FCC, il broadband parte dai 4 Megabit

La commissione statunitense stabilisce un nuovo limite minimo per quella che può essere legittimamente definita "banda larga". In attesa che la banda arrivi ai tanti che al momento non ne hanno alcuna

Roma – Dopo la constatazione dell’esistenza di milioni di cittadini ancora privi di una connessione a Internet in banda larga, dal nuovo rapporto della Federal Communications Commission sulla broadband a stelle e strisce emerge un altro dato interessante sulle intenzioni di FCC in merito al futuro dell’infrastruttura digitale del paese. La commissione statunitense decide di alzare il limite minimo di quella che può essere definita una connessione a “banda larga” , preparandosi nei prossimi anni ad estendere tale limite a chi ne è attualmente sprovvisto.

Basandosi sugli studi sul comportamento e le aspettative dei netizen, la FCC dice di ritenere necessaria la definizione di uno standard broadband minimo di 4 Megabit in downstream e 1 Megabit in upstream . Il nuovo metro della banda larga statunitense va a sostituire quello precedente risalente al 1999 , quando la commissione considerava 200 Kilobit al secondo una velocità sufficiente per applicazioni avanzate come le comunicazioni su VoIP.

“Oggi – recita il rapporto di FCC – il VoIP è sottoscritto da oltre 21 milioni di americani, molti siti web offrono ricchi contenuti grafici e molti video, e numerosi siti web esistono ora principalmente per fornire contenuti video agli utenti in broadband”.

Quindi 4 Megabit sono “la velocità minima richiesta per trasmettere in streaming video in alta qualità – anche se non in alta definizione – lasciando nel contempo sufficiente banda per navigare sul web e trasmettere email, un modo comune oggi di utilizzare la banda larga”.

Come sa chiunque abbia anche solo provato a visionare un video a 720p su YouTube, i 4 Megabit di FCC sono ovviamente il minimo sufficiente per navigare in rete senza problemi e colli di bottiglia invalidanti. Nondimeno la commissione federale ha deciso di legare il nuovo obiettivo a quelli già previsti dal National Broadband Plan , incluso l’allacciamento di connessioni a 100 Megabit al secondo in almeno 100 milioni di case USA entro il 2020.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • topolinik scrive:
    E per provare 'sto fenomeno?
    Sapete dove scaricare dei samples codificati in VP8? Giusto per vedere com'è...
    • Don Pippondio scrive:
      Re: E per provare 'sto fenomeno?
      Ce ne sono milioni su YoutTube:1) installa Firefox 4 Beta 1 o successivo2) imposta la modalità HTML5 di YouTube a:http://www.youtube.com/html53) fai una ricerca su youtube aggiungendo all'URL ottenuto '&webm=1', ad esempio:http://www.youtube.com/results?search_query=simpson&aq=0&webm=14) cliccando su uno dei video trovati verrà visualizzata la versione webm5) per scaricare i video usa l'estensione DownloadHelper
      • Andreabont scrive:
        Re: E per provare 'sto fenomeno?
        Si, ma quello non usa ancora le librerie "ufficiali", da quanto so quelle librerie non sono un granchè, bisogna vedere con quelle che rileacerà ffmpeg....
        • Disinformat ico scrive:
          Re: E per provare 'sto fenomeno?
          - Scritto da: Andreabont
          Si, ma quello non usa ancora le librerie
          "ufficiali", da quanto so quelle librerie non
          sono un granchè, bisogna vedere con quelle che
          rileacerà
          ffmpeg....Non saranno un granchè ma sono molto più veloci di flash.Occhio che VP8 è lento a codificare ma non a decodificare !!!Da quando hanno introdotto le VM per i plugin, per impedire che questi crashino le macchine, Flash è diventato molto lento su molti sistemi compreso il mio dove tende ad andare a scatti. Con VP8 arrivo a 1080p senza batter ciglio.
    • Disinformat ico scrive:
      Re: E per provare 'sto fenomeno?
      - Scritto da: topolinik
      Sapete dove scaricare dei samples codificati in
      VP8? Giusto per vedere
      com'è...Dunque tu usi Ubuntu, allora il modo più semplice è sul PPA dove c'è l'aggiornamento alla daily di Chomium. Te la installi e poi scrivi nel browser : www.youtube.com/html5 , confermi e cerchi WEBM . Quello è VP8+Vorbis in formato MATROSKA.
  • topolinik scrive:
    ...e diciamola tutta
    Dall'articolo: ...di conseguenza sarà presto disponibile in player come VLC. ...ma prima ancora di MPlayer, visto che son proprio i server di MPlayerHQ ad ospitare ormai da anni il source tree di ffmpeg.
    • lol scrive:
      Re: ...e diciamola tutta
      Se usi ubuntu dovrai aspettare un bel po' per avere il binario, oppure te lo devi compilare per conto tuo...
      • topolinik scrive:
        Re: ...e diciamola tutta
        Si, lo so, proprio perché uso ubuntu.Quello che pacchettizzano è minimo minimo vecchio di un anno e compilarselo da soli è l'unica strada per avere un player aggiornato.
        • Ubu scrive:
          Re: ...e diciamola tutta
          Oppure te le scarichi da getdeb, se ti fidi, o dalla PPA:https://launchpad.net/~c-korn/+archive/vlc
Chiudi i commenti