in un clima di competizione Toh incredibile dopo 7 anni ci sono arPrivati pure loro, bravi, con sette anni di ritardo ma meglio tardi che mai.Adesso ve ne siete accorti dell'affidamento ai soliti quattro furbetti del datacenterino, che da anni con aziende fuffa di intermiediazione e recruitment magnano a quattro ganascie e non producono nulla?Davvero??? Ci voleva tanto.Ora che la assinform ha scoperto l'acqua nemmeno piu' calda (fredda anzi gelida ormai da 7 anni) cominci a fare pressioni.MA STAVOLTA SERIE!Poi se la assinform vuole parlare al vento faccia pureIn italia si vuole svoltare una bella leggiucchina contro il subbappalto informatico e le aziende che danno personale senza averlo in azienda da almeno un anno e senza che tale azienda EFFETTIVAMENTE ABBIA SVILUPPATO SOFTWARE.Se volete la ripresa nella it.Togliete di mezzo i pappa con il catenone d'oro che per loro la ripresa la capacita' del motore del loro coupedi prendere velocita' partendo da bassi regimi senza scalare la marcia.e quelli si che ci MARCIANO
    • The Punisher scrive:
      Re: toh l'ha scoperto pure assinform!
      Sai chi c'e' dentro Assinform (tra gli altri)?Io ho lavorato per tre anni in una branca della galassia Confindustria che aveva stretti rapporti con Assinform.Prendi i nomi delle maggiori societa' di outsourcing italiane, proprio quelle che subappaltano ad una ditta che subappalta ad un'altra ditta e cosi' via.
      • spectator scrive:
        Re: toh l'ha scoperto pure assinform!
        - Scritto da: The Punisher
        Sai chi c'e' dentro Assinform (tra gli altri)?

        Io ho lavorato per tre anni in una branca della
        galassia Confindustria che aveva stretti rapporti
        con
        Assinform.

        Prendi i nomi delle maggiori societa' di
        outsourcing italiane, proprio quelle che
        subappaltano ad una ditta che subappalta ad
        un'altra ditta e cosi'
        via.ah allora siamo apposto!
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Io compro Server dedicati in Germania ..
    Migliore qualità, più banda, più professionalità (i tedeschi sono tedeschi) meno costo !In italia abbiamo costi elevatissimi a megabit e se pensiamo che avere 10 Gigabit di banda qui è un lusso, in Germania per un datacenter è normale averne 60 !Fino a quando non si cablerà tutto in fibra e non si renderà pubblica la rete Telecom che sta operando in regime di monopolio de facto non avremmo speranze di poter competere con paesi stranieri !Io la mia scelta l'ho fatta ! ;D
    • Davide scrive:
      Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
      ciao Marco, mi passi il link al sito del datacenter? potrei averne bisogno.
      • Marco Marcoaldi scrive:
        Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
        hetzner.de
        • humb scrive:
          Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
          - Scritto da: Marco Marcoaldi
          hetzner.deUna volta parlai qui sopra dei server tedeschi e suggerì proprio questo provider (anche perché conoscevo uno che ci lavorava), per curiosità... l'hai conosciuto grazie alla mia segnalazione?
          • Marco Marcoaldi scrive:
            Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
            No ! Sono semplicemente i migliori ! ;D
        • Davide scrive:
          Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
          Grazie! :)
    • BLah scrive:
      Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
      E' vero, io il mio sito lo pago una cinquantina di euro all'anno, e ho 20 giga di spazio (che sono TANTI), e 100 giga di traffico garantito al mese, due domini disponibili, gestione libera dell'ftp, delle mail, e altri servizi utili tra cui le statistiche.Qua devi comprarti tutto a parte, fino a sorpassare le centinaia d'euro. Brrr... mai più in Italia!
    • spam scrive:
      Re: Io compro Server dedicati in Germania ..
      C'e' anche http://www.jvds.com/ che ha i virtual server in una server farm a francoforte. E il dollaro costa veramente poco...
  • CSOE scrive:
    Prima dell'open source
    Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava. Adesso che il software è gratis, giustamente nessuno investe, nessuno passa le notti ad innovare per poi dover regalare il suo lavoro per competere con già lo regala.Che peccato che nessuno capisca che senza programmatori non si innova.
    • CCC scrive:
      Re: Prima dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.

      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.

      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.e fare degli sparagestionali in visualbeeesicc sarebbe innovare?
      • CCC scrive:
        Re: Prima dell'open source
        PS: rassegnati CSOE... VB è defunto da tempo... l'open source (come lo chiami tu... e magari un giorno spiegherai cosa intendi) non c'entra...
    • Ponzio Pilato scrive:
      Re: Prima dell'open source
      CSOE, il gioco è bello quando dura poco.Che gusto ci trovi a stare qui a rompere i coglioni con queste castronerie?Tu credi di fingere di essere ignorante, ma in realtà sei ignorante veramente ...
    • ueue scrive:
      Re: Prima dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.

      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.

      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.abbi pazienza ma fatico a seguire il filo logico dei tuoi discorsi, una volta dici che i software open source non possono competere qualitativamente con quelli proprietari e la successiva che il mercato del software viene soffocato dal software open source (se e' cosi' scadente cosa importa se lo regalano? chi ci deve lavorare scegliera' comunque quello proprietario no?); e cosi' via a seconda della notizia
    • Man scrive:
      Re: Prima dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.

      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.

      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.Quindi siamo indietro rispetto al resto d'Europa perché da noi tutti usano e sviluppano open source software e altrove no?Dai vai a dormire, ne hai bisogno.
      • CCC scrive:
        Re: Prima dell'open source
        - Scritto da: Man
        - Scritto da: CSOE

        Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.



        Adesso che il software è gratis, giustamente

        nessuno investe, nessuno passa le notti ad

        innovare per poi dover regalare il suo lavoro
        per

        competere con già lo

        regala.



        Che peccato che nessuno capisca che senza

        programmatori non si

        innova.

        Quindi siamo indietro rispetto al resto d'Europa
        perché da noi tutti usano e sviluppano open
        source software e altrove
        no?eheheee... già... mica come fanno in germania!
        Dai vai a dormire, ne hai bisogno.confermo... è tardi...
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: Prima dell'open source
      Ahahahahahahahah divertente !!!! In Italia dici che si scriveva software ? Ma se in Italia fino a 10 anni fa ti chiamavano programmatore se sapevi formattare un PC e reinstallare windows !A parte qualche giochetto in Cobol non ho visto nulla di RILEVANTE sul panorama INTERNAZIONALE fatto in Italia. L'Italia è la patria dei rivenditori non dei programmatori !Si compra software sviluppato all'estero e lo si rivende lucrandoci sopra e fornendo assistenza !Programmatori ? Sono uscito da un'università dove un 70 % di laureati non conosce un linguaggio di programmazione e parliamo di programmazione ?Dove sono le venture capital ? Sviluppare software innovativo richiede tempo e denaro nonchè un buon team oltre che una buona idea. Se non hai qualche milioncino di Euro da investire dove vuoi andare ? A prendere un finanziamento in banca ? Ti chiedono subito l'ipoteca sulla casa !Siamo un paese allo sbando, altro che programmatori e banda larga ! Zampate sui denti per tutti a partire dalle aziende gestite da analfabeti che si spacciano per esperti informatici non conoscendo la differenza tra NAT e DHCP !Fortuna l'open source guarda, che mi evita di investire in costose licenze STRANIERE che comunque le aziende non comprerebbero perchè troppo costose !Quando metti l'opzione RedHat o CentOS ? Com'è che l'80 % scelgono CentOS ?Meditate gente MEDITATE !
      • franchino scrive:
        Re: Prima dell'open source
        - Scritto da: Marco Marcoaldi
        Ahahahahahahahah divertente !!!! In Italia dici
        che si scriveva software ? Ma se in Italia fino a
        10 anni fa ti chiamavano programmatore se sapevi
        formattare un PC e reinstallare windows
        !Non so ove tu operi e in che fascia di territorio. In ogni caso dieci anni fa chi sviluppava software era un programmatore e/o softwarista e/o sviluppatore dalle mie parti. Gli altri può darsi che si spacciassero come tali facendo leva sull'ignoranza della gente. Non so quale sia il problema in ogni caso.

        A parte qualche giochetto in Cobol non ho visto
        nulla di RILEVANTE sul panorama INTERNAZIONALE
        fatto in Italia. L'Italia è la patria dei
        rivenditori non dei programmatori
        !

        Si compra software sviluppato all'estero e lo si
        rivende lucrandoci sopra e fornendo assistenza
        !Forse non hai guardato con sufficiente accuratezza.Valueteam ?Etnoteam ?Ingenium Technology ?

        Programmatori ? Sono uscito da un'università dove
        un 70 % di laureati non conosce un linguaggio di
        programmazione e parliamo di programmazione
        ?
        Io sono uscito dall'Università degli Studi di Milano dove chinon sapeva programmare non riusciva a laurearsi. Stento a credere alla tua versione anche se è legata alla geografia la cultura delle persone molto spesso...
        Dove sono le venture capital ? Sviluppare
        software innovativo richiede tempo e denaro
        nonchè un buon team oltre che una buona idea. Se
        non hai qualche milioncino di Euro da investire
        dove vuoi andare ? A prendere un finanziamento in
        banca ? Ti chiedono subito l'ipoteca sulla casa
        !Credi che all'estero le banche siano in attesa della tua ideaper coprirti di soldi senza garanzie ?

        Siamo un paese allo sbando, altro che
        programmatori e banda larga ! Zampate sui denti
        per tutti a partire dalle aziende gestite da
        analfabeti che si spacciano per esperti
        informatici non conoscendo la differenza tra NAT
        e DHCP
        !Sul fatto che siamo un paese allo sbando concordo pienamente.Non so se a livello di gestione aziendale sia necessario conoscerein dettaglio NAT e DHCP. Può essere sufficiente una laurea in economia e commercio...P.S. Se anche hai sostenuto l'esame di Reti I non è detto che tu sia un buon amministratore aziendale...

        Fortuna l'open source guarda, che mi evita di
        investire in costose licenze STRANIERE che
        comunque le aziende non comprerebbero perchè
        troppo costose
        !Mi pare che MS abbia la fetta più ampia di mercato anche in Italia.Una moltitudine di aziende acquista licenze di Office ad un prezzo spropositato...Non mi sembra che la casa madre sia locata a Ladispoli...

        Quando metti l'opzione RedHat o CentOS ? Com'è
        che l'80 % scelgono CentOS
        ?

        Meditate gente MEDITATE !O decido di spendere oppure no.
        • bash scrive:
          Re: Prima dell'open source
          - Scritto da: franchino

          Forse non hai guardato con sufficiente
          accuratezza.

          Valueteam ?
          Etnoteam ?
          Ingenium Technology ?
          Mi stanno fischiando le orecchie!Qui dove lavoro io hanno appena riempito l'IT di gente che proviene da quelle tre da te citate.E infatti i costi sono saliti alle stelle e la qualita' e' precipitata sotto il livello stradale.(Naturalmente in mezzo c'e' qualcuno che ha ottenuto un tornaconto personale).Non e' che lavoriamo nello stesso posto?
          Non so se a livello di gestione aziendale sia
          necessario
          conoscere
          in dettaglio NAT e DHCP. Allora in tal caso dovrebbero demandare le scelte tecniche ai tecnici e non comprare sterco a scatola chiusa e poi venire dai tecnici a dire: "abbiamo comprato questo: adesso dovete usarlo!"
          • franchino scrive:
            Re: Prima dell'open source
            - Scritto da: bash
            - Scritto da: franchino



            Forse non hai guardato con sufficiente

            accuratezza.



            Valueteam ?

            Etnoteam ?

            Ingenium Technology ?



            Mi stanno fischiando le orecchie!
            Qui dove lavoro io hanno appena riempito l'IT di
            gente che proviene da quelle tre da te
            citate.
            E infatti i costi sono saliti alle stelle e la
            qualita' e' precipitata sotto il livello
            stradale.Forse tu sei l'unico che è in grado di lavorare in questo settore.Se è come hai detto ( cosa di cui dubito ) lavori in un'aziendache non è in grado di fare selezione del personale e strapaga degli incompetenti. Forse dovrebbe andarsene anche il tuo genio non credi ?

            (Naturalmente in mezzo c'e' qualcuno che ha
            ottenuto un tornaconto
            personale).

            Non e' che lavoriamo nello stesso posto?




            Non so se a livello di gestione aziendale sia

            necessario

            conoscere

            in dettaglio NAT e DHCP.

            Allora in tal caso dovrebbero demandare le scelte
            tecniche ai tecnici e non comprare sterco a
            scatola chiusa e poi venire dai tecnici a dire:
            "abbiamo comprato questo: adesso dovete
            usarlo!"La diatriba fra tecnici e commerciali c'è dalla notte dei tempi ed è di difficile soluzione... Non è inveendo contro i commerciali che le cose cambiano. Sono due settori complementari che devono semplicemente imparare a comunicare...
          • bash scrive:
            Re: Prima dell'open source
            - Scritto da: franchino
            - Scritto da: bash

            Forse tu sei l'unico che è in grado di lavorare
            in questo
            settore.
            Se è come hai detto ( cosa di cui dubito ) lavori
            in
            un'azienda
            che non è in grado di fare selezione del
            personale e strapaga degli incompetenti. Dubiti che esistono aziende che non sanno fare selezione del personale e che strapagano incompetenti?
            Forse
            dovrebbe andarsene anche il tuo genio non credi
            ?I motivi per cui io continuo a lavorare dove lavoro non hanno a che fare con questo.Esistono altre cose oltre allo stipendio, tipo la comodita', la politica antifumo, e soprattutto il fatto di avere collaboratori delle succitate, per i quali preventivare 10 giorni per creare due tabelle sono la normalita', e questo mi concede un sacco di tempo che posso sfruttare per documentarmi, arricchirmi professionalmente e stare pure qui sul forum di P.I. a scambiare due chiacchere con te.

            Allora in tal caso dovrebbero demandare le
            scelte

            tecniche ai tecnici e non comprare sterco a

            scatola chiusa e poi venire dai tecnici a dire:

            "abbiamo comprato questo: adesso dovete

            usarlo!"

            La diatriba fra tecnici e commerciali c'è dalla
            notte dei tempi ed è di difficile soluzione...A mio parere la soluzione e' semplicissima.
            Non è inveendo contro i commerciali che le cose
            cambiano. Vero. Le cose cambierebbero facendoli fuoriuscire a calci.Fin che si inveisce e basta si continua a subire la loro infinita ignoranza.
            Sono due settori complementari che
            devono semplicemente imparare a
            comunicare...Guarda, io so comunicare benissimo, e posso garantire che lo sanno fare tutti i tecnici, nella quasi totalita' dei protocolli.Se c'e' qualcuno che non sa comunicare sono quelli che usano le fetentissime versioni italiane di autluk, che mettono R: invece di Re:, e che non sanno quotare: i commerciali.
          • franchino scrive:
            Re: Prima dell'open source
            In effetti...c'è parecchio di ragionevole in ciò che hai scritto. Le aziende che ti ho citato non le conosco direttamente. Ho avuto un docente universitario che era ( oppure è tuttora ) ai vertici di una di queste aziende. In passato ( quando l'azienda si chiamava Etnoteam ) mi ricordo che la selezione per l'accesso ad una delle ambite posizioni aperte, comportava una dura selezione tant'è che non ci ho nemmeno provato. Ho , pertanto, sempre creduto che contesti come quello erano la vetta, ambita da parecchi, da raggiungere. Da ciò che mi dici mi duole constatare che le cose sono cambiate anche in quei contesti che facevano della serietà e della professionalità il loro baluardo.Per ciò che riguarda il discorso "commerciali" ho avuto , in passato, il tuo stesso ardore nel difendere l'operato dei tecnici scagliandomi contro chi non sapeva cosa vendesse.Nel tempo mi sono reso conto che i due ruoli, pur con le difficoltà del caso, debbano essere complementari. Cosa faremmo noi, con il nostro stupendo software se nessuno lo comprasse ? Da un lato è preferibile una persona che venda anche aria fritta...ma che venda. Diversamente si intaccherebbe alla radice la struttura societaria in cui, oltre alla passione, ci si deve scontrare soprattuto con i numeri.E' una mentalità che disapprovo ma è una delle ferree leggi del mercato. Mi duole anche constatare che un'ottima applicazione mal pubblicizzata rimarrà un progetto di nicchia destinato al fallimento mentre un prodotto mediocre con una pubblicità spinta riesce a diventare un must ( abbiamo MS come esempio ).Chiunque provenga da un contesto scientifico non vorrebbe mai leggere ciò che ho appena scritto ma, come sovvertire le regole del mercato ?
          • bash scrive:
            Re: Prima dell'open source
            - Scritto da: franchino
            In effetti...c'è parecchio di ragionevole in ciò
            che hai scritto. Le aziende che ti ho citato non
            le conosco direttamente. Ho avuto un docente
            universitario che era ( oppure è tuttora ) ai
            vertici di una di queste aziende. In passato (
            quando l'azienda si chiamava Etnoteam ) mi
            ricordo che la selezione per l'accesso ad una
            delle ambite posizioni aperte, comportava una
            dura selezione tant'è che non ci ho nemmeno
            provato. Ho , pertanto, sempre creduto che
            contesti come quello erano la vetta, ambita da
            parecchi, da raggiungere.Io non so come fosse la situazione "prima" ne' so come sia "altrove".Qui dove sono io c'e' un sacco di gente con esperienza intorno allo zero, che viene presentata al cliente con quelle etichette li': Ingenium, Valueteam, etc...Ma che sotto hanno almeno un altro paio di subappalti.
            Da ciò che mi dici mi duole constatare che le
            cose sono cambiate anche in quei contesti che
            facevano della serietà e della professionalità il
            loro
            baluardo.Evidentemente i nuovi manager si sono accorti che e' piu' facile mangiar sopra dei subappalti che cercare la qualita' delle persone.

            Per ciò che riguarda il discorso "commerciali" ho
            avuto , in passato, il tuo stesso ardore nel
            difendere l'operato dei tecnici scagliandomi
            contro chi non sapeva cosa
            vendesse.

            Nel tempo mi sono reso conto che i due ruoli, pur
            con le difficoltà del caso, debbano essere
            complementari. Cosa faremmo noi, con il nostro
            stupendo software se nessuno lo comprasse ?Il software non e' fatto per essere comprato!Il software e' libero.Io quello che vendo e' il mio tempo non il software che faccio.
            Da un lato è preferibile una persona che venda
            anche aria fritta...ma che venda. Infatti il mercato sta rispondendo molto bene all'aria fritta!Il mercato ha bisogno di prodotti concreti, non di fuffa!E i prodotti concreti non hanno bisogno di pubblicita' per potersi affermare.
            Diversamente si
            intaccherebbe alla radice la struttura societaria
            in cui, oltre alla passione, ci si deve scontrare
            soprattuto con i
            numeri.

            E' una mentalità che disapprovo ma è una delle
            ferree leggi del mercato. Mi duole anche
            constatare che un'ottima applicazione mal
            pubblicizzata rimarrà un progetto di nicchia
            destinato al fallimento mentre un prodotto
            mediocre con una pubblicità spinta riesce a
            diventare un must ( abbiamo MS come esempio
            ).Sono daccordo solo a meta'.Riconosco che un barattolo di merda, con sopra l'etichetta microsoft, e investimenti in pubblicita' che basterebbero a risolvere la fame nel mondo, divenga un must.Ma le ottime applicazioni, anche se non pubblicizzate, prima o poi trovano spazio e collocazione.Vuoi un esempio?In giro nel web non c'e' alcun banner pubblicitario di Punto Informatico, eppure siamo qua!
            Chiunque provenga da un contesto scientifico non
            vorrebbe mai leggere ciò che ho appena scritto
            ma, come sovvertire le regole del mercato
            ?Di un mercato che crea bisogni indotti per poter vendere aria fritta, non si sentira' certo la mancanza in un periodo di forte recessione.
          • franchino scrive:
            Re: Prima dell'open source
            Mi auguro che la situazione vada verso la situazione che tu hai prospettato. Ora, ciò che mi chiedo è capire come si potranno migliorare le cose con questo clima di negazionismo della realtà.Oggi, se leggiamo le testate giornalistiche ci sono dei commenti della più alta carica dello stato che afferma : " L'Italia è in un periodo di crisi ma ce la farà anche se servono sacrifici da parte di tutti ". Io vorrei capire una cosa : Ora che cosa stanno facendo gli Italiani ?Parrebbe che si parli di miliardari a cui è stato chiesto di rinunciare allo yacht. Questo modo di pensare evidenzia che chi dovrebbe non ha capito nulla della situazione o, peggio ancora, fa finta di nulla.Siamo finiti nelle ultime posizioni a livello europeo, la nostra crescita viene rivista giorno dopo giorno dall'Europa, l'inflazione corre talmente tanto che si è addirittura pensato di iscriverla alle Olimpiadi...Su che basi si affermano certe cose ?Il reale problema dell'Italia è proprio questo modo di pensare ottimistico che ha fatto si che chi sappiamo andasse al governo...Italiani volete la rata del mutuo più bassa ? Non c'è problema la abbassiamo.(Poi allunghiamo il mutuo, ma, nel frattempo, avrete più soldi da spendere e quindi si reimmettono contanti nella recessione)Italiani volete che l'ICI sparisca ? Non c'è problema la togliamo. (Poi avremo gli autovelox anche nel piatto della minestra)Avete il vicino di casa rumoroso ? Non c'è problema, togliamo anche il vicino.Vi danno fastidio gli extracomunitari ? Non c'è problema, li pitturiamo di bianco così somigliano di più a noi.Questa è l'Italia reale. Per quella "percepita" invece...rivolgetevi a gente come chojin...lui la sa lunga.
        • juju scrive:
          Re: Prima dell'open source
          - Scritto da: franchino
          Credi che all'estero le banche siano in attesa
          della tua
          idea
          per coprirti di soldi senza garanzie ?All'estero però ci sono i Venture Capital, ci sono anche da noi ma sono solo un paio. I VC non richiedono garanzie, ma investono sulle idee che ritengono buone e che hanno un grosso potenziale a livello di crescita. Sono investimenti ad alto rischio, infatti i VC fanno i soldi con i pochi progetti che vanno bene e che permettono di coprire i buchi creati dagli altri.I VC investono in startup presenti nella propria area, perché così è più semplice controllare il loro andamento. Nel resto d'Europa quest'anno sono partite un sacco di startup finanziate da diversi VC. Molte si sono ritrovate ad Amsterdam al Next Web 2008 (http://2008.thenextweb.org/). Non mi pare ci fossero aziende italiane.
          • OpenClose scrive:
            Re: Prima dell'open source
            - Scritto da: juju
            - Scritto da: franchino

            Credi che all'estero le banche siano in attesa

            della tua

            idea

            per coprirti di soldi senza garanzie ?

            All'estero però ci sono i Venture Capital, ci
            sono anche da noi ma sono solo un paio. I VC non
            richiedono garanzie, ma investono sulle idee che
            ritengono buone e che hanno un grosso potenziale
            a livello di crescita. Sono investimenti ad alto
            rischio, infatti i VC fanno i soldi con i pochi
            progetti che vanno bene e che permettono di
            coprire i buchi creati dagli
            altri.
            I VC investono in startup presenti nella propria
            area, perché così è più semplice controllare il
            loro andamento.

            Nel resto d'Europa quest'anno sono partite un
            sacco di startup finanziate da diversi VC. Molte
            si sono ritrovate ad Amsterdam al Next Web 2008
            (http://2008.thenextweb.org/). Non mi pare ci
            fossero aziende
            italiane.Anche Google è partita cosiSe i due studenti di Stanford fossero stati italiani...
    • 742621 scrive:
      Re: Prima dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.

      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.

      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.Si' certo, la crisi IT in Italia e' colpa dell'Open Source...AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
      • Ponzio Pilato scrive:
        Re: Prima dell'open source
        - Scritto da: 742621

        Si' certo, la crisi IT in Italia e' colpa
        dell'Open
        Source...

        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAggiungerei anche:AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHA
        • rusty scrive:
          Re: Prima dell'open source
          no no cosi' non va bene.dovrebbe essere piu' :AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH AHAHAH AH UH HH se no no rende il singulto.
    • Nifft scrive:
      Re: Prima dell'open source
      - Scritto da: CSOE
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava.

      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.

      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • The_GEZ scrive:
      Re: Prima dell'open source
      Ciao CSOE !
      Qualcosa si faceva, qualcuno ci provava. Eccolo !E' arrivato !!!!Lo sapevo, lo sapevo !!!!!!!!!37 minuti, buono, ma si può fare di meglio !!!
      Adesso che il software è gratis, giustamente
      nessuno investe, nessuno passa le notti ad
      innovare per poi dover regalare il suo lavoro per
      competere con già lo
      regala.FINISCILA DI PIANGERTI ADDOSSO !!!!!!!!!!!!!!!!!Magari prova a scrivere due righe di software funzionante magari a qualcuno viene voglia di comprarlo, certo il tuo "Calcolatrice 1.0" in grado di sommare due numeri positivi minori di 2 dovrebbe essere aggiornato alla versione 1.5 in grado anche di sottrarre un numero purchè maggiore di zero e minore di 2, del resto con soli 2Gb di ram di più non si può fare !!!!
      Che peccato che nessuno capisca che senza
      programmatori non si
      innova.Infatti Microsoft non esiste, questa è MATRIX !!!!!!!!Se non sei capace, non sei capace, punto e basta !!!!Vai a a fare un lavoro che si addica a quelli con le tue capacità tipo ... convertitore di ossigeno in anidride carbonica.Non se ne può piu !!!
    • Francesco Freezone scrive:
      Re: Prima dell'open source
      Voi non lo capite questo povero CSOE.Ha ragione. Senza programmatori non c'è innovazione. Di fatti in Italia non ci sono programmatori. O forse sarebbe meglio dire che non ci sono le software house, il che ci porta alla costatazione che i team di sviluppo più importanti si basano su comunity che collaborano a progetti scambiandosi release via web e quasi sempre senza alcun compenso. Ops, ma questo ... mi sa che CSOE ha detto na cazzata!
      • Paolino scrive:
        Re: Prima dell'open source
        - Scritto da: Francesco Freezone[cut]
        mi sa che CSOE ha detto na
        cazzata!Non gli ho mai sentito dire altro...Il bello e' che se ne vanta pure! :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: Prima dell'open source
      ti sei migliorato, non metti il link del tuo blog.
      • krane scrive:
        Re: Prima dell'open source
        - Scritto da: Sgabbio
        ti sei migliorato, non metti il link del tuo blog.Per forza: la gente lo linkava per dimostrare che i prodotti open sono talmente buoni che vengono usati anche da chi l'open lo odia... Pubblicita' migliore di cosi'...
    • CodX scrive:
      Re: Prima dell'open source
      Hai perfettamente ragione. Prima o poi se ne accorgeranno.Mi divertiro a vederli collassare su se stessi appena IBM, Intel & co smetteranno di finanziare Linux perche non li serve piu.
  • pizza margherita scrive:
    telco - mi vien da ridere
    Ad investire in IT nel decennio è stato anche il comparto delle telecomunicazioni, che ha dovuto modernizzarsi per offrire i nuovi servizi su fisso e mobile Chiunque lavori all'iterno di uno dei grandi "carrozzoni" delle telecomunicazioni sa quali sono gli investimenti fatti, e chi ha un po' di storia alle spalle può fare un paragone tra gli "sconsolanti" di oggi e i "consulenti" di dieci anni fa...Se questo è il comparto che ha investito di più, a posto siamo...
  • CCC scrive:
    complimenti!
    complimenti!...- ai politici ed ai governi (adesso facciamo una lista delle parole proibite così acchiappiamo subito tutti i terroristi! si... ma bisogna anche beccare tutti quelli che ciattano con i minorenni anzi quelli minori di 14 anni... o di 18 anni... vabbé adesso non mi ricordo...) - agli amministratori e ai dirigenti della PA (geomeeetra... ma la conosce una ditta informatica che ci faccia la pagina ueb che io con questo frontapeig non ci riesco? si si si assessore... c'è mio cognato che sa installare vindov e ripara i pc!!!) - alle imprese ed agli investitori privati (se esistono) (80.000 euri per pagare 2 informatici?... è troppo! è troppo! dobbiamo pagare le licenze di offis... adesso il sito ueb lo faccio io! licenziatene subito uno!!!) - ai genitori (figlio mio! attento che su internette ci sono i virus e i pedofili) - ai figli (dai mamma me la compri la plaistascion?) - agli studenti, magari dotati di patente europea "del computer" (azz... non mi ricordo più a cosa serviva questa specie di x che c'è su uuord) - agli italiani tutti
    • max italiano scrive:
      Re: complimenti!
      hai fotografato l'ignoranza italiana,bravo....purtroppo.
    • the_poet scrive:
      Re: complimenti!
      Bravo, ottimo commento! In effetti a volte l'ignoranza la si può tagliare a fette con un coltello!
    • M3talG3ar scrive:
      Re: complimenti!
      Hai ragione, viene sempre amministrata così, a parte rari casi, per fortuna in aumento!sono fortunato, sto in un'azienda privata che investe di continuo sull'IT e i risultati si vedono....Stipendio? Speravo di più considerando dieci anni di esperienza e sbattimenti per imparare quello che so ora, però so che questo sarà un trampolino di lancio per qualcosa di più grande, se tutto va bene. Spero nell'estero.Rassegnato? Non ancora, ma sicuramente molto demotivato.
  • uyjfghjfgjh scrive:
    bha
    abbiamo la banca di stato che e' in realta' un'azienda privata, che grazie al signoraggio, e all'appoggio incondizionato dei politici di ogni colore, ci mette ogni giorno piu' in mutande, il wto che praticamente e' un organo che fa protezionismo nei confronti delle industrie d'oltre oceano, segando le gambe alla nostra industria e alla nostra economia, l'intera classe dirigente corrotta e l'unica cosa di cui riusciamo a preoccuparci e' quanta banda larga abbiamo
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: bha
      Ogni problema è un problema a se !Sicuramente quello della banda larga non sarà il problema più grosso ma non significhi che non sia comunque un problema !La tua visione totalitaria di cosa sia e di cosa non sia un problema è rasente alla dittatura !Concordo sul discorso del signoraggio, dei politici corrotti ecc... ecc... ma come ti sarai ben accorto viviamo in un mondo di animali composto da pecore e governata da MAIALI (Orwell Docet).Finchè ci sarà gente rincitrullita con il calcio, le boiate che danno in TV e le banalità più totali creata appositamente per distogliere lo sguardo dai veri problemi, nessuno muoverà un dito !PS : Immagino che leggi David Icke, Beppe Grillo, conosci Auriti e Pascucci e credi che la massoneria sia IL MALE ! ;D
      • bhe scrive:
        Re: bha
        - Scritto da: Marco Marcoaldi
        Ogni problema è un problema a se !evidentemente non sono stato ben chiaro: in questo caso non esistono "problemi a se", l'IT (come milioni di altre cose in Italia) non potra' mai decollare fintanto che i singoli cittadini e le industrie saran strangolati dalle tasse causate dal signoraggio e fintanto che la nostra economia sara' strangolata da quella d'oltreoceano grazie ad accordi protezionistici unilaterali come il wto
        PS : Immagino che leggi David Icke,no
        Beppe Grillo,no
        conosci Auriti si
        e Pascuccino
        e credi che la
        massoneria sia IL MALE !
        ;Dnon necessariamentepresumere cosa pensino gli altri in base a idee preconcette che si fondano su stereotipi, non e' quasi mai bene; esiste sempre piu' di un modo di formarsi un'opinione in merito a determinati argomenti e non e' detto che chi si formi una data opinione debba per forza ricalcare uno stereotipo
Chiudi i commenti