FlexC@m, fotocamera digitale in piedi

Per la sua forma e le sue caratteristiche si pone come uno strumento interessante per il mercato amatoriale, che apre un'occhio virtuale al computer. Una cam flessibile

Bologna ? Ormai una piccola tele-fotocamera digitale è nei pensieri di quanti utilizzano il computer e magari anche Internet. Per questo potrebbe interessare molti l’ultima creazione di Trust , la FlexC@m.

Si tratta di una fotocamera digitale a colori da 1/3? con una risoluzione massima di 640×480 punti, una profondità dei colori a 24 bit e può essere collegata alla porta USB del personal computer. Grazie al bilanciamento automatico del colore, al self timer si possono ottenere con facilità immagini nitide senza dover essere degli esperti fotografi, ovviamente nei limiti della risoluzione.

Con FlexC@m oltre alle fotografie è possibile ottenere anche immagini panoramiche oppure creare dei filmati da inviare come video-mail. Trust FlexC@m è infatti anche un?eccellente videocamera in grado di supportare videoconferenze grazie all?elevata velocità di trasmissione.

FlexC@m può anche essere utilizzata come scanner mobile per poter riprendere oggetti in 3D, voluminosi o non adattabili al piano dei normali scanner.

Trust FlexC@m
Dove: nei negozi
Quanto: 199.000 lire (102,77 Euro) Iva compresa
Quando: subito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma siete matti?
    4000 miliardi? Ma sono impazziti? Anche considerando i soldi spesi in pubblicità mi pare una follia. IL fatto è che troppo denaro si sta spostando sulle azioni e i risparmiatori pagano qualunque cifra folle per qualunque azione, meglio se ha a che fare con Internet. Mettiamo che io e un mio amico ci compriamo un bel PC e, magari con Front Page, facciamo un sito per vendere panini su Internet. Valore: 5 milioni il PC, 100 mila lire per il domain name, 5-6 milioni di lavoro. Buttiamoci pure 100-200 milioni di pubblicità e -senza aver ancora venduto neanche un panino- quotiamo il nostro www.katasanwich.it in borsa: 1000 azioni al prezzo di 200.000 lire l'una. Non abbiamo ancora trovato nessun "analista" (?) che ci valuta miliardi, però: la gente compra le azioni, le cerca, i prezzi salgono, magari a sole 400.000 lire per azione. Rivendiamo tutto il pacchetto in nostro possesso e abbiamo fatto i soldoni... A chi ha comprato le azioni non rimane nulla di concreto, ma finché tiene la convinzione che vendere i panini su Internet sia una grande idea la gente continua a chiederle... e i corsi salgono INDIPENDENTEMENTE dal vero valore dell'azienda. Figuriamoci se poi troviamo pure gli "analisti" (???) che ce la valutano miliardi! Insomma, chi alla fine compra un'azione di katasandwich a 1 milione, cosa ha in mano? Un millesimo di un computer, un millesimo di un'idea (magari fallimentare), un millesimo di pubblicità già fatta...CiaoClaudio
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siete matti?
      Bravo........!!!!!!!!!!! E' la new economy... Ma penso che la gente cominci a capire...!!! 2+2 fa ancora 4... Meglio investire nella old economy.Nico- Scritto da: Claudio
      4000 miliardi? Ma sono impazziti? Anche
      considerando i soldi spesi in pubblicità mi
      pare una follia. IL fatto è che troppo
      denaro si sta spostando sulle azioni e i
      risparmiatori pagano qualunque cifra folle
      per qualunque azione, meglio se ha a che
      fare con Internet. Mettiamo che io e un mio
      amico ci compriamo un bel PC e, magari con
      Front Page, facciamo un sito per vendere
      panini su Internet. Valore: 5 milioni il PC,
      100 mila lire per il domain name, 5-6
      milioni di lavoro. Buttiamoci pure 100-200
      milioni di pubblicità e -senza aver ancora
      venduto neanche un panino- quotiamo il
      nostro www.katasanwich.it in borsa: 1000
      azioni al prezzo di 200.000 lire l'una. Non
      abbiamo ancora trovato nessun "analista" (?)
      che ci valuta miliardi, però: la gente
      compra le azioni, le cerca, i prezzi
      salgono, magari a sole 400.000 lire per
      azione. Rivendiamo tutto il pacchetto in
      nostro possesso e abbiamo fatto i soldoni...
      A chi ha comprato le azioni non rimane nulla
      di concreto, ma finché tiene la convinzione
      che vendere i panini su Internet sia una
      grande idea la gente continua a chiederle...
      e i corsi salgono INDIPENDENTEMENTE dal vero
      valore dell'azienda. Figuriamoci se poi
      troviamo pure gli "analisti" (???) che ce la
      valutano miliardi! Insomma, chi alla fine
      compra un'azione di katasandwich a 1
      milione, cosa ha in mano? Un millesimo di un
      computer, un millesimo di un'idea (magari
      fallimentare), un millesimo di pubblicità
      già fatta...
      Ciao
      Claudio
  • Anonimo scrive:
    Jumpy!
    Ho lavorato per Jumpy nei primi mesi del 2000, grande professionalita' piu' o meno organizzata comunque senza risparmi di tecnologia, una bellissima squadra di persone che si dava da fare, Italiani, Spagnoli, Inglesi, Americani, uomini certificati Netscape per garantire la compatibilita' anche con "l'altro" browser insomma tutto quello che serve per realizzare un bel lavoro. Sono convinto che il risultato mi dia ragione (il discorso banda e' vero, ma non puo' bastare per bollarlo come un sito tecnologicamente arretrato), Jumpy e' un sito (la parola portale non mi piace) progettato bene, ben curato insomma bello, ecco, direi che e' una bellissima scatola... vuota.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Evviva l'inefficienza tecnologica!
    Viva la Dea Bendata!Forse qualcuno e' stato salvato in extremis dalla sorte benigna e, non potendo gettare definitivamente all'ammasso la sua materia grigia rincoglionendo davanti al "Grande fratello", ha occupato un'ora della sua vita a fare qualcosa di piu' intelligente. (E visto il termine di confronto, anche la semplice seduta in bagno rientra a pieno titolo in tale categoria ...)Piu' in generale, considerando che lo scopo principale di Jumpy e' trasferire la spazzatura Fininvest formato televisivo in spazzatura formato Internet, direi che si puo' tranquillamente farne a meno.SalutiGiorgio
    • Anonimo scrive:
      Re: Evviva l'inefficienza tecnologica!
      D'accordissimo.E poi l'idea di accentrare in un unico "luogo" una quantita' di servizi che divengono inevitabilmente standard, freddi, inutili, circondadoli di rumore e pubblicita'.. un'idea pessima.E sul piano economico? Questi come pensano di reggere? Jumpy come dici te e' il portale-spazzatura, Kataweb e' una sorta di piovra che compra a destra e a manca quello che serve a far salire i titoli dell'Espresso.Se questo e' tutto quello che sanno esprimere i grandi imprenditori italiani possiamo stare tranquilli: a noi la new economy non ci tange!
      Piu' in generale, considerando che lo scopo
      principale di Jumpy e' trasferire la
      spazzatura Fininvest formato televisivo in
      spazzatura formato Internet, direi che si
      puo' tranquillamente farne a meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Evviva l'inefficienza tecnologica!
      Immagino che non ti piaccia nemmeno Windows e che tu scriva M$ invece di MS......e altre cose del genere... Come dire che rientri in quel 10% di Italiani che ha capito tutto della vita e che considera imbecilli tutti gli altri:-)- Scritto da: Giorgio
      Viva la Dea Bendata!
      Forse qualcuno e' stato salvato in extremis
      dalla sorte benigna e, non potendo gettare
      definitivamente all'ammasso la sua materia
      grigia rincoglionendo davanti al "Grande
      fratello", ha occupato un'ora della sua vita
      a fare qualcosa di piu' intelligente. (E
      visto il termine di confronto, anche la
      semplice seduta in bagno rientra a pieno
      titolo in tale categoria ...)

      Piu' in generale, considerando che lo scopo
      principale di Jumpy e' trasferire la
      spazzatura Fininvest formato televisivo in
      spazzatura formato Internet, direi che si
      puo' tranquillamente farne a meno.

      Saluti

      Giorgio
Chiudi i commenti