France Telecom: euro in bolletta

L'operatore Telecom francese annuncia il sistema di pagamento delle bollette in euro. Parte il servizio che anticipa i tempi della moneta unica


Parigi – France Telecom annuncia le novità che l’azienda ha ideato per preparare i clienti all’adozione della moneta unica europea, l’euro.

Entro la fine di settembre, infatti, gli utenti di France Telecom pagheranno le bollette in euro; il servizio è partito dopo un periodo di sperimentazione in cui i clienti hanno dimostrato di aver ben recepito la novità. Solo nel 1,1% degli assegni addebitati in euro, infatti, erano stati commessi errori di pagamento.

“France Telecom accompagna i suoi clienti verso l’euro”, recita il comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale.

Sarà proprio una “guida” all’euro, probabilmente: la moneta unica è vicina (parte da settembre e l’anno prossimo diventerà obbligatoria) ed è tempo che i cittadini inizino ad abituarsi. Che cosa c’è di meglio di una bolletta, che prima o poi tocca a tutti pagare, per prendere confidenza con la rivoluzione monetaria? La bolletta potrebbe assolvere, quindi, alla funzione di guida per il cittadino: il telefono, così, indirettamente, servirebbe a diffondere presso la popolazione la percezione dei cambiamenti monetari in corso.

Anche gli operatori italiani attueranno presto provvedimenti simili a quelli adottati da France Telecom? E ‘ lecito prevederlo, visto che i tempi stringono per l’arrivo dell’euro; e forse, in quell’occasione, il cliente sarà anche costretto a subire edificanti spot pubblicitari del tipo: “la nostra bolletta vi aiuta a pensare all’Europa”…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Altri servizi professionali simili
    Vorrei dare un contributo con il servizio Web Contact ( http://www.webcontact.it )Sul sito web viene predisposta un'icona, facendo click sulla quale si attiva una chiamata telefonica su Internet (standard ITU-T H.323) che dal PC dell'utente raggiunge un gateway presso Infostrada (si veda la Figura 1). Quest'ultimo converte la chiamata Internet in una chiamata telefonica su rete telefonica e la inoltra verso il PBX del call center.Da un punto di vista logico, il tutto funziona come se presso il gateway in Infostrada vi fosse una persona che effettua una chiamata al numero del servizio clienti dell'azienda.
  • Anonimo scrive:
    Chi sono gli originali ?
    Alla sezione contatti del sito telepuntonet.it, parla con noi, si può vedere che l'interfaccia utente è la stessa di Picus, quindi telepuntonet=picus. Questa interfaccia poi, mi sa che non è tutta farina del sacco di picus.it, la si è trovata prima su peppercom.it, che mi risulta essere powered by talkmeweb.it ! un bel giallo !
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi sono gli originali ?
      In questo caso vale la proprietà transitiva...anche se chi viene beccato con le mani nel sacco (cfr telepuntonet che copia da picus che a sua volta ha copiato da peppercom che è partner di talkmeweb....)SENZA COMMENTO...CHI VUOLE CAPIRE CAPISCA!- Scritto da: Ing. Rossi
      Alla sezione contatti del sito
      telepuntonet.it, parla con noi, si può
      vedere che l'interfaccia utente è la stessa
      di Picus, quindi telepuntonet=picus.
      Questa interfaccia poi, mi sa che non è
      tutta farina del sacco di picus.it, la si è
      trovata prima su peppercom.it, che mi
      risulta essere powered by talkmeweb.it ! un
      bel giallo !
  • Anonimo scrive:
    E' uguale a TalkmeWeb e Picus
    Ma effettivamente il mercato è pronto?Io mi chiedo se una tecnologia di questo tipo potrà essere effettivamente utilizzata dagli utenti....anche perchè non tutti dispongono di cuffie e microfono.grazie
Chiudi i commenti