Giappone, 100 Mbps anche su coassiale

Panasonic, insieme ad altre aziende, lavora ad un giochino che permetterà di utilizzare la rete coassiale domestica (TV) per accedere a servizi broadband


Roma – Un gruppo assortito di aziende giapponesi, fra cui Panasonic ed Entropic Communications , sta collaborando per realizzare una serie di prodotti che potrebbero rivoluzionare il settore broadband. Grazie al chipset Entropic c.LINK, integrato sul receiver TZ-CLM100, sul network controller modem TZ-CLM110 e su nuove periferiche ancora in fase di implementazione, sarà possibile utilizzare il normale cavo coassiale (TV) domestico per accedere al Web con una velocità massima di 100 Mbps .

Jupiter Telecommunications , uno dei più noti operatori giapponesi di televisione digitale, sta testando le funzioni avanzate del futuro servizio, come ad esempio la distribuzione di segnali via cavo tramite un unico access point. Per ora un singolo controller – come il TZ-CLM110 – può supportare fino a 31 receiver, permettendo l’accesso Web a unità abitative multi-familiari, come i condomini . In pratica, è sufficiente far giungere il segnale digitale, magari proveniente da fibra ottica, ai controller TZ-CLM110 per poi sfruttare la normale rete coassiale. I receiver TZ-CLM100 si occupano di rendere fruibile il segnale in ogni appartamento.

La nuova tecnologia permette la comunicazione bi-direzionale attraverso le porte (splitter) coassiali; allo stesso tempo il chipset impiegato è in grado di gestire uno spettro di frequenze compreso fra gli 800 MHz e i 1500 MHz. In questo modo con l’integrazione “a cascata” di altri controller è possibile far coesistere più servizi, come quello via cavo, terrestre e satellitare .

“Il Panasonic TZ-CLM110 Network Controller è l’interfaccia che si pone tra il finale del network a fibra ottica e l’infrastruttura coassiale presente nei condomini, mentre il TZ-CLM100 è il client modem connesso alla rete coassiale di ogni appartamento”, ha spiegato John Graham, vice presidente marketing presso Entropic. “Questi prodotti hanno reso il multi-servizio una realtà: televisione via cavo, broadband e telefonia”.

Jupiter Telecommunications lo scorso autunno ha effettuato una serie di test in appartamenti dotati di tecnologia c.LINK: il responso è stato più che positivo. “L’utilizzo delle tecnologie Panasonic e Entropic ci ha permesso di sfruttare semplicemente la cavetteria coassiale presente nelle abitazioni; il tutto con un decisivo contenimento dei costi per attivare servizi a banda larga”, ha dichiarato Kanji Kotake, vice presidente Jupiter.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    apocalisse quindi
    schedare con estrema precisione qualsiasi cittadino, indipendentemente dal fatto che abbia avuto o meno problemi con la giustizia.
    • Anonimo scrive:
      Re: apocalisse quindi
      bella lì... in australia tutti schedati, licenziamento selvaggio e ti arrestano se scioperi.mica male.... :| :| :|
      • Anonimo scrive:
        Re: apocalisse quindi
        - Scritto da: Anonimo
        bella lì... in australia tutti schedati,
        licenziamento selvaggio e ti arrestano se
        scioperi.E le major possono fare giustizia privata con incursioni nelle aziende quando vogliono loro alla ricerca di materiale che violi il loro copyright.L'Australia è senz'altro la nazione più dittatoriale del mondo "occidentale". Probabilmente serve da banco di prova per gli altri paesi.
    • Anonimo scrive:
      Re: apocalisse quindi
      - Scritto da: Anonimo
      schedare con estrema precisione qualsiasi
      cittadino, indipendentemente dal fatto che abbia
      avuto o meno problemi con la giustizia.

      non abbia avuto problemi con la giustizia

      "Non ci sono problemi legati alla privacy, perché
      tutti i dati sono immagazzinati in sistemi
      informatici a prova di intrusioni non
      autorizzate"I problemi legati alla privacy ci sono in quanto esiste il database. Anche se vi ha accesso soltanto il governo o le forze dell'ordine -- come del resto avverrebbe in un paese dittatoriale qualunque -- la cosa è comunque molto preoccupante.
  • Anonimo scrive:
    Questo mega database mi ricorda tanto ..
    ""I due sistemi convergeranno in un unico strumento euristico per la lotta alla criminalità, atto ad identificare potenziali criminali con un largo margine d'anticipo""... la Pre-Crime di Minority-Report, a voi no? Bah ... contenti loro, l'importante che qualche intelligentone non la importi nell'UE.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo mega database mi ricorda tant
      - Scritto da: Anonimo
      ""I due sistemi convergeranno in un unico
      strumento euristico per la lotta alla
      criminalità, atto ad identificare potenziali
      criminali con un largo margine d'anticipo""

      ... la Pre-Crime di Minority-Report, a voi no?
      Bah ... contenti loro, l'importante che qualche
      intelligentone non la importi nell'UE.Basta pazientare e saremo accontentati
  • Anonimo scrive:
    Da un lato giusto, ma non sempre
    è giusto perchè si possono rintracciare velocemente le informazioni di una data persona, aver a che fare con un'assassino non è cosa di tutti i giorni, però può capitare a chiunque, dunque ben venga questa tecnologia.è sbagliato perchè si considera "criminale" anche chi scarica solo della musica, e questo mi sembra davvero troppo!possibile che non venga fatta alcuna distinzione tra un potenziale assassino ed un "downloader di MP3"?sono contento di essere in italia, perchè le forze dell'ordine sono molto più intelegenti rispetto a certi paesi dove vige di fatto una dittatura senza precedenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Da un lato giusto, ma non sempre

      è giusto perchè si possono rintracciare
      velocemente le informazioni di una data persona,
      aver a che fare con un'assassino non è cosa di
      tutti i giorni, però può capitare a chiunque,
      dunque ben venga questa tecnologia.ma scusa ogni distretto di polizia si occupa delle persone della residenza in zonase uno becca uno fuori zona e sufficiente fare una telefonata e sei a posto
      sono contento di essere in italia, perchè le
      forze dell'ordine sono molto più intelegenti
      rispetto a certi paesi dove vige di fatto una
      dittatura senza precedenti.su che basi affermi questo quindiperche qui non ti dicono che c'e gia questo database
Chiudi i commenti