Faccio cose, vedo gente, guadagno con YouTube

YouTube apre a tutti la condivisione degli introiti pubblicitari: finalmente anche sconosciuti autori di clip potranno far fruttare economicamente le proprie opere sul portalone di video sharing

Roma – È giunto il momento di fare soldi, o almeno qualche dollaro, con YouTube. La piattaforma di video sharing “owned by Google” ha deciso di allargare a tutti il revenue sharing , o comunque a tutti quelli che vorranno cercare qualche profitto per le proprie produzioni video.

Dopo neanche sei mesi di test , il programma che consente ai produttori di video di guadagnare dalla condivisione delle proprie opere è finalmente attivo a pieno ritmo. Il Partner Progam ha convinto, anzi è proprio piaciuto. Come sottolinea TechCrunch , se all’inizio il Beta testing aveva coinvolto solo 100 fortunati – praticamente i più noti -, adesso l’iscrizione è aperta a tutti.

Il modello di business è ben conosciuto nell’ambiente, grazie soprattutto alle avanguardie MetaCafe , Break e Revver . Ambienti nei quali una parte degli introiti generati dalla pubblicità contestuale viene condivisa con l’utente-produttore. Ambienti, però, che non godono che di una frazione della popolarità di YouTube.

Niente a che vedere con i progetti non profit di Web TV stile Democracy . Su YouTube si pensa ai soldi, e soprattutto alle casse di Google. Già perché, come aveva rilevato Hitwise lo scorso aprile, solo lo 0,16% delle visite alla piattaforma avvengono per condividere video autoprodotti. Insomma, un gruppetto di soliti noti potrà anche tirar su qualche dollaro, ma la maggior parte dovrà semplicemente sorbirsi la pubblicità.

YouTube non ha ancora comunicato quale sarà la quota di profitto per gli utenti, ma solo i requisiti minimi per aderire al programma. All’utente si chiede infatti di fornire una clip originale, compatibile con l’online streaming. Inoltre, i diritti del video e dell’audio devono essere tassativamente di proprietà dell’autore. Ultimo elemento: la residenza negli Stati Uniti o in Canada.

Ecco a cosa serviva esattamente il nuovo Google Video Units , che permette di rilanciare nel proprio spazio Web i contenuti video postati dagli utenti di YouTube. AdSense, la piattaforma di advertising di Google, sta diventando sempre più un blob capace di permeare ogni antro della web-sfera.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cognome scrive:
    fuffa
    mah, dopo aver provato sia joost che babelgum ho trovato solo fuffa, l'unica differenza è che in babelgum ci sono chili di cacca e in joost ce ne sono quintali, ma sempre cacca èfinchè non offriranno contenuto decente faranno ben poca strada tutti e due
  • contenuto ingiurioso scrive:
    Bastaaa.
    Ragazzi! Se sono l'unico che si mette a ruttare in mezzo ad una folla, allora tutti gli occhi sono per me, ma in mezzo ad una folla che rutta, nessuno mi caga (e, di contro, non cago nessuno)!Dai, facciamo un giochino: smettiamo tutti di fare i fighi, di darci un tono, di massacrarci di botte tutti i giorni con nuove strategie, nuovi mercati da conquistare, contenuti sempre nuovi da offrire per riuscire a fare i soldi per poter accedere alla f ai ga di una vel ai na e torniamo a giocare a pallone all'aria aperta. Eh?
Chiudi i commenti