Film Senza Limiti, streaming sequestrato

La Guardia di Finanza di Arezzo chiude i battenti digitali della piattaforma di indexing per la visione gratuita dei maggiori film in circolazione

Roma – L’ennesima retata contro le piattaforme dello streaming tricolore, ormai impelagate in uno scontro durissimo con l’industria dell’intrattenimento audiovisivo. In esecuzione di un’ingiunzione ordinata dal Tribunale di Viterbo, la Guardia di Finanza di Arezzo ha sequestrato il dominio filmsenzalimiti.it , per violazione dell’art. 171-ter della legge 633/1941 sulla protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio.

pecetta guardia di finanza

Sconforto tra gli utenti della piattaforma, attirati da un vasto catalogo di film suddivisi per genere, a libera disposizione in modalità streaming sul web. Sulla pagina Facebook del sito si può semplicemente leggere: “ciò che è senza limiti, rimane senza limiti”. Al di là della filosofia spicciola, il sito rimane inaccessibile dall’Italia, fonte principale di traffico secondo i dati offerti dalla società d’analisi Alexa .

Con una media di quasi 8 pagine uniche visualizzate ogni giorno da un singolo utente, Film Senza Limiti poteva godere di un flusso di traffico proveniente al 94 per cento dal Belpaese . Una percentuale che, di fatto, ha provocato il tracollo del sito una volta sottoposto a sequestro dalle Fiamme Gialle del comune toscano. Permane il mistero su eventuali procedimenti legali a carico dei suoi amministratori.

Nel disclaimer del sito, gli stessi gestori avevano sottolineato come i contenuti presenti fossero ospitati su server esterni, così come il player per la visione dei film in streaming . “Per eliminare definitivamente un film bisogna far richiesta al servizio che lo ospita e che ha la responsabilità dei propri video, non a noi, perché noi non violiamo alcuna legge di copyright ma raccogliamo i film della rete e non disponiamo di alcun download interno o esterno che sia”, si leggeva ancora nell’avviso agli utenti.

Creato nell’ottobre 2011, Film Senza Limiti era nato per superare il famoso limite dei 72 minuti imposto dal vecchio Megavideo per la visione in streaming delle opere cinematografiche o dei serial televisivi. Dai portali dello sport freedocast e mips al serial releaser SiDCrew , i finanzieri d’Italia hanno notevolmente aumentato il numero dei sequestri per violazione del diritto d’autore.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leprechaun scrive:
    FUFFA
    Ripeto l'oggetto: fuffa. E vecchia come il cucco, è il mito dell'Intelligenza Artificiale, anni '70, poco meno che una truffa.Però, come protesi, magari c'è qualcuno che potrebbe pure giovarsene.I cultori dell'Intelligenza Artificiale di sicuro.
  • dagda scrive:
    futuro: mappatura del cervello di LAPO
    ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo..... ricalcolo.....
  • Pino scrive:
    Non hanno capito nulla dopo 20 anni
    Eggià, pare che dopo 20 anni di studi sul cervello, anocra non abbiano capito nulla. Il modello delle sinapsi è da buttare...http://www.altrogiornale.org/news.php?item.8372.11
    • Eugenio Guastatori scrive:
      Re: Non hanno capito nulla dopo 20 anni
      - Scritto da: Pino
      Eggià, pare che dopo 20 anni di studi sul
      cervello, anocra non abbiano capito nulla. Il
      modello delle sinapsi è da
      buttare...

      http://www.altrogiornale.org/news.php?item.8372.11Non generalizzerei così. Solo il modello delle sinapsi di alcuni è da buttare.
  • Utente scrive:
    Primi brevetti
    Attendo con ansia i primi brevetti derivanti da queste ricerche. Potrebbe non essere lontano il giorno in cui sarà imposta a tutti l'installazione chirurgica di dispositivi nelle nostre teste in modo da controllare con DRM, strumenti di parent control e filtri governativi i nostri processi mentali.
    • Funz scrive:
      Re: Primi brevetti
      - Scritto da: Utente
      Attendo con ansia i primi brevetti derivanti da
      queste ricerche. Potrebbe non essere lontano il
      giorno in cui sarà imposta a tutti
      l'installazione chirurgica di dispositivi nelle
      nostre teste in modo da controllare con DRM,
      strumenti di parent control e filtri governativi
      i nostri processi
      mentali.Il sistema Unanimousvediamo se qualcuno coglie la citazione - non vale Google :p
  • Surak 2.0 scrive:
    Pure l'UE
    E' di pochi giorni fa che pure l'UE ha dato il via ad un progetto di simulazione del cervello umano.A quanto pare l'AI è considerata la nuova Corsa allo Spazio o alla Bomba Atomica, ed in effetti il resto della robotica e dell'automazione è già molto sviluppato, ma senza una vera intelligenza rimangono poco più che grossi giocattoli o servizi parziali (dai robot ai motori di ricerca, ecc).Il neuroscienzato ha l'atteggiamento tipico di chi è ferrato in una materia, ed a cui ha dedicato molti anni della sua vita, che sminuisce in automatico con frasi fatte ciò che rischia di banalizzare l'oggetto dei suoi studi.
    • Luke scrive:
      Re: Pure l'UE
      - Scritto da: Surak 2.0
      E' di pochi giorni fa che pure l'UE ha dato il
      via ad un progetto di simulazione del cervello
      umano.
      A quanto pare l'AI è considerata la nuova Corsa
      allo Spazio o alla Bomba Atomica, ed in effetti
      il resto della robotica e dell'automazione è già
      molto sviluppato, ma senza una vera intelligenza
      rimangono poco più che grossi giocattoli o
      servizi parziali (dai robot ai motori di ricerca,
      ecc).
      Il neuroscienzato ha l'atteggiamento tipico di
      chi è ferrato in una materia, ed a cui ha
      dedicato molti anni della sua vita, che sminuisce
      in automatico con frasi fatte ciò che rischia di
      banalizzare l'oggetto dei suoi
      studi.Anche la robotica per svolgere i compiti oggi possibili solo per gli esseri umani ha bisogno di sostanziali miglioramenti, miglioramenti che finalmente si iniziano ad intravedere grazie ai progressi compiuti proprio nelle nanotecnologie. Ad esempio è ormai assodato che un robot potrà essere agile e con un rapporto forza / consumo energetico di livello umano solo con l'adozione di muscoli artificiali, di cui oggi esistono i primi prototipi basati su nanofibre di carbonio che si contraggono e distendono dietro lo stimolo di un impulso elettrico. Inoltre si punta anche all'inclusione di elementi anatomici come i tendini e, nei robot antropomorfi, di una struttura scheletrica umana come una colonna vertebrale e una cassa toracica con le medesime caratteristiche di flessibilità di quelli biologici.
  • Star scrive:
    Spero non prendano d'esempio...
    ...il cervello di certi italiani, sopratutto fra coloro che votano certi partiti... altrimenti mi sa che sarà una mappatura completamente vuota O)
  • Leguleio scrive:
    Non capivo questa frase
    Non capivo perché ci fosse il quasi nella seguente frase:"le funzionalità basilari della macchina pensante contenuta nella scatola cranica di (quasi) ogni essere umano".Poi l'ho letto fino all'ultima riga e finalmente l'ho capito... ma magari altri utenti hanno ipotesi migliori.
    • thebecker scrive:
      Re: Non capivo questa frase
      - Scritto da: Leguleio
      Non capivo perché ci fosse il quasi nella
      seguente
      frase:

      "le funzionalità basilari della macchina pensante
      contenuta nella scatola cranica di (quasi) ogni
      essere
      umano".

      Poi l'ho letto fino all'ultima riga e finalmente
      l'ho capito... ma magari altri utenti hanno
      ipotesi
      migliori.PI non si sbilancia mai.. Neanche nelle cose ovvie :D Potrebbe, dovrebbe, forse, quasi..ecc.Altra ipotesi: un errore con la loro fonte principale: Google Translate :D
    • armstrong scrive:
      Re: Non capivo questa frase
      - Scritto da: Leguleio
      Non capivo perché ci fosse il quasi nella
      seguente
      frase:

      "le funzionalità basilari della macchina pensante
      contenuta nella scatola cranica di (quasi) ogni
      essere
      umano".Mi consenta: di "quasi" ne conosco tantissimi :D
    • krane scrive:
      Re: Non capivo questa frase
      - Scritto da: Leguleio
      Non capivo perché ci fosse il quasi nella
      seguente frase:
      "le funzionalità basilari della macchina pensante
      contenuta nella scatola cranica di (quasi) ogni
      essere
      umano".
      Poi l'ho letto fino all'ultima riga e finalmente
      l'ho capito... ma magari altri utenti hanno
      ipotesi migliori.Secondo me si scherza tra colleghi... Chi ha detto Maruccia ???
    • panda rossa scrive:
      Re: Non capivo questa frase
      - Scritto da: Leguleio
      Non capivo perché ci fosse il quasi nella
      seguente
      frase:

      "le funzionalità basilari della macchina pensante
      contenuta nella scatola cranica di (quasi) ogni
      essere
      umano".

      Poi l'ho letto fino all'ultima riga e finalmente
      l'ho capito... ma magari altri utenti hanno
      ipotesi
      migliori.Lo sponsor di PI pretende che i propri adepti siano equiparati ad esseri umani.
Chiudi i commenti