FactSpotter, il search engine di Xerox

Mamma Xerox entra nei motori di ricerca, con un prodotto programmato per pensare come un essere umano. Non è destinato ai computer degli utenti, non subito almeno, ma punta in alto

Roma – La divisione europea di ricerca di Xerox ha annunciato la disponibilità di un nuovo motore di ricerca semantico che, secondo gli sviluppatori, contribuirà a migliorare la qualità delle ricerche nei documenti d’ufficio.

Tra i punti di forza di FactSpotter una serie di caratteristiche che lo rendono diverso da quanto visto fino ad oggi: l’interfaccia è molto user-friendly, poiché consente di inserire una domanda con un linguaggio il più possibile naturale. Si potrà dire addio a stringhe complicate fatte di segni più e virgolette: basterà chiedere semplicemente quanto si vuole sapere per ottenere una risposta.

Un search engine semantico, a differenza di quelli tradizionali basati su una o più parole chiave, analizza i documenti alla ricerca di informazioni pertinenti l’argomento richiesto dall’utente: le parole immesse come base per la ricerca sono trattate quindi come un argomento su cui basare i risultati, piuttosto che soltanto come elementi di cui individuare la ricorrenza.

In questo modo è possibile interrogare il motore con linguaggio comune , ponendo semplicemente delle domande: il software provvederà ad estrapolare il contesto e restituire tutti i documenti che si riferiscono all’argomento desiderato. Idee non nuove, evidentemente, tutta la differenza la farà l’effettiva efficienza dell’engine.

“Il nostro prodotto va oltre quanto fanno oggi i motori di ricerca basati su keyword o data-mining, che spesso si limitano a fornire solo il 40 percento di tutti i documenti che interessano” ha detto Frédérique Segond, capo della sezione che ha sviluppato FactSpotter: “Lo strumento Xerox è più accurato perché guarda nei documenti, estrae i concetti e li mette in relazione. Intuisce il contesto e fornisce le giuste informazioni all’utente”.

Tra le altre caratteristiche di FactSpotter c’è anche la capacità di restituire unicamente la porzione di un file inerente alla domanda posta. Inoltre, il motore indicizza l’intero documento estrapolandone i concetti contenuti, in luogo di limitarsi ad associare soltanto le parole contigue. Non fa neppure distinzione sulla lingua utilizzata, poiché è stato pensato e realizzato per risultare compatibile con un gran numero di grammatiche .

L’engine è anche in grado di allargare la ricerca in modo intelligente: se si cerca un nome di persona, verranno incluse tra i risultati anche le frasi in cui ci si riferisce in terza persona o con un pronome al soggetto. Oppure la ricerca di concetti astratti come “palazzo” o “figura geometrica”, verrà ampliata per contenere i termini grattacielo, villa, cerchio, quadrato, triangolo ecc.

“Oggi chi lavora con i documenti ha un bel problema davanti. Ogni giorno cerchiamo informazioni e dati precisi, per fare bene il nostro lavoro” dice Mike Maziarka, direttore di InfoTrends Dynamic: “Abbiamo tutti bisogno di strumenti che ci semplifichino i compiti, che ci permettano di trovare l’ago nel pagliaio della massa di informazioni che esistono oggi. FactSpotter risponde a questa esigenza, (…) aumentando la produttività “.

A quanto pare però, i navigatori non potranno mettere le mani su FactSpotter molto presto: nelle intenzioni di Xerox il nuovo motore verrà incorporato inizialmente soltanto nei suoi prodotti pensati per consulenti legali , per poi essere messo a disposizione anche di medici, istituti bancari e finanziari, operatori di marketing.

Al momento non è previsto alcuno sbarco sulla rete, anche se esistono già degli strumenti simili pensati per il web. Chissà se, come ipotizza TechCrunch , prima o poi non arriverà lo Steve Jobs di turno a strappare FactSpotter dalle mani di Xerox per trasformarlo nella sua fortuna .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Laverio scrive:
    Niente di nuovo
    Qualche anno fa ci hanno raffreddato un K6 con un impianto ad ammoniaca... E con ottimi risultati di overclocking.
  • porcacchia scrive:
    soluzione xla pubblicita' della microway
    beh non c'e' che dire una bella pubblicita' per la microway che dichiara di fare ricerca con un segretissimo scienziato...ma quale segretissimo! ....da leggere la prima conferenza e' stata fatta 4 anni fahttp://www.chemistry.emory.edu/faculty/bowman/symposium/frontiers/schedule.htmle il segretissimo scienziato non e' nient'altro che stuart carter uno scienziato che fa ricerca sul campo della chimica molecolare http://www.ginfo.pl/people/1692637,Carter,Stuart.htmlo il collega bowmanhttp://www.ginfo.pl/people/1905374,Bowman,Joel%20M.htmlda notare che la "segretissima ricerca" era stata pubblicata in un simposio della microway (con tanto di pubblicita' degli snacks offerti).AP-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 giugno 2007 13.20-----------------------------------------------------------
  • carnacki scrive:
    Non era una novita
    Fino ad almeno 30 anni fa l'ammoniaca era usata come fluido per i rifregeratori, fino a quando non hanno iniziato a usare i CFC come sostituito.
  • the_speck scrive:
    L'ammoniaca e' altamente tossica
    Hai presente l'ammoniaca di casa? Stappa il flacone e fatti un bel respirone... OK, ti sono venute le convulsioni per la tosse. Ora, immaginati che quella e' una soluzione altamente diluita. Pensa di usare l'ammoniaca pura, che ad appena 25 ppm ammazza il 50% delle persone presenti.Pensa ai sistemi di sicurezza necessari, sia per prevenire le fughe, che per la gestione delle emergenze. Hai pensato? Ti sembra ancora una buona idea?-- Ciao,Speck
    • Albert Einstein scrive:
      Re: L'ammoniaca e' altamente tossica
      E' tossica ma è anche normalmente utilizzata in sistemi di refrigerazione industriale di medio/grandi dimensioni!I datacenter sono gìa climatizzati con sistemi tradizionali ad hfc; passare all'ammoniaca non sarebbe questa "grande novità"
      • Fungo Bragaiolo scrive:
        Re: L'ammoniaca e' altamente tossica
        Se non sbaglio fu il refrigerante utilizzato per primo e per decenni, da metà '800 in poi, negli impianti frigoriferi a compressore di qualsiasi dimensione ed uso...
    • theusualidiot scrive:
      Re: L'ammoniaca e' altamente tossica
      occhio che l'articolo parla dell'ammoniaca come di un reagente in una reazione, non come dell'unico composto raffreddante proposto; dopo una reazione chimica le nuove molecole generate perdono le loro proprietà chimiche, quindi il composto, in linea teorica, potrebbe non essere tossico. certo è che se la reazione è [HCl+NH3] possono andare a fancuore... MacGuyver l'aveva usata in una puntata per scappare da una magazzino (e in quel caso, oltre che refrigerante, è anche decisamente tossica)! idolo
    • Spock scrive:
      Re: L'ammoniaca e' altamente tossica
      - Scritto da: the_speck
      Hai presente l'ammoniaca di casa? Stappa il
      flacone e fatti un bel respirone... OK, ti sono
      venute le convulsioni per la tosse. Ora,
      immaginati che quella e' una soluzione altamente
      diluita.

      Pensa di usare l'ammoniaca pura, che ad appena 25
      ppm ammazza il 50% delle persone
      presenti.
      Pensa ai sistemi di sicurezza necessari, sia per
      prevenire le fughe, che per la gestione delle
      emergenze.

      Hai pensato? Ti sembra ancora una buona idea?

      --
      Ciao,
      SpeckConcordo, mi sembra proprio una idea del ciux.
  • Ulisse scrive:
    Una notizia BOOM
    NahahahaSi sono dimenticati che l'ammoniaca è:- altamente TOSSICA, anche in piccole percentuali causa rilevanti danni ai polmoni;- può dar luogo ad atmosfere potenzialmente esplosiveNon mi sembra tanto "una soluzione".
  • Leppa scrive:
    Patented by HP
    ...LovecraftAppena ho letto il titolo della notizia mi e' otrnato in mente un racconto Lovecraftiano : "Cool Air"........avveneristico :-)
    • Sistemista di turno scrive:
      Re: Patented by HP
      - Scritto da: Leppa
      ...Lovecraft


      Appena ho letto il titolo della notizia mi e'
      otrnato in mente un racconto Lovecraftiano :
      "Cool
      Air"...

      .....avveneristico :-)Orco! Deve esserci una perdita.... mhhhh....mhhh cough!.... cough damn... COUGH, coughcoughcoughcoughcough, argh... (died).
Chiudi i commenti