Facebook: verrà la fine di Gmail

Pronto al lancio un client di posta elettronica web, pensato per spodestare quello di Google. Il sito in blu aprirà anche un nuovo data center, fiducioso della propria futura crescita

Roma – L’attesa è ormai spasmodica ai quattro angoli del web specializzato. Le armi social di Facebook sembrano affilate, pronte a fare a pezzi Google e il suo servizio di posta elettronica Gmail.

Gmail killer . È così che gli alti vertici di Facebook hanno descritto il Project Titan , ovvero un piano di revisione dell’intero sistema di messaggistica interno al sito in blu. Un progetto che dovrebbe prevedere il lancio di un vero e proprio client di posta web .

Almeno secondo le varie indiscrezioni apparse in Rete, pronte a scommettere sui principali obiettivi di una conferenza annunciata per il prossimo lunedì. Al St. Regis Yerba Buena Terrace di San Francisco Mark Zuckerberg dovrebbe parlare proprio di messaggistica, per qualcuno non esattamente il punto forte della piattaforma in blu.

Mentre Google resta in ansia per le sorti del suo servizio di posta elettronica, la stessa Facebook ha annunciato l’apertura di un nuovo data center a Rutherford, North Carolina . Una struttura pronta entro 18 mesi, che darà lavoro – secondo un comunicato stampa – a circa 40 persone. Un investimento necessario vista la crescente popolarità del social network, e che induce a pensare che a Palo Alto prevedano una crescita sensibile delle proprie necessità di elaborazione.

L’azienda di Mark Zuckerberg ha così versato un totale di 450 milioni di dollari per la costruzione di un nuovo data center, sottolineando come questo sfrutterà energie eco-friendly . Una mossa che dovrebbe rendere felici gli attivisti di Greenpeace , già scagliatisi contro il CEO di Facebook per la gestione energetica del data center in Oregon.

I legali di Facebook, nel frattempo, rimangono impegnati in uno scontro giudiziario contro Phoenix Media/Communications Group , società statunitense che controlla il quotidiano Boston Phoenix . Sarebbero stati violati due brevetti in blu, relativi alla gestione online degli eventi . In realtà quella del sito in blu è una contromossa , dopo che la stessa società a stelle e strisce aveva contattato i suoi legali per una presunta violazione di un altro brevetto. La tecnologia rubata da Facebook sarebbe relativa alla realizzazione di una pagina o un profilo personale .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • suoranciata scrive:
    LOL limewire
    http://cristgaming.com/pirate.swf
  • Filippo scrive:
    Vogliono solo pararsi il sedere
    Per me i legali hanno suggerito questa mossa per evitare ritorsioni sul gruppo originario Limewire... In questa maniera non li si può accusare di aver favorito LPE o di essere venuti meno agli ordini della corte, spero soltanto che non sia il bisogno di denaro che ha causato questa mossa...
    • ET extraterre stre scrive:
      Re: Vogliono solo pararsi il sedere
      - Scritto da: Filippo
      Per me i legali hanno suggerito questa mossa per
      evitare ritorsioni sul gruppo originario
      Limewire...

      In questa maniera non li si può accusare di aver
      favorito LPE o di essere venuti meno agli ordini
      della corte, spero soltanto che non sia il
      bisogno di denaro che ha causato questa
      mossa......meglio prevenire che curare: se il giudice è di origini italiane...
    • Regur Mortis scrive:
      Re: Vogliono solo pararsi il sedere
      è più probabile che hanno altre idee legate a un nome cosi popolare, infatti sono sicuro che sentiremo parlare ancora di limeware ma con altre vesti.
  • Sgabbio scrive:
    Ma non era open source ?
    Come da titolo: Non era open source ? Che si lamentano a fare se usano una versione modificata ? Mah...
    • attonito scrive:
      Re: Ma non era open source ?
      - Scritto da: Sgabbio
      Come da titolo: Non era open source ? Che si
      lamentano a fare se usano una versione modificata
      ?
      Mah...credo che se anche opensource, gli altri possano usarne il codice sorgente per fare un fork, ma NON possono usare il nome. vedi openoffice/libreoffice, firefox/iceweasel, MySQL/MariaDB, etc.
Chiudi i commenti