Gli Oscar degli sceneggiatori di videogiochi

Mai più sconosciuti i geniacci che scrivono i testi dei migliori videogame in circolazione. Sono loro, spesso, a fare la differenza

Roma – Sarà anche in sciopero a tempo indeterminato , la famigerata gilda degli autori televisivi e cinematografici che alimenta i sogni e – soprattutto – i business dell’industria multimediale americana, ma ciò non ha impedito alla Writers Guild of America di annunciare l’iscrizione di soggettisti e sceneggiatori di videogame nell’albo d’oro di una premiazione a tema . Un’occasione forse per dare volto e un giusto riconoscimento a quei personaggi semi-sconosciuti il cui lavoro rimane quasi sempre avvolto nell’indifferenza dei videogiocatori.

dal capolavoro di Ron Gilbert Se infatti basta evocare i nomi di famosi designer come Jordan Mechner (Prince of Persia), Peter Molyneux (Populous, Black & White, Theme Park), Will Wright (SimCity, Spore) e Ron Gilbert (Monkey Island) per avere un’idea piuttosto definita del grande lavoro dietro i suddetti titoli, scrivere sceneggiature, dialoghi e storie per i videogame rimane ad oggi un’occupazione che non garantisce particolare fama o note di merito.

Ma dal prossimo 9 febbraio la situazione dovrebbe cambiare in maniera radicale, visto che WGA East – una delle due organizzazioni di autori statunitensi definite collettivamente come “WGA” – annuncerà per quella data il vincitore della categoria “miglior autore di videogame”. A causa dello sciopero in corso quest’anno non ci saranno show a fare da corollario ai premi, nondimeno il riconoscimento dell’importanza della scrittura in ambito videoludico è un fatto degno di attenzione.

L’autore vincitore verrà scelto tra cinque diverse nomination: Crash of the Titans , scritto da Christopher Mitchell per Sierra Entertainment; Dead Head Fred , scritto da Dave Ellis e Adam Cogan per il produttore D3; The Simpsons Game , su cui hanno lavorato Matt Selman, Tim Long, Matt Warburton, e Jeff Poliquin per Electronic Arts; The Witcher , scritto da Artur Ganszyniec, Sebastian Stepien e altri; World in Conflict , scritto da Christofer Emgard assieme ai consulenti Larry Bond ed Ed Zuckerman.

una scena di guerra Una lista che ben poco combacia con i blockbuster videoludici che più hanno venduto nel 2007, e che va dunque interpretata come frutto di un lavoro di ricerca specifica da parte di WGA. L’unico dubbio rimane sul perché il sindacato abbia atteso tanto tempo per istituire un premio specifico per gli autori di videogame: “Sono loro ad essere in ritardo con i giochi, per così dire, o la scrittura di videogame solo da poco è diventata abbastanza buona per meritarsi una menzione?” scrive tra gli altri Wonderland .

Chi invece non ha avuto dubbi è stata la Advertising Standards Authority inglese , che non ci ha pensato su due volte prima di mettere al bando lo spot televisivo di Stranglehold , il gioco d’azione presentato dal regista John Woo che fa della violenza una delle sue componenti principali. Mentre dunque negli States cominciano a giudicare i videogame con un metodo diverso dal classico approccio didascalico e bacchettone, nel Regno Unito continuano a considerare i killer-game come un potenziale amplificatore di istinti omicidi .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • renzo pini scrive:
    hahahahhahahahhah !!!
    hahahahhahahahhah !!!geni dell'open source grazie per il vostro LAVORO GRATIS !!!hahahahhahahahhah !!!hahahahhahahahhah !!!hahahahhahahahhah !!!hahahahhahahahhah !!!hahahahhahahahhah !!!
    • geniacci scrive:
      Re: hahahahhahahahhah !!!
      ma sai cos'è l'open source?
      • gnurant scrive:
        Re: hahahahhahahahhah !!!
        - Scritto da: geniacci
        ma sai cos'è l'open source?e' pieno di trolloni qui purtroppo :-(http://www.hell.org.ua/Docs/oreilly/nuts/bookshelves/linuxwebserv2/mysql/ch01_02.htm
    • Guglielmo scrive:
      Re: hahahahhahahahhah !!!
      Insomma :$Non è che il guadagno non sia irrisorio ;)
    • gnurant scrive:
      Re: hahahahhahahahhah !!!
      a me risulta che chi lavorava per MySql venisse assunto con contratti e di conseguenza retribuito(non sta scritto da nessuna parte che un azienda che rilascia codice con una qualche licenza open non debba pagare i suoi dipendenti)probabilmente tu preferisci lavorare in nero e senza garanzie per qualche scricchiolante softwarehouse italiana. :D
  • Leonardo scrive:
    .............
    io spero vivamente che php non subiisce qualche ingustizia con il monopolizazione di java e sun sta cosa che le grande aziende vogliono avere tutto sotto controllo mi sta un po sulle p.....leciao
    • geniacci scrive:
      Re: .............
      infatti, basta con le grandi aziende, costruiamoci i nostri prodotti da soli! martello e pinze ragazzi! qualcuno mi dice come si costruisce un hard disk?
  • LuVi scrive:
    Scusate...
    Avevo scritto che, oltre a questa notizia, ci sono state altre acquisizioni eccellenti:Oracle -
    Bea WeblogicSAP -
    Business Objectsed avevo espresso i miei timori per l'acquisizione di MySQL e, la futura, forse, integrazione in Solaris.E' sparito tutto, e non ho avuto notifiche.Ho sognato?LuVi
  • Fairth scrive:
    Poveri muli
    Chissà quanti muli open source avranno lavorato aggratiss giorno e notte in questo progetto convinti di poter salvare il mondo e avere un posto d'onore nei libri di storia... sessè...1 miliardo di dollari! (ovvero oltre 1500 miliardi delle vecchie lire)Ma vi rendete conto? Molte persone saranno diventate ultra milionarie per "amore dell'open source", ma tra queste non credo proprio ci siano i tanti muli di tutto il mondo che hanno contribuito al progetto.Questo spiega il motivo per cui molte aziendastre si gettano nell'open source a capofitto, ma la pacchia finirà, è questione di tempo.
    • www.aleksfa lcone.org scrive:
      Re: Poveri muli
      - Scritto da: Fairth
      Chissà quanti muli open source avranno lavorato
      aggratiss giorno e notte in questo progetto
      convinti di poter salvare il mondo e avere un
      posto d'onore nei libri di storia...
      sessè...

      Ma vi rendete conto? Molte persone saranno
      diventate ultra milionarie per "amore dell'open
      source", ma tra queste non credo proprio ci siano
      i tanti muli di tutto il mondo che hanno
      contribuito al progetto.

      Questo spiega il motivo per cui molte aziendastre
      si gettano nell'open source a capofitto, ma la
      pacchia finirà, è questione di tempo.Ecco il solito genio che non ha capito nulla.
      • beppe scrive:
        Re: Poveri muli
        invece ha ragione , chi specula su attività create da progetti collaborativi è giusto che una volta capitalizzato il contante , dia a tutti quello che si spettano , opensource o no.
        • mythsmith scrive:
          Re: Poveri muli
          Chi sviluppa per anni e da via gratis (codice incluso), ad esempio, l'unica degna alternativa a microsoft office è uno speculatore? O la più diffusa ed avanzata macchina virtuale mutlipiattaforma?Ce ne fossero di speculatori così...!
    • gnurant scrive:
      Re: Poveri muli
      - Scritto da: Fairth
      Chissà quanti muli open source avranno lavorato
      aggratiss giorno e notte in questo progetto
      convinti di poter salvare il mondo e avere un
      posto d'onore nei libri di storia...
      sessè...ma azzo dicihai dei numeri dei datia me risulta che Mysql assumesse i suoi dipendenti con regolare contratto
      1 miliardo di dollari! (ovvero oltre 1500
      miliardi delle vecchie
      lire)

      Ma vi rendete conto? Molte persone saranno
      diventate ultra milionarie per "amore dell'open
      source", ma tra queste non credo proprio ci siano
      i tanti muli di tutto il mondo che hanno
      contribuito al
      progetto.ma metti un link, postaci qualche news
      Questo spiega il motivo per cui molte aziendastre
      si gettano nell'open source a capofitto, ma la
      pacchia finirà, è questione di
      tempo.MySql rapresenta l'esatto contrario di quello che vai scrivendo, ma mi sa che per te e' difficile capirlo.
      • Denis scrive:
        Re: Poveri muli
        probabilemente la sua aziendona e' fallita a causa di qualche "aziendastra".. il modello open source e' vincente per definizione, accoglie piu' mani di un closed, ed e' molto piu' flessibile anche per l'end user!
    • gnurant scrive:
      Re: Poveri muli
      - Scritto da: Fairth
      Chissà quanti muli open source avranno lavorato
      aggratiss giorno e notte in questo progetto
      convinti di poter salvare il mondo e avere un
      posto d'onore nei libri di storia...
      sessè...eccoli qui: http://dev.mysql.com/tech-resources/interviews/
  • ---- scrive:
    Macché miliardo di dollari di investimen
    ...Il miliardo di dollari è quanto pagato da SUN per acquisire la società e pertanto va agli azionisti di MySQL AB.Poi gli investimenti sono un'altra cosa...
  • rotfl scrive:
    1 miliardo di dollari
    :| :|
  • Alex scrive:
    Fantastico!
    WOW! :)
  • Miss K Lorina scrive:
    Il titolo è obbligatorio...
    Non credo Sun abbia acquisito MySQL AB per chiuderla e buttare così un miliardo di dollari. Anche perché non mi sembra Sun abbia dei prodotti in concorrenza con quelli di MySQL AB.Penso piuttosto che volessero entrare in un mercato in cui ancora non avevano mosso piede.Infine vista la recente politica di Sun riguardo all'Open Source mi sembra che si possa stare abbastanza tranquilli.L'unica cosa che mi da pensiero è che Sun inizia (o torna) ad avere qualche punto di contrasto nel mercato server con Linux e quindi con quelle società come RedHat che su Linux fondano la loro esistenza, ma troverei molto stupido da parte di Sun creare problemi a Linux con i software che sviluppa per spingere il mercato dalla sua parte.Alla fin fine Linux è solo un kernel, tutto il resto del software Open Source incluso in una qualsiasi distribuzione è sufficientemente indipendente da poter girare su qualsiasi piattaforma unix-like.
  • Amhul scrive:
    NO!
    ODDIOe ora?????
    • eaman1 scrive:
      Re: NO!
      Postgresql, come da anni.
    • Massimo scrive:
      Re: NO!
      E ora ancora di + MySQL!!!Non solo non cambiera' nulla nella strategia della dual-licence (GPL+commerciale) ma il prodotto potra' beneficiare di nuove risorse economiche per accelerare lo sviluppo. Gli utenti non potranno che avere benefici e i clienti potranno dormire sonni tranquilli grazie alla stabilita' e solidita' di SUN.
      • ---- scrive:
        Re: NO!
        Siedi nel consiglio di amministrazione di Sun per sapere tutto ciò??- Scritto da: Massimo
        E ora ancora di + MySQL!!!

        Non solo non cambiera' nulla nella strategia
        della dual-licence (GPL+commerciale) ma il
        prodotto potra' beneficiare di nuove risorse
        economiche per accelerare lo sviluppo. Gli utenti
        non potranno che avere benefici e i clienti
        potranno dormire sonni tranquilli grazie alla
        stabilita' e solidita' di
        SUN.
    • pinco pallone scrive:
      Re: NO!
      - Scritto da: Amhul
      ODDIO
      e ora?????Arrivano le marmotte
Chiudi i commenti