Funzionano i domini in caratteri non latini

L'indagine commissionata da ICANN si conclude e gli esperti tirano un sospiro di sollievo: non vi sarebbero problemi di routing o di infrastruttura con l'introduzione di domini in alfabeti asiatici ed arabi (IDN)

San Francisco – I cinesi ci lavorano da anni ma ora anche l’ ICANN può guardare con meno preoccupazione alla realizzazione e diffusione di domini Internet registrati e utilizzati in caratteri non latini, ad esempio sfruttando la grafìa degli alfabeti arabo o cinese.

L’indagine commissionata dall’organismo di supervisione del sistema dei domini e svolta dagli esperti della svedese Autonomica si è conclusa, ed i risultati sono più che incoraggianti .

Nel report dei risultati, disponibile qui in PDF, gli sperimentatori spiegano: “Autonomica, come richiesto da un contratto con ICANN, ha indagato se l’introduzione di domini di primo livello contenenti IDN (caratteri internazionali) avrebbe avuto un qualche impatto sul funzionamento dei root server che forniscono il routing, o sui software operativi utilizzati per l’individuazione delle informazioni. Non è stato rilevato alcun genere di impatto. Tutti i sistemi coinvolti si sono comportati esattamente come sperato “.

Un concetto ribadito anche nelle conclusioni del rapporto, dove si specifica come non sia stato “riscontrato qualsiasi funzionamento del sistema del tutto o in parte diverso dalla normale operatività dei sistemi DNS (che instradano le richieste, ndr.). L’aggiunta di stringhe IDN non sembra aver alcun effetto misurabile sulla performance dei sistemi sottoposti ad indagine”.

In una nota , ICANN spiega come il lavoro si sia focalizzato su caratteri non-ASCII allo scopo di “rendere questi (domini, ndr.) disponibili come primo livello, cosicché un intero nome a dominio possa essere utilizzato in caratteri locali. L’impiego globale degli IDN migliorerà l’uso di Internet in ampie regioni del Mondo, consentendo alle persone di condividere e accedere all’informazione, o utilizzare servizi, nella propria lingua”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Vittima ?
    http://cryptome.org/justin-berry.htm
  • longinous scrive:
    Re: Ma perchè sentenze così...
    http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1452475&m_id=1452484&r=PIe direi che sono d'accordo: tutta pubblicità.
  • longinous scrive:
    Re: Ma perchè sentenze così...
    http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1452475&m_id=1452484&r=PIe direi che sono d'accordo: tutta pubblicità.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma perchè sentenze così...
    Guarda, negli USA 150 anni ..... sono 150 anni!E sono fortunati.Esiste anche la pena di morte.Quanto ai lavori forzati, molti stati li applicano nei confronti dei detenuti ed alcuni li portano ancora a spaccare pietre per fare le strade.Negli USA non esiste il perdono: viene applicata la giustizia esattamente con il bilancino. Al max per i reati minori si può avere la libertà sulla parola, ma che è appunto parola nel senso di onore vero e proprio: hai a disposizione 3 volte per la libertà di parola con reati minori; al 3° reato vai dentro per tutto il resto della vita.Poi ... non ci scommetterei tanto sulla verginità anale di questi signori nel lungo periodo! È facile che "casualmente" uno o più secondini li perdano d'occhio e li lascino soli con gli altri detenuti.
Chiudi i commenti