Facebook gioca con Unity

Il social network ha stretto un accordo con la società dell'engine videoludico per la realizzazione di una nuova piattaforma di gaming: gli sviluppatori potranno rivolgersi più facilmente agli amici di Facebook

Roma – Facebook e Unity hanno annunciato di essere all’opera per la realizzazione di una piattaforma videoludica che permetterà agli sviluppatori di rivolgersi alle sconfinate platee connesse degli amici in blu. Dal 18 al 31 agosto, gli sviluppatori di videogame possono avere accesso alla versione alpha di Unity 5.4, che permette loro di realizzare ed esportare videogame verso Facebook.

Prima di questa collaborazione, gli operativi con Unity avevano a disposizione un SDK per trasporre i videogame sulla piattaforma web. “Integrare strumenti che forniscono accesso agevole alla rete di Facebook è un elemento chiave nell’aiutare gli sviluppatori a conquistare il successo che meritano”, ha dichiarato Elliot Solomon, vicepresidente di Unity.

Il colosso del social network sembra così voler fare concorrenza a piattaforme come Steam, nel tentativo di ritornare ai fasti dei tempi dell’esplosione del social gaming, prima che il casual gaming diventasse di dominio delle app mobile.

Menlo Park non ha fornito ulteriori dettagli sui propri piani: ricorda però che sono oltre 650 milioni le persone che utilizzano ogni mese Facebook in senso videoludico, sia che si servano di un dispositivo mobile, di una console o di un pc.

Facebook aveva annunciato una piattaforma di download già a maggio, con un test chiamato “Facebook Games Arcade”, di cui è possibile vedere una demo . Il rinnovato annuncio si rivolge invece a un pubblico multipiattaforma, non soltanto a Windows come nel test Gamed Arcade. Supporterà i tradizionali casual game di Facebook, ma Unity assicura che fornirà anche supporto a titoli hardcore e “immersivi”. Per i gamer sarà possibile cercare titoli online con i quali giocare e Facebook pagherà una quota dei ricavi agli editori dei giochi, ma non è ancora chiaro se questa si discosterà dal 30 per cento standard utilizzato in passato.

Pierluigi Sandonnini

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dubitabbond io scrive:
    fumo di londra
    Questa faccenda del terrorismo è diventata una isteria di massa grazie ai giornali e alla televisione che amplificano a dismisura i fatti, per vendere di più, e forse per qualche altro, più importante e inconfessabile motivo.E il risultato è che stiamo facendo esattamente quello che vogliono i terroristi.O forse non sono i terroristi a volerlo.
    • uno scrive:
      Re: fumo di londra
      - Scritto da: dubitabbond io
      Questa faccenda del terrorismo è diventata una
      isteria di massa grazie ai giornali....Quando ti mettono una bomba sull'autobus ne riparleremo... forse...
      • collione scrive:
        Re: fumo di londra
        in Italia e' gia' successo, anni '70, si chiamava "strategia della tensione" e si scopri' anni dopo che dietro non c'era nessuna fantomatica Spectre, bensi' i servizi segreti della NATO ( Gladio/Stay behind )i media sono solo prostitute al servizio del regime di turno, ragion per cui le loro affermazioni vanno prese con le pinze
      • Etype scrive:
        Re: fumo di londra
        - Scritto da: uno
        Quando ti mettono una bomba sull'autobus ne
        riparleremo...
        forse...Ma per favore,apri gli occhi piuttosto.
    • Etype scrive:
      Re: fumo di londra
      Condivido pienamente,inoltre un popolo spaventato è molto più incline a rinunciare a parte dei loro diritti in favore di una fantomatica protezione.Basta vedere gli speciali che fanno per gli attentati, pur non avendo informazioni certe si va per sentito dire ,per non parlare del fatto che mettono in loop sempre le stessi filmati e avidamente chiedono informazioni agli inviati sempre più particolareggiate e alla fine su 20 collegamenti dicono sempre le stesse cose.Farebbero qualsiasi cosa per scoop e odiens,tranne dire la verità.
  • anonimo scrive:
    pagliacciata
    mi sembra una grandissima trovata pubblicitaria...non uso mai twitter ma proprio in questi giorni mi hanno terminato due account che avevo creato
  • Uqbar scrive:
    Bella mossa!
    Adesso che li avete "epurati" troveranno un altro modo di comunicare, magari evitando gli errori che li hanno portati al l'epurazione.Viceversa, prima potevamo dare un'occhiata anche noi, la CIA, il Mossad ecc. Ecc.Sì, direi che è una bella mossa!
  • Fascistone scrive:
    Rivalutiamo Benito Mussolini
    Fece molte cose buone: l'IRI, l'INPS, l'Autarchia, spedì in galera quella gran testa di cazzo di altiero spinelli, e se gli agnelli/elkann avessero provato a spostare patrimonio e Fiat in Olanda, li avrebbe immediatamente fatti impiccare. Altro che renzi, porco venduto, servo di banchieri e padroni. 8)E ai rompicoglioni che quando si parla di Mussolini ricordano sempre le leggi razziali, rispondo: ma voi davvero vi vorreste sposare un ebreo/a? Ma dai, sù, per favore!(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
    • ... scrive:
      Re: Rivalutiamo Benito Mussolini
      [img]http://m.memegen.com/kc2msc.jpg[/img]
    • supercazzol a elettrific ata scrive:
      Re: Rivalutiamo Benito Mussolini
      - Scritto da: Fascistone
      Fece molte cose buone: l'IRI, l'INPS,
      l'Autarchia, spedì in galera quella gran testa di
      cazzo di altiero spinelli, e se gli
      agnelli/elkann avessero provato a spostare
      patrimonio e Fiat in Olanda, li avrebbe
      immediatamente fatti impiccare. Altro che renzi,
      porco venduto, servo di banchieri e padroni.
      8)

      E ai rompicoglioni che quando si parla di
      Mussolini ricordano sempre le leggi razziali,
      rispondo: ma voi davvero vi vorreste sposare un
      ebreo/a?http://beauty-around.com/en/tops/item/93-samye-krasivyue-evreikiE cosa ci dovremmo sposare? quel cesso di tua sorella?
      Ma dai, sù, per
      favore!

      (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
Chiudi i commenti