Esplode la cyberwar cino-taiwanese

Va avanti da anni ma nelle ultime ore l'escalation ha portato a dichiarazioni forti che fanno temere il peggio. Tra minacce, defacement e cracking


Taipei (Taiwan) – Un attacco coordinato e preciso, veloce quanto la pressione di un tasto. Cracker senza nome hanno nuovamente “assalito” Taiwan, rivendicando la sovranità cinese sull’isola. La cyberwar cino-taiwanese si aggrava: nel millennio digitale , gli attriti tra nazioni e visioni politiche contrastanti possono infiammarsi in conflitti informatici .

Il governo autonomo, che da sempre rivendica l’autonomia da Pechino, che invece considera ancora oggi Taiwan una propria provincia, lancia l’allarme: “è una dichiarazione di guerra telematica” .

Nel giro di poche ore, il sito del partito di maggioranza dell’isola è stato violato ripetutamente.
Un primo assalto è risultato nel defacement della homepage: sono state pubblicate immagini che inneggiano allo spirito nazionalistico cinese, accompagnate da fotomontaggi del presidente democraticamente eletto, Chen Shuibian. Una firma ambigua è l’unica traccia lasciata dagli ignoti responsabili, scritta in lingua mandarina: sono fiero di essere Cinese, un veterano cinese . Nel mese di maggio, anche il sito dell’opposizione parlamentare (rappresentata dal partito Kuomintang) venne colpito in maniera del tutto simile.

Ma non finisce qui : la situazione è ulteriormente precipitata, mettendo a repentaglio l’integrità nazionale taiwanese. Infatti, dopo il defacement, gli stessi assaltatori informatici hanno violato il database presidenziale. Sarebbero stati rubati degli importanti documenti governativi , che riguardano le negoziazioni diplomatiche con gli Stati Uniti, partner privilegiato di Taiwan, ed informazioni riservate sull’attività presidenziale.

Shuibian, specialmente dopo la forte riconferma elettorale dello scorso marzo, è nel mirino delle autorità cinesi. Il governo di Pechino ancora una volta vorrebbe occupare l’isola e, evidentemente con ogni mezzo, preme per convincere la popolazione taiwanese a “tornare con la patria”. Come noto, la Cina comunista non ha mai riconosciuto l’indipendenza di Taiwan, acquisita nel 1949 dopo una dura guerra civile.

Già da tempo i preparatissimi cracker cinesi hanno sferrato attacchi ai sistemi informatici di Taiwan, forti del nazionalismo esasperato che “legittima” le loro azioni. I conflitti reali acquisiscono così una dimensione digitale “a misura di rete” dove le armi sono software tool di sfondamento.

Il generale prussiano Karl von Clausewitz , fine stratega, sosteneva che “la guerra è la continuazione della politica, condotta con altri mezzi”. Una tesi che si può applicare persino all’incerto futuro di un’umanità sempre più digitale e ad una Cina che non è mai sembrata disponibile a riconoscere l’alterità del popolo taiwanese.
(Tommaso Lombardi)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: OK !!!
    si...imparano sul digitale così quando gli capita un corpo vero ti vomitano nel ventre aperto in attesa di operazione...oppure collassano per il sangue vero...etc etc..
  • Anonimo scrive:
    Re: "...prima di essere fatto fuori..."
    - Scritto da: Anonimo
    Rende l'idea ma forse "...prima che la
    sentenza venisse eseguita.." sarebbe stato
    un po' più rispettoso della vita
    umana, anche se di un
    condannato. :smi pare che invece renda bene l'idea dell'assassinio che e' stato commesso
  • Anonimo scrive:
    "...prima di essere fatto fuori..."
    Rende l'idea ma forse "...prima che la sentenza venisse eseguita.." sarebbe stato un po' più rispettoso della vita umana, anche se di un condannato. :s
  • Anonimo scrive:
    Re: Ah le sane vecchie autopsie
    che film era?
  • Anonimo scrive:
    Re: OK !!!
    - Scritto da: Anonimo
    Questa è senz'altro una buona notizia
    per le migliaia di studenti di medicina che
    possono imparare davvero tanto da questi
    aiuti elettronici,si, che possono laurearsi senza aver mai visto un cadavere... saranno contenti i primi pazienti del chirurgo novello ;-)
  • trepz scrive:
    Condannato a morte
    :(:(:(:(:(
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muove il cadavere elettronico ???
    -

    PC, tanto per fare informatico!)

    .

    Eeheheh, questo, sì, sarebbe una
    figata. La nuova frontiera
    del gaming-on-line. Ti colleghi, scegli il
    cadavere ed entri
    nell'arena per combattere con i tuoi amici.
    Eppoi non sarebbe
    nemmeno cruento.... nemmeno una goccia di
    sangue versata!
    Peccato che il rigor mortis non permetta
    tutto questo. =)
    Eh be' una settimana a frollare a 2 °C e risolvi anche il rigor mortis...
    Cx
  • Anonimo scrive:
    Ah le sane vecchie autopsie
    Uffa, è l'unica cosa interessante che si fa a medicina, adesso ci tolgono anche il piacere di aprire un cadavere.Vi ricordate quel film dove avevano usato una vera autopsia a un bambino per fare una scena? Oggi userebbero la computer grafica. Ma almeno in medicina un po' di sana realtà dovrebbero lasciarla.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muove il cadavere elettronico ???
    Se non sbaglio il rigor mortis scompare dopo qualche ora dalla morte... sarebbe possibile!
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muove il cadavere elettronico ???
    - Scritto da: ishitawa

    - Scritto da: Anonimo

    ma che razza di titolo è?

    ha ragione, anch'ioleggendo il titolo ho
    pensato a esperimenti
    stile Galvani/Frankestein per muovere a
    scosse elettriche un cadavere (magari
    controllando i treni di impulsi nervosi via
    PC, tanto per fare informatico!)
    .Eeheheh, questo, sì, sarebbe una figata. La nuova frontieradel gaming-on-line. Ti colleghi, scegli il cadavere ed entrinell'arena per combattere con i tuoi amici. Eppoi non sarebbenemmeno cruento.... nemmeno una goccia di sangue versata! Peccato che il rigor mortis non permetta tutto questo. =)Cx
  • Anonimo scrive:
    OK !!!
    Questa è senz'altro una buona notizia per le migliaia di studenti di medicina che possono imparare davvero tanto da questi aiuti elettronici, vista la scarsità di sale settorie nelle facoltà di medicina italiane. Ed è utile anche per noi medici un pò oiù anziani che abbiamo studiato queste cose ormai molti anni fà; una ripassatina non fà davvero male! Bene.
  • Anonimo scrive:
    Re: Si muove il cadavere elettronico ???
    - Scritto da: Anonimo
    ma che razza di titolo è?ha ragione, anch'ioleggendo il titolo ho pensato a esperimentistile Galvani/Frankestein per muovere a scosse elettriche un cadavere (magari controllando i treni di impulsi nervosi via PC, tanto per fare informatico!).
  • Anonimo scrive:
    Si muove il cadavere elettronico ???
    ma che razza di titolo è?ok, ok, post in partenza per il Forum PI: pro e contro ........
  • avvelenato scrive:
    Re: Mai sentito parlare di VHP???
    - Scritto da: Anonimo
    Visible Human Project ... mai sentito
    parlare di questo progetto? Chiedo perche'
    non e' affatto una novita', un uomo e poi
    una donna, migliaia di fettine sottili e di
    scansioni, un database e molti progetti
    derivati basati su quei dati ... il tutto da
    molti molti anni ...

    :)ne avevo sentito parlare sul tg-salute di rai2, davvero fico :)
  • ElfQrin scrive:
    Come recitava uno spot della Coca-Cola
    "Can't beat the Real Thing"
  • Anonimo scrive:
    Mai sentito parlare di VHP???
    Visible Human Project ... mai sentito parlare di questo progetto? Chiedo perche' non e' affatto una novita', un uomo e poi una donna, migliaia di fettine sottili e di scansioni, un database e molti progetti derivati basati su quei dati ... il tutto da molti molti anni ... :-)
Chiudi i commenti