Francoforte sceglie Windows

Dopo aver incassato il duro colpo di Monaco di Baviera, Microsoft è riuscita a battere l'open source in tre città europee, fra cui Francoforte, dove installerà centinaia di copie di Windows


Roma – Come a voler spegnere l’entusiasmo con cui la comunità open source aveva accolto, lo scorso maggio, la decisione del comune di Monaco di Baviera di migrare i propri sistemi informatici da Windows a Linux, Microsoft ha fatto sapere di aver vinto, lo scorso martedì, tre contratti governativi in altrettante città del Vecchio Continente.

Sebbene non abbia svelato i termini finanziari dei contratti appena stipulati, il big di Redmond ha sottolineato il fatto di aver battuto, in tutti e tre i casi, le proposte presentate da diversi vendor di Linux e di software open source.

I nuovi accordi porteranno Microsoft ad installare su centinaia di computer dei comuni di Francoforte (Germania), Riga (Lettonia) e Turku (Finlandia) versioni desktop e server di Windows.

Nonostante Microsoft stringa ancora saldamente nelle proprie mani la leadership del mercato aziendale e governativo in Europa, nell’ultimo periodo le soluzioni provenienti dal mondo del software open source si sono moltiplicate e sono riuscite, in vari casi, a spuntare alcune importanti commesse. Per questo la vittoria in queste tre città diventa significativa.

“Ora che vediamo l’importanza, in questo nuovo mondo, del fenomeno Linux, dobbiamo rafforzare il valore delle nostre offerte”, ha affermato Wilfried Grommen, general manager delle business strategies per Microsoft in Europa, Medio oriente e Africa. “Il mondo non è solo Linux. Probabilmente dovremo gridare più forte questo messaggio”.

Microsoft ha investito molto, nell’ultimo periodo, per contrastare l’ascesa di Linux sul lucroso mercato dei server, un segmento dove, secondo molti analisti, l’open source costituisce l’unica vera minaccia ai piani di conquista del colosso di Redmond. Diversi segnali indicano che Microsoft sia persino disposta ad avviare una guerra dei prezzi contro il software open source, una strategia che, secondo alcune recenti rivelazioni , sarebbe già stata applicata là dove Linux è più forte.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dirittorovescio scrive:
    anonimo passi, ma pure brutto..
    Se fossi invisibile mi sarei già
    trombato Alessia Merz, che lei lo voglia
    oppure no. certo che deve far paura, per sognare di essere invisibile ....cip ciop
  • Anonimo scrive:
    Ignoranza----
    Superficialità
    Usi un remailer quindi sei un vigliacco. Questo ho potuto leggere in molti post... Mi sembra inutile sottolineare l'infondatezza di questa opinione, come se l'utilizzo dei remailer fosse principalmente la rottura di palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito parlare di privacy? E non del singolo, ma anche del gruppo. Perchè io posso mandare una email ad amici , dove faccio capire chi sono, ma voglio che lo capisca solo chi deve e nessuna persona terza....Vabbè.....viva la globalizzazione, specie quella dei cervelli e dell'ignoranza....-Chospo-
    • nop scrive:
      Re: Ignoranza----
      Superficialità
      Perchè io posso mandare una email ad
      amici , dove faccio capire chi sono, ma
      voglio che lo capisca solo chi deve e
      nessuna persona terza....Per questo non basta una e-mail del tipo chospo@dominio.it....
      Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
      quella dei cervelli e dell'ignoranza....

      -Chospo-Anche la paranoia sta diventando globale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ignoranza----
        Superficialità
        - Scritto da: nop
        Perchè io posso mandare una email ad

        amici , dove faccio capire chi sono, ma

        voglio che lo capisca solo chi deve e

        nessuna persona terza....

        Per questo non basta una e-mail del tipo
        chospo@dominio.it....Ma se basta perchè chiudere i remailers? Allora chiudiamo tutti i servizi di messaggeria che non richiedono i documenti, ovvero tutti.

        Vabbè.....viva la globalizzazione, specie

        quella dei cervelli e dell'ignoranza....



        -Chospo-

        Anche la paranoia sta diventando globale...Non è vero.Tutti i servizi e-mail sono anonimi per il comune mortale. La prova è lo spam che lo ricevi ma non sai chi te lo manda.Quindi qualsiasi servizio mail come hotmail, yahoo, AOL, ... sono anonimi. Tu semplice cittadino non hai modo alcuno di verificare l'identità di chi hai di fronte, tranne quando lo conosci di persona.Chiaro che i servizi dello stato (polizia, carabinieri, ...) ma anche ditte (RIAA, SIAE, BSA, ...) hanno modo di saperlo.A questo punto dimmi cosa ti disturba se qualcuno riesce ad usare un servizio che gli garantisce un vero anonimato anche di fronte ai servizi dello stato o alle ditte? Tanto per te non cambia nulla, in ogni caso siamo tutti anonimi.Ci sono persone che necessitano un anonimato totale perchè vivono in stati totalitari. Queste persone rischiano la pelle se anche per errore i loro dati fossero resi pubblici. È chiaro che gente così non può fare fiducia a un pippo@aol.com, ma necessita di un remailer.Quindi, siamo tutti anonimi, ma c'è chi ha bisogno di più anonimato di altri. Fa anche questo parte della nostra libertà democratica.Ti sfido per esempio a sapere chi sono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ignoranza----
      Superficialità
      - Scritto da: Anonimo
      Usi un remailer quindi sei un vigliacco.
      Questo ho potuto leggere in molti post... Mi
      sembra inutile sottolineare l'infondatezza
      di questa opinione, come se l'utilizzo dei
      remailer fosse principalmente la rottura di
      palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito parlare
      di privacy? E non del singolo, ma anche del
      gruppo. Perchè io posso mandare una email ad
      amici , dove faccio capire chi sono, ma
      voglio che lo capisca solo chi deve e
      nessuna persona terza....Ti fai un nuovo account di posta e spedisci.Senza bisogno di vigliacchi remailer anonimi.
      Vabbè.....viva la globalizzazione, specie
      quella dei cervelli e dell'ignoranza....

      -Chospo-Quando il tuo cervello torna dalle vacanze faccelo sapere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ignoranza----
        Superficialità
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Usi un remailer quindi sei un vigliacco.

        Questo ho potuto leggere in molti post...
        Mi

        sembra inutile sottolineare l'infondatezza

        di questa opinione, come se l'utilizzo dei

        remailer fosse principalmente la rottura
        di

        palle. Vabbè, nessuno ha mai sentito
        parlare

        di privacy? E non del singolo, ma anche
        del

        gruppo. Perchè io posso mandare una email
        ad

        amici , dove faccio capire chi sono, ma

        voglio che lo capisca solo chi deve e

        nessuna persona terza....

        Ti fai un nuovo account di posta e spedisci.
        Senza bisogno di vigliacchi remailer anonimi.E allora cosa cambia che ci siano oppure no?

        Vabbè.....viva la globalizzazione, specie

        quella dei cervelli e dell'ignoranza....



        -Chospo-
        Quando il tuo cervello torna dalle vacanze
        faccelo sapere!Il tuo non è neppure riuscito ad andarci in vacanza (come le formiche, cervello piccolo, attività alta).
  • Anonimo scrive:
    piccola nota...
    Non so se qualcuno lo ha già fatto notare, ma penso di si.Con la posta ordinaria è possibile mandare delle lettere anonime!!!!Mamma mia...come si permettono. direi di mettere una guardia davanti alle caselle postali. che chiedono i documenti di chi imbuca una lettera.Chissa quanti malintenzionati....pedofili....criminali....usano ancora la posta ordinaria, perche molto, ma molto piu' anonima.sinceramente non capisco il senso dei post precedenti...bho...
    • Anonimo scrive:
      Re: piccola nota...

      Con la posta ordinaria è possibile mandare
      delle lettere anonime!!!!Eheheh....
      Mamma mia...come si permettono. direi di
      mettere una guardia davanti alle caselle
      postali. che chiedono i documenti di chi
      imbuca una lettera.Se... Ce mancherebbe...
      Chissa quanti
      malintenzionati....pedofili....criminali....u
      sinceramente non capisco il senso dei post
      precedenti...Il senso dei post è perchè si continua ostinatamente ad affermare REMAILER=VEICOLO SPAM quando questo non è vero, ma talvolta i propri comportamenti.
  • Anonimo scrive:
    Sviluppi tecnici della faccenda ....
    ... solo per gli interessati.https://lists.firenze.linux.it/pipermail/e-privacy/2003-July/000858.htmlhttps://lists.firenze.linux.it/pipermail/e-privacy/2003-July/000859.htmlWinnie
  • Anonimo scrive:
    Remailer? Strumento per vigliacchi.
    Come da titolo.Lu Pen
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
      Probabilmente le sinapsi non sono in funzione in questo momento.
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
        - Scritto da: Anonimo
        Probabilmente le sinapsi non sono in
        funzione in questo momento.Vigliacco 2 volte. Non ti firmi nemmeno qui.Lu Pen
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
          Probabilmente le sinapsi non sono in funzione in questo momento.Io mi firmo, ma la mia firma vale quanto la tua...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: il_fabry
            Probabilmente le sinapsi non sono in
            funzione in questo momento.

            Io mi firmo, ma la mia firma vale quanto la
            tua...Non è un problema di valore... è solo un problema di vigliaccheria.Mi spieghi che senso ha ricevere una mail anonima (magari di protesta) (magari priva di interesse) a cui poi non si può rispondere e ribattere in nessun modo?Chi usa un remailer è un vigliacco subumano.Se le sinapsi in questo momento non ti funzionano, fatti visitare ed evita di sprecare risorse.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            Non è un problema di valore... è solo un
            problema di vigliaccheria.No no è proprio un problema di forma in tutti i sensi. Se ti vuoi far riconoscere ti FIRMI e dichiari chi sei, un nickname tipo il mio ti indica il mio nome Fabrizio ma nulla più, anche perchè altri dati non voglio indicarteli.
            Mi spieghi che senso ha ricevere una mail
            anonima (magari di protesta) (magari priva
            di interesse) a cui poi non si può
            rispondere e ribattere in nessun modo?Per lo stesso motivo in cui tu in questo momento usi un nickname ma addirittura non è registrato.
            Chi usa un remailer è un vigliacco subumano.No chi usa un remailer ha i suoi motivi, non ultimo quello di avere un po' di privacy.
            Se le sinapsi in questo momento non ti
            funzionano, fatti visitare ed evita di
            sprecare risorse.Le mie si aprono e si chiudono regolarmente non so le tue che si sono impuntate in un concetto senza senso.
            Lu Penil_fabry
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: il_fabry

            Non è un problema di valore... è solo un

            problema di vigliaccheria.

            No no è proprio un problema di forma in
            tutti i sensi. Se ti vuoi far riconoscere ti
            FIRMI e dichiari chi sei, un nickname tipo
            il mio ti indica il mio nome Fabrizio ma
            nulla più, anche perchè altri dati non
            voglio indicarteli.


            Mi spieghi che senso ha ricevere una mail

            anonima (magari di protesta) (magari priva

            di interesse) a cui poi non si può

            rispondere e ribattere in nessun modo?

            Per lo stesso motivo in cui tu in questo
            momento usi un nickname ma addirittura non è
            registrato.E che differenza c'è tra nick registrato o non regostrato? Si sta parlando di remailer qui. Ma quanto ti ci vuole per scaldarti le emmorr.. aehm le sinapsi?


            Chi usa un remailer è un vigliacco
            subumano.

            No chi usa un remailer ha i suoi motivi, non
            ultimo quello di avere un po' di privacy.La privacy è una cosa molto diversa dalla vigliaccheria.

            Se le sinapsi in questo momento non ti

            funzionano, fatti visitare ed evita di

            sprecare risorse.

            Le mie si aprono e si chiudono regolarmente
            non so le tue che si sono impuntate in un
            concetto senza senso.ahhhh vedo!


            Lu Pen

            il_fabryLu pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            E che differenza c'è tra nick registrato o
            non regostrato? Si sta parlando di remailer
            qui. Ma quanto ti ci vuole per scaldarti le
            emmorr.. aehm le sinapsi?Che un nick per essere registrato necessita di alcune informazioni "sensibili" che decido io se fornirle o meno. Non ci avevi pensato? In questo caso ad esempio la mia email. E la cosa è del tutto analoga ad usare un remailer anonimo da uno meno. Con il primo non so la provenienza di (da vedere quanto) chi mi invia l'email, nel secondo riesco a ricavarla.

            Le mie si aprono e si chiudono regolarmente

            non so le tue che si sono impuntate in un

            concetto senza senso.
            ahhhh vedo!Sei pure cieco?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: il_fabry

            Che un nick per essere registrato necessita
            di alcune informazioni "sensibili" che
            decido io se fornirle o meno. Non ci avevi
            pensato? In questo caso ad esempio la mia
            email. E la cosa è del tutto analoga ad
            usare un remailer anonimo da uno meno. Con
            il primo non so la provenienza di (da vedere
            quanto) chi mi invia l'email, nel secondo
            riesco a ricavarla.Registrarmi o no lo decido io... e cmq non è che io sia molto anonimo qua sopra.Credi che ci metta molto P.I. a loggare il mio IP (fisso) e a fare una telefonata all'admin-c (che poi sono sempre io) del dominio associato?Ti faccio notare che anche tu non sei molto anonimo.
            Sei pure cieco?Siamo alla frutta, eh?dai dai che ce la fai a scaldare le sinapsi.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Registrarmi o no lo decido io... e cmq non è
            che io sia molto anonimo qua sopra.E' ovvio che decidi te, come ha diritto chicchessia di inviarti la email in maniera anonima oppure no. Ne ha la stessa facoltà.
            Credi che ci metta molto P.I. a loggare il
            mio IP (fisso) e a fare una telefonata
            all'admin-c (che poi sono sempre io) del
            dominio associato?5 minuti, anzi lo fa sempre basta leggere la policy...
            Ti faccio notare che anche tu non sei molto anonimo.Non ho detto questo anzi ho affermato il contrario...

            Sei pure cieco?
            Siamo alla frutta, eh?
            dai dai che ce la fai a scaldare le sinapsi.Le mie sono calde, sei tu che non riesci ad aprire la tua vista e sei limitato in un concetto inutile. Non vedo perchè qualunque persona, per motivi validi o meno, non possa rendersi "invisibile".
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: il_fabry
            E' ovvio che decidi te, come ha diritto
            chicchessia di inviarti la email in maniera
            anonima oppure no. Ne ha la stessa facoltà.Oh si che ne ha la facoltà. Qualunque vigliacco può.Il remailer non tiene traccia di nulla.
            Le mie sono calde, sei tu che non riesci ad
            aprire la tua vista e sei limitato in un
            concetto inutile. Non vedo perchè qualunque
            persona, per motivi validi o meno, non possa
            rendersi "invisibile".Perchè tra i motivi che un vigliacco può reputare validi, ce ne può essere uno che la comunità reputa non valido. Ti è chiaro che non puoi fare tutto quello che vuoi in una società? Se fossi invisibile mi sarei già trombato Alessia Merz, che lei lo voglia oppure no. Se tutti fossimo invisibili sarebbe il caos più totale, oltre che un branco di vigliacchi.Pensaci su.Lu pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo
            Se fossi invisibile mi sarei già
            trombato Alessia Merz, che lei lo voglia
            oppure no.Che bella persona...
            Se tutti fossimo invisibili
            sarebbe il caos più totale, oltre che un
            branco di vigliacchi.Che cazzate da scuola media! :)Se tu fossi in Corea del Nord e volessi scrivere ai giornali liberi esteri che il partito al potere sta compiendo abusi, diresti "caspita come farei senza remailer, mi salvano la vita, Ora posso dare luogo alla mia liberta' di espressione senza venire arrestato ed incarcerato per le mie idee".Ovviamente se tu fossi un membro del partito accusato diresti "Che vigliacco questo delatore".Pensaci su.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo
            Che bella persona...Sinapsi ancora freddine eh?
            Che cazzate da scuola media! :)
            Se tu fossi in Corea del Nord e volessi
            scrivere ai giornali liberi esteri che il
            partito al potere sta compiendo abusi,
            diresti "caspita come farei senza remailer,
            mi salvano la vita, Ora posso dare luogo
            alla mia liberta' di espressione senza
            venire arrestato ed incarcerato per le mie
            idee".
            Ovviamente se tu fossi un membro del partito
            accusato diresti "Che vigliacco questo
            delatore".
            Ah... capperi... chissà come hanno fatto a fare la rivoluzione francese senza remailer.Chissà invece come avranno fatto a buttare giù il world trade center una banda di talebani, che fanno della vigliaccheria la loro arma migliore. Chissà come avranno fatto a scambiarsi informazioni nell'era di echelon.Ovviamente questo è un esempio portato all'eccesso; lo dico per le tue sinapsi che mi sembrano ancora un pochino ibernate.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Che bella persona...

            Sinapsi ancora freddine eh?


            Che cazzate da scuola media! :)

            Se tu fossi in Corea del Nord e volessi

            scrivere ai giornali liberi esteri che il

            partito al potere sta compiendo abusi,

            diresti "caspita come farei senza
            remailer,

            mi salvano la vita, Ora posso dare luogo

            alla mia liberta' di espressione senza

            venire arrestato ed incarcerato per le mie

            idee".

            Ovviamente se tu fossi un membro del
            partito

            accusato diresti "Che vigliacco questo

            delatore".



            Ah... capperi... chissà come hanno fatto a
            fare la rivoluzione francese senza remailer.

            Chissà invece come avranno fatto a buttare
            giù il world trade center una banda di
            talebani, che fanno della vigliaccheria la
            loro arma migliore. Chissà come avranno
            fatto a scambiarsi informazioni nell'era di
            echelon.

            Ovviamente questo è un esempio portato
            all'eccesso; lo dico per le tue sinapsi che
            mi sembrano ancora un pochino ibernate.

            Lu PenTe lo dico io come hanno 1) fatto hanno preso per i fondelli quelli che cercavano le "armi di distruzione di massa" e hanno usato tagliacarte e cutter da ufficio.2) hanno mandato i marines della 101 a ricorrere un pastore in moto facendogli credere che fosse Bin Laden (sic)3) hanno sbugiardato le misure di sicurezza con cui controllano in america i voli che vengono dall'estero perchè hanno preso voli interni.4) hanno mostrato che la fede nelle tecnologie di controllo è mal riposta perchè tutti i messaggi se li sono scambiati in chiaro (alla faccia di echelon).5) continuano a dimostrare che in una società altamente organizzata ci sono fragilità ampie da sfruttare (basta uno spray al peperoncino per causare, come purtoppo è successa in una discoteca americana, decine di morti e di feriti) senza bisogno di correre i rischi e le difficoltà dell' hi-tech e di chissà quali diavolerie.Tu continua pure a credere nelle logiche da ipersoverglianza e vedrai come diventi più sicuro!Spero che ti mandino a guantanamo a pensarci un poco su.... quelli come te ovviamente ignorano il perchè esistano cose come il primo emendamento nella costituzione americana!Cip e Ciop e paperino .... o era paperina?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            Te lo dico io come hanno

            1) fatto hanno preso per i fondelli quelli
            che cercavano le "armi di distruzione di
            massa" e hanno usato tagliacarte e cutter da
            ufficio.

            2) hanno mandato i marines della 101 a
            ricorrere un pastore in moto facendogli
            credere che fosse Bin Laden (sic)

            3) hanno sbugiardato le misure di sicurezza
            con cui controllano in america i voli che
            vengono dall'estero perchè hanno preso voli
            interni.

            4) hanno mostrato che la fede nelle
            tecnologie di controllo è mal riposta perchè
            tutti i messaggi se li sono scambiati in
            chiaro (alla faccia di echelon).

            5) continuano a dimostrare che in una
            società altamente organizzata ci sono
            fragilità ampie da sfruttare (basta uno
            spray al peperoncino per causare, come
            purtoppo è successa in una discoteca
            americana, decine di morti e di feriti)
            senza bisogno di correre i rischi e le
            difficoltà dell' hi-tech e di chissà quali
            diavolerie.

            Tu continua pure a credere nelle logiche da
            ipersoverglianza e vedrai come diventi più
            sicuro!

            Spero che ti mandino a guantanamo a pensarci
            un poco su.... quelli come te ovviamente
            ignorano il perchè esistano cose come il
            primo emendamento nella costituzione
            americana!

            Cip e Ciop e paperino .... o era paperina?Wow... e come sai tutte queste cose? Ti hanno mailato /bin/laden e saddam tramite il remailer del circolo arci-gay disubbidienti lug di passo pisciaro sull'etna?Speriamo che ti diano un lavoro presto, così poi avrai meno tempo per giocare al Guevara Telematico e per impanoiarti con queste storie da blog/lug/arci gay e più tempo per produrre. Magari quando dovrai spedire una mail per lavoro e perderai 15 minuti ogni volta per eliminare la cacca di gente che non sopporta il mac donald e per l'ultima barzelletta sul berlusca, ricordati di questo thread.Ciao paperina.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Te lo dico io come hanno



            1) fatto hanno preso per i fondelli quelli

            che cercavano le "armi di distruzione di

            massa" e hanno usato tagliacarte e cutter
            da

            ufficio.



            2) hanno mandato i marines della 101 a

            ricorrere un pastore in moto facendogli

            credere che fosse Bin Laden (sic)



            3) hanno sbugiardato le misure di
            sicurezza

            con cui controllano in america i voli che

            vengono dall'estero perchè hanno preso
            voli

            interni.



            4) hanno mostrato che la fede nelle

            tecnologie di controllo è mal riposta
            perchè

            tutti i messaggi se li sono scambiati in

            chiaro (alla faccia di echelon).



            5) continuano a dimostrare che in una

            società altamente organizzata ci sono

            fragilità ampie da sfruttare (basta uno

            spray al peperoncino per causare, come

            purtoppo è successa in una discoteca

            americana, decine di morti e di feriti)

            senza bisogno di correre i rischi e le

            difficoltà dell' hi-tech e di chissà quali

            diavolerie.



            Tu continua pure a credere nelle logiche
            da

            ipersoverglianza e vedrai come diventi più

            sicuro!



            Spero che ti mandino a guantanamo a
            pensarci

            un poco su.... quelli come te ovviamente

            ignorano il perchè esistano cose come il

            primo emendamento nella costituzione

            americana!



            Cip e Ciop e paperino .... o era paperina?

            Wow... e come sai tutte queste cose? Ti
            hanno mailato /bin/laden e saddam tramite il
            remailer del circolo arci-gay disubbidienti
            lug di passo pisciaro sull'etna?Ma caro mio erano scritte sui giornali e sulle tv (anche quelle di berlusconi)

            Speriamo che ti diano un lavoro presto, così
            poi avrai meno tempo per giocare al Guevara
            Telematico e per impanoiarti con queste
            storie da blog/lug/arci gay e più tempo per
            produrre. Magari quando dovrai spedire una
            mail per lavoro e perderai 15 minuti ogni
            volta per eliminare la cacca di gente che
            non sopporta il mac donald e per l'ultima
            barzelletta sul berlusca, ricordati di
            questo thread.Ricodatene tu quando sarai a Guantanamo! pare che la permanenza non offra grandi svaghi

            Ciao paperina.
            Ciao beatrice!Cip e Ciop e Clarabella?
            Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Che bella persona...

            Sinapsi ancora freddine eh?


            Che cazzate da scuola media! :)

            Se tu fossi in Corea del Nord e volessi

            scrivere ai giornali liberi esteri che il

            partito al potere sta compiendo abusi,

            diresti "caspita come farei senza
            remailer,

            mi salvano la vita, Ora posso dare luogo

            alla mia liberta' di espressione senza

            venire arrestato ed incarcerato per le mie

            idee".

            Ovviamente se tu fossi un membro del
            partito

            accusato diresti "Che vigliacco questo

            delatore".



            Ah... capperi... chissà come hanno fatto a
            fare la rivoluzione francese senza remailer.Perchè tu credi che durante la rivoluzione Francese la gente non poteva essere anonima?Cosa sono le lettere anonime? le hai solo grazie a un ufficio postale anonimo?Cosa sono gli pseudonimi?Cosa sono le false identità?Non mi pare ci vogliano i remailer per farlo, solo che con l'e-mail è l'UNICO modo per farlo.
            Chissà invece come avranno fatto a buttare
            giù il world trade center una banda di
            talebani, che fanno della vigliaccheria la
            loro arma migliore. Chissà come avranno
            fatto a scambiarsi informazioni nell'era di
            echelon.Di sicuro non tramite e-mail.Scusa, ma se tu sei un terrorista e sai che tutti i messaggi elettronici sono sotto stretta sorveglianza, usi le e-mail?Allora vuol dire che non hai testa.Io scriverei delle semplicissime lettere e le farei inviare da qualche basista incensurato (e ce ne sono tanti che lavorano per i terroristi).Oppure userei il vecchio metodo degli annunci sul giornale: Vendo armadio a doppie ante, chiamare il 555-1234 dopo le 9:00 am.Ovvero: far sparire grattacieli gemelli usando il volo 1234 e cominciando l'operazione alle 09:00.Messaggio perfettamente anonimo e totalmente irrintracciabile (tranne per il povero cristo che ha il telefono 555-1234 ma che crederà a un'errore).
            Ovviamente questo è un esempio portato
            all'eccesso; lo dico per le tue sinapsi che
            mi sembrano ancora un pochino ibernate.

            Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Oh si che ne ha la facoltà. Qualunque
            vigliacco può.
            Il remailer non tiene traccia di nulla.Per le tue affermazioni e per la tua bella faccia no...

            Perchè tra i motivi che un vigliacco può
            reputare validi, ce ne può essere uno che la
            comunità reputa non valido.La comunità non sei solo te stesso. O viviamo a monopoli?
            Ti è chiaro che
            non puoi fare tutto quello che vuoi in una
            società?Ti è chiaro che se c'è democrazia ho diritto di rendermi anonimo pur rimanendo nella legalita? In tutti questi discorsi non sei riuscito a dimostrare minimamente che i remailer sono il veicolo dello spam, ma hai sparato solo parole a vanvera offendendo e rispondendo malamente di qua e di la per pararti.. Eppure siamo in democrazia...
            Se fossi invisibile mi sarei già
            trombato Alessia Merz, che lei lo voglia
            oppure no. Vedo che hai un concetto molto ristretto di visibilita oppure meno..
            Se tutti fossimo invisibili
            sarebbe il caos più totale, oltre che un
            branco di vigliacchi.Vigliacco è colui che compie un'azione da prepotente su persone più deboli, e non nascondersi verso un indirizzo email fasullo.
            Pensaci su.Anche te...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: il_fabry

            Probabilmente le sinapsi non sono in

            funzione in questo momento.



            Io mi firmo, ma la mia firma vale quanto
            la

            tua...

            Non è un problema di valore... è solo un
            problema di vigliaccheria.
            Mi spieghi che senso ha ricevere una mail
            anonima (magari di protesta) (magari priva
            di interesse) a cui poi non si può
            rispondere e ribattere in nessun modo?Al solito, documentarsi prima, aprire bocca poi.Chi dice che non si puo' rispondere ad una mail anonima ?http://e-privacy.firenze.linux.it/pws/Come_realizzare_un_nym_server.htmlWinnie
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            Al solito, documentarsi prima, aprire bocca
            poi.

            Chi dice che non si puo' rispondere ad una
            mail
            anonima ?

            http://e-privacy.firenze.linux.it/pws/Come_re

            WinnieNon parlavo di un problema tecnico.Al pari di una lettera anonima, non ci perdo neanche 2 secondi per aprirla... pensa te se mi pongo il problema di rispondere o no.Remailer? Vigliaccata, e giustamente non deve durare a lungo.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Al solito, documentarsi prima, aprire
            bocca

            poi.



            Chi dice che non si puo' rispondere ad una

            mail

            anonima ?




            http://e-privacy.firenze.linux.it/pws/Come_re



            Winnie

            Non parlavo di un problema tecnico.

            Al pari di una lettera anonima, non ci perdo
            neanche 2 secondi per aprirla... pensa te se
            mi pongo il problema di rispondere o no.

            Remailer? Vigliaccata, e giustamente non
            deve durare a lungo.WOW .... Vai, Rambo !
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Non parlavo di un problema tecnico.
            Al pari di una lettera anonima, non ci perdo
            neanche 2 secondi per aprirla... pensa te se
            mi pongo il problema di rispondere o no.Ma per piacere....
            Remailer? Vigliaccata, e giustamente non
            deve durare a lungo.Esponi in breve perchè secondo te è una vigliaccata, un remailer che ti tiene anonimo. Dopotutto anche tu ed io che ci firmiamo cosi siamo anonimi...Brado
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Ma per piacere....


            Remailer? Vigliaccata, e giustamente non

            deve durare a lungo.

            Esponi in breve perchè secondo te è una
            vigliaccata, un remailer che ti tiene
            anonimo. Dopotutto anche tu ed io che ci
            firmiamo cosi siamo anonimi...Ehhhhh..... magari lo foste! Illusi !Non e' cosi facile .....Emmanuel
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Ehhhhh..... magari lo foste! Illusi !
            Non e' cosi facile .....Era un paragone parecchio semplicistico, ma calzante... Ovviamente quando usi un prodotto anonimizzante viene registrato il tuo ip.
            EmmanuelBrado
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            Esponi in breve perchè secondo te è una
            vigliaccata, un remailer che ti tiene
            anonimo. Dopotutto anche tu ed io che ci
            firmiamo cosi siamo anonimi...

            BradoNemmeno tua sorella quando si fa chiamare Giovannona Coscialunga è anonima.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            esta è la definitiva risposta a quanto sei aperto mentalmente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: il_fabry
            Questa è la definitiva risposta a quanto sei
            aperto mentalmente.Sei alla frutta.Questo genere di risposte solitamente arriva dopo la frutta... appena prima di avere lo stimolo della cacca.Buona defecata.P.S.: se non hai argomentazioni, evita di postare, che guadagni in tempo e in reputazione.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: il_fabry

            Questa è la definitiva risposta a quanto
            sei

            aperto mentalmente.

            Sei alla frutta.
            Questo genere di risposte solitamente arriva
            dopo la frutta... appena prima di avere lo
            stimolo della cacca.

            Buona defecata.

            P.S.: se non hai argomentazioni, evita di
            postare, che guadagni in tempo e in
            reputazione.

            Lu PenVorrei scriverti in privato e dirti che stai facendo una figura da persona poco dotata mentalmente.Però sei anonimo (quindi vigliacco) e perciò te lo dico in pubblico.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            Vorrei scriverti in privato e dirti che stai
            facendo una figura da persona poco dotata
            mentalmente.Ognuno giudichi come vuole....
            Però sei anonimo (quindi vigliacco) e perciò
            te lo dico in pubblico.LOL questa mi è piaciuta. Ognuno ha diritto di essere "anonimo" ma senza però tirare il sasso su un altro "della sua stessa specie"
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo
            Vorrei scriverti in privato e dirti che stai
            facendo una figura da persona poco dotata
            mentalmente.
            Però sei anonimo (quindi vigliacco) e perciò
            te lo dico in pubblico.Che defecata in faccia che gli hai fatto!Come vedi Lu Pen, essere anonimi non tutela dal non essere pubblici e in questo stato si viene effettivamente presi in considerazione, nel bene e nel male, In questo caso, nel male, perché stai facendo una figura da persona poco dotata.Nel bene, ringrazia che c'è l'anonimato che ti protegge, Sig. Lu Pen, dallo sberleffo diretto.Un altro anonimo
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            Un altro anonimoahahahhaha illuso!anonimo finchè P.I. non è costretta ad esibire il tuo IP (che non è anonimo)Bada a quello che scrivi, perchè in realtà qua sopra sei anonimo un par de balle.Lu pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            -
            ahahahhaha illuso!
            anonimo finchè P.I. non è costretta ad
            esibire il tuo IP (che non è anonimo)
            Bada a quello che scrivi, perchè in realtà
            qua sopra sei anonimo un par de balle.

            Lu penMai sentito parlared i proxy anonimi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            -
            ahahahhaha illuso!

            anonimo finchè P.I. non è costretta ad

            esibire il tuo IP (che non è anonimo)

            Bada a quello che scrivi, perchè in realtà

            qua sopra sei anonimo un par de balle.



            Lu pen

            Mai sentito parlared i proxy anonimi?Evviva usiamo tutti i proxy anonimi così la postale non ci becca più!Ma vatti a nascondere.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            bellissimo perchè invece estica22i@aol.com
            non è anonimo?Benissimo... allora che ti serve il remailer? Usa stikazzi@aol.com
            guarda che la large percentuale dello spam
            non ha molto a che fare con i remailer
            anzi!!Chi ha parlato di spam? Bevi meno che ti concentri di più.
            lo spam "serve" come veicolo commerciale e
            lo si usa (almeno così crede chi lo fa) per
            rendere più "visibile" il "prodotto"....e allora?

            Quanto ai pochi vedi un poco www.eff.org!
            ciao cocco belloeh ?

            Cip e Ciop e paperinoAssurdo.Lu Pen
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            Ribadisco... questo è uno strumento
            necessario per i vigliacchi. Fortunatamente
            i vigliacchi se li cagano in pochi.

            Lu Pense sei cosi' coraggioso perche' non dici a tutti dove abitie poi comincia a dare del vigliacco a destra e a manca...magari qualcuno di quei vigliacchi te lo trovi sotto casa ad aspettartie' per evitare simili problemi che l'anonimato va garantitonon per diffamare, spammare o commettere degli illecitima semplicemente per evitare che chi esprime il proprio pensiero possa farlo senza rischiare di incorrere in guai, a volte anche molto seri
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Probabilmente le sinapsi non sono in

          funzione in questo momento.

          Vigliacco 2 volte. Non ti firmi nemmeno qui.

          Lu PenAh, invece tu ti sei firmato....Superpippo
          • postmaster scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Probabilmente le sinapsi non sono in


            funzione in questo momento.



            Vigliacco 2 volte. Non ti firmi nemmeno
            qui.



            Lu Pen

            Ah, invece tu ti sei firmato....

            Superpippoeh eh eh eh eh .. siete forti .. bibi' .. e bibo' ..
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.

            eh eh eh eh eh .. siete forti .. bibi' .. e
            bibo' ..
            in realtà non sono la prima persona che aveva postato.Ma mi fa ridere uno che parla di "vigliaccheria" altrui...... e poi si firma con uno pseudonimo.PS: se invece LU PEN è il suo vero nome, allora ha ragione lui....
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
      Hai ragione, anche le armi da fuoco sono roba da vigliacchi.Vanno bandite. Torniamo a dirci le cose in faccia e a darci sani colpi d'ascia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer? Strumento per vigliacchi.
      BRAVO'la pensi propio come il governo cinese, sei propio un cumunista
    • Anonimo scrive:
      Re: 5 minuti di gloria...?
      - Scritto da: Anonimo
      Come da titolo.

      Lu PenUn pomeriggio di post per rispondere a uno che definisce "vigliacco" chi resta anonimo....ma si guarda bene dal dire il suo nome....(complimenti per la coerenza)e che ha talmente poche argomentazioni, da rispondere agli altri quasi esclusivamente tramite offese(ricordo pochi forum con tante censure...)Complimenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: 5 minuti di gloria...?

        Un pomeriggio di post per rispondere a uno
        che definisce "vigliacco" chi resta
        anonimo....E' un troll oppure uno zotico, in entrambi i casi fessi noi che ci discutiamo.
  • Anonymous scrive:
    per quelli che odiano i remailer
    oggi chiudiamo quellidomani rendiamo illegale la crittografiala settimana prossima magari obblighiamo tutte le persone a farsi piantare sotto pelle un chip per essere sempre rintracciabilipoi magari permettiamo ai vari governi di impiantare telecamere ovunque (che si sa, eliminano qualunque crimine)Poi facciamo una legge che permetta alla polizia o chi per essa di poter fare indagini senza preavviso sul nostro conto, ascoltando le nostre telefonate, leggendo la nostra posta, tracciando i nostri collegamenti a internetinfine rendiamo illegale esprimere la propria opinione (stampa, forum, ecc..)ecc..Se tutte le altre cose vi sembrano assurde, perche' non deve esserlo anche chiudere i remailer??Forse a voi non frega niente, magari perche' non avete mai avuto la necessita' di usarne uno!!!e per quelli che insistono con il dire che sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un remailer!!Mi fate schifo, proclamate l'importanza della privacy e calate i pantaloni quando questa viene messa a rischio in una delle sue parti.Vedrete, se tutti ragionano come voi, la scaletta che ho fatto a inizio post (provocatoria finche' si vuole) potrebbe essere realmente attuata.Anonymous
    • Anonimo scrive:
      Re: per quelli che odiano i remailer

      e per quelli che insistono con il dire che
      sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che
      ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un
      remailer!!Sempre per giustezza ed equità. Succede non spesso ma accade che arrivi spazzatura da questi indirizzi, ma non sono certo la fonte primaria di spazzatura, ne il veicolo principale.
    • Anonimo scrive:
      Re: per quelli che odiano i remailer
      - Scritto da: Anonymous
      oggi chiudiamo quelli
      domani rendiamo illegale la crittografiaGiusto, se non si dicono cose illegali non vedo perchè nascondere i dati.
      la settimana prossima magari obblighiamo
      tutte le persone a farsi piantare sotto
      pelle un chip per essere sempre
      rintracciabiliGiusto, altrimenti potresti non dichiarare la tua identità oppure dischiarare una falsa identità. Io dico di chiamarmi Marco e abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e abito a Roma. Eh no.Evitiamo questa possibilità che hanno i truffatori di usare false identità o di non identificarsi affatto, mettiamo un chip a tutti. Inoltre proporrei un codice a barre (magari dietro il collo come in Dark Angel).
      poi magari permettiamo ai vari governi di
      impiantare telecamere ovunque (che si sa,
      eliminano qualunque crimine)Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo agire di nascosto. Se non agisco illegalmente non vedo perchè non dovrei lasciarmi osservare. Sono una persona onesta io, non ho niente da nascondere. Però il borseggiatore non potrà più agire indisturbato.Però le telecamere devono essere posate dappertutto, altrimenti se resta anche solo un angolo morto in città chissà cosa potrebbe succedere in quel luogo. Devo pensare prima di tutto alla mia sicurezza.
      Poi facciamo una legge che permetta alla
      polizia o chi per essa di poter fare
      indagini senza preavviso sul nostro conto,
      ascoltando le nostre telefonate, leggendo la
      nostra posta, tracciando i nostri
      collegamenti a internetMi sembra evidente. Io come ho detto non ho nulla da nascondere, sono un libro aperto. Quindi perchè dovrei impedire alla polizia di indagare su di me? tanto non troverebbero nulla. Però in questo modo potrebbero trovare tutti i terroristi e i pedofili che ci sono in giro.
      infine rendiamo illegale esprimere la
      propria opinione (stampa, forum, ecc..)Questo mi pare esagerato, in fondo esprimere la propria opinione fa parte dei diritti fondamentali di una democrazia. Altrimenti dove andremo a finire?
      ecc..

      Se tutte le altre cose vi sembrano assurde,
      perche' non deve esserlo anche chiudere i
      remailer??E chi ha mai detto che siano assurde? Sono delle ottime idee, perfettamente in linea.Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso di un ID unico, così nessuno potrà farsi passare come invalido e lavorare allo stato, perchè i dati sarebbero incrociati tra i vari servizi.
      Forse a voi non frega niente, magari perche'
      non avete mai avuto la necessita' di usarne
      uno!!!No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere univocamente identificato per evitare abusi.
      e per quelli che insistono con il dire che
      sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno che
      ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da un
      remailer!!La prova! Se non fosse possibile rendersi anonimi perchè il computer inserisce direttamente l'ID unica nell'e-mail, allora sarebbe possibile rintracciare ogni spammer e sbatterlo in galera.
      Mi fate schifo, proclamate l'importanza
      della privacy e calate i pantaloni quando
      questa viene messa a rischio in una delle
      sue parti.Privacy? è solo una cosa che serve a proteggere i criminali.
      Vedrete, se tutti ragionano come voi, la
      scaletta che ho fatto a inizio post
      (provocatoria finche' si vuole) potrebbe
      essere realmente attuata.Non preoccuparti che ci arriviamo.
      Anonymousanonimamente vostro... :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: per quelli che odiano i remailer
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonymous

        oggi chiudiamo quelli

        domani rendiamo illegale la crittografia

        Giusto, se non si dicono cose illegali non
        vedo perchè nascondere i dati.Infatti M$ pubblica il codice ono ?


        la settimana prossima magari obblighiamo

        tutte le persone a farsi piantare sotto

        pelle un chip per essere sempre

        rintracciabili

        Giusto, altrimenti potresti non dichiarare
        la tua identità oppure dischiarare una falsa
        identità. Io dico di chiamarmi Marco e
        abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e
        abito a Roma. Eh no.
        Evitiamo questa possibilità che hanno i
        truffatori di usare false identità o di non
        identificarsi affatto, mettiamo un chip a
        tutti. Inoltre proporrei un codice a barre
        (magari dietro il collo come in Dark Angel).Certo come no ? mi pare la cosa migliore anzi lo colleghiamo al GPS così tua moglie ti pesca con la segretaria e il giorno che il primo signore coi baffetti decide che i numeri pari portano sfortuna e ti manda in un bel lager saremo tutti contenti!In fondo l'idea non è mica nuova il signore coi baffetti li tatuava già gli ebrei, ma poi anche gli zingari e i comunisti ecc.. ecc..Bravo! complimenti!


        poi magari permettiamo ai vari governi di

        impiantare telecamere ovunque (che si sa,

        eliminano qualunque crimine)

        Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo agire
        di nascosto. Se non agisco illegalmente non
        vedo perchè non dovrei lasciarmi osservare.
        Sono una persona onesta io, non ho niente da
        nascondere. Però il borseggiatore non potrà
        più agire indisturbato.E nenache quei fetentoni di oppositori che vogliono rompere le scatole coi loro problemi di democrazia! in galera! e al muro! come nel 1943, 1944 e 1945 basta con queste cianfrusaglie legalitariste e democratiche!
        Però le telecamere devono essere posate
        dappertutto, altrimenti se resta anche solo
        un angolo morto in città chissà cosa
        potrebbe succedere in quel luogo. Devo
        pensare prima di tutto alla mia sicurezza.
        Non ti preoccupare chi ti ha detto che devi pensare sovversivo! solo il signore coi baffetti pensa legalmente!Alla tua sicurezza ci pensa lui non tu!

        Poi facciamo una legge che permetta alla

        polizia o chi per essa di poter fare

        indagini senza preavviso sul nostro conto,

        ascoltando le nostre telefonate, leggendo
        la

        nostra posta, tracciando i nostri

        collegamenti a internet

        Mi sembra evidente. Io come ho detto non ho
        nulla da nascondere, sono un libro aperto.
        Quindi perchè dovrei impedire alla polizia
        di indagare su di me? tanto non troverebbero
        nulla. Però in questo modo potrebbero
        trovare tutti i terroristi e i pedofili che
        ci sono in giro.Infatti li hanno trovati (dopo quando era troppo tardi!)


        infine rendiamo illegale esprimere la

        propria opinione (stampa, forum, ecc..)

        Questo mi pare esagerato, in fondo esprimere
        la propria opinione fa parte dei diritti
        fondamentali di una democrazia. Altrimenti
        dove andremo a finire?
        Tu non decidi dove andiamo a finire è illegale decidere!

        ecc..



        Se tutte le altre cose vi sembrano
        assurde,

        perche' non deve esserlo anche chiudere i

        remailer??

        E chi ha mai detto che siano assurde? Sono
        delle ottime idee, perfettamente in linea.
        Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso di
        un ID unico, così nessuno potrà farsi
        passare come invalido e lavorare allo stato,
        perchè i dati sarebbero incrociati tra i
        vari servizi.


        Forse a voi non frega niente, magari
        perche'

        non avete mai avuto la necessita' di
        usarne

        uno!!!

        No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere
        univocamente identificato per evitare abusi.


        e per quelli che insistono con il dire che

        sono fonte di spam: ne vorrei vedere uno
        che

        ha mai ricevuto una mail pubblicitaria da
        un

        remailer!!

        La prova! Se non fosse possibile rendersi
        anonimi perchè il computer inserisce
        direttamente l'ID unica nell'e-mail, allora
        sarebbe possibile rintracciare ogni spammer
        e sbatterlo in galera.


        Mi fate schifo, proclamate l'importanza

        della privacy e calate i pantaloni quando

        questa viene messa a rischio in una delle

        sue parti.

        Privacy? è solo una cosa che serve a
        proteggere i criminali.


        Vedrete, se tutti ragionano come voi, la

        scaletta che ho fatto a inizio post

        (provocatoria finche' si vuole) potrebbe

        essere realmente attuata.

        Non preoccuparti che ci arriviamo.


        Anonymous

        anonimamente vostro... :-)Ecco appunto! Hai bisogno di rileggere un pochino di storia ... credo valla a rileggere da anonimo o no non ti può far male!
        • Anonimo scrive:
          Re: per quelli che odiano i remailer
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonymous


          oggi chiudiamo quelli


          domani rendiamo illegale la
          crittografia



          Giusto, se non si dicono cose illegali non

          vedo perchè nascondere i dati.

          Infatti M$ pubblica il codice ono ?





          la settimana prossima magari
          obblighiamo


          tutte le persone a farsi piantare sotto


          pelle un chip per essere sempre


          rintracciabili



          Giusto, altrimenti potresti non dichiarare

          la tua identità oppure dischiarare una
          falsa

          identità. Io dico di chiamarmi Marco e

          abitare a Milano mentre mi chiamo Pietro e

          abito a Roma. Eh no.

          Evitiamo questa possibilità che hanno i

          truffatori di usare false identità o di
          non

          identificarsi affatto, mettiamo un chip a

          tutti. Inoltre proporrei un codice a barre

          (magari dietro il collo come in Dark
          Angel).

          Certo come no ? mi pare la cosa migliore
          anzi lo colleghiamo al GPS così tua moglie
          ti pesca con la segretaria e il giorno che
          il primo signore coi baffetti decide che i
          numeri pari portano sfortuna e ti manda in
          un bel lager saremo tutti contenti!

          In fondo l'idea non è mica nuova il signore
          coi baffetti li tatuava già gli ebrei, ma
          poi anche gli zingari e i comunisti ecc..
          ecc..

          Bravo! complimenti!





          poi magari permettiamo ai vari governi
          di


          impiantare telecamere ovunque (che si
          sa,


          eliminano qualunque crimine)



          Chiaramente. Non vedo perchè dovremmo
          agire

          di nascosto. Se non agisco illegalmente
          non

          vedo perchè non dovrei lasciarmi
          osservare.

          Sono una persona onesta io, non ho niente
          da

          nascondere. Però il borseggiatore non
          potrà

          più agire indisturbato.

          E nenache quei fetentoni di oppositori che
          vogliono rompere le scatole coi loro
          problemi di democrazia! in galera! e al
          muro! come nel 1943, 1944 e 1945 basta con
          queste cianfrusaglie legalitariste e
          democratiche!


          Però le telecamere devono essere posate

          dappertutto, altrimenti se resta anche
          solo

          un angolo morto in città chissà cosa

          potrebbe succedere in quel luogo. Devo

          pensare prima di tutto alla mia sicurezza.



          Non ti preoccupare chi ti ha detto che devi
          pensare sovversivo! solo il signore coi
          baffetti pensa legalmente!

          Alla tua sicurezza ci pensa lui non tu!



          Poi facciamo una legge che permetta
          alla


          polizia o chi per essa di poter fare


          indagini senza preavviso sul nostro
          conto,


          ascoltando le nostre telefonate,
          leggendo

          la


          nostra posta, tracciando i nostri


          collegamenti a internet



          Mi sembra evidente. Io come ho detto non
          ho

          nulla da nascondere, sono un libro aperto.

          Quindi perchè dovrei impedire alla polizia

          di indagare su di me? tanto non
          troverebbero

          nulla. Però in questo modo potrebbero

          trovare tutti i terroristi e i pedofili
          che

          ci sono in giro.

          Infatti li hanno trovati (dopo quando era
          troppo tardi!)





          infine rendiamo illegale esprimere la


          propria opinione (stampa, forum, ecc..)



          Questo mi pare esagerato, in fondo
          esprimere

          la propria opinione fa parte dei diritti

          fondamentali di una democrazia. Altrimenti

          dove andremo a finire?



          Tu non decidi dove andiamo a finire è
          illegale decidere!



          ecc..





          Se tutte le altre cose vi sembrano

          assurde,


          perche' non deve esserlo anche
          chiudere i


          remailer??



          E chi ha mai detto che siano assurde? Sono

          delle ottime idee, perfettamente in linea.

          Chiudiamo i remailer e obblighiamo l'uso
          di

          un ID unico, così nessuno potrà farsi

          passare come invalido e lavorare allo
          stato,

          perchè i dati sarebbero incrociati tra i

          vari servizi.




          Forse a voi non frega niente, magari

          perche'


          non avete mai avuto la necessita' di

          usarne


          uno!!!



          No all'anonimato, ognuno dovrebbe essere

          univocamente identificato per evitare
          abusi.




          e per quelli che insistono con il dire
          che


          sono fonte di spam: ne vorrei vedere
          uno

          che


          ha mai ricevuto una mail pubblicitaria
          da

          un


          remailer!!



          La prova! Se non fosse possibile rendersi

          anonimi perchè il computer inserisce

          direttamente l'ID unica nell'e-mail,
          allora

          sarebbe possibile rintracciare ogni
          spammer

          e sbatterlo in galera.




          Mi fate schifo, proclamate l'importanza


          della privacy e calate i pantaloni
          quando


          questa viene messa a rischio in una
          delle


          sue parti.



          Privacy? è solo una cosa che serve a

          proteggere i criminali.




          Vedrete, se tutti ragionano come voi,
          la


          scaletta che ho fatto a inizio post


          (provocatoria finche' si vuole)
          potrebbe


          essere realmente attuata.



          Non preoccuparti che ci arriviamo.




          Anonymous



          anonimamente vostro... :-)

          Ecco appunto!
          Hai bisogno di rileggere un pochino di
          storia ... credo valla a rileggere da
          anonimo o no non ti può far male!Dovresti rileggerti tu il dizionario sotto la parola "ironia".La storia la conosco troppo bene, e attualmente ho come l'impressione che alcuni fatti incominciano a ripetersi. Solo che il signore coi baffetti le faceva per le strade, oggi le fanno sulle autostrade dell'informazione. Grazie a questo ci dicono che è diverso, e noi beoti ci caschiamo.
  • Tony Sarnano scrive:
    Remailer anonimo? No grazie!
    Scusate ma sinceramente io non sono mai riuscito a cogliere il significato dei remailer anonimi e del perché questi dovrebbero essere un diritto a tutela delle nostre libertà individuali.La nostra libertà si difende con il diritto alla riservatezza delle comunicazioni tra noi e i nostri (consapevoli) interlocutori. La cifratura dei dati è un diritto. La navigazione tramite proxy anonimi è un diritto. La conservazione dei log, dei dati personali, i tentativi di schedatura e controllo degli utenti (vedi Palladium) sono un affronto alla libertà individuale da combattere con tutte le forze, così come lo è lo spamming.E i remailer anonimi? Che interesse potrei avere io ad inviare posta (evidentemente non sollecitata) ad un interlocutore che dovrebbe non essere in grado di individuarmi? Posso avere il desiderio che una terza parte non sia in grado di intercettare il contenuto della comunicazione tra me e il mio interlocutore, ma è cosa ben diversa dall'inviare messaggi celando la propria identità.Mi spiace, sono contro lo spamming, sono contro i remailer anonimi. La mia opinione è che tutta l'informazione veicolata attraverso remailer anonimi dovrebbe essere buttata in /dev/null senza pietà.
    • nop scrive:
      Re: Remailer anonimo? No grazie!

      La mia opinione è
      che tutta l'informazione veicolata
      attraverso remailer anonimi dovrebbe essere
      buttata in /dev/null senza pietà.Appoggio tutto quello che dici...
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: nop

        La mia opinione è

        che tutta l'informazione veicolata

        attraverso remailer anonimi dovrebbe
        essere

        buttata in /dev/null senza pietà.

        Appoggio tutto quello che dici...Anch'io.Lu Pen
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer anonimo? No grazie!
      - Scritto da: Tony Sarnano
      Scusate ma sinceramente io non sono mai
      riuscito a cogliere il significato deiE' facile rispondere.Se tu vivi in un paese e fra persone dove ti senti libero di poter dire tutto quello che vuoi dire, non hai bisogno di anonimato (anche se dal "mancato bisogno" a "te lo vieto" ci corre).Se invece non vivi in uno di questi paradisi (io in Italia non ritengo di esserci) o ti frega qualcosa di chi non ci vive, allora ti sara' evidente perche' gli anonymus remailer sono una manifestazione di alto valore ed utilita' civile.Se poi ritieni che si possa fare spam significativo con i remailer, allora hai proprio bisogno di documentarti a riguardo.Ciao. Winnie
      • Tony Sarnano scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Tony Sarnano

        Scusate ma sinceramente io non sono mai

        riuscito a cogliere il significato dei

        E' facile rispondere.OK, vediamo un po'...

        Se invece non vivi in uno di questi paradisi
        (io in Italia non ritengo di esserci) o ti
        frega qualcosa di chi non ci vive, allora ti
        sara' evidente perche' gli anonymus remailer
        sono una manifestazione di alto valore ed
        utilita' civile.Mi fai solo un esempio concreto, e mi fai per favore capire perchè qualcuno potrebbe avere interesse a dar retta ad un messaggio non sollecitato e di origine imprecisata? Forse con un esempio concreto riuscirei a capire e nuovi orizzonti di Libertà si dischiuderebbero innanzi a me!

        Se poi ritieni che si possa fare spam
        significativo con i remailer, allora hai
        proprio bisogno di documentarti a riguardo.Non penso proprio, non ho mica detto che attraverso i remailer anonimi si fa dello spamming, ho solo evidenziato che a mio parere le email non sollecitate rompono il C4770 indipendentemente dal fatto che il loro contenuto sia o non sia commerciale.Comunque se hai documenti e testi da consigliare, faresti meglio a citarli esplicitamente invece di limitarti ad alludere: chissà mai che qualche lettore non sia interessato ad aprirsi la mente con le tue proposte di lettura.SalutiTony
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          Non sono quello di prima ma...
          Mi fai solo un esempio concreto, e mi fai
          per favore capire perchè qualcuno potrebbe
          avere interesse a dar retta ad un messaggio
          non sollecitato e di origine imprecisata?Solitamente una pulce nell'orecchio serve a muovere intere forze...
          Forse con un esempio concreto riuscirei a
          capire e nuovi orizzonti di Libertà si
          dischiuderebbero innanzi a me!Una segnalazione anonima di bomba o quando arriva talvolta qualche email da qualche "organismo combattente" viene presa in considerazione. Lo stesso potrebbe avvenire con notizie provenienti da altri paesi.
          Non penso proprio, non ho mica detto che
          attraverso i remailer anonimi si fa dello
          spamming, ho solo evidenziato che a mio
          parere le email non sollecitate rompono il
          C4770 indipendentemente dal fatto che il
          loro contenuto sia o non sia commerciale.Ma il loro "veicolo" non sono sempre e solo remailer anonimi, ma anche una mancanza radicale (a mio avviso) di filtraggi a dovere da parte degli isp. Se gli isp iniziassero anche loro a mettere dei filtri sui loro server di posta tramite servizi plus non a pagamento come alcuni offrono, già ci sarebbe un taglio radicale della sporcizia.
          Comunque se hai documenti e testi da
          consigliare, faresti meglio a citarli
          esplicitamente invece di limitarti ad
          alludere: chissà mai che qualche lettore non
          sia interessato ad aprirsi la mente con le
          tue proposte di lettura.Io non ne ho di testi da consigliarti, ma consiglio a te e a tutti di avere un poco di buon senso e senso di responsabilità e non attaccare tutto e tutti subito e cercare razionalmente le cause dei problemi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? esempio concreto

          Mi fai solo un esempio concretoecco un esempio concreto, di grandissima utilità, che mi è servito solo poco fa... io i remailer anonimi li ho sempre usati, e credo siano fondamentali.arrivò una segnalazione di un animale tenuto in condizioni orrende.occorreva spiegare come agire per salvare l'animale, ovviamente era importante il contenuto del messaggio non chi lo mandava, per questo si usano i remailer anonimi, quando è importante ciò che si dice, non chi lo dice, purtroppo invece in questa società c'è qualcuno che vuole che sia più importante chi dice e non cosa si dice...difendiamo i remailer anonimidifendiamo i proxy anonimila crittografia, e ogni altro strumento in difesadella nostra libertà,o ben presto qualcuno ci tirerà lo sciacquone con la nostra amata libertàanonimo
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? esempio concreto

            in altre parole tu segnali qualcosa e poi te
            ne lavi le mani ...
            certo una società ideale .......Perchè il concetto dei telefoni d'emergenza (azzurro, rosa, antitrust, ecc ecc) è sempre valido: io anonimo denuncio un fatto e scatta quanto deve....
            Ti auguro che la mia ipotesi non venga
            applicata sulla tua persona ...chissa cosa
            ne penserasti dopo......Mi è già successo ed è successo che ne sono stato scagionato, basta non avere la coda di paglia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? esempio concreto
            - Scritto da: Anonimo

            Mi fai solo un esempio concreto

            ecco un esempio concreto, di grandissima
            utilità, che mi è servito solo poco fa... io
            i remailer anonimi li ho sempre usati, e
            credo siano fondamentali.

            arrivò una segnalazione di un animale tenuto
            in condizioni orrende.

            occorreva spiegare come agire per salvare
            l'animale, ovviamente era importante il
            contenuto del messaggio non chi lo mandava,
            per questo si usano i remailer anonimi,
            quando è importante ciò che si dice, non chi
            lo dice, purtroppo invece in questa società
            c'è qualcuno che vuole che sia più
            importante chi dice e non cosa si dice...non capisco l'attinenza dell'esempio. che bisogno c'era di inviare un simile messaggio in forma anonima?
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Tony Sarnano


          Scusate ma sinceramente io non sono mai


          riuscito a cogliere il significato dei



          E' facile rispondere.

          OK, vediamo un po'...........
          Comunque se hai documenti e testi da
          consigliare, faresti meglio a citarli
          esplicitamente invece di limitarti ad
          alludere: chissà mai che qualche lettore non
          sia interessato ad aprirsi la mente con le
          tue proposte di lettura.Sono contrario, come tanti, a nutrire i troll come te.Se ti interessasse veramente, avresti seguito se non altro i link dell'articolo.Sono invece sicuro che altri interessati avranno la modestia di farlo e di usare Google.Winnie
          • nop scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!

            Sono invece sicuro che altri interessati
            avranno la modestia di farlo e di usare
            Google.
            quando si sostiene una tesi si portano sempre documenti,atti o fatti .....il fatto che dici di andarteli a cercare da solo è sintomo di pochezza............
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!


            Sono invece sicuro che altri interessati

            avranno la modestia di farlo e di usare

            Google.
            quando si sostiene una tesi si portano
            sempre documenti,atti o fatti .....
            il fatto che dici di andarteli a cercare da
            solo è sintomo di pochezza............Come è sintomo di pochezza voler trovare sempre un capro espiatorio e non una via di soluzione "civile". IMHO non credo i remailer siano la causa di tutti i mali di spam, ma le colpe si dividono tra abutudini degli utenti, isp, e chi ovviamente fa spam. Spiegami senno perche ultimamente gli isp a pagamento ti filtrano la posta? Dimostrazione che si può fare qualcosa lato server ma nessuno muove un dito. Personalmente mi adeguo a questo lassismo e da solo combatto il fenomeno, con un po' di buona volontà, e buoni comportamenti. O viviamo con il prosciutto davanti agli occhi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!

          Mi fai solo un esempio concreto, e mi fai
          per favore capire perchè qualcuno potrebbe
          avere interesse a dar retta ad un messaggio
          non sollecitato e di origine imprecisata?
          Forse con un esempio concreto riuscirei a
          capire e nuovi orizzonti di Libertà si
          dischiuderebbero innanzi a me!lo stesso della comunicazione anonima....o quasi...il paese in cui vivo non e' democraticoo opprime le minoranze o mette in atto politiche repressive (Turchia,le 2 Coree,Italia ,USA,Iran oggi ieri URSS,italia Fascista e/o stragista ecc ecc)mettiamo che come in iran,corea del nord o in turchia il salto repressivo sia avvenuto e sia palese e mettiamo che io organizzi una rete di resistenza(fughe clandestine di "osservati" politici,azioni di difesa, furto di documenti governativi compromettenti e loro diffusione,denuncia di sopprusi a giornali esteri)devo scrivere e scrivo in modo cifrato se per l'organizzazione o in modo chiaro se e' per la denuncia invio il messaggioma non devo far capire che il mittente sono io ...un tempocome durante la resistenza ci si passava messaggi crifrati o non firmati con un nome di battaglia in modo che non potessero esserci rappresaglie sulla famiglia del combattentema come fare con la comunicazione elettronica..se non coi remailer? come la lettera anonima..e' legale...perche non puo esserlo il suo orrispettivo elettronico?OpenCurcio*** Non senti le grida sulla barricata? la classe operaia riprende la sua lotta ***
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: Anonimo
        Se poi ritieni che si possa fare spam
        significativo con i remailer, allora hai
        proprio bisogno di documentarti a riguardo.

        Ciao. WinniePosto anche qui la mia domanda. Perchè con i remailer non sarebbe possibile fare "spam significativo"? quali sono le soluzione tecniche che adottano per ottenere questo traguardo? Non mi venite a dire cose generiche tipo "filtri anti-spam" o "adeguate politiche". Vorrei sapere quali sarebbero questi spietati filtri anti-spam e queste infallibili politiche adeguate e come funzionano.
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!

          Vorrei sapere quali
          sarebbero questi spietati filtri anti-spam e
          queste infallibili politiche adeguate e come
          funzionano.Piccole politiche che si possono attuare? Ti rispondo subito: iniziare a bloccare email provenienti da:*@*.br *@*.jp *@*.ru *@*.tw *@angelfire.* *@aol.* *@bellsouth.* *@cer10mail.com *@earthling.* *@earthlink.* *@edomainoffers.* *@elgreanin.* *@elucitherium.* *@enelia.* *@eros.rbmailsystems.* *@etasticdeals.* *@eudoramail.com *@google.* *@hornyxdolls.* *@hotpop.* *@instantaccess4u.* *@msn.**@mx*.* *@usa.* *greatdeals@jsuati.* *greatdeals@us.dbhits.* Io personalmente filtro anche tutto *@*yahoo*.* e *@*hotmail*.* tanto chi mi spedisce da tali indirizzi non viene filtrato grazie ad una whitelist. In più con l'ausilio di domino e dns antispam ecco che risolvo gran parte dei miei problemi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: il_fabry

            Vorrei sapere quali

            sarebbero questi spietati filtri
            anti-spam e

            queste infallibili politiche adeguate e
            come

            funzionano.

            Piccole politiche che si possono attuare? Ti
            rispondo subito: iniziare a bloccare email
            provenienti da:

            *@*.br
            *@*.jp
            *@*.ru
            *@*.tw
            *@angelfire.* [cut]

            Io personalmente filtro anche tutto
            *@*yahoo*.* e *@*hotmail*.* tanto chi mi
            spedisce da tali indirizzi non viene
            filtrato grazie ad una whitelist. In più con
            l'ausilio di domino e dns antispam ecco che
            risolvo gran parte dei miei problemi.Si, ma queste sono tecniche che fai a valle, cioè sul tuo server o computer personale. La mia domanda è : visto che si dice che tramite i remailer non è possibile inviare spam, come farebbero i gestori dei remailer ad ottenere cio? Non possono certo attuare in massa le tecniche che dici te
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!

            Si, ma queste sono tecniche che fai a valle,Concordo...
            cioè sul tuo server o computer personale. La
            mia domanda è : visto che si dice che
            tramite i remailer non è possibile inviare
            spam, come farebbero i gestori dei remailer
            ad ottenere cio? Non possono certo attuare
            in massa le tecniche che dici teCome qualunque altro provider che adesso ti fornisce il servizio a pagamento...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: il_fabry

            Si, ma queste sono tecniche che fai a
            valle,

            Concordo...


            cioè sul tuo server o computer personale.
            La

            mia domanda è : visto che si dice che

            tramite i remailer non è possibile inviare

            spam, come farebbero i gestori dei
            remailer

            ad ottenere cio? Non possono certo attuare

            in massa le tecniche che dici te

            Come qualunque altro provider che adesso ti
            fornisce il servizio a pagamento...Certo. Ma allora non diciamo che con i remailer non si può inviare spam, perchè non è veroTi dirò di più. Secondo me qualsiasi remailer può essere esso stesso un potenziale spammer e ti spiego perchè : i remailer affermano che se un tizio riceve spam tramite un remailer, questo tizio può semplicemente inviare un messaggio di protesta/segnalazione al remailer il quale si annota l'indirizzo e "promette" di non inviare più messaggi a quell'indirizzo. Dico, ma ci si rende conto che la tecnica del "sollecita una risposta" è proprio la tecnica usata dagli spammer per venire a conoscenza di caselle email "vive"? Non sto dicendo che tutti i remailer siano automaticamente degli spammer, sto dicendo che ogni remailer è POTENZIALMENTE uno spammer. Se io fossi uno spammer non mi parrebbe il vero di metter su un server remailer che fa il suo lavoro a tutti gli effetti ma che nel frattempo raccoglie anche gli indirizzi di coloro che "protestano", per poi usarli (ovviamente) tramite altri server di posta (remailer o meno)....
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: il_fabry


            Si, ma queste sono tecniche che fai a

            valle,



            Concordo...




            cioè sul tuo server o computer
            personale.

            La


            mia domanda è : visto che si dice che


            tramite i remailer non è possibile
            inviare


            spam, come farebbero i gestori dei

            remailer


            ad ottenere cio? Non possono certo
            attuare


            in massa le tecniche che dici te



            Come qualunque altro provider che adesso
            ti

            fornisce il servizio a pagamento...

            Certo. Ma allora non diciamo che con i
            remailer non si può inviare spam, perchè non
            è vero

            Ti dirò di più. Secondo me qualsiasi
            remailer può essere esso stesso un
            potenziale spammer e ti spiego perchè : i
            remailer affermano che se un tizio riceve
            spam tramite un remailer, questo tizio può
            semplicemente inviare un messaggio di
            protesta/segnalazione al remailer il quale
            si annota l'indirizzo e "promette" di non
            inviare più messaggi a quell'indirizzo.
            Dico, ma ci si rende conto che la tecnica
            del "sollecita una risposta" è proprio la
            tecnica usata dagli spammer per venire a
            conoscenza di caselle email "vive"? Non sto
            dicendo che tutti i remailer siano
            automaticamente degli spammer, sto dicendo
            che ogni remailer è POTENZIALMENTE uno
            spammer. Se io fossi uno spammer non mi
            parrebbe il vero di metter su un server
            remailer che fa il suo lavoro a tutti gli
            effetti ma che nel frattempo raccoglie anche
            gli indirizzi di coloro che "protestano",
            per poi usarli (ovviamente) tramite altri
            server di posta (remailer o meno)....Questo può farlo anche yahoo o hotmail. Che differenza fa? Allora tu mi stai dicendo che yahoo e hotmail sono degli spammers perchè tengono sicuramente traccia dgli indirizzi vivi che comunicano tramite il proprio servizio e che in seguito possono usare altri servers per fare lo sporco lavoro?A questo punto vietiamo qualsiasi servizio di messaggeria e facciamo prima.Qui non si parla del gestore del sito, che spammer o meno, lui non è anonimo affatto. Si parla degli utenti che sfruttano quei servizi. E non mi ricordo di aver mai ricevuto spam da un server anonimo. Mentre di messaggi provenienti da open-relay o yahoo o hotmail o altro ne è piena la trashcan.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!


            Ti dirò di più. Secondo me qualsiasi

            remailer può essere esso stesso un

            potenziale spammer e ti spiego perchè : i

            remailer affermano che se un tizio riceve

            spam tramite un remailer, questo tizio può

            semplicemente inviare un messaggio di

            protesta/segnalazione al remailer il quale

            si annota l'indirizzo e "promette" di non

            inviare più messaggi a quell'indirizzo.

            Dico, ma ci si rende conto che la tecnica

            del "sollecita una risposta" è proprio la

            tecnica usata dagli spammer per venire a

            conoscenza di caselle email "vive"? Non
            sto

            dicendo che tutti i remailer siano

            automaticamente degli spammer, sto dicendo

            che ogni remailer è POTENZIALMENTE uno

            spammer. Se io fossi uno spammer non mi

            parrebbe il vero di metter su un server

            remailer che fa il suo lavoro a tutti gli

            effetti ma che nel frattempo raccoglie
            anche

            gli indirizzi di coloro che "protestano",

            per poi usarli (ovviamente) tramite altri

            server di posta (remailer o meno)....

            Questo può farlo anche yahoo o hotmail. Che
            differenza fa? Allora tu mi stai dicendo che
            yahoo e hotmail sono degli spammers perchè
            tengono sicuramente traccia dgli indirizzi
            vivi che comunicano tramite il proprio
            servizio e che in seguito possono usare
            altri servers per fare lo sporco lavoro?Si, si, certo, forse mi sono spiegato male, certamente la cosa è la stessa anche con i server normali, però i server normali li puoi contattare per denunciare lo spammer di turno in modo tale che si possa prendere provvedimenti diretti e mirati a colpire in qualche modo il "rompipalle", i remailer viceversa per loro filosofia non possono fare altro che inserirti nella lista dei "destinatari da rifiutare", impedendoti quindi anche di ricevere posta legittima da quel remailer.In ogni caso la mia domanda originaria era "quali sono questi meccanismi anti-spam che i remailer hanno per impedire abusi, tanto che si asserisce che i remailer NON POSSONO (addirittura) essere usati per spammare?" e dalle tue risposte finora mi par di capire che non è vero che non possono essere usati per spammare, possono essere usati nè più nè meno come i server normali
            Qui non si parla del gestore del sito, che
            spammer o meno, lui non è anonimo affatto.
            Si parla degli utenti che sfruttano quei
            servizi. E non mi ricordo di aver mai
            ricevuto spam da un server anonimo. Mentre
            di messaggi provenienti da open-relay o
            yahoo o hotmail o altro ne è piena la
            trashcan.Mah, secondo me questo è dovuto al fatto che di remailer ce ne sono ancora relativamente pochi e non vengono usati da tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo...

            Questo può farlo anche yahoo o hotmail.
            Che

            differenza fa? Allora tu mi stai dicendo
            che

            yahoo e hotmail sono degli spammers perchè

            tengono sicuramente traccia dgli indirizzi

            vivi che comunicano tramite il proprio

            servizio e che in seguito possono usare

            altri servers per fare lo sporco lavoro?

            Si, si, certo, forse mi sono spiegato male,
            certamente la cosa è la stessa anche con i
            server normali, però i server normali li
            puoi contattare per denunciare lo spammer di
            turno in modo tale che si possa prendere
            provvedimenti diretti e mirati a colpire in
            qualche modo il "rompipalle", i remailer
            viceversa per loro filosofia non possono
            fare altro che inserirti nella lista dei
            "destinatari da rifiutare", impedendoti
            quindi anche di ricevere posta legittima da
            quel remailer.

            In ogni caso la mia domanda originaria era
            "quali sono questi meccanismi anti-spam che
            i remailer hanno per impedire abusi, tanto
            che si asserisce che i remailer NON POSSONO
            (addirittura) essere usati per spammare?" e
            dalle tue risposte finora mi par di capire
            che non è vero che non possono essere usati
            per spammare, possono essere usati nè più nè
            meno come i server normaliNon si usano per spammare proprio perchè rendono difficile l'automatizzazione dello spam. Uno spammer sfrutta il fatto che un open-relay si incarica di fare il lavoro sporco al posto suo. Il che gli evita di lasciare il computer al lavoro per troppo tempo e quindi facilitare il lavoro dei filtri.Uno Yahoo può facilmente vedere che il computer con numero IP A.B.C.D ha inviato 10'000 mails e bloccarle tutte (ed è quello che hanno fatto con una famosa università che aveva inviato le note ai propri studenti), e questo in automatico. Non appena i filti vedono un grosso invio, bloccano.Se invece il computer in questione si collega a degli open-relay, può usarli per fargli fare il lavoro e quindi non rischiare nulla, i messaggi partono e al peggio è il server open-relay che finisce nelle liste nere.Un remailer anonimo non permette questo tipo di operazione e per questo è poco appetibile agli spammer.Spammare un'indirizzo uno ad uno sarebbe equivalente ad avere una macchina che si collega presso ogni destinatario per depositargli il mail personalmente. Chiaramente si può fare ed eviteresti ogni filtro (fintanto che la tua macchina non è intercettata), ma è impraticabile perchè poco pratico, quindi nessuno lo fa.

            Qui non si parla del gestore del sito, che

            spammer o meno, lui non è anonimo affatto.

            Si parla degli utenti che sfruttano quei

            servizi. E non mi ricordo di aver mai

            ricevuto spam da un server anonimo. Mentre

            di messaggi provenienti da open-relay o

            yahoo o hotmail o altro ne è piena la

            trashcan.

            Mah, secondo me questo è dovuto al fatto che
            di remailer ce ne sono ancora relativamente
            pochi e non vengono usati da tuttiNo, è dovuto al fatto che usarli per spammare è poco pratico, domanda troppo lavoro, e quindi nessuno li usa per quello scopo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo
            Dico, ma ci si rende conto che la tecnica
            del "sollecita una risposta" è proprio la
            tecnica usata dagli spammer per venire a
            conoscenza di caselle email "vive"? Non sto
            dicendo che tutti i remailer siano
            automaticamente degli spammer, sto dicendo
            che ogni remailer è POTENZIALMENTE uno
            spammer. Se io fossi uno spammer non mi
            parrebbe il vero di metter su un server
            remailer che fa il suo lavoro a tutti gli
            effetti ma che nel frattempo raccoglie anche
            gli indirizzi di coloro che "protestano",
            per poi usarli (ovviamente) tramite altri
            server di posta (remailer o meno)....Puo' essere che tu sia un esperto di spam, ma di sicuro non hai la piu' pallida idea di come funziona un remailer.Non c'e' nessuna possibilita' di usare un remailer improvvisato per la raccolta di indirizzi.Usa google e documentati. Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Dico, ma ci si rende conto che la tecnica

            del "sollecita una risposta" è proprio la

            tecnica usata dagli spammer per venire a

            conoscenza di caselle email "vive"? Non
            sto

            dicendo che tutti i remailer siano

            automaticamente degli spammer, sto dicendo

            che ogni remailer è POTENZIALMENTE uno

            spammer. Se io fossi uno spammer non mi

            parrebbe il vero di metter su un server

            remailer che fa il suo lavoro a tutti gli

            effetti ma che nel frattempo raccoglie
            anche

            gli indirizzi di coloro che "protestano",

            per poi usarli (ovviamente) tramite altri

            server di posta (remailer o meno)....

            Puo' essere che tu sia un esperto di spam,
            ma di sicuro non hai la piu' pallida idea di
            come funziona un remailerEcco il giudice (troll) saccente e improvvisato di turno che riesce a stabilire in 4 e 4 8 cosa so e cosa non so, senza portare nessun argomento a dimostrare che LUI invece sa e senza evolvere il discorso per dimostrare che davvero io non so
            Non c'e' nessuna possibilita' di usare un
            remailer improvvisato per la raccolta di
            indirizziA parte il fatto che io non ho parlato di remailer improvvisato, bensì ho parlato di remailer riconosciuto ed "in funzione a tutti gli effetti ma che nel frattempo raccoglie....", se tu sai come funzionano i remailer, sai anche che rientra nelle loro politiche il "customer care" dei recipienti (alias destinatari) dei messaggi, inteso come reattività immediata a fronte di loro segnalazione o protesta dovuta a ricezione di messaggi non sollecitati (alias spam). Questa reattività consiste nell'includere l'indirizzo protestante tra quelli che non vogliono ricevere mai più mail anonime, ergo il remailer ha un elenco di questi indirizzi. Spiegami ora TECNICAMENTE perchè un remailer non potrebbe usare quegli indirizzi per spammarli. Avanti, rendi open-source il tuo pensiero.... sentiamo
            Usa google e documentati. CiaoPer cortesia, questi sono argomenti da adulti. Facci il favore di tornare a giocare
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Se poi ritieni che si possa fare spam

          significativo con i remailer, allora hai

          proprio bisogno di documentarti a
          riguardo.



          Ciao. Winnie

          Posto anche qui la mia domanda. Perchè con i
          remailer non sarebbe possibile fare "spam
          significativo"? quali sono le soluzione
          tecniche che adottano per ottenere questo
          traguardo? Non mi venite a dire cose
          generiche tipo "filtri anti-spam" o
          "adeguate politiche". Vorrei sapere quali
          sarebbero questi spietati filtri anti-spam e
          queste infallibili politiche adeguate e come
          funzionano.C'è il metodo che consiste ad impedire a qualcuno di inviare a più indirizzi contemporaneamente. In questo modo lo spammer non potrà usare il server per inviare messaggi multipli, oppure dovrà inviarli dalla sua macchina in molteplice copia, ma sai che barba.Inoltre ricordati che il server anonimizzatore conosce l'identità della persona che maila, quindi se arrivano segnalazioni di spamming può escludere lo spammer. E visto che questo impone allo spammer di cambiare indirizzo e-mail è una soluzione troppo rompi per lo spammer stesso. Uno spammer che si rispetti usa dei servers open-relay che gli garantiscono un anonimato totale (visto che non puoi rispondere) oppure servers come quelli di yahoo o hotmail che ti autorizzano a creare tanti accounts quanti ne vuoi.Un anonimizzatore di solito ha una politica di "un utente un indirizzo".
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo[cut]

            Vorrei sapere quali

            sarebbero questi spietati filtri
            anti-spam e

            queste infallibili politiche adeguate e
            come

            funzionano.

            C'è il metodo che consiste ad impedire a
            qualcuno di inviare a più indirizzi
            contemporaneamente. In questo modo lo
            spammer non potrà usare il server per
            inviare messaggi multipli, oppure dovrà
            inviarli dalla sua macchina in molteplice
            copia, ma sai che barba.A parte il fatto che così si "infastidisce" l'utilizzo anche da parte di utenti "buoni", uno spammer con le palle mette su il suo computer spammante, lo lascia acceso giorno e notte ad inviare messaggi e sai quanto gliene importa se ne invia uno alla volta anche ogni pochi secondi l'uno dall'altro, magari cambiando ogni tot messaggi il remailer a cui s'appoggia in modo da destare meno sospetti. Sinceramente non mi sembra tanto "spietato" come metodo. Non sufficiente per giustificare l'affermazione "con i remailer non è possibile inviare spam"
            Inoltre ricordati che il server
            anonimizzatore conosce l'identità della
            persona che mailaAh, ma se è così allora NON c'è vera anonimizzazione totale. io so invece che tutti i remailer giurano di non loggare niente della connessione originaria, proprio per garantire anonimato a tutti i livelli
            quindi se arrivano
            segnalazioni di spamming può escludere lo
            spammerVeramente io so che quando arrivano segnalazioni il remailer onesto include l'indirizzo dal quale proviene la protesta nella lista degli indirizzi che non devono essere più accettati come destinatari di messaggi. E non si può fare altrimenti, cioè non si può lavorare sull'indirizzo mittente perchè .... (leggi dopo)
            E visto che questo impone allo
            spammer di cambiare indirizzo e-mail è una
            soluzione troppo rompi per lo spammer
            stesso.... non esiste proprio il concetto di indirizzo mittente, almeno non nel protocollo SMTP. Chiunque può forgiare un indirizzo fasullo come gfhgfh@gffg.tt e forgiarne uno diverso ogni volta, se necessario
            Uno spammer che si rispetti usa dei
            servers open-relay che gli garantiscono un
            anonimato totale (visto che non puoi
            rispondere) oppure servers come quelli di
            yahoo o hotmail che ti autorizzano a creare
            tanti accounts quanti ne vuoi.Uno spammer che si rispetti usa dei server open-relay ma non perchè garantiscono anonimato totale perchè non è vero (altrimenti non c'era bisogno d'inventare i remailer), bensì perchè un mail-server open-relay consente di inviare posta ovunque, a differenza dei server closed-relay che accettano messaggi indirizzati solo ai domini locali al server medesimo. Server come yahoo e hotmail certamente facilitano il compito degli spammer, ma non fare l'errore di pensare che siccome negli header del messaggio spam che ti arriva tu vedi scritto "@hotmail.com" o "@yahoo.it" allora lo spammer ha agito di sicuro da li perchè non è affatto detto. Come ti dicevo, non ci vuole NULLA a forgiare un email mittente fasulla (inesistente) e quindi uno spammer può inviarti un messaggio con mittente qualunque cosa egli voglia farti credere
            Un anonimizzatore di solito ha una politica
            di "un utente un indirizzo".Che significa? Vuoi dire che con un remailer si deve fare una sorta di sottoscrizione che ci assegna un indirizzo email la cui esistenza viene verificata all'atto dell'invio di ogni messaggio?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            [cut]


            Vorrei sapere quali


            sarebbero questi spietati filtri

            anti-spam e


            queste infallibili politiche adeguate e

            come


            funzionano.



            C'è il metodo che consiste ad impedire a

            qualcuno di inviare a più indirizzi

            contemporaneamente. In questo modo lo

            spammer non potrà usare il server per

            inviare messaggi multipli, oppure dovrà

            inviarli dalla sua macchina in molteplice

            copia, ma sai che barba.

            A parte il fatto che così si "infastidisce"
            l'utilizzo anche da parte di utenti "buoni",
            uno spammer con le palle mette su il suo
            computer spammante, lo lascia acceso giorno
            e notte ad inviare messaggi e sai quanto
            gliene importa se ne invia uno alla volta
            anche ogni pochi secondi l'uno dall'altro,
            magari cambiando ogni tot messaggi il
            remailer a cui s'appoggia in modo da destare
            meno sospetti. Sinceramente non mi sembra
            tanto "spietato" come metodo. Non
            sufficiente per giustificare l'affermazione
            "con i remailer non è possibile inviare
            spam"In questo modo lo spammer si rende vulnerabile perchè ci sono molti servers che ricevono messaggi da lui. Ce ne sarà pure uno che riuscirà a risalire al suo indirizzo IP.L'interesse è invece di mandare una copia del messaggio a un open-relay e lasciargli fare il lavoro.

            Inoltre ricordati che il server

            anonimizzatore conosce l'identità della

            persona che maila

            Ah, ma se è così allora NON c'è vera
            anonimizzazione totale. io so invece che
            tutti i remailer giurano di non loggare
            niente della connessione originaria, proprio
            per garantire anonimato a tutti i livelliDipende. Di solito il remailer conosce il mittente. Io anni fa ero iscritto a anon.funet.fi che è stato il primo anonimizzatore al mondo (parlo dei primi anni '90) e potevo facilmente comunicare passando dall'anonimizzatore.Semplicemente io inviavo una mail all'anonimizzatore che la forwardava al destinatario. Il destinatario doveva solo fare reply-to e io ricevevo la risposta.Il mio indirizzo anonimo restava tale ed era unico. Tutte le mail che ho mandato durante 2 anni avevano sempre lo stesso indirizzo anonimo e chiunque conoscesse il mio indirizzo anonimo poteva inviarmi messaggi.Chiaramente la cosa era a doppio-cieco, ovvero io stesso non sapevo chi mi stesse rispondendo (a meno che io stesso non ne conoscessi prima l'identità). Tradotto, se tu trovavi un mio messaggio anonimizzato sulle news e mi rispondevi personalmente, l'anonimizzatore ti anonimizzava e io stesso non potevo conoscere la tua identità.Chiaro che ci possono essere altri anonimizzatori con un funzionamento diverso, ma tutti consentono la risposta, quindi in qualche modo devono conoscere a chi inviarla.Poi queste informazioni possono essere criptate o inaccessibili o chissà che altro, ma se il server autorizza la risposta allora hanno la tua identità.Addirittura il gestore di anon.funet.fi, il giorno che lo hanno messo nei guai e imposto di chiudere il server ha semplicemente distrutto il disco duro, così che nessuno più avrebbe potuto conoscere le identità delle persone che hanno usato il servizio.

            quindi se arrivano

            segnalazioni di spamming può escludere lo

            spammer

            Veramente io so che quando arrivano
            segnalazioni il remailer onesto include
            l'indirizzo dal quale proviene la protesta
            nella lista degli indirizzi che non devono
            essere più accettati come destinatari di
            messaggi. E non si può fare altrimenti, cioè
            non si può lavorare sull'indirizzo mittente
            perchè .... (leggi dopo)Leggi qui sopra.

            E visto che questo impone allo

            spammer di cambiare indirizzo e-mail è una

            soluzione troppo rompi per lo spammer

            stesso

            .... non esiste proprio il concetto di
            indirizzo mittente, almeno non nel
            protocollo SMTP. Chiunque può forgiare un
            indirizzo fasullo come gfhgfh@gffg.tt e
            forgiarne uno diverso ogni volta, se
            necessarioInfatti, quindi siamo tutti anonimi, anche coloro che usano indirizzi "normali". Ed è per questo che non si può rispondere a uno spammer, perchè falsifica l'indirizzo.Un'anonimizzatore non falsifica l'indirizzo, lo rende anonimo, ma puoi sempre comunicare con la persona in questione, prova che l'indirizzo non è fasullo.

            Uno spammer che si rispetti usa dei

            servers open-relay che gli garantiscono un

            anonimato totale (visto che non puoi

            rispondere) oppure servers come quelli di

            yahoo o hotmail che ti autorizzano a
            creare

            tanti accounts quanti ne vuoi.

            Uno spammer che si rispetti usa dei server
            open-relay ma non perchè garantiscono
            anonimato totale perchè non è vero
            (altrimenti non c'era bisogno d'inventare i
            remailer), bensì perchè un mail-server
            open-relay consente di inviare posta
            ovunque, a differenza dei server
            closed-relay che accettano messaggi
            indirizzati solo ai domini locali al server
            medesimo. Server come yahoo e hotmail
            certamente facilitano il compito degli
            spammer, ma non fare l'errore di pensare che
            siccome negli header del messaggio spam che
            ti arriva tu vedi scritto "@hotmail.com" o
            "@yahoo.it" allora lo spammer ha agito di
            sicuro da li perchè non è affatto detto.
            Come ti dicevo, non ci vuole NULLA a
            forgiare un email mittente fasulla
            (inesistente) e quindi uno spammer può
            inviarti un messaggio con mittente qualunque
            cosa egli voglia farti credereSo benissimo come funzionano gli open-relay, grazie comunque della precisazione.Uno spammer usa open-relay perchè così evita che sia la sua macchina a dover sopportare il traffico. Se tu sei uno spammer e devi inviare 100'000 messaggi, fai prima a inviare 1'000 messaggi ad un open-relay specificando ogni volta 100 recipienti piuttosto che inviare tu stesso i 100'000 messaggi.Inoltre più messaggi invii con la tua macchina più rischi di essere beccato, con un open-relay l'unica cosa che beccano è il server OR e non lo spammer.Infatti le blacklists anti spam contengono soprattutto indirizzi di servers OR.

            Un anonimizzatore di solito ha una
            politica

            di "un utente un indirizzo".

            Che significa? Vuoi dire che con un remailer
            si deve fare una sorta di sottoscrizione che
            ci assegna un indirizzo email la cui
            esistenza viene verificata all'atto
            dell'invio di ogni messaggio?No, però al primo messaggio che invii tramite un anonimozzatore si crea automaticamente un conto sul server che permette alle risposte di esserti inviate. Poi le politiche sono due, o per ogni messaggio si crea un conto anonimo dove si memorizza il mittente in modo da riinviargli le risposte o per ogni mittente si crea un conto anonimo e tutti i messaggi di quel mittente useranno lo
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            Quindi non c'è vera anonimizzazione TOTALE. Intendo dire : sei anonimo per gli utenti del servizio, ma non lo sei affatto per i server remailer che forniscono il servizio, ho capito bene? Se il remailer crea un account per ogni sottoscrittore (o per ogni messaggio) e può persino risalire all'IP di chi ha inviato il messaggio, vuol dire che per lui tu non sei anonimo, giusto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo
            Quindi non c'è vera anonimizzazione TOTALE.
            Intendo dire : sei anonimo per gli utenti
            del servizio, ma non lo sei affatto per i
            server remailer che forniscono il servizio,
            ho capito bene? Se il remailer crea un
            account per ogni sottoscrittore (o per ogni
            messaggio) e può persino risalire all'IP di
            chi ha inviato il messaggio, vuol dire che
            per lui tu non sei anonimo, giusto?Giusto.In ogni caso a qualcuno devi fare fiducia, tutto stà nel sapere a chi.Inoltre devi anche chiederti quanto possa essere facile risalire al tuo indirizzo.Immagina di usare due o tre remailes in nazioni diverse.Se un servizio di punizione volesse cercare le informazioni non sarebbe sufficiente spiccare un mandato o spiare il forum o la casella postale di una delle due persone, ma bisognerebbe farlo su diversi servers sparsi per il mondo. Inoltre anche se emettessero una richiesta di informazioni internazionale essa non servirebbe a null'altro che a sapere che l'indirizzo è passato attraverso un remailer anonimo per il quale bisognerebbe ricominciare tutta la procedura.Questo garantisce a queste persone un anonimato "relativo" abbastanza solido. E ciò senza dover far fiducia a nessuno.Ed è proprio quello che interessa, essere anonimi senza dover dare fiducia a nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Tony Sarnano

        Scusate ma sinceramente io non sono mai

        riuscito a cogliere il significato dei

        E' facile rispondere.

        Se tu vivi in un paese e fra persone dove ti
        senti libero di poter dire tutto quello che
        vuoi dire, non hai bisogno di anonimato
        (anche se dal "mancato bisogno" a "te lo
        vieto" ci corre).

        Se invece non vivi in uno di questi paradisi
        (io in Italia non ritengo di esserci) o ti
        frega qualcosa di chi non ci vive, allora ti
        sara' evidente perche' gli anonymus remailer
        sono una manifestazione di alto valore ed
        utilita' civile.

        Se poi ritieni che si possa fare spam
        significativo con i remailer, allora hai
        proprio bisogno di documentarti a riguardo.

        Ciao. Winnienon ritieni in italia di essere in un paese dove puoi dire ciò che vuoi? forse dovresti girare un po' il mondo che hai le idee confuse ragazzo mio. Qui puoi dire quello che vuoi senza però offendere o diffamare una persona, la tua libertà di espressione finisce dove inizia la mia di essere rispettato comunque. Per il resto non ho mai visto nessuno nei forum in italia essere censurato per avere detto quello che voleva in piena libertà (ripeto nei limiti deldiritto comune). Queste email anonime non sono rispettose del mo diritto di non riceve mail non richiesta e di sapere chi mi manda cosa. Puoi dire quello che vuoi ma quando parli o scrivi pubblicamente è giusto che tu dica chi sei e non che ti nascondi dietro una mail anonima sopratutto perchè chi viene psesso attaccato non si può difendere. Ripeto in italia tu puoi scrivere questo e io rispondere e si può scrivere di cose ben peggiori e i giornali e i forum ne sono al dimostrazine dove è in italia la mancanza di libertà?vittorio
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Tony Sarnano


          Scusate ma sinceramente io non sono mai


          riuscito a cogliere il significato dei



          E' facile rispondere.



          Se tu vivi in un paese e fra persone dove
          ti

          senti libero di poter dire tutto quello
          che

          vuoi dire, non hai bisogno di anonimato

          (anche se dal "mancato bisogno" a "te lo

          vieto" ci corre).



          Se invece non vivi in uno di questi
          paradisi

          (io in Italia non ritengo di esserci) o ti

          frega qualcosa di chi non ci vive, allora
          ti

          sara' evidente perche' gli anonymus
          remailer

          sono una manifestazione di alto valore ed

          utilita' civile.



          Se poi ritieni che si possa fare spam

          significativo con i remailer, allora hai

          proprio bisogno di documentarti a
          riguardo.



          Ciao. Winnie

          non ritieni in italia di essere in un paese
          dove puoi dire ciò che vuoi? forse dovresti
          girare un po' il mondo che hai le idee
          confuse ragazzo mio. Qui puoi dire quello
          che vuoi senza però offendere o diffamare
          una persona, la tua libertà di espressione
          finisce dove inizia la mia di essere
          rispettato comunque. Per il resto non ho mai
          visto nessuno nei forum in italia essere
          censurato per avere detto quello che voleva
          in piena libertà (ripeto nei limiti
          deldiritto comune). Queste email anonime
          non sono rispettose del mo diritto di non
          riceve mail non richiesta e di sapere chi mi
          manda cosa. Puoi dire quello che vuoi maSapere chi ti manda cosa?Quindi tu sai esattamente chi ti spamma? E come cavolo faresti a saperlo?E quanti di questi spam ricevi tramite remailers anonimi?
          quando parli o scrivi pubblicamente è giusto
          che tu dica chi sei e non che ti nascondi
          dietro una mail anonima sopratutto perchè
          chi viene psesso attaccato non si può
          difendere. Ripeto in italia tu puoi scrivere
          questo e io rispondere e si può scrivere di
          cose ben peggiori e i giornali e i forum ne
          sono al dimostrazine dove è in italia la
          mancanza di libertà?
          vittorio
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer anonimo? No grazie!
      I remailer anonimi non possono essere utilizzati per spammare...come sembra siano convinti tutti quelli contrari.Se io sono in un paese dove dire qualcosa contro il regime è pericolo per la mia incolumità personale, devo avere il modo (meglio se molti modi) per aggirare il rischio.Se io voglio mandare delle informazioni ad una persona che abita fuori dal mio paese oppressivo, posso utilizzare la cifratura dei dati, però non posso evitare che la mail inviata verso l'esterno venga intercettata, e che vengano a costringerni "amichevolmente" a rivelarne il contenuto (e si sentono notizie circa pressioni per rendere illegale la cifratura dei dati).I remailer sono uno strumento...è ovvio che possono essere utilizzati anche per compiere un crimine (es. per minacciare di morte una persona o scambiarsi materiale illegale) o per rompere le scatole, ma questo vale per tutti gli altri sistemi da te citati e approvati.Pertanto no, sono daccordo con te su tutto quello che hai detto a favore della privacy, sono totalmente in disaccordo per quello che riguarda i remailer.Sandro M.
      • Tony Sarnano scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: Anonimo
        I remailer anonimi non possono essere
        utilizzati per spammare...come sembra siano
        convinti tutti quelli contrari.Va bene, ok, non si fa spamming ma che si fa? Lettere minatorie? Delazione?Poco m'importa che tu attraverso un remailer anonimo mi invii messaggi non commerciali, secondo me tutti i messaggi non sollecitati sono una rottura di C4770 anche se non si tratta di spamming.

        Se io sono in un paese dove dire qualcosa
        contro il regime è pericolo per la mia
        incolumità personale, devo avere il modo
        (meglio se molti modi) per aggirare il
        rischio.Insomma tu salveresti la democrazia con email anonime? Inviate a chi? E perchè mai dovrebbero essere prese in considerazione? Ma per favore... cerchiamo di essere un po' meno ideologici e soprattutto meno infantili.
        Se io voglio mandare delle informazioni ad
        una persona che abita fuori dal mio paese
        oppressivo, posso utilizzare la cifratura
        dei dati, però non posso evitare che la mail
        inviata verso l'esterno venga intercettata,
        e che vengano a costringerni
        "amichevolmente" a rivelarne il contenuto (e
        si sentono notizie circa pressioni per
        rendere illegale la cifratura dei dati).Questo è tutto un altro discorso: infatti il diritto alla cifratura dei dati è una vera garanzia democratica. Sinceramente penso che invece il remailer anonimo non lo sia affatto. Se qualcuno fosse intenzionato ad intercettare a scopo di censura i tuoi messaggi in base alla tua email (che comunque non è la tua identità), allora perchè non potrebbe intercettare anche tutto quanto proveniente da remailer anonimi? Mi spieghi dove sta la garanzia?
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!

          Va bene, ok, non si fa spamming ma che si
          fa? Lettere minatorie? Delazione?
          Poco m'importa che tu attraverso un remailer
          anonimo mi invii messaggi non commerciali,
          secondo me tutti i messaggi non sollecitati
          sono una rottura di C4770 anche se non si
          tratta di spamming.Non so il tuo caso, ma parlo a carattere generale. Quanti sanno che quando ti registri alla tale mail list o il tal servizio, o il tal sito, sei automaticamente collegato a X servizi aggiuntivi? Che in quel momento la email che hai inserito è nei loro database e nei database dei network collegati? Quanti di questi siti o servizi ti chiedono distintamente se vuoi o non vuoi ricevere email da loro?Questa piccola riflessione anche per rammentare che molte volte lo spam ce lo andiamo a cercare con le nostre stesse mani. Per quanto mi riguarda ho attuato questo piccolo meccanismo: per le newsletter che mi servono sono registrato con un indirizzo apposito, ed infatti oltre alle notizie utili, mi arrivano anche quelle "sporche", e a livello personale/professionale ho un altra email, la quale riceve si e no 3 messaggi "sporchi" al giorno.. Una buona politica di filtri "server side" e non soffro di alcun problema..
          • Tony Sarnano scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            Bravo professorino! Hai fatto la scoperta dell'acqua calda!- Scritto da: il_fabry

            Per quanto mi riguarda ho attuato questo
            piccolo meccanismo: per le newsletter che mi
            servono sono registrato con un indirizzo
            apposito, ed infatti oltre alle notizie
            utili, mi arrivano anche quelle "sporche", e
            a livello personale/professionale ho un
            altra email, la quale riceve si e no 3
            messaggi "sporchi" al giorno.. Una buona
            politica di filtri "server side" e non
            soffro di alcun problema..
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!

            Bravo professorino! Hai fatto la scoperta
            dell'acqua calda!L'acqua calda che nessuno dice però... E quindi essendo l'acqua calda perchè nessuno l'attua o si mette in condizione di farlo? Troppo comodo o non è l'acqua calda?O forse i fatti sono talmente ovvii che non hai di come rispondere?
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Tony Sarnano

          - Scritto da: Anonimo

          I remailer anonimi non possono essere

          utilizzati per spammare...come sembra
          siano

          convinti tutti quelli contrari.

          Va bene, ok, non si fa spamming ma che si
          fa? Lettere minatorie? Delazione?
          Poco m'importa che tu attraverso un remailer
          anonimo mi invii messaggi non commerciali,
          secondo me tutti i messaggi non sollecitati
          sono una rottura di C4770 anche se non si
          tratta di spamming.Ma perchè parli di messaggi non sollecitati? pensavo che il discorso verteva sui remailer anonimi.Facciamo degli esempi:Una donna viene maltrattata dal marito, ma non osa parlarne, ha paura e teme che possano esserci rappresaglie. Però desidera comunque discutere del suo caso, con un centro sociale o su un forum. Questo semplicemente per vedere se riesce a trovare aiuto o persone con il suo stesso problema. Come fa?Sta zitta?no, usa un remailer anonimo per effettuare le comunicazioni.Una persona è stata stuprata da bambina e vuole dibattere del suo caso ma senza fare accuse (per ragioni sue). Come fa? usa un remailer anonimo.Un dissidente politico di un paese oppressivo desidera far sapere dei sopprusi che la popolazione deve subire senza rischiare di trovarsi con una pallottola nel cranio. Che fa?usa un remailer anonimo.Un dissidente politico vuole mettersi in contatto con altri dissidenti politici del suo paese. Solo che non è sicuro se può fidarsi o meno della persona che si trova dall'altra parte, potrebbe essere un agente del governo in incognito. Usa un remailer anonimo, in questo caso può comunicare con la persona in questione e accertarsi della sua sincerità.Chiaramente tutti questi messaggi possono essere mandati su un forum o a uno specifico indirizzo, ma non possono di certo essere definiti spam.Inoltre questi remailers possono essere usati dai criminali o dai terroristi (oggi più alla moda che mai) o dai pedofili. Ma anche li si devono guardare i vantaggi e gli svantaggi. Non si possono vietare i coltelli perchè c'è chi li usa per uccidere, io li uso per tagliare le bistecche. Non puoi vietare i pacchi postali perchè c'è chi le usa per mandare bombe, io li uso per altre cose. Non puoi vietare il telefono perchè alcuni li usano per organizzare riunioni mafiose.Quindi non puoi vietare i remailer anonimi perchè c'è chi li usa illegalmente (tra cui i dissidenti di prima fanno parte). Ci sono una quantità di usi leciti dei remailers e questi possono garantire delle libertà che purtroppo troppo spesso il cittadino non ha.Inoltre, questo messaggio è anonimo, eppure non è ne illegale ne spam.

          Se io sono in un paese dove dire qualcosa

          contro il regime è pericolo per la mia

          incolumità personale, devo avere il modo

          (meglio se molti modi) per aggirare il

          rischio.

          Insomma tu salveresti la democrazia con
          email anonime? Inviate a chi? E perchè mai
          dovrebbero essere prese in considerazione?
          Ma per favore... cerchiamo di essere un po'
          meno ideologici e soprattutto meno
          infantili.



          Se io voglio mandare delle informazioni ad

          una persona che abita fuori dal mio paese

          oppressivo, posso utilizzare la cifratura

          dei dati, però non posso evitare che la
          mail

          inviata verso l'esterno venga
          intercettata,

          e che vengano a costringerni

          "amichevolmente" a rivelarne il contenuto
          (e

          si sentono notizie circa pressioni per

          rendere illegale la cifratura dei dati).

          Questo è tutto un altro discorso: infatti il
          diritto alla cifratura dei dati è una vera
          garanzia democratica. Sinceramente penso che
          invece il remailer anonimo non lo sia
          affatto. Se qualcuno fosse intenzionato ad
          intercettare a scopo di censura i tuoi
          messaggi in base alla tua email (che
          comunque non è la tua identità), allora
          perchè non potrebbe intercettare anche tutto
          quanto proveniente da remailer anonimi? Mi
          spieghi dove sta la garanzia?
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo
            Facciamo degli esempi:
            Una donna viene maltrattata dal marito, ma
            non osa parlarne, ha paura e teme che
            possano esserci rappresaglie. Però desidera
            comunque discutere del suo caso, con un
            centro sociale o su un forum. Questo
            semplicemente per vedere se riesce a trovare
            aiuto o persone con il suo stesso problema.
            Come fa?
            Sta zitta?
            no, usa un remailer anonimo per effettuare
            le comunicazioni.Può andare su un forum come quello di PIPuò usare una casella regolare con un nome d'invenzione come ce ne sono tanti. Qualunque persona comune (ivi compreso il marito crudele) non ha facoltà di andare da PI a chiedere qual'era l'IP di colui che postato quel messaggio quel giorno a quell'ora e con quello andare dall' ISP a chiedere chi fosse connesso con quell'IP quel giorno a quell'ora. Non ha nemmeno facoltà di andare dal gestore del dominio di posta per chiedere a chi corrisponda quella casella di posta e men che meno ha facoltà di fare la catena a ritroso degli IP dal suo server, su su fino al client che ha inviato il messaggio
            Una persona è stata stuprata da bambina e
            vuole dibattere del suo caso ma senza fare
            accuse (per ragioni sue). Come fa? usa un
            remailer anonimo.Usa gli stessi metodi descritti sopra
            Un dissidente politico di un paese
            oppressivo desidera far sapere dei sopprusi
            che la popolazione deve subire senza
            rischiare di trovarsi con una pallottola nel
            cranio. Che fa?
            usa un remailer anonimo.In un Paese oppressivo è molto probabile che l'accesso ad Internet non ci sia proprio (es.: mi pare in Vietnam) o sia vigilato in ben altri modi che nemmeno ti puoi immaginare (come nell'Irak di saddam)
            Un dissidente politico vuole mettersi in
            contatto con altri dissidenti politici del
            suo paese. Solo che non è sicuro se può
            fidarsi o meno della persona che si trova
            dall'altra parte, potrebbe essere un agente
            del governo in incognito. Usa un remailer
            anonimo, in questo caso può comunicare con
            la persona in questione e accertarsi della
            sua sincerità.E come farebbe a "sincerarsi" della "sincerità" del suo interlocutore anonimo? e come farebbe il suo interlocutore anonimo a sua volta a sincerarsi del primo? semplicemente dicendo "ciao sono io" ?? Se vuoi privacy basta che cripti i tuoi messaggi con strumenti tipo GPG, i quali ti GARANTISCONO l'autenticità del tuo interlocutore ovvero garantiscono che il tuo messaggio possa essere letto solo dal destinatario voluto[cut]
            Ci sono
            una quantità di usi leciti dei remailers e
            questi possono garantire delle libertà che
            purtroppo troppo spesso il cittadino non ha.Scommetto che sei tra quelli convinti che in Paesi come il nostro sia tra quelli oppressivi. Non entrerò nel merito di questo argomento perchè tanto sarebbe inutile, ma resta il fatto che strumenti come i remailer siano una manna dal cielo per gli usi criminali (tra i quali ovviamente non includo la libertà di espressione e parola) e siano quindi soggetti ad essere usati più da criminali che da persone per bene
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Facciamo degli esempi:

            Una donna viene maltrattata dal marito, ma

            non osa parlarne, ha paura e teme che

            possano esserci rappresaglie. Però
            desidera

            comunque discutere del suo caso, con un

            centro sociale o su un forum. Questo

            semplicemente per vedere se riesce a
            trovare

            aiuto o persone con il suo stesso
            problema.

            Come fa?

            Sta zitta?

            no, usa un remailer anonimo per effettuare

            le comunicazioni.

            Può andare su un forum come quello di PIAHAHAH!!!
            Può usare una casella regolare con un nome
            d'invenzione come ce ne sono tanti.Perche'? Sono strumenti che danno un perfetto anonimato?Se si, perche' prendersela tanto con i remailers?Se no, non sono la soluzione adeguata a chi cerca il totale anonimato. Qui tutti sappiamo che il moderatore archivia gli IP, qui non c'e' l'anonimato al 100%Le tue proposte sono insulse e ridicole.Non ce ne frega una mazza della persona comune che non ha mediamente accesso agli IP, ma ti vuoi rendere conto che volere 100% di anonimato vuol dire 100% e non che solo alcuni, siano essi moderatori o tecnici o amministratori di server, possano scoprire chi sei e altri no?
            In un Paese oppressivo è molto probabile che
            l'accesso ad Internet non ci sia proprioE' molto probabile? Ah quindi tu le tue posizioni intransigenti le basi su tue congetture su come potrebbe essere il mondo? Bambinetto... e noi che sprechiamo i nostri zuccheri a pensare a risponderti.
            resta il fatto che strumenti come i remailer
            siano una manna dal cielo per gli usi
            criminali (tra i quali ovviamente non
            includo la libertà di espressione e parola)
            e siano quindi soggetti ad essere usati più
            da criminali che da persone per beneAHAHAH! Sei come quei nostri avi che il tempo ha sbeffeggiato che quando arrivarono le prime automobili dissero "eh ma adesso i rapinatori avranno le auto per scappare piu' velocemente dopo una rapina. Sono strumenti soggetti ad essere usati più da criminali che da persone per bene""il cinema corrompe i giovani""il telefono aiuta criminali a comunicare""Il rock and roll corrompe i giovani""il PGP viene usato dalla mafia""Il P2P viene usato dai pedofili""il remailer viene usato dai criminali o dai vigliacchi"
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Facciamo degli esempi:


            Una donna viene maltrattata dal
            marito, ma


            non osa parlarne, ha paura e teme che


            possano esserci rappresaglie. Però

            desidera


            comunque discutere del suo caso, con un


            centro sociale o su un forum. Questo


            semplicemente per vedere se riesce a

            trovare


            aiuto o persone con il suo stesso

            problema.


            Come fa?


            Sta zitta?


            no, usa un remailer anonimo per
            effettuare


            le comunicazioni.



            Può andare su un forum come quello di PI

            Può usare una casella regolare con un nome

            d'invenzione come ce ne sono tanti.

            Perche'? Sono strumenti che danno un
            perfetto anonimato?forniscono anonimato a livello dei loro normali frequentatori, e questo è sufficiente per un caso come quello riportato dall' esempio
            Se si, perche' prendersela tanto con i
            remailers?perchè quelli totalmente anonimi forniscono ciò a tutti e a prescindere e CIO' E' SBAGLIATO. Secondo la tua filosofia nel mondo reale dovremmo ribellarci a quel meschino strumento di controllo e di privazione della libertà che è la carta d'identità e il registro dell'anagrafe, scommetto
            Se no, non sono la soluzione adeguata a chi
            cerca il totale anonimatoe chi è che cerca il totale anonimato, al di fuori dei dissidenti di Paesi dittatoriali, e per quali ragioni?
            Le tue proposte sono insulse e ridicole.
            Non ce ne frega una mazza della persona
            comune che non ha mediamente accesso agli
            IPse non te ne frega una mazza delle possibilità di accesso agli IP da parte della persona comune, allora non portare esempi che coinvolgono esclusivamente persone comuni, babbeo
            ma ti vuoi rendere conto che volere 100%
            di anonimato vuol dire 100% e non che solo
            alcuni, siano essi moderatori o tecnici o
            amministratori di server, possano scoprire
            chi sei e altri no?HAHAHA siete solo una massa di caproni! non sapete nemmeno dire le stesse cose voi che state nel "partito dei remailers". leggi un pò quahttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=393252quando vi siete messi d'accordo, ditemelo che ne riparliamo

            In un Paese oppressivo è molto probabile
            che

            l'accesso ad Internet non ci sia proprio

            E' molto probabile? Ah quindi tu le tue
            posizioni intransigenti le basi su tue
            congetture su come potrebbe essere il mondo?
            Bambinetto... e noi che sprechiamo i nostri
            zuccheri a pensare a risponderti.l'hai studiato l'italiano alle medie? ah, non hai fatto le medie! scusami non lo sapevo! La frase "in un Paese oppressivo è molto probabile che ...." significa "ci sono molte probabilità che in un Paese oppressivo ....", NON significa "io congetturo che in un Paese oppressivo....". In un Paese oppressivo ogni accesso ad Internet (se c'è) è direttamente sotto il controllo del governo, compresi gli internet cafè. E pure tutti i server di qualsiasi genere lo sono. Diversamente non è un vero Paese oppressivo. Ah già ma voi credete che sia l'Italia ad essere un Paese oppressivo. eehh Santa Ignoranza....

            resta il fatto che strumenti come i
            remailer

            siano una manna dal cielo per gli usi

            criminali (tra i quali ovviamente non

            includo la libertà di espressione e
            parola)

            e siano quindi soggetti ad essere usati
            più

            da criminali che da persone per bene

            AHAHAH! Sei come quei nostri avi che il
            tempo ha sbeffeggiato che quando arrivarono
            le prime automobili dissero "eh ma adesso i
            rapinatori avranno le auto per scappare piu'
            velocemente dopo una rapina. Sono strumenti
            soggetti ad essere usati più da criminali
            che da persone per bene"
            "il cinema corrompe i giovani"Talvolta è vero ed è già stato documentato
            "il telefono aiuta criminali a comunicare"Vero
            "Il rock and roll corrompe i giovani"questo direi di no, se non in casi eccezionali di portata trascurabile
            "il PGP viene usato dalla mafia"non v'è dubbio al riguardo
            "Il P2P viene usato dai pedofili"è già stato documentato
            "il remailer viene usato dai criminali o dai
            vigliacchi"non so i vigliacchi e non mi interessa saperlo, ma i criminali lo usano di sicuroè tutta una questione di rapporto di utilizzo criminali / persone-per-bene. In tutti i casi da te citati sono enormemente maggiori gli utilizzi "innocui" rispetto a quelli "pericolosi". Ma in particolare per ciò che riguarda strumenti utilizzabili dalla criminalità si deve fare di tutto affinchè le persone-per-bene possano usare quegli strumenti con la massima libertà e funzionalità pur lasciando a chi di dovere almeno la caratteristica minimale (cioè l'identificazione) per rintracciare chi di quegli strumenti fa un uso dannoso per gli altri, altrimenti ritorniamo tutti nel far west. I remailers totalmente anonimi non garantiscono questa funzione minimale. Sono sicuro che con uno sforzo persino te puoi afferrare questo concetto. Attento solo a non cacarti addosso per il troppo sforzo
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo

            Perche'? Sono strumenti che danno un

            perfetto anonimato?

            forniscono anonimato a livello dei loro
            normali frequentatori, e questo è
            sufficiente per un caso come quello
            riportato dall' esempioBeh, questo lo dici tu. Ma tu non decidi cosa vogliono gli altri.

            Se si, perche' prendersela tanto con i

            remailers?

            perchè quelli totalmente anonimi forniscono
            ciò a tutti e a prescindere e CIO' E'
            SBAGLIATO.Scriverlo in maiuscolo non adduce nuove argomentazioni e non convince nessuno.
            Secondo la tua filosofia nel
            mondo reale dovremmo ribellarci a quel
            meschino strumento di controllo e di
            privazione della libertà che è la carta
            d'identità e il registro dell'anagrafe,
            scommettoEheh, se conoscessi il mondo sapresti che in molti paesi civili la carta di identita' non esiste.

            Se no, non sono la soluzione adeguata a
            chi

            cerca il totale anonimato

            e chi è che cerca il totale anonimato, al di
            fuori dei dissidenti di Paesi dittatoriali,
            e per quali ragioni?"anonimo=criminale" sempre e comunque, che grande apertura mentale.

            Le tue proposte sono insulse e ridicole.

            Non ce ne frega una mazza della persona

            comune che non ha mediamente accesso agli

            IP

            se non te ne frega una mazza delle
            possibilità di accesso agli IP da parte
            della persona comune, allora non portare
            esempi che coinvolgono esclusivamente
            persone comuni, babbeoanonimo=persona comune non per forza criminale
            HAHAHA siete solo una massa di caproni! non
            sapete nemmeno dire le stesse cose voi che
            state nel "partito dei remailers". leggi un
            pò qua

            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?midNon risponde
            quando vi siete messi d'accordo, ditemelo
            che ne riparliamoPerche' tu hai fatto un patto di sangue con i contrari ai remailers per fondare una fratellanza che porta avanti un unico pensiero privo di individualita'? Siete una comunita' con un unico cervello e andate in giro urlando "Resistere e' futile, sarete assimilati"?


            In un Paese oppressivo è molto
            probabile

            che


            l'accesso ad Internet non ci sia
            proprio



            E' molto probabile? Ah quindi tu le tue

            posizioni intransigenti le basi su tue

            congetture su come potrebbe essere il
            mondo?

            Bambinetto... e noi che sprechiamo i
            nostri

            zuccheri a pensare a risponderti.

            l'hai studiato l'italiano alle medie? ah,
            non hai fatto le medie! scusami non lo
            sapevo! La frase "in un Paese oppressivo è
            molto probabile che ...." significa "ci sono
            molte probabilità che in un Paese oppressivo
            ....", NON significa "io congetturo che in
            un Paese oppressivo....".Tu congetturi perche' "ti paiono" le cose o "non le puoi immaginare":
            In un Paese oppressivo è molto probabile che l'accesso ad Internet non ci sia proprio (es.: mi pare in Vietnam) o sia vigilato in ben altri modi che nemmeno ti puoi immaginare (come nell'Irak di saddam)Se queste sono le premesse su cui ragioni, forse dovresti informarti meglio.In un Paese
            oppressivo ogni accesso ad Internet (se c'è)
            è direttamente sotto il controllo del
            governo, compresi gli internet cafè. E pure
            tutti i server di qualsiasi genere lo sono.Se il controllo che descrivi e' cosi' perfetto, come mai in questi paesi ogni anno vengono perseguiti diversi dissidenti o chiusi siti internet con chat o punti di scambio di idee?http://punto-informatico.it/p.asp?i=44530Perche' c'e' molto controllo ma anche molta ribellione, che qualcuno cerca di comunicare.Dato cio', un remailer sarebbe utilissimo. Pero' sappiamo che a te della sorte delle persone arrestate ed incarcerate per essere contrari al partito non te ne frega nulla.
            Diversamente non è un vero Paese oppressivo.
            Ah già ma voi credete che sia l'Italia ad
            essere un Paese oppressivo. eehh Santa
            Ignoranza....Divversamente da te non appartengo alla Fratellanza di Sangue dell'Unica Idea e le mie spesso differiscono da molte altre cosi' come spesso coincidono.Per la liberta' di espressione l'Italia e' abbastanza a posto (solo mi chiedo perche' esista l'ordine dei giornalisti in contrasto conla costituzione o perche' abbiamo ancora leggi sulla stampa oppressive dell'era fascista (pre-costituzione) mah, stranezze d'Italia). Per le liberta' personali l'Italia e' parecchio indietro, grazie anche a persone che la pensano come te, che sei favorewvole al controllo sempre e comunque per tutti come ad esempio al piccolo ma subdolo obbligo della carta di identita'. Strano, non si usa in UK, USA e Giappone. Hanno piu' o meno crimini di noi?.

            "eh ma adesso i

            rapinatori avranno le auto per scappare
            piu'

            velocemente dopo una rapina. Sono
            strumenti

            soggetti ad essere usati più da criminali

            che da persone per bene"

            "il cinema corrompe i giovani"

            Talvolta è vero ed è già stato documentato


            "il telefono aiuta criminali a comunicare"

            Vero


            "Il rock and roll corrompe i giovani"

            questo direi di no, se non in casi
            eccezionali di portata trascurabile


            "il PGP viene usato dalla mafia"

            non v'è dubbio al riguardo


            "Il P2P viene usato dai pedofili"

            è già stato documentato


            "il remailer viene usato dai criminali o
            dai

            vigliacchi"

            non so i vigliacchi e non mi interessa
            saperlo, ma i criminali lo usano di sicuroAnche il telefono.
            è tutta una questione di rapporto di
            utilizzo criminali / persone-per-bene. In
            tutti i casi da te citati sono enormemente
            maggiori gli utilizzi "innocui" rispetto a
            quelli "pericolosi".Che ne sai che la mafia non usi largamente il PGP rispetto alle persone per bene?Che ne sai che le persone per bene non siano i maggiori utilizzatori dei remailers rispetto ai criminali?Non ne sai nulla.Cosi come non sai nulla di remailers, delle loro regole e della loro storia.Parli perche' le cose non ti garbano ma la tua ignoranza abissale non e' in grado di dare fondamento alle tue sciocchezze.Studia, esci dal tuo branco di idioti, torna qua e redimiti.http://www-2.cs.cmu.edu/~burnsm/remailers.html
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!


            forniscono anonimato a livello dei loro

            normali frequentatori, e questo è

            sufficiente per un caso come quello

            riportato dall' esempio

            Beh, questo lo dici tu. Ma tu non decidi
            cosa vogliono gli altri.io non decido niente, ci mancherebbe. il concetto che esprimo è che l'anonimato che si ha con la posta tradizionale o con i post su forum come quello di PI equivale a l'anonimato già fornito dagli altri mezzi di comunicazione (stampa, TV) dove chi vuole dare informazioni e restare anonimo PER IL PUBBLICO, lo fa chiedendo al fornitore del servizio (la stampa o la TV) di adottare tutti i mezzi necessari per restare non identificabile ALLA MASSA delle persone che usano quel servizio (i lettori o gli ascoltatori). Es: nomi inventati, voce camuffata, immagine distorta e/o di spalle, ecc...Ecco, questo è ciò che io ritengo il giusto equilibrio per garantire l'anonimato NEI CONFRONTI DELLA MASSA DEL PUBBLICO, senza per questo impedire alle forze dell'ordine (di un Paese non oppressivo) di poter espletare il loro compito, che è necessario per il bene generale comune


            perche' prendersela tanto con i


            remailers?

            perchè quelli totalmente anonimi
            forniscono

            ciò a tutti e a prescindere e CIO' E'

            SBAGLIATO

            Scriverlo in maiuscolo non adduce nuove
            argomentazioni e non convince nessuno.non intendevo ciò, intendevo dare enfasi ad un aspetto del mio pensiero e, essendo un post-atore anonimo (ironia del destino...), scrivere maiuscolo è l'unico modo che ho per porre particolare enfasi su un punto del mio discorso. l'ho fatto anche sopra e spero tu voglia intenderlo per essere quello che ho appena detto
            Eheh, se conoscessi il mondo sapresti che in
            molti paesi civili la carta di identita' non
            esistee con questo? primo: mi dovresti dire quali. secondo: vorrei andare a vedere il tasso di criminalità per confrontarlo con quello italiano. terzo ma più importante: anche se fosse, tu ti senti privato della tua libertà per via dell'anagrafe?
            "anonimo=criminale" sempre e comunque, che
            grande apertura mentalenon mi sono mai sognato di sostenere una simile equazione, tantomeno nella domanda alla quale tu hai risposto così. io ho chiesto chi e per quali ragioni dovrebbe esprimersi in completo, totale anonimato. la mia è una domanda, non un insinuazione
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid

            Non rispondea me si. ritentahttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=393252comunque te lo riassumo. descrive sommariamente il meccanismo dei remailer PSEUDO-ANONIMI, i quali mi trovano tra i loro sostenitori, diversamente dai remailer TOTALMENTE anonimi ai quali sono nettamente contrario

            ....", NON significa "io congetturo che in

            un Paese oppressivo....".

            Tu congetturi perche' "ti paiono" le cose o
            "non le puoi immaginare":


            In un Paese oppressivo è molto probabile
            che l'accesso ad Internet non ci sia proprio
            (es.: mi pare in Vietnam) o sia vigilato in
            ben altri modi che nemmeno ti puoi
            immaginare (come nell'Irak di saddam)

            Se queste sono le premesse su cui ragioni,
            forse dovresti informarti meglioil "mi pare" è riferito al fatto che SO PER CERTO che almeno fino a pochi mesi fa in Vietnam erano proibiti gli internetpoint. ma siccome è passato un pò di tempo (seppure limitato a pochi mesi: circa 8-10) da quella informazione certa e siccome nel frattempo mi sono giunte altre notizie NON CERTE di aperture di internetpoint in quel Paese, ho pensato di non garantire attualmente al 100% la veridicità della mia informazione su QUEL PAESE. se vuoi ti posso portare un altro esempio che mi sovviene in questo momento di Paese che NON fornisce tuttora accesso Internet al proprio popolo : la Corea del Nord. in quanto al "non ti puoi immaginare" era un'espressione irriverente (in risposta all'irriverenza di colui a cui rispondevo) per far presente il fatto che certi metodi di controllo esulano dal controllo digitale, in quanto, ad esempio, in certi Paesi come l'ex-Irak i pochi internetpoint che c'erano erano gestiti direttamente dal governo con guardie armate in ognuno di essi
            Se il controllo che descrivi e' cosi'
            perfetto, come mai in questi paesi ogni anno
            vengono perseguiti diversi dissidenti o
            chiusi siti internet con chat o punti di
            scambio di idee?proprio perchè il controllo è, purtroppo, efficiente. a te (a noi) giunge notizia di quanti vengono beccati, ma non ti giunge notizia di quanti (quasi tutti) semplicemente falliscono prima di iniziare o neanche ci provano. alcuni riescono temporaneamente a sfuggire ma prima o poi vengono presi, purtroppo, proprio per l'efficienza dei controlli
            Dato cio', un remailer sarebbe utilissimovero. ma in Paese oppressivo non ti fanno accedere a servizi simili
            a te della sorte delle
            persone arrestate ed incarcerate per essere
            contrari al partito non te ne frega nullaquesto non corrisponde al vero, anzi. Non cadere nel pregiudizio "contro l'anonimato totale = contro la libertà di parola"

            Ah già ma voi credete che sia l'Italia ad

            essere un Paese oppressivo. eehh Santa

            Ignoranza....

            [cut]. Per le liberta' personali
            l'Italia e' parecchio indietroesempio?
            [cut] che sei
            favorewvole al controllo sempre e comunque
            per tutti come ad esempio al piccolo ma
            subdolo obbligo della carta di identita'.errore: io non sono favorevole al CONTROLLO, io sono favorevole all'IDENTIFICAZIONE. vorrei poi che mi spiegassi dove sta la subdolità della carta d'identità
            Strano, non si usa in UK, USA e Giappone.
            Hanno piu' o meno crimini di noi?non sono mai stato in USA e Giappone ma sono stato in UK dove HANNO l'equivalente della nostra carta d'identità. in quanti ai crimini, non so in UK e Giappone, ma è risaputo quanto una delle piaghe principali degli USA sia la micro-criminalità dilagante, che è quel tipo di criminalità che più di tutti trova giovamento dall'anonimato totale, laddove la criminalità organizzata è invece abbastanza tale da farsi beffe anche dell'identificazione personale e lo sappiamo bene noi italiani
            Che ne sai che la mafia non usi largamente
            il PGP rispetto alle persone per bene?hai ragione. ma d'altronde nessuno lo può sapere e non si può sapere nemmeno il contrario
            Che ne sai che le persone per bene non siano
            i maggiori utilizzatori dei remailers
            rispetto ai criminali?idem come sopra. nessuno lo può sapere, e neanche il contrario. è chiaro che si può andare solo per "proiezioni di utilizzo" date le caratteristiche del servizio
            Studia, esci dal tuo branco di idioti, torna
            qua e redimiti.invece io ho elaborato la mia opinione proprio dopo essermi documentato sulle opzioni disponibili e su come funzionano. ero già a conoscenza dei due tipi distinti di remailers (se rileggi il mio commento d
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo


            forniscono anonimato a livello dei loro


            normali frequentatori, e questo è


            sufficiente per un caso come quello


            riportato dall' esempio



            Beh, questo lo dici tu. Ma tu non decidi

            cosa vogliono gli altri.

            io non decido niente, ci mancherebbe. il
            concetto che esprimo è che l'anonimato che
            si ha con la posta tradizionale o con i post
            su forum come quello di PI equivale a
            l'anonimato già fornito dagli altri mezzi di
            comunicazione (stampa, TV) dove chi vuole
            dare informazioni e restare anonimo PER IL
            PUBBLICO, lo fa chiedendo al fornitore del
            servizio (la stampa o la TV) di adottare
            tutti i mezzi necessari per restare non
            identificabile ALLA MASSA delle persone che
            usano quel servizio (i lettori o gli
            ascoltatori). Es: nomi inventati, voce
            camuffata, immagine distorta e/o di spalle,
            ecc...
            Ecco, questo è ciò che io ritengo il giusto
            equilibrio per garantire l'anonimato NEI
            CONFRONTI DELLA MASSA DEL PUBBLICO, senza
            per questo impedire alle forze dell'ordine
            (di un Paese non oppressivo) di poter
            espletare il loro compito, che è necessario
            per il bene generale comuneOk, parliamo di un paese non oppressivo, e allora sarei anche d'accordo, perche' ad esempio i remailers parzialmente anonimi fanno la differenza.Ma francamente nessuno, neanche la polizia di un paese civile e rigoroso sotto il punto di vista delle liberta' personali, dovrebbe venire a sapere chi sia io che scrivo per miei problemi - as esempio - sessuali.



            perche' prendersela tanto con i



            remailers?


            perchè quelli totalmente anonimi

            forniscono


            ciò a tutti e a prescindere e CIO' E'


            SBAGLIATO



            Scriverlo in maiuscolo non adduce nuove

            argomentazioni e non convince nessuno.

            non intendevo ciò, intendevo dare enfasi ad
            un aspetto del mio pensiero e, essendo un
            post-atore anonimo (ironia del destino...),
            scrivere maiuscolo è l'unico modo che ho per
            porre particolare enfasi su un punto del mio
            discorso. l'ho fatto anche sopra e spero tu
            voglia intenderlo per essere quello che ho
            appena detto


            Eheh, se conoscessi il mondo sapresti che
            in

            molti paesi civili la carta di identita'
            non

            esiste

            e con questo? primo: mi dovresti dire quali.Ad esempio il gia' citato Giappone.
            secondo: vorrei andare a vedere il tasso di
            criminalità per confrontarlo con quello
            italiano.Basso, rispetto all'Italia, anche se sta aumentando. Non lo dico io.
            terzo ma più importante: anche se
            fosse, tu ti senti privato della tua libertà
            per via dell'anagrafe?L'anagrafe esiste in ogni paese, l'obbligo di circolare con i documenti di identita' addosso (e pagarli) no.Detto questo, io mi sento privato di qualche liberta' in seguito a quest'obbligo?Si, la liberta' di girare senza documenti. Una piccola liberta' che in Italia non abbiamo mai avuto.Per carita', sopravvivo.I giapponesi quando lo scoprono dicono "Oh, siete come in Corea del Nord", vale a dire ma come l'Italia e' oppressiva verso il cittadino? Si' nelle piccole cose si', nella sua burocrazia che ti ruba tempo e soldi e che e' votata al controllo del cittadino anzicche' a lavorare con lui.Detto questo, a parte che so che e' una battaglia persa e che a parte che so che le ragioni storiche di tutto cio' in Italia sono lontane, nel nostro discorso come si inserisce questa cosa? Si inserisce perche' in Italia NON abbiamo una tradizone di tutela ed immunita' del cittadino, ma di controllo. E' quindi doppiamente piu' difficile far capire al prossimo, che la ricerca di privacy, di anonimato e' ricerca di tutela e di difesa della propria sfera privata sociale e familiare. Non e' volta sempre e comunque al crimine.

            "anonimo=criminale" sempre e comunque, che

            grande apertura mentale

            non mi sono mai sognato di sostenere una
            simile equazione, tantomeno nella domanda
            alla quale tu hai risposto così. io ho
            chiesto chi e per quali ragioni dovrebbe
            esprimersi in completo, totale anonimato. la
            mia è una domanda, non un insinuazioneTe la sentiresti di criticare apertamente il comportamento dell'azienda in cui lavori su un newsgroup internazionale, anche se a ragione?O di parlare delle tue vicende più intime, come avviene in certi gruppi che parlano di salute o di alcolismo o di abusi sessuali subiti, rivelando subito a tutti il tuo nome?

            [cut]. Per le liberta' personali

            l'Italia e' parecchio indietro
            esempio?Facciamo degli esempi spicci, mi perdonerai se non mi dilungo nei dettagli.Vendi un auto in Italia a un privato e vendi la stesa cosa in Inghilterra.Inghilterra 1 giorno, compravendita diretta senza notaio, comunicazione postale al PRAItalia: file e code al pra (tutto tempo che sottrai al lavoro e quindi al tuo guadagno) paghi l'onorevole sig, notaio (che non esiste in UK) e ti danno un foglio temporaneo che vale due mesi e che devi far tibrare al PRA fino all'arrivo del documento finale.Demolisci l'auto in Germania e fai la stessa cosa in Italia.In Italia se compri un terreno, possiedi il sottosuolo?In italia puoi fare un pubblico comizio improvvisato?Puoi radunare una folla in piazza senza aver avvisato la questura?Hai anche tu la fedina penale (vuota ovviamente)?In Italia ce l'hanno tutti si da neonati, e' un documento richiesto per certe operazioni burocratiche. Ovviamente sei tu che pachi con tempo e denaro per questo pezzo di carta. E' essenziale? In USA no esiste fintanto che non commetti crimini. Che pazzi! Come fanno senza?La costituzione dice che e' garantita la liberta' di espressione senza vincoli.Se apriamo un giornale, cosa devi essere e cosa devi fare?Per altre cose, come la tutela della famiglia, invece, L'Italia e' un paese alquanto rigoroso.Tronco qua che non ho piu' tempo.Non la vediamo alla stessa maniera, io sono favorevole sia ai remailers anonimi che a quelli parzialmente anonimi.Il crimine si e' sempre fatto beffa degli strumenti di controllo, che si sono sempre aggiunti come un giogo invece sulle spalle dei cittadini onesti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!


            Ecco, questo è ciò che io ritengo il
            giusto

            equilibrio per garantire l'anonimato NEI

            CONFRONTI DELLA MASSA DEL PUBBLICO, senza


            per questo impedire alle forze dell'ordine

            (di un Paese non oppressivo) di poter

            espletare il loro compito, che è
            necessario

            per il bene generale comune

            Ok, parliamo di un paese non oppressivo, e
            allora sarei anche d'accordo, perche' ad
            esempio i remailers parzialmente anonimi
            fanno la differenza.
            Ma francamente nessuno, neanche la polizia
            di un paese civile e rigoroso sotto il punto
            di vista delle liberta' personali, dovrebbe
            venire a sapere chi sia io che scrivo per
            miei problemi - as esempio - sessuali.io ritengo che in un paese non oppressivo la polizia non si perde a rintracciare coloro che raccontano in forma pseudo-anonima i loro problemi personali, diversamente sarebbe un paese oppressivo. e poi, detto così, tu allora non ritieni sufficiente l'anonimato fornito attualmente da stampa e TV?

            in


            molti paesi civili la carta di
            identita'

            non


            esiste



            e con questo? primo: mi dovresti dire
            quali.

            Ad esempio il gia' citato Giappone.
            si, me lo immaginavo. ho letto il tuo riferimento dopo aver risposto a questo

            secondo: vorrei andare a vedere il tasso
            di

            criminalità per confrontarlo con quello

            italiano.

            Basso, rispetto all'Italia, anche se sta
            aumentando. Non lo dico io.non lo sapevo ma non mi sorprende. difatti i giapponesi sono un popolo con una cultura del rispetto altrui nettamente superiore alla nostra. il tasso di criminalità dipende da moltissimi fattori, non solo dalla presenza o meno di strumenti di identificazione e controllo. se è per quello in teoria potrebbe esistere un paese con tasso di crimine = 0 pur senza nemmeno alcuna forma di governo e di polizia. basterebbe che tutti si comportassero in maniera rispettosa degli altri.

            terzo ma più importante: anche se

            fosse, tu ti senti privato della tua
            libertà

            per via dell'anagrafe?

            L'anagrafe esiste in ogni paese, l'obbligo
            di circolare con i documenti di identita'
            addosso (e pagarli) noè vero, ma dipende cosa fai: se vai in un parco con i figli o a fare jogging, no. già se vuoi circolare in auto devi portarti la patente o se vuoi comprare alcolici devi dimostrare di essere maggiorenne (almeno in USA). ergo, la differenza formale c'è ma all'atto pratico della realtà in cui viviamo la differenza si assottiglia (e questo a prescindere da quanto vengano effettivamente effettuati i controlli. si parla di forma, non di sostanza)
            io mi sento privato di qualche
            liberta' in seguito a quest'obbligo?
            Si, la liberta' di girare senza documenti
            Si' nelle piccole cose si', nella
            sua burocrazia che ti ruba tempo e soldi e
            che e' votata al controllo del cittadino
            anzicche' a lavorare con lui.[cut]su questo mi trovi perfettamente d'accordo. è proverbiale quanto sia un cancro la burocrazia italiana

            la

            mia è una domanda, non un insinuazione

            Te la sentiresti di criticare apertamente il
            comportamento dell'azienda in cui lavori su
            un newsgroup internazionale, anche se a
            ragione?certo. con i vari forum tipo PI, o anche con i newsgroup che si basano sulla normale casella email
            O di parlare delle tue vicende più intime,
            come avviene in certi gruppi che parlano di
            salute o di alcolismo o di abusi sessuali
            subiti, rivelando subito a tutti il tuo
            nome?perchè dovrei rivelare il mio nome? io qui su PI sono a tutti gli effetti anonimo per gli altri utenti. e posso avere una casella email tipo ghghgfhgf@yahoo.com. non mi pare di aver rivelato il mio nome così. e io mi sento sufficientemente "al sicuro" per parlare dei miei problemi personali


            [cut]. Per le liberta' personali


            l'Italia e' parecchio indietro


            esempio?

            Facciamo degli esempi spicci, mi perdonerai
            se non mi dilungo nei dettaglifigurati. il limite dei 7800 incombe sempre come un avvoltoio
            Vendi un auto in Italia a un privato e vendi
            la stesa cosa in Inghilterra.
            .... [cut] ....
            Demolisci l'auto in Germania e fai la stessa
            cosa in Italia
            .... [cut] ....
            Per altre cose, come la tutela della
            famiglia, invece, L'Italia e' un paese
            alquanto rigoroso.tutte le cose che hai citato mi trovano d'accordo nel criticarle. tutte cose che a parer mio potremmo e dovremmo cercare di migliorare, ma SENZA eliminare il principio di identificazione. a parer mio si può fare
            Il crimine si e' sempre fatto beffa degli
            strumenti di controllo, che si sono sempre
            aggiunti come un giogo invece sulle spalle
            dei cittadini onesti.è vero. ma limitarsi ai soli remailer pseudo-anonimi non lo vedo un come giogo insopportabile, tutt'altro, mentre allo stesso tempo fornisce lo strumento minimale per arginare gli usi illeciti. dico "arginare" non "impedire". mi sembra il minimo che si possa fare
            Tronco qua che non ho piu' tempo.
            Non la vediamo alla stessa maniera, io sono
            favorevole sia ai remailers anonimi che a
            quelli parzialmente anonimi.ok. ciao alla prossima. interlocutori come te, da me sono sempre benvenuti
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            - Scritto da: Anonimo
            ...

            Se il controllo che descrivi e' cosi'

            perfetto, come mai in questi paesi ogni
            anno

            vengono perseguiti diversi dissidenti o

            chiusi siti internet con chat o punti di

            scambio di idee?

            proprio perchè il controllo è, purtroppo,
            efficiente. a te (a noi) giunge notizia di
            quanti vengono beccati, ma non ti giunge
            notizia di quanti (quasi tutti)
            semplicemente falliscono prima di iniziare o
            neanche ci provano. alcuni riescono
            temporaneamente a sfuggire ma prima o poi
            vengono presi, purtroppo, proprio per
            l'efficienza dei controlli


            Dato cio', un remailer sarebbe utilissimo

            vero. ma in Paese oppressivo non ti fanno
            accedere a servizi similiMa puoi accedere da paesi vicini. Se come dissidente della Corea del Nord scrivi delle cose contro il governo Coreano stando nella Corea del Sud, ciò non impedisce a dei killer Nordcoreani di ammazzare te o la tua famiglia anche se sei in un paese straniero.La possibilità di ottenere quelle informazioni ce l'hanno con operazioni di spionaggio, sorveglianza o corruzione. I remailers anonimi rendono questa operazione difficile se non addirittura impossibile, ed è per questo che vanno tutelati.
            ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer anonimo? No grazie!
      - Scritto da: Tony Sarnano
      La nostra libertà si difende con il diritto
      alla riservatezza delle comunicazioni tra
      noi e i nostri (consapevoli) interlocutori.
      La cifratura dei dati è un diritto. La
      navigazione tramite proxy anonimi è un
      diritto. La conservazione dei log, dei datiMagari vuoi criticare qualcuno di potente (molto potente) su un forum publico. D'altronde dici tu stesso che i proxy anonimi sono un diritto. Le mail anonime sono l'equivalente, solo che invece di avere a che fare col web, hanno a che fare con altri protocolli.
      E i remailer anonimi? Che interesse potrei
      avere io ad inviare posta (evidentemente non
      sollecitata) ad un interlocutore che
      dovrebbe non essere in grado di
      individuarmi? Posso avere il desiderio cheMetti di voler criticare un tuo professore universitario: non dico riempirlo di insulti (questa è stupidaggine, indipendentemente dal mezzo usato), ma critiche supportate da fatti.
      • Tony Sarnano scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!
        - Scritto da: Anonimo

        Magari vuoi criticare qualcuno di potente
        (molto potente) su un forum publico.
        D'altronde dici tu stesso che i proxy
        anonimi sono un diritto. Le mail anonime
        sono l'equivalente, solo che invece di avere
        a che fare col web, hanno a che fare con
        altri protocolli.I proxy anonimi impediscono il tracciamento e la schedatura della mia navigazione, a tutela della MIA libertà personale e dalla MIA privacy, ma non interferiscono con la libertà altrui.
        Metti di voler criticare un tuo professore
        universitario: non dico riempirlo di insulti
        (questa è stupidaggine, indipendentemente
        dal mezzo usato), ma critiche supportate da
        fatti.Ti faccio notare che gli indirizzi email non sono una carta d'identità . Anche senza remailer anonimo disponi già di tutti gli strumenti per postare il tuo intervento su un forum pubblico, con un indirizzo di email palese e riferito ad una casella esistente, e senza il rischio di venire individuato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Tony Sarnano


          I proxy anonimi impediscono il tracciamento
          e la schedatura della mia navigazione, a
          tutela della MIA libertà personale e dalla
          MIA privacy, ma non interferiscono con la
          libertà altrui.Cadi nello stesso errore di quelli che critichi. Se il problema e' che le mail anonime possono essere un veicolo per la diffamazione o le minacce, allora la soluzione a cui accenni piu' avanti rende inutile lla critica ai remailer. Se accetti che sia possibile esprimere anonimamente il proprio pensiero in pubblico, devi accettare anche il rovescio della medaglia. L'uso di remailer o di alternative piu' elaborate per raggiungere questo obiettivo essenziale e' poi irrilevante.Detto cio' penso che nel futuro dei pc "certificati" e non piu' sotto il pieno controllo dei proprietari, i remailer saranno importanti, visto che la possibilita' di godere di account anonimi potrebbe essere radicalmente ridimensionata.holacrack
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: Tony Sarnano

          - Scritto da: Anonimo



          Magari vuoi criticare qualcuno di potente

          (molto potente) su un forum publico.

          D'altronde dici tu stesso che i proxy

          anonimi sono un diritto. Le mail anonime

          sono l'equivalente, solo che invece di
          avere

          a che fare col web, hanno a che fare con

          altri protocolli.

          I proxy anonimi impediscono il tracciamento
          e la schedatura della mia navigazione, a
          tutela della MIA libertà personale e dalla
          MIA privacy, ma non interferiscono con la
          libertà altrui.Anche i remailer anonmi difednono la TUA libertà di espressione e la TUA privacy.Forse non ti è ancora chiaro un concetto: se voglio comunicare qualcosa a qualcuno in forma anonima QUESTO NON E' SPAM.Se voglio contattare amnesty international o l'ONU o anche il mio governo per denunciare qualunque tipo di violazione dei diritti umani, suppongo che questi siano ben felici di ricevere questo tipo di informazioni.Magari lo voglio fare in forma anonima, perchè ho paura di essere intercettato o per qualinque altro motivo.

          Metti di voler criticare un tuo professore

          universitario: non dico riempirlo di
          insulti

          (questa è stupidaggine, indipendentemente

          dal mezzo usato), ma critiche supportate
          da

          fatti.

          Ti faccio notare che gli indirizzi email
          non sono una carta d'identità. Anche
          senza remailer anonimo disponi già di tutti
          gli strumenti per postare il tuo intervento
          su un forum pubblico, con un indirizzo di
          email palese e riferito ad una casella
          esistente, e senza il rischio di venire
          individuato.Ma SOLO i remailer danno la garanzia al 100% di non essere individuati.Io la garanzia della mi aprivacy non la metto in mano ad altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Remailer anonimo? No grazie!
      - Scritto da: Tony Sarnano
      Mi spiace, sono contro lo spamming, sono
      contro i remailer anonimi. La mia opinione è
      che tutta l'informazione veicolata
      attraverso remailer anonimi dovrebbe essere
      buttata in /dev/null senza pietà.Esagerato e di scarse prospettive.Un uso dei remailer anonimi, oltre a quello di permettere la libertà di parola dove non c'è, è quello di consentire di scrivere di problemi di salute (alcolismo, droga) o personali, senza venire rintracciatio e rischiare l'emarginazione sociale.Non si può fare spamming attraverso remailer anonimi.Ovviamente se ritieni che siano inutili, evidentemente a te non servono, ma le tue esigenze non sono il metro del mondo, senza polemica, nel senso che se tu fossi un alciolizzato o una ragazza violentata che scrive del suo problema, probabilmente avresti un idea differente.
      • nop scrive:
        Re: Remailer anonimo? No grazie!

        Ovviamente se ritieni che siano inutili,
        evidentemente a te non servono, ma le tue
        esigenze non sono il metro del mondo, senza
        polemica, nel senso che se tu fossi un
        alciolizzato o una ragazza violentata che
        scrive del suo problema, probabilmente
        avresti un idea differente.
        Se sei un alcolizzato/drogato stai tranquillo che ce ne accorgiarmo prima di rintracciare il reale proprietario di una casella e-mailSe la mia ragazza venisse violentata e dovesse scrivere in Internet per confidarsi e sentirsi emarginata per aver subito una violenta allora si che mi preoccuperei .....Mia impressione o vi state arrampicando sugli specchi per giustificare un mezzo che altro non serve che per non prendersi le proprie responsabilità.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Remailer anonimo? No grazie!
          - Scritto da: nop


          Ovviamente se ritieni che siano inutili,

          evidentemente a te non servono, ma le tue

          esigenze non sono il metro del mondo,
          senza

          polemica, nel senso che se tu fossi un

          alciolizzato o una ragazza violentata che

          scrive del suo problema, probabilmente

          avresti un idea differente.



          Se sei un alcolizzato/drogato stai
          tranquillo che ce ne accorgiarmo prima di
          rintracciare il reale proprietario di una
          casella e-mailBah, che idiozia. Evidentemente credi che l'ubricao sia solo quello molesto che vaga per la strada cantando con un fiasco in mano. Non sai molto dell'alcolismo che si svolge in segreto in seno ad una famiglia.
          Se la mia ragazza venisse violentata e
          dovesse scrivere in Internet per confidarsi
          e sentirsi emarginata per aver subito una
          violenta allora si che mi preoccuperei .....Ovvio, una ragazza violentata non dovrebbe temere l'emarginazione, bensi' che un paese intero si interessi a sapere tutti i particolari di una vicenda meramente personale e penale. Se tu fossi drogato e violentato da un omosessuale, ci terresti all'anonimato. E adesso non ribattermi con facili battute anzicche' con argomenti. Pensaci.
          Mia impressione o vi state arrampicando
          sugli specchi per giustificare un mezzo che
          altro non serve che per non prendersi le
          proprie responsabilità.....La tua impressione nasce dal pregiudizio, da scarsa lungimiranza e dalla scarsa conoscenza di come vanno le cose nel mondo.Ancora una volta, quando si parla di remailer anonimi, si schierano contro persone che credono che la loro esperienza possa essere il metro del mondo: siccome a queste persone certi servizi non servono, allora non servono a nessuno, mai e per nessun motivo e anzi sono pericolose. In verita' ancora una volta qui si confonde il coltello con l'assassino, ritenendo lo strumento sbagliato a prescindere da una valutazione di ampio respiro.
          • nop scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!

            La tua impressione nasce dal pregiudizio, da
            scarsa lungimiranza e dalla scarsa
            conoscenza di come vanno le cose nel mondo.
            Ancora una volta, quando si parla di
            remailer anonimi, si schierano contro
            persone che credono che la loro esperienza
            possa essere il metro del mondo: siccome a
            queste persone certi servizi non servono,
            allora non servono a nessuno, mai e per
            nessun motivo e anzi sono pericolose. In
            verita' ancora una volta qui si confonde il
            coltello con l'assassino, ritenendo lo
            strumento sbagliato a prescindere da una
            valutazione di ampio respiro.Non è questione di servire oppure no ... tu usando questo strumento puoi cagionare danni ad altri senza assumerti le tue conseguenze .... la liberta del singolo finisce dove inizia quella di un altro e nel caso di remailer anonimi l'invasione non è da poco...
          • Anonimo scrive:
            Re: Remailer anonimo? No grazie!
            Anche con un coltello puoi cagionare danni ad un altro, ma non sono stati proibiti, sono stati regolamentati.Inotre dimentichi la liberta' di essere anonimo e legalmente e in pieno diritto (non riscrivo ancora una volta gli esempi - legittimi - dell'alcolista e della persona stuprata).Allora, se la tua liberta' finisce quando comincia quello di un altro, la liberta' di un alcolista di essere anonimo, che danno ti causa? La sopprimiamo perche' qualcuno potrebbe usare male questa liberta'? Quale liberta' calpestiamo?
  • Anonimo scrive:
    Abbasso i remailer anonimi e aperti!!!
    Mi farebbe molto piacere se il mio provider filtrasse tutto cio' che arriva da remailer anonimi e aperti, avendo cura di rispondere al mittente alleggando il suo messaggio e indicando che il proprietario della casella di posta non vuole ricevere messaggi anonimi e spam.Lo stesso dovrebbero fare coi cellulari. Una funzione che permetta di non far nemmeno squillare il cellulare per telefonate con il numero nascosto, pero' rispondendo in automatico (cosi' spendono pure soldi) e mandando un messaggio registrato dove si informa della cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
      Da remailer anononimi non si può inviare spam! Informati prima di parlare!
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
        - Scritto da: Anonimo
        Da remailer anononimi non si può inviare
        spam! Informati prima di parlare!ehz genio quale numero di destinatari deve superare un invio per divenire spam? e ancora.... che vengano chiusi ed eliminati che cmq spaccano le balle span o no
      • nop scrive:
        Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
        - Scritto da: Anonimo
        Da remailer anononimi non si può inviare
        spam! Informati prima di parlare!Una mail non desiderata = SPAM.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!


          Da remailer anononimi non si può inviare

          spam! Informati prima di parlare!
          Una mail non desiderata = SPAM.....Ma non diciamo castronerie per cortesia.. Una mail non desiderata non è spam.. Lo spam è ben altro... Se un mittente ti sta sulle balle lo blocchi anche con filtri di qualunque client di posta.. Ti faccio 2 conti: in azienda siamo circa 30 persone, al difuori della posta aziendale circolano circa 200/300 messaggi al giorno tra entrata ed uscita. Di questi in ingresso sarebbero circa (per fortuna uso Domino 6.x che nativamente a bordo ha motori dns antispam) 30 se nn più messaggi al giorno di sola sporcizia. E forse sono stato basso con i numeri. Perchè ho anche alcune caselle "pubblicizzate" che vengono prese di mira...
          • nop scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: il_fabry


            Da remailer anononimi non si può
            inviare


            spam! Informati prima di parlare!

            Una mail non desiderata = SPAM.....

            Ma non diciamo castronerie per cortesia..
            Una mail non desiderata non è spam.. Lo spam
            è ben altro... Se un mittente ti sta sulle
            balle lo blocchi anche con filtri di
            qualunque client di posta..
            Ti faccio 2 conti: in azienda siamo circa 30
            persone, al difuori della posta aziendale
            circolano circa 200/300 messaggi al giorno
            tra entrata ed uscita. Di questi in ingresso
            sarebbero circa (per fortuna uso Domino 6.x
            che nativamente a bordo ha motori dns
            antispam) 30 se nn più messaggi al giorno di
            sola sporcizia. E forse sono stato basso con
            i numeri. Perchè ho anche alcune caselle
            "pubblicizzate" che vengono prese di mira...Mi ripeto una e-mail non desiderata = SPAMIl post precedente al mio si attacava al fatto che generalmente i remailer anonimi non accettano infiniti messaggi ma pochi e diluiti nel tempo ...Resta il fatto che se 1000 spammer mi prendono di mira ricevo 1000 e-mail.......quindi 1 email = SPAM...Fosse per me i remailer anonimi andrebbero aboliti ... visto anche che non ne vedo un solo uso legale.......
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!

            Mi ripeto una e-mail non desiderata = SPAMAnche io mi ripeto. Una email non desiderata può essere qualunque e proveniente da chiunque e non può essere considerata spam. Lo spam lo identifichi per altre belle cosine. Nei miei log vedo che per lo più i messaggi bloccati riguardano messaggi provocatori, di vendita di prodotti dall'estero, a scopo sessuale ecc ecc. Una buona politica di filtraggio sarebbe ottimale.
            Il post precedente al mio si attacava al
            fatto che generalmente i remailer anonimi
            non accettano infiniti messaggi ma pochi e
            diluiti nel tempo ...Non cambia assolutamente nulla. I filtraggi lato provider dovrebbero evitare certe cose..
            Resta il fatto che se 1000 spammer mi
            prendono di mira ricevo 1000
            e-mail.......quindi 1 email = SPAM...Se mille spammer ti prendono di mira, inizierei a sospettare dove puoi aver lasciato la tua email.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            Per te 1 mail non desiderata è spam.Pensala come vuoi, ma lo spam è un'altra cosa.Per gli utilizzi utili, leggiti qualcuno degli altri post.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!

            Per te 1 mail non desiderata è spam.
            Pensala come vuoi, ma lo spam è un'altra cosa.Esatto.
            Per gli utilizzi utili, leggiti qualcuno degli altri post.In pieno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!

            Mi ripeto una e-mail non desiderata = SPAM
            Il post precedente al mio si attacava al
            fatto che generalmente i remailer anonimi
            non accettano infiniti messaggi ma pochi e
            diluiti nel tempo ...
            Resta il fatto che se 1000 spammer mi
            prendono di mira ricevo 1000
            e-mail.......quindi 1 email = SPAM...per questa unica mail ( o le poche altre) che ti fa così impazzire di rabbia è sufficente installare un programmino free che ti filtri la posta direttamente sul server...et voilà...hai risolto il tuo immenso problema. Non te ne suggerisco alcuno perchè uno che non sa che esiste una soluzione così semplice...non credo neanche la meriti
            Fosse per me i remailer anonimi andrebbero
            aboliti ... visto anche che non ne vedo un
            solo uso legale.......per questo aspetto non ho, invece, soluzioni da proporti...la tua ottusità è sconfortante...oooooh...mi raccomando...non fare figli eh!?Ciao e auguri per il futuro :-)
          • nop scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: Anonimo


            Mi ripeto una e-mail non desiderata = SPAM

            Il post precedente al mio si attacava al

            fatto che generalmente i remailer anonimi

            non accettano infiniti messaggi ma pochi e

            diluiti nel tempo ...

            Resta il fatto che se 1000 spammer mi

            prendono di mira ricevo 1000

            e-mail.......quindi 1 email = SPAM...

            per questa unica mail ( o le poche altre)
            che ti fa così impazzire di rabbia è
            sufficente installare un programmino free
            che ti filtri la posta direttamente sul
            server...et voilà...hai risolto il tuo
            immenso problema. Non te ne suggerisco
            alcuno perchè uno che non sa che esiste una
            soluzione così semplice...non credo neanche
            la meritiNon me ne frega niente della posta o delle poste indesiderate .... mi limito a cancellarle senza applicare fantasionse tecniche sempre inefficaci ...
            per questo aspetto non ho, invece, soluzioni
            da proporti...la tua ottusità è
            sconfortante...oooooh...mi raccomando...non
            fare figli eh!?Sei tu caro il mio italiano medio(cre) che prima tiri il sasso ...poi levi la mano .....grande modo di pensare il tuo .....Sai che bello diffamo tua moglie/madre perchè mi stai antipatico e pensa, tu non puoi fare nulla Prenditi le tuo responsabilità non ti nascondere nell'ombra dell'anonimato.........PS registrati un nick o hai paura di un virus che esce dalla tastiera che viola le tua triste privacy....
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!


            per questa unica mail ( o le poche altre)

            che ti fa così impazzire di rabbia è

            sufficente installare un programmino free

            che ti filtri la posta direttamente sul

            server...et voilà...hai risolto il tuo

            immenso problema. Non te ne suggerisco

            alcuno perchè uno che non sa che esiste
            una

            soluzione così semplice...non credo
            neanche

            la meriti

            Non me ne frega niente della posta o delle
            poste indesiderate .... mi limito a
            cancellarle senza applicare fantasionse
            tecniche sempre inefficaci ... Quindi hai anche questo problema...non solo non conosci l'esistenza di soluzioni alternative ma, oltretutto, pur non sapendo sei in grado di giudicarle "fantasiose ed inefficaci"...mi sa che ho proprio fatto bene a non suggerirti la soluzione pronta...sbattiti un po' va...se ti riesce intendo


            per questo aspetto non ho, invece,
            soluzioni

            da proporti...la tua ottusità è

            sconfortante...oooooh...mi
            raccomando...non

            fare figli eh!?

            Sei tu caro il mio italiano medio(cre) che
            prima tiri il sasso ...poi levi la mano
            .....grande modo di pensare il tuo .....
            Sai che bello diffamo tua moglie/madre
            perchè mi stai antipatico e pensa, tu non
            puoi fare nulla
            Prenditi le tuo responsabilità non ti
            nascondere nell'ombra
            dell'anonimato.........

            PS registrati un nick o hai paura di un
            virus che esce dalla tastiera che viola le
            tua triste privacy....se in un raro momento di calo d'ottusità volessi farti un enorme favore prova ad informarti sulle reali motivazioni che rendono un remailer anonimo non solo utile ma NECESSARIOpoi (forse) ne possiamo riparlareciao...eeeeeee mi riraccomando NON fare figli eh? o per lo meno ( se il danno l'hai già fatto) cerca di non trasmettergli ottusità ;-)
          • paulatz scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            per la verità sarebbe:marca di carne in scatola = SPAM
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: nop
            Fosse per me i remailer anonimi andrebbero
            aboliti ... visto anche che non ne vedo un
            solo uso legale.......Ovvio sei cieco.Sai perche' sei cieco? Perché non ne hai bisogno, quindi non ne vedi l'utilità. Se tu fossi in Corea del Nord e voessi scrivere ai giornali liberi esteri che il partito al potere sta compiendo abusi, diresti "caspita come avrei fatto senza remailer, mi hanno salvato la vita".Improbabile? In Corea del Nord vivolo 22 milioni di persone, se solo il 0.5% fossero contrari alla politica del governo, e solo il 10% di questi scrivesse ai giornali una lettera simile, una comunicazione in forma anonima salverebbe 11.000 persone da arresti, persecuzioni e abusi a seguito dell'esercizio riconosciuto sul piano mondiale della liberta' di parola.Ma a te cosa frega di tutelare i coreani, mica sono tuoi parenti. E poi, qui da noi non potrebbe mai accadere che si instauri una dittatuta per vent'anni, con il controllo sulla libertà di espressione. Vero?
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: nop


            Fosse per me i remailer anonimi andrebbero

            aboliti ... visto anche che non ne vedo un

            solo uso legale.......

            Ovvio sei cieco.
            Sai perche' sei cieco? Perché non ne hai
            bisogno, quindi non ne vedi l'utilità. Se tu
            fossi in Corea del Nord e voessi scrivere ai
            giornali liberi esteri che il partito al
            potere sta compiendo abusi, diresti "caspita
            come avrei fatto senza remailer, mi hanno
            salvato la vita".Mi sembra, sinceramente, che nn ci sia bisogno della "tua" lettera anonima per far sapere al mondo che "il partito alpotere sta compiendo abusi"..............!!!p.s.: mi spiegheresti meglio come una mail possa salvarmi la vita????
            Improbabile? In Corea del Nord vivolo 22
            milioni di persone, se solo il 0.5% fossero
            contrari alla politica del governo, e solo
            il 10% di questi scrivesse ai giornali una
            lettera simile, una comunicazione in forma
            anonima salverebbe 11.000 persone da
            arresti, persecuzioni e abusi a seguito
            dell'esercizio riconosciuto sul piano
            mondiale della liberta' di parola.Questa dovresti spiegarla meglio.......perchè nn le scrivi direttamente tu le mail anonime???? sono anonime e salveresti 11.000 persone......!!!!(forse troppo sbattimento?? meglio spendere tempo a scrivere su un forum??)
            Ma a te cosa frega di tutelare i coreani,
            mica sono tuoi parenti. E poi, qui da noi
            non potrebbe mai accadere che si instauri
            una dittatuta per vent'anni, con il
            controllo sulla libertà di espressione.
            Vero?Penso che se a te (ipocrisia a parte) interessasse veramente la sorte dei coreani (come tanti altri che nel mondo vivono sotto una dittatura!!) troveresti metodi migliori per difendere i loro diritti.......lasciando stare i remailer anonimi!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: nop




            Fosse per me i remailer anonimi
            andrebbero


            aboliti ... visto anche che non ne
            vedo un


            solo uso legale.......



            Ovvio sei cieco.

            Sai perche' sei cieco? Perché non ne hai

            bisogno, quindi non ne vedi l'utilità. Se
            tu

            fossi in Corea del Nord e voessi scrivere
            ai

            giornali liberi esteri che il partito al

            potere sta compiendo abusi, diresti
            "caspita

            come avrei fatto senza remailer, mi hanno

            salvato la vita".

            Mi sembra, sinceramente, che nn ci sia
            bisogno della "tua" lettera anonima per far
            sapere al mondo che "il partito al
            potere sta compiendo abusi"..............!!!Che ne sai, ci sono sempe nuovi abusi da far conoscere. O sai gia' tutto quello che e' accaduto o quello che sta accadendo?
            p.s.: mi spiegheresti meglio come una mail
            possa salvarmi la vita????Un messaggio anonimo in un paese oppressivo che condanna ogni forma di critica, ti tutela da arresti torture e morte. A te e alla tua famiglia.Coraggio su, non era difficile

            Improbabile? In Corea del Nord vivolo 22

            milioni di persone, se solo il 0.5%
            fossero

            contrari alla politica del governo, e solo

            il 10% di questi scrivesse ai giornali una

            lettera simile, una comunicazione in
            forma

            anonima salverebbe 11.000 persone da

            arresti, persecuzioni e abusi a seguito

            dell'esercizio riconosciuto sul piano

            mondiale della liberta' di parola.

            Questa dovresti spiegarla
            meglio.......perchè nn le scrivi
            direttamente tu le mail anonime???
            anonime e salveresti 11.000
            persone......!!!!(forse troppo sbattimento??
            meglio spendere tempo a scrivere su un
            forum??)E' sicuramente cosi' che funzionano le cose, se io vivo in un paese oppressivo e vedo un abuso o un crimine di stato, aspetto che un italiano, o un francese o un venezuelano scriva lettere anonime con esattamente quello che io vorrei dire.Perche' allora non le facciamo scrivere a Tom Cruise le lettere anonime? Oppure a Raffaella Carra'? Facciamole scrivere a tutti fuorche' ai diretti interessati.

            Ma a te cosa frega di tutelare i coreani,

            mica sono tuoi parenti. E poi, qui da noi

            non potrebbe mai accadere che si instauri

            una dittatuta per vent'anni, con il

            controllo sulla libertà di espressione.

            Vero?

            Penso che se a te (ipocrisia a parte)
            interessasse veramente la sorte dei coreani
            (come tanti altri che nel mondo vivono sotto
            una dittatura!!) troveresti metodi migliori
            per difendere i loro diritti.......lasciando
            stare i remailer anonimi!!! Si e' vero, i remailer anonimi non possono dare alcun vantaggio a persone vittime di oppressioni, ce lo hai dimostrato con ampie prove!Abbiamo letto tutti qui in questo messaggio quanto siano inutili, ci hai dato centinaia di controargomenti, primo tra tutti, il principe delle cazzate, ovvero basta che i messaggi li scrivano altri!Bravo sei proprio furbo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            Mi sembra veramente assurdo e triste che tu stia pensando che con una mail anonima si possa pensare di salvare delle vite umane....... :-( !!!Soprattutto perchè nella maggiorparte dei paesi oppressi non credo che la tecnologia sia così a portata di mano di chiunque!!p.s.Io non sono assolutamente contro i remailer anonimi, nn vedo però come questi possano essere utili.Lo spamming è fastidioso ma sicuramente sopportabile......poi ricevere una mail anonima oppure una mail registrata a nome di pinco pallina otterrebbe lo stesso risultato!!Cercherei solo di nn dare troppo valore ad una libertà che valore nn ne ha!!- Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: nop






            Fosse per me i remailer anonimi

            andrebbero



            aboliti ... visto anche che non ne

            vedo un



            solo uso legale.......





            Ovvio sei cieco.


            Sai perche' sei cieco? Perché non ne
            hai


            bisogno, quindi non ne vedi l'utilità.
            Se

            tu


            fossi in Corea del Nord e voessi
            scrivere

            ai


            giornali liberi esteri che il partito
            al


            potere sta compiendo abusi, diresti

            "caspita


            come avrei fatto senza remailer, mi
            hanno


            salvato la vita".



            Mi sembra, sinceramente, che nn ci sia

            bisogno della "tua" lettera anonima per
            far

            sapere al mondo che "il partito al

            potere sta compiendo
            abusi"..............!!!

            Che ne sai, ci sono sempe nuovi abusi da far
            conoscere. O sai gia' tutto quello che e'
            accaduto o quello che sta accadendo?


            p.s.: mi spiegheresti meglio come una mail

            possa salvarmi la vita????

            Un messaggio anonimo in un paese oppressivo
            che condanna ogni forma di critica, ti
            tutela da arresti torture e morte. A te e
            alla tua famiglia.
            Coraggio su, non era difficile



            Improbabile? In Corea del Nord vivolo
            22


            milioni di persone, se solo il 0.5%

            fossero


            contrari alla politica del governo, e
            solo


            il 10% di questi scrivesse ai giornali
            una


            lettera simile, una comunicazione in

            forma


            anonima salverebbe 11.000 persone da


            arresti, persecuzioni e abusi a seguito


            dell'esercizio riconosciuto sul piano


            mondiale della liberta' di parola.



            Questa dovresti spiegarla

            meglio.......perchè nn le scrivi

            direttamente tu le mail anonime???

            anonime e salveresti 11.000

            persone......!!!!(forse troppo
            sbattimento??

            meglio spendere tempo a scrivere su un

            forum??)

            E' sicuramente cosi' che funzionano le cose,
            se io vivo in un paese oppressivo e vedo un
            abuso o un crimine di stato, aspetto che un
            italiano, o un francese o un venezuelano
            scriva lettere anonime con esattamente
            quello che io vorrei dire.
            Perche' allora non le facciamo scrivere a
            Tom Cruise le lettere anonime? Oppure a
            Raffaella Carra'? Facciamole scrivere a
            tutti fuorche' ai diretti interessati.



            Ma a te cosa frega di tutelare i
            coreani,


            mica sono tuoi parenti. E poi, qui da
            noi


            non potrebbe mai accadere che si
            instauri


            una dittatuta per vent'anni, con il


            controllo sulla libertà di espressione.


            Vero?



            Penso che se a te (ipocrisia a parte)

            interessasse veramente la sorte dei
            coreani

            (come tanti altri che nel mondo vivono
            sotto

            una dittatura!!) troveresti metodi
            migliori

            per difendere i loro
            diritti.......lasciando

            stare i remailer anonimi!!!

            Si e' vero, i remailer anonimi non possono
            dare alcun vantaggio a persone vittime di
            oppressioni, ce lo hai dimostrato con ampie
            prove!
            Abbiamo letto tutti qui in questo messaggio
            quanto siano inutili, ci hai dato centinaia
            di controargomenti, primo tra tutti, il
            principe delle cazzate, ovvero basta che i
            messaggi li scrivano altri!
            Bravo sei proprio furbo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: Anonimo
            Mi sembra veramente assurdo e triste che tu
            stia pensando che con una mail anonima si
            possa pensare di salvare delle vite
            umane....... :-( !!!AHAH!! Che ragionamento!! E' vero, una mail anonima in se' che potere ha? Forse non dipende da cosa contiene, a chi e' rivolta e perche' e' stata scritta? Per questo nelle nostre discussioni facciamo esempi e cerchiamo di descriverli in un contesto.Se estirpi tutto il contesto, qualunque considerazione di parra' assurda.
            Soprattutto perchè nella maggiorparte dei
            paesi oppressi non credo che la tecnologia
            sia così a portata di mano di chiunque!!Cosa c'entra? Allora sicocme tu non credi, non permettiamo che al mondo essitano simili strumenti?
            p.s.
            Io non sono assolutamente contro i remailer
            anonimi, nn vedo però come questi possano
            essere utili.Ma scusa hai letto i molteplici esempi che sono stati scritti nel corso di queste accese discussioni?Abbiamo parlato di persone che - per esempio - siano alcoliste, vittime di violenze, vittime di abusi, vittima di pregiudizi, tutte realta' in cui la vittima, paranoica, intimidita o cauta, non si permetterebbe mai di scrivere a meno di non avere uno strumento che dia garanzia di anonimato.Te la sentiresti di criticare apertamente il comportamento dell'azienda in cui lavori su un newsgroup internazionale, anche se a ragione?O di parlare delle tue vicende più intime, come avviene in certi gruppi che parlano di salute o di alcolismo o di abusi sessuali subiti, rivelando subito a tutti il tuo nome?Ancora non vedi come possano essere utili?
            Lo spamming è fastidioso ma sicuramente
            sopportabile......poi ricevere una mail
            anonima oppure una mail registrata a nome di
            pinco pallina otterrebbe lo stesso
            risultato!!Secondo te i remailer sono stumenti per gli spammer? I gestori di remailer, storicamente, hanno sempre bloccato tutti gli abusi. L'unica spiegazione di questa tua erronea associazione mentale e' che non conosci bene i remailers.Se non conosci i remailer, la tua idea si spiega, ma per carita' informati! Tanto per esempio, i remailer non permettono di inviare immagini ed altri allegati, lo sapevi?
            Cercherei solo di nn dare troppo valore ad
            una libertà che valore nn ne ha!!Hai ragione. La liberta' di libera espressione, non ha valore. Scusa. Sicuramente tu puoi farne a meno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
            - Scritto da: Anonimo
            Mi sembra veramente assurdo e triste che tu
            stia pensando che con una mail anonima si
            possa pensare di salvare delle vite
            umane....... :-( !!!
            Soprattutto perchè nella maggiorparte dei
            paesi oppressi non credo che la tecnologia
            sia così a portata di mano di chiunque!!Faccio un esempio supplementare e discutibile dove si possono salvare vite umane.Tu sei un islamista in contatto con gruppi estremisti e vieni a sapere che un certo Ban Liden stà organizzando un colpaccio a NY. Il problema è che sai benissimo che codesto Ban Liden ha contatti un po' in tutto il mondo e che se quindi denunci questo probabile attacco su un forum aperto rischi che lui lo venga a sapere e che te la faccia pagare cara. Nel contempo vorresti evitare che l'FBY venga a prenderti a casa tua (te e i tuoi) per interrogarvi tutti.Pdesidereresti far sapere la cosa al mondo in modo da evitare un disastro.Che fai?Scrivi su un forum, con il rischio che Ban Liden venga a saperlo o che l'FBY ti piombi in casa per sapere come hai fatto ad avere queste informazioni? Oppure usi un remailer anonimo e scrivi direttamente all'FBY o alla GIA?Se non ci fossero i remailers anonimi te ne staresti forse zitto. Ma così puoi fare reagire le forze di sicurezza evitando però di esporti.Ecco salvate delle vite umane, la tua e quella delle vittime designate.Ti basta?
            p.s.
            Io non sono assolutamente contro i remailer
            anonimi, nn vedo però come questi possano
            essere utili.
            Lo spamming è fastidioso ma sicuramente
            sopportabile......poi ricevere una mail
            anonima oppure una mail registrata a nome di
            pinco pallina otterrebbe lo stesso
            risultato!!

            Cercherei solo di nn dare troppo valore ad
            una libertà che valore nn ne ha!!




            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo







            - Scritto da: nop








            Fosse per me i remailer anonimi


            andrebbero




            aboliti ... visto anche che non
            ne


            vedo un




            solo uso legale.......







            Ovvio sei cieco.



            Sai perche' sei cieco? Perché non ne

            hai



            bisogno, quindi non ne vedi
            l'utilità.

            Se


            tu



            fossi in Corea del Nord e voessi

            scrivere


            ai



            giornali liberi esteri che il
            partito

            al



            potere sta compiendo abusi, diresti


            "caspita



            come avrei fatto senza remailer, mi

            hanno



            salvato la vita".





            Mi sembra, sinceramente, che nn ci sia


            bisogno della "tua" lettera anonima per

            far


            sapere al mondo che "il partito al


            potere sta compiendo

            abusi"..............!!!



            Che ne sai, ci sono sempe nuovi abusi da
            far

            conoscere. O sai gia' tutto quello che e'

            accaduto o quello che sta accadendo?




            p.s.: mi spiegheresti meglio come una
            mail


            possa salvarmi la vita????



            Un messaggio anonimo in un paese
            oppressivo

            che condanna ogni forma di critica, ti

            tutela da arresti torture e morte. A te e

            alla tua famiglia.

            Coraggio su, non era difficile





            Improbabile? In Corea del Nord
            vivolo

            22



            milioni di persone, se solo il 0.5%


            fossero



            contrari alla politica del governo,
            e

            solo



            il 10% di questi scrivesse ai
            giornali

            una



            lettera simile, una comunicazione
            in


            forma



            anonima salverebbe 11.000 persone da



            arresti, persecuzioni e abusi a
            seguito



            dell'esercizio riconosciuto sul
            piano



            mondiale della liberta' di parola.





            Questa dovresti spiegarla


            meglio.......perchè nn le scrivi


            direttamente tu le mail anonime???


            anonime e salveresti 11.000


            persone......!!!!(forse troppo

            sbattimento??


            meglio spendere tempo a scrivere su un


            forum??)



            E' sicuramente cosi' che funzionano le
            cose,

            se io vivo in un paese oppressivo e vedo
            un

            abuso o un crimine di stato, aspetto che
            un

            italiano, o un francese o un venezuelano

            scriva lettere anonime con esattamente

            quello che io vorrei dire.

            Perche' allora non le facciamo scrivere a

            Tom Cruise le lettere anonime? Oppure a

            Raffaella Carra'? Facciamole scrivere a

            tutti fuorche' ai diretti interessati.





            Ma a te cosa frega di tutelare i

            coreani,



            mica sono tuoi parenti. E poi, qui
            da

            noi



            non potrebbe mai accadere che si

            instauri



            una dittatuta per vent'anni, con il



            controllo sulla libertà di
            espressione.



            Vero?





            Penso che se a te (ipocrisia a parte)


            interessasse veramente la sorte dei

            coreani


            (come tanti altri che nel mondo vivono

            sotto


            una dittatura!!) troveresti metodi

            migliori


            per difendere i loro

            diritti.......lasciando


            stare i remailer anonimi!!!



            Si e' vero, i remailer anonimi non possono

            dare alcun vantaggio a persone vittime di

            oppressioni, ce lo hai dimostrato con
            ampie

            prove!

            Abbiamo letto tutti qui in questo
            messaggio

            quanto siano inutili, ci hai dato
            centinaia

            di controargomenti, primo tra tutti, il

            principe delle cazzate, ovvero basta che i

            messaggi li scrivano altri!

            Bravo sei proprio furbo!
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!

          Una mail non desiderata = SPAM.....:-) vale anche per le lettere? no perche io ricevo ogni mese alcune lettere non desiderate (luce, gas, telefono ecc. ecc.) posso denunciarli per SPAM? :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbasso i remailer anonimi e aperti!
        - Scritto da: Anonimo
        Da remailer anononimi non si può inviare
        spam! Informati prima di parlare!E perchè no? quali sono le soluzioni tecniche che i remailer adottano per impedire di essere sfruttati dagli spammer?
  • Anonimo scrive:
    Non si puo' sempre stare in prima linea
    Se uno per anni gestisce una cosa cosi', assumendosi anche responsabilita' allucinanti, e' ovvio che ad un certo punto comincia a fregarsene. Ma remailer apagamento esistono?
  • dominedi scrive:
    Ci sara' qualcuno che si sara' rotto
    Ci sara' qualcuno che si sara' rotto di ricevere spam proveniente da questi stupendi remailer anonimi, che molto spesso appunto non fanno altro che coprire spammer vari, altro che anonimato
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci sara' qualcuno che si sara' rotto
      - Scritto da: dominedi
      Ci sara' qualcuno che si sara' rotto di
      ricevere spam proveniente da questi stupendi
      remailer anonimi, che molto spesso appunto
      non fanno altro che coprire spammer vari,
      altro che anonimatomavvaffanculovà
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci sara' qualcuno che si sara' rotto
      - Scritto da: dominedi
      Ci sara' qualcuno che si sara' rotto di
      ricevere spam proveniente da questi stupendi
      remailer anonimi, che molto spesso appunto
      non fanno altro che coprire spammer vari,
      altro che anonimatoNe sai pochino, eh ? I remail anonimi non possono essere usati per lo spam.......
      • nop scrive:
        Re: Ci sara' qualcuno che si sara' rotto

        Ne sai pochino, eh ? I remail anonimi non
        possono essere usati per lo spam....... Uno spam può essere anche un e-mail e chi la riceve grazie a questi stupendi server non saprà mai chi gli e l'ha inviata.........
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci sara' qualcuno che si sara' rotto

          Uno spam può essere anche un e-mail e chi la
          riceve grazie a questi stupendi server non
          saprà mai chi gli e l'ha inviata.........Una volta che sai chi te l'ha inviata comunque ce l'hai e non hai risolto il problema...
          • nop scrive:
            Re: Ci sara' qualcuno che si sara' rotto
            - Scritto da: Anonimo

            Uno spam può essere anche un e-mail e chi
            la

            riceve grazie a questi stupendi server non

            saprà mai chi gli e l'ha inviata.........

            Una volta che sai chi te l'ha inviata
            comunque ce l'hai e non hai risolto il
            problema...Ho un elemento in piu' ...senza neanche quello mi attacco al ...................................tramPosso denunciare una persona .... un anonimo no purtroppo.....
    • Anonimo scrive:
      Re: L'alternativa allo spam esiste
      basta non aprire le email (=caramelle) degli sconosciuti,e cancellarle subito!!!1 utente (linux) qualunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'alternativa allo spam esiste

        basta non aprire le email (=caramelle) degli
        sconosciuti, e cancellarle subito!!!Quanti anni hai? 5, 6? No forse sono troppi.. Se si parla di spam non mi puoi dire "basta non aprire le email" perchè non ci incastra nulla... Se è spam significa che ti arrivano circa 10/15 email al giorno di sporcizia e starle a cancellarle non risolve il problema. Ci sono programmi carini o regole da poter applicare che lo prevengono. Ma è ovvio che lato provider se ci fosse un maggior controllo ciò non guasterebbe.
        1 utente (linux) qualunque.Beh lo sono anche io, e adesso capisco xkè si vien visti male... Con certe affermazioni...
        • Anonimo scrive:
          Re: L'alternativa allo spam esiste
          [...] Se è spam significa che
          ti arrivano circa 10/15 email al giorno di
          sporcizia[...]SOLO 15? mizzica! kecculo!:))ho spento il computer ieri sera alle 20.oo / sono le 12.58 ed il folderino di posta eliminata ne conta 51. a fine giornata, come al solito, forse avro' raggiunto il centinaio.spammatamente vostro,faz
          • Anonimo scrive:
            Re: L'alternativa allo spam esiste

            SOLO 15? mizzica! kecculo!:))Volevo contenermi...
            ho spento il computer ieri sera alle 20.oo /
            sono le 12.58 ed il folderino di posta
            eliminata ne conta 51. a fine giornata, come
            al solito, forse avro' raggiunto il
            centinaio.Si ma non puoi dire come quello... Cancella e vai... Oddio raggiungere il centinaio fa pensare su dove puoi aver "infiltrato" il tuo indirizzo... In senso buono ovviamente...
            spammatamente vostro,
            faz
          • Anonimo scrive:
            Re: L'alternativa allo spam esiste

            ho spento il computer ieri sera alle 20.oo /
            sono le 12.58 ed il folderino di posta
            eliminata ne conta 51. a fine giornata, come
            al solito, forse avro' raggiunto il
            centinaio.non avrai mica lasciato scoperto il sedere come hai fatto con l'indirizzo...? Se no ci si può scolare la pasta :-)Si è vero lo spam esiste...ma lasciare in giro l'indirizzo "ovunque" peggiora sicuramente la situation...insomma...un po' te la sei cercata non credi?ciao...senza invidia per le tue mail :-)
  • Anonimo scrive:
    ...ed io installo freenet!!!
    :-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: ...ed io installo freenet!!!
      - Scritto da: Anonimo
      :-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))


      (linux)invece di installare soalemten un catorcio malfunzionante, fai anceh tu da supporto per i remailers....ok, evviva freenet, ma mi racomando, non c'è solo quello!
    • Anonimo scrive:
      Re: ...ed io installo freenet!!!
      - Scritto da: Anonimo
      :-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))


      (linux)Cosi' siete in 2
      • Anonimo scrive:
        Re: ...ed io installo freenet!!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        :-)))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))





        (linux)

        Cosi' siete in 2Ora che le alternative sicure si riducono...gli utenti di freenet aumentano.E' l'effetto della repressione (il non ottenere mai quello che si prefigge, se non facendo dei danni di gran lunga superiori ai benefici)
  • Anonimo scrive:
    paura di quello che pensi
    bel mondo
    • Anonimo scrive:
      Re: paura di quello che pensi
      - Scritto da: Anonimo
      bel mondobel mondo davvero:dove la logica del profitto è più forte di quella del diritto!
Chiudi i commenti