Finlandia, i dieci minuti dell'antipirateria

I signori del copyright invitano una donna locale a pagare 6mila euro in seguito allo scaricamento di alcuni file illeciti. Avrebbe sfruttato 10 minuti di connessione WiFi non protetta. Ma si dichiara assolutamente innocente

Roma – Si tratta dell’ennesima missiva intimidatoria, inviata dagli alti rappresentanti dell’anti-pirateria finlandese all’attenzione di una misteriosa donna della regione di Pohjanmaa. Un minaccioso ultimatum, presentato dalla divisione locale del Copyright Information and Anti-Piracy Center (CIAPC) per il presunto scaricamento di alcuni file in violazione del diritto d’autore.

La donna dovrebbe dunque pagare la corposa somma di 6mila euro per evitare fastidiose conseguenze legali , apparentemente colpevole di aver condiviso online una serie di contenuti – non è chiaro se film o musica – illeciti. La stessa donna ha però contestato con vigore le accuse, dichiarando alla stampa locale di non aver mai e poi mai usato un programma di file sharing.

Stando alla ricostruzione dell’accaduto, la donna avrebbe sfruttato una rete WiFi non protetta per accaparrarsi i file illeciti. Uno scarica e fuggi, dal momento che nella stessa lettera si è parlato di appena 10 minuti di connessione in wireless. Praticamente, ciascun minuto passato online costerebbe alla donna 600 euro . I dieci minuti di Internet più cari della storia, come sottolineato dal Partito Pirata finlandese.

Il punto non è però nel costo al minuto stabilito dall’antipirateria locale. Altri potrebbero essersi intrufolati nella rete wireless non protetta per scaricare i file illeciti. I responsabili di Electronic Frontier Finland hanno sottolineato come il proprietario di una rete aperta non possa pagare per le attività compiute da terzi . Lo stesso governo finlandese sta pensando di legalizzare l’uso delle reti WiFi aperte.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Viola Leleggi scrive:
    Il data center è una caldaia
    Vero, infatti Microsoft fa acqua da tutte le parti.[img]http://i261.photobucket.com/albums/ii75/Zygopterapics/Animation%20Gifs/hyena-laughing.jpg[/img]
  • Funz scrive:
    Cosa produce un computer?
    Calore.Certo, tutti quegli elettroni che vanno e vengono, quei cosi che girano, le lucette e i pixel che si accendono... ma alla fine il 100% dell'energia che butti dentro ne esce sotto forma di calore, più di quello strettamente necessario perché pure il raffreddamento produce calore.Non è tanto peregrina l'idea di abbinarci una pompa di calore per riscaldare gli edifici.
  • pietro scrive:
    caldaie
    che i computer fossero delle caldaie lo sapevano tutti, far invece diventare un difetto una feature è tipico di Microsoft
  • ruppolo scrive:
    Il data center è una caldaia?
    colpa tua, Microsoft!È a causa tua che usiamo ancora quei cessi di x86 che consumano il doppio di energia per mantenere la compatibilità col tuo sistema di XXXXX!Vai fuori dai XXXXXXXX e poi vedi come Intel e i data center si orientano verso proXXXXXri RISC, con vantaggi per l'eco sistema terrestre!
    • Fiber scrive:
      Re: Il data center è una caldaia?
      - Scritto da: ruppolo
      colpa tua, Microsoft!

      È a causa tua che usiamo ancora quei cessi
      di x86 che consumano il doppio di energia per
      mantenere la compatibilità col tuo sistema di
      XXXXX!
      Vai fuori dai XXXXXXXX e poi vedi come Intel e i
      data center si orientano verso proXXXXXri RISC,
      con vantaggi per l'eco sistema
      terrestre!tu intanto inizia ad usare il MacBookPro che hai in casa che scalda come un fornelletto fino a 70 gradi e con le ventole sempra a manetta per farti l'acqua calda per il bagnovedrai quanto risparmi con quel portatile e la lamiera/ferraglia di cui e' rivestito dove ci friggi sopra anche le uovaJobs te l'ha messa apposta la lamiera esterna.... per propagare al massimo il calore della stufetta che c'è dentro per farti fare anche da mangiare-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 luglio 2011 11.09-----------------------------------------------------------
    • Papple scrive:
      Re: Il data center è una caldaia?
      - Scritto da: ruppolo
      colpa tua, Microsoft!

      È a causa tua che usiamo ancora quei cessi
      di x86 che consumano il doppio di energia per
      mantenere la compatibilità col tuo sistema di
      XXXXX!
      Vai fuori dai XXXXXXXX e poi vedi come Intel e i
      data center si orientano verso proXXXXXri RISC,
      con vantaggi per l'eco sistema
      terrestre!Guarda che il tuo XXXXX sopra ha una mela e non una finestra
    • gino scrive:
      Re: Il data center è una caldaia?
      - Scritto da: ruppolo
      colpa tua, Microsoft!

      È a causa tua che usiamo ancora quei cessi
      di x86 che consumano il doppio di energia per
      mantenere la compatibilità col tuo sistema di
      XXXXX!
      Vai fuori dai XXXXXXXX e poi vedi come Intel e i
      data center si orientano verso proXXXXXri RISC,
      con vantaggi per l'eco sistema
      terrestre!Svegliato male disadattato?
    • ruqqolo scrive:
      Re: Il data center è una caldaia?
      - Scritto da: ruppolo
      colpa tua, Microsoft!

      È a causa tua che usiamo ancora quei cessi
      di x86 che consumano il doppio di energia per
      mantenere la compatibilità col tuo sistema di
      XXXXX!
      Vai fuori dai XXXXXXXX e poi vedi come Intel e i
      data center si orientano verso proXXXXXri RISC,
      con vantaggi per l'eco sistema
      terrestre!Sei proprio un poveretto... Addirittura hai dato addosso al tuo Dio jobs che pure lui ha puntato su x86 quando i PPC erano più potenti a pari frequenza... Frustrato macaco
  • iride scrive:
    E durante l'estate?
    Li spengono?
    • Ortolanolar ingoiatra scrive:
      Re: E durante l'estate?
      Fai estrarre un po' di radici quadrate e lo usi come pompa di calore
    • ciccio pasticcio quello vero scrive:
      Re: E durante l'estate?
      - Scritto da: iride
      Li spengono?a helsinki in questi giorni danno 25 di massima e 16 di minima. Io li terrei accesi.
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: E durante l'estate?
        - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
        - Scritto da: iride

        Li spengono?

        a helsinki in questi giorni danno 25 di massima e
        16 di minima. Io li terrei
        accesi.In questi giorni pure in Italia ce li sogniamo i 25 gradi ;-)Da dire che spero che duri (ai tg niente incendi, niente siccità, niente "bolle di calore", niente ricoveri di massa...)
Chiudi i commenti