Energia eolica dal mare, sul mare

Siemens e StatoilHydro vogliono spostare l'eolico sul mare, fuori vista. Con una novità: niente piattaforme galleggianti, ma generatori montati su gigantesche boe

Roma – I generatori eolici non piacciono? Sono troppo grandi ? C’è la soluzione: basta installarli fuori vista, per esempio in mare , supportate da una boa speciale .

Concept della turbina su boa Questa l’idea che hanno avuto Siemens e StatoilHydro , una delle maggiori aziende petrolifere norvegesi, che hanno avviato una partnership per costruire turbine generatrici a vento da ben 2,3 megawatt ciascuna, da posizionare lontano dalla costa.

Il principio del progetto è abbastanza semplice: una speciale boa è sovrastata dalla struttura che regge il generatore e le rispettive pale (vedi figura). La parte immersa è di circa 200 metri, ancorata al fondo con catene in acciaio.

Qualcosa di simile era stato tentato realizzando strutture analoghe a quelle delle piattaforme petrolifere. Quella soluzione , tuttavia, è stata criticata dal punto di vista economico ed esibiva limiti molto maggiori in termini di sostegno: i generatori erano più piccoli, dovendo la struttura base – pur ancorata al fondale marino – galleggiare sulla superficie.

I costi di un generatore su boa – spiega Anne Strømmen Lycke, vice presidente divisione energia eolica di StatoilHydro – sono per ora molto elevati e avvicinano i costi di produzione dell’energia a quelli del solare: per lanciare la novità molto probabilmente occorreranno incentivi da parte degli stati. Ma la dirigente si dice convinta che, nel medio termine, l’iniziativa – se adottata su larga scala – potrebbe competere addirittura con i costi dell’energia eolica “convenzionale”.

Siemens è da molto impegnata nel settore delle turbine generatrici eoliche. Recentemente ha anche partecipato – in collaborazione con StatoilHydro e con la Scottish & Southern Energy – alla costruzione di un centro di ricerca e sviluppo sull’energia eolica in Colorado.

StatoilHidro, invece, è il colosso che lavora sulle estrazioni petrolifere in Canada ed è impegnata su vasta scala in campo energetico.

Marco Valerio Principato

( Fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marco vailati scrive:
    Bevimi, voglio guardare nello stomaco
    Buona sera,sono un ragazzo di 30 anni e da parecchio tempo sto cercando di effettuare una gastroscopia, ma senza nessun risultato...sono ossessionato solo dal pensiero di questa cannetta che mi dovrebbe entrare in gola. Ho letto questo articolo e volevo qualche informazione in più.Dove è possibile effettuare questo tipo di esame (pillola con telecamera)? Quanto costa?
  • loziorso punto com scrive:
    urka !!
    non so se la foto è reale ma non misembra grossa come una "normale" pillola, a me pare una bella bestia.Sicuro che se qualcuno ha le tonsille un po gonfie e si incastra muore soffocato
    • Daniele scrive:
      Re: urka !!
      In realtà la parte azzurra che si vede nella foto è solo un involucro per conservare la batteria del dispositivo: il pillolone vero e proprio (corpo bianco con la punta trasparente) viene tolto dall'involucro solo appena prima di essere ingerito (il dispositivo entra in funzione appena viene estratto dalla "sicura") ed è ovviamente un più piccolo. A memoria, la pillola è lunga circa 2 cm ed ha un diametro di 0.7mm: è un po' grande ma non è difficilissima da deglutire (sempre meglio di una gastroscopia tradizionale, no?)
  • Toshiro Mifune scrive:
    A Modena
    Mi dicono che in pediatria all'ospedale di Modena già da un po' usano questa tecnica per fare le gastroscopie ai bambini.
    • Ricky scrive:
      Re: A Modena
      Gia'...ma siccome ho quasi 40 anni e non possiedo la bacchettina del ringiovanimento...vorrei poter usufruire della pillola per ADULTI...Un esempio pratico potrebbe essere il controllo di siti precisi, ad esempio la colite ulterosa potrebbe essere trattata con miglior precisione e magari, finalmente, capire da cosa cavolo e' causata...anche se i 2 ricercatori delle nanopatologie hannogia' detto che potrebbero essere nanparticelle incastrate nel tubo digerente...sarebbe carino comunque verificarle certe cose...agari risolverebbero problemi noiosi e a volte letali per qualche milioncino di esseri umani.
Chiudi i commenti