Fibre fotovoltaiche, pannelli solari spaziali

I vecchi pannelli mandati in pensione da fasci di filamenti di vetro. Almeno nelle speranze di università e di qualche azienda lungimirante. Ma in Giappone sognano anche installazioni in orbita: entro il 2030, ci sono già gli appalti assegnati

Roma – La “rivoluzione verde” dei pannelli solari deve ancora dare i suoi frutti, ma già i ricercatori sono all’opera per progettare tecnologie che vadano oltre: soluzioni “alternative” che vorrebbero rimediare alle supposte controindicazioni poste dall’installazione obbligata dei pannelli fotovoltaici sui tetti delle case e altrove.

“Nessuno vuole acquistare una macchina grande, belle ed elegante con un grosso pannello solare sul tetto”, dice infatti Zhong Wang del Georgia Tech , e in questa e altre occasioni la soluzione sarebbe quello che Wang e colleghi descrivono come il primo sistema di “pannelli solari” in 3D mai sviluppato. Un sistema che in pratica sostituisce i succitati pannelli con un buon numero di fibre ottiche ricoperte di ossido di zinco , “tirate” dal tetto sino ai dispositivi a cui fornire energia elettrica.

A contatto con l’esterno, incaricata di raccogliere i benefici, raggi solari si trova un’estremità del fascio di fibre – ognuna spessa due o tre volte un capello umano. La luce raccolta da tale estremità viene automaticamente convertita in energia elettrica per tutta la lunghezza del fascio (variabile a seconda delle necessità), rimbalzando indietro una volta raggiunta l’altra estremità e fornendo alle fibre un’altra occasione per trasformare l’energia solare in corrente elettrica.

Gli scienziati statunitensi dicono che una fibra da 10 centimetri di lunghezza potrebbe generare una tensione di 0,5 volt, mentre per fornire l’energia sufficiente ad alimentare una lampadina da 10 wattora occorrerebbero 10mila fibre ognuna lunga 10 centimetri. Un altro problema del sistema è la scarsa efficienza nella conversione energetica, il 3,3 per cento innalzabile secondo Wang all’8 con il raffinamento della tecnologia, ma sempre inferiore rispetto ai pannelli fotovoltaici più performanti, capaci di assorbire e convertire in energia elettrica il 30 per cento dei raggi solari.

Il vantaggio principale delle “fibre solari” sarebbe però la relativa facilità di produzione , visto che il tutto richiederebbe di riscaldare una soluzione di ossido di zinco a 70 gradi per poi immergervi le fibre, contro le centinaia di gradi necessarie ai pannelli e al netto della loro facile propensione al danneggiamento.

L’idea delle fibre solari viene perseguita anche dalla società del New Jersey EarthSure , che però pensa soprattutto a pannelli solari sotterranei in cui immagazzinare il “raccolto” delle fibre. Un impianto SubSolar potrebbe secondo i suoi ideatori generare elettricità per 24 ore al giorno 7 giorni su 7 in ospedali e uffici con le luci sempre in funzione, e in questo caso il vantaggio principale sarebbe quello della economicità dei pannelli vista la non-necessità di dover resistere alle condizioni degli ambienti esterni.

Nella rincorsa a fonti di energia alternative si torna a parlare anche di pannelli solari installati oltre l’atmosfera terrestre , capaci di offrire il sicuro vantaggio di un efficienza impossibile da raggiungere qui sulla Terra dove i raggi energetici arrivano depotenziati dall’azione di scudo della suddetta atmosfera. Ci lavora la statunitense Pacific Gas & Electric ma anche la giapponese Japan Aerospace Exploration Agency , che ha testé scelto le grandi aziende nipponiche (Mitsubishi Electric, Fujitsu, Sharp e altre) da coinvolgere nella concretizzazione dell’ambizioso progetto di produrre così 1 gigawatt di potenza entro il 2030.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Patata scrive:
    Maniere forti
    Che brutto modo di esprimere e descrivere.Fare una denuncia, cercare giustizia in tribunale ora sono pure considerate MANIERE FORTI?Sicuramente è molto meglio pestare a sangue il nemico, piuttosto che usare le maniere forti in tribunale.
    • panda rossa scrive:
      Re: Maniere forti
      - Scritto da: Patata
      Che brutto modo di esprimere e descrivere.

      Fare una denuncia, cercare giustizia in tribunale
      ora sono pure considerate MANIERE
      FORTI?Se hai torto marcio te ne stai zitto e buono oppure prima cerchi di risolvere la cosa in modo amichevole.I tribunali servono per sanare i torti, non per fornire strumento di vendetta al ricco di turno.
  • Gizmo scrive:
    Ora viene il bello..
    La sentenza è molto interessante. Ma trovo ancora più interessante un'altra questione: la notizia ripresa da tutti i blog ha generato traffico verso quel sito e la visibilità è aumentata giusto un pochino. Su google ora basta digitare Sprague e LonZim per avere il sito tra i primi 10. A questo punto se si riprende in mano la sentenza chi verrà giudicato?
    • panda rossa scrive:
      Re: Ora viene il bello..
      - Scritto da: Gizmo
      La sentenza è molto interessante. Ma trovo ancora
      più interessante un'altra questione: la notizia
      ripresa da tutti i blog ha generato traffico
      verso quel sito e la visibilità è aumentata
      giusto un pochino. Su google ora basta digitare
      Sprague e LonZim per avere il sito tra i primi
      10.

      A questo punto se si riprende in mano la sentenza
      chi verrà giudicato?Non solo, ma se il tizio diffamato non se lo era filato nessuno, adesso, dopo questa brillantissima mossa, tutto il mondo sa!
Chiudi i commenti