Foursquare, talleri in arrivo

Nuova iniezione di liquidità per il servizio social con base a New York. Quasi 2 milioni di utenti hanno convinto gli investitori, pronti a scucire 20 milioni di dollari. Intanto, c'è chi scopre insidiose falle

Roma – All’inizio c’era grande scetticismo , dovuto in larga parte all’incerto e nebuloso futuro commerciale di Foursquare. Andreessen Horowitz, gruppo di investitori statunitense, ha dovuto tuttavia ricredersi, e in fretta. Dati aggiornati allo scorso aprile hanno infatti parlato di quasi due milioni di utenti iscritti al servizio di localizzazione social con base a New York.

Un tasso di crescita di circa 15mila profili al giorno pare così aver convinto la società di investimenti a mettere mano al portafogli. Ben 20 milioni di dollari sono stati recentemente riversati nelle casse di Foursquare. Una cifra consistente, specie se paragonata alla prima iniezione di 1,35 milioni da parte di Union Square Ventures e Ò Reilly AlphaTech .

Il nuovo flusso di liquidità verrà così messo a disposizione per ampliare il business della piattaforma social newyorchese, ora valutata complessivamente quasi 100 milioni di dollari . A partire dall’acquisizione di nuove risorse umane per finire con l’ampliamento del quartier generale. E, chissà, forse anche per risolvere una pericolosa falla scoperta da un programmatore di nome Jesper Andersen .

Andersen ha infatti scoperto che Foursquare procede alla pubblicazione in automatico di tutti gli utenti che abbiano effettuato il cosiddetto check-in all’interno di varie location . Questo indipendentemente dal fatto che gli stessi utenti abbiano limitato la visualizzazione dei loro accessi ai soli amici.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • asd scrive:
    ricarica solare
    non si potrebbe mentre e' inmoto?
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: ricarica solare
      - Scritto da: asd
      non si potrebbe mentre e' inmoto?si, ma perchè il contributo di ricarica sia decente dovresti avere una superficie dei pannelli più grande della superficie attuale dei comuni automezzi (cofano, tetto). magari potrebbe essere conveniente nei paesi equatoriali.
      • fox82i scrive:
        Re: ricarica solare
        Salvo che non mettano in produzione il silicio nero per il fotovoltaico..http://paroleverdi.blogosfere.it/2008/10/il-silicio-nero-il-futuro-del-fotovoltaico.html
    • MeX scrive:
      Re: ricarica solare
      mah... troppo rischioso... si potrebbero danneggiare facilmente e poi come ti é stato detto l'apporto energetico non sarebbe un granché... considera anche che l'orientamento del pannello é molto importante e non puoi certo averlo orientabile sulla macchina... in piú se viaggi tra alti palazzi, alberi e tunnel...
    • Funz scrive:
      Re: ricarica solare
      - Scritto da: asd
      non si potrebbe mentre e' inmoto?Il sole che batte su un'auto non ha certo l'energia sufficiente a farla camminare (a velocità da auto), nemmeno se per assurdo venisse convertito al 100% in elettricità.
      • vodka scrive:
        Re: ricarica solare
        Dimensione pannelli solari della ISS:109.7 x 48.8 mLa quantità di energia fornita dai pannelli solari della stazione è pari a quella generata dal motore di una Fiat 600 (motore FIRE 1000).Circa 39 cavalli.Il fotovoltaico per muoversi non è la soluzione ottimale.
  • mda scrive:
    inesattezze
    Veramente il Patron Elon Musk era in difficoltà per altri finanziamenti fatti e non per l'azienda Tesla che con la spider guadagna da tempo bei soldini. La prossima è la Tesla Sedan (o detta "S") che già circola in USA ma prodotta fin ora in ambito artigianale (la spider è prodotta dalle fabbriche Lotus di cui condivide il pianale e altro) necessita di aprire un NUOVO grande stabilimento in California e qui un forte investimento che "stranamente" non piace alle Banche che hanno come forti clienti altre ditte automobilistiche e petrolifere.Oltre alla Toyota ci sarebbe anche la Mercedes che vogliono le azioni e intanto stringono accordi. Non per niente la tecnologia usata è eccezionale già nella spider e superata nella Sedan con 210km/h e gittata di 500km in un auto da 6 posti con ambio bagagliaio e rifiniture di lusso.Ciao
    • Sborone di rubikiana memoria scrive:
      Re: inesattezze
      La S sembra davvero un sogno.Però chissà come va con 6 persone caricate... (newbie)
      • mda scrive:
        Re: inesattezze
        - Scritto da: Sborone di rubikiana memoria
        La S sembra davvero un sogno.
        Però chissà come va con 6 persone caricate...
        (newbie)La Velocità non cambia.Ciao
        • Lanf scrive:
          Re: inesattezze
          La velocità non cambia, l'autonomia si.Ma seriamente si pensa di sostituire motori a scoppio con motori elettrici e batterie? La avanzatissima Tesla garantisce una velocità di ricarica _massima_ di 50 Km per ogni ora di ricarica.Cioè, vado da Roma a Milano, mi fermo a Bologna per _QUATTRO_ ore a ricaricare le batterie.C'è qualcosa che tocca.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            infatti a meno che non ci siano importanti scoperte sulle batterie l'idea é quella di sostituire la tua batteria con una giá carica.Il distributore di benzina diventerebbe distributore di batterie cariche (e ricarica con calma quelle scaricate per poi ridistribuirle)
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Batterie standardizzate? Hmm... Conoscendo un poco i costruttori di auto qualche dubbio ce l'ho.Inoltre avete una vaga idea di che razza di impianto elettrico dovrebbero avere tutti questi punti di "scambio batterie" per ricaricare migliaia di batterie al giorno?IMHO la soluzione migliore è sempre di prodursi l'energia elettrica a bordo con motori inadatti alla trazione e demandare questa ad uno o più motori elettrici.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: Lanf
            Batterie standardizzate? Hmm... Conoscendo un
            poco i costruttori di auto qualche dubbio ce
            l'ho.bocchettoni della benzina standarizzati?
            Inoltre avete una vaga idea di che razza di
            impianto elettrico dovrebbero avere tutti questi
            punti di "scambio batterie" per ricaricare
            migliaia di batterie al
            giorno?e hai una vaga idea di che razza di infrastruttura serve per estrarre e raffinare il petrolio e trasportarlo in modo capillare in tutto il mondo?Se ci siamo riusciti con la benzina fidati che si riesce pure con l'energia elettrica.
            IMHO la soluzione migliore è sempre di prodursi
            l'energia elettrica a bordo con motori inadatti
            alla trazione e demandare questa ad uno o più
            motori
            elettrici.se tale energia elettrica la produci con combustibile fossile sei punto a capo
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze

            si ma saresti cmq dipendente da combustibili
            fossili che sono in esaurimento, puó andare bene
            come soluzione "transitoria" in attesa che le
            batterie migliorinoBravo. Peccato che pochi ci stiano lavorando seriamente, a parte Toyota.
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            BMW, Mercedes (ed anche la stessa FIAT)?
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Fiat non ha una ibrida a catalogo, non so Mercedes. BMW ha ammesso che la vettura a idrogeno è un fallimento
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            l'idrogeno é un fallimento perché devi avere tanta energia elettrica per produrlo, tanto vale usare dirattemente l'elettricitá
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Fiat no sicuramente non ha niente a catalogo.Però sarebbe da pazzi evitare di non investire soldi su questa strada. Stando a come sta il mondo è una scelta, non dico obbligata, ma quasi.Per BMW si è vero il progetto si è congelato per ovvi problemi tecnici. Così dicono anche se dubito perchè la ricerca di materiale per il contenimento dell'idrogeno è in continua evoluzione. Magari hanno fermato tutto per vedere se la ricerca offre qualche cosa di meglio. Boh sono supposizioniMercedes sta sviluppando anche lei una macchina ad idrogeno. Hanno fatto pure pubblicità con l'ex irridato della Ferrari
          • Funz scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            Fiat no sicuramente non ha niente a catalogo.
            Però sarebbe da pazzi evitare di non investire
            soldi su questa strada.

            Stando a come sta il mondo è una scelta, non dico
            obbligata, ma
            quasi.Pare proprio che, a parte un vecchio concettino (phylla) e una versione della 500 elettrica tanto per fare scena, non abbiano in programma un granchè.E la chiusura del reparto dedicato in Chrysler ne è una spia di allarme.Spero di essere smentito.
            Così dicono anche se dubito perchè la ricerca di
            materiale per il contenimento dell'idrogeno è in
            continua evoluzione. Magari hanno fermato tutto
            per vedere se la ricerca offre qualche cosa di
            meglio. Boh sono
            supposizioniQuello è il problema tecnico principale, ma il problema energetico è il principale e irrisolto: per produrre idrogeno per un'auto FC si consuma *molta* più energia che a ricaricare una batteria sulla stessa auto.E le FC sono costosissime.
            Mercedes sta sviluppando anche lei una macchina
            ad idrogeno. Hanno fatto pure pubblicità con l'ex
            irridato della
            FerrariSapevo che BMW e Mercedes avevano cassato gli investimenti sull'idrogeno.Idem Obama.
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Ci sono i fondi per il fotovoltaico..Ricarichi le batterie con il fotovoltaico, adibisci per legge che le stazioni di rifornimento devono avere il fotovoltaico.Vedi poi come le persone corrono a fare il pieno di energia elettrica.4 ore di ricarica?? Ci sono molti studi in giro per il mondo per produrre una batteria che si ricarichi in 1/10 del tempo necessario per una batteria normaleSu discovery channel avevano fatto un documentario proprio sulla Tesla e sul tipo di batteria utilizzata. Ebbene sono rimasto sorpreso nel vedere che utilizzano batterie al litio stile pile normali AA.Hanno brevettato solo il come queste sono collegate tra loro e sul come queste garantiscono una autonomia stimata da 500km (ovviamente non l'hanno detto per ovvi motivi di segretezza commerciale).
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            Ci sono i fondi per il fotovoltaico..
            Ricarichi le batterie con il fotovoltaico,
            adibisci per legge che le stazioni di
            rifornimento devono avere il fotovoltaico.Giusto. Scenetta ipotetica:"Mi dispiace signore, qui piove e non posso ricaricarle le batterie. Guardi che 200 metri più in là c'è un bel motel gestito da mio cugino...":)
            4 ore di ricarica?? Ci sono molti studi in giro
            per il mondo per produrre una batteria che si
            ricarichi in 1/10 del tempo necessario per una
            batteria normaleUsando la trifase a 15.000 volt. Tu ce la vedi l'ENEL che monta una cabina di media tensione ad ogni distributore?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2010 10.15-----------------------------------------------------------
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Non tutto è possibile! è chiaro che le elettriche porteranno ad un cambiamento quasi radicale nel metodo di rifornimento.Beh se vogliamo cambiare un po' certe scelte vanno fatte, non credi?
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze

            Beh se vogliamo cambiare un po' certe scelte
            vanno fatte, non credi?Assolutamente d'accordo. Ma _adesso_ l'elettrica pura è ancora un'esercizio di tecnologia, non una realtà industriale. Non fatevi abbagliare da slogan roboanti, andate a scavare la realtà e le conseguenze di certe scelte.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            non mi sembra impensabile fornire i benzinai di fornitura elettrica sufficiente a caricare batterie, se pensi a quello che é necessario fare per trasportare e storare litri e litri di liquido altamente infiammabile
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Hai mai visto l'interno di una cabina di media tensione?
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            no... e tu hai mai visto le cisterne dei benzinai che contengono litri e litri di materiale esplosivo e altamente infiammabile?
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Si. Una cisterna ha una pompa. Una cabina di media tensione ha un pò di roba in più.
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            E cavolo se adessio ci impuntiamo su questi aspetti non ne veniamo più fuori.E' ovvio che certe scelte riportano gli stessi problemi , di sicurezza, che ci sono oggi nei distributori di benzina.Eppure molte persone non se ne pensa che sotto i loro piedi hanno una bomba!
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            E cavolo se adessio ci impuntiamo su questi
            aspetti non ne veniamo più fuori.Vero.Il punto è, abbiamo già una tecnologia matura per essere oggetto di investimenti pesanti? Io non credo (IMHO).
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Capovolgo la tua domanda così:la tecnologia che utilizzamo può essere resa più efficiente affrontando questa sfida?Io credo di si!
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            Capovolgo la tua domanda così:

            la tecnologia che utilizzamo può essere resa più
            efficiente affrontando questa
            sfida?
            Io credo di si!Concordo, secondo me _bisogna_ studiarci sopra.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            e mai esistita una tecnologia che maturava da sola senza che nessuno ci investisse anche quando non era certo che sarebbe stata efficiente?
          • virgoss scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: Lanf
            - Scritto da: fox82i

            E cavolo se adessio ci impuntiamo su questi

            aspetti non ne veniamo più fuori.

            Vero.
            Il punto è, abbiamo già una tecnologia matura per
            essere oggetto di investimenti pesanti? Io non
            credo
            (IMHO).La tecnologia sta diventando matura, non parlo della parte elettronica di controllo/motori elettrici, che é già maturissima, ma delle nuove batterie che verranno con altissima densità energetica, (sempre a base di litio) che arriveranno relativamente a breve (qualche anno, ogni tanto fate un giro Physorg.com, ci sono spesso annunci di nuove scoperte per aumentare di molto la densità energetica delle batterie, esempio: http://www.physorg.com/news196255719.html)Ti pare che non investirebbero milioni di dollari in queste cose se non fossero sicuri del fatto loro?
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            http://www.numak.it/serbatoi-carburante.aspcerto certo... basta poi anche solo fare un bel buco nel cemento, mettere una contalitri che non disperda benzina etc etc... suvvia... mica si tratta di immagazzinare e pompare acqua fresca per fare la limonata
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Magari può essere un ottimo spunto per portare formazione e creare nuovi posti di lavoro su campi inesplorati. Non vedo il perchè non si possa fare questa scelta. Abbiamo bisogno di lavoro, bene iniziamo ad investire per il futuro. Vedi come si creano nuovi posto di lavoro.Il problema, a mio avviso, è unicamente alla mentalità ottusa e chiusa di molte persone. Se si iniziasse a capire che se si investe oggi su questo settore si potrebbe avere un buon ritorno per il futuro.Ma tutti vogliono essere subito ricchi...Tutto è fattibile basta aver:1. crederci2. volontà di farlo3. essere pronti al confronto
          • MrT. scrive:
            Re: inesattezze
            Infatti i giapponesi hanno già costruito un primo esempio di questo tipo di "distributore" per auto elettriche:http://www.youtube.com/watch?v=Y8nTAjVaa7YE sembra funzionare anche bene :-)
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            si avevo giá visto quel video ;)
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            sono sempre avanti in quell'isola orientale!E non si pongono problemi cacchio! questo è il problema che abbiamo noi!
          • virgoss scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            sono sempre avanti in quell'isola orientale!
            E non si pongono problemi cacchio! questo è il
            problema che abbiamo
            noi!E i cinesi sono pure "peggio"!!
          • DarkOne scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: MeX
            infatti a meno che non ci siano importanti
            scoperte sulle batterie l'idea é quella di
            sostituire la tua batteria con una giá
            carica.

            Il distributore di benzina diventerebbe
            distributore di batterie cariche (e ricarica con
            calma quelle scaricate per poi
            ridistribuirle)Non penso proprio sia questa la soluzione. Le batterie delle auto elettriche sono enormi e pesantissime e non sono comunque collocate in posti raggiungibili facilmente.Non è come sostituire la batteria della macchina.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2929591&m=2930346#p2930346
          • virgoss scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: DarkOne
            - Scritto da: MeX

            infatti a meno che non ci siano importanti

            scoperte sulle batterie l'idea é quella di

            sostituire la tua batteria con una giá

            carica.



            Il distributore di benzina diventerebbe

            distributore di batterie cariche (e ricarica con

            calma quelle scaricate per poi

            ridistribuirle)

            Non penso proprio sia questa la soluzione. Le
            batterie delle auto elettriche sono enormi e
            pesantissime e non sono comunque collocate in
            posti raggiungibili
            facilmente.
            Non è come sostituire la batteria della macchina.Tu sei fermo alla batterie al piombo e acido...
          • angros scrive:
            Re: inesattezze


            Tu sei fermo alla batterie al piombo e acido...Che erano decisamente superiori a quelle al litio (anche se più pesanti): 2 volt per elemento (contro 1,2 delle batterie al litio), e 3000 cicli di ricarica (contro i 1000 di quelle al litio)
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Leggendo le specifiche tecniche della macchina c'è scritto che la TESLA , con un pieno , ti garantisce 500km di autonomia.Ma parliamo di una macchina sportiva, se riportano tale tecnologia su macchine di serie potrebbe essere che l'autonomia aumenti, visto che la velocità media di quest'ultime diminuisce drasticamente.Cmq le auto elettriche sono completamente differenti dal motore a scoppio specialmente nei metodi di rifornimento. Certo se uno è intenzionato a comprare una macchina elettrica, sicuramente saprà anche che dovrà cambiare "stile di vita" sul progettare i propri spostamenti
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            che poi sinceramente, per spostamenti oltre i 500km raramente si usa la macchina
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Dipende dalle situazioni, mi spiego:se si vuole andare in ferie e per arrivare nel luogo prescelto si dovrà percorre più di 500km hai perfettamente ragione. Esistono altri mezzi di locomozione utili e risparmiosi (ma siamo in Italia quindi la mia ultima affermazione è opinabile)Invece per contadini come me, che ogni giorno, per raggiungere il mio posto di lavoro, devo percorrere 35 km (tra andata e ritorno) forse la soluzione elettrica potrebbe essere azzardata.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            e perché? 35 km al giorno sono 70 andata e ritorno... molto lontano dai 500 km... la notte la attacchi alla corrente e via...
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            I 500 Km propagandati da Tesla sono in condizioni ottimali. Nell'uso pratico vanno ridotti. Un po' come i consumi dichiarati dalle case automobilistiche per le auto attuali.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            ok, metti 300km chi é che fa 300km al giorno senza pause quotidianamente?
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Quando vado in giro ne faccio molti di più. Fare 800-1100 Km in un giorno non è impossibile. Con una elettrica pura non lo fai. Oggi.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            ovvio, ma ammetterai che non é l'utilizzo primario della maggior parte delle auto che girano in cittá ogni giorno... 500km di autonomia sono piú che sufficienti per l'utilizzo tipico del mezzo (casa
            lavoro)Certo se fai il rappresentante meglio il metano
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            O meglio le utilitarie per spostarsi in città sarebbe più che perfetto! Eliminerebbe alla radice i blocco per polveri sottili di netto
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            esattamente!
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Giusto alla fine è corretto.Basta solo ricordarsi di attaccare la spina prima di andare a dormire :-D
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            ho giá una brillante soluzione.La macchina ha antenna GPS, quando arrivi a casa emette un suono continuo se non la attacchi alla corrente una volta parcheggiata ;)
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Potresti brevettarla, non si sa mai! :-)Anzi la estendo come idea: emette un suono di ricarica in base ai conumi medi così creiamo efficenza energetica su larga scala-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2010 10.29-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            inoltre, creando un itinerario per un lungo viaggio con il GPS calcola i tempi di percorrenza e consumo e pianifica le soste per la sostituzione/ricarica della batteria eventualmente giá prenotando online la batteria per l'ora di arrivo previsto a quella stazione di ricarica
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            semplici idee possono fare la differenza!Che mondo di ottusi!
          • Funz scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: MeX
            ho giá una brillante soluzione.

            La macchina ha antenna GPS, quando arrivi a casa
            emette un suono continuo se non la attacchi alla
            corrente una volta parcheggiata
            ;)Vado a brevettare il dispositivo che guaisce e uggiola se ti dimentichi di attaccarlo alla corrente :D
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            e poi abbaia contento appena gli metti la presa :D
          • Formalmente Errato scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: Lanf
            La velocità non cambia, l'autonomia si.
            Ma seriamente si pensa di sostituire motori a
            scoppio con motori elettrici e batterie? La
            avanzatissima Tesla garantisce una velocità di
            ricarica _massima_ di 50 Km per ogni ora di
            ricarica.
            Cioè, vado da Roma a Milano, mi fermo a Bologna
            per _QUATTRO_ ore a ricaricare le
            batterie.
            C'è qualcosa che tocca.Di certo non serve per andare da roma a milano ! per quello ci sono aerei e treni.ma se la usi per andare da casa al lavoro (mettiamo un Lodi - Milano Ovest), li la rimetti in carica alla sera la prendi ci vai a casa e (se ce n'è bisogno) la rimetti in carica... sarebbe ottima non credi ?
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: Formalmente Errato
            Di certo non serve per andare da roma a milano !
            per quello ci sono aerei e treni.Su questo avrei da obiettare, magari a te va bene, a me no.Se devi andare a 50 Km da Milano cosa fai? Se sei a 15 Km dalla stazione di Roma? Mica sempre convengono treno o aereo.Esempio: l'anno scorso ho fatto un viaggio in nave, partenza da Amsterdam, viaggio in aereo, uscito di casa alle 6 di mattina, imbarcato alle 18.Risparmio rispetto ad andarci in macchina: 1 ora.
            ma se la usi per andare da casa al lavoro
            (mettiamo un Lodi - Milano Ovest), li la rimetti
            in carica alla sera la prendi ci vai a casa e (se
            ce n'è bisogno) la rimetti in carica... sarebbe
            ottima non credi?Penso di si. Se il mio impianto elettrico regge 750 Kw in una notte.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            a Torino ci sono i bus che ti portano direttamente a malpensa... o prendi treno fino a Milano centrale e BUS per Orio al serio (o Malpensa / Linate sempre)Se parti in orari "scomodi" valuti la soluzione piú economica tra:- guidare la tua auto e pagarti il parcheggio dell'aeroporto- prendere un taxi- andarci con bus e treno e pagarti una notte in hotel-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 luglio 2010 12.06-----------------------------------------------------------
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            Scusa, mi ero spiegato male. Ero partito da Bologna con volo diretto Bologna Amsterdam. In aeroporto ci sono andato in taxi: 4 minuti, abito di fianco all'aeroporto.In effetti mi sono risparmiato la spesa del parcheggio della mia macchina :)Resta il fatto che certi tipi di trasporto hanno tuttora delle inefficienze temporali scandalose.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            beh soprattutto se voli con Ryanair :D
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze

            Resta il fatto che certi tipi di trasporto hanno
            tuttora delle inefficienze temporali
            scandalose.Esatto!!!!E' questo il nodo centrale: è qui che si deve lavorare tanto a livello mentale
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Ora non è che me ne intendo molto di corrente elettrica ma in base a quello che dichiarano: http://www.teslamotors.com/goelectric/chargingpuoi tranquillamente caricre la macchina già con il tuo impianto elettrico.Notare come in 4 ore ricarichi la macchina.
          • Lanf scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            Ora non è che me ne intendo molto di corrente
            elettrica ma in base a quello che dichiarano:
            http://www.teslamotors.com/goelectric/charging

            puoi tranquillamente caricre la macchina già con
            il tuo impianto
            elettrico.
            Notare come in 4 ore ricarichi la macchina.Hai letto bene? SEDICIvirgolaOTTO KiloWatt.Il tipico contatore ENEL salta a TREvirgolaTRE KiloWatt.
          • Funz scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: Lanf
            - Scritto da: fox82i

            Ora non è che me ne intendo molto di corrente

            elettrica ma in base a quello che dichiarano:

            http://www.teslamotors.com/goelectric/charging



            puoi tranquillamente caricre la macchina già con

            il tuo impianto

            elettrico.

            Notare come in 4 ore ricarichi la macchina.

            Hai letto bene? SEDICIvirgolaOTTO KiloWatt.
            Il tipico contatore ENEL salta a TREvirgolaTRE
            KiloWatt.Chiaro che devi far installare un contatore MT a parte.Altrimenti, negli usa con la 110V, hanno voglia ad aspettare che si ricarichi ^_^
      • fox82i scrive:
        Re: inesattezze
        I motori elettrici danno delle ottime prestazioni! Cmq fa pensare che una macchina sportiva venduta negli USA riesce a percorrere 500Km con un pieno elettrico.A pensare che una nostra utilitaria con un pieno di benzina percorre lo stesso kilometraggio, forse molti si chiederanno se non sia il caso di iniziare ad usare l'elettrico (almeno per gli spostamenti urbani)
        • Formalmente Errato scrive:
          Re: inesattezze
          - Scritto da: fox82i
          I motori elettrici danno delle ottime
          prestazioni!


          Cmq fa pensare che una macchina sportiva venduta
          negli USA riesce a percorrere 500Km con un pieno
          elettrico.

          A pensare che una nostra utilitaria con un pieno
          di benzina percorre lo stesso kilometraggio,
          forse molti si chiederanno se non sia il caso di
          iniziare ad usare l'elettrico (almeno per gli
          spostamenti
          urbani)io convertirei subito tutto all'elettrico tranne il munire certi automezzi di un generatore a combustione interna per ricarica "di emergenza" che di certo non sarebbe un ultra inquinante 1.9 diesel ! basterebbe un diesel da 250cc per caricare le batterie "in corsa"sapere di trasportare un carico infiammabile mi ha sempre inquietatato ogni volta che prendo la macchina per spostarmi.poi vuoi mettere i costi di manutenzione di un motore elettrico (al quale non devi cambiare nulla se non le spazzole ogni tanto(sempre che non siano dei brushless ma la vedo dura con la coppia che devono reggere)con i costi di un motore benzina o peggio ancora diesel ??
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Ma la Lexus aveva fatto un motore ibrido capovolto però: elettrico per dare lo spin-on d'aiuto per le partenze del motore a scoppio.E' ovvio che i costi di manutenzione calerebbero per la famiglia, ma qui s ci si fa a scontrare con politiche economiche di grossa rilevanza nazionale.Che fine faranno tutti i meccanici speciliazzati sui motori stufa?
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            si specializzano su quelli elettrici...Giá adesso il meccanico degli anni 80 non esiste piú... sono piú dei tecnici che seguono il manuale fornito dalla casa madre...
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Vero anche questo!Magari vedremo più elettricisti che faranno il lavoro del meccanico!! :-)
        • angros scrive:
          Re: inesattezze

          I motori elettrici danno delle ottime
          prestazioni!La prima auto che ha superato i 100 km/h era elettrica... 110 anni fa!Da allora, però, non c'è stato quasi nessun progresso, nonostante gli investimenti. L'auto elettrica si è rivelata un vicolo cieco.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            110 anni fa non potevano certo fare le batterie di adesso
          • angros scrive:
            Re: inesattezze
            Infatti, ne facevano di migliori.Le attuali batterie al litio forniscono 1,2 volt per elemento, e si possono ricaricare in media 1000 volte. Le vecchie batterie al piombo fornivano 2 volt per elemento, e si potevano ricaricare 3000 volte.
          • MeX scrive:
            Re: inesattezze
            e poi tutti bevevano acqua e piombo
          • fox82i scrive:
            Re: inesattezze
            Più che vicolo cieco ,110 anni fa non c'era la tecnologia moderna.O meglio: si è vero avevano le batterie al piombo ma erano all'inzio della loro strada e non avevano alle spalle studi su come ottimizzare gli elementi.E poi credo che già allora le lobbi petrolifere facevano la voce grossa
          • angros scrive:
            Re: inesattezze
            - Scritto da: fox82i
            Più che vicolo cieco ,110 anni fa non c'era la
            tecnologia
            moderna.
            O meglio: si è vero avevano le batterie al piombo
            ma erano all'inzio della loro strada e non
            avevano alle spalle studi su come ottimizzare gli
            elementi.Una batteria al piombo non ottimizzata rendeva comunque di più di una al litio ottimizzata.

            E poi credo che già allora le lobbi petrolifere
            facevano la voce
            grossaCredi male. Agli inizi del 1900, c'erano più incentivi per le auto elettriche che per le auto a benzina. Lo scopo era quello di spingere la gente ad adottare l'auto invece dei cavalli, per ridurre l'inquinamento delle città (riesci ad immaginare le strade coperte di escrementi ed urina di cavallo? Ti immagini l'odore, in un giorno estivo? Le mosche? L'auto elettrica sembreva la soluzione ottimale, per eliminare tutto questo).Le auto elettriche venivano prodotte su vasta scala:http://en.wikipedia.org/wiki/Detroit_ElectricDi investimenti ce ne sono stati eccome.
        • Funz scrive:
          Re: inesattezze
          - Scritto da: fox82i
          I motori elettrici danno delle ottime
          prestazioni!


          Cmq fa pensare che una macchina sportiva venduta
          negli USA riesce a percorrere 500Km con un pieno
          elettrico.

          A pensare che una nostra utilitaria con un pieno
          di benzina percorre lo stesso kilometraggio,
          forse molti si chiederanno se non sia il caso di
          iniziare ad usare l'elettrico (almeno per gli
          spostamenti
          urbani)Il fatto è che in un litro di benzina ci sta concentrata una quantità di energia pazzesca che, nonostante i rendimenti ridicoli dei motori delle auto, dà un vantaggio ancora elevato rispetto alle batterie.
  • Be&O scrive:
    Parmalat V3.0
    Odio la Borsa, il prezzo sale escende sul VIRTUALE nel frattempo la gente fatica ad arrivare a fine mese, poi uscirà la macchina che solo chi guadagna 300 all'anno può permettersi.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Parmalat V3.0
      Quinti tutti ? 300 euro all'anno :D
    • MeX scrive:
      Re: Parmalat V3.0
      ah adesso é colpa della borsa? :DLa Parmalat TRUFFAVA la borsa falsificando i bilanci e nascondendo i costi scaricandoli su societá satellite
      • fox82i scrive:
        Re: Parmalat V3.0
        In teoria esiste la CONSOB! L'ente che monitorizza le aziende quotate in borsa ed in teoria dovrebbe far in modo che le aziende non emettano bilanci falsificati.
        • MeX scrive:
          Re: Parmalat V3.0
          si, ma se scarichi le spese su aziende satellite formalmente il tuo bilancio é "corretto"
          • fox82i scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            Se la CONSOB avesse fatto il suo lavoro fin dall'inzio, lo scandalo Parmalat non sarebbe mai esistito. Alla fine la CONSOB (per farla breve) sono dei revisori contabili. I revisori possono controllare ogni singolo movimento economico di una azienda. Se avessero fatto un'attenta analisi forse si sarebbero accorti di questa irregolarità. Mi viene da pensare che alla CONSOB non hanno voglia di lavorare!
          • MeX scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            cioé ti stupisci che in Italia un organo di controllo non funziona? :D
          • fox82i scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            No non mi stupisco più di niente...Mi stupisco solo che per XXXXXXXte sollevate magari da Grillo vengono subito censurate o definite "turbative di mercato" mentre per scandali del genere si tace.QUesto mi fa ricordare che forse è meglio vivere nel deserto.
          • MeX scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            giá Grillo la sapeva lunga giá da un po'... tant'é che fu pure chiamato dai giudici per raccontare ció che sapeva...
          • ottomano scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            - Scritto da: MeX
            giá Grillo la sapeva lunga giá da un po'...
            tant'é che fu pure chiamato dai giudici per
            raccontare ció che
            sapeva...Giudici che chiamano un comico come persona informata su fatti finanziari... il che è tutto dire della situazione di m...da in cui stiamo.
          • MeX scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            beh non é che un comico sia sinonimo di "buffone"Grillo é sempre stato un "comico" che faceva ironia su fatti di cronaca e poilitica, tant'é che fu presto epurato dalla RAI
          • ottomano scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            - Scritto da: MeX
            beh non é che un comico sia sinonimo di "buffone"Ah, no anzi. Il mio discorso era all'esatto opposto. Siamo così messi male che non la CONSOB, non le società di revisione più blasonate, ma un comico è quello che prevede il fallimento di una società!

            Grillo é sempre stato un "comico" che faceva
            ironia su fatti di cronaca e poilitica, tant'é
            che fu presto epurato dalla
            RAILo so... sono stato membro dei gruppo dei grilli di Milano per 6 anni :-)
          • pippO scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            - Scritto da: MeX
            giá Grillo la sapeva lunga giá da un po'...
            tant'é che fu pure chiamato dai giudici per
            raccontare ció che
            sapeva...Sapeva leggere il giornale, non è mica da tutti ;)
          • MeX scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            certo... certo... era cosí semplice che lo sapevano giá tutti... bravo
          • OldDog scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            - Scritto da: MeX
            certo... certo... era cosí semplice che lo
            sapevano già tutti...
            bravoIn effetti Beppe Grillo fu consultato dal giudice perché aveva dichiarato pubblicamente nei suoi spettacoli cose che vennero alla luce solo mesi o anni dopo, ma alle domande su come facesse a sapere, si limitò a spiegare che un suo amico (che sapeva come si leggono i bilanci pubblici) gli aveva mostrato "a dito" quello che tutti avrebbero potuto scoprire. Infatti nelle banche vigeva da tempo il messaggio "rifilate ai clienti il cerino acceso" (evento sanzionato poi dai giudici e che ha portato a diversi rimborsi), perché molti avevano capito.Ovviamente poi si deve passare dalla puzza di bruciato al trovare l'arrosto vero e proprio (ossia le prove legalmente sostenibili), ma spesso troppe persone vogliono o sono costrette a guardare semplicemente da un'altra parte. :-(
          • MeX scrive:
            Re: Parmalat V3.0
            beh come hai detto un conto e denunciare "da comico" un conto é dire in TV non investite in Parmalat senza una base legale sicura per farlo
      • iFON Ruppolo 40 scrive:
        Re: Parmalat V3.0
        MAX Esci da Li !!!Quì non si parla di iPOD/iPHONE ecc....La borsa è una XXXXX inventata per dar soldi a chi non fa un XXXXX,e quando ci vuole ci vuole !
        • MeX scrive:
          Re: Parmalat V3.0

          La borsa è una XXXXX inventata per dar soldi a
          chi non fa un
          XXXXX,
          e quando ci vuole ci vuole ![img]http://i654.photobucket.com/albums/uu267/princess_kell/omg.jpg[/img]
Chiudi i commenti