Firefox 1.5, prima RC

Disponibile per il download la prima release candidate di Firefox 1.5


Roma – Mozilla Foundation ha rilasciato la Release Candidate 1 di Firefox 1.5, prossima e attesa major release del suo celebre browser open source.

Chi sta già utilizzando una versione beta di Firefox 1.5 può installare la RC1 avvalendosi del rinnovato sistema di aggiornamento incluso nel browser. Tutti gli altri possono scaricare la nuova release da qui . Mozilla Foundation sottolinea tuttavia che la RC1 è ancora da considerarsi una versione di test a tutti gli effetti, e ne sconsiglia dunque l’uso in ambito lavorativo.

Asa Dotzler, sviluppatore leader di Mozilla Foundation, ha spiegato nel proprio blog che prima del rilascio della release finale, previsto entro l’anno, verrà probabilmente rilasciata una seconda RC.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    avventura
    di un povero utente.....quando ero un pò più giovane sono andato in vacanza in brasile.sul luogo o conosciuto due ragazzi francesi e nel corso delle 3 settimane di vacanze abbiamo stretto amicizia (io il francese lo parlicchio a malapena ma per fortuna loro parlano un italiano comprensibile).durante le vacanze ne abbiamo fatte di tutti i colori...abbiamo anche fatto un filmato (loro in realtà)...finite le vacanze decidiamo di mantenerci in contatto.ci scambiamo l'email e gli ricordo che voglio una copia del filmato.dopo qualche mese in email mi avvisano che hanno fatto copia digitale del filmato e he posso scaricarlo dal loro serve ftp (ne avevano uno per motivi che non sto a spiegare)....e se fosse succeso a te?STORIA DI INFORMATICA OSS E PRIVACY a cura di anonimo:Ben contento di ricevere il filmato ti accingi a connetterti al server ftp poi dai meandri più profondi della tua mente una vocina si fa strada 'ma il server ftp è su un computer terzi e questo non è bene...i log..il traffico....no proprio non mi va che la mia privacy sia violata meglio se gli scrivo una mail per dirli di usare un proprio serve ftp su computer in locale...certo rimane il fatto che gli isp logano il traffico ma non posso mi tirare su una intranet da qui alla francia.....ora che ci penso però potrei o visto da qualche parte...' fortunatamente decidi di sacrificare un pò della tua privacy ed usare la comunissima rete ed un gestore isp.beato dalla tua furbizia che salverà la privacy di entrampi corri al pc lanci la connessione ad internet e il tuo browser scrivi poche righe tremanti 'un server ftp privato ci garantirebbe maggior privacy nello scambio dati. preferisco questa soluzione. ti fornisco i link a del sw free e dei tutorial per fare il tutto........saluti.' stai per clickare su invia quando la tua "voce amica" ti salva dal più grande errore che potevi fare: 'va bene che defvo usare le rete perchè stendere cavi da qui alla francia è troppo dispendioso ma usare pure un server smtp/pop di terzi non di certo non sono mica fesso io'.così fermi tutto spegni il pc e vai a letto.domani con più calma ti informerai su come mettere su un piccolo server di posta (da qualche parte avevi letto che esiste sw oss free e tutorial e che la cosa è fattibile) con un sorriso di chi la sa lunga spegni la luce e di addormenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: avventura
      CAP2l'alba è passata da un pezzo quando ti svegli....poco dopo una colazione frugale e una doccia sei davanti al pc armato di tanta buona volontà 'oggi metto su un server di posta elletronica' di dici tra te e te ' e prima di sera invio la mail...sai la sorpresa del mio amico' sorridi beotamente.....è sera inoltrata, qualcosa deve essere andato storto perchè ancora il server non funziona, decidi di riniziare tutto da capo.è ormai notte fonda quando l'illuminazione ti coglie e la tua "vocina interiore" torna a farti visita 'stupido che stai facendo?' 'davvero credevi di risolvere tutto così?' 'e se in quel sw c'è una backdoor?' TERRORIZZATO ti rendi conto dello sbaglio che stavi per fare, c'eri quasi cascato se non era per la tua furbizzia 'gli altri' ti avrebbero fregato, ma ormai eri tu ad essere in vantaggio, ormai sapevi e non lo avresti permesso 'il sw è oss quindi basta controllare...fortuna che non ho preso sw closed' pensi soddisfatto.la notte ti avvolge e una nuova alba sorge sul mondo.dopo lavoro ti rechi in una libreria ben fornita e fai fuori la 13^ in libri sul c, c++, samba, protocolli di rete e posta elettronica.SEI UNO SVEGLIO TU mica come quei mezzi assonnati del sw closed.
      • Anonimo scrive:
        Re: avventura
        CAP3...solo così potete garantire un buon livello di privacy.un sorriso compiaciuto appare sul tuo viso mentre leggendo quest'ultima riga chiudi il libro.SOlo un anno chi lo avrebbe detto, pensavi ci sarebbe voluto di più ed invece solo un anno.adesso sa tutto quello che c'è da sapere e non ti rimane che spulciare fino all'ultima riga del sw che ti serve per il tuo server di posta.ora nessuno metterà più a rischio la tua privacy.il caldo arido dell'estate lascia il posto al grigiore delle foglie morte dell'autunno ed è un candito manto di bianca neve che accoglie le tue crida di gioia quando finalmente ti accorgi che tutto nel tuo sw oss è a posto: NESSUNA BACKDOOR 'che figata quest'oss'.Ormai sei troppo sveglio e furbo per commettere gli stessi errori che hanno segnato in malomodo la tua gioventù.ore spese sui libri e nei ritrovi a parlare di oss, libertà digitali e privacy hanno lentamente, ma inesorabilmente, scavato una breccia nel tuo torpore.ORA SEI FINALMENTE SVEGLIO.INSTALLARE UN SW OSS SU UN OS CLOSED è pazzesco.colto dal terrore più profondo con uno strattone strappi i cavi dell'alimentazione e quelli della connessione internet ,uffff salvo per un pelo pensi....ed avevo pure la webcam' chi sa poi quante backdoor ci sono in un codice che nessuno può vedere.No, tu non ci caschi in certi tranelli a te di usare subito un se non importa se devi sacrificare la tua privacy e la tua sicurezza.E' arrivato il momento di buttare nel cestino winzzoz e passare ad un os oss che mi permetta di vedere il codice e tenere lontane le backdoor.COSTI QUELLO CHE COSTI.
        • Anonimo scrive:
          Re: avventura
          CAP4non sai bene se sia stato più difficile studiare tutti quei libri/tutorial/howto su linux (e che costi, accidenti ma non potevano fare libri in cc) o scegliere tra le tante distro; al lug tutti volevano aiutarti perchè l'oss è per prima cosa una fratellanza filantropica, ognuno ti proponeva una distro e ti spiegava perchè quella era da considerarsi 'la distro'.con un pizzico di nostalgia ricordi i giorni spesi ad ascoltare tanta saggezza e lo stato di torpore in cui ti perdevi (e ti saresti ancora perso) ogni volta che qualcuno iniziava a parlarti di gnu/linux distro varie e privacy....ma non era più tempo di indugiare, ormai erano passati 3 anni da quella famosa lettera elettronica che aveva cambiato la tua vita e i tuoi amici non potevano più aspettare.Era tempo di passare ai fatti.Prima però bisognava formattare tutto, l'esperienza maturata in questi anni ti permette di procedere a passo sicuro e senza incertezze: NIENTE SW CLOSED potrebbe contenere backdoor e visto che tanto devo leggermi lo stesso il codice di quello oss mi conviene fare un sw tutto mio 'anche perchè io in rete non ci vado finchè non mi sento sicuro che non mi spiano' pensi con soddisfazione.ci vuole veramente poco a fare un sw di formattazione a basso livello così dopo averlo collaudato sei pronto....parte la missione "filmino delle vacanze"....
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            CAP5 installato linux, letto un foltiliardo di documentazione su protocolli di rete, firewall, e port scan, spulciato il codice sui sw predetti ed installati insieme al tuo serve/client di posta elettronica sei pronto.sono passati solo 6 anni e i film digitali non si deteriorano di certo.contatti il tuo amico inviandoli la mail che avevi conservato nei tuoi ricordi per tutto questo tempo (il pc prima non era affidabile e le backdoor erano pronte ad insidiarsi tra te e la tua privacy).dopo tanto tempo puoi concederti un meritato riposo...domani una mail ti avviserà su come avere il tanto agognato filmato.Ma i buoni propositi non servono a molto in questo mondo ed invece di una risposta dal tuo amico ricevi solo un avviso: l'email non è stata recapitata perchè l'indirizzo è inesistente.Ansia, paura, stupore e vertigini si altalenano nella tua testa come diavolo è possibile.la vocina quella dolce e consolante amica che per tanti anni ti è stata vicina, quello spirito rivelatore come in magnum p.i. lei ha la risposta....ma la vocina non ti parla, devi aver fatto qualcosa di sbagliato, qualcosa che l'ha allontanata da te.è forse la giornata peggiore della tua vita solo, indifeso e senza filmino delle vacanze non hai neanche la vocina a farti coraggio.perduto nel tuo decimo bicchiere di rum sei ormai avvolto in uno stato di torpore quando qualcuno ti riporta alla brusca realtà 'stupido bambino piagnucoloso smettila di compiangeti' ...E' LEI lei è tornata da te, lei è tornata per te.prometti a te stesso che avresti fatto qualsiasi cosa d'ora in poi per non restare più solo, per non perderla di nuovo "dimmi cosa devo fare e lo farò" e come un sibillo che esce dalle tue labra senza che neanche te ne rendi conto "dimmi cosa devo fare e lo farò" ripeti ancora una volta mentre lacrime di gioia solcano il tuo viso.
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            CAP6incredibile poter commettere tanti errori proprio quando si credo di aver capito tutto.ed invece era successo proprio a te.se quella dannata mail non esiste allora non era il tuo amico a scriverti, ma allora chi?cosa poteva volere da te?la risposta non era difficile anche se evitavi di formularla tanto la temevi 'se non possono passare per un backdoor cosa di meglio di un tunneling inverso su ftp' ecco cosa volevano, e tu lo sapevi ma questa verità era troppo grande per essere gestita da un uomo solo.poi rimaneva il dubbio, si quel piccolo dubbio a cui ancora ti aggrappavi con tutte le tue forze 'forse ha solo cambiato mail'...dovevi vederci chiaro e tu non sei certo uno che va per le spicce.nascosto dal tuo impermiabile, dalla sciarpa, dal cappello a tesa larga e dagli occhiali scuri potevi protegere la tua privacy.questa volta il piano avrebbe funzionato: 1) ore 23:00 treno per una località scelta a caso2) arrivo nella stazione della località e dacquisto di una scheda telefonica3) cercare una cabina in una zone semideserta e chiamare il tuo amico con un distorsore vocale4) distruggere la scheda che potrebbe essere usata per rintracciare altre chiamate e fare un d.m.5) rientrare a casa e bruciare i guanti.semplice e geniale allo stesso tempo.l'unica cosa che non potevi prevedere era che dall'altro capo dell'apparecchio ti attaccassero la cornetta 'probabilmente non erano loro pensi' ed il dubbio ti assale 'allora chi erano veramente quei ragazzi che ho conosciuto in brasile?' 'e che volevano da me?' "per chi lavoravano" ti suggerisce la tua fedele amica.SOlo in quel momento capisci quanto lontano ti aveva portato il tuo viaggio e come una semplice email può cambiare la vita di una persona.
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            CAP7la nuova sistemazione che hai trovato ti soddisfa.un monolocale con pareti corazzate al piombo ed insonorizzate, gli anni spesi sui testi di elettronica ti hanno dato la competenza per assicurarti che il 'bug detector' acquistato non contenga niente che violi la tua privacy e con quel semplice quando geniale strumento la tua casa è sicura.certo procurasi il cibo è scomodo visto che per motivi strategici hai dovuto prendere la casa in un luogo isolato dove nessuno potesse spiarti, ogni volta bisogna andare in una città diversa (il d.m. non ha più segreti per te e non permetterai 'a gli altri' di incorociare nessun dato che ti riguardi) fare rifornimento per un mese e poi tornare a casa con dei valiggioni.la corrente e il gas te li procuri grazie al tuo gruppo elettrogeno anche se questo comporta il sacrificio di lasciare traccia della tua esistenza (ed ogni traccia è per definizione tracciabile quindi una violazione della tua privacy) ma anche a questo stai lavorando.assicuri la chiusura del tuo casco anti lettura del pensiero (una scolapasta ricporta di carta stagnola) e controlli che tutte le stampelle sia ben allineate per distorcere il segnale dei satelliti che ti cercano.E' il momento di inviare un articolo a pi sulla sicurezza, la privacy e l'oss, subito dopo tornerai alle tue comunicazioni in webcast stile 'solo occhi' di dark angel.un click sulla tasteria e la comunicazione ha inizio....LA BATTAGLIA E' INIZIATA
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            - Scritto da: Anonimo
            CAP7
            LA BATTAGLIA E' INIZIATAle idee non sono male, ma fai errori di grammatica, ortografia, ripetizioni , sbagli le doppie, alcuni verbi ... certe soluzioni ironiche sono riutilizzate, certe forme "da fico" sono ripetute... mediocre, tutto sommato.ma l'impegno è apprezzabile.Qualcosa faceva veramente ridere!!!Tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            CAP7


            LA BATTAGLIA E' INIZIATA

            le idee non sono male, ma fai errori di
            grammatica, ortografia, ripetizioni , sbagli le
            doppie, alcuni verbi ... certe soluzioni ironiche
            sono riutilizzate, certe forme "da fico" sono
            ripetute... come ho detto al tuo degno compare: confronta l'ora del primo post con quella dell'ultimo.meglio se leggi questo vahttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1182988&tid=1181543&p=1&r=PI#1182988

            mediocre, tutto sommato.

            ma l'impegno è apprezzabile.

            Qualcosa faceva veramente ridere!!!





























            Tu.ridere fai tu pagliaccio che non sei altro.io cercavo di essere diverte tu offensivo si vede che in qualche modo ho colto nel segno e l'hai presa sul personale.complimentoni a tutti quelli come te
    • Anonimo scrive:
      Re: avventura
      8)Molto ben scritto ! Camilleri non avrebbe potuto fare di meglio, in italiano puro.Ed oltretutto una cosa sacrosanta c'e'.I servizi di intelligence, che non possono nemmeno loro scriversi tutto il sw che gli serve da zero, realizzano macchine affidabili controllando i sorgenti di tutti e soli i pacchetti che servono, ricompilandoli a partire dai device driver, usando un compilatore altrettanto controllato. Se vi dicessi quale e' il sistema operativo di elezione partirebbe un'altra flame.Mi limito quindi a dire che la NSA ha contribuito al codice sorgente del kernel piu' recente di un certo sistema operativo,con un prodotto GPL di elevata qualita'.Certo, non lo scrivono sui forum ....Un saluto. Marco Calamari
      • Anonimo scrive:
        Re: avventura
        - Scritto da: Anonimo

        8)

        Molto ben scritto !

        Camilleri non avrebbe potuto fare di meglio, in
        italiano puro.

        Ed oltretutto una cosa sacrosanta c'e'.

        I servizi di intelligence,i servizi di intelligence non sono gli utenti comuni a cui l'articolo si rivolge.l'errore di fondo secondo me non sta tanto nel dire che un codice aperto ti rende assolutemente sicuro del fatto che non ci siano schifezze dentro se lo sai capire.l'errore sta nel fatto di proporre questa opizione come "l'unica scelta possibile" per chi vuole far valere la propria privacy dimenticandosi che il 99% degli utilizzatori non ha la competenza (la preparazione, la voglia o il tempo) per vedere e capire il codice sorgente di un applicativo.in queste condizioni si vede cmq costretto a delegare a terzi i controlli e quindi a fidarsi ciecamente di altri.se tanto mi da tanto preferisco affidarmi ad un'azienda a scopo di lucro con sw closed che sa benissimo di mettere in gioco la sua reputazione e i suoi guadagni piuttosto che alla speranza che qualcuno (non si sa bene chi e non si sa bene con quale livello di preparazione) abbia fatto i controlli per me.è molto più d una semplice opinione è come stanno i fatti fermo restando che poi la scelta è personale rimane il fatto che senza poter capire il codice averlo non mi cambia niente.
        che non possono
        nemmeno loro scriversi tutto il sw che gli serve
        da zero, realizzano macchine affidabili
        controllando i sorgenti di tutti e soli i
        pacchetti che servono, ricompilandoli a partire
        dai device driver, usando un compilatore
        altrettanto controllato. si ma pensi che un utente abbia tempo/competenza e voglia di controllare anche il solo sw che serve?sw che cmq includera almeno il kernel dell'os....i servizi segreti hanno un bel pò di capitali da spendere per pagare gente che lo faccia per loro (e a voler essere paranoici fino in fondo mi chiedo chi controlla quelli che controllano)

        Se vi dicessi quale e' il sistema operativo di
        elezione partirebbe un'altra flame.probabile visto che su pi qualsiasi cosa includa il nome di un os scatena un flame

        Mi limito quindi a dire che la NSA ha contribuito
        al codice sorgente del kernel piu' recente di un
        certo sistema operativo,con un prodotto GPL di
        elevata qualita'.

        Certo, non lo scrivono sui forum ....e a te chi lo detto?sa com'è credo che se aggiungono qualcosa poi preferiscono non farlo vedere in giro visto che questo rende la loro versione del kernel più difficile da attacare

        Un saluto. Marco Calamarisalutoni anche a te
        • Anonimo scrive:
          Re: avventura

          i servizi di intelligence non sono gli utenti
          comuni a cui l'articolo si rivolge.no ma gli utenti comuni sono oggetto dell'attenzione dei servizi di intelligence, con la stessa frequenza e precisione di una scansione di vulnerabilità "comuni": beccano tutto e tutti e poi con calma vedono cosa gli serve.questo per me non è legittimo né accettabile.preferisco creare una massa con un livello di consapevolezza più alto, che utilizza COME BASE la stessa bontà negli strumenti del suo "nemico".perchè chi ti spia la corrispondenza senza chiedertelo o contro la tua volontà (non basta chiedere, devo dirti "si, va bene" e non essere costretto a farlo) non è tuo amico, chiariamolo.
          l'errore di fondo secondo me non sta tanto nel
          dire che un codice aperto ti rende assolutemente
          sicuro del fatto che non ci siano schifezze
          dentro se lo sai capire.esiste una comunità di esperti.non analizza quel che è chiuso, ma quel che è aperto si.e lo fa meglio di me.
          l'errore sta nel fatto di proporre questa
          opizione come "l'unica scelta possibile" per chi
          vuole far valere la propria privacy
          dimenticandosi che il 99% degli utilizzatori non
          ha la competenza (la preparazione, la voglia o il
          tempo) per vedere e capire il codice sorgente di
          un applicativo.di sicuro competenti o meno, non possono vedere quel che c'è dentro un sw closed.invece basta un solo tizio che ne sa qualcosa e controlla... che a questo punto posso usare quel che usa lui
          in queste condizioni si vede cmq costretto a
          delegare a terzi i controlli e quindi a fidarsi
          ciecamente di altri.ciecamente ... come ti fideresti ciecamente di entrare in una fabbrica e GUARDARE come viene fatto il cibo che mangi.non sei un chimico, ma se c'è qualcosa di sporco o illegale, non ti fanno entrare.e infatti nessuno ti fa entrare :-)pure l'ufficio igiene deve avvertire ... alla faccia della sicurezza.
          se tanto mi da tanto preferisco affidarmi ad
          un'azienda a scopo di lucro con sw closed che sa
          benissimo di mettere in gioco la sua reputazione
          e i suoi guadagni col cavolosei un grosso, sei vincente, anche se ogni tanto fai vedere che "collabori col governo" male non ti fa.se invece sviluppi open, nessuno può nascondere dentro roba sporca.
          piuttosto che alla speranza che
          qualcuno (non si sa bene chi e non si sa bene con
          quale livello di preparazione) abbia fatto i
          controlli per me.ci sono communities nella quali non solo le persone sono preparate, ma disponibili a farti capire discussioni, analisi, spiegazioni.senza arrivare allo scritto presa-per-il-culo in questo forum
          è molto più d una semplice opinione è come stanno
          i fatti fermo restando che poi la scelta è
          personale rimane il fatto che senza poter capire
          il codice averlo non mi cambia niente.cambia si.posso essere anche cieco, ma se sotto le mie mani si presenta una tipa nuda, mi da più fiducia di "qualcuno" che si mostra con il burqa.nel primo caso vedo poco e capisco meno, ma è possibile vedere. Nel secondo, è semplicemente impossibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            - Scritto da: Anonimo


            i servizi di intelligence non sono gli utenti

            comuni a cui l'articolo si rivolge.

            no ma gli utenti comuni sono oggetto
            dell'attenzione dei servizi di intelligence,si vede che non hanno nient'altro da fare.
            con
            la stessa frequenza e precisione di una scansione
            di vulnerabilità "comuni": beccano tutto e tutti
            e poi con calma vedono cosa gli serve.

            questo per me non è legittimo né accettabile.
            preferisco creare una massa con un livello di
            consapevolezza più alto, che utilizza COME BASE
            la stessa bontà negli strumenti del suo "nemico".mamma mia ma ti senti quando parli.ricordi veramente il personaggio inventato del post.

            perchè chi ti spia la corrispondenza senza
            chiedertelo o contro la tua volontà (non basta
            chiedere, devo dirti "si, va bene" e non essere
            costretto a farlo) non è tuo amico, chiariamolo.


            l'errore di fondo secondo me non sta tanto nel

            dire che un codice aperto ti rende assolutemente

            sicuro del fatto che non ci siano schifezze

            dentro se lo sai capire.

            esiste una comunità di esperti.e quindi dovrei lo stesso fidarmi di altri?e chi mi assicura che lo analizzino (ricordi cosa diceva linus a dev?)e chi mi assicura che la comunità degli esperti non sia fatta anche di incompetenti?e se la comunità degli esperti sbaglia (magari di proposito) chi se ne assume le responsabilità?NESSUNO!
            non analizza quel che è chiuso, ma quel che è
            aperto si.be se devo fidarmi di altri allora preferisco persone che mettono in gioco il loro posto di lavoro, la loro reputazione e i loro soldi.persone che siano anche giuridicamente rintracciabili e non del primo smanettone che si è aggregato alla comunità di esperti

            e lo fa meglio di me.patetico tentativo di colmare la tua inferiorità.non sai neanche con chi stai parlando quindi vedi di darti una bella calmata.


            l'errore sta nel fatto di proporre questa

            opizione come "l'unica scelta possibile" per chi

            vuole far valere la propria privacy

            dimenticandosi che il 99% degli utilizzatori non

            ha la competenza (la preparazione, la voglia o
            il

            tempo) per vedere e capire il codice sorgente di

            un applicativo.

            di sicuro competenti o meno, non possono vedere
            quel che c'è dentro un sw closed.di sicuro il 99% delle persone non possono vedere dentro un sw oss perchè non sono competenti.....quindi a chi risolve i problemi un sw oss?a meno dell'1%?SI infatti e sono daccordo su questo, quello che invece non va bene e cercare di terrorizare il restante 99% del popolo dei computer per sperare che passimo a sw oss da cui non trarrano alcun beneficio (in termini strettamente legati all'argomento in discussione)
            invece basta un solo tizio che ne sa qualcosa e
            controlla... che a questo punto posso usare quel
            che usa luicerto peccato che non sai chi sia il tizio, che intenzioni abbia (magari c'è l'ha messa lui una backdoor e poi ti dice che è tutto a posto o magari ha trovato una backdoor che vuole usare per scopi personali), che competenze abbia, chi sia (in termini giuridici non essere identificabili significa impunibilità) etc..


            in queste condizioni si vede cmq costretto a

            delegare a terzi i controlli e quindi a fidarsi

            ciecamente di altri.

            ciecamente ... come ti fideresti ciecamente di
            entrare in una fabbrica e GUARDARE come viene
            fatto il cibo che mangi.

            non sei un chimico, ma se c'è qualcosa di sporco
            o illegale, non ti fanno entrare.grande ragionamento.non ti fanno entrare e basta e se ti fanno entrare fammelo sapere che non mangio più quel formaggio.

            e infatti nessuno ti fa entrare :-)
            pure l'ufficio igiene deve avvertire ... alla
            faccia della sicurezza.credo che sei parecchio ot.secondo te il sw chiuso serve per fare cose sporche o illegali?direi che o sei alla frutta o hai le idee molto confuse


            se tanto mi da tanto preferisco affidarmi ad

            un'azienda a scopo di lucro con sw closed che sa

            benissimo di mettere in gioco la sua reputazione

            e i suoi guadagni

            col cavolo
            sei un grosso, sei vincente, anche se ogni tanto
            fai vedere che "collabori col governo" male non
            ti fa.ma che stai a dire...almeno leggili i post prima di rispondere

            se invece sviluppi open, nessuno può nascondere
            dentro roba sporca.siamo alla paranoia pura



            piuttosto che alla speranza che

            qualcuno (non si sa bene chi e non si sa bene
            con

            quale livello di preparazione) abbia fatto i

            controlli per me.

            ci sono communities nella quali non solo le
            persone sono preparate, ma disponibili a farti
            capire discussioni, analisi, spiegazioni.si certo.mi linkhi un sito dove mi spiegano passo passo tutto il codice di un sw di crittografia e mi danno pure i giusti riferimenti alle basi della programmazione, alle basi del linguaggio usato, alle nozioni di matematica e a tutto quello che mi serve per capire se una quello che dicono è giusto?

            senza arrivare allo scritto presa-per-il-culo in
            questo forum


            è molto più d una semplice opinione è come
            stanno

            i fatti fermo restando che poi la scelta è

            personale rimane il fatto che senza poter capire

            il codice averlo non mi cambia niente.

            cambia si.se lo dici tu.si vede che lo usano per fare i fighi oìin giro nei forum come tanti su pi visto che come si può leggere più su parliamo di persone che non possono capirlo
            posso essere anche cieco, ma se sotto le mie mani
            si presenta una tipa nuda, mi da più fiducia di
            "qualcuno" che si mostra con il burqa.ci risiamo con i tuoi esempi strampalati.quindi se le tizie non si presentano sotto le tue mani nude sono delle integraliste talebane?

            nel primo caso vedo poco e capisco meno, ma è
            possibile vedere. Nel secondo, è semplicemente
            impossibile.poi la tizia nuda si allontana di un passo e ti tira una coltellata...poi va via con tutto quello che c'era in casa....ma che c'entra era nuda quindi doveva essere buona :D
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura

            ci risiamo con i tuoi esempi strampalati.
            quindi se le tizie non si presentano sotto le tue
            mani nude sono delle integraliste talebane?salve!io ho capito questo esempio, credo.la tipa che non si presenta nuda, al contrario di quanto hai voluto affermare tu deviando il discorso, sono semplicemente COPERTE e non integraliste o talebane.sono coperte, sono nascoste.potrebbe anche essere un uomo, tutto qui.molto di più di una tipa nuda (dato che cavilli, potresti dirmi che è un travestito ecc ecc, ma le probabilità di capire qualcosa sono superiori...)o peggio... in un furgoncino da dentro il quale ci dice "sono qui e sono splendida!"



            nel primo caso vedo poco e capisco meno, ma è

            possibile vedere. Nel secondo, è semplicemente

            impossibile.

            poi la tizia nuda si allontana di un passo e ti
            tira una coltellata...poi va via con tutto quello
            che c'era in casa....ma che c'entra era nuda
            quindi doveva essere buona :De dove l'ha nascosto il coltello? negli orifizi?:-)vedi che a cavillare si fa sempre a tempo, ma il maestro in questione non è chi ti ha criticato.sei tu, mi pare.ad ogni modo è chiaro a tutti che dover fare le cose in modo trasparente ti rende meno propenso a nascondere schifezze.possibile, ma meno probabile, a mio avviso.
      • Anonimo scrive:
        Re: avventura
        - Scritto da: Anonimo

        8)

        Molto ben scritto !

        Camilleri non avrebbe potuto fare di meglio, in
        italiano puro.curioso come ad un occhio attento come il tuo sfugga il fatto che tra il primo e l'ultimo post passi una manciata di tempo.come si interpreta questo dato?semplice è qualcosa scritto in fretta e furia ed in completa 'libertà'.percui se manca qualche 'h' ad un verbo 'avere' o se è presente qualche errore di battitura non ne farei una questione nazionale.ovviamente hai preso fin troppo sul serio sia l'articolo sommario di camilleri sia il mio, ma ancora più seriamente hai preso il tuo ruolo di evangelizzatore.torna con i piedi per terra ed inizia a vivere un pò più liberamente.

        Ed oltretutto una cosa sacrosanta c'e'.no la sacralità e la santità la lascio a quelli come te.il mio voleva solo essere un post ironico non il 'verbo'......non è nel mio stile dichiarare guerre sante, credo che sia più consono a lessing ed ai suoi seguaci

        I servizi di intelligence, che non possono
        nemmeno loro scriversi tutto il sw che gli serve
        da zero, realizzano macchine affidabili
        controllando i sorgenti di tutti e soli i
        pacchetti che servono, ricompilandoli a partire
        dai device driver, usando un compilatore
        altrettanto controllato.

        Se vi dicessi quale e' il sistema operativo di
        elezione partirebbe un'altra flame.ma no diccelo dai.ma dicci anche da dove provengono le tue fonti

        Mi limito quindi a dire che la NSA ha contribuito
        al codice sorgente del kernel piu' recente di un
        certo sistema operativo,con un prodotto GPL di
        elevata qualita'.io penso che chi ha bisogno di serietà e robustezza pensa più a unix xhe non all'oss

        Certo, non lo scrivono sui forum ....infatti lo dico solo ai collaboratori segreti come te

        Un saluto. Marco Calamariun saluto. anonimo
        • Anonimo scrive:
          Re: avventura

          torna con i piedi per terra ed inizia a vivere un
          pò più liberamente.curioso quanto tempo impiegate per rompere i coglioni in modo mediocre e quando vi si becca in modo pulito, semplice e anche cortese, non sappiate altro che rispondere con un "get a life" ... che del resto vale pure per voi :)"voi" perchè ce ne sono tanti come te.e la vostra utilità?per seguire la tua strada, non serve fare nulla. Non c'è bisogno del tuo consiglio: sono già tutti come te.

          Ed oltretutto una cosa sacrosanta c'e'.

          no la sacralità e la santità la lascio a quelli
          come te.lascia perdere, il lessico e la competenza non paiono essere il tuo pane.mediocre, ma non sufficiente.
          il mio voleva solo essere un post ironico non il
          'verbo'......non è nel mio stile dichiarare
          guerre sante, credo che sia più consono a lessing
          ed ai suoi seguacicavolo! totalizzi il 50% del "getto il sasso e nascondo la mano".:-)ora passi al personaggio "non avete senso dell'humour". Guarda che faceva ridere anche Marco, quel post.Sei tu che a parte quel post non hai altro senso dell'humour e non accetti risposte.
          ma dicci anche da dove provengono le tue fontiah su questo sono perfettamente d'accordo; Marco... che dici? Come sai quel che sai?

          io penso che chi ha bisogno di serietà e
          robustezza pensa più a unix xhe non all'ossanche tu adesso non motivi quel che dici.a questo punto siete alla fuffa contro fuffa
          • Anonimo scrive:
            Re: avventura
            - Scritto da: Anonimo


            ma dicci anche da dove provengono le tue fonti

            ah su questo sono perfettamente d'accordo;
            Marco... che dici? Come sai quel che sai?Non ho amici all'NSA, anche se forse loro mi conoscono.... Le mie fonti si limitano quindi a quelle a disposizione di tutti; articoli, libri, google, una dozzina d'anni di interesse nel settore e molto olio di gomito.Infatti per vedere certe ovvieta' come l'inapplicabilita' della paper di Guttman, peraltro ottima e fondamentale nel suo contesto, non ho avuto bisogno delle sue precisazioni.Ciao. Marco
        • Anonimo scrive:
          Re: avventura
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          8)



          Molto ben scritto !



          Camilleri non avrebbe potuto fare di meglio, in

          italiano puro.

          curioso come ad un occhio attento come il tuo
          sfugga il fatto che tra il primo e l'ultimo post
          passi una manciata di tempo.
          come si interpreta questo dato?attitudine all'essere avventatiimprecisioneItaliano "di getto" scarsotastiera difettosaincapacità di preparare un testo offline, controllarlo, postarloforse così?
      • Anonimo scrive:
        Re: avventura

        Mi limito quindi a dire che la NSA ha contribuito
        al codice sorgente del kernel piu' recente di un
        certo sistema operativo,con un prodotto GPL di
        elevata qualita'.

        Certo, non lo scrivono sui forum ....

        Un saluto. Marco Calamariovvio che no... lo vengono a dire a te, però! :-)
  • afiorillo scrive:
    Siamo tutti programmatori (?)
    Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a comprare un pezzo di formaggio si porta appresso uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va' va'..........
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo tutti programmatori (?)
      - Scritto da: afiorillo
      Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi
      chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a
      comprare un pezzo di formaggio si porta appresso
      uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al
      completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'
      va'..........è quello che dico da 20 post ma chi non vuol sentire non sente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo tutti programmatori (?)
        Quà non si parla di formaggio, ma di dove nascondete i soldi.Il paragone formaggio non rende!Il formaggio lo potete paragonare ad un programma per fare disegnini, i programmi per crittografare paragonatelo a dove nascondete qualcosa che vi sta a cuore(soldi, opere da depositare, idee da brevettare, ecc).Forse se utilizzaste la testa...
        • Anonimo scrive:
          Re: Siamo tutti programmatori (?)
          - Scritto da: Anonimo
          Quà non si parla di formaggio, ma di dove
          nascondete i soldi.
          Il paragone formaggio non rende!
          Il formaggio lo potete paragonare ad un programma
          per fare disegnini, i programmi per crittografare
          paragonatelo a dove nascondete qualcosa che vi
          sta a cuore(soldi, opere da depositare, idee da
          brevettare, ecc).
          Forse se utilizzaste la testa...sai cosa è un'analogia?sai cosa dovrebbe esserci dentro la testa?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)

            sai cosa è un'analogia?
            sai cosa dovrebbe esserci dentro la testa?l'80 % dell'energie è utilizzata dal cervello. quanta energia si usa senza cervello?;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            Appunto perchè so cos'è un analogia so quali sono i paragoni da fare. Non posso paragonare l'andare a comprare il formaggio a un qualcosa che potrebbe servirmi a proteggere il lavoro di una vita.A meno che non voglia investire tutti i miei risparmi in un caseificio, allora sì, ma in quel caso m'informerei su tutto e vorrei sì sapere com'è fatto il formaggio, così come lo farei per un programma fatto per nascondere il codice che protegge i miei risparmi.Non credo di dover dire altro. Sono certo che ti risponderesti da solo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Anonimo
            Appunto perchè so cos'è un analogia so quali sono
            i paragoni da fare. Non posso paragonare l'andare
            a comprare il formaggio a un qualcosa che
            potrebbe servirmi a proteggere il lavoro di una
            vita.
            A meno che non voglia investire tutti i miei
            risparmi in un caseificio, allora sì, ma in quel
            caso m'informerei su tutto e vorrei sì sapere
            com'è fatto il formaggio, così come lo farei per
            un programma fatto per nascondere il codice che
            protegge i miei risparmi.
            Non credo di dover dire altro. Sono certo che ti
            risponderesti da solo.Che criteri applichi per comprarti cassaforti, porte e serrature della tua casa? Ti fai dare i progetti? Oppure spendi il meno possibile e forse guardi quelle quattro stupidaggini che scrivono nei depliant? Facciamo l'analogia giusta, così sei tranquillo
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Anonimo
            Appunto perchè so cos'è un analogia so quali sono
            i paragoni da fare. Non posso paragonare l'andare
            a comprare il formaggio a un qualcosa che
            potrebbe servirmi a proteggere il lavoro di una
            vita.
            A meno che non voglia investire tutti i miei
            risparmi in un caseificio, allora sì, ma in quel
            caso m'informerei su tutto e vorrei sì sapere
            com'è fatto il formaggio, così come lo farei per
            un programma fatto per nascondere il codice che
            protegge i miei risparmi.
            Non credo di dover dire altro. Sono certo che ti
            risponderesti da solo.magari sei pure convinto di quello che dici :D
          • Solvalou scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)

            sai cosa è un'analogia?Penso che lo sappia, ne ha fatta una molto migliore del vostro pezzo di formaggio... arriba arriba.... :p
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Solvalou


            sai cosa è un'analogia?

            Penso che lo sappia, ne ha fatta una molto
            migliore del vostro pezzo di formaggio... arriba
            arriba.... :pmigliore secondo chi?io penso che non lo sappia esattamente come te
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Solvalou


            sai cosa è un'analogia?

            Penso che lo sappia, ne ha fatta una molto
            migliore del vostro pezzo di formaggio... arriba
            arriba.... :phttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1182453&tid=1181178&p=1&r=PI#1182453
          • Solvalou scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            Non ci siete."Farsi dare i progetti" di una serratura e' pressoche' inutile, e qui si potrebbe fare un parallelismo con la difficolta' di decifrare il codice anche per un programmatore.Il punto e' pero' un'altro: Potendo scegliere tra due marchi per le serrature scegliereste quello la cui tecnologia e' ignota, o quello la cui tecnologia e' ben nota alla comunita' dei fabbri e per i quali nessun fabbro ha trovato punti deboli?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Solvalou
            Non ci siete.
            "Farsi dare i progetti" di una serratura e'
            pressoche' inutile, e qui si potrebbe fare un
            parallelismo con la difficolta' di decifrare il
            codice anche per un programmatore.

            Il punto e' pero' un'altro: Potendo scegliere tra
            due marchi per le serrature scegliereste quello
            la cui tecnologia e' ignota, o quello la cui
            tecnologia e' ben nota alla comunita' dei fabbri
            e per i quali nessun fabbro ha trovato punti
            deboli?quello la cui tecnologia è ben nota hai fabbri!così possono farsi facilmente le chiavi doppione e svaligiarmi
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Anonimo
            quello la cui tecnologia è ben nota hai fabbri!
            così possono farsi facilmente le chiavi doppione
            e svaligiarmiIl solito furbo. Poi perdi la chiave e per entrare butti giu' la porta...
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo tutti programmatori (?)
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            quello la cui tecnologia è ben nota hai fabbri!

            così possono farsi facilmente le chiavi doppione

            e svaligiarmi

            Il solito furbo. Poi perdi la chiave e per
            entrare butti giu' la porta...furbo come sono ho fatto 2 copie delle chiava: 1 è con me in un posto diversa dalla chiave utilizzata e l'altra è a casa di mia sorella in periferia.le chiavi non si perdono tutti i giorni ma al massimo mi basta una telefonata.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Siamo tutti programmatori (?)
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: afiorillo

        Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi

        chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a

        comprare un pezzo di formaggio si porta appresso

        uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al

        completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'

        va'..........
        è quello che dico da 20 post ma chi non vuol
        sentire non sente.Ti auguro di cuore di non soffrire mai di allergie e/o intolleranze.Meno male che non sono tutti come te quelli che legiferano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo tutti programmatori (?)
      - Scritto da: afiorillo
      Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi
      chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a
      comprare un pezzo di formaggio si porta appresso
      uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al
      completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'
      va'..........associazione dei consumatori, enti di controllo; qualcuno la sorgente l'ha vista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo tutti programmatori (?)
        Ripeto, se nella cassaforte devo mettere i risparmi di una vita, cerco di sincerarmi che sia sicura, non di rispiarmiare o che mi dia un minimo di sicurezza)Certo, se tu con il programma crittografico devi nascondere il numero della tua amante a tua moglie che non sa accendere il pc, va bene anche quello di Windows, ma non credo che il discorso vada in quella direzione, a meno chè non ce lo voglia portare tu.
        • Anonimo scrive:
          Re: Siamo tutti programmatori (?)
          Ad ogni modo: un'analogia è una metafora, e una metafora di solito viene usata per indicare qualcosa con le "stesse caratteristiche" di quella sottintesa.Suppongo che tu nasconda le cose nel pamigiano, ma per noi che non lo sapevamo era veramente difficile da capire.Cazzarola, tu ad ermetismo sei peggio di S.Giovanni nell'apocalisse.
    • Kama scrive:
      Re: Siamo tutti programmatori (?)
      - Scritto da: afiorillo
      Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi
      chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a
      comprare un pezzo di formaggio si porta appresso
      uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al
      completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'
      va'..........Se chi scrive commenti avesse il vizio di leggere anche gli articoli prima....un parallelo potrebbe essere questo:preferisci comprare una confezione di ravioli farciti che specifica gli ingredienti (e le loro percentuali), con il dovere, da parte del produttore di indicare il vero, pena sanzioni ed il ritiro dal mercato (cfr. attuale legislazione sui prodotti alimentari); oppure una confezione che dica "questi ravioli sono della migliore qualità" senza altro obbligo di fornire prove/dati/documentazioni ?Io non ho dubbi...e so che non devo essere né Csimiami né il Magosilvan per sapere ciò che c'è dentro, qualcuno lo ha potuto fare ed ha certificato.Se ha certificato il falso, qualcun altro lo può scoprire e così via.Chiaro che poi si è liberi di farsi abbindolare dalle confezioni colorate e gli spot pubblicitari...ma almeno non si cerchi di fare sarcasmo per sperare di apparire svegli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo tutti programmatori (?)

      Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi
      chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a
      comprare un pezzo di formaggio si porta appresso
      uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al
      completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'
      va'..........Quando compri un prodotto alimentare ora trovi:ingredientispesso scheda nutrizionalespesso etichettatura con tracciabilitàLe informazioni scritte in quei contesti devono essere verificabili e ci sono enti che si interessano di reprimere le frodi alimentari.Ti giro la tua stessa domanda:compreresti un pezzo di formaggio closed, che non dichiara ingredienti, potere nutritivo, non ti garantisce la tracciabilità degli ingredienti e dei passaggi della filiera produttiva ed anzichè essere aperto al pubblico controllo ti chieda, prima di mangiarne una fetta, di firmare un EULA che scarichi ogni responsabilità del produttore e ti avvisi che se perseguibile per legge se provi a reverse-enginerizzarlo, ossia analizzarlo (o portarlo ad un laboratorio di analisi) chiunque tu sia, quindi anche nei confronti dei NAS, addetti dell'AUSL o dei nuclei repressione frodi alimentari della finanza?
    • Alessandrox scrive:
      Re: Siamo tutti programmatori (?)
      - Scritto da: afiorillo
      Ma che razza di discorso è "compreresti ad occhi
      chiusi...?" ??? Ma perché, Lei quando va a
      comprare un pezzo di formaggio si porta appresso
      uno spettrometro di massa e il team di C.S.I. al
      completo, prima di andare alla cassa? Ma va' va'
      va'..........No ma gli ingredienti del formaggio devono essere scritti per legge... tu sai perche'? Sai perche' e' utile che lo siano?A prescindere dal formaggio: il figlio di una mia amica NON puo' mangiare determinate sostanze... secondo la tua logica, ogni volta che intende acquistare qualcosa dovrebbe affidarsi ad un gruppo CSI dotato di spettrometro per farsi dire quel che c'e' dentro...Troppo difficile in concetto?
  • abbasso scrive:
    Caro Calamari non abbocco
    Questo articolo mi ha lasciato molto dubbioso sulle fonti dell'autore.Insomma, quale software house vende programmi crittografici con codice chiuso? Io non uso prodotti commerciali, ma credo che solo le più sgamberate propongano prodotti a codice chiuso. Che io sappia GPG è a codice aperto, anche se commerciale.Insomma, nel settore dei programmi crittografici dar il codice è un must, un po' come fornire le cinture di sicurezza di serie sulle auto.E sull'attacco all'algoritmo di Gutmann che diciamo? Diciamo che THC (www.thc.org) distribuisce la sua suite secure delete basandola proprio su quell'algoritmo.THC di sicurezza ne sa qualcosa, produce molti software di sicurezza tra cui Hydra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Calamari non abbocco
      - Scritto da: abbasso[...]
      E sull'attacco all'algoritmo di Gutmann che
      diciamo? Diciamo che THC (www.thc.org)
      distribuisce la sua suite secure delete basandola
      proprio su quell'algoritmo.
      THC di sicurezza ne sa qualcosa, produce molti
      software di sicurezza tra cui Hydra.Guarda che lo dice lo stesso Gutmann in un addendum, scritto alcuni anni dopo, al suo famoso paper in cui descrve l'algoritmo in questione.http://www.cs.auckland.ac.nz/~pgut001/pubs/secure_del.htmlCito: " In the time since this paper was published, some people have treated the 35-pass overwrite technique described in it more as a kind of voodoo incantation to banish evil spirits than the result of a technical analysis of drive encoding techniques. As a result, they advocate applying the voodoo to PRML and EPRML drives even though it will have no more effect than a simple scrubbing with random data. In fact performing the full 35-pass overwrite is pointless for any drive since it targets a blend of scenarios involving all types of (normally-used) encoding technology, which covers everything back to 30+-year-old MFM methods (if you don't understand that statement, re-read the paper)"
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Calamari non abbocco
      - Scritto da: abbasso
      Questo articolo mi ha lasciato molto dubbioso
      sulle fonti dell'autore.
      Insomma, quale software house vende programmi
      crittografici con codice chiuso? Io non uso
      prodotti commerciali, ma credo che solo le più
      sgamberate propongano prodotti a codice chiuso.Diciamo, tanto per cominciare:MicrosoftComputer associatesPGP CorporationJetico.... devo proseguire ? Rischierei di annoiare !
      Che io sappia GPG è a codice aperto, anche se
      commerciale.E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !
      Insomma, nel settore dei programmi crittografici
      dar il codice è un must, un po' come fornire le
      cinture di sicurezza di serie sulle auto.Magari! Allora si che l'articolo sarebbe inutile.
      E sull'attacco all'algoritmo di Gutmann che
      diciamo? Diciamo che THC (www.thc.org)
      distribuisce la sua suite secure delete basandola
      proprio su quell'algoritmo.Infatti.
      THC di sicurezza ne sa qualcosa, produce molti
      software di sicurezza tra cui Hydra.Non lo conosco, ma la paper di Guttman, elencata nell'articolo, parla da sola. Il suo algoritmo funziona solo per i dischi RLL. Leggila.
      • abbasso scrive:
        Re: Caro Calamari non abbocco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: abbasso

        Questo articolo mi ha lasciato molto dubbioso

        sulle fonti dell'autore.

        Insomma, quale software house vende programmi

        crittografici con codice chiuso? Io non uso

        prodotti commerciali, ma credo che solo le più

        sgamberate propongano prodotti a codice chiuso.

        Diciamo, tanto per cominciare:

        Microsoft
        Computer associates
        PGP Corporation
        Jetico

        .... devo proseguire ? Rischierei di annoiare !E no, diciamo le cose come stanno: PGP il codice lo mostra:http://www.pgp.com/downloads/index.htmlGli altri non lo so, ma ora ho qualche dubbio sulle tue affermazioni.

        Che io sappia GPG è a codice aperto, anche se

        commerciale.

        E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !Lapsus: intendevo PGP.
        • Anonimo scrive:
          Re: Caro Calamari non abbocco
          - Scritto da: abbasso

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: abbasso


          Questo articolo mi ha lasciato molto dubbioso


          sulle fonti dell'autore.


          Insomma, quale software house vende programmi


          crittografici con codice chiuso? Io non uso


          prodotti commerciali, ma credo che solo le più


          sgamberate propongano prodotti a codice
          chiuso.



          Diciamo, tanto per cominciare:



          Microsoft

          Computer associates

          PGP Corporation

          Jetico



          .... devo proseguire ? Rischierei di annoiare !

          E no, diciamo le cose come stanno: PGP il codice
          lo mostra:

          http://www.pgp.com/downloads/index.htmlLeggiti la storia dalla fondazione di Pgp.com alle acquisizioni da parte di Network Associates e Computer Associates; il codice sorgente delle versioni commerciali e' stato quasi sempre nascosto, con solo alcune versioni rese disponibili, di solito delle versioni precedenti.Questo e' un fatto; la situazione attuale del sorgente di Pgp ultima versione non lo modifica.Certo che ti piace cavillare, eh ? E le altre tre sw house che cito ? Non dici niente ?
          Gli altri non lo so, ma ora ho qualche dubbio
          sulle tue affermazioni.Problemi tuoi. Ma come facevi ad esserne sicuro prima, visto che e' il primo intervento mio in questo thread ?O pensi che Anonimo sia una sola persona ?



          Che io sappia GPG è a codice aperto, anche se


          commerciale.



          E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !

          Lapsus: intendevo PGP.Ah, allora io non ho piu' molta fiducia in quello che scrivi .....
          • abbasso scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: Anonimo





            .... devo proseguire ? Rischierei di annoiare




            E no, diciamo le cose come stanno: PGP il codice

            lo mostra:



            http://www.pgp.com/downloads/index.html

            Leggiti la storia dalla fondazione di Pgp.com
            alle acquisizioni da parte di Network Associates
            e Computer Associates; il codice sorgente delle
            versioni commerciali e' stato quasi sempre
            nascosto, con solo alcune versioni rese
            disponibili, di solito delle versioni precedenti.
            Questo e' un fatto; la situazione attuale del
            sorgente di Pgp ultima versione non lo modifica.
            Certo che ti piace cavillare, eh ? Mi piace cavillare???Ti ho indicato una pagina in cui puoi *scaricare* il sorgente di un programma che tu dici chiuso, e tu lo chiami cavillare???

            Gli altri non lo so, ma ora ho qualche dubbio

            sulle tue affermazioni.

            Problemi tuoi. Ma come facevi ad esserne sicuro
            prima, visto che e' il primo intervento mio in
            questo thread ?Mai detto di esserne sicuro. Il problema comunque è tuo visto che hai dimostrato di avere poca credibilità.

            O pensi che Anonimo sia una sola persona ?






            Che io sappia GPG è a codice aperto, anche
            se



            commerciale.





            E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !



            Lapsus: intendevo PGP.

            Ah, allora io non ho piu' molta fiducia in quello
            che scrivi .....Questa è una affermazione da troll.
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: abbasso

            - Scritto da: Anonimo......


            Gli altri non lo so, ma ora ho qualche dubbio


            sulle tue affermazioni.



            Problemi tuoi. Ma come facevi ad esserne sicuro

            prima, visto che e' il primo intervento mio in

            questo thread ?

            Mai detto di esserne sicuro. Il problema comunque
            è tuo visto che hai dimostrato di avere poca
            credibilità.




            O pensi che Anonimo sia una sola persona ?









            Che io sappia GPG è a codice aperto, anche

            se




            commerciale.







            E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !





            Lapsus: intendevo PGP.



            Ah, allora io non ho piu' molta fiducia in
            quello

            che scrivi .....

            Questa è una affermazione da troll." Questa è una affermazione da troll"
          • abbasso scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: abbasso



            - Scritto da: Anonimo

            ......




            Gli altri non lo so, ma ora ho qualche
            dubbio



            sulle tue affermazioni.





            Problemi tuoi. Ma come facevi ad esserne
            sicuro


            prima, visto che e' il primo intervento mio in


            questo thread ?



            Mai detto di esserne sicuro. Il problema
            comunque

            è tuo visto che hai dimostrato di avere poca

            credibilità.







            O pensi che Anonimo sia una sola persona ?












            Che io sappia GPG è a codice aperto,
            anche


            se





            commerciale.









            E qui ti commenti da solo; GPG e' GPL !







            Lapsus: intendevo PGP.





            Ah, allora io non ho piu' molta fiducia in

            quello


            che scrivi .....



            Questa è una affermazione da troll.

            " Questa è una affermazione da troll"
            Confermo quanto scritto in precedenza; confermo anche che il codice di GPG è aperto (come dicevo nella parte di messaggio da te abilmente tagliata); confermo infine che dal link da me postato in precedenza si arriva alla pagina da cui è possibile scaricare il suddetto codice sorgente: ciò smentisce clamorasamente quanto da te affermato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: abbasso

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: abbasso





            - Scritto da: Anonimo.... taglio ma per pieta' ......
            Confermo quanto scritto in precedenza; confermo
            anche che il codice di GPG è aperto (come dicevoForse intendevi ancora scrivere "PGP commerciale" ??? Od e' un nuovo lapsus ?
            nella parte di messaggio da te abilmente
            tagliata); confermo infine che dal link da me
            postato in precedenza si arriva alla pagina da
            cui è possibile scaricare il suddetto codice
            sorgente: Infatti e' una delle versioni per cui lo hanno rilasciato.
            ciò smentisce clamorasamente quanto da
            te affermato.No, cio' dimostra che non leggi, o non ti va di leggere, o fai finta di non leggere, quello che scrivo. Allora che rispondi a fare ?Ah, rileggere prima di postare e' una regola di netiquette ed una forma di rispetto per chi ti legge.Come salutare. Ciao. Marco
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco

            Ah, rileggere prima di postare e' una regola di
            netiquette ed una forma di rispetto per chi ti
            legge.

            Come salutare. Ciao. Marcoè una regola della netiquette anche non riprendere pedantamente gli altri sulla netiquette :-)e quindi siamo tutti dietro la lavagna.ora, vogliamo rendere UTILE o no questa discussione?ce l'avete tutti bello lungo e pisciate tutti bello lontano.ora, vogliamo rendere utile tutto questo potenziale e capire cosa possiamo fare, dove possiamo arrivare, come fare a portare OTTIMA crittografia alle masse?
          • abbasso scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: Anonimo

            ciò smentisce clamorasamente quanto da

            te affermato.

            No, cio' dimostra che non leggi, o non ti va di
            leggere, o fai finta di non leggere, quello che
            scrivo. Allora che rispondi a fare ?Che rispondi a fare tu. Il codice di Pretty Good Privacy c'è. Punto. Se poi ti piace tanto arrampicarti sugli specchi esercitati da un'altra parte.
            Ah, rileggere prima di postare e' una regola di
            netiquette ed una forma di rispetto per chi ti
            legge.Credi che le tue (scarse) argomentazioni siano degne di una rilettura?

            Come salutare. Ciao. Marco
            Forse nella netiquette di IRC.==================================Modificato dall'autore il 31/10/2005 18.34.00
          • sNicker scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            Che PGP pubblichi il codice e' l'eccezione e non la regola (questo non lo dico io, lo dicono loro, pgp.com/downloads/sourcecode/index.html).Che altre soluzioni commerciali non pubblichino il codice e' altrettanto appurato (e sono gia' state elencate). Non vedo che senso abbia attaccarsi disperatamente a questo discorso sul fatto che PGP abbia/non abbia/abbia solo in parte pubblicato il codice sorgente. PGP sara' famoso, ma NON e' l'unico programma di crittografia esistente...E il fatto che PGP pubblichi il codice NON smentisce il presupposto dell'articolo, che ricordo non e' contro PGP ma contro i software di crittografia a codice chiuso...
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco

            postato in precedenza si arriva alla pagina da
            cui è possibile scaricare il suddetto codice
            sorgente: ciò smentisce clamorasamente quanto da
            te affermato.salve, passavo di qua e siccome questa è una *discussione* il mio intervento verte su questo preciso carattere della comunicazione.in cosa starebbe il "clamore" di questa cosiddetta (ammessa e non concessa) "smentita" ?clamorosamente ?bohsu cosa basate le affermazioni che l'uno o l'altro siano o non siano un troll? (e già che ci siamo, tanto prima o poi qualcuno potrebbe arrivarci, un flamer) ?siete tutti e due poco inclini alla discussione serena, avete una gran voglia solo di fare i fighi e di smerdare quello che già considerate un "avversario" e non solo un interlocutore.se invece di appigliarti alla "affidabilità" di uno perchè ha invertito due lettere (e lo ammette, bada bene!!!) e tu dal canto tuo stessi più attento ad essere preciso, la discussione sarebbe utile invece che vacua.e tra l'altro, utile a tutti, dato che questo , per quanto virtuale, è un luogo PUBBLICO (in cui anche noi si ha diritto di stare e di pretendere che le discussioni servano a qualcosa e non solo a fare caciara)
          • abbasso scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: Anonimo


            postato in precedenza si arriva alla pagina da

            cui è possibile scaricare il suddetto codice

            sorgente: ciò smentisce clamorasamente quanto da

            te affermato.


            salve, passavo di qua e siccome questa è una
            *discussione* il mio intervento verte su questo
            preciso carattere della comunicazione.

            in cosa starebbe il "clamore" di questa
            cosiddetta (ammessa e non concessa) "smentita" ?

            clamorosamente ?
            boh

            su cosa basate le affermazioni che l'uno o
            l'altro siano o non siano un troll? (e già che ci
            siamo, tanto prima o poi qualcuno potrebbe
            arrivarci, un flamer) ?Il punto è questo: il programma Pretty Good Privacy (PGP, ma lo scrivo per intero se no mi confondo sistematicamente con GPG) è un programma di crittografia commerciale (uno dei più famosi se non addirittura il programma di crittografia personale per antonomasia) e pubblica il codice sorgente (ho postato il link in precedenza, comunque lo si trova facilmente).Il tizio in questione, dopo un audace arrampicata sugli spechi dice che non è vero (non si capisce perchè, a quanto dice bisognerebbe studiarsi tutta la storia dell'azienda, bho).
            siete tutti e due poco inclini alla discussione
            serena, avete una gran voglia solo di fare iE' vero, ma se dopo aver detto "guarda quel tal programma commerciale ha il codice aperto, lo puoi scaricare qui" (e posto il link) uno mi risponde "non hai capito niente!" (con seguito di parole inutili che dovrebbero provare chissà cosa), non è che a uno vien voglia di discutere serenamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Caro Calamari non abbocco

        Non lo conosco, ma la paper di Guttman, elencata
        nell'articolo, parla da sola. Il suo algoritmo
        funziona solo per i dischi RLL. Leggila.
        e che cosa si deve usare per ottenere lo stesso risultato?distruzione fisica?:(che palle!!!un mio amico, che usa armi da fuoco al poligono, mi ha esortato a fornirgli, nell'eventualità che mi serva accertarmi dell'inservibilità di un hard disk per scopi di tutela di dati sensibili o personali su hd già da me considerati esausti , l'hard disk in questione che poi lui avrebbe usato come bersaglio sforacchiandolo per bene.A parte che io da profano del settore non posso sapere se sia illegale (magari rischiare un rimbalzo del piombino o del proiettile è altamente illegale!) o meno... ma vorrei sapere se , proiettili a parte, la distruzione fisica (che so, lo apro e lo prendo a picconate) è l'unica soluzione....
        • Anonimo scrive:
          Re: Caro Calamari non abbocco
          - Scritto da: Anonimo


          Non lo conosco, ma la paper di Guttman, elencata

          nell'articolo, parla da sola. Il suo algoritmo

          funziona solo per i dischi RLL. Leggila.




          e che cosa si deve usare per ottenere lo stesso
          risultato?

          distruzione fisica?

          :(

          che palle!!!

          un mio amico, che usa armi da fuoco al poligono,
          mi ha esortato a fornirgli, nell'eventualità che
          mi serva accertarmi dell'inservibilità di un hard
          disk per scopi di tutela di dati sensibili o
          personali su hd già da me considerati esausti ,
          l'hard disk in questione che poi lui avrebbe
          usato come bersaglio sforacchiandolo per bene.
          A parte che io da profano del settore non posso
          sapere se sia illegale (magari rischiare un
          rimbalzo del piombino o del proiettile è
          altamente illegale!) o meno... ma vorrei sapere
          se , proiettili a parte, la distruzione fisica
          (che so, lo apro e lo prendo a picconate) è
          l'unica soluzione....se la distruzione fisica non è meticolosa non è sicura neanche quella.per essere veramente sicuri conviene non memorizare niente su supporto fisico :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco


            altamente illegale!) o meno... ma vorrei sapere

            se , proiettili a parte, la distruzione fisica

            (che so, lo apro e lo prendo a picconate) è

            l'unica soluzione....

            se la distruzione fisica non è meticolosa non è
            sicura neanche quella.
            per essere veramente sicuri conviene non
            memorizare niente su supporto fisico :Dsei serio in quel che affermi? :-(questo non mi aiuta... però esserne sicuro mi aiuta di più :(che mi dici?
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Calamari non abbocco
            - Scritto da: Anonimo



            altamente illegale!) o meno... ma vorrei
            sapere


            se , proiettili a parte, la distruzione fisica


            (che so, lo apro e lo prendo a picconate) è


            l'unica soluzione....



            se la distruzione fisica non è meticolosa non è

            sicura neanche quella.

            per essere veramente sicuri conviene non

            memorizare niente su supporto fisico :D

            sei serio in quel che affermi? :-(per metà.nel senso che se apro l'hd e graffio o spezzo in 12 pezzi il disco cmq i dati si possono ancora leggere anche se difficilmente saranno recuperabili per intero.ma anche nel senso che a volte bisogna trovare la via di mezzo tra assoluta sicurezza e usabilità, ti faccio un'esempio:metto che per magia puoi sostituire la porta di casa tua con un portale ultradimensionale che scaraventa in un buco nero chiunque tenta di violarlo.metti pure che il portale può essere attraversato solo ogni 1200 anni e solo dai discententi della stirpe dei leovinci vestiti di rosso con i capelli neri e gli occhi castani mentre hanno in braccio una vergine discentende dalla stirpe reale di gurandot del regno delle fate, in una notte di luna piena di un anno bisestile mentre........dico che saresti sicuro che i ladri a casa tua non ci arrivano....peccato che poi o vivi tutta la vita dentro casa o la vivi fuori.
            questo non mi aiuta... però esserne sicuro mi
            aiuta di più :(

            che mi dici?prendila per quello che è: per lo più un post ironico
        • Anonimo scrive:
          Re: Caro Calamari non abbocco
          - Scritto da: Anonimo


          Non lo conosco, ma la paper di Guttman, elencata

          nell'articolo, parla da sola. Il suo algoritmo

          funziona solo per i dischi RLL. Leggila.




          e che cosa si deve usare per ottenere lo stesso
          risultato?

          distruzione fisica?Molto meglio il calore: una bella teglia di HD alla bolognese...
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Calamari non abbocco

      Insomma, nel settore dei programmi crittografici
      dar il codice è un must, un po' come fornire le
      cinture di sicurezza di serie sulle auto.No, in realtà sono (praticamente sempre, a parte poche sw house sgangherate che finiscono regolarmente nella sezione "doghouse" del blog di Bruce Schneier) dichiarati apertamente gli algoritmi e protocolli usati per la crittografia, l'autenticazione e quant'altro usati dal tal prodotto, e questi a loro volta sono nella stragrande maggioranza dei casi descritti pubblicamente in pubblicazioni accademiche o altre fonti di libero accesso.Però in diversi casi non viene rilasciato (o non viene rilasciato tutto) il codice sorgente dell'applicazione, quindi in questi casi anche se il prodotto è dichiarato basato su algoritmi e protocolli pubblicamente noti non è possibile in realtà valutare (o più propriamente, basare le proprie scelte su valutazioni fatti da esperti di terze parti) se è stato effettivamente implementato quanto dichiarato, se è stato implementato bene, se non sono stati inseriti layer di programmazione che potrebbero agire da backdoor nel tal prodotto.Quindi un prodotto come GPG sotto GPL con codice pubblicamente verificabile (=verificabile da terze parti competenti ed attendibili come per esempio lo stesso Schneier, in quanto aperto ed in quanto prodotto di buona fama e diffusione e quindi interessante) è sempre preferibile a prodotti closed source, anche se questi pubblicassero in parte il loro codice e anche nei casi, quasi la norma, in cui utilizzino algoritmi e protocolli pubblicamente conoscibili.
  • Anonimo scrive:
    Re:privacy ?No,grazie.
    Una volta esiteva il segreto professionale, poi e' stato abolito e hanno dovuto inventare la privacy.Ci abbiamo guadagnato ? ........Giulia
    • Anonimo scrive:
      Re:privacy ?No,grazie.
      - Scritto da: Anonimo
      Una volta esiteva il segreto professionale, poi
      e' stato abolito e hanno dovuto inventare la
      privacy.
      Ci abbiamo guadagnato ? ........

      Giulia
      mahantonio
  • Anonimo scrive:
    E la politici allora non e' CHIUSA?
    Quindi secondo l'articolo qualunque prodotto delle scienza e della tecnica, medicina inclusa, puo' essere analizzato da chi se ne intende, a favore di tutti; mentre il sw - essendo chiuso (compilato, senza possibilita' di vederne i sorgenti) non puo' essere analizzato per vedere quello che fa, nemmeno dagli esperti.In sostanza il messaggio e': non fidatevi mai delle parole (e delle promesse) ma andate a fondo, voi o chi per voi.Peccato che poi tutta la nostra vita (software, salute, economia) sia nostro malgrado sotto la cappella di una entità - la politica - che a prescindere del colore - ci garantisce le scelte che fà per noi, senza possibilita' alcuna di verifica da parte di nessun altro, nemmeno degli altri politici.Ed il riferimento non e' a qualche politico in particolare - beninteso - ma a tutti i politici (italiani) in generale.
    • Anonimo scrive:
      Re: E la politici allora non e' CHIUSA?
      - Scritto da: Anonimo
      Quindi secondo l'articolo qualunque prodotto
      delle scienza e della tecnica, medicina inclusa,
      puo' essere analizzato da chi se ne intende, a
      favore di tutti; mentre il sw - essendo chiuso
      (compilato, senza possibilita' di vederne i
      sorgenti) non puo' essere analizzato per vedere
      quello che fa, nemmeno dagli esperti.

      In sostanza il messaggio e': non fidatevi mai
      delle parole (e delle promesse) ma andate a
      fondo, voi o chi per voi.io non posso che essere d'accordo con questa visione della vita.che tra l'altro qualcuno ha già citato parecchi annetti addietro... e non farebbe male avessimo tratto qualche insegnamento anche da lui...''fatti non fummo a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza'' non è citato a sproposito... tutti siamo molto superficiali e pigri. Mentre invece chi sa il fatto proprio e va a fondo delle cose ha pienamente in mano la propria vita, in tutti i settori. dal pomodoro che si mangia, all'orto in cui lo coltiva, alla casa in cui abita, al paese nel quale vive, nei dettagli del lavoro che svolge ... in tutto.spesso non serve una vita per acquisire questa conoscenza, in molti, moltissimi dettagli in cui invece tutti sorvolano ed evitano di approdondire
  • Alessandrox scrive:
    Chiariamo il paragone con i Farmaci
    E' ovvio che la gente comune, senza strumenti specifici e conoscenze di come e' fatto un medicinale, non ha la possibilita' di fare verifiche e controlli ma: innanzitutto non e' detto che non ne abbia l' interesse (potrebbero volersi affidare a laboratori privati, es. associazioni di consumatori che volessero intentare una causa contro danni provocati da un medicinale), cio' che conta veramente e' la possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli strumenti adatti per poterlo fare, NON e' assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano fare.PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.==================================Modificato dall'autore il 28/10/2005 12.03.44
    • sNicker scrive:
      Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
      Non posso che concordare, come ho detto in un altro post..
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
        - Scritto da: Alessandrox
        cio' che conta veramente e' la
        possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci
        sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli
        strumenti adatti per poterlo fare, NON e'
        assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano
        fare.Non capisco !Il sw open e' potenzialmente verificabile, ma non e' necessario che tutti lo sappiano verificare.Che c'e' di diverso ?La differenza probabilmente e' che per analizzare un farmaco servono ingenti risorse (laboratori chimici e statistiche presso i pazienti) dove nel sw open spesso basta un computer o molto meno.
        PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i
        farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.Non mi pare.Invece a mio parere non regge per altri motivi:- un documentato criptato con sw closed puo' apparire criptato correttamente ma in realta' celare backdoor o essere solo apparentemente (o debolmente) criptato.- un farmaco invece deve rendere evidenti i suoi effetti.Se e' un antibiotico ma non fa il suo lavoro e' evidente subito, anche se non si conosce la composizione chimica.[Poi potra' avere anche altre interazioni volute o meno con il paziente (ad esempio un effetto dipendente maliziosamente inserito dalla casa farmaceutica) che sfuggono ad un prima analisi]Sostanzialmente cio' a cui tutti noi siamo interessati sono i risultati.E devono essere verificabili per attestarne la bonta'.Un farmaco e' una black box.Input / output = sto male / sto benese sto bene e' validato.Il documento criptato no.Input / output = documento leggibile / documento illeggibileMa che ne so che l'output e' illeggibile perche' e' criptato o e' stato tradotto in un idioma a me sconosciuto ?Senza algoritmo di codifica potrei criptare i miei documenti con un semplice xor !
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
      - Scritto da: Alessandrox
      E' ovvio che la gente comune, senza strumenti
      specifici e conoscenze di come e' fatto un
      medicinale, non ha la possibilita' di fare
      verifiche e controlli ma: innanzitutto non e'
      detto che non ne abbia l' interesse (potrebbero
      volersi affidare a laboratori provati, es.
      associazioni di consumatori che volessero
      intentare una causa contro danni provocati da un
      medicinale), cio' che conta veramente e' la
      possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci
      sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli
      strumenti adatti per poterlo fare, NON e'
      assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano
      fare.
      PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i
      farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.
      quindi non è il fatto di poter vedere il processo di lavorazione a renderlo sicuro ma il fatto che esperti possano disasemblare il farmaco e controllarlo.....a parte che conoscerne i componenti chimici non significa conoscerne gli effetti indesiderati sull'uomo (persino dopo anni di sperimentazione esistono farmaci che hanno provocato disastri)....a parte questo posso sempre far disassemblare il sw da un esperto per verificare quello che fa se voglio fare una class action
      ==================================
      Modificato dall'autore il 28/10/2005 11.34.59
      • Alessandrox scrive:
        Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Alessandrox

        E' ovvio che la gente comune, senza strumenti

        specifici e conoscenze di come e' fatto un

        medicinale, non ha la possibilita' di fare

        verifiche e controlli ma: innanzitutto non e'

        detto che non ne abbia l' interesse (potrebbero

        volersi affidare a laboratori provati, es.

        associazioni di consumatori che volessero

        intentare una causa contro danni provocati da un

        medicinale), cio' che conta veramente e' la

        possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci

        sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli

        strumenti adatti per poterlo fare, NON e'

        assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano

        fare.

        PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i

        farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.
        quindi non è il fatto di poter vedere il processo
        di lavorazione a renderlo sicuro ma il fatto che
        esperti possano disasemblare il farmaco e
        controllarlo.....Beh il processo di lavorazione non e' o non dovrebbe essere segreto. La composizione scritta su un foglietto e' solo UNA parte della garanzia che una casa farmaceutica ci DEVE dare.Inoltre non si tratta solo di analizzare un farmaco ma di verificare che quel che c'e' sia dichiarato e confrontabile con analisi, nel caso non coincidessero questo costituirebbe la prova di una alterazione, se non posso fare confronti legalmente nessuno potrebbe dimostrare una contraffazione, anche negli eccipienti... non si parla solo del principio attivo.
        a parte che conoscerne i
        componenti chimici non significa conoscerne gli
        effetti indesiderati sull'uomo (persino dopo anni
        di sperimentazione esistono farmaci che hanno
        provocato disastri)....Vero ma ci sono composti dei quali conosciamo bene gli effetti.... quindi si deve essere sicuri che non ci siano nelle composizioni e si vuol poter dimostrare la pericolosita' nel caso che ci siano.Se nei vaccini, es. ci mettono una certa sostanza (in piccolissime quantita' e come stabilizzante, ad esempio) e non c'e' scritto? se c'e scritto e ci sono ad esempio casi di allergie si puo' verificare agevolmente, altrimenti si brancola nel buio e la gente crepa.
        a parte questo posso
        sempre far disassemblare il sw da un esperto per
        verificare quello che fa se voglio fare una class
        action Un codice aperto da la possibilita' poter fare verifiche e confronti (anche con sw disassemblato) in modo piu' agevole e veloce senza incorrere in reclami legali. Se c'e un bug o un potenziale expolit ci vuole meno (sia come tempo che come costi) a disassemblare e analizzare o a analizzare direttamente un sorgente?
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
          - Scritto da: Alessandrox
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Alessandrox


          E' ovvio che la gente comune, senza strumenti


          specifici e conoscenze di come e' fatto un


          medicinale, non ha la possibilita' di fare


          verifiche e controlli ma: innanzitutto non e'


          detto che non ne abbia l' interesse
          (potrebbero


          volersi affidare a laboratori provati, es.


          associazioni di consumatori che volessero


          intentare una causa contro danni provocati da
          un


          medicinale), cio' che conta veramente e' la


          possibilita' potenziale di poter VERIFICARE,
          ci


          sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli


          strumenti adatti per poterlo fare, NON e'


          assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano


          fare.


          PER QUESTO le vostre critiche al paragone con
          i


          farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.


          quindi non è il fatto di poter vedere il
          processo

          di lavorazione a renderlo sicuro ma il fatto che

          esperti possano disasemblare il farmaco e

          controllarlo.....

          Beh il processo di lavorazione non e' o non
          dovrebbe essere segreto.il processo di lavorazione è coperto dal segreto industriale visto che tale processo rende il farmaco univoco e che consente alle industrie che hanno investito capitali di avere ritorni economici....in caso contrario vorrei ben vedere dove sarebbe arrivata la medicina se lasciata nelle mani di ricercatori 'open'....cerchiamo di non perdere di vista la realtà: certe ricerche richiedono apparecchiature da mln
          La composizione scritta
          su un foglietto e' solo UNA parte della garanzia
          che una casa farmaceutica ci DEVE dare.l'altra sono i controlli fatti dalla casa farmaceutica...insomma prendi per buone le loro dichiarazioni come faresti per un sw closed
          Inoltre non si tratta solo di analizzare un
          farmaco ma di verificare che quel che c'e' sia
          dichiarato e confrontabile con analisi, nel caso
          non coincidessero questo costituirebbe la prova
          di una alterazione, se non posso fare confronti
          legalmente nessuno potrebbe dimostrare una
          contraffazione, anche negli eccipienti... non si
          parla solo del principio attivo.si ma questo non c'entra nulla con il discorso ...


          a parte che conoscerne i

          componenti chimici non significa conoscerne gli

          effetti indesiderati sull'uomo (persino dopo
          anni

          di sperimentazione esistono farmaci che hanno

          provocato disastri)....

          Vero ma ci sono composti dei quali conosciamo
          bene gli effetti....vero ma sono molti di più quelli di cui non lo conosciamo..ricordi il ddt che i massimi organi di controllo davano per buono salvo scoprire dono 20/30 di uso massiccio che abbiamo inquinato tutto il pianeta e il nostro organismo con sostanze tossiche....
          quindi si deve essere
          sicuri che non ci siano nelle composizioni e si
          vuol poter dimostrare la pericolosita' nel caso
          che ci siano.7/8 dei componenti utilizzati potrebbero essere come il ddt per l'ultimo 1/8 basta leggere le controindicazione e gli effetti indisedirati per rendersi conto che la farmacologia è necessariamente una sperimentazione sul malato
          Se nei vaccini, es. ci mettono una certa sostanza
          (in piccolissime quantita' e come stabilizzante,
          ad esempio) e non c'e' scritto?quindi non ci vacciniamo più?stile come in x-files dove i vaccini erano usati per controllare gli americani?o li facciamo analizzare...ma a quel punto dobbiamo fidarci di chi fa le analisi quindi siamo punto e a capo
          se c'e scritto e
          ci sono ad esempio casi di allergie si puo'
          verificare agevolmente, altrimenti si brancola
          nel buio e la gente crepa.


          a parte questo posso

          sempre far disassemblare il sw da un esperto per

          verificare quello che fa se voglio fare una
          class

          action

          Un codice aperto da la possibilita' poter fare
          verifiche e confronti (anche con sw
          disassemblato) in modo piu' agevole e veloce
          senza incorrere in reclami legali. Se c'e un bug
          o un potenziale expolit ci vuole meno (sia come
          tempo che come costi) a disassemblare e
          analizzare o a analizzare direttamente un
          sorgente?credo che il bug sia ampiamento ot anche perchè non è compito dell'utente corregere i bug (ne l'utente medio ne ha la capacità)qui si parla di altro che di bug e l'utente medio codice sorgento o no no sarebbe in grado di capire cosa fa il sw.tutta la questione è l'ennesimo articolo fuffarolo di pi: ha senso per gli 'addetti al settore' che masticano sia informatica che matematica ma non ha nessun senso per il 99,9999999999999999999999999999999999999999999999999999999% degli utenti (ma anche dei professionisti)....guarda caso però l'articolo si rivolge proprio alle masse....insomma fuffa allo stato puro
          • Alessandrox scrive:
            Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Alessandrox

            - Scritto da: Anonimo

            Beh il processo di lavorazione non e' o non

            dovrebbe essere segreto.
            il processo di lavorazione è coperto dal segreto
            industriale visto che tale processo rende il
            farmaco univoco e che consente alle industrie che
            hanno investito capitali di avere ritorni
            economici....in caso contrario vorrei ben vedere
            dove sarebbe arrivata la medicina se lasciata
            nelle mani di ricercatori 'open'....cerchiamo di
            non perdere di vista la realtà: certe ricerche
            richiedono apparecchiature da mlnA parte che e' falso affermare che la medicina (come qualsiasi altra scienza) sia arrivata dov'e' ora grazie al ffatto che i processi produttivi sono segreti, le scoperte e le innovazioni CHIAVE sono tutte APERTE e pubbliche. A parte questo, il discorso del processo non c' entra con il nostro discorso, si stava parlando del prodotto e non di come viene fabbricato: per rimanere nel paragone a nessuno interssa COME viene sviluppato un progetto sw ma solo il suo codice.

            La composizione scritta

            su un foglietto e' solo UNA parte della garanzia

            che una casa farmaceutica ci DEVE dare.
            l'altra sono i controlli fatti dalla casa
            farmaceutica...insomma prendi per buone le loro
            dichiarazioni come faresti per un sw closedIL valore dei controlli fatti dalla casa che fabbrica un prodotto e' NULLO dal mio punto di vista, se non e' possibile far fare una verifica non di parte, equival a chiedere all' oste se il suo vino e' buono, ovvero GARANZIE = 0.

            Inoltre non si tratta solo di analizzare un

            farmaco ma di verificare che quel che c'e' sia

            dichiarato e confrontabile con analisi, nel caso

            non coincidessero questo costituirebbe la prova

            di una alterazione, se non posso fare confronti

            legalmente nessuno potrebbe dimostrare una

            contraffazione, anche negli eccipienti... non si

            parla solo del principio attivo.
            si ma questo non c'entra nulla con il discorso ...Perche'? Non stiamo parlando dei contenuti di un codice come dei componenti di un medicinale?Se ad esempio ci fosse una disputa sulla violazione di una licenza GPL, essendo il codice aperto , sarebbe piu' evidente e con meno lavoro, i diritti meglio tutelati., potendo appunto fare dei confronti in modo piu' veloce e semplice.

            Vero ma ci sono composti dei quali conosciamo

            bene gli effetti....
            vero ma sono molti di più quelli di cui non lo
            conosciamo..ricordi il ddt che i massimi organi
            di controllo davano per buono salvo scoprire dono
            20/30 di uso massiccio che abbiamo inquinato
            tutto il pianeta e il nostro organismo con
            sostanze tossiche....Allora secondo te e' giusto che le composizioni di prodotti che assumiamo siano segrete? Ma stai scherzando?

            quindi si deve essere

            sicuri che non ci siano nelle composizioni e si

            vuol poter dimostrare la pericolosita' nel caso

            che ci siano.
            7/8 dei componenti utilizzati potrebbero essere
            come il ddt per l'ultimo 1/8 basta leggere le
            controindicazione e gli effetti indisedirati per
            rendersi conto che la farmacologia è
            necessariamente una sperimentazione sul malatoQuesto non cambia la necessita' che ogni farmaco abbia scritti tutti gli ingredienti, perche' se la gente sta male dopo aver preso un farmaco ha il diritto di sapere quale principio attivo o eccipiente gli puo' aver causato il malessere, potrebbe assumerne uno equivalente senza la sostanza incriminata. Mi sa' che stai svarionando.

            Se nei vaccini, es. ci mettono una certa
            sostanza

            (in piccolissime quantita' e come stabilizzante,

            ad esempio) e non c'e' scritto?
            quindi non ci vacciniamo più?
            stile come in x-files dove i vaccini erano usati
            per controllare gli americani?
            o li facciamo analizzare...ma a quel punto
            dobbiamo fidarci di chi fa le analisi quindi
            siamo punto e a capoQuindi e' giusto che la conmposizione di un vaccino sia segreta? raccontalo anche al piu' misero medico di campagna e ti ridera' in faccia , nella migliore delle ipotesi.

            Un codice aperto da la possibilita' poter fare

            verifiche e confronti (anche con sw

            disassemblato) in modo piu' agevole e veloce

            senza incorrere in reclami legali. Se c'e un
            bug

            o un potenziale expolit ci vuole meno (sia come

            tempo che come costi) a disassemblare e

            analizzare o a analizzare direttamente un

            sorgente?
            credo che il bug sia ampiamento ot anche perchè
            non è compito dell'utente corregere i bug (ne
            l'utente medio ne ha la capacità)
            qui si parla di altro che di bug e l'utente medio
            codice sorgento o no no sarebbe in grado di
            capire cosa fa il sw.
            tutta la questione è l'ennesimo articolo
            fuffarolo di pi: ha senso per gli 'addetti al
            settore' che masticano sia informatica che
            matematica ma non ha nessun senso per il
            99,99999999999999999999999999999999999999999999999Hai letto il mio primo messaggio? Cosa ho scritto?http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1180358&tid=1180358&p=1&r=PIIl fato che la gente comune non abbia la possibilita' di comprendere il codice sorgente non e' una motivazione sufficente.Ed' proprio di Bug, falle, cause di possibili exploit , una delle argomentazioni X la validita' dell' OpenSource.Oltre ai bug accidentali esistono anche possibilita' di inserirne di voluti, di codici maliziosi ecc. ecc.Direi che questo e' proprio uno degli argomenti principali. Un difetto precursore di un Xploit puo' essere messo apposta proprio per costituire una potenziale backdoor.==================================Modificato dall'autore il 28/10/2005 22.56.37
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
            - Scritto da: Alessandrox
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Alessandrox


            - Scritto da: Anonimo



            Beh il processo di lavorazione non e' o non


            dovrebbe essere segreto.


            il processo di lavorazione è coperto dal segreto

            industriale visto che tale processo rende il

            farmaco univoco e che consente alle industrie
            che

            hanno investito capitali di avere ritorni

            economici....in caso contrario vorrei ben vedere

            dove sarebbe arrivata la medicina se lasciata

            nelle mani di ricercatori 'open'....cerchiamo di

            non perdere di vista la realtà: certe ricerche

            richiedono apparecchiature da mln

            A parte che e' falso affermare che la medicina
            (come qualsiasi altra scienza) sia arrivata
            dov'e' ora grazie al ffatto che i processi
            produttivi sono segreti, le scoperte e le
            innovazioni CHIAVE sono tutte APERTE e pubbliche.falso.se negli anni passati le scoperte della medicina erano pubbliche ora non lo sono più.questo perchè la ricerca in campo medico è diventata costosissima e il denaro versato dallo stato sempre meno...così la ricerca per questa o quella malattia, per questo o quel farmaco (ma anche ricerche più generiche come la mappatura del dna) sono tenute da aziende che dopo aver investito mln e mln devono necessariamente avere un ritorno.per questo tutto il processo è coperto dal segreto industriale e le pene per lo spionaggio industriale sono severissime.basta non vivere sulle nuvole per sapere che ti sbagli.cmq l'errore è ancora più profondo: la ricerca farmaceutica al massimo la puoi paragonare alla ricerca di algoritmi della crittografia e quelli ad avere un pò di tempo e vogli sono per lo più pubblici.l'articolo non lamente algoritmi privati ma 'vieta' (virgolette d'obbligo' l'uso di sw closed indipendentemente dal tipo di algoritmo usato.
            A parte questo, il discorso del processo non c'
            entra con il nostro discorso, si stava parlando
            del prodotto e non di come viene fabbricato:ma no sono stato io tirare in ballo il fatto
            per
            rimanere nel paragone a nessuno interssa COME
            viene sviluppato un progetto sw ma solo il suo
            codice.io invece credo che al 99,9% degli utenti, che siano essi utenti consumer, che siano professionisti della grafica o sysadmin, non frega niente del codice sorgente in quanto non hanno la capacità o la voglia di verificarlo.un utente medio vuole solo vedere i filmati divx e non gli importa sapere come funziona l'algoritmo di compressione, un grafico vuole solo fare grafica e non gli importa sapere come funziona (a livello di codice) photoshop così come un amministratore di limita ad amministrare un server o come un installatore installa sw di cui non conosce il codice....se ognuno di questi dovrebbe prima conoscere il codice e solo dopo usare il sw..........gli algoritmi di crittografia poi non sono certo una cosa banale e per rendersi conto se sono veramente efficaci (qualcuno si lamenta del fatto che con il codice sorgente tutti possono verificare se la crittografia e forte o debole) bisogna avere discrete nozioni e di informatica e di matematica...cosa che sicuramente non si può dire per le 'masse'.l'errore dell'articolo è soprattutto in questo.anche tra le persone più preparate (e con più tempo da perdere) non credo che siano in molti ad aver controllato il cs dei sw di crittografia, pensare poi che l'utente medio possa sentirsi più sicuro perchè ha del codice che non è in grado di controlla.....il discorso delle backdoor poi è pura paranoia ed ostilità contro tutto quello che non è oss.....perchè allora usare photoshop?usiamo solo sw oss ma solo dopo averlo controllato riga per riga....va di fatto che certi atteggiamenti porterebbero solo alla morte dell'informatica (35 anni a leggere codice e poi forse dopo posso ridimensionare una bmp o spedire una mail criptata).se devo fidarmi che qualcuno abbia fatto tali controlli al posto mio preferisco scegliere che sia un ente closed e ti spiego i motivi:1) nessuno mi garantisce che qualcuno controlli il sw oss (ricordi cosa diceva linus.t. dei moduli di linux su dev?)2) nessuno mi garantisce la professionalità di eventuali persone che controllano il codice (potrebbero essere i migliori ingegneri della nasa ma anche dei calzolai) mentre sono sicuro che per le sw di successo lavori gente competente3) qualsiasi inghippo relativo al sw oss rimane fine a se stesso....non esiste una reale paternità visto che ci hanno messo mano un pò tutti e neanche si sa chi sono...nessuno che perde il lavoro, nessuno che perde soldi, nessuno che perde la faccia....l'esatto contrario vale per le sw house closed che mettono in gioco in primis nome e reputazione4) non avendo l'utente medio la capacità di controllare il codice da se il sw potrebbe benissimo contenere le backdoor anche in oss



            La composizione scritta


            su un foglietto e' solo UNA parte della
            garanzia


            che una casa farmaceutica ci DEVE dare.


            l'altra sono i controlli fatti dalla casa

            farmaceutica...insomma prendi per buone le loro

            dichiarazioni come faresti per un sw closed

            IL valore dei controlli fatti dalla casa che
            fabbrica un prodotto e' NULLO dal mio punto di
            vista, se non e' possibile far fare una verifica
            non di parte, equival a chiedere all' oste se il
            suo vino e' buono, ovvero GARANZIE = 0.leggi su....riassumendo: se una sw perde la faccia perde soldi questo significa responsabilizzarsi volenti o dolenti



            Inoltre non si tratta solo di analizzare un


            farmaco ma di verificare che quel che c'e'
            sia


            dichiarato e confrontabile con analisi, nel
            caso


            non coincidessero questo costituirebbe la
            prova


            di una alterazione, se non posso fare
            confronti


            legalmente nessuno potrebbe dimostrare una


            contraffazione, anche negli eccipienti... non
            si


            parla solo del principio attivo.


            si ma questo non c'entra nulla con il discorso
            ...

            Perche'? Non stiamo parlando dei contenuti di un
            codice come dei componenti di un medicinale?
            Se ad esempio ci fosse una disputa sulla
            violazione di una licenza GPL, essendo il codice
            aperto , sarebbe piu' evidente e con meno lavoro,
            i diritti meglio tutelati., potendo appunto fare
            dei confronti in modo piu' veloce e semplice.no non stiamo parlando sulle dispute delle violazioni di licenze



            Vero ma ci sono composti dei quali conosciamo


            bene gli effetti....


            vero ma sono molti di più quelli di cui non lo

            conosciamo..ricordi il ddt che i massimi organi

            di controllo davano per buono salvo scoprire
            dono

            20/30 di uso massiccio che abbiamo inquinato

            tutto il pianeta e il nostro organismo con

            sostanze tossiche....

            Allora secondo te e' giusto che le composizioni
            di prodotti che assumiamo siano segrete? Ma stai
            scherzando?non ho det
          • flamer scrive:
            5 --
          • Anonimo scrive:
            5 --
          • flamer scrive:
            Ah, se "AVRESTI" studiato meglio...
            Perchè? La mia è un'argomentazione valida. La presunzione che traspare nel giudicare negativamente ed in modo borioso gli argomenti altrui fa da contrasto con l'incapacità di esprimersi in modo decente. Questo ti squalifica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ah, se "AVRESTI" studiato meglio...
            - Scritto da: flamer
            Perchè? La mia è un'argomentazione valida.impossibile visto che non c'è nessuna argomentaziione ma solo un furbetto che si mette a fare il professorino di italiano in barba a netiquette e educazione
            La
            presunzione che traspare nel giudicare
            negativamente ed in modo borioso gli argomenti
            altrui fa da contrasto con l'incapacità di
            esprimersi in modo decente. Questo ti squalifica.si certo certo.la prossima volta prova anche a capire quello che ti si dice invece di fermarti ai congiuntivi.salutoni prof.
          • flamer scrive:
            5 --
            La cosa triste è quella: rispetto ai "contenuti", l'italiano del tuo post è la parte comunque più valida.
          • Anonimo scrive:
            5 --
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
      Hai sbagliato su tutta la linea.Il farmaco e' analizzabile ? si! allora e' come se fosse open. Il tuo "chiarimento" sarebbe giusto se esistesse un farmaco non analizzabile in nessun modo con i normali strumenti di laboratorio (che quindi non esiste) da paragonare al software closed.- Scritto da: Alessandrox
      E' ovvio che la gente comune, senza strumenti
      specifici e conoscenze di come e' fatto un
      medicinale, non ha la possibilita' di fare
      verifiche e controlli ma: innanzitutto non e'
      detto che non ne abbia l' interesse (potrebbero
      volersi affidare a laboratori privati, es.
      associazioni di consumatori che volessero
      intentare una causa contro danni provocati da un
      medicinale), cio' che conta veramente e' la
      possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci
      sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli
      strumenti adatti per poterlo fare, NON e'
      assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano
      fare.
      PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i
      farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.

      ==================================
      Modificato dall'autore il 28/10/2005 12.03.44
      • Alessandrox scrive:
        Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
        - Scritto da: Anonimo
        Hai sbagliato su tutta la linea.
        Il farmaco e' analizzabile ? si! allora e' come
        se fosse open. Il tuo "chiarimento" sarebbe
        giusto se esistesse un farmaco non analizzabile
        in nessun modo con i normali strumenti di
        laboratorio (che quindi non esiste) da paragonare
        al software closed. Se in un farmaco c'e' un' eccipiente al quale sono allergico? Come faccio a saperlo? Vengo a chederlo a te? Secondo te allora non c'e' bisogno di scrivere la composizione? Se lo so ne prendo uno equivalente con altra formulazione no?Ti rendi conto dell' assurdita' di quello che scrivi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
      Secondo me invece il paragone dell'articolo regge benissimo. Analizzandolo meglio viene fuori:farmaco senza tabella di componenti = SW closedfamaco con la tabella dei componenti = SW openSe in un farmaco non dici cosa c'e' dentro, per controllare un laboratorio di analisi dovrebbe eseguire un numero infinito di analisi per tutte le infinite sostanze conosciute, un po' come andare alla ricerca di una backdoor in un eseguibile.Se di un farmaco dai la tabella dei componenti, puoi verificare se effettivamente ci sono, lo stesso se di un SW dai i sorgenti puoi verificare che faccia veramente quello che sostiene.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
      - Scritto da: Alessandrox
      E' ovvio che la gente comune, senza strumenti
      specifici e conoscenze di come e' fatto un
      medicinale, non ha la possibilita' di fare
      verifiche e controlli ma: innanzitutto non e'
      detto che non ne abbia l' interesse (potrebbero
      volersi affidare a laboratori privati, es.
      associazioni di consumatori che volessero
      intentare una causa contro danni provocati da un
      medicinale), cio' che conta veramente e' la
      possibilita' potenziale di poter VERIFICARE, ci
      sara' sempre qualcuno con le conoscenze e gli
      strumenti adatti per poterlo fare, NON e'
      assolutamente necessario che TUTTI lo sappiano
      fare.
      PER QUESTO le vostre critiche al paragone con i
      farmaci nonreggono. Basta pensarci un po'.

      ==================================
      Modificato dall'autore il 28/10/2005 12.03.44 E volendo dirla tutta... se anche un colosso come la BAYER mette in giro uno sciroppo per la tosse, come faccio io a sapere che dentro non ci hanno infilato l'eroina? (che per i pochi che ancora non lo sanno è esattamente quello che han fatto, 'ste bestie)
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiariamo il paragone con i Farmaci
        "Sto bene - sto male" un paio di ciufoli. e le controindicazioni?Cmq, chiacchere a parte, è ovviamente meglio un codice sorgente aperto, visto che non ha obiezioni la validità del suo operatoQuestione chiusa!
  • Anonimo scrive:
    farmaci
    Anche quando vai da un medico ti da' un medicinale che non ti spiega cosa sia (anche se la legge lo imporrebbe) e lui non lo conosce neppure (semplicemnte qualcuno molto solerte gli ha dato un fogliettino con scritto che quel farmaco funziona e che a lui conviene molto prescriverne tanti)
  • samu scrive:
    schneier@COUNTERPANE.COM
    questo articolo sembra la traduzione della mailing list mensile di bruce schneyer crypto-gram.
    • Anonimo scrive:
      Re: schneier@COUNTERPANE.COM
      La stessa sensazione che ho avuto io.Stesso riferimento allo "snake oil" e giusto giusto a sw di sicurezza chiusi, percio' "insicuri"PB
      • Anonimo scrive:
        Re: schneier@COUNTERPANE.COM
        Ho anche la sensazione che sia stato frainteso il ragionamento di schneier. Lui sostiene che gli algoritmi debbano essere pubblici, ma non cita i sorgenti.Questo perche' la comunita' scientifica possa analizzarli e scoprire eventuali falle.Do' pure il link:http://www.schneier.com/crypto-gram-9902.html#snakeoil
        • Anonimo scrive:
          Re: schneier@COUNTERPANE.COM
          - Scritto da: Anonimo
          Ho anche la sensazione che sia stato frainteso il
          ragionamento di schneier. Lui sostiene che gli
          algoritmi debbano essere pubblici, ma non cita i
          sorgenti.
          Questo perche' la comunita' scientifica possa
          analizzarli e scoprire eventuali falle.

          Do' pure il link:
          http://www.schneier.com/crypto-gram-9902.html#snakMa veramente la sostanza del ragionamento e' originale, come pure la critica alla paper di Guttmann.Senno' la logica della cosa e':Quando dice quello che dice Schnaier, copiaQuando non lo dice, fraintende o sbagliaAllora non c'e' che stare zitti !
          • Anonimo scrive:
            Re: schneier@COUNTERPANE.COM
            Quello che mi e' scappato di scrivere (perche' magari ho avuto un malevolo sospetto) e' che:1) L'articolo sembra non copiato, ma abbastanza ispirato da un analogo di schneier. E le coincidenze sono abbastanza notevoli2) In tal caso, l'opinione di schneier e' + equilibrata.PB
          • Anonimo scrive:
            Re: schneier@COUNTERPANE.COM
            - Scritto da: Anonimo
            Quello che mi e' scappato di scrivere (perche'
            magari ho avuto un malevolo sospetto) e' che:
            1) L'articolo sembra non copiato, ma abbastanza
            ispirato da un analogo di schneier. E le
            coincidenze sono abbastanza notevoli
            2) In tal caso, l'opinione di schneier e' +
            equilibrata.

            PBla sostanza, se pur espressa in modo più corretto e meno da flamer, resta invariata.eppure legittima :)
  • Anonimo scrive:
    lasciamo stare i farmaci, per favore...
    quanti di voi, prima di comprare un medicinale, pretendono di essere ammessi al laboratorio in cui è stato sintetizzato e leggere tutta la documentazione delle prove e dei test effettuati?quanti di voi comprano solo medicinali di cui è nota esattamente al pubblico la composizione?non potrebbe esserci esempio più sbagliato e non pertinente
    • Anonimo scrive:
      Re: lasciamo stare i farmaci, per favore
      vero, io infatti preferisco affidarmi ai MIEI anticorpi.solo in caso di crash, quando non ho piu' nulla da perdere mi fido e affido alle medicine.
    • Anonimo scrive:
      Re: lasciamo stare i farmaci, per favore
      Perche' non guardiamo il problema all lato giusto?Come mai i farmaci sono cosi' poco trasparenti?Le ricerce truccate non si contano piu' ....
      • Anonimo scrive:
        Re: lasciamo stare i farmaci, per favore
        - Scritto da: Anonimo
        Perche' non guardiamo il problema all lato giusto?

        Come mai i farmaci sono cosi' poco trasparenti?

        Le ricerce truccate non si contano piu' ....forse perchè non tutti hanno una laurea in farmacologia
  • Anonimo scrive:
    Privacy? No, grazie.
    Ancora, sulla privacy!Ma cos'hai di tanto segreto da nascondere?Forse il codice di carta di credito?E quando vai al ristorante o dal benzinaio (e sono trenta e passa anni che lo facciamo) e questi non hanno ancora il POS (e sono pochi anni che forse l'hanno tutti) e "passano" la tua carta con la macchinetta, e quel foglietto ( con tutti i dati compresa la firma autografa, utilizzabile anche per altri scopi) rimane sul bancone per tutta la giornata, a un tiro di mano dal primo che passa?O forse hai una malattia della quale ti vergogni, al punto di non voler far sapere al mondo che il medicinare della marca XYZ ti ha salvato?O forse non vuoi far sapere che voti pincopallino, e poi al bar ne dici di ogni?O forse credi che tua moglie non si accorga della tua scappatella, e magari ti sta gia perdonando e amando così come sei?O forse sei soltanto paranoico?
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy? No, grazie.
      - Scritto da: Anonimo
      Ancora, sulla privacy!
      O forse credi che tua moglie non si accorga della
      tua scappatella, e magari ti sta gia perdonando e
      amando così come sei?Stai tranquillo che la moglie di un BAMBA come te le CORNA gliele mette di sicuro.
      • kermit scrive:
        Re: Privacy? No, grazie.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ancora, sulla privacy!


        O forse credi che tua moglie non si accorga
        della

        tua scappatella, e magari ti sta gia perdonando
        e

        amando così come sei?

        Stai tranquillo che la moglie di un BAMBA come te
        le CORNA gliele mette di sicuro.Questa poi...L'anonimo del post aveva ragione!Privacy, privacy, privacy... ma per cosa?Non sta dicendo che non serve a nulla ma che ci sono milioni di milioni di ulteriori occasioni nelle quali la nostra privacy è a rischio ben maggiore che comprando su internet o mandando una mail.Come fate a telefonare con i telefonini che non sono crittografati, come fate a mandare sms altrettanto aperto, a navigare su un sito qualsiasi con la linea fornita da un operatore che può sapere quali siti visitate.Non dico che non bisogna tenere alla propria privacy ma non do torto al primo messaggio del thread!Cmq, redazione... per favore, via gli anonimi che postano e cominciamo a bannare chi entra per 3 volte nelle X rosse (e questo direi che ci può cascare, eh?!).Così magari questo diventa un forum di gente seria.O devo pensare che vi va bene così?
        • Anonimo scrive:
          Re: Privacy? No, grazie.

          L'anonimo del post aveva ragione!
          Privacy, privacy, privacy... ma per cosa?

          Non sta dicendo che non serve a nulla ma che ci
          sono milioni di milioni di ulteriori occasioni
          nelle quali la nostra privacy è a rischio ben
          maggiore che comprando su internet o mandando una
          mail.se non usi tecnologie sicure e verificabili alla fine puoi essere controllato su ogni cosa che fai da altri, magari dalle forze dell'ordine in modo illegale, per anni e a tua insaputa come era riportato in un articolo di ieri proprio su queste pagine.Il dire che: "se uno non ha nulla da nascondere, allora non c'è nulla di male" è rinunciare volontariamente a delle libertà attualmente riconosciute ... purtroppo fino a quando uno possiede una cosa non ne apprezza i pregi, anzi la ritiene superflua o normale, la considera come qualcosa di imperdibile.Se ora tu rinunci alla tua privacy, un domani per esempio ti potrebbe essere impedito di comunicare ad altri i tuoi pensieri se sono contrari a chi sta attualmente al governo ...Se per te questo è un bene allora continua sulla tua strada.Prova a leggerti un po' di libri scritti in periodi in cui anche qui in Italia la privacy non esisteva, anzi era ritenuta illegale per legge, così forse riesci a renderti conto di quello che tu stai rinunciando ora.
        • Alessandrox scrive:
          Re: Privacy? No, grazie.
          - Scritto da: kermit

          - Scritto da: Anonimo
          Questa poi...
          L'anonimo del post aveva ragione!
          Privacy, privacy, privacy... ma per cosa?
          Non sta dicendo che non serve a nulla ma che ci
          sono milioni di milioni di ulteriori occasioni
          nelle quali la nostra privacy è a rischio ben
          maggiore che comprando su internet o mandando una
          mail. Vero ma vale la pena farci togliere tutte le possibilita'?Pensaci un' attimino.P.S.Scommettiamo che il terrorismo esisterebbe comunque?==================================Modificato dall'autore il 28/10/2005 11.42.47
    • AnyFile scrive:
      Re: Privacy? No, grazie.
      L'articolo in realta' non discute se sia giusta o meno la privacy e se uno abbia diritto o meno a criptare (presumo che questo diritto lo dia per scontato), perla a mio avviso di un problema a riguardo dei software a sorente chiuso.Chi ci assicura che quello che fanno e' quello che dicono?Il problema non e' solo se l'algoritmo di criptazione e' sicuro, ma anche, e questo vale per qualsiasi software, che non possiamo sapere esattamente come sono stati programmati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Privacy? No, grazie.
        quando compri una casa, vai a vedere se nel cemento armato mettono la quantita' giusta di cemento, se le armature sono correttamente calcolate?oppure ti fidi di chi e' autorizzato a garantirne la qualita' (progettista e collaudatore)?e in una casa (che potrebbe crollare) c'e' in gioco la tua vita, non parte di essa (come lo sono la liberta', i soldi, la stima,...).Come per i farmaci: sei cosi' esperto per capire come interagiscono le molecole del medicinale con quelle del tuo organismo? Oppure ti fidi di qualcuno.
        • CoD scrive:
          Re: Privacy? No, grazie.
          il tuo paragone non e' esatto.Quando comrpi una casa sai gia' che sono stati fatti dei controlli da chi ne capisce per verificare se il cemento non e' fatto con sabbia e acqua o se la casa crollera' dopodomani.Ugualmente con i farmaci esiste un'intera comunita' medica che controlla e conosce i prodotti utilizzati.Per contro il software chiuso non ha una comunita' che possa verificare cosa contiene.E' come se la famosa casa ti fosse venduta da uno che dice: "l'ho costruita io, ho controllato solo io e ho rifiutato tutti i controlli ufficiali, nessuno sa cosa ho messo nei muri...allora la compra?"O come se il farmacista ti consigliasse un farmaco che NESSUNO sa cosa contiene, di cui la comunita' medico-scientifica non sa NULLA e il cui produttore ha sempre rifiutato di parlare.Se domani si scopre che il farmaco in questione ti fa venire la lebbra (perche' guardacaso la ditta che produce le medicine contro la lebbra e' la stessa) non puoi farci niente.Come vedi l'idea di controllo della comunita' e' diffusissima nel mondo relae: nei motori, nei medicinali, nelle case, nei cibi, ecc...Nel mondo del software stranamente no.
          • Anonimo scrive:
            Re: Privacy? No, grazie.

            Quando comrpi una casa sai gia' che sono stati fatti
            dei controlli da chi ne capisce per verificare se il
            cemento non e' fatto con sabbia e acqua o se la casa
            crollera' dopodomani.Vero.Ma quei controlli sono fatti da chi la casa l'ha progettata (e magari costruita e messa in vendita: tipico delle immobiliari); non sono fatti da un organismo esterno superpartes.Quindi valgono fino a lì.Un po' come il software: chi lo scrive e lo vende ti dice che e' buono.
          • Anonimo scrive:
            Re: Privacy? No, grazie.
            Non è vero, i calcoli del cemento armato sono certificati da professionisti abilitati che se ne assumono la responsabilità (lasciamo stare i casi fuorilegge), questo per quanto riguarda la realizzazione, poi c'e' la progettazione che deve essere approvata da una commissione che se ne assume la responsabilità... guarda quanti controlli... se vuoi vado avanti, ne esistono anche altri (asl,...),lo stesso dicasi per le automobili, ferrovie, ponti, aerei, navi, ecc, ecc...freddezza e lucidità di pensiero servono
          • Anonimo scrive:
            Re: Privacy? No, grazie.
            - Scritto da: Anonimo
            Non è vero, i calcoli del cemento armato sono
            certificati da professionisti abilitati che se ne
            assumono la responsabilità (lasciamo stare i casi
            fuorilegge), questo per quanto riguarda la
            realizzazione, poi c'e' la progettazione che deve
            essere approvata da una commissione che se ne
            assume la responsabilità... guarda quanti
            controlli... se vuoi vado avanti, ne esistono
            anche altri (asl,...),
            lo stesso dicasi per le automobili, ferrovie,
            ponti, aerei, navi, ecc, ecc...
            freddezza e lucidità di pensiero servonocmq non sono controlli che puoi fare tu.sempre di qualcun'altro devi fidarti.....e come la cronaca dimostra a volte palazzine e ponti cadono....
          • AnyFile scrive:
            Re: Privacy? No, grazie.
            Severgnini sul Corriere della Sera, ha scritto un articolo in cui parla di quelli che dicono "eh allora ..."Non serve a nulla giustificare una situazione dicendo che ci sono casi piu' gravi in cui succede di peggio.Poi c'e' una bella differenza. Chi costruisce una casa non ha alcun interesse a farla male. A risparmiare si' per cui puo' cercare di risparmiare sul cemento, ma su questo dovrebbero esserci dei controlli esterni mi pare.e se una casa dovesse crollare non sarebbe una bella pubblicita'Invece di cosa succede in un software nessuno lo sa. Non esiste una formula del cemento per controllare se il lavoro e' stato fatto bene. Non vi e' modo di controllare se l'algoritmo e' stato fatto apposta perche' possa essere aperto da chi detiene delle chiavi speciali.Non solo ma mentre un costruttore di case non avrebbe che cattiva pubblicita' e rogne legali dal crollo di una casa, il produttore di questo software non avrebbe che di guadagnarci da questa possibilita'. Queste chiavi sarebbero vendibili a carissimo prezzo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Privacy? No, grazie.
          - Scritto da: Anonimo
          quando compri una casa, vai a vedere se nel
          cemento armato mettono la quantita' giusta di
          cemento, se le armature sono correttamente
          calcolate?Scrivi per muovere le ditina grassoccie? L'edilizia e' un campo strettamente regolato.Inoltre, se io vado a comprare una casa, mando un professionista di fiducia a dare un occhio e a verificare le carte...
          • Anonimo scrive:
            Re: Privacy? No, grazie.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            quando compri una casa, vai a vedere se nel

            cemento armato mettono la quantita' giusta di

            cemento, se le armature sono correttamente

            calcolate?

            Scrivi per muovere le ditina grassoccie?
            L'edilizia e' un campo strettamente regolato.
            Inoltre, se io vado a comprare una casa, mando un
            professionista di fiducia a dare un occhio e a
            verificare le carte...e quando compri il formaggio all'esselunga che fai ti porti dietro il team di csi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy? No, grazie.

      O forse sei soltanto paranoico?O forse preferisci che le transazioni bancarie siano coperte con un buon algoritmo di cifratura, autenticate da un buon algoritmo di autenticazione, implementati correttamente in un robusto protocollo che ti consenti di fare banking remoto, o usare una carta di credito o un bancomat...piuttosto che vengano intercettate da chicche e sia oppure che il primo ca*** che passa possa simulare la tua carta di credito o bacomat e prelevarti del denaro contante.O preferisci che i ca*** tuoi siano riservati in modo che il primo ca*** di commerciale che li recupera non ti possa importunare con chiamate mirate, anche al limite del plagio...Oppure preferisci che le tue comunicazioni di qualsiasi tipo siano autenticate con strumenti seri prima che qualche buontempone ordini al tuo veterinario di sopprimere il tuo cane, chieda il divorzio a tua moglie con le condizioni che meglio lei crede, cambi l'iscrizione a scuola ai tuoi figli, mandi dallo sfasciacarrozze la tua amata Murcielago e per festeggiare si compri un quintale di aragosta tartufata a spese tue...
      • Anonimo scrive:
        Re: Privacy? No, grazie.
        perche, tutte le cose che hai detto non si potevano fare anche prima dell'avvento dei PC e della crittografia?- Scritto da: Anonimo

        O forse sei soltanto paranoico?
        O forse preferisci che le transazioni bancarie
        siano coperte con un buon algoritmo di cifratura,
        autenticate da un buon algoritmo di
        autenticazione, implementati correttamente in un
        robusto protocollo che ti consenti di fare
        banking remoto, o usare una carta di credito o un
        bancomat...
        piuttosto che vengano intercettate da chicche e
        sia oppure che il primo ca*** che passa possa
        simulare la tua carta di credito o bacomat e
        prelevarti del denaro contante.
        O preferisci che i ca*** tuoi siano riservati in
        modo che il primo ca*** di commerciale che li
        recupera non ti possa importunare con chiamate
        mirate, anche al limite del plagio...
        Oppure preferisci che le tue comunicazioni di
        qualsiasi tipo siano autenticate con strumenti
        seri prima che qualche buontempone ordini al tuo
        veterinario di sopprimere il tuo cane, chieda il
        divorzio a tua moglie con le condizioni che
        meglio lei crede, cambi l'iscrizione a scuola ai
        tuoi figli, mandi dallo sfasciacarrozze la tua
        amata Murcielago e per festeggiare si compri un
        quintale di aragosta tartufata a spese tue...
        • Anonimo scrive:
          Re: Privacy? No, grazie.
          - Scritto da: Anonimo
          perche, tutte le cose che hai detto non si
          potevano fare anche prima dell'avvento dei PC e
          della crittografia?

          facevano tanto bello che magari qualcuno ci è pure cascato e adesso corre nudo nelle piazze per attirare l'attenzione sulla crittografia oss:D

          - Scritto da: Anonimo


          O forse sei soltanto paranoico?

          O forse preferisci che le transazioni bancarie

          siano coperte con un buon algoritmo di
          cifratura,

          autenticate da un buon algoritmo di

          autenticazione, implementati correttamente in un

          robusto protocollo che ti consenti di fare

          banking remoto, o usare una carta di credito o
          un

          bancomat...

          piuttosto che vengano intercettate da chicche e

          sia oppure che il primo ca*** che passa possa

          simulare la tua carta di credito o bacomat e

          prelevarti del denaro contante.

          O preferisci che i ca*** tuoi siano riservati in

          modo che il primo ca*** di commerciale che li

          recupera non ti possa importunare con chiamate

          mirate, anche al limite del plagio...

          Oppure preferisci che le tue comunicazioni di

          qualsiasi tipo siano autenticate con strumenti

          seri prima che qualche buontempone ordini al tuo

          veterinario di sopprimere il tuo cane, chieda il

          divorzio a tua moglie con le condizioni che

          meglio lei crede, cambi l'iscrizione a scuola ai

          tuoi figli, mandi dallo sfasciacarrozze la tua

          amata Murcielago e per festeggiare si compri un

          quintale di aragosta tartufata a spese tue...
    • Anonimo scrive:
      Re: Privacy? No, grazie.


      O forse sei soltanto paranoico?la tua superficialità non serve a nessuno.la paranoia può aiutare a risolvere ed analizzare parecchi problemi.di sicuro la gente non ha diritto di prendersi quel che è mio, comprese le informazioni che non ho intenzione di divulgare spontaneamente.non devo nemmeno nascondere il mio uccello (io!) ma normalmente lo mostro a chi voglio, SE e QUANDO voglio e per quanto voglio. E le informazioni vengono conservate a tempo indeterminato ma solo in uno stato in cui il loro trasferimento ad altri diventa impreciso
  • Anonimo scrive:
    chi le fa davvero le 35 passate?
    e dunque chi è che fa le mitiche 35 passate, davvero?PER WINDOWS , per favore?
    • Anonimo scrive:
      Re: chi le fa davvero le 35 passate?
      be' mica detto che servano, se il disco e' criptato come si deve forse una passata e' fin troppo.
      • Anonimo scrive:
        Re: chi le fa davvero le 35 passate?
        - Scritto da: Anonimo
        be' mica detto che servano, se il disco e'
        criptato come si deve forse una passata e' fin
        troppo.se è crittato non serve nemmeno la passata, no?
    • AnyFile scrive:
      Re: chi le fa davvero le 35 passate?
      sempre meglio farne uno o due che zero .... :s
      • Anonimo scrive:
        Re: chi le fa davvero le 35 passate?
        - Scritto da: AnyFile
        sempre meglio farne uno o due che zero .... :ssu cosa basi questa affermazione?
  • Anonimo scrive:
    Chiacchere
    Comprare un software closed è come comprare una medicina senza poter vedere il processo di produzione, ne sai il nome, il produttore, l'uso.Il che è... accidenti! Esattamente come funziona con tutti i prodotti sul mercato.Il limite tra articolo tecnico e professione di fede a volte è sottile...
    • tocomoro scrive:
      Re: Chiacchere
      - Scritto da: Anonimo
      Comprare un software closed è come comprare una
      medicina senza poter vedere il processo di
      produzione, ne sai il nome, il produttore, l'uso.
      Il che è... accidenti! Esattamente come funziona
      con tutti i prodotti sul mercato.Già, è per questo che il concetto di Open Source è MIGLIORE. Li hai *veramente* la possibilità di andare a controllare tutto e fare una scelta consapevole, con il resto no.Ti devi fidare sempre di qualcuno, e non puoi mai andare fino in fondo, e chissà come mai succede spesso che le fregature non mancano...Impara a conoscere il valore del software open source e vedrai che sarai il primo a beneficiarne...
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiacchere
        - Scritto da: tocomoro
        - Scritto da: Anonimo

        Comprare un software closed è come comprare una

        medicina senza poter vedere il processo di

        produzione, ne sai il nome, il produttore,
        l'uso.

        Il che è... accidenti! Esattamente come funziona

        con tutti i prodotti sul mercato.

        Già, è per questo che il concetto di Open Source
        è MIGLIORE. Li hai *veramente* la possibilità di
        andare a controllare tutto e fare una scelta
        consapevole, con il resto no.il concetto di open source è FUFFA specie se usate tali sistemi propagandistici!secondo tale concetto e per l'analogia portata le medicine possono comprare (nel senso che solo loro possono sentirsi sicuri) sullo i medici con specializazione in farmacologia altrimenti pure se hanno accesso alla lavorazione non capiscono niente.....lo stesso vale nel mondo informatico: solo gli ingegneri del sw possono usare un os perchè tutti gli altri del codice di linux se ne fanno niente visto che non lo capiscono.in attesa di avere una terra popolata da ingegneri e medici cosa facciamo?smettiamo di usare i computer e di prendere le medicine perchè l'ennesimo incompetente a spinto la sua analisi da fanatico oltro ogni limite logico?
        Ti devi fidare sempre di qualcuno, e non puoi mai
        andare fino in fondo, e chissà come mai succede
        spesso che le fregature non mancano...tu ovviamente hai visionato i progetti delle casa in cui vivi prima di entrarci?direi di no come tutti (o quasi)....e le balle che possono essere visti tienile per te tanto se non hai una laurea quelli per te sono solo disegnini....in nome dell'oss propongo che solo gli architetti abbiano una casa :Dovviamente sai anche tutto della produzione del pc con cui stai postando?nooooo!allora spegnito subito che potrebbe esserci nascosto 'qualcosa di alieno' un meccanismo di una tecnologia anni luce avanti alla nostra che serve ad impossesarsi della terra.....

        Impara a conoscere il valore del software open
        source e vedrai che sarai il primo a
        beneficiarne...impara ad essere realista!se credi che l'oss abbia un qualche valore cerca di porre l'accento su quei sw oss che ritieni validi perchè onestamente la tecnica del 'tremate mondo senza la luce dell'oss siete tutti in pericolo' è ridicola.
        • AnyFile scrive:
          Re: Chiacchere
          - Scritto da: Anonimo
          niente.....lo stesso vale nel mondo informatico:
          solo gli ingegneri del sw possono usare un os
          perchè tutti gli altri del codice di linux se ne
          fanno niente visto che non lo capiscono.Pero' e' sempre meglio poter avere che non averlo.Poi anche se solo pochi andranno realmente a guardarlo, rimane comunque il fato che tutti potrebbero farlo, e che tutti sanno che il programma deriva da un sorgente controllabile da tutti.Beh se il tuo disorso fosse fondato allora sarebbe valida la seguente analogia: chiudiamo le frontiere tanto andare da uno stato all'altro serve soltanto a quei pochi che vanno all'estero.==================================Modificato dall'autore il 28/10/2005 13.28.24
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: AnyFile
            - Scritto da: Anonimo

            niente.....lo stesso vale nel mondo informatico:

            solo gli ingegneri del sw possono usare un os

            perchè tutti gli altri del codice di linux se ne

            fanno niente visto che non lo capiscono.

            Pero' e' sempre meglio poter avere che non averlo.questo non giustifica articolo pressapochisti come quello della notizia che sembra voler dire, in modo non troppo velato, o hai il sc o sei alla mercee di ogni farabutto

            Poi anche se solo pochi andranno realmente a
            guardarlo, rimane comunque il fato che tutti
            potrebbero farlo, e che tutti sanno che il
            programma deriva da un sorgente controllabile da
            tutti.e che nessuno controlla ma tutti saranno sicuri perchè pensano che qualcun'altro a controllato per loro (e magari lo ha pure fatto solo che non aveva competenza)...a questo punto tra il miraggio 'speriamo che qualcuno abbia controllato' dell'oss e una certificazione del close preferisco la seconda.anche perchè come ti dicevo nel closed sei sicuro che se controlli ci sono stati sono stati fatti da persone competetenti nell'oss non si sa bene che fa cosa e con quali competenze dovendo fidarmi per forza di altri scelgo i qualificati e rintracciabili del closed...già perchè oltre tutto se qualcosa va male nell'oss nessuno risponde di niente visto che il codice è passato per milliaia di mani per lo più anonime, nel closed almeno c'è una responsabilità giuridica ed economica precisa!

            Beh se il tuo disorso fosse fondato allora
            sarebbe valida la seguente analogia: chiudiamo le
            frontiere tanto andare da uno stato all'altro
            serve soltanto a quei pochi che vanno all'estero.forse è meglio che lasci le analogie a chi ha un pò più di logica di quella che disponi :

            ==================================
            Modificato dall'autore il 28/10/2005 13.28.24
          • AnyFile scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AnyFile

            - Scritto da: Anonimo


            niente.....lo stesso vale nel mondo
            informatico:


            solo gli ingegneri del sw possono usare un os


            perchè tutti gli altri del codice di linux se
            ne


            fanno niente visto che non lo capiscono.



            Pero' e' sempre meglio poter avere che non
            averlo.

            questo non giustifica articolo pressapochisti
            come quello della notizia che sembra voler dire,
            in modo non troppo velato, o hai il sc o sei alla
            mercee di ogni farabutto





            Poi anche se solo pochi andranno realmente a

            guardarlo, rimane comunque il fato che tutti

            potrebbero farlo, e che tutti sanno che il

            programma deriva da un sorgente controllabile da

            tutti.

            e che nessuno controlla ma tutti saranno sicuri
            perchè pensano che qualcun'altro a controllato
            per loro (e magari lo ha pure fatto solo che non
            aveva competenza)...a questo punto tra il
            miraggio 'speriamo che qualcuno abbia
            controllato' dell'oss e una certificazione del
            close preferisco la seconda.
            anche perchè come ti dicevo nel closed sei sicuro
            che se controlli ci sono stati sono stati fatti
            da persone competetenti nell'oss non si sa bene
            che fa cosa e con quali competenze dovendo
            fidarmi per forza di altri scelgo i qualificati e
            rintracciabili del closed...già perchè oltre
            tutto se qualcosa va male nell'oss nessuno
            risponde di niente visto che il codice è passato
            per milliaia di mani per lo più anonime, nel
            closed almeno c'è una responsabilità giuridica ed
            economica precisa!Uhmm ... mi viene da chiermi se tu ti sei mai letto le clausole dei programmi commerciali (che spesso non puoi neanche leggere prima dell'acquisto perche' dentro la scatola che non puoi aprire). Ho letto alcune condizioni (chiamarli contratti mi sembra eccessivo, visto che l'acquirente non contratta nulla) di programmi commerciali e in tutti vi era scritto che al massimo rispondevano di un costo pari a quello del supporto vergine su cui è stato messo il programma (qualcosa dell'ordine di una decina di euro o meno).Comunque, visto che nessuno ti OBBLIGA ad utilizzare software a sorgente open senza garanzia. Puoi benissimo utilizzare software a sorgente chiuso. Non per questo bisogna denigrare come fai tu il software open.Io di certificazioni del closed non ne ho mai visti. E opi come sarebbero fatte queste certificazioni. Che ne so io di chi ha fatto la certificazione.Nel pc ho del software venduto assieme al pc. Ha dei problemi. Chiamo l'assistenza: il programma non e' nostro si rivolga all'assistenza di chi produce il software. Casa produttrice del software: il contratto prevede che l'assistenza sia fornita dal produttore del software.Anche in altri casi nel penso proprio che sia facile ottenere dal produttore alcun risarcimento. Sei per cso a conoscenza di casi in cui una ditta produttrice di software abbia rimborsato alcunche'?




            Beh se il tuo disorso fosse fondato allora

            sarebbe valida la seguente analogia: chiudiamo
            le

            frontiere tanto andare da uno stato all'altro

            serve soltanto a quei pochi che vanno
            all'estero.

            forse è meglio che lasci le analogie a chi ha un
            pò più di logica di quella che disponi :
            Che errore logico ci sarebbe nella mia analogia?Intanto se sei Italiano devi pagare una tassa annuale (di non modica entita') per poterti recare all'estero ....
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: AnyFile

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: AnyFile


            - Scritto da: Anonimo



            niente.....lo stesso vale nel mondo

            informatico:



            solo gli ingegneri del sw possono usare un
            os



            perchè tutti gli altri del codice di linux
            se

            ne



            fanno niente visto che non lo capiscono.





            Pero' e' sempre meglio poter avere che non

            averlo.



            questo non giustifica articolo pressapochisti

            come quello della notizia che sembra voler dire,

            in modo non troppo velato, o hai il sc o sei
            alla

            mercee di ogni farabutto









            Poi anche se solo pochi andranno realmente a


            guardarlo, rimane comunque il fato che tutti


            potrebbero farlo, e che tutti sanno che il


            programma deriva da un sorgente controllabile
            da


            tutti.



            e che nessuno controlla ma tutti saranno sicuri

            perchè pensano che qualcun'altro a controllato

            per loro (e magari lo ha pure fatto solo che non

            aveva competenza)...a questo punto tra il

            miraggio 'speriamo che qualcuno abbia

            controllato' dell'oss e una certificazione del

            close preferisco la seconda.

            anche perchè come ti dicevo nel closed sei
            sicuro

            che se controlli ci sono stati sono stati fatti

            da persone competetenti nell'oss non si sa bene

            che fa cosa e con quali competenze dovendo

            fidarmi per forza di altri scelgo i qualificati
            e

            rintracciabili del closed...già perchè oltre

            tutto se qualcosa va male nell'oss nessuno

            risponde di niente visto che il codice è passato

            per milliaia di mani per lo più anonime, nel

            closed almeno c'è una responsabilità giuridica
            ed

            economica precisa!

            Uhmm ... mi viene da chiermi se tu ti sei mai
            letto le clausole dei programmi commerciali (che
            spesso non puoi neanche leggere prima
            dell'acquisto perche' dentro la scatola che non
            puoi aprire). Ho letto alcune condizioni
            (chiamarli contratti mi sembra eccessivo, visto
            che l'acquirente non contratta nulla) di
            programmi commerciali e in tutti vi era scritto
            che al massimo rispondevano di un costo pari a
            quello del supporto vergine su cui è stato messo
            il programma (qualcosa dell'ordine di una decina
            di euro o meno).mi chiedo se tu hai letto il post.è inutile che la rigiri come ti fa comodo perchè non attacca.......1) se l'azienda pinco produce sw di crittografia (closed) è suo interesse vendere un sw che garantisca la privacy dei suoi clienti e non fare gli scherzi con backdoor.se si scopre che il sw prodotto dall'azienda pinco fatto per garantire la privacy invece la viola l'azienda pinco può essere citata in tribunale...chi diavolo citi se lo fa il sw pallo oss che non si sa bene da chi è stato sviluppato e che è di tutti quindi di nessuno?risposta: nessuno....quindi nessuno sente la responsabilità giuridica della violazione della tua privacy2) sempre come da caso 1 l'azienda pinco non vende più niente è fallisce perdendo una barca di soldi direi che come deterrente è molto valido....il sw pallo non prende una lira è quindi se ne fotte...in ogni caso pallo non è legato ad un'azienda in particolare (per natura stessa dell'oss) è quindi addio deterente.3) a rinforzo del punto 2 va fatto notare che le aziende vivono per far soldi e non filantropia quindi è loro interesse garantire la privacy del cliente se vendono sw per garantire la privacy....se escludiamo organizzazioni ombra del governo che pagano le aziende (che quindi i soldi li prendono dal governo e degli utenti se ne fregano) per inserire di nascosto sw che tramite emissioni di suoni non registrabili dall'orecchio umano (ma udibili) ti fanno il lavaggio del cervello direi che il modo principale per l'azienda di fare soldi è proprio vendere un prodotto valido...chi comprerebbe un sw di crittografia da un'azienda che è stata beccata ad inserire spyware e backdoor?

            Comunque, visto che nessuno ti OBBLIGA ad
            utilizzare software a sorgente open senza
            garanzia. Puoi benissimo utilizzare software a
            sorgente chiuso. Non per questo bisogna denigrare
            come fai tu il software open.no bello non fare sti giochetti con me.quello che denigra qualchecosa è l'autore dell'articolo.visto che non è obbligato ne lui ne tu a utilizzare sw closed non è necessario denigrarlo è inventare scenari post apocalittici per convingere la gente a fare lo stesso.io mi limito a far notare che l'articolo è fuffa visto che oss garanzie assolute e closed ti truffano.certi radicalismi lasciateli ai kamikaze iracheni

            Io di certificazioni del closed non ne ho mai
            visti. E opi come sarebbero fatte queste
            certificazioni. Che ne so io di chi ha fatto la
            certificazione.e che ne so io di chi certifica che il formaggio dell'esselunga si può mangiare?mi porto dietro il team di csi?

            Nel pc ho del software venduto assieme al pc. Ha
            dei problemi. Chiamo l'assistenza: il programma
            non e' nostro si rivolga all'assistenza di chi
            produce il software.bla bla bla blati ho già detto di non provarci!non stiamo parlando di assistenza anche perchè non direi proprio che il sw oss goda di assistenza migliore.....parliamo di fidarsi che nel codice non ci siano backdoor....smetti di confondere tutto o almeno fai un pò di chiarezza tra le tue idee prima di postare
            Casa produttrice del
            software: il contratto prevede che l'assistenza
            sia fornita dal produttore del software.

            Anche in altri casi nel penso proprio che sia
            facile ottenere dal produttore alcun
            risarcimento. Sei per cso a conoscenza di casi in
            cui una ditta produttrice di software abbia
            rimborsato alcunche'?leggi sopra








            Beh se il tuo disorso fosse fondato allora


            sarebbe valida la seguente analogia: chiudiamo

            le


            frontiere tanto andare da uno stato all'altro


            serve soltanto a quei pochi che vanno

            all'estero.



            forse è meglio che lasci le analogie a chi ha un

            pò più di logica di quella che disponi :



            Che errore logico ci sarebbe nella mia analogia?
            Intanto se sei Italiano devi pagare una tassa
            annuale (di non modica entita') per poterti
            recare all'estero ....
          • AnyFile scrive:
            Re: Chiacchere

            1) se l'azienda pinco produce sw di crittografia
            (closed) è suo interesse vendere un sw che
            garantisca la privacy dei suoi clienti e non fare
            gli scherzi con backdoor.Non credo proprio, almeno fino a quando riesce a are credere che il suo software invece sa sicuro. D'altronde stiamo parlando di criptazione, campo ampliamente utilizzato da spie e doppiogiochisti
            se si scopre che il sw prodotto dall'azienda
            pinco fatto per garantire la privacy invece la
            viola l'azienda pinco può essere citata in
            tribunale...Gia' immagino proprio che puoi farlo. E in base a quale legge? In base alla garanzia forse? Non nego che potresti citarli in giudzio per spionaggio, ma per quello dovresti avere le prove che tu sei stato veramente spiato e che loro sono stati complici. Cioe' sarebbe un risarcimento danni per una specifico spionaggio e non per averti fornito un software farlocco.Per questo avresti ben poco da citare in giudizio. Potrebbe essere un vizio nascosto, ma per quello hai al massimo 6 mesi o 3 mesi di tempo (in Italia un anno). E se vai a spulciare i contratti immagino che spuntino fuori tonnellate di clausole che limitano la loro responsabilita'.Poi anche se riesci ad arrivare in processo cosa fai citi in giudizio il presidente di una certa agenzia che l'unica cosa che fa e' di dichiarare che quell'agenza non esiste? (tanto lui e' immune da accuse di false dichiarazioni, perche' lo fa enll'interesse della nazione).
            chi diavolo citi se lo fa il sw pallo
            oss che non si sa bene da chi è stato sviluppato
            e che è di tutti quindi di nessuno?Non ti piace il sw pallo ... basta che non lo usi.
            risposta: nessuno....quindi nessuno sente la
            responsabilità giuridica della violazione della
            tua privacy
            2) sempre come da caso 1 l'azienda pinco non
            vende più niente è fallisce perdendo una barca di
            soldi direiveramente mi pare che su internet prolificano siti di aziende che vendono pacchi e riescono a guadagniarcii. Chi mi garantisce che anche la societa' da cui sto comprando il sw chiuso non sia dello stesso tipo. Anche se si scopre che il loro sw e' bacato cosa ci rimettono. Devono ridarmi i soldi indietro? Non penso proprio. E se la ditta nel frattempo e' gia' stata liquidata chi e' che cito in giudizio? E anche se riuscissi a farlo sai cosa si puo' ottenere da una societa' a reponsabilita' limitat con capitale di qualche miglia di dollari che deve rispodere alla sua legislazione fatta apposta per difenderlo. (magari ha anche la sede legale in qualche amena localita')
            che come deterrente è molto
            valido....il sw pallo non prende una lira è
            quindi se ne fotte...in ogni caso pallo non è
            legato ad un'azienda in particolare (per natura
            stessa dell'oss) è quindi addio deterente.Visto che non lo fa per guadagnare (per la qual cosa basta vendere e ricevere soldi, non serve che la cosa funzioni ... opss mi e' venuto in mente un certo OS ...)se invece l'obiettivo e' quello di fare un sw che funzioni allora sara' questo quello che vogliono ottenere (certo nessuno puo' assicurarci che ci siano riusciti, ma almeno era quello che volevano fare, non massimmizzare i guadagni)
            3) a rinforzo del punto 2 va fatto notare che le
            aziende vivono per far soldi appunto vendere prima possibile il maggior numero di programmi (e visto che non sono ne' filantropi ne' teorici non gli interessa se il sw tuteli veramente in pieno la privacy o meno, l'importatnte e' che gli venga acquistato il sw)
            e non filantropia
            quindi è loro interesse garantire la privacy del
            cliente se vendono sw per garantire la
            privacy....se escludiamo organizzazioni ombra del
            governo che pagano le aziende (che quindi i soldi
            li prendono dal governo e degli utenti se ne
            fregano) per inserire di nascosto sw che tramite
            emissioni di suoni non registrabili dall'orecchio
            umano (ma udibili) ti fanno il lavaggio del
            cervello direi che il modo principale per
            l'azienda di fare soldi è proprio vendere un
            prodotto valido...Mah ... io ho visto in giro certi siti che vogliono venderti anonimizzatori, criptatori, ecc. che mi viene il dubbio che se li pago e' gia' tanto se mi arrriva a casa una scatola vuota.
            chi comprerebbe un sw di
            crittografia da un'azienda che è stata beccata ad
            inserire spyware e backdoor?e chi mi dice chi c'e' realmente dietro ad un'azienda?




            Comunque, visto che nessuno ti OBBLIGA ad

            utilizzare software a sorgente open senza

            garanzia. Puoi benissimo utilizzare software a

            sorgente chiuso. Non per questo bisogna
            denigrare

            come fai tu il software open.

            no bello non fare sti giochetti con me.
            quello che denigra qualchecosa è l'autore
            dell'articolo.
            visto che non è obbligato ne lui ne tu a
            utilizzare sw closed non è necessario denigrarlo
            è inventare scenari post apocalittici per
            convingere la gente a fare lo stesso.
            io mi limito a far notare che l'articolo è fuffa
            visto che oss garanzie assolute e closed ti
            truffano.Boh a me sembra di aver letto tuttaltro ....a me sembra di aver letto che 1) l'autore dell'articolo dice che non ci si puo fidare di quello che fanno i sw closed2) in questa discussione che non ci si puo' fidare del sw open perche' e' prodotto da non si sa chi.

            Io di certificazioni del closed non ne ho mai

            visti. E opi come sarebbero fatte queste

            certificazioni. Che ne so io di chi ha fatto la

            certificazione.

            e che ne so io di chi certifica che il formaggio
            dell'esselunga si può mangiare?
            mi porto dietro il team di csi?
            Per il formaggio esistono delle leggi e i NAS DOVREBBERO fare i controlli. Invece di certificati allegati ai sw basta stamparli.



            Nel pc ho del software venduto assieme al pc. Ha

            dei problemi. Chiamo l'assistenza: il programma

            non e' nostro si rivolga all'assistenza di chi

            produce il software.

            bla bla bla bla
            ti ho già detto di non provarci!Mi pare che qualcunatro abbia detto che se c'e' un'azienda nota e solida, questa risponde. E stavo parlando di quelle che allora erano le due aziende piu' famose al mondo.
            leggi sopraidem
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: AnyFile

            1) se l'azienda pinco produce sw di crittografia

            (closed) è suo interesse vendere un sw che

            garantisca la privacy dei suoi clienti e non
            fare

            gli scherzi con backdoor.

            Non credo proprio, almeno fino a quando riesce a
            are credere che il suo software invece sa sicuro.leggi meglio il punto 1....cosa facciamo buttiamo alle ortiche un'azienda perchè qualcuno ha scoperto che c'è una backdoor?magari non credi che evitino e basta di mettere backdoor per farti i dispetti?


            D'altronde stiamo parlando di criptazione, campo
            ampliamente utilizzato da spie e doppiogiochistiinvece stiamo parlado di cose che usano ormai i 3/4 degli utenti pc e non solo le spie e i doppiogiochisti.....


            se si scopre che il sw prodotto dall'azienda

            pinco fatto per garantire la privacy invece la

            viola l'azienda pinco può essere citata in

            tribunale...

            Gia' immagino proprio che puoi farlo. E in base a
            quale legge? In base alla garanzia forse?ci fai o ci sei?backdoor, virus, trojan e worm non sono legali.basta che leggi qualche notizia in giro per la rete per renderti conto che in america la gente passa guai per farlo.le fantasticherie da vittimismo lasciale altrove

            Non nego che potresti citarli in giudzio per
            spionaggio,no li cito in giudizio per violazione della privacy, per spionaggio e per danni materiali (possibili ed impossibili...causati dai dati che avrebbero potuto fregarmi).
            ma per quello dovresti avere le prove
            che tu sei stato veramente spiato e che loro sono
            stati complici.diciamo che se mettono una backdoor non sono complici sono artefici......per uno che si fa tante paranoie stai cadendo nel ridicolo
            Cioe' sarebbe un risarcimento
            danni per una specifico spionaggio e non per
            averti fornito un software farlocco.no sarebbe una denuncia come quella che si beccano i virus writer

            Per questo avresti ben poco da citare in
            giudizio. Potrebbe essere un vizio nascosto, ma
            per quello hai al massimo 6 mesi o 3 mesi di
            tempo (in Italia un anno). E se vai a spulciare i
            contratti immagino che spuntino fuori tonnellate
            di clausole che limitano la loro responsabilita'.daiiiiiii smetti di arrampicarti sugli specchi

            Poi anche se riesci ad arrivare in processo cosa
            fai citi in giudizio il presidente di una certa
            agenzia che l'unica cosa che fa e' di dichiarare
            che quell'agenza non esiste? (tanto lui e' immune
            da accuse di false dichiarazioni, perche' lo fa
            enll'interesse della nazione).esattamente di che stai parlando?


            chi diavolo citi se lo fa il sw pallo

            oss che non si sa bene da chi è stato sviluppato

            e che è di tutti quindi di nessuno?

            Non ti piace il sw pallo ... basta che non lo usi.lo stesso vale per te e per il sw closed.solo che invece pretendi il diritto di venire a dire scempiagini e ti arroghi la presunzione di chiudere la faccenda (quando ti si risponde) con tali bambinate


            risposta: nessuno....quindi nessuno sente la

            responsabilità giuridica della violazione della

            tua privacy

            2) sempre come da caso 1 l'azienda pinco non

            vende più niente è fallisce perdendo una barca
            di

            soldi direi

            veramente mi pare che su internet prolificano
            siti di aziende che vendono pacchi e riescono a
            guadagniarcii. Chi mi garantisce che anche la
            societa' da cui sto comprando il sw chiuso non
            sia dello stesso tipo. sempre da caso uno significa che se una sw-house viene scoperta ad inserire backdoor nel suo sw di crittografia chiude.va be dai parla a ruota libera come d'abitudine

            Anche se si scopre che il loro sw e' bacato cosa
            ci rimettono. Devono ridarmi i soldi indietro?li denunci e ci rimettono faccia e clienti.molto più di quello che puoi fare verso la comunità oss
            Non penso proprio. E se la ditta nel frattempo e'
            gia' stata liquidata chi e' che cito in giudizio?e se i marziani sbarcano a roma?
            E anche se riuscissi a farlo sai cosa si puo'
            ottenere da una societa' a reponsabilita' limitat
            con capitale di qualche miglia di dollari che
            deve rispodere alla sua legislazione fatta
            apposta per difenderlo. (magari ha anche la sede
            legale in qualche amena localita')


            che come deterrente è molto

            valido....il sw pallo non prende una lira è

            quindi se ne fotte...in ogni caso pallo non è

            legato ad un'azienda in particolare (per natura

            stessa dell'oss) è quindi addio deterente.

            Visto che non lo fa per guadagnare (per la qual
            cosa basta vendere e ricevere soldi, non serve
            che la cosa funzioni ... opss mi e' venuto in
            mente un certo OS ...i talebani ti fanno un baffo....ma onestamente trovo le loro argomentazioni meno fanatiche delle tue
            )

            se invece l'obiettivo e' quello di fare un sw che
            funzioni allora sara' questo quello che vogliono
            ottenere secondo me è la natura che è stata impietosa con te.se vuoi vendere fai del sw che funziona....certi giri di chicchiere tienili per i lug che frequenti (visti i ragionamenti sconclusionati che fai)
            (certo nessuno puo' assicurarci che ci
            siano riusciti, ma almeno era quello che volevano
            fare, non massimmizzare i guadagni)poi quando cresci fammi sapere


            3) a rinforzo del punto 2 va fatto notare che le

            aziende vivono per far soldi

            appunto vendere prima possibile il maggior numero
            di programmi (e visto che non sono ne' filantropi
            ne' teorici non gli interessa se il sw tuteli
            veramente in pieno la privacy o meno,insomma non riesci a capire proprio niente te?gli interessa perchè se non chiudono baracca e burattini e visto che vogliono i soldi non rischiano questa ipotesi per fare gli 'scherzetti' alla gente
            l'importatnte e' che gli venga acquistato il sw)


            e non filantropia

            quindi è loro interesse garantire la privacy del

            cliente se vendono sw per garantire la

            privacy....se escludiamo organizzazioni ombra
            del

            governo che pagano le aziende (che quindi i
            soldi

            li prendono dal governo e degli utenti se ne

            fregano) per inserire di nascosto sw che tramite

            emissioni di suoni non registrabili
            dall'orecchio

            umano (ma udibili) ti fanno il lavaggio del

            cervello direi che il modo principale per

            l'azienda di fare soldi è proprio vendere un

            prodotto valido...

            Mah ... io ho visto in giro certi siti che
            vogliono venderti anonimizzatori, criptatori,
            ecc. che mi viene il dubbio che se li pago e'
            gia' tanto se mi arrriva a casa una scatola
            vuota.ti rendi conto che questo non c'entra niente?deve essere proprio brutto avere malattie degenerative vero?



            chi comprerebbe un sw di

            crittografia da un'azienda che è stata beccata
            ad

            inserire spyware e backdoor?

            e chi mi dice chi c'e' realmente dietro ad
          • AnyFile scrive:
            Re: Chiacchere
            A riconsiderare la cosa mi e' venuto in mente che si e' fatto una correlazione source open -
            sw gratuito fatto da non si sa chisw a pagamento (garantito?) -
            sw senza la possibilita' di vedere il sorgenteMa perche' mai io non dovrei avere diritto di vedere il sorgente di cosa compro?Forse perche' non ti vendono il software ma solo una licenza ad usarne una copia.hai voglia poi a chiedergli i danni. Possono sempre sostenere che la tua licenza (che e' la cosa che hai pagato) e' in perfetta regola ... poi come funzioni il sw di cui tu hai la licenza, quello e' un altro paio di maniche. Ma visto che il sw resta loro tu non puoi averci nulla da ridire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: AnyFile
            A riconsiderare la cosa mi e' venuto in mente che
            si e' fatto una correlazione

            source open -
            sw gratuito fatto da non si sa chi

            sw a pagamento (garantito?) -
            sw senza la
            possibilita' di vedere il sorgente

            Ma perche' mai io non dovrei avere diritto di
            vedere il sorgente di cosa compro?

            Forse perche' non ti vendono il software ma solo
            una licenza ad usarne una copia.

            hai voglia poi a chiedergli i danni.

            Possono sempre sostenere che la tua licenza (che
            e' la cosa che hai pagato) e' in perfetta regola
            ... poi come funzioni il sw di cui tu hai la
            licenza, quello e' un altro paio di maniche. Ma
            visto che il sw resta loro tu non puoi averci
            nulla da ridire.peccato che esiste la galera (condanne penali) per virus writer come anche per spammer e writer di backdoor, trojan e wormpeccato che se su pi esce un'articolo che parla della backdoor del sw di crittografia dell'azienda pinco l'azienda pinco non vende più niente in italia.....peccato che non riesci a capire cose così evidentisalutoni
        • frog scrive:
          Re: Chiacchere

          tu ovviamente hai visionato i progetti delle casa
          in cui vivi prima di entrarci?Tu per comprare un' auto usata la fai controllare da un meccanico?
          direi di no come tutti (o quasi)....e le balle
          che possono essere visti tienile per te tanto se
          non hai una laurea quelli per te sono solo
          disegnini....in nome dell'oss propongo che solo
          gli architetti abbiano una casa :Dah bhe se ci va una LAUREA, mandiamo sti architetti a COSTRUIRLA la casa
          impara ad essere realista!
          se credi che l'oss abbia un qualche valore cerca
          di porre l'accento su quei sw oss che ritieni
          validi perchè onestamente la tecnica del 'tremate
          mondo senza la luce dell'oss siete tutti in
          pericolo' è ridicola.Anche i commenti assolutisti e aggressivi non stimolano la discussione, non credi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog


            tu ovviamente hai visionato i progetti delle
            casa

            in cui vivi prima di entrarci?

            Tu per comprare un' auto usata la fai controllare
            da un meccanico?tu hai controllato o no la casa in cui vivi?prima di prendere un farmaco lo fai analizzare o ti fidi dell'industria closed dei farmaci?stai solo perdendo tempo le tue paranoie da xfiles fanno colpo nei lug e basta


            direi di no come tutti (o quasi)....e le balle

            che possono essere visti tienile per te tanto se

            non hai una laurea quelli per te sono solo

            disegnini....in nome dell'oss propongo che solo

            gli architetti abbiano una casa :D

            ah bhe se ci va una LAUREA, mandiamo sti
            architetti a COSTRUIRLA la casal'ignoranza sta di casa da quelle parti vero?



            impara ad essere realista!

            se credi che l'oss abbia un qualche valore cerca

            di porre l'accento su quei sw oss che ritieni

            validi perchè onestamente la tecnica del
            'tremate

            mondo senza la luce dell'oss siete tutti in

            pericolo' è ridicola.

            Anche i commenti assolutisti e aggressivi non
            stimolano la discussione, non credi?assolutista è chi vuole convincere le masse che: o oss o alla mercee di complotti governativi.le paranoie dell'articolo ricalcano alcuni atteggiamenti tipici di certe fazioni dell'oss ed onestamente sono solo ridicole...una comunità che dice di basare il suo punto di forza sull'informazione dovrebbe smettere di autodegradarsi a livelli così infimi pur di gettare discredito sul mondo del closed....

          • frog scrive:
            Re: Chiacchere
            Ogni tanto ci casco.Manca solo: no non lo sosaluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog

            Ogni tanto ci casco.

            Manca solo: no non lo so



            salutifinite le argomentazioni?
          • frog scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: Anonimo

            finite le argomentazioni?No, solo per discutere bisogna avere un' interlocutore che ascolta.Tu ti limiti a vomitare sentenze.(cheppalle che e' diventato il forum di P.I.)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog

            - Scritto da: Anonimo




            finite le argomentazioni?

            No, solo per discutere bisogna avere un'
            interlocutore che ascolta.
            Tu ti limiti a vomitare sentenze.








            (cheppalle che e' diventato il forum di P.I.)opinione personale..potrei dire la stessa cosa di te ma mi spingo ben oltre: è l'articolo a vomitare sentenze mostrando superficialità in ogni dovese non hai argomentazioni non cercare scuse ammetti di non saper ribattere
          • frog scrive:
            Re: Chiacchere

            opinione personale..potrei dire la stessa cosa di
            te ma mi spingo ben oltre: è l'articolo a
            vomitare sentenze mostrando superficialità in
            ogni dove
            se non hai argomentazioni non cercare scuse
            ammetti di non saper ribattereHai perfettemente ragione.Non so ribattere.Mi hai incastrato proprio bene....bravo.Ma cosa hai avuto da questa discussione?????Ragione?A me non basta aver ragione, per quello basta continuare una polemica fino a scocciare l' interlocutore (come e' capitato qui).Io da una discussione voglio ottenere qualcosa di piu'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog




            opinione personale..potrei dire la stessa cosa
            di

            te ma mi spingo ben oltre: è l'articolo a

            vomitare sentenze mostrando superficialità in

            ogni dove

            se non hai argomentazioni non cercare scuse

            ammetti di non saper ribattere


            Hai perfettemente ragione.
            Non so ribattere.

            Mi hai incastrato proprio bene....bravo.



            Ma cosa hai avuto da questa discussione?????

            Ragione?

            A me non basta aver ragione, per quello basta
            continuare una polemica fino a scocciare l'
            interlocutore (come e' capitato qui).

            Io da una discussione voglio ottenere qualcosa di
            piu'.
            sei sollo un bambino.dici una cosa mentre ne fai un'altra.COMPLIMENTONI adesso credi di aver avuto ragione anche se affermi che non è quella che vuoi?tanti saluti
          • frog scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: Anonimo
            sei sollo un bambino.
            dici una cosa mentre ne fai un'altra.
            COMPLIMENTONI
            adesso credi di aver avuto ragione anche se
            affermi che non è quella che vuoi?
            tanti salutiCapisci quello che intendo per "dicussione costruttiva"?Ti ribadisco, hai ragione tu.Bravo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog

            - Scritto da: Anonimo


            sei sollo un bambino.

            dici una cosa mentre ne fai un'altra.

            COMPLIMENTONI

            adesso credi di aver avuto ragione anche se

            affermi che non è quella che vuoi?

            tanti saluti

            Capisci quello che intendo per "dicussione
            costruttiva"?
            Ti ribadisco, hai ragione tu.Bravo! ma infatti sono 3 post che continui a dire solo questo.ha ragione sei solo un vigliacco che fa i capricci come i bambini....torna succhiarti il pollice
          • frog scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: frog



            ma infatti sono 3 post che continui a dire solo
            questo.
            ha ragione sei solo un vigliacco che fa i
            capricci come i bambini....torna succhiarti il
            polliceOooh....vedi che alla fine hai dimostrato la tua maturita'!!!Mi congratulo.
          • AnyFile scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: frog
            Tu per comprare un' auto usata la fai controllare
            da un meccanico?beh .. se puoi farlo e' un'ottima cosa.

            direi di no come tutti (o quasi)....e le balle

            che possono essere visti tienile per te tanto se

            non hai una laurea quelli per te sono solo

            disegnini....in nome dell'oss propongo che solo

            gli architetti abbiano una casa :D

            ah bhe se ci va una LAUREA, mandiamo sti
            architetti a COSTRUIRLA la casa
            Ah sarebbe un ottima cosa che sia richiesto che un architetto debba vivere per almeno 6 mesi nelle case (o altri fabbricati) che progettano ... smetterebbero di costuire certe cose impossibili ....
          • frog scrive:
            Re: Chiacchere
            - Scritto da: AnyFile

            - Scritto da: frog


            Tu per comprare un' auto usata la fai
            controllare

            da un meccanico?

            beh .. se puoi farlo e' un'ottima cosa.Si AnyFile....intendevo proprio quello (da un meccanico e non dall' ingegnere che l' ha progettatta)
            Ah sarebbe un ottima cosa che sia richiesto che
            un architetto debba vivere per almeno 6 mesi
            nelle case (o altri fabbricati) che progettano
            ... smetterebbero di costuire certe cose
            impossibili ....Eheheh....perfettamente daccordo.Ci lavoro ogni tanto e non e' raro che la parola "ergonomia" li disgusti.Pero' alcuni sono davvero bravi, menti realmnte sopra la media.saluti
  • Anonimo scrive:
    Il primo a dirlo e' stato Zimmermann...
    E ci ha pure fatto una bella battaglia legale.
  • Anonimo scrive:
    le travi, non i fuscelli...

    Voi comprereste un medicinale senza nome,
    da uno sconosciuto incontrato per la strada,
    perché vi ha detto che è un ricostituente e vi
    farà sentire meglio? Ovviamente no.cavoli a merendachi è che usa un sistema operativo o un algoritmo di criptazione senza nome e senza produttore? nessuno.i medicinali NON sono "open": o ti fidi o non ti fidi. ci sono i componenti, c'è la posologia, le controindicazioni, ma non hai nè la ricetta precisa nè le conoscenze adeguate per valutare. e quindi?gli elettrodomestici NON sono "open".il telefono NON è "open". per questo vado a pensare che dentro abbiano messo dei componenti per radiotrasmettere le mie telefonate in modo che mi possano intercettare? in questo caso la paranoia è una malattia, non una virtù.ma vado avanti. in un mondo in cui gli attacchi sulla privacy e sui dati sensibili sono di tutt'altra natura - e farò qualche esempio. privacy:- telecamere in ogni dove, di sicurezza, webcam, eccetera- telefonino (chi lavora presso un operatore può sapere dove sono - anche se il cell è spento eh - può sapere chi ho chiamato, può sapere cos'ho detto)- bancomat e tessere elettroniche varie- guida del telefono: quante aziende usano i miei dati per telefonarmi a casa?sicurezza dei dati:- bancomat, carte di credito ed altro: basta molto poco per clonare una tessera elettronica, cosa che succede spesso- pishing e altre tecniche sociali per fregare l'utente- ecceterainsomma, a me sta bene la paranoia. quando però si vede il fuscello e non si vede la trave il problema è molto più grave di una paranoia. si chiama ossessione, ovvero quella cosa che ti fa vedere una sola cosa ingigantendola e non ti permette di vedere ciò che sta attorno.per inciso, uso linux. e se vuoi un parare tecnico, non sono d'accordo nemmeno su quanto è stato affermato. al di là del kernel, che è controllato da migliaia di sviluppatori (tra cui molti anche delle più grandi aziende) la qualità del codice è altalenante. laddove ci mettono mano tanti sviluppatori che lo fanno per passione quando possono, o hai un codice STABILE e POPOLARE (traduco: STABILE perchè rimanga sempre quello, perchè ogni modifica che fai può introdurre nuovi problemi, in pratica a parte pochi pacchetti nessuno ha questa caratteristica, POPOLARE perchè se è un pacchetto che non ha su di sè gli occhi di molta gente viene a mancare la forza lavoro), o altrimenti CERTO che mi fido di più del codice prodotto da aziende che hanno sviluppatori che fanno quello di lavoro e hanno tutta una serie di criteri per verificare e certificare la qualità del codice (che non sarà esente da bug ma non passerà dall'ottimo livello del kernel allo stadio "alpha" di driver e pacchetti che si finisce ad avere sempre sotto il culo, con linux)...i vantaggi di linux sono altri, ma se non li capisce nemmeno chi lo sostiene andiamo bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: le travi, non i fuscelli...
      - Scritto da: Anonimo
      cavoli a merendaSe lo dici tu
      chi è che usa un sistema operativo o un algoritmo
      di criptazione senza nome e senza produttore?
      nessuno.io
      i medicinali NON sono "open": o ti fidi o non ti
      fidi. ci sono i componenti, c'è la posologia, le
      controindicazioni, ma non hai nè la ricetta
      precisa nè le conoscenze adeguate per valutare. e
      quindi?C'è tuttavia un organismo dedicato al controllo. Inoltre, i componenti della medicina debbono essere pubblicati per legge.
      gli elettrodomestici NON sono "open".Come no? Mai sentito parlare di "schemi" e "datasheet"?
      il telefono NON è "open". per questo vado a
      pensare che dentro abbiano messo dei componenti
      per radiotrasmettere le mie telefonate in modo
      che mi possano intercettare? in questo caso la
      paranoia è una malattia, non una virtù.Nessuno ti garantisce che non ci siano. E tu certo non puoi controllare.
      ma vado avanti. in un mondo in cui gli attacchi
      sulla privacy e sui dati sensibili sono di
      tutt'altra natura - e farò qualche esempio.
      privacy:
      - telecamere in ogni dove, di sicurezza, webcam,
      ecceteravero
      - telefonino (chi lavora presso un operatore può
      sapere dove sono - anche se il cell è spento eh -
      può sapere chi ho chiamato, può sapere cos'ho
      detto)vero
      - bancomat e tessere elettroniche varievero
      - guida del telefono: quante aziende usano i miei
      dati per telefonarmi a casa?Esiste la possibilità di rimuoversi dagli elenchi pubblici.
      insomma, a me sta bene la paranoia. quando però
      si vede il fuscello e non si vede la trave il
      problema è molto più grave di una paranoia. si
      chiama ossessione, ovvero quella cosa che ti fa
      vedere una sola cosa ingigantendola e non ti
      permette di vedere ciò che sta attorno.Invece non capisci proprio nulla. Per i sistemi di crittazione è critico che il sorgente sia disponibile perché il loro scopo è proprio quello di garantire la privacy.Non puoi fidarti della sicurezza di un software non open semplicemente perché non c'è proprio nessuno, tranne il produttore, che possa confermarti ciò che il medesimo produttore dice.
      per inciso, uso linux. e se vuoi un parare
      tecnico, non sono d'accordo nemmeno su quanto è
      stato affermato. al di là del kernel, che è
      controllato da migliaia di sviluppatori (tra cui
      molti anche delle più grandi aziende) la qualità
      del codice è altalenante. laddove ci mettono mano
      tanti sviluppatori che lo fanno per passione
      quando possono, o hai un codice STABILE e
      POPOLARE (traduco: STABILE perchè rimanga sempre
      quello, perchè ogni modifica che fai può
      introdurre nuovi problemi, in pratica a parte
      pochi pacchetti nessuno ha questa caratteristica,
      POPOLARE perchè se è un pacchetto che non ha su
      di sè gli occhi di molta gente viene a mancare la
      forza lavoro), o altrimenti CERTO che mi fido di
      più del codice prodotto da aziende che hanno
      sviluppatori che fanno quello di lavoro e hanno
      tutta una serie di criteri per verificare e
      certificare la qualità del codice (che non sarà
      esente da bug ma non passerà dall'ottimo livello
      del kernel allo stadio "alpha" di driver e
      pacchetti che si finisce ad avere sempre sotto il
      culo, con linux)...C'era uno studio di un ricercatore nell'ambito della crittoanalisi qualche tempo fa, purtroppo non ricordo l'indirizzo, circa la privacy di alcuni (leggasi: molti) software proprietari che si spacciavano per sicurissimi... in alcuni casi facevano solo uno Xor. Ovviamente tutti ci cascavano e pensavano che i loro dati fossero protetti e credevano alle parole del produttore che assicurava "privacy totale". In molti casi questi ricercatore non solo ha pubblicato gli algoritmi di decrittazione, ma ha anche realizzato tool a prova di utonto che sono in grado di recuperare tutti i dati senza né password né niente altro.Questo NON può capitare con i software opensource. Guarda GPG, OpenSSH, i moduli di crittazione del kernel, ecc... è tutta roba che viene costantemente tenuta sotto controllo, anche da esperti del settore.
      i vantaggi di linux sono altri, ma se non li
      capisce nemmeno chi lo sostiene andiamo bene...Fra i vantaggi di Linux c'è anche questo. I casi sono due: o sei proprio ignorante o stai semplicemente cercando di trollare perché non ti passa un caz*o.
      • Anonimo scrive:
        Re: le travi, non i fuscelli...

        Fra i vantaggi di Linux c'è anche questo. I casi
        sono due: o sei proprio ignorante o stai
        semplicemente cercando di trollare perché non ti
        passa un caz*o.ma se le tua argomentazioni sono così valide, perchè devi ricorrere a questa infelice nonchè gratuitamente aggressiva conclusione?
        • Anonimo scrive:
          Re: le travi, non i fuscelli...
          - Scritto da: Anonimo

          Fra i vantaggi di Linux c'è anche questo. I casi

          sono due: o sei proprio ignorante o stai

          semplicemente cercando di trollare perché non ti

          passa un caz*o.

          ma se le tua argomentazioni sono così valide,
          perchè devi ricorrere a questa infelice nonchè
          gratuitamente aggressiva conclusione?scusate se mi intrometto leggendo non sono riuscito a capire questa parte:'argomentazioni sono così valide'potete spiegarmela?soprattutto non riesco a metterla in relaziona a:'o sei proprio ignorante o staisemplicemente cercando di trollare perché non tipassa un caz*o.'pagliacciate a parte credo proprio che l'autore del 3ds abbia ragione.non facciamone ogni volta una santa crociata in nome di linux perchè come già sottolineato ci sono travi ben più grosse da tenere d'occhiociao
          • Alessandrox scrive:
            Re: le travi, non i fuscelli...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Fra i vantaggi di Linux c'è anche questo. I
            casi


            sono due: o sei proprio ignorante o stai


            semplicemente cercando di trollare perché non
            ti


            passa un caz*o.

            ma se le tua argomentazioni sono così valide,

            perchè devi ricorrere a questa infelice nonchè

            gratuitamente aggressiva conclusione?
            scusate se mi intrometto leggendo non sono
            riuscito a capire questa parte:
            'argomentazioni sono così valide'
            potete spiegarmela?
            soprattutto non riesco a metterla in relaziona a:
            'o sei proprio ignorante o stai
            semplicemente cercando di trollare perché non ti
            passa un caz*o.'E' una conclusione aggressiva ma non sbagliata: certi paragoni (tipo i medicinali) se le poteva risparmiare pensandoci un po' su.
            pagliacciate a parte credo proprio che l'autore
            del 3ds abbia ragione.
            non facciamone ogni volta una santa crociata in
            nome di linux perchè come già sottolineato ci
            sono travi ben più grosse da tenere d'occhio
            ciaoLinux e' un po' il portabandiera del movimento Free/Open quindi e' comprensibile che venga citato spesso in queste discussioni, ovviamente non si tratta di una crociata pro-linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: le travi, non i fuscelli...

        C'era uno studio di un ricercatore nell'ambito
        della crittoanalisi qualche tempo fa, purtroppo
        non ricordo l'indirizzo, circa la privacy di
        alcuni (leggasi: molti) software proprietari che
        si spacciavano per sicurissimi... in alcuni casi
        facevano solo uno Xor. Ovviamente tutti ci
        cascavano e pensavano che i loro dati fossero
        protetti e credevano alle parole del produttore
        che assicurava "privacy totale". Prima di parlare a vanvera bisognerebbe documentarsi:il fatto che si faccia "solo" uno XOR non vuol dire affattonulla, dipende con cosa fai lo xor... ci sono dei validialgoritmi di crittografia che usano un "semplice" xor, in questi praticamente quello che si fa è costruire ungeneratore pseudocasuale di bit (che dipendono ovviamente dalla chiave crittografica) ed effettuare lo xordei dati originali con quelli pseudocasuali. La qualità delsistema di codifica dipende qui dalla qualità del generatore pseudocasuale (qualora si usassero bit realmente casuali il sistema sarebbe inviolabile tramite crittanalisi... ma ciò non è realizzabile nella pratica).Cmq sia sono daccordo sul fatto che i protocolli e gli algoritmi di crittografia usati dalle applicazioni debbano essere aperti e standard (ad esempio AES, ecc.)
    • Anonimo scrive:
      Re: le travi, non i fuscelli...
      - Scritto da: Anonimo
      i medicinali NON sono "open": o ti fidi o non ti
      fidi. ci sono i componenti, c'è la posologia, le
      controindicazioni, I componenti devono essere tutti indicati, per legge. Per approvare un farmaco ci voglioni anni di sperimentazione e controlli, non un semplice bollino di affidabilita'.Delal maggior parte dei farmaci si sa pure come si fanno, un po' proprio come l'opensorce.A me pare una pragone che tutto sommato regge, eccome.
    • Anonimo scrive:
      Re: le travi, non i fuscelli...

      - telefonino (chi lavora presso un operatore può
      sapere dove sono - anche se il cell è spento eh -Siamo quasi nel 2006 ancora devo leggere 'ste cazzate del cellulare spento...
      • Alessandrox scrive:
        Re: le travi, non i fuscelli...
        - Scritto da: Anonimo

        - telefonino (chi lavora presso un operatore può

        sapere dove sono - anche se il cell è spento eh
        Siamo quasi nel 2006 ancora devo leggere 'ste
        cazzate del cellulare spento... Che serva a farci rintracciare non lo so ma che per spengerlo basti premere il tastino e' assolutamente falso:prova ad impostare una sveglia e a spengerlo... oops come? Al mattino suona puntuale?L' unico cellulare spento e' un cellulare senza batterie (e non ci giurerei).
        • Anonimo scrive:
          Re: le travi, non i fuscelli...


          Siamo quasi nel 2006 ancora devo leggere 'ste

          cazzate del cellulare spento...
          Che serva a farci rintracciare non lo so ma che
          per spengerlo basti premere il tastino e'
          assolutamente falso:E un chissenefrega sorge spontaneo. Si stava proprio parlando del tracciamento da parte del MSC della BTS a cui è *connesso* (per opera dello spirito santo, immagino) un cellulare la cui parte di comunicazione è *spenta*. Chemmifrega del resto delle funzioni del cellulare. Il mio ha la parte di comunicazione GSM disinseribile quando lo uso in aereo per le altre funzioni.
          prova ad impostare una sveglia e a spengerlo...
          oops come? Al mattino suona puntuale?Urka! Scopertona! A momenti ci resto secco per la sorpresa.
          L' unico cellulare spento e' un cellulare senza
          batterie (e non ci giurerei). Si certo c'è dentro un minuscolo Fester Addams che genera corrente con la lingua... Questa come bufala va a pari con quella dei ricevitori GPS che *trasmettono* via satellite la posizione di chiunque.
          • Alessandrox scrive:
            Re: le travi, non i fuscelli...
            Tu sei assolutamente sicuro di cosa puo' fare un cellulare NON spento? Sei sicuro di quali funzioni rimangano attive quando "spengi" un cellulare?Disattivare la funzione GSM non significa disattivare la possibilita' di essere tracciati.- Scritto da: Anonimo


            Siamo quasi nel 2006 ancora devo leggere 'ste


            cazzate del cellulare spento...

            Che serva a farci rintracciare non lo so ma che

            per spengerlo basti premere il tastino e'

            assolutamente falso:
            E un chissenefrega sorge spontaneo. Si stava
            proprio parlando del tracciamento da parte del
            MSC della BTS a cui è *connesso* (per opera dello
            spirito santo, immagino) un cellulare la cui
            parte di comunicazione è *spenta*. Chemmifrega
            del resto delle funzioni del cellulare. Il mio ha
            la parte di comunicazione GSM disinseribile
            quando lo uso in aereo per le altre funzioni.


            prova ad impostare una sveglia e a spengerlo...

            oops come? Al mattino suona puntuale?
            Urka! Scopertona! A momenti ci resto secco per la
            sorpresa.


            L' unico cellulare spento e' un cellulare senza

            batterie (e non ci giurerei).
            Si certo c'è dentro un minuscolo Fester Addams
            che genera corrente con la lingua... Questa come
            bufala va a pari con quella dei ricevitori GPS
            che *trasmettono* via satellite la posizione di
            chiunque.
          • Anonimo scrive:
            Re: le travi, non i fuscelli...

            Tu sei assolutamente sicuro di cosa puo' fare un
            cellulare NON spento? Sei sicuro di quali
            funzioni rimangano attive quando "spengi" un
            cellulare?Sono sicuro di quali funzioni NON rimangono attive. E il transceiver è tra quelle.
            Disattivare la funzione GSM non significa
            disattivare la possibilita' di essere tracciati.E tu sei assolutamente certo di sapere come funziona il sistema GSM? BTW stai parlando con uno dei pochi fortunati che ha a disposizione per fare ricerca una infrastruttura GSM completa (MSC con tutto il contorno, qualche BSC e un tot di di BTS), quindi, se mi permetti, si, sono assolutamente sicuro di cosa può fare un cellulare, spento o no.
    • Anonimo scrive:
      vantaggi di linux

      i vantaggi di linux sono altri, ma se non li
      capisce nemmeno chi lo sostiene andiamo bene...io vorrei sentirli :)
      • sNicker scrive:
        Re: vantaggi di linux
        - Scritto da: Anonimo



        i vantaggi di linux sono altri, ma se non li

        capisce nemmeno chi lo sostiene andiamo bene...

        io vorrei sentirli :)[OT]Mah, come al solito si tratta spesso di questioni di gusto personale (specialmente quando si parla di utente finale, non di uso lavorativo).Alcuni dei pochi vantaggi che trovo sono - ottima velocita' nel lanciare i programmi di tutti i giorni (navigare, mail...)- Posso tenere aperti molte applicazioni anche piuttosto "resource intensive" (ide di sviluppo + documenti openoffice + pdf + varie console + client mail + browser + chat + applicativi di rete. E magari mi prendo una pausa e mi guardo un anime senza dover chiudere il resto... Questa e' normalmente la mia configurazione tipo), senza cadere nella morte entropica del sistema dopo mezza giornata.- Sinceramente usa l'hardware con una certa gentilezza (uso un portatile, per cui preferisco evitare di stressarlo per troppo tempo). La temperatura media e' di un paio di gradi inferiore rispetto alla controparte (che non sto qui a ricordare), e NON a parita' di software utilizzato.Per quanto riguarda l'articolo sono abbastanza d'accordo con l'esempio del farmaco. In fondo e' vero, ci sono organi di controllo, test della durata di anni, approvazioni ufficiali. Senza contare l'elenco di tutti i componenti che lo vanno a formare, che certamente io non avrei la piu' pallida idea di cosa siano, ma qualunque laboratorio chimico puo' verificare. Ho una qualunque di queste certezze con un software chiuso? - La qualita' di sviluppo e' autocertificata - Provate a fare reverse engineering su un software per vedere se e' fatto bene e non contiene problemi.. OPS! E' una pratica generalmente illegale! (Affermazione da prendere con le pinze, non conosco la legislazione italiana in merito)- Esistono organi di controllo di qualita' del software?- Quanto dura mediamente il test di un software? Con che processo e' stato effettuato?E con un software aperto? Quando si parla di software mission-critical (crittografia, demoni piu' famosi...) di occhi che guardano il codice ce ne sono parecchi, e provenienti dalle realta' piu' disparate: se qualcosa di sporco compare, viene levato di mezzo. Se invece entriamo nel merito del mio scriptino che usiamo io, mia zia e un paio di fanfalucchi sulla rete e' ovvio che e' un bell'azzardo fidarsi che non faccia niente di male. MA cionondimeno se capitasse in mano ad un esperto ne potrebbe verificare l'affidabilita'... cosa a prescindere IMPOSSIBILE con un software chiuso...My 2 cents.
        • Anonimo scrive:
          Re: vantaggi di linux
          - Scritto da: sNickerLa sicurezza dell'open source.Per essere sicuri che l'eseguibile sia privo di malaware, devo compilarlo io, altrimenti rientriamo nel caso closed source.Questo già taglia fuori proprio la massa che si cerca di sensibilizzare sul discorso privacy/security.Potrei fermarmi qui, ma andiamo avanti.Anche se lo compilo io, non posso essere sicuro che il codice sorgente sia lo stesso che è stato testato dai "crittografi di fama mondiale" e da altri mille sconosciuti (di cui mi devo fidare ciecamente per sono buoni, ROTFL).Allora abbiamo due casi.Controllo io il codice sorgente (ROTFL, tutti esperti crittografici con mesi di tempo libero), oppure mi devo fidare del codice Hash di integrità.Ma chi mi dice che il programma che genera l'Hash sulla mia macchina non sia manomesso?quindi dovrei compilare prima questo programma, ma prima ancora verificarne i sorgenti (e il serpente si morde la coda).Anche se il mio HASH è corretto, chi mi dice che quello pubblicato come HASH di riferimento per l'integrità, sia quello vero?Mi devo fidare di quello che dicono?
          • sNicker scrive:
            Re: vantaggi di linux
            Il tuo e' un discorso ovviamente corretto, il problema e' che il piano su cui lo fai e' leggermente differente: cio' che dico io e' l'esistenza della possibilita' di verificare, cio' che dici tu e' la fattibilita' della verifica.Io chiedo di avere la possibilita', poi sono convinto che non sara' molta la gente a poter veramente verificare... Ma non intendo rinunciare ad una liberta' ed un mio diritto solo perche' la maggioranza non puo' fisicamente esercitarlo (e la presenza o l'assenza del diritto stesso non influisce sulla fruibilita' del servizio da parte di questa maggioranza, per cui, in soldoni, non le cambia nulla che il diritto ci sia o non ci sia...).my 2 cents
  • Anonimo scrive:
    Cosa rende invinciblie l' Open Source?
    E' la consapevolezza che volenti o nolenti rende sicuri e affidabili i Sistemi Operativi e di Software che sono basati e sviluppati con la filosofia Open Source.Questo è il motivo principale che farà prevalere i SO/SW Open Source ai WC-Closed.Volenti o nolenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa rende invinciblie l' Open Sourc
      - Scritto da: Anonimo
      Volenti o nolenti.Infatti sono 20 anni che l'abbiamo visto.......
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa rende invinciblie l' Open Sourc
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo


        Volenti o nolenti.


        Infatti sono 20 anni che l'abbiamo visto.......Occhio, ci sono cose nella storia che sono sembrate invincibili/indistruttibili/infinite per 20-30-50 anni e poi finite nel dimenticatoio. Ti devo fare l'elenco?Eppure allora nessuno avrebbe scommesso un centesimo contro la loro robustezza. Ma oggi sono solo sui libri di storia. Quindi non essere troppo sicuro di certe 'certezze'. Il software 'proprietario' come lo conosciamo oggi e' nato solo nei primi anni 80, e gia' 4-5 anni dopo un bel po' di gente non era d'accordo sulla involuzione del software in senso 'off-the-shelf'. Il software libero è una realta' 'pesante' in parecchi ambiti gia' dal 10 anni...
Chiudi i commenti