Facebook, a ciascuno il suo News Feed

Nuovo cambiamento per la visualizzazione dei contenuti in timeline: stavolta il social network riconosce agli utenti un certo controllo nella selezione

Roma – Facebook ha nuovamente messo mano alla propria home page: l’ultimo cambiamento introduce lo strumento “See First” che permette di dare una priorità a taluni contenuti .

L’ idea del social network è evidentemente semplice: il miglior strumento per determinare le preferenze di un utente è l’utente stesso. Così, con la nuova opzione, per il momento disponibile solo sull’app mobile di iOS e prossimamente su quella Android , sarà data libertà di contrassegnare come prioritari gli aggiornamenti di alcuni amici e di alcune Pagine . La possibilità si affianca , completandola, l’opzione di “unfollow” che permette di selezione alcuni amici con cui si vuole diplomaticamente restare in contatto senza tuttavia visualizzare più gli aggiornamenti.

Facebook, peraltro, si era già mossa con la medesima idea di rivedere il news feed offerto agli utenti, ma in direzione contraria, cioè agendo sull’algoritmo che in automatico attribuisce più o meno rilevanza in timeline ai contenuti condivisi dai propri amici.

In questo senso è intervenuta più volte per cercare di raggiungere un equilibrio nel sistema di selezione dei contenuti visualizzati dagli utenti in grado di porre sempre davanti ai loro occhi quelli più interessanti o in grado di farli partecipare in modo più attivo: in particolare il social network era intervenuto prima mettendo in evidenza notizie e discussioni più attive, poi per limitare l’impatto in bacheca dei cosiddetti link mangia-click e delle bufale, infine per favorire la condivisione di contenuti d’attualità, mettendo in evidenza nel news feed tutti quei post legati ad eventi specifici, rilevanti o in diretta.

Entrambe le novità, in ogni caso, hanno lo stesso obiettivo, cioè quello di migliorare l’esperienza degli utenti, favorire l’interazione con i propri contatti e, fine ultimo, aumentare il tempo trascorso sul social network.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    HACK(ED) TEAM....
    ... invece di HACKING TEAM. Se non òlo dici tu, lo dico io, Calamari !
  • rico scrive:
    HACKING TEAM
    Così si chiama la "ben nota ditta milanese", i cui capo, tale Christian Pozzi, si è difeso attaccando chiunque, ben sapendo che il software da lui lanciato è stato venduto a nazioni terroristiche, e per fortuna o per wikileaks è venuto fuori, tant' è che i maggiori antivirus (avast, F-secure, kaspersky ecc) GIA' lo rilevano e lo bloccano. (non Avira)Dovrebbe andare in galera a far divertire i pagliacci come lui.
    • Prozac scrive:
      Re: HACKING TEAM
      - Scritto da: rico
      Così si chiama la "ben nota ditta milanese", i
      cui capo, tale Christian Pozzi, si è difeso
      attaccando chiunque, ben sapendo che il software
      da lui lanciato è stato venduto a nazioni
      terroristiche, e per fortuna o per wikileaks è
      venuto fuori, tant' è che i maggiori antivirus
      (avast, F-secure, kaspersky ecc) GIA' lo rilevano
      e lo bloccano. (non
      Avira)
      Dovrebbe andare in galera a far divertire i
      pagliacci come
      lui.Il fatto che identifichi Pozzi nel "capo" di Hacking Team, mi fa pensare che tu non abbia approfondito la vicenda... Il che rende poco credibile il resto del tuo post ;)
  • prova123 scrive:
    Bravo Calamari!
    E' evidente che ci sono compravendite di dati di qualsiasi tipo, sistemi progettati alla cavolo di cane e buttarla in caciara con ""maledetti hacker" è diventato troppo comodo.
  • Corben scrive:
    TTY
    Diciamo che questo è una conseguenza delle interfacce grafiche introdotte da windows e mac che ha spostato l'attenzione dello sviluppatore su cose futili piuttosto che sul codice in TTY da debuggare perennemente.Finché nelle scuole insegnano su windows con prodotti delle multinazionali che sono belli da vedere ma stupidi sarà sempre peggio.
    • xcaso scrive:
      Re: TTY
      Scusa Corben, vorrei farti presente che le interfacce grafiche esistono prima delle azioni win&mac.https://vimeo.com/132679448(Poi per codice intendi cosa?)
    • prova123 scrive:
      Re: TTY
      Non so da quanto tempo sei stato rapito dagli ufo :D, ma le gui hanno avuto origine a fine anni 60, più precisamente nel 1968:http://venturebeat.com/2013/07/03/computing-pioneer-and-gui-inventor-doug-engelbart-dies-at-88/All'inizio fu la Xerox Palo Alto Research Center, dove su sistemi unix stavano implementando le gui. Il management miope vedeva dei ricercatori che giocavano con le interfacce grafiche e con il mouse (nato nel lontano 1963) e chiusero quei progetti. Parte di quei progettisti andarono a lavorare in quella che sarebbe diventata Apple ed un altra parte in quella che sarebbe diventata microsoft.Quella che vedi oggi è tutta pappa vecchia rifritta di circa 50 anni!
  • sed scrive:
    a proposito di:
    "sulle possibili conseguenze della divulgazione di questo materiale, ha ben argomentato Matteo Flora."Discordo, considerando il pressappochismo in quanto a policy di sicurezza quei software erano già da tempo in mano a cani e porci. Amen.
    • bubba scrive:
      Re: a proposito di:
      - Scritto da: sed
      "sulle possibili conseguenze della divulgazione
      di questo materiale, ha ben argomentato Matteo
      Flora."

      Discordo, considerando il pressappochismo in
      quanto a policy di sicurezza quei software erano
      già da tempo in mano a cani e porci.
      Amen.questi sono 2 argomenti interessanti..gli screenshot del poveraccio, per il poco che ho visto sono di giugno [ma non ho idea se ci siano evidenze che datano piu' a ritroso]Tra l'altro quei shot a me fanno pensare siano fatti da una manina italiana (o che sa leggere l'italiano...)Sappiamo pero' che citizenlab ha fatto un CORPOSO report nel feb 2014 (tanto che in HT gli si son rizzati tutti i peli). il leak fu quindi nel 2014 (ed e' rimasto nascosto per tanto tempo)?
      • ma anche no scrive:
        Re: a proposito di:
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: sed

        "sulle possibili conseguenze della divulgazione

        di questo materiale, ha ben argomentato Matteo

        Flora."



        Discordo, considerando il pressappochismo in

        quanto a policy di sicurezza quei software erano

        già da tempo in mano a cani e porci.

        Amen.
        questi sono 2 argomenti interessanti..
        gli screenshot del poveraccio, per il poco che ho
        visto sono di giugno [ma non ho idea se ci siano
        evidenze che datano piu' a
        ritroso]
        Tra l'altro quei shot a me fanno pensare siano
        fatti da una manina italiana (o che sa leggere
        l'italiano...)

        Sappiamo pero' che citizenlab ha fatto un CORPOSO
        report nel feb 2014 (tanto che in HT gli si son
        rizzati tutti i peli). il leak fu quindi nel 2014
        (ed e' rimasto nascosto per tanto
        tempo)?ma se ci sono email di maggio 2015... :
    • ... scrive:
      Re: a proposito di:
      - Scritto da: sed
      Discordo, considerando il pressappochismo in
      quanto a policy di sicurezza quei software erano
      già da tempo in mano a cani e porci.
      Amen.sarà, ma adesso sono in mano anche alle software house che chiuderanno i relativi bug...
      • sed scrive:
        Re: a proposito di:
        Io rispondevo alle argomentazioni fatte dal signor Matteo Flora linkato nell' articolo.http://mgpf.it/2015/07/09/hackingteam-di-cosa-dovete-davvero-aver-paura.html
  • Esaltatore scrive:
    Sì, ma...
    Sì, ma come la mettiamo con il tweet di anonymous del giorno prima che prevedeva problemi alla borsa? Aveva avuto una soffiata dal router?
  • xcaso scrive:
    mediaevo a prescindere.
    Ma funziona così per le fazze belle, non interessa più di tanto parlare nello specifico degli eventi "digitali" che hanno reso la settimana incandescente, perché mancano i morti, i bambini lesi e i gattini gomitolosi.
    • AnonC scrive:
      Re: mediaevo a prescindere.
      Siete tutti MUCCHE! Le mucche fanno MUUUUUUUUUUUUUUU!MUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU!MUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU!MUUUUUUUUUU Mucche MUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU!MUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU fanno le MUCCHE!MUCCHE CHE NON SIETE ALTRO!
  • facciacomei lculo scrive:
    About MAtteo FLora
    Ah si il tuo amichetto Matteo(Hermes)Flora ha "argomentato bene"....Peccato abbia la faccia come il culo e avesse un appuntamento a Dicembre 2014 con Mr Vincenzetti...immagino per migliorare la loro web reputation!!!Salvo poi scrivere di Ethical Hacker.......Tutta una pasta tra amcici fascistihttps://wikileaks.org/hackingteam/emails/?q=matteo+flora&mfrom=&mto=&title=&notitle=&date=&nofrom=&noto=&count=50&sort=0#searchresult
    • Marco Calamari scrive:
      Re: About MAtteo FLora
      - Scritto da: facciacomei lculo
      Ah si il tuo amichetto Matteo(Hermes)Flora ha
      "argomentato bene"....
      Peccato abbia la faccia come il culo e avesse un
      appuntamento a Dicembre 2014 con Mr
      Vincenzetti...immagino per migliorare la loro web
      reputation!!!Salvo poi scrivere di Ethical Hacker.......
      Tutta una pasta tra amcici fascisti
      https://wikileaks.org/hackingteam/emails/?q=matteoPersonalmente citerei anche il demonio (chiarando che cito il demonio) se dicesse cose sensate, ben argomentate ed importanti.Approccio personale su quello che ritengo di scrivere nei miei articoli.Nel merito, date le tue intolelranze, puoi leggere Attivissimo su Zeusnews, che pero' e' tecnicamente inferiore a quello di flora (Paolo, non ti arrabbiare, eh), anche se molto buono.Per la mancanza di queste caratterisiche non potrei citare te ...
      • facciacomei lculo scrive:
        Re: About MAtteo FLora
        Bhe mi sembra giusto citarlo come persona competente del resto lui è uno dei founder del Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights.Nonch'è uno dei relatori di E-PRIVACY di quest'anno...Tutto molto etico....Libero di citare il diavolo andarci a braccetto, parlare di etica e privacy.....chi ci perde in rispetto, stima e immmagine sei solo tu....
        • Marco Calamari scrive:
          Re: About MAtteo FLora
          Credo che la reputazione abbia uno spessore, e che la caccia alle streghe debba essere estranea alla nostra cultura. Di certo lo e' alla mia. Il giudizio ed il dovere/diritto di cambiare idea invece dovrebbe esserci.Detto questo, chiudo il thread consigliandoti la rilettura, in chiavecritica, di questo articolo <http://punto-informatico.it/2259816/PI/Commenti/cassandra-crossing-tutti-noi-zombie.aspx
          E di quello di Phrack che vi e' citato, che puoi trovare qui perche' il sito originale e' defunto <http://www.textfiles.com/magazines/PHRACK/PHRACK65
          Nel 2008 lo scrivevo gia', e da allora non ho cambiato idea...
        • Marco Calamari scrive:
          Re: About MAtteo FLora
          Scusate i link non funzionanti; sono troppo avvezzo alle mail di solo testo....http://punto-informatico.it/2259816/PI/Commenti/cassandra-crossing-tutti-noi-zombie.aspxhttp://www.textfiles.com/magazines/PHRACK/PHRACK65
      • tuttavia scrive:
        Re: About MAtteo FLora
        - Scritto da: Marco Calamari
        - Scritto da: facciacomei lculo

        Ah si il tuo amichetto Matteo(Hermes)Flora ha

        "argomentato bene"....

        Peccato abbia la faccia come il culo e
        avesse
        un

        appuntamento a Dicembre 2014 con Mr

        Vincenzetti...immagino per migliorare la
        loro
        web

        reputation!!!Salvo poi scrivere di Ethical
        Hacker.......

        Tutta una pasta tra amcici fascisti


        https://wikileaks.org/hackingteam/emails/?q=matteo

        Personalmente citerei anche il demonio (chiarando
        che cito il demonio) se dicesse cose sensate, ben
        argomentate ed
        importanti.
        Approccio personale su quello che ritengo di
        scrivere nei miei
        articoli.Citeresti il diavolo anche se l'argomento fosse l'inferno?Perché qui mi sembra che ci sia un conflitto di interessi e non è giusto ignorarlo.

        Nel merito, date le tue intolelranze, puoi
        leggere Attivissimo su Zeusnews, che pero' e'
        tecnicamente inferiore a quello di flora (Paolo,
        non ti arrabbiare, eh), anche se molto
        buono.

        Per la mancanza di queste caratterisiche non
        potrei citare te
        ...
  • toostressed scrive:
    Ignoranza?
    Sempre colpa dei maledetti hacker, tanto che anche in alcuni film con audio originale, ma sottotitolati in italiano, anche quando si sentiva chiaramente che gli attori pronunciavano la parola cracker, i sottotili non mancavano di tradurre tale vocabolo in hacker
Chiudi i commenti