Fuori la beta 2 di Visual Studio.NET

Visual Studio.NET, lo strumento che consentirà la costruzione di edifici sopra le fondamenta di .NET, ora è più vicino


Redmond (USA) – Con circa un mese di ritardo rispetto al previsto, Microsoft ha rilasciato la seconda beta di Visual Studio.NET, il suo primo ambiente di sviluppo orientato alla creazione di applicazioni e servizi basati sullo standard XML.

Se Internet fa già parte integrante dell’attuale versione di Visual Studio, questa edizione va ad incastrarsi in quel grande puzzle che è la piattaforma Microsoft.NET portando il “Web development” al centro di tutto l’ambiente.

Nella suite sono compresi strumenti e funzionalità dedicate allo sviluppo di applicazioni per Internet e tecnologie chiave come XML e SOAP (Simple Object Access Protocol). Queste ultime tecnologie rappresentano architetture aperte che, almeno sulla carta, dovrebbero consentire l’interoperabilità fra servizi e applicazioni di piattaforme differenti.

La prossima generazione di Visual Studio integrerà anche un ambiente Rapid Application Development (RAD) per i server attraverso cui sarà possibile avvalersi di tutte le funzionalità e le facilitazioni messe a disposizione da Windows DNA 2000, una piattaforma per lo sviluppo rapido di soluzioni Web e di e-commerce comprendente fra gli altri Microsoft SQL e COM+.

Con Visual Studio.NET, Microsoft punta chiaramente alla leadership nella fornitura di tecnologie per il mercato dell’e-business, un settore che in pochi anni conoscerà un boom colossale, probabilmente senza precedenti.

Visual Studio.NET, la cui versione definitiva è attesa per la fine dell’anno, dovrebbe arrivare in tre distinte edizioni: Professional, Architect e Developer. Le ultime due sono dedicate al mondo enterprise e mirano ad offrire agli sviluppatori tutti gli strumenti necessari per misurare velocità e prestazioni del software prodotto, ottimizzarne l’uso in rete, massimizzare la collaborazione fra team di sviluppo ed offrire di serie una vasta libreria di componenti che possano semplificare la creazione di applicativi per il Web, fra cui interfacce e motori per l’e-commerce.

L’edizione Architect ha integrati dei nuovi strumenti di progettazione visuale che consentono, secondo Microsoft, di creare rappresentazioni grafiche del software in sviluppo tese a migliorare la stretta collaborazione ad un progetto fra personale non tecnico e programmatori.

Visual Studio.NET Beta 2 include il supporto ai linguaggi Visual C++, C# e Visual Basic e per girare richiede Windows NT, 2000 o XP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Caratteristiche Non Vincenti
    Tutte le innovazioni introdotte da Matrox per questo nuovo chip non sono molto utili.Una implementazione del T&L completa avrebbe reso questo chip molto più appetibile, da chi lavora in ufficio, a chi gioca spesso !E' un vero peccato che la Matrox faccia di tutto per andare a fallimento.DAI, LASCIAMO IL PASSATO ALLE SPALLE E APPLICHIAMOCI SU UNA BELLA TEXTURE FACCIALE !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Caratteristiche Non Vincenti
      - Scritto da: Fardj
      Tutte le innovazioni introdotte da Matrox
      per questo nuovo chip non sono molto utili.

      Una implementazione del T&L completa avrebbe
      reso questo chip molto più appetibile, da
      chi lavora in ufficio, a chi gioca spesso !

      E' un vero peccato che la Matrox faccia di
      tutto per andare a fallimento.

      DAI, LASCIAMO IL PASSATO ALLE SPALLE E
      APPLICHIAMOCI SU UNA BELLA TEXTURE FACCIALE
      !!!Concordo in parte. Le schede matrox sono poco adatte ai videogiochi pero' l'uscita DVD e' ottima, gestisce benissimo il dual display, accelera in maniera eccellente il video ed ha una brillante qualita' di uscita.I drivers sono scarsi pero'.Certamente una Nvidia ha una accelerazione 3D ancora imbattuta e un filtro RF prima del connettore VGA che peggiora l'immagine (io l'ho rimosso) e uno sviluppo dei drivers eccezionale.Bye
  • Anonimo scrive:
    MP4
    mi ricorda l'MPEG4. solo che qui i dati della faccia sono mandati una volta per tutte mentre con l'mpeg4 al'inizio di ogni sessione (se non ricordo male)
    • Anonimo scrive:
      Re: MP4
      muhahahahahahahaahaaaBUONANOTTE !!!!...aprire la bocca per dargli fiato- Scritto da: leogiov
      mi ricorda l'MPEG4. solo che qui i dati
      della faccia sono mandati una volta per
      tutte mentre con l'mpeg4 al'inizio di ogni
      sessione (se non ricordo male)
      • Anonimo scrive:
        Re: MP4
        E' la prima volta che scrivo su questo forum,ma dai veramente leggendo cazzate di questaentita' non e' possibile resistere!!!Se una persona non sa assolutamente nienteriguardo all'argomento trattato e' decisamentemeglio che si documenti prima di esporrequalsiasi commento.Passando poi al nuovo prodotto, l'aspettodella teleconferenza con modelli poligonalibe mi pare di una utilita' nulla, se nonper una videoconferenza casalinga tra duecuginetti di 10 anni.Apparte che il metodo per ottenere ilmodello per il rendering mi pare abbastanzamacchinoso e dovrebbe scoraggiare molti.La videoconferenza su banda stretta e'praticamente un segmento di non primariaconsiderazione, anche perche nessunaconferenza video importante verra' maifatta utilizzando linee pstn...Credo che una societa' che utilizziil sistema di videoconferenza qualenorma abbia sicuramente le struttureidonee, almeno una Virtual Private Network.Byez
        - Scritto da: leogiov

        mi ricorda l'MPEG4. solo che qui i dati

        della faccia sono mandati una volta per

        tutte mentre con l'mpeg4 al'inizio di ogni

        sessione (se non ricordo male)
Chiudi i commenti