Ferrari e Facebook, denunce dai fan

Due appassionati del Cavallino sporgono denuncia contro azienda e social network rei, a loro dire, di aver sequestrato la pagina amatoriale creata con innumerevoli ore di lavoro. Ora chiedono una compensazione

Roma – Olivier e Sammy Wasem, padre e figlio appassionati del mondo delle corse e della casa del Cavallino, avevano creato una pagina “fan” per il marchio Ferrari su Facebook. Quella pagina è stata poi sequestrata, il suo controllo è passato direttamente a FCA/Ferrari, e ora i due cittadini svizzeri sono alla ricerca di una compensazione monetaria per il lavoro svolto a favore della crescita della fanpage a cui non hanno più accesso.

La pagina Ferrari dei Wasem venne messa online nel 2008, prima ancora del debutto della pagina ufficiale gestita dalla casa automobilistica e con una popolarità molto superiore a quest’ultima. Dai primi tentativi di accordo tra i due appassionati e Ferrari per la gestione congiunta della pagina , però, si è passati alla presa del controllo “d’imperio” da parte di Facebook ed alla fine al trasferimento dei poteri di amministrazione a Ferrari stessa.

Wasem padre e figlio sono stati tagliati completamente fuori dalla fanpage Ferrari – assieme a un’altra pagina dedicata al mondo della Formula 1 – con giustificazioni inerenti lo sfruttamento di un marchio commerciale, e ora i due svizzeri intendono essere compensati per ciascuno dei 16 milioni di fan collegati alla pagina: stando alle loro stime, per ogni singolo fan andrebbe calcolato un valore in pubblicità compreso fra i 174 dollari e i 1.000 dollari.

La nuova causa americana contro Facebook e la neonata FIAT/FCA – proprietaria del marchio Ferrari – segue un’iniziativa legale già intentata contro Ferrari in Svizzera per “violazione di proprietà intellettuale” sui contenuti amatoriali immessi dai Wasem sulla loro fanpage.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pincopallo scrive:
    Pagare con un gesto


    Le SIM NFC di PosteMobile permettono infatti di "pagare con un semplice gesto...Ogni volta che entro alle Poste, e vedo file interminabili e sportelli deserti, mi viene sempre una gran voglia di a pagare "con un gesto".
  • bertuccia scrive:
    Al nastro di partenza...
    Maruccia esce di casa in bici per andare a prendere il pane.Al nastro di partenza c'è anche Alberto Contador, che comincia la prima tappa della Vuelta.come paragone siam lì
  • a b scrive:
    inutile
    Già vecchio appena nato...
Chiudi i commenti