Giappone, il BigMac si paga con il cellulare

McDonald's sperimenterà nei propri ristoranti un coupon elettronico. Da scaricare sul telefonino per l'acquisto e il pagamento delle consumazioni

Tokyo – Fra le organizzazioni commerciali che si stanno muovendo verso soluzioni di mobile-payment spicca la filiale giapponese di McDonald’s , che sta per offrire ai propri clienti la possibilità di pagare la consumazione con il telefonino.

Una dimostrazione della tecnologia di epayment Nei propri ristoranti, infatti, la popolare catena multinazionale di fast-food ha annunciato l’introduzione del coupon elettronico per consentire ai clienti di pagare via cellulare quanto ordinato. Il sistema sarà fruibile da coloro che hanno un telefonino dotato della tecnologia Felica di Sony.

Il cliente deve effettuare sul proprio apparecchio il download di un’applicazione e registrarsi, scegliendo il Kasazu coupon desiderato. Nel momento in cui si troverà di fronte alla cassa del McDonald’s, dovrà solo posizionare il proprio cellulare su un lettore che riconoscerà il coupon e permetterà di finalizzare l’acquisto. Che potrà essere pagato con il sistema di pagamento iD di NTT DoCoMo .

Il coupon non permette solo di effettuare acquisti, ma anche di sfruttare sconti e promozioni. Il software di gestione del pagamento McDonald’s inizierà a testarne l’applicazione in 175 esercizi, per poi avviarla in tutti i 3.800 ristoranti presenti nell’arcipelago nipponico. Un banco di prova ritenuto particolarmente significativo, dal momento che in Giappone sono molti gli utenti che possiedono un cellulare dotato della tecnologia Felica.

Dario Bonacina

( fonte immagini )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Ha ascoltato le lamentele...
    Sui forum di N-Gage gli utenti si lamentavano proprio di questo fatto.Ovviamente la protezione era stata fatta per evitare che uno compri il gioco scaricando la demo gratuita e attivandolo se gli piace, e poi usi lo stesso codice per passarlo agli amici (come per i giochi PC piratati ma in questo caso non ci sono nemmeno cd da copiare).Legarlo all'Imei era il metodo per impedirlo.Quello che hanno sottovalutato, era la frequenza con cui la gente si compra un cellulare nuovo!Infatti si aspettavano qualche richiesta ogni tanto di gente che rompeva il cellulare e ne usava uno nuovo. Bastava una richiesta al servizio clienti con i propri dati.Ma in un paio di mesi le richieste di gente che aveva comprato il gioco e poi cambiato cellulare o addirittura di chi ha più di un cellulare compatibile sono cresciute esponenzialmente. E così le lamentele.Ma Nokia ha (a sorpresa) deciso di venire incontro agli utenti, a rischio di qualche copia piratata in più ma di molti più clienti soddisfatti.Penso che anche altri dovrebbero imparare la lezione... :)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Ha ascoltato le lamentele...
      contenuto non disponibile
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Ha ascoltato le lamentele...
        Non era quello il mio punto (non stavo affatto difendendo il DRM!)Il punto era: hanno messo il DRM per motivi che vagamente erano plausibili, la gente si è lamentata lo stesso, Nokia ha fatto un passo indietro per accontentare gli utenti.Ci sono milioni di utenti che si lamentano perchè non possono usufruire liberamente di contenuti regolarmente pagati.Accade con musica, film, giochi, etc.Quanti altri hanno liberato i contenuti?Pochi. Troppo pochi.
Chiudi i commenti