Gibson: Guitar Hero abusa dei nostri brevetti

Il superproduttore di chitarre punta i piedi: Activision non può vendere un videogioco basato su un'idea brevettata da Gibson. O paga la licenza, o smette di vendere il software

Roma – Guitar Hero , il popolarissimo “videogame” di Activision che fa sognare di essere rock star con la chitarra in mano, si starebbe macchiando di una grave colpa: violare un brevetto di Gibson , azienda che di chitarre se ne intende da sempre, tanto da spingere gli sviluppatori di Guitar Hero a volerne riprodurre sound e look .

Guitar Hero abusa di Gibson - chitarra Gibson non protesta però per il sound e il look ma per l’idea che sta alla base del game : Guitar Hero di Activision, progettato per consentire ai giocatori di premere alcuni pulsanti su finte chitarre a tempo con le note visualizzate sul video, violerebbe un brevetto di Gibson del 1999, nel quale la casa avrebbe depositato i dettagli di una tecnologia per simulare performance musicali.

Sulla vicenda, Gibson non ha rilasciato dichiarazioni, ma c’è qualche indiscrezione concessa dagli avvocati. “Secondo la nostra analisi preliminare, il software Guitar Hero (comprese espansioni) e il controller fornito da Activision come strumento musicale (insieme al software o a sé stante) sono coperti da brevetto”, spiegano i legali di Gibson in una lettera. “Gibson chiede ad Activision di procurarsi una licenza o di bloccare le vendite di qualsiasi versione del software Guitar Hero”.

Guitar Hero abusa di Gibson - chitarra Giunto ormai alla terza edizione dopo aver invaso ogni sorta di CPU, il rock system spopola più che mai. Activision ha deciso di non prendere in considerazione le minacce e ha chiesto alla corte di dichiarare illegittimo il reclamo e di impedire a Gibson di persistere in inutili richieste di danni.

Guitar Hero abusa di Gibson - chitarra Tra i primi effetti della querelle c’è stato un mezzo terremoto in borsa, con le azioni di Activision che mercoledì scorso si sono stabilizzate a 26,82 dollari. Il business in gioco è notevole: solo negli USA Guitar Hero, dal suo debutto nel 2005, ha venduto più di 14 milioni di esemplari producendo un fatturato di oltre un miliardo di dollari.

Quando invece si parla di Gibson, si parla di un’azienda che nel suo parco clienti ha nomi di rilievo: Clapton, B.B. King, Slash, solo per citarne alcuni. Ma questo non sembra impressionare Activision: “Gibson è un buon partner, abbiamo grande rispetto per loro. Non siamo d’accordo sull’applicabilità del loro brevetto, e su questo vorremmo arrivare ad una determinazione da parte di un giudice”, dice in una nota il consigliere generale dell’azienda, George Rose. Activision sostiene, infatti, di non aver violato alcun brevetto. Non solo: “attendere tre anni per accorgersene vuol dire averne implicitamente concesso la licenza”.

Gibson peraltro non è l’unica a lamentarsi di Activision e, nel frattempo, il preannunciato sito ufficiale italiano di Guitar Hero sembra non sia ancora online.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • antonio stella scrive:
    chi scrive non ha provato
    una sola considerazione:si capisce anche da una lettura disattenta che la persona che ha scritto questo articolo non si e' evidentemente mai dovuto scontrare con veri problemi di mobilita',buon per lui
  • Franco Peci scrive:
    e per imboccare
    Sono disabile e il mio più grande ostacolo è mangiare: devo essere imboccato da un'altra persona-Potrà mai esserci un robot in grado di svolgere questo servizio?CiaoFranco
    • battagliacom scrive:
      Re: e per imboccare
      non bisogna mai perdere la speranza,vedrai che un giorno inventeranno anche qualcosa che fa al caso tuo, comunque non contarci troppo perchè questi sono esperimenti molto costosi e per arrivare nel mercato consumer cene vorrà moltodi tempo.Comunque non smettere mai di sperare, vedrai che un giorno riacquisterai l'indipendenza dalle altre persone.
  • jango scrive:
    Sindrome di Lou Gehrig
    .... Cioè questo sarebbe sviluppato per loro??? Loro che non possono muoversi assolutamente tranne per le palpebre? E come lo puntano il laser allora se non possono usare le mani??
  • Paolo scrive:
    ...
    Ma lo stesso sistema non si usa nelle bombe a guida laser.Punta e .... :-(
  • picchiatello scrive:
    ....
    "Abbiamo realizzato qualcosa di valido dal punto di vista tecnico - spiega - ma che è anche utile alle persone"Penso che il socializzare non sia incluso in quando sopra hanno eleborato chiusi nei loro laboratori.....Ripeto qui ho paura non ci sia nessun approccio socio-sanitario alla questione, questa proliferazione di aborti robotici pone piu' vincoli e alti costi che altro.
Chiudi i commenti