Facebook spegne la macchina del suicidio

Un'applicazione consentiva di ripulire ed eliminare il proprio profilo. Violando però, a parere di Facebook, le condizioni di utilizzo del servizio. Il social network in blu non ha avuto pietà

Roma – Conducevano gli utenti saturi di socializzazione virtuale ad una silenziosa e veloce dipartita assistita dei propri account Facebook. A Palo Alto i gestori del social network non l’hanno presa bene e hanno bloccato Web 2.0 Suicide Machine , applicazione che andava oltre il semplice delete del profilo: procedeva innanzi tutto alla rimozione delle amicizie e delle varie applicazioni attivate nel corso del tempo richiedendo la cancellazione in un secondo momento.

Gli aspiranti suicidi si vedevano resettato il proprio account come se stessero muovendo i primissimi passi su Facebook, con l’unica differenza di non aver intenzione di rintracciare ex compagni di scuola o di completare test di foggia varia: la fuga dal social network è stato il pensiero di quei 500 utenti che sono riusciti ad utilizzare l’applicazione prima che il suo IP di riferimento venisse bloccato, rendendola così inservibile.

Facebook per ora è l’unico social network che ha sgominato Web 2.0 Suicide Machine: Twitter, LinkedIn e MySpace non sembrano preoccuparsene, almeno per ora. Le ragioni addotte dai responsabili di Palo Alto si riferiscono alla policy del portale in blu, che impedisce agli utenti di rivelare a terzi i dati necessari per eseguire il login: la macchina del suicidio per funzionare richiede username e password del suicidando.

“Non violiamo le condizioni d’uso di Facebook – ha dichiarato dal canto suo Gordan Savicic, responsabile di Web 2.0 Suicide Machine – offriamo solamente un servizio agli utenti stufi di Facebook”, senza condividere password o dati personali, né mettere a rischio la sicurezza dell’account.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cicio scrive:
    ma quale liberta di parola???
    Ma come si a dire che in Italia c'è libertà di parola??Tu puoi si dire quello che ti pare finche non ce nessuno che ti ascolta, ma se per assurdo il tuo discorso raggiunge una certa quantità di persone. Il regime ti fa a pezzi e ti annienta!! Vedi la storia di Mesiano tanto per dirne una ma gli esempi ce ne sono a migliaia. Adesso vogliono anche imbavagliare l' unica voce che ancora non hanno sotto controlo e cioè i social network e tutte le altre forme di libera espressione che c'è su Internet.E qui essere di sinistra o di destra non c' entra una mazza, Qui il fatto è essere contro o a favore di un regime mafioso. Infatti a parte gli ignoranti (che secondo me sono in buona fede credono a quello che gli dicono non gliene frega niente di informarsi e prendono posizioni) ci sono tutti gli altri che lo fanno per interesse prorpio, pregidicati, evasori fiscali, e appunto mafiosi,!!!E quindi di quale liberta di parola stiamo a parlare ?? Anche Saviano se si stava zitto e non scriveva quelle cose sulla camorra poteva campare 100 anni. Ormai siamo già come in Iran !!! Ci manca poco e vedremmo che i poliziotti ci spareranno nelle piazze. Tanto quando ti aresstano già ti fanno fuori , vedi il caso Cucchi. E non sucede niente dico niente !!! Anzi il Ministro della Giustizia si permette di dire che il tizio È caduto dalle scale????Da ridere anzi da piangere perchè non si devono neanche più nascondere dietro una foglia di figo.E poi infine ancora due parole prima "fratelli" seconda "Graviano" avete visto la storia del 41 bis ??? Ma secondo voi come si fa a discutere democraticamente con chi è indagato per essere il mandante oculto su stragi????Ma credete d' avvero che ci sià ancora qualche spiraglio per cambiare le cose in Italia? Io no !! E infatti me ne sono andato e avi assicuro che si mangia molto bene anche in altri paesi!!!P.S Grazie a tutti quelli che ci hanno ridotto a questo punto. Il vostro senso democratico e la vostra inteligenza vi stanno portando propio ad una bella realtà!!P.P.S A tutti Patrioti , Fascisti, Mafiosi e Comunisti in ascolto , vi regalo la mia parte di italianità e tutta vostra, io da parte mie vivendo all' estero me ne vergogno solamente
  • Silvan scrive:
    Votate
    Si, votate a sinistra che ha un lungo passato di fiorente democrazia, vedasi la perduta ammirazione verso regimi come Unione Sovietica, Cuba, Cina, Nord Corea, Vietnam, e che ora ha dovuto cambiare casacca e simboli, visto il palese fallimento dei vari governi social-comunisti avvicendatisi nella storia del mondo. Il regime iraniano è similare a quelli comunisti, variano solo i dirigenti, ayatollah invece di alti burocrati di partito.
    • ohMiFaiPost arePerPiac ere scrive:
      Re: Votate
      differentemente da quanto dice qualcuno, chi non vota a destra non e' necessariamente comunista, se in uno stato c'e' un regime questo e' completamente indipendente dal fatto che sia di sinistra o destra (per controbilanciare i tuoi esempi ti propongo le dittature sudamericane, gli stati totalitari tra la prima e la seconda guerra mondiale cone l'italia e la spagna col fascismo, la germania col nazismo, gli stati "teocratici", ecc.).Vedi, l'orientamento politico non e' una "retta" (cioe' una linea con chi sta a destra e chi sta a sinistra), ma e' piu' a "due dimensioni" (un "foglio" come vedi qui http://www.politicalcompass.org/analysis2), cosi' che chi si sente di destra o di sinistra in realta' puo' essere liberale, che in parole povere indica una persona che crede che lo stato debba garantire la massima liberta' possibile di pensiero e atti intromettendosi nella vita privata dei cittadini il meno possibile, oppure puo' essere piu' di stampo autoritario, cioe' puo' pensare che lo stato per una certa ragione debba cercare di regolamentare e reprimere una serie di comportamenti considerati sconvenienti per il bene comune.Adesso, dopo il pippone che ho scritto, io penso che se migliaia di persone hanno inneggiato a qualcuno che ha fatto qualcosa di condannabile, prima di scagliarmi contro queste persone pe zittirle, magari mi domanderei perche' dicono quello che dicono, e, in un secondo momento, mi chiederei anche che male hanno fatto di cosi' grande da meritare uan legge o un proXXXXX apparte essere un po' antipatici nei confronti di chi non la pensa come loro.
  • Silvan scrive:
    A chi si lamenta
    A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di opinione nel mondo occidentale, consiglierei di passare qualche giorno in Iran, dove recentemente un giornalista è stato condannato a 7 anni di prigione e a 34 frustate per aver criticato il presidente ( Nominato con palesi brogli elettorali ).
    • sxs scrive:
      Re: A chi si lamenta

      > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
      > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
      > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente[...]Mi sembra piu' intelligente tenere alta la guardia proprioper non finire in modo simile che guardare con soddisfazionea chi sta peggio.
      • Giovanni scrive:
        Re: A chi si lamenta
        Concordo appieno. Soltanto se terremo alta la guardia e smetteremo di votare certa gente non ci ridurremo come loro.
    • xWolverinex scrive:
      Re: A chi si lamenta
      - Scritto da: Silvan
      > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
      > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
      > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente
      > un giornalista è stato condannato a 7 anni di
      > prigione e a 34 frustate per aver criticato il
      > presidente ( Nominato con palesi brogli
      > elettorali
      > ).Praticamente il ragionamento sarebbe "visto che c'è chi sta' peggio non lamentiamoci". Allora ci sono paesi dove la "pedofilia" e' prassi comune, dove vendono le proprie figlie da bambine per farle sposare... perche' ce la prendiamo tanto coi pedofili ?Ma che ragionamenti del Razzo fai ?!? :'(E' proprio con ragionamenti come il tuo che siamo arrivati dove siamo. Tanto c'e' chi sta' peggio... tutti i diritti conquistati col tempo ce li stiamo giocando tutti (anzi ce li siamo gia' giocati..) ma tanto c'è chi stà peggio... Mandarti "a quel paese" non renderebbe giustizia "a quel paese" :|
    • DarkOne scrive:
      Re: A chi si lamenta
      - Scritto da: Silvan
      > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
      > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
      > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente
      > un giornalista è stato condannato a 7 anni di
      > prigione e a 34 frustate per aver criticato il
      > presidente ( Nominato con palesi brogli
      > elettorali
      > ).Bravo. Tipica mentalità da italianotto medio...per questo invece di andare avanti, regrediamo.
  • ruppolo scrive:
    Guarda come si agitano...
    ...le formichine!
    • uno scrive:
      Re: Guarda come si agitano...
      Di chi parli ?
    • DarkOne scrive:
      Re: Guarda come si agitano...
      - Scritto da: ruppolo
      > ...le formichine!E la gente sostiene berlusconi...piano piano, pezzo per pezzo, stanno spingendo verso una dittatura.Ora vorrei proprio capire chi stabilisce quali fatti siano da considerarsi reati e quali no...se pubblico un post nel mio blog e dico che berlusconi è una testa di bla bla bla e che gli infilerei bla bla bla...sto facendo reato?Chi controlla i controllori di questa roba?Ennesimo sopruso che sta passando in sordina...
  • Marcello Romani scrive:
    Forse l'unica cosa buona...
    ...sarebbe questa:"L'occasione potrebbe altresì essere propizia per sottolineare in premessa l'inutilità di qualsiasi forma filtraggio sull'acXXXXX tramite liste di blocco o analisi dei contenuti."Speriamo che questa semplice verità tecnica venga compresa una volta per tutte dalla politica.
  • ephestione scrive:
    perseguire decine di migliaia di persone
    ...ma quando mai?Se "tizio", che ha il potere di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato, un bel giorno decide che dipingere le pareti di blu quando il pavimento è arancione (o viceversa) è illegale, e questo comporterebbe che "decine di migliaia di persone" debbano essere perseguite per questo tipo di atto, non è che forse "tizio" non capisce un tubo di associazioni cromatiche e farebbe meglio a fare altro, e le decine di migliaia di persone hanno il diritto di fare quello che ritengono giusto se così facendo non danneggiano nessun altro?Mah.
    • Fabrizio Cinti scrive:
      Re: perseguire decine di migliaia di persone
      - Scritto da: ephestione
      > capisce un tubo di associazioni cromatiche e
      > farebbe meglio a fare altro, e le decine di
      > migliaia di persone hanno il diritto di fare
      > quello che ritengono giusto se così facendo non
      > danneggiano nessun
      > altro?Questa si chiama democrazia, libertà di parola. Internet, oltre che faccenda tecnica è solo questo, libertà di parola.I giornalisti li hanno già imbavagliati con leggi apposta, ora devono chiudere il cerchio con gli scomodi ed inutili elettori. Rendiamoci conto da che cosa siamo governati, e cerchiamo di svegliarci prima che sia troppo tardi.Su Facebook stanno organizzando una giornata no-craxi a Milano. Youtube è piena delle bugie e contraddizioni di qualunque politico ne abbia espresse. E la colpa è di chi ce le ha messe, cioè nostra :)Si è perso il senso del ridicolo, ed ormai è impossibile continuare a restare passivi. E difatti hanno già ricominciato con "attentati" (al Premier e al Papa) e bombe, e per la nostra sicurezza è importante che venga esercitato il controllo su di noi. Mentre "loro" sono tutti impuniti, qualcuno impunibile, e vogliono (giustamente?) elogiare i "loro" eroi, scappati e morti ufficialmente come latitanti.E no, non posso farci niente ma non me ne vado dall'Italia, non abbandono i miei famigliari.Piuttosto sono "loro" che devono andarsene a delinquere altrove.
  • mirko minni scrive:
    ipocrisia
    Io non sopporto l'ipocrisia.Maroni afferma: la libertà di espressione è inviolabile, MA ANCHE NO.Il discorso sull'autorità giudiziaria poi è davvero odioso, la sussistenza del reato viene stabilita in via definitiva dopo 3 gradi di proXXXXX, non immediatamente, se un PM assieme all'amichetto GIP si mettono in testa che un contenuto sia inequivocabilmente illecito e deve essere rimosso.
    • Giovanni Mauri scrive:
      Re: ipocrisia
      Come la fai semplice.. liquidi in tre parole i tre gradi di giudizio.. intanto passano gli anni..
    • pinco pallino scrive:
      Re: ipocrisia
      - Scritto da: mirko minni
      > Io non sopporto l'ipocrisia.Allora dovresti andartene dall'Italia.Un paese più ipocrita al mondo non esiste.Tuttavia io ci resto perché non esiste paese al mondo in cui si mangia meglio che in Italia.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ipocrisia
      contenuto non disponibile
    • shevathas scrive:
      Re: ipocrisia
      - Scritto da: mirko minni
      > Io non sopporto l'ipocrisia.
      > Maroni afferma: la libertà di espressione è
      > inviolabile, MA ANCHE
      > NO.
      > qualunque diritto viene limitato naturalmente dagli altri diritti.
      > Il discorso sull'autorità giudiziaria poi è
      > davvero odioso, la sussistenza del reato viene
      > stabilita in via definitiva dopo 3 gradi di
      > proXXXXX, non immediatamente, se un PM assieme
      > all'amichetto GIP si mettono in testa che un
      > contenuto sia inequivocabilmente illecito e deve
      > essere
      > rimosso.si chiama principio di cautela, lo stesso che giustifica per gravi e fondati motivi la detenzione in attesa di giudizio.
Chiudi i commenti